Aaron Ramsey

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Aaron Ramsey
Aaron Ramsey 2019.jpg
Ramsey con la Juventus nel 2019
Nazionalità Galles Galles
Altezza 182 cm
Peso 76 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Centrocampista
Squadra Juventus
Carriera
Giovanili
1999-2006Cardiff City
Squadre di club1
2006-2008Cardiff City16 (1)
2008-2010Arsenal27 (3)
2010-2011Nottingham Forest5 (0)
2011Cardiff City6 (1)
2011-2019Arsenal235 (37)
2019-2022Juventus49 (5)
2022Rangers7 (2)
Nazionale
2005-2008Galles Galles U-1715 (2)
2007-2009Galles Galles U-2112 (2)
2008-Galles Galles75 (20)
2012Regno Unito Regno Unito olimpica5 (1)
Palmarès
UEFA European Cup.svg Europei di calcio
Bronzo Francia 2016
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 14 giugno 2022

Aaron Ramsey (IPA: [ˈɛəɹən ˈɹæmzi]; Caerphilly, 26 dicembre 1990) è un calciatore gallese, centrocampista dalla Juventus e della nazionale gallese.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Ramsey mentre s'appresta a battere un calcio di punizione per l'Arsenal nel 2013.

Interno di centrocampo polivalente, può giocare come trequartista o in alternativa anche come esterno offensivo su entrambe le fasce.[1]

È un centrocampista completo, destrorso, dotato di buona tecnica[2] e visione di gioco,[1] abile negli inserimenti in zona gol[1][3] e nei movimenti senza palla.[1][3] Pressa spesso i difensori avversari e questo lo rende ottimo nel recuperare i palloni grazie anche alla sua intensità e concentrazione.

La sua carriera è stata fortemente condizionata da diversi infortuni che ne hanno in parte pregiudicato il rendimento e l'affermazione ad alti livelli.[4]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Cardiff City[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver impressionato a un torneo giovanile, Ramsey ha firmato per il Cardiff City. Ha quindi seguito tutta la trafila delle giovanili della squadra, fino ad arrivare all'esordio all'ultima giornata del campionato 2006-2007: ha infatti sostituito, all'ultimo minuto, Paul Parry, nella sconfitta per 1 a 0 contro l'Hull City, il 26 aprile 2007. Ramsey è diventato il giocatore più giovane a esordire con la maglia del Cardiff City: ha infatti battuto il record di John Toshack, avendo giocato la prima partita a 16 anni e 124 giorni.[5] Nel corso dell'estate, il Cardiff ha rifiutato un'offerta di un milione di sterline proveniente da un club di Premier League con sede a Londra.[6] Il nome del club non è stato rivelato, ma è probabile che questa squadra lo abbia seguito anche nel corso dell'anno successivo.

Ramsey ai tempi del Cardiff City nel 2008.

Ha giocato la prima partita della sua seconda stagione professionistica il 6 ottobre 2007, quando ha sostituito Jimmy Floyd Hasselbaink nella vittoria per 2 a 1 sul Burnley. Ramsey ha firmato il suo primo contratto a dicembre 2007, e il 5 gennaio 2008 ha giocato nella partita di FA Cup contro il Chasetown, sostituendo lo squalificato Stephen McPhail. Ha aiutato la squadra a vincere per 3-1, con il gol del momentaneo 2-1 segnato proprio da lui.[7] La sua grande partita gli ha permesso di lottare per il premio di miglior giocatore del turno, vinto poi da Michael Mifsud.[8] Tre settimane dopo, ha giocato la sua prima partita da titolare in campionato, contro i Queens Park Rangers, vinta 3 a 1. Da questo momento in poi, è entrato stabilmente in prima squadra. In tutta la stagione, ha giocato 22 partite, di cui 5 in FA Cup, finale compresa. È il secondo giocatore più giovane ad aver giocato una finale di FA Cup.

Successivamente alla prestazione nei quarti di finale di FA Cup contro il Middlesbrough, è stato rivelato che Alex Ferguson, manager del Manchester United, ha parlato con il presidente del Cardiff City, per avere delle informazioni su Ramsey, ma anche Arsenal ed Everton hanno seguito i suoi progressi.[9] Il presidente ha poi annunciato che l'offerta dell'Arsenal è stata accettata: non è stata però inclusa la clausola che avrebbe permesso al Cardiff di avere il giocatore in prestito per un'altra stagione.[10]

Arsenal[modifica | modifica wikitesto]

Il 10 giugno 2008 è stato confermato che, dopo gli incontri con Arsenal, Manchester United ed Everton, il giocatore ha scelto di firmare per i Gunners: è stato fondamentale, nella scelta finale, l'approccio avuto da Wenger nei suoi confronti.[11] Ha giocato la sua prima partita ufficiale contro il Twente, nel terzo turno di qualificazione alla Champions League 2008-2009. Segnerà un gol in Champions nella prima partita contro il Fenerbahçe.

