Football League Championship

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Football League Championship
Altri nomiSecond Division
SportFootball pictogram.svg Calcio
FederazioneFA
PaeseInghilterra Inghilterra
OrganizzatoreFootball League
CadenzaAnnuale
AperturaAgosto
ChiusuraMaggio
Partecipanti24 squadre
FormulaGirone all'italiana+play-off
Promozione inPremier League
Retrocessione inFootball League One
Sito Internetfootball-league.co.uk
Storia
Fondazione1892 (2004 col nome attuale)
Numero edizioni116
DetentoreLeeds Utd
Record vittorieManchester City (7)
Leicester City (7)
Edizione in corsoFootball League Championship 2020-2021
Football league championship cup.svg
Trofeo o riconoscimento

La Football League Championship, nota anche come Sky Bet Championship per motivi di sponsorizzazione, è la seconda divisione del campionato di calcio inglese. Rappresenta il massimo livello della Football League, dato che la Premier League (prima divisione inglese) non ne fa parte.

Il Championship è il campionato di seconda divisione più ricco d'Europa e, più in generale, figura al 6º posto tra tutti i tornei del vecchio continente in questa speciale classifica.[1] Al 2019 mantiene il primato economico tra le serie cadette, ma è sceso al 7º posto tra tutti i campionati europei, superato dalla Primeira Liga portoghese.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'attuale denominazione venne introdotta a partire dalla stagione 2004-2005 per sostituire quella transitoria di First Division, a sua volta usata al posto di quella classica di Second Division dal 1992, anno di nascita della Premier League.

La Second Division fu inaugurata nel 1892, quando i membri della disciolta Football Alliance furono accolti nella Football League. In due stagioni fu portata da 12 a 16 squadre, divenute 18 nel 1898 e 20 nel 1905. In origine lo scambio con la First Division era subordinato a dei test match ma, in seguito ad accuse di combine nel 1898, fu deciso un normale meccanismo di promozione e retrocessione per due posti. Dopo la guerra, il torneo passò a 22 squadre e fu stabilita la retrocessione di due società nella nuova Third Division. Per mezzo secolo la formula rimase invariata, finché nel 1974 fu vivacizzata portando a tre le ascese e le discese. L’attuale regolamento è del 1988, con l’espansione a 24 formazioni e l'introduzione dei play-off.

Il campionato 2019-2020, così come per il resto delle competizioni sportive mondiali (salvo rare eccezioni), è stato sospeso per più di tre mesi causa pandemia di COVID-19, precisamente dall'8 marzo al 20 giugno 2020. Tutte le partite restanti disputate dopo lo stop forzato si sono giocate a porte chiuse; inoltre, per la prima volta, il campionato si è disputato fino al mese di luglio inoltrato, terminando il 22 del mese.

Formula[modifica | modifica wikitesto]

Si gioca un campionato di 24 squadre, ognuna delle quali disputa 46 partite in totale. Le prime due squadre sono promosse direttamente in Premier League, insieme alla vincitrice dei play-off delle squadre dalla terza alla sesta posizione. Le ultime tre squadre sono invece retrocesse direttamente in Football League One, terza divisione inglese.

A parità di punteggio le squadre sono classificate secondo i seguenti criteri:

  1. differenza reti
  2. numero di reti segnate
  3. classifica avulsa
  4. incontro di spareggio

Diritti televisivi[modifica | modifica wikitesto]

I diritti televisivi per la Football League Championship sono attualmente posseduti da Sky Sports. Gli highlights degli incontri del Championship ed i gol dei match di League One e League Two vengono mostrati da ITV. La BBC mostra dieci incontri live a stagione e gli highlights di tutti i match. In Australia, Fox Sports mostra in diretta tutti i match del Championship ogni fine settimana e gli highlights ogni martedì sera.

Le stazioni radio locali spesso offrono la copertura radiofonica delle squadre della loro zona in ogni incontro. La BBC Sports possiede diritti nazionali esclusivi per trasmettere gli incontri del Championship in diretta nell'intero Regno Unito; molti incontri sono commentati dalle radio locali della BBC nelle rispettive zone dei vari team, mentre alcuni titoli vengono trasmessi sulle stazioni radio nazionali. Molti incontri sono anche trasmessi on-line, sul sito della BBC. In Italia, il canale Sportitalia ha avuto l'esclusiva per trasmettere le partite e le sintesi della seconda divisione inglese tra il 2005 ed il 2012. Dalla stagione 2012-2013 l'emittente italiana ha sostituito il Championship con la Ligue 1, lasciando l'Italia senza copertura televisiva per questo campionato. Nella stagione 2015-2016 il Championship è tornato nuovamente in Italia, questa volta trasmesso da Gazzetta TV. Dopo la chiusura del canale della rosea, i diritti della competizione sono stati acquistati da Sky Sport. Nella stagione 2018-2019 il campionato torna a essere trasmesso in Italia; infatti i diritti sono stati acquistati dalla piattaforma DAZN.

Squadre[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Classifica perpetua della Second Division inglese di calcio.

Sono 106 le squadre che hanno preso parte ad almeno uno dei 117 campionati inglesi di seconda divisione (Second Division, First Division e Football League Championship) disputati dal 1892 ad oggi, anche se nessuno di essi ha preso parte a tutte le edizioni del torneo. Dal 1915 al 1919 e, di nuovo, dal 1939 al 1946 il campionato venne sospeso a causa della Prima guerra mondiale e della Seconda guerra mondiale. In grassetto sono le squadre che attualmente militano nella Football League Championship 2020-2021.

