Coventry City Football Club

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Coventry City FC
Calcio Football pictogram.svg
Coventry-City.png
The Sky Blues
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali 600px Celeste Bianco e Blu (Strisce).svg Azzurro
Simboli Elefante
Inno The Sky Blue Song
Dati societari
Città Coventry
Nazione Inghilterra Inghilterra
Confederazione UEFA
Federazione Flag of England.svg FA
Campionato Football League One
Fondazione 1883
Proprietario Inghilterra Otium Entertainment Group
Presidente Inghilterra Tim Fisher
Allenatore Inghilterra Mark Venus (interim)
Stadio St Andrew's
(30.009 posti)
Sito web www.ccfc.co.uk
Palmarès
FA Cup
Coppe d'Inghilterra 1
Si invita a seguire il modello di voce

Il Coventry City Football Club, meglio noto come Coventry City, è una società calcistica inglese della città di Coventry.

Milita dal 2018 nella terza divisione inglese, la Football League One.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Fondata nel 1883 come Singer F.C. da lavoratori della omonima casa automobilistica inglese[1], la squadra disputò principalmente partite amatoriali nei primi anni della sua storia, divenendo una club professionistico solo nel 1892. Trasferitasi nello storico stadio di Highfield Road nel 1899, assunse il nome di Coventry City Football Club nel 1898[2] e continuò la propria attività sportiva nelle divisioni locali e regionali, prima di essere ammessa ammessa alla Football League solo dopo la prima guerra mondiale, esordendo nella nella Second Division solo nel 1919.

La prima stagione nella lega nazionale fu decisamente travagliata, e la retrocessione fu evitata in modo rocambolesco grazie alle due vittorie ottenute in altrettante gare contro il Bury F.C.. Tre anni dopo, nel 1923, il presidente del club e altri dirigenti furono tuttavia squalificati a vita dalla Football Association con l'accusa di aver combinato i risultati di quegli incontri decisivi[3]. Nella stessa stagione, il team stabilì il record negativo, ancora imbattuto, di 997 minuti senza segnare una rete[4].

Retrocesso in Third Division nel 1925, il Coventry riuscì a riguadagnare la categoria solo dopo dieci anni. Dopo la seconda guerra mondiale, il club subì tuttavia una nuova retrocessione in terza serie, che avviò un periodo privo di gloria per la squadra, scesa addirittura in Fourth Division nel 1958.

La permanenza in quarta divisione fu tuttavia di breve durata: dopo solo un anno la squadra fu promossa nuovamente in Third Division e, nel 1964 tornò nella serie cadetta della piramide calcistica inglese, dodici anni dopo l'ultima apparizione. Pochi anni dopo la vittoria del campionato nel 1967 consentì agli Sky Blues di esordire nella massima categoria calcistica nazionale, a più di settant'anni dalla fondazione del club[5].

Dopo il raggiungimento del sesto posto in campionato[6] (tutt'ora la migliore posizione raggiunta dal club) nel 1970, il Coventry ottenne il diritto di partecipare per la prima (e finora unica) volta, l'anno successivo, ad una competizione ufficiale europea, la Coppa delle Fiere, venendo eliminato ai sedicesimi di finale dal Bayern Monaco dopo il passaggio del primo turno eliminatorio[7].

Negli anni successivi il gli Sky Blues riuscirono sempre a mantenere la categoria, occupando quasi stabilmente la parte destra della classifica (eccettuato il settimo posto della stagione 1977-78. Con il passare delle stagioni, la squadra si confermò una presenza regolare nella massima serie inglese, riuscendo a conquistare il suo primo trofeo nazionale nel 1987, con la vittoria della FA Cup, imponendosi per 3-2 contro il Tottenham nella finale di Wembley[8].

Nel 1992 il club è stato fra i membri fondatori della neonata Premier League[9]. Ha partecipato ininterrottamente al massimo campionato inglese fino al 2000-01, anno nel quale è retrocesso in seconda serie dopo 34 anni[10].

La discesa in First Division (poi Football League Championship) aprì un periodo difficile per la squadra, che negli anni successivi non riuscì mai ad imporsi come una pretendente per la promozione e nel 2012 sperimentò nuovamente dopo quasi cinquant'anni la discesa in terza divisione (ora denominata Football League One). La stagione 2016-17 vide il Coventry sprofondare addirittura in Football League Two (la quarta divisione inglese), raggiungendo il punto più basso della propria storia dal 1959[11] (nonostante nella stessa stagione la squadra abbia conquistato il suo secondo trofeo nazionale, l'English Football League Trophy[12].

La vittoria nei play-off promozione nel 2018[13] ha consentito agli Sky Blues di restare solamente un anno in Football League Two. Dopo aver concluso la stagione 2018-2019 ottenendo come piazzamento finale un buon ottavo posto, nella stagione successiva il Coventry riesce a fare ancora meglio, in quanto gli Sky Blues centrano la promozione in Championship da vincitori del campionato di League One.

Cronistoria[modifica | modifica wikitesto]

Cronistoria del Coventry City Football Club
  • - Nel 1883 nasce il Singers FC.
  • - Nel 1898 assume la denominazione odierna di Coventry City Football Club.
  • - Tra il 1895 al 1908 partecipa solo alla FA Cup.
  • 1908-09 - 20° in Southern League Division One.
  • 1909-10 - 8° in Southern League Division One.







Sedicesimi di finale in Coppa delle Fiere.

Semifinalista in Coppa di Lega.
FA Cup.png Vince la FA Cup (1º titolo).
Finalista in Charity Shield
Semifinalista in Full Members Cup
Semifinalista in Coppa di Lega.



Vince la English Football League Trophy (1º titolo).

Promosso in Championship

Colori e simboli[modifica | modifica wikitesto]

Colori[modifica | modifica wikitesto]

Alla sua fondazione come Singers F.C. il club indossava una divisa blu e rosa. Col tempo sono stati numerosi gli accostamenti cromatici scelti dalla squadra, dal rosso-nero usato negli anni 1890, al rosso-verde, richiamante i colori dello stemma cittadino, dei primi anni '20[2]. L'attuale colore celeste che da il soprannome ai tifosi è stato adottato in via regolare dalla seconda metà degli anni '20 e da allora contraddistingue, con diverse variazioni di accostamento, il club.

Stemma[modifica | modifica wikitesto]

Lo stemma del club si ispira a quello della città di Coventry, riprendendone alcuni elementi fondamentali quali il grifone, la viverna e l'elefante, simbolo quest'ultimo che appare in posizione centrale e che è considerato distintivo della squadra[14].

Stadio[modifica | modifica wikitesto]

Il club ha utilizzato lo storico stadio di Highfield Road come sede delle proprie partite casalinghe fin dal 1899. L'impianto, il primo in Inghilterra ad essere stato dotato interamente di seggiolini sugli spalti nel 1981[15], è stato demolito nel 2006[5]. Da quella data il Coventry si è trasferito alla locale Ricoh Arena fino al 2013, quando a causa di motivazioni di ordine economico ha siglato un contratto con il Northampton Town per disputare le partite casalinghe al Sixfields Stadium di Northampton[16]. Tornata nell'impianto della propria città al termine della stagione 2013-14, la squadra si è trasferita nuovamente per la stagione 2019-20, durante la quale gioca i match casalinghi allo stadio St Andrew's di Birmingham[17]. La scelta, dettata da un mancato accordo raggiunto con i concittadini del Wasps Rugby, è stata molto contestata dai tifosi[18].

Allenatori[modifica | modifica wikitesto]

Arrows-folder-categorize.svg Le singole voci sono elencate nella Categoria:Allenatori del Coventry City F.C.

Giocatori[modifica | modifica wikitesto]

Arrows-folder-categorize.svg Le singole voci sono elencate nella Categoria:Calciatori del Coventry City F.C.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

1986-1987
2016-2017
1966-1967
1963-1964
1935-1936
2019-2020

Competizioni giovanili[modifica | modifica wikitesto]

1986-1987

Altri piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

Semifinalista: 1980-1981, 1989-1990
Finalista: 1987
Semifinalista: 1987-1988
Terzo posto: 1965-1966
Secondo posto: 1933-1934
Terzo posto: 1934-1935
Secondo posto: 1958-1959
Vittoria play-off: 2017-2018
Semifinalista: 2012-2013

Tifoseria[modifica | modifica wikitesto]

Gemellaggi e rivalità[modifica | modifica wikitesto]

Le rivalità tradizionalmente più sentite fra la tifoseria Sky Blue sono quelle con l'Aston Villa e il Leicester City, originate principalmente da ragioni geografiche (le due località distano infatti poco più di mezz'ora di auto da Coventry)[19][20].

Rosa 2019-2020[modifica | modifica wikitesto]

Aggiornata al 9 novembre 2019

N. Ruolo Giocatore
1 Slovacchia P Marko Marosi
2 Inghilterra D Tennai Watson
3 Inghilterra D Brandon Mason
4 Scozia D Michael Rose
5 Inghilterra D Kyle McFadzean
6 Scozia C Liam Kelly Captain sports.svg
7 Inghilterra C Jodi Jones
8 Inghilterra C Jamie Allen
9 Francia A Maxime Biamou
10 Martinica A Wesley Jobello
11 Inghilterra C Jordy Hiwula
13 Inghilterra P Ben Wilson
15 Scozia D Dominic Hyam
N. Ruolo Giocatore
16 Inghilterra D Josh Pask
17 Inghilterra C Callum O'Hare
20 Inghilterra C Liam Walsh
21 Sierra Leone A Amadou Bakayoko
23 Inghilterra D Fankaty Dabo
24 Inghilterra A Matt Godden
25 Inghilterra C Zain Westbrooke
26 Irlanda C Jordan Shipley
27 Scozia C Jordan Young
31 Inghilterra D Sam McCallum
33 Curaçao C Gervane Kastaneer
34 Inghilterra P Corey Addai
44 Inghilterra D Charlie Wakefield

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Coventry City FC, su footballhistory.org. URL consultato il 10 maggio 2020.
  2. ^ a b (EN) Coventry City, su thebeautifulhistory.wordpress.com. URL consultato il 10 maggio 2020.
  3. ^ (EN) Blast From The Remote Past: On This Day 1920: CCFC Survive In What Became ‘The Bury Affair’, su ccfpa.co.uk, 1º maggio 2019. URL consultato il 10 maggio 2020.
  4. ^ (EN) Coventry City Football Club, su h2g2.com, 23 gennaio 2012. URL consultato il 10 maggio 2020.
  5. ^ a b (EN) Coventry City - A Brief History, su ccfc.co.uk. URL consultato il 10 maggio 2020.
  6. ^ (EN) A. Ellis, Where Are They Now? Coventry City’s UEFA Cup squad of 1970-71, su theleaguepaper.com, 6 settembre 2016. URL consultato il 10 maggio 2020.
  7. ^ (EN) European Blast From The Past: On This Day 1970- The Sky Blues beat Mighty Bayern Munich, su ccfpa.co.uk, 3 novembre 2018. URL consultato il 10 maggio 2020.
  8. ^ (EN) S. Pye, Network FA Cup How Coventry City shocked Tottenham Hotspur to win the 1987 FA Cup final, in The Guardian, 16 maggio 2014. URL consultato il 10 maggio 2020.
  9. ^ (EN) R. Croke, The 22 original Premier League teams: Where are they now?, in The Irish Times, 10 agosto 2017. URL consultato il 10 maggio 2020.
  10. ^ (EN) D. Trelford, So. Farewell then Coventry City, in The Telegraph, 6 maggio 2001. URL consultato il 10 maggio 2020.
  11. ^ (EN) Coventry relegated to League Two amid flying pigs protest against Charlton, in The Guardian, 14 aprile 2017. URL consultato il 10 maggio 2020.
  12. ^ (EN) J. Ashdown, George Thomas winner edges Coventry past Oxford to first trophy in 30 years, in The Guardian, 2 aprile 2017. URL consultato il 10 maggio 2020.
  13. ^ (EN) I. Winrow, Coventry beat Exeter in League Two play-off final to win first promotion in 51 years, in The Telegraph, 28 maggio 2018. URL consultato il 10 maggio 2020.
  14. ^ (EN) S. McGeady, Coventry City F.C., su thefootballcrestindex.com. URL consultato il 10 maggio 2020.
  15. ^ (EN) D. Bentley, Things you didn't know about Coventry, in The Birmingham Mail, 4 aprile 2014. URL consultato il 10 maggio 2020.
  16. ^ (EN) J. Riach, Coventry City head for Northampton: just how did it come to this?, in The Guardian, 9 agosto 2013. URL consultato il 10 maggio 2020.
  17. ^ (EN) STATEMENT: Coventry City confirm groundshare at St Andrew's Trillion Trophy Stadium for 2019/20 season, su ccfc.co.uk, 7 giugno 2019. URL consultato il 10 maggio 2020.
  18. ^ (EN) K. Hallam, 'We are about to lose our identity': Coventry City fans react to St Andrews groundshare claims, in The Coventry Telegraph, 22 maggio 2019.
  19. ^ (EN) J. Rushton, Revealed: The surprising number of Premier League clubs naming Coventry City as rivals, in The Coventry Telegraph, 24 febbraio 2020. URL consultato il 10 maggio 2020.
  20. ^ (EN) P. Wheeler, Who are Coventy's sporting rivals?, in BBC, 16 agosto 2010. URL consultato il 10 maggio 2020.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN156189037 · LCCN (ENnb2005004483 · WorldCat Identities (ENlccn-nb2005004483