Ramsey in azione con la maglia dei Gunners nel 2013.

Il 22 agosto 2009 segna il suo primo gol in campionato contro il Portsmouth nella vittoria per 4-1. Il 27 febbraio 2010 subisce un grave infortunio (doppia frattura di tibia e perone, simile a quello occorso due anni prima al suo ex compagno di squadra Eduardo) durante la partita contro lo Stoke City a causa di un fallo di Ryan Shawcross ai suoi danni. L'operazione alla quale è stato sottoposto la notte successiva all'infortunio per ridurre le fratture ha avuto successo[12] e riguardo ai tempi di recupero lo staff medico dell'Arsenal ha parlato di un periodo attorno ai nove mesi.[13] Da fine novembre a fine dicembre 2010, Ramsey gioca temporaneamente col Nottingham Forest per ritrovare la condizione e il ritmo partita.

Il 2 gennaio 2011 torna, in prestito mensile, al Cardiff City. Il 5 marzo torna all'Arsenal e siede in panchina nello 0-0 tra Arsenal e Sunderland. Ritorna in campo nella sfida del 12 marzo tra Arsenal e Manchester Utd, valida per la FA cup. Torna al gol in Premier League contro il Manchester United, decidendo il match con un destro di precisione.

Il 27 agosto 2013, nella partita di ritorno dei preliminari della UEFA Champions League contro il Fenerbahce, mette a segno una doppietta portandosi a quota sei gol nelle competizioni calcistiche europee, quattro dei quali realizzati proprio contro la squadra turca (segnò una rete anche nella partita di andata in Turchia). Il 14 settembre 2013 segna la sua prima doppietta in Premier League nella vittoria per 3-1 sul campo del Sunderland. Il 6 novembre 2013 segna il gol decisivo nella vittoria per 1-0 sul campo del Borussia Dortmund al Signal Iduna Park in occasione della quarta giornata del girone F di Champions League. Il 30 novembre segna la sua seconda doppietta in Premier League, la terza stagionale, nella vittoria esterna per 3-0 contro il Cardiff City, sua ex squadra. Il 26 dicembre 2013, nella partita vinta per 3-1 sul campo del West Ham, in occasione del classico Boxing Day della Premier League si procura uno stiramento alla coscia che lo farà star fuori dai giochi fino alla metà di marzo. La stessa stagione, vince la Fa Cup, battendo 3-2 l'Hull City in finale e segnando anche il gol decisivo.

Ramsey con la maglia dell'Arsenal nell'estate 2015.

La stagione 2014-2015 si apre con la vittoria dei Gunners per 3-0 contro il Manchester City nel Community Shield, in cui Ramsey segna anche il secondo gol.[14] Nelle prime due giornate di campionato segna due gol, entrambi decisivi, contro Crystal Palace ed Everton. Nella 15ª giornata segna contro lo Stoke CIty nella partita persa 3-2.[15][16] In Champions League, segna una doppietta nella gara vinta 4-1 a Istanbul contro il Galatasaray.[17] Nella 29ª giornata segna il secondo gol nella partita vinta 3-0 contro il West Ham. In Champions, segna il gol del 2-0 nella vittoria dell'Arsenal a Montecarlo contro il Monaco, tuttavia senza riuscirsi a qualificare in virtù dell'1-3 subito in casa per mano dei monegaschi.[18] Nella 32ª giornata sigla il gol decisivo nella gara vinta 1-0 sul campo del Burnley. Nella 35ª giornata segna il secondo gol nella gara vinta 3-1 sul campo dell'Hull City.

Nella stagione 2016-2017 segna la sua prima e unica rete in campionato, nell'ultima giornata di Premier League, nel recupero del secondo tempo, che sancisce la vittoria della sua squadra per 3-1 in casa nel derby contro l'Everton. Successivamente, nel derby in finale di FA Cup contro il Chelsea, segna il gol decisivo del 2-1 che porta l'Arsenal a vincere la coppa.[19]

Juventus[modifica | modifica wikitesto]

In scadenza di contratto con l'Arsenal, l'11 febbraio 2019 passa alla Juventus a parametro zero per la stagione successiva.[20] Esordisce con i bianconeri il 18 settembre seguente, nella sfida di UEFA Champions League in casa dell'Atlético Madrid, subentrando nei minuti finali a Miralem Pjanić.[21] Tre giorni dopo, all'esordio in Serie A, realizza il suo primo gol con la Juventus, quello del momentaneo 1-1 casalingo contro il Verona, nella partita vinta per 2-1.[22][23] Segna il suo primo gol bianconero in Champions il 6 novembre, contro il Lokomotiv Mosca, diventando il primo britannico a segnare una rete in Champions League con la maglia della Juventus.[24] L'8 marzo 2020, nell'importante sfida di campionato casalinga contro l'Inter, segna il gol del vantaggio e serve un assist decisivo a Dybala per il definitivo 2-0, risultando tra i migliori in campo.[25] Alla fine della stagione si aggiudica lo scudetto.

Nel 2020-2021, anche a causa di infortuni, fatica a trovare spazio nelle rotazioni del tecnico Andrea Pirlo,[4][26] segnando comunque due reti nei successi contro Sassuolo (3-1)[27] e Sampdoria (0-2)[28] e si aggiudica la Supercoppa italiana (competizione in cui non viene impiegato) e la Coppa Italia.

Nel 2021-2022 Pirlo viene sostituito da Massimiliano Allegri; il tecnico toscano lo vede inizialmente come mediano,[29][30] salvo poi impiegarlo poco ancora a causa di problemi fisici.[31][32]

Rangers[modifica | modifica wikitesto]

Il 31 gennaio 2022 viene ceduto ai Rangers con la formula del prestito fino al termine della stagione.[33][34] Esordisce il successivo 6 febbraio, subentrando a Scott Arfield al 76' del netto successo (5-0) ai danni degli Hearts.[35] Segna la sua prima rete con la maglia dei Rangers il 20 marzo, realizzando il gol del momentaneo 1-1 nella vittoria esterna (1-2) contro il Dundee.[36] Durante la finale di Europa League del 18 maggio 2022 contro l'Eintracht Francoforte, entra nei minuti finali dei tempi supplementari e ai tiri di rigore sbaglia il proprio tentativo dal dischetto, risultando decisivo per la sconfitta dei Rangers.[37]

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Ramsey (4) schierato in campo per il Galles Under-21 nel 2008, tra Ribeiro (12) ed Evans (10).

Il padre di Aaron Ramsey è scozzese e arrivò in Galles nel 1989, per questo Aaron è stato contattato dalla Scozia ma rifiutò e decise di rappresentare il Galles. È stato un punto di forza nelle rappresentative giovanili della sua nazionale: conta infatti 15 presenze e 2 reti nel Galles Under-17 e 12 presenze e due reti nel Galles Under-21. Viene successivamente convocato dalla nazionale maggiore, dove ha esordito ufficialmente il 19 novembre 2008,[38] in amichevole contro la Danimarca giocando 88 minuti prima di venire rimpiazzato da Owain Tudur Jones.[39] Nel 2009 inizia a essere utilizzato per le partite di qualificazione al Mondiale 2010, in cui realizza la sua prima rete con la selezione gallese nel successo per 2-0 in Liechtenstein.[40]

Il 26 marzo 2011, nella partita di qualificazione per gli Europei contro la nazionale inglese, gli viene affidata la fascia di capitano, rendendolo il più giovane a ricoprire questo ruolo nella storia della nazionale dei Dragoni, all'età di 20 anni e 90 giorni.[41]

Viene convocato per gli Europei 2016 in Francia.[42] Nel torneo è autore di un gol alla Russia,[43] oltre che di vari assist per i suoi compagni.[44][45] Nella competizione il Galles raggiungerà lo storico traguardo della semifinale, in cui viene sconfitto per 2-0 dal Portogallo, futuro vincitore;[46] Ramsey non ha potuto giocare la partita per aver collezionato due cartellini gialli nelle gare precedenti.[47] Con quattro assist è stato (a pari merito con Eden Hazard) quello che ne ha consegnati di più,[48] oltre a essere stato inserito nella migliore formazione del torneo.[49]

Viene confermato titolare della Nazionale nei due anni successivi, segnando due reti nelle qualificazioni ai Mondiali di Russia 2018 (contro Serbia[50] e Moldavia),[51] a cui però la sua Nazionale non si è qualificata, e una nella vittoria per 4-1 in Nations League contro l'Irlanda.[52]

Nel 2019 non viene mai convocato fino a novembre causa infortuni,[53] tornando a giocare il 16 nel successo per 2-0 in casa dell'Azerbaigian.[54] Tre giorni dopo realizza una doppietta decisiva nel successo per 2-0 contro l'Ungheria che consente ai gallesi di qualificarsi a Euro 2020.[55] Nei mesi successivi, complici il lockdown e ulteriori infortuni, continua a trovare poco spazio in nazionale.[56]

Successivamente viene convocato per gli europei,[57] andando a segno nel successo per 2-0 contro la Turchia ai gironi.[58]