Stagione 2020-2021[modifica | modifica wikitesto]

Squadra Città Stadio Allenatore Stagione 2019-2020
Barnsley Barnsley Oakwell Stadium Francia Valérien Ismaël 21° in Football League Championship
Birmingham City Birmingham St Andrew's Stadium Inghilterra Lee Bowyer 20° in Football League Championship
Blackburn Blackburn Ewood Park Inghilterra Tony Mowbray 11° in Football League Championship
Bournemouth Bournemouth Dean Court Inghilterra Jonathan Woodgate 18° in Premier League
Brentford Londra Griffin Park Danimarca Thomas Frank 3° in Football League Championship
Bristol City Bristol Ashton Gate Stadium Inghilterra Nigel Pearson 12° in Football League Championship
Cardiff City Cardiff Cardiff City Stadium Irlanda Mick McCarthy 5° in Football League Championship
Coventry City Coventry Ricoh Arena Inghilterra Mark Robins 1° in Football League One
Derby County Derby Pride Park Stadium Inghilterra Wayne Rooney 10° in Football League Championship
Huddersfield Town Huddersfield John Smith's Stadium Spagna Carlos Corberán 18° in Football League Championship
Luton Town Luton Kenilworth Road Galles Nathan Jones 19° in Football League Championship
Middlesbrough Middlesbrough Riverside Stadium Inghilterra Neil Warnock 17° in Football League Championship
Millwall Londra The Den Inghilterra Gary Rowett 8° in Football League Championship
Norwich City Norwich Carrow Road Germania Daniel Farke 20° in Premier League
Nottingham Forest Nottingham City Ground Irlanda Chris Hughton 7° in Football League Championship
Preston N.E. Preston Deepdale Scozia Alex Neil 9° in Football League Championship
QPR Londra Loftus Road Inghilterra Mark Warburton 13° in Football League Championship
Reading Reading Madejski Stadium Serbia Veljko Paunović 14° in Football League Championship
Rotherham Utd Rotherham New York Stadium Inghilterra Paul Warne 2° in Football League One
Sheffield Wednesday Sheffield Hillsborough Stadium Giamaica Darren Moore 16° in Football League Championship
Stoke City Stoke-on-Trent Bet365 Stadium Irlanda del Nord Michael O'Neill 15° in Football League Championship
Swansea City Swansea Liberty Stadium Galles Steve Cooper 6° in Football League Championship
Watford Watford Vicarage Road Spagna Xisco 20° in Premier League
Wycombe High Wycombe Adams Park Inghilterra Gareth Ainsworth 3° in Football League One

Albo d'oro[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Albo d'oro della Football League Championship.
Stagione Vincitore 2º classificato Vincitore dei play-off Capocannoniere
2004-2005 Sunderland Wigan West Ham (6°) Nathan Ellington (Wigan)
2005-2006 Reading Sheffield Utd Watford (3°) Marlon King (Watford)
2006-2007 Sunderland Birmingham City Derby County (3°) Jamie Cureton (Colchester)
2007-2008 West Bromwich Stoke City Hull City (3°) Sylvan Ebanks-Blake (Wolverhampton)
2008-2009 Wolverhampton Birmingham City Burnley (5°) Sylvan Ebanks-Blake (Wolverhampton)
2009-2010 Newcastle Utd West Bromwich Blackpool (6°) Peter Whittingham (Cardiff City)
2010-2011 QPR Norwich City Swansea City (3°) Danny Graham (Watford)
2011-2012 Reading Southampton West Ham (3°) Rickie Lambert (Southampton)
2012-2013 Cardiff City Hull City Crystal Palace (5°) Glenn Murray (Crystal Palace)
2013-2014 Leicester City Burnley QPR (4°) Ross McCormack (Leeds United)
2014-2015 Bournemouth Watford Norwich City (3°) Daryl Murphy (Ipswich Town)
2015-2016 Burnley Middlesbrough Hull City (4°) Andre Gray (Burnley)
2016-2017 Newcastle Utd Brighton Huddersfield Town (5°) Chris Wood (Leeds United)
2017-2018 Wolverhampton Cardiff City Fulham (3°) Matěj Vydra (Derby County)
2018-2019 Norwich City Sheffield Utd Aston Villa (5°) Teemu Pukki (Norwich City)
2019-2020 Leeds Utd West Bromwich Fulham (4°) Aleksandar Mitrović (Fulham)

Vittorie per squadra[modifica | modifica wikitesto]

Squadra Vittorie Stagione
Sunderland 2 2004-2005, 2006-2007
Reading 2 2005-2006, 2011-2012
Newcastle Utd 2 2009-2010, 2016-2017
Wolverhampton 2 2008-2009, 2017-2018
West Bromwich 1 2007-2008
QPR 1 2010-2011
Cardiff City 1 2012-2013
Leicester City 1 2013-2014
Bournemouth 1 2014-2015
Burnley 1 2015-2016
Norwich City 1 2018-2019
Leeds Utd 1 2019-2020

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

La stagione 2004-2005 della Football League Championship, la prima nella storia della competizione, ebbe un afflusso di pubblico di 9,6 milioni, cosa che lo rese il quinto campionato al mondo per numero di spettatori, dopo la Premier League inglese, la Primera División spagnola, la Bundesliga tedesca e la Serie A italiana; tuttavia superò quest'ultima se si contano anche i 200.000 spettatori dei play-off.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Cumulative revenue of Europe's 'big five' leagues grew by 5% in 2012/13 to €9.8 billion, su deloitte.com, Deloitte Touche Tohmatsu Limited. URL consultato il 5 agosto 2015.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio