Cardiff City Football Club

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cardiff City F.C.
Calcio Football pictogram.svg
The Bluebirds (Gli uccelli blu)
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Trasferta
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Terza divisa
Colori sociali Blu.png Blu
Simboli Un uccellino blu
Dati societari
Città Cardiff
Nazione Galles Galles
Confederazione UEFA
Federazione Flag of England.svg FA
Campionato Football League Championship
Fondazione 1899
Proprietario Malesia Vincent Tan
Presidente Turchia Inghilterra Mehmet Dalman
Allenatore Inghilterra Neil Warnock
Stadio Cardiff City Stadium
(26.828 posti)
Sito web www.cardiffcityfc.premiumtv.co.uk
Palmarès
FA Cup Community Shield
Coppe d'Inghilterra 1
Charity/Community Shield 1
Soccerball current event.svg Stagione in corso
Si invita a seguire il modello di voce

Il Cardiff City Football Club (Clwb Pêl-droed Dinas Caerdydd in gallese), noto semplicemente come Cardiff City, è una società calcistica gallese con sede nella città di Cardiff che, tuttavia, milita da lungo tempo nel sistema calcistico inglese. Attualmente milita nel Championship, la seconda divisione del campionato inglese di calcio.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Lo stemma utilizzato fino al 2012.

Fondato nel 1899 come Riverside AFC, nel 1912 vinse per la prima volta la Coppa del Galles. Nel 1920 venne ammesso alla Football League, in Second Division, dal momento che il campionato di calcio gallese è nato solo nel 1992 (in precedenza tutte le squadre gallesi partecipavano a quello inglese). Nella prima stagione il Cardiff si mette subito in ottima luce, arrivando secondo in campionato, conquistando così la promozione in First Division e arrivando in semifinale di FA Cup.

L'impatto con la prima divisione inglese fu ottimo, con un quarto posto nel 1922 e un nono nel 1923; fu tuttavia nel 1924 che arrivò il massimo risultato di una squadra gallese nel campionato inglese, con il secondo posto a pari punti dell'Huddersfield Town F.C., perdendo il titolo solo per il peggior quoziente reti (a parità di differenza reti) con la squadra inglese.

Dopo di allora il Cardiff non ottenne altri risultati eccellenti in campionato arrivando però alla finale di FA Cup nel 1925, competizione poi vinta nel 1927, unica squadra non inglese nella storia ad essersi aggiudicato il prestigioso trofeo. Nello stesso anno vinse anche il Charity Shield. Nel frattempo continuò anche a giocare nella Coppa di Galles, vincendola per ben 5 volte negli anni venti.

Retrocesso in Second Division nel 1929, sprofondò addirittura in Third Division con l'ultimo posto nel 1931. Risalito fra i cadetti solo nel 1947, tornò in prima divisione con il secondo posto in campionato nel 1952.

Giocò l'ultima stagione in prima divisione nel 1962, tuttavia arrivò a giocare la semifinale di Coppa delle Coppe nel 1968 in virtù della vittoria in Coppa del Galles.

Dopo quest'ultimo exploit, addirittura a livello internazionale, la squadra sprofondò fino in Fourth Division negli anni ottanta e novanta, mentre attualmente è risalita fino a disputare il Football League Championship.

Nel 1993 ha vinto la sua ventiduesima e ultima Coppa del Galles, dalla quale è escluso dal 1995 in quanto non partecipa al campionato di calcio gallese. Ha vinto nel 2002 la FAW Premier Cup, competizione riservata a quelle squadre gallesi che giocano invece nel campionato inglese e alle migliori squadre gallesi di campionato e coppa.

Nella stagione 2007-2008 ha conquistato dopo 81 anni l'accesso alla finale di FA Cup, dove è stata battuta per 1-0 dal Portsmouth. Nella stagione 2009-2010 sfiora la promozione in Premier League, perdendo la finale dei playoff contro il Blackpool per 3-2.

Nella stagione 2011-2012, militando in Championship, ha raggiunto la finale di Coppa di Lega inglese, eliminando dal torneo il Blackburn, squadra della Premier League, tre compagini di pari categoria e due di categorie inferiori. Nella finale giocata a Wembley contro il Liverpool, riesce a terminare la partita sul 2-2 (dopo i tempi supplementari); ai calci di rigore i Bluebirds vengono però sconfitti dalla formazione del Merseyside. Al termine della stagione accede, grazie al sesto posto in campionato, ai play-off valevoli per l'accesso alla Premier League, nei quali però viene eliminato in semifinale dal West Ham.

Nella stagione 2012-2013 riesce a conquistare la promozione in Premier League con alcune giornate di anticipo, grazie al primo posto ottenuto nel Championship. Torna così a giocare in massima serie, a 51 anni di distanza dall'ultima volta.

Nella stagione successiva si piazza all'ultimo posto in Premier League, tornando così nel Championship dopo un solo anno.

Non avendo mai disputato il campionato di calcio gallese, il Cardiff non ha mai rappresentato il Galles né nella Coppa dei Campioni né nella Champions League. Per le numerose vittorie in Coppa del Galles ha invece partecipato a 14 edizioni della Coppa delle Coppe (record assoluto), di cui 5 consecutive (dalla stagione 1967-1968 a quella 1971-1972, record condiviso coi finlandesi del Lahden Reipas). Il risultato migliore ottenuto in tale competizione è stata la semifinale disputata nella stagione 1967-1968.[1]

Cronistoria[modifica | modifica wikitesto]

Cronistoria del Cardiff City
  • 1899 - Fondazione ufficiale del club come Riverside AFC.
  • 1910 - L'esordio in campionati ufficiali avviene nel 1910 nella Southern Football League.










Colori e simboli[modifica | modifica wikitesto]

Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Il Cardiff City ha indossato il blu dal 1908 fino al 2012 e di nuovo dal 2015.

Nel giugno 2012, il nuovo proprietario malese Vincent Tan impone un cambio ai colori sociali del Cardiff, che dal blu passano al rosso. Il cambio viene giustificato secondo esigenze di marketing. Con l'azione si vuole allargare il bacino dei tifosi dalla sola città di Cardiff a tutto il Galles: il rosso è infatti il colore tipico della nazione gallese e del drago "Y Ddraig Goch". Il drago ed il rosso vengono considerati simboli fortunati nel mondo orientale, ed utilizzarli significa maggiore possibilità di vendita del merchandising in quei paesi.[2]

Questo cambiamento è stato osteggiato sia dai sostenitori dei Bluebirds sia da quelli dello Swansea (altra squadra, militante in Premier League, che rappresenta il Galles)[3]. Ciò nonostante il cambio di colore è stato approvato per la stagione 2012-2013, ed il blu, che ha contraddistinto il Cardiff fin dalla sua fondazione nel 1908, è stato relegato alla sola divisa da trasferta[4].

Tuttavia durante la stagione 2014-2015 si è assistito ad un nuovo cambio di rotta da parte della proprietà malese che ha deciso di ripristinare il blu come colore principale della divisa casalinga, relegando il rosso a quello del secondo completo; inoltre è stato annunciato il ritorno del Bluebird all'interno dello stemma societario.[5]

Rosa 2017-2018[modifica | modifica wikitesto]

N. Ruolo Giocatore
1 Irlanda del Nord D Lee Camp
2 Inghilterra D Lee Peltier
3 Inghilterra D Joe Bennett
4 Inghilterra D Sean Morrison
5 Gabon D Bruno Ecuele Manga
6 Galles D Jazz Richards
7 Inghilterra A Lee Tomlin
8 Inghilterra C Joe Ralls
9 Inghilterra A Danny Ward
10 Danimarca A Kenneth Zohore
11 Inghilterra C Craig Noone
13 Irlanda C Anthony Pilkington
14 Costa d'Avorio D Souleymane Bamba
15 Inghilterra D Greg Halford
N. Ruolo Giocatore
16 Inghilterra D Matthew Connolly
17 Islanda C Aron Gunnarsson
18 Scozia D Callum Paterson
19 Inghilterra C Nathaniel Mendez-Laing
20 Francia C Loïc Damour
25 Filippine P Neil Etheridge
26 Benin A Frédéric Gounongbe
28 Irlanda P Brian Murphy
29 Venezuela D Rolf Feltscher
30 Inghilterra A Omar Bogle
33 Canada A David Hoilett
37 Inghilterra A Rhys Healey

Rosa 2016-2017[modifica | modifica wikitesto]

N. Ruolo Giocatore
2 Inghilterra D Lee Peltier
3 Inghilterra D Joe Bennett
4 Inghilterra D Sean Morrison
5 Gabon D Bruno Ecuele Manga
6 Galles D Jazz Richards
7 Inghilterra C Peter Whittingham
8 Inghilterra C Joe Ralls
9 Benin A Frédéric Gounongbe
11 Inghilterra C Craig Noone
12 Galles D Declan John
13 Irlanda C Anthony Pilkington
14 Costa d'Avorio D Souleymane Bamba
15 Inghilterra D Greg Halford
N. Ruolo Giocatore
16 Inghilterra D Matthew Connolly
17 Islanda C Aron Gunnarsson
19 Inghilterra A Rickie Lambert
21 Inghilterra P Ben Amos
22 Inghilterra C Stuart O'Keefe
23 Scozia C Matthew Kennedy
24 Inghilterra C Kadeem Harris
25 Galles C Emyr Huws
26 Danimarca A Kenneth Zohore
28 Irlanda P Brian Murphy
29 Nigeria D Semi Ajayi
30 Inghilterra P Ben Wilson
33 Canada A David Hoilett

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

1926-1927
1927
  • Division Two Play-Off Winners
2002-2003
1946-1947
1992-1993
1911-1912, 1919-1920, 1921-1922, 1922-1923, 1926-1927, 1927-1928, 1929-1930, 1955-1956, 1958-1959, 1963-1964, 1964-1965, 1966-1967, 1967-1968, 1968-1969, 1969-1970, 1970-1971, 1972-1973, 1973-1974, 1975-1976, 1987-1988, 1991-1992, 1992-1993
2001-2002
  • Southern Football League
1912-1913 (2ª Divisione)
  • Centenary Cup
1999
  • Algarve Challenge Cup
2008
  • VansDirect Cup
2008 (condiviso)

Altri piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

Finalista: 1924-1925, 2007-2008
Semifinalista: 1920-1921
Finalista: 2011-2012
Semifinalista: 1967-1968

Giocatori celebri[modifica | modifica wikitesto]

Arrows-folder-categorize.svg Le singole voci sono elencate nella Categoria:Calciatori del Cardiff City F.C.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Allenatori[modifica | modifica wikitesto]

   

Stadio[modifica | modifica wikitesto]

Il Ninian Park[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Ninian Park.
L'interno del Ninian Park

Il primo stadio del Cardiff City fu il "Sophia Gardens" un parco dove giocarono dalla loro fondazione risalente al 1899 fino al 1910 quando, a causa delle scarse condizioni strutturali del campo e del sempre crescente numero di sostenitori, Bartley Wilson contattò Bute Estate, che controllava buona parte del territorio di Cardiff ai tempi, affinché venisse trovato il giusto luogo per costruire il nuovo stadio. Lo trovarono inizialmente in Sloper Road, territorio che inizialmente doveva ospitare una discarica e che richiedeva un intenso lavoro per rendere il territorio compatibile allo scopo di costruirci un campo da calcio sopra, ma con l'assistenza della Cardiff Corporation e di volontari il lavoro venne completato. Lo stadio venne inizialmente chiamato Sloper Park ma fu poi nominato in onore di Lord Ninian Crichton-Stuart, che diede in grande aiuto finanziario nella costruzione di quest'ultimo, e così diventò Ninian Park.

Il record di spettatori è di ben 57.893 tifosi, che vennero raggiunti in un match di campionato contro l'Arsenal il 22 aprile 1953. Il record è imbattuto da più di cinquant'anni e sarà impossibile batterlo dato che durante gli anni settanta ed ottanta a causa dei ridimensionamenti per la sicurezza, dopo gli incidenti dell'Heysel e di Hillsborough, lo stadio vide ridurre la sua capacità a soli 22.000 posti.

Il nuovo stadio[modifica | modifica wikitesto]

L'interno del nuovo stadio del Cardiff City

Nel giugno 2009, la città di Cardiff completò un nuovo stadio da 26.500 posti a sedere sul sito dell'ormai demolito "Cardiff Athletics Stadium". I lavori per il nuovo Cardiff International Sports Stadium cominciarono nel gennaio 2007, questi terminarono ufficialmente nel gennaio 2009, contando esattamente due anni di lavoro. Il nuovo stadio, nominato "Cardiff City Stadium", aprì le porte ai tifosi nel luglio 2009. Questo è dopo il più celebre Millennium Stadium il secondo "ground" più grande di tutto il Galles. Per festeggiare l'inaugurazione del nuovo stadio il Cardiff giocò due amichevoli di lusso, la prima contro gli scozzesi del Celtic il 22 luglio 2009, la seconda il primo di agosto contro gli spagnoli del Valencia. La prima partita di campionato giocata l'8 agosto 2009 contro lo Scunthorpe United, vide il Cardiff vincere per 4-0. Il primo incontro di Carling Cup venne giocato l'11 agosto 2009 contro il Dagenham & Redbridge dove i Bluebirds si imposero per 3-1.

Tifosi[modifica | modifica wikitesto]

Nero Rosso e Nero.png
Rivalità

Le rivalità principali del Cardiff City in questi ultimi 25 anni hanno coinvolto principalmente le "cugine" gallesi del Newport County e lo Swansea che giocano nella federazione calcistica inglese; nell'aprile 2006 i rapporti tra tifosi del Cardiff e dello Swansea non furono aiutati dalla vittoria dello Swansea della finale di Football League Trophy contro il Carlisle United per 2-1 nel Millennium Stadium di Cardiff. Durante le celebrazioni, Lee Trundle e Alan Tate mostrarono una bandiera gallese, con sopra scritte oscenità anti-Cardiff; Trundle inoltre vestì una T-shirt con sopra un'immagine di un giocatore dello Swansea che urinava su una maglia del Cardiff City. La Football Association of Wales (FAW) disse che le immagini delle celebrazioni, effettuate il 2 aprile al Millennium Stadium di Cardiff, furono "estremamente offensive e del tutto inaccettabili". Dopo la sentenza della commissione di inchiesta i due giocatori in questione vennero arrestati dalla Polizia per pubbliche offese, multati per £2 000, e squalificati per una giornata. Lee Trundle ora gioca per i rivali del Cardiff, il Bristol City. Le rivalità con il Wolverhampton, sono nate dopo scontri violenti, nelle stagioni passate, che portarono a 17 arresti.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Cup Winner's Cup Trivia (en) Rsssf.com
  2. ^ (en) Bluebirds Cardiff turn red after all
  3. ^ (en) BBC- Cardiff City FC drop plan for red shirts instead of blue
  4. ^ (en) BBC- Cardiff City FC owner on changing club colours to red
  5. ^ Il Cardiff City torna al blu, quando la tradizione batte il marketing, passionemaglie.it

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]