Il 5 giugno 2022 raggiunge la qualificazione ai Mondiali (la prima dal 1958) con il Galles battendo 1-0 l'Ucraina.[59]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 17 aprile 2022.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2006-2007 Galles Cardiff City FLC 1 0 FACup+CdL 0+0 0 - - - - - - 1 0
2007-2008 FLC 15 1 FACup+CdL 5+1 1+0 - - - - - - 21 2
2008-2009 Inghilterra Arsenal PL 9 0 FACup+CdL 4+3 0 UCL 6 1 - - - 22 1
2009-2010 PL 18 3 FACup+CdL 2+3 1+0 UCL 6 0 - - - 29 4
nov.-2010-gen. 2011 Inghilterra Nottingham Forest FLC 5 0 FACup+CdL 0+0 0 - - - - - - 5 0
gen.-feb. 2011 Galles Cardiff City FLC 6 1 FACup+CdL 0+0 0 - - - - - - 6 1
Totale Cardiff City 22 2 6 1 - - - - 28 3
feb.-giu. 2011 Inghilterra Arsenal PL 7 1 FACup+CdL 1+0 0 UCL 0 0 - - - 8 1
2011-2012 PL 34 2 FACup+CdL 3+0 0 UCL 7 1 - - - 44 3
2012-2013 PL 36 1 FACup+CdL 3+1 0 UCL 7 1 - - - 47 2
2013-2014 PL 23 10 FACup+CdL 2+1 1+0 UCL 8 5 - - - 34 16
2014-2015 PL 29 6 FACup+CdL 4+0 0 UCL 7 3 CS 1 1 41 10
2015-2016 PL 31 5 FACup+CdL 2+1 1+0 UCL 5 0 CS 1 0 40 6
2016-2017 PL 23 1 FACup+CdL 4+1 3+0 UCL 4 0 - - - 32 4
2017-2018 PL 24 7 FACup+CdL 0+2 0 UEL 6 4 CS 0 0 32 11
2018-2019 PL 28 4 FACup+CdL 2+3 0 UEL 7 2 - - - 40 6
Totale Arsenal 262 40 42 6 63 17 2 1 369 64
2019-2020 Italia Juventus A 24 3 CI 4 0 UCL 6 1 SI 1 0 35 4
2020-2021 A 22 2 CI 1 0 UCL 7 0 SI 0 0 30 2
2021-gen. 2022 A 3 0 CI 0 0 UCL 2 0 SI 0 0 5 0
Totale Juventus 49 5 5 0 15 1 1 0 70 6
gen.-giu.2022 Scozia Rangers PL 7 2 CS+CdL 3+0 0+0 UEL 3 0 - - - 13 2
Totale carriera 345 49 56 7 81 18 3 1 485 75

Cronologia presenze e reti in nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Galles
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
19-11-2008 Copenaghen Danimarca Danimarca 0 – 1 Galles Galles Amichevole - Uscita al 88’ 88’
11-2-2009 Faro Galles Galles 0 – 1 Polonia Polonia Amichevole - Ingresso al 46’ 46’
28-3-2009 Cardiff Galles Galles 0 – 2 Finlandia Finlandia Qual. Mondiali 2010 - Ingresso al 56’ 56’
1-4-2009 Cardiff Galles Galles 0 – 2 Germania Germania Qual. Mondiali 2010 -
29-5-2009 Llanelli Galles Galles 1 – 0 Estonia Estonia Amichevole - Uscita al 67’ 67’
6-6-2009 Baku Azerbaigian Azerbaigian 0 – 1 Galles Galles Qual. Mondiali 2010 - Ammonizione al 90+2’ 90+2’
12-8-2009 Podgorica Montenegro Montenegro 2 – 1 Galles Galles Amichevole - Uscita al 75’ 75’
9-9-2009 Cardiff Galles Galles 1 – 3 Russia Russia Qual. Mondiali 2010 -
10-10-2009 Helsinki Finlandia Finlandia 2 – 1 Galles Galles Qual. Mondiali 2010 -
14-10-2009 Vaduz Liechtenstein Liechtenstein 0 – 2 Galles Galles Qual. Mondiali 2010 1
14-11-2009 Cardiff Galles Galles 3 – 0 Scozia Scozia Amichevole 1 Uscita al 57’ 57’
26-3-2011 Cardiff Galles Galles 0 – 2 Inghilterra Inghilterra Qual. Euro 2012 - cap.
25-5-2011 Dublino Galles Galles 1 – 3 Scozia Scozia Amichevole - Ingresso al 61’ 61’
27-5-2011 Dublino Galles Galles 2 – 0 Irlanda del Nord Irlanda del Nord Amichevole 1 cap. Uscita al 90’ 90’
10-8-2011 Cardiff Galles Galles 1 – 2 Australia Australia Amichevole - cap. Uscita al 46’ 46’
2-9-2011 Cardiff Galles Galles 2 – 1 Montenegro Montenegro Qual. Euro 2012 1 cap. Uscita al 64’ 64’
6-9-2011 Londra Inghilterra Inghilterra 1 – 0 Galles Galles Qual. Euro 2012 - cap.
7-10-2011 Swansea Galles Galles 2 – 0 Svizzera Svizzera Qual. Euro 2012 1 cap.
11-10-2011 Sofia Bulgaria Bulgaria 0 – 1 Galles Galles Qual. Euro 2012 - cap.
12-11-2011 Cardiff Galles Galles 4 – 1 Norvegia Norvegia Amichevole - cap. Uscita al 90’ 90’
27-5-2012 New Jersey Messico Messico 2 – 0 Galles Galles Amichevole - cap. Ammonizione al 21’ 21’
15-8-2012 Llanelli Galles Galles 0 – 2 Bosnia ed Erzegovina Bosnia ed Erzegovina Amichevole - cap.
7-9-2012 Cardiff Galles Galles 0 – 2 Belgio Belgio Qual. Mondiali 2014 - cap.
11-9-2012 Novi Sad Serbia Serbia 6 – 1 Galles Galles Qual. Mondiali 2014 - cap. Ammonizione al 78’ 78’
12-10-2012 Cardiff Galles Galles 2 – 1 Scozia Scozia Qual. Mondiali 2014 - Ammonizione al 63’ 63’
22-3-2013 Glasgow Scozia Scozia 1 – 2 Galles Galles Qual. Mondiali 2014 1 Yellow card.svgYellow card.svgRed card.svg 45+2’, 90+4’
6-9-2013 Skopje Macedonia Macedonia 2 – 1 Galles Galles Qual. Mondiali 2014 1
10-9-2013 Cardiff Galles Galles 0 – 3 Serbia Serbia Qual. Mondiali 2014 - cap.
11-10-2013 Cardiff Galles Galles 1 – 0 Macedonia Macedonia Qual. Mondiali 2014 - cap.
15-10-2013 Bruxelles Belgio Belgio 1 – 1 Galles Galles Qual. Mondiali 2014 1 cap.
9-9-2014 Andorra la Vella Andorra Andorra 1 – 2 Galles Galles Qual. Euro 2016 - Uscita al 90+4’ 90+4’
16-11-2014 Bruxelles Belgio Belgio 0 – 0 Galles Galles Qual. Euro 2016 -
28-3-2015 Haifa Israele Israele 0 – 3 Galles Galles Qual. Euro 2016 1 Uscita al 85’ 85’
12-6-2015 Cardiff Galles Galles 1 – 0 Belgio Belgio Qual. Euro 2016 -
3-9-2015 Nicosia Cipro Cipro 0 – 1 Galles Galles Qual. Euro 2016 - Uscita al 90+3’ 90+3’
6-9-2015 Cardiff Galles Galles 0 – 0 Israele Israele Qual. Euro 2016 -
10-10-2015 Zenica Bosnia ed Erzegovina Bosnia ed Erzegovina 2 – 0 Galles Galles Qual. Euro 2016 -
13-10-2015 Cardiff Galles Galles 2 – 0 Andorra Andorra Qual. Euro 2016 1
5-6-2016 Solna Svezia Svezia 3 – 0 Galles Galles Amichevole -
11-6-2016 Bordeaux Galles Galles 2 – 1 Slovacchia Slovacchia Euro 2016 - 1º turno - Uscita al 88’ 88’
16-6-2016 Lens Inghilterra Inghilterra 2 – 1 Galles Galles Euro 2016 - 1º turno -
20-6-2016 Tolosa Russia Russia 0 – 3 Galles Galles Euro 2016 - 1º turno 1
25-6-2016 Parigi Galles Galles 1 – 0 Irlanda del Nord Irlanda del Nord Euro 2016 - Ottavi di finale - Ammonizione al 90+4’ 90+4’
1-7-2016 Lilla Galles Galles 3 – 1 Belgio Belgio Euro 2016 - Quarti di finale - Ammonizione al 75’ 75’ Uscita al 90’ 90’
12-11-2016 Cardiff Galles Galles 1 – 1 Serbia Serbia Qual. Mondiali 2018 1
24-3-2017 Dublino Irlanda Irlanda 0 – 0 Galles Galles Qual. Mondiali 2018 - Ammonizione al 56’ 56’
11-6-2017 Belgrado Serbia Serbia 1 – 1 Galles Galles Qual. Mondiali 2018 -
2-9-2017 Cardiff Galles Galles 1 – 0 Austria Austria Qual. Mondiali 2018 -
5-9-2017 Chișinău Moldavia Moldavia 0 – 2 Galles Galles Qual. Mondiali 2018 1
6-10-2017 Tbilisi Georgia Georgia 0 – 1 Galles Galles Qual. Mondiali 2018 -
9-10-2017 Cardiff Galles Galles 0 – 1 Irlanda Irlanda Qual. Mondiali 2018 -
10-11-2017 Saint-Denis Francia Francia 2 – 0 Galles Galles Amichevole -
29-5-2018 Pasadena Messico Messico 0 – 0 Galles Galles Amichevole - Ammonizione al 66’ 66’
6-9-2018 Cardiff Galles Galles 4 – 1 Irlanda Irlanda UEFA Nations League 2018-2019 - 1º turno 1
9-9-2018 Aarhus Danimarca Danimarca 2 – 0 Galles Galles UEFA Nations League 2018-2019 - 1º turno -
11-10-2018 Cardiff Galles Galles 1 – 4 Spagna Spagna Amichevole -
16-11-2018 Cardiff Galles Galles 1 – 2 Danimarca Danimarca UEFA Nations League 2018-2019 - 1º turno -
20-11-2018 Elbasan Albania Albania 1 – 0 Galles Galles Amichevole - Ingresso al 56’ 56’
16-11-2019 Baku Azerbaigian Azerbaigian 0 – 2 Galles Galles Qual. Euro 2020 - Ingresso al 60’ 60’
19-11-2019 Cardiff Galles Galles 2 – 0 Ungheria Ungheria Qual. Euro 2020 2
11-10-2020 Dublino Irlanda Irlanda 0 – 0 Galles Galles UEFA Nations League 2020-2021 - 1º turno - cap.
2-6-2021 Nizza Francia Francia 3 – 0 Galles Galles Amichevole - Ingresso al 59’ 59’
5-6-2021 Cardiff Galles Galles 0 – 0 Albania Albania Amichevole - Uscita al 61’ 61’
12-6-2021 Baku Galles Galles 1 – 1 Svizzera Svizzera Euro 2020 - 1º turno - Uscita al 90+3’ 90+3’
16-6-2021 Baku Turchia Turchia 0 – 2 Galles Galles Euro 2020 - 1º turno 1 Uscita al 85’ 85’
20-6-2021 Roma Italia Italia 1 – 0 Galles Galles Euro 2020 - 1º turno -
26-6-2021 Amsterdam Galles Galles 0 – 4 Danimarca Danimarca Euro 2020 - Ottavi di finale -
8-10-2021 Praga Rep. Ceca Rep. Ceca 2 – 2 Galles Galles Qual. Mondiali 2022 1 cap. Ammonizione al 1’ 1’
11-10-2021 Tallinn Estonia Estonia 0 – 1 Galles Galles Qual. Mondiali 2022 - cap. Uscita al 80’ 80’
13-11-2021 Cardiff Galles Galles 5 – 1 Bielorussia Bielorussia Qual. Mondiali 2022 2 Uscita al 71’ 71’
16-11-2021 Cardiff Galles Galles 1 – 1 Belgio Belgio Qual. Mondiali 2022 - cap. Uscita al 90+2’ 90+2’
24-3-2022 Cardiff Galles Galles 2 – 1 Austria Austria Qual. Mondiali 2022 -
5-6-2022 Cardiff Galles Galles 1 – 0 Ucraina Ucraina Qual. Mondiali 2022 -
11-6-2022 Cardiff Galles Galles 1 – 1 Belgio Belgio UEFA Nations League 2022-2023 - 1º turno - Ingresso al 38’ 38’
14-6-2022 Rotterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 3 – 2 Galles Galles UEFA Nations League 2022-2023 - 1º turno - Ingresso al 63’ 63’
Totale Presenze (9º posto) 75 Reti (6º posto) 20
Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Regno Unito olimpica
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
20-7-2012 Middlesbrough Regno Unito olimpica Regno Unito 0 – 2 Brasile Brasile olimpica Amichevole -
26-7-2012 Manchester Senegal olimpica Senegal 1 – 1 Regno Unito Regno Unito olimpica Olimpiadi 2012 - 1º turno - Ingresso al 63’ 63’
29-7-2012 Londra Regno Unito olimpica Regno Unito 3 – 1 Emirati Arabi Uniti Emirati Arabi Uniti olimpica Olimpiadi 2012 - 1º turno -
1-8-2012 Cardiff Regno Unito olimpica Regno Unito 1 – 0 Uruguay Uruguay olimpica Olimpiadi 2012 - 1º turno - Ammonizione al 90+2’ 90+2’
4-8-2012 Cardiff Regno Unito olimpica Regno Unito 1 – 1 dts
(4 – 5 dcr)
Corea del Sud Corea del Sud olimpica Olimpiadi 2012 - Quarti di finale 1
Totale Presenze 5 Reti 1

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Ramsey e Gibbs festeggiano la vittoria dell'Arsenal nella Coppa d'Inghilterra 2013-2014

Club[modifica | modifica wikitesto]

Arsenal: 2013-2014, 2014-2015, 2016-2017
Arsenal: 2014, 2015, 2017
Juventus: 2019-2020
Juventus: 2020
Juventus: 2020-2021
Rangers: 2021-2022

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

  • Giocatore gallese dell'anno: 1
2009
Francia 2016

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Ramsey ha cambiato la Juventus, su ultimouomo.com, 9 ottobre 2019. URL consultato il 17 ottobre 2019.
  2. ^ Ramsey, che bell’esordio. Sprazzi di Dybala, debutto negativo per Demiral, su gazzetta.it. URL consultato l'8 dicembre 2019.
  3. ^ a b Generazione di fenomeni: Aaron Ramsey, ovvero il galletto dai piedi buoni, su goal.com, 12 febbraio 2009.
  4. ^ a b La malinconia italiana di Aaron Ramsey, su ilfoglio.it. URL consultato il 9 luglio 2021.
  5. ^ (EN) Jones hails record-breaker Ramsey, in BBC Sport. URL consultato il 27 agosto 2008.
  6. ^ (EN) Cardiff reject £1m bid for Ramsey, in BBC Sport. URL consultato il 27 agosto 2008.
  7. ^ (EN) Chasetown 1-3 Cardiff, in BBC Sport. URL consultato il 27 agosto 2008.
  8. ^ (EN) Mifsud takes the vote, su thefa.com. URL consultato il 27 agosto 2008.
  9. ^ (EN) "Fergie in for £5m rated Aaron Ramsey", su icwales.icnetwork.co.uk. URL consultato il 27 agosto 2008.
  10. ^ (EN) Cardiff City - Ridsdale on Ramsey Move: Updated, su cardiffcityfc.premiumtv.co.uk. URL consultato il 27 agosto 2008 (archiviato dall'url originale il 24 settembre 2008).
  11. ^ (EN) Ramsey completes Arsenal switch, in BBC Sport. URL consultato il 27 agosto 2008.
  12. ^ (EN) Ramsey surgery 'a success', su uk.eurosport.yahoo.com. URL consultato il 28 febbraio 2010 (archiviato dall'url originale il 20 luglio 2012).
  13. ^ (EN) Aaron Ramsey makes his long-awaited Arsenal return from injury after nine months out with horror leg break, in Daily Mail, 23 novembre 2010. URL consultato il 10 agosto 2014.
  14. ^ (EN) Arsenal 3-0 Manchester City, in BBC Sport, 10 agosto 2014. URL consultato l'8 dicembre 2019.
  15. ^ (EN) John Percy, Stoke City 3 Arsenal 2, match report: First-half blitz too much for Arsene Wenger's side to recover from, in The Telegraph, 6 dicembre 2014. URL consultato l'8 dicembre 2019.
  16. ^ (EN) Paul Doyle, Stoke City 3-2 Arsenal: Premier League match report, in The Guardian, 6 dicembre 2014. URL consultato l'8 dicembre 2019.
  17. ^ Champions, Borussia-Anderlecht 1-1; Galatasaray-Arsenal 1-4, su gazzetta.it. URL consultato l'8 dicembre 2019.
  18. ^ Monaco-Arsenal 0-2. Wenger non completa la rimonta, francesi ai quarti, su gazzetta.it. URL consultato l'8 dicembre 2019.
  19. ^ Le pagelle di Arsenal-Chelsea 2-1: Sanchez decisivo, David Luiz disastroso, in Eurosport, 27 maggio 2017. URL consultato l'8 dicembre 2019.
  20. ^ Aaron Ramsey, bianconero in estate!, su juventus.com, 11 febbraio 2019. URL consultato l'11 febbraio 2019 (archiviato dall'url originale il 1º maggio 2019).
  21. ^ Ramsey, il debutto agrodolce: 'Felice, peccato non aver vinto', su ilbianconero.com, 19 settembre 2019.
  22. ^ La Juve soffre ma vince: 2-1 col Verona, decisivi i gol di Ramsey e Ronaldo, su ilbianconero.com, 21 settembre 2019.
  23. ^ Juve-Verona 2-1, Ramsey in gol all'esordio poi decide Ronaldo su rigore, su corrieredellosport.it. URL consultato l'8 dicembre 2019.
  24. ^ Ramsey, la prima è dolcissima: "Ma non volevo togliere il gol a Cristiano...", su gazzetta.it, 7 novembre 2019. URL consultato il 27 luglio 2020.
  25. ^ Fondamentali: Juventus-Inter 2-0, su ultimouomo.com, 9 marzo 2020. URL consultato il 9 marzo 2020.
  26. ^ Apre il bazar Europeo: CR7, Ramsey e gli altri in vetrina. La Juve futura parte da qui, su gazzetta.it. URL consultato il 12 giugno 2021.
  27. ^ Serie A: Juventus-Sassuolo 3-1, i bianconeri tornano al 4º posto, su sportmediaset.mediaset.it. URL consultato il 6 novembre 2021.
  28. ^ Sampdoria-Juventus 0-2, Chiesa e Ramsey tengono i bianconeri in corsa scudetto, su repubblica.it, 30 gennaio 2021. URL consultato il 6 novembre 2021.
  29. ^ Allegri: "Pjanic alla Juve? Ramsey può diventare un grande regista", su tuttosport.com. URL consultato il 6 novembre 2021.
  30. ^ Senza Rabiot e col dubbio sudamericani: con la Roma Max cerca il jolly in mediana, su gazzetta.it. URL consultato il 6 novembre 2021.
  31. ^ Ramsey tira una frecciatina alla Juventus, su sport.sky.it. URL consultato il 6 novembre 2021.
  32. ^ Ciao ciao Ramsey, l’uomo da 8.800 euro al minuto. Ma la Juve continuerà a pagarlo, su gazzetta.it. URL consultato il 1º febbraio 2022.
  33. ^ Ramsey in prestito ai Glasgow Rangers, su juventus.com, 31 gennaio 2022. URL consultato il 1º febbraio 2022.
  34. ^ (EN) Rangers Sign Wales International Aaron Ramsey, su rangers.co.uk. URL consultato il 1º febbraio 2022.
  35. ^ (EN) Steven Mair, Aaron Ramsey makes Rangers debut admission as star signing faces uphill battle to be fit for Celtic clash, su dailyrecord.co.uk, 31 gennaio 2022. URL consultato il 7 gennaio 2022.
  36. ^ Ramsey si sblocca in Scozia: primo goal con la maglia dei Rangers | Goal.com, su www.goal.com. URL consultato il 20 marzo 2022.
  37. ^ Simone Eterno, EUROPA LEAGUE, EINTRACHT FRANCOFORTE-RANGERS 6-5 D.C.R.: RAMSEY SBAGLIA IL RIGORE DECISIVO, EINTRACHT CAMPIONE, su eurosport.it, 19 maggio 2022. URL consultato il 6 giugno 2022.
  38. ^ (EN) Martin Bentley, Aaron Ramsey Set for Wales' Biggest Debut Since Giggs, su Bleacher Report. URL consultato l'8 dicembre 2019.
  39. ^ (EN) Denmark 0-1 Wales, in BBC Sport, 19 novembre 2008. URL consultato l'8 dicembre 2019.
  40. ^ (EN) Ramsey’s rocket settles Wales nerves, su timesonline.co.uk, 4 giugno 2011. URL consultato l'8 dicembre 2019 (archiviato dall'url originale il 4 giugno 2011).
  41. ^ (EN) Stuart James, Aaron Ramsey makes his case as the quiet captain for Wales, in The Guardian, 25 marzo 2011. URL consultato l'8 dicembre 2019.
  42. ^ (EN) Gorau Chwarae Cyd Chwarae... here's the Wales Squad for UEFA EURO 2016, su faw.cymru, 31 maggio 2016. URL consultato il 31 maggio 2016.
  43. ^ Jacopo Manfredi, Russia-Galles 0-3, i dragoni riscrivono la storia, su repubblica.it, 20 giugno 2016.
  44. ^ ANALISI ASSIST - Speciale Europei 2016: prima giornata, su fantagazzetta.com, 15 giugno 2016. URL consultato il 17 maggio 2017 (archiviato dall'url originale il 10 ottobre 2018).
  45. ^ ANALISI ASSIST - Speciale Europei 2016: quarti di finale, su fantagazzetta.com, 30 giugno 2016. URL consultato il 17 maggio 2017 (archiviato dall'url originale il 10 ottobre 2018).
  46. ^ Euro 2016 - Le pagelle di Portogallo-Galles 2-0, su Eurosport, 6 luglio 2016. URL consultato l'8 dicembre 2019.
  47. ^ Chi è squalificato per le semifinali di UEFA EURO 2016?, su it.uefa.com, 4 luglio 2016. URL consultato il 27 luglio 2020.
  48. ^ (EN) UEFA EURO 2016 - History - Statistics, su uefa.com. URL consultato l'8 dicembre 2019 (archiviato dall'url originale il 16 luglio 2017).
  49. ^ Euro 2016, ecco la Top 11 stilata dalla UEFA, su foxsports.it (archiviato dall'url originale il 18 settembre 2016).
  50. ^ (EN) Wales 1-1 Serbia, in BBC Sport, 12 novembre 2016. URL consultato l'8 dicembre 2019.
  51. ^ (EN) Moldova 0-2 Wales, in BBC Sport, 5 settembre 2017. URL consultato l'8 dicembre 2019.
  52. ^ (EN) Nations League: Wales beat Republic of Ireland 4-1 in Ryan Giggs' first home game, in BBC Sport, 6 settembre 2018. URL consultato l'8 dicembre 2019.
  53. ^ (EN) Gareth Bale: Wales name Real Madrid forward in squad for final Euro 2020 qualifiers, in BBC Sport, 5 novembre 2019. URL consultato l'8 dicembre 2019.
  54. ^ (EN) Azerbaijan 0-2 Wales: Moore & Wilson goals keep automatic Euro 2020 qualification alive, in BBC Sport, 16 novembre 2019. URL consultato l'8 dicembre 2019.
  55. ^ (EN) Wales 2-0 Hungary: Aaron Ramsey double sends Wales to Euros, in BBC Sport, 19 novembre 2019. URL consultato l'8 dicembre 2019.
  56. ^ Gli stop di Ramsey irritano anche il Galles: niente nazionale, deve curarsi, su gazzetta.it. URL consultato il 23 marzo 2021.
  57. ^ (CY) CARFAN CYMRU #EURO2020, su twitter.com, 30 maggio 2021. URL consultato il 17 giugno 2021.
  58. ^ Euro 2020, Turchia-Galles 0-2: Ramsey gol, battuto Demiral, su tuttosport.com. URL consultato il 17 giugno 2021.
  59. ^ Il Galles vola ai Mondiali: battuta l'Ucraina 1-0, su sport.sky.it. URL consultato il 6 giugno 2022.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]