Ryan Giggs

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Ryan Giggs
Giggs alla guida del Manchester Utd nel 2015
Nazionalità Bandiera del Galles Galles
Altezza 180 cm
Peso 68 kg
Calcio
Ruolo Allenatore (ex centrocampista)
Termine carriera 19 maggio 2014 - giocatore
Carriera
Giovanili
1985-1990Manchester Utd
Squadre di club1
1990-2014Manchester Utd672 (114)
Nazionale
1989Bandiera del Galles Galles U-183 (0)
1990Bandiera del Galles Galles U-211 (0)
1991-2007Bandiera del Galles Galles64 (12)
2012Bandiera del Regno Unito Regno Unito olimpica4 (1)
Carriera da allenatore
2013-2014Manchester UtdVice
2014Manchester Utd
2014-2016Manchester UtdVice
2018-2022Bandiera del Galles Galles
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 27 aprile 2023

O.B.E. Ryan Joseph Giggs, nato Ryan Joseph Wilson (Cardiff, 29 novembre 1973), è un dirigente sportivo, allenatore di calcio ed ex calciatore gallese, di ruolo centrocampista, co-proprietario del Salford City.

Considerato come uno dei più grandi calciatori della storia del calcio britannico,[1][2] occupa l'85ª posizione nella speciale classifica dei migliori calciatori del XX secolo pubblicata dalla rivista World Soccer[2] e rientra nella ristretta cerchia dei calciatori con almeno 1000 presenze in carriera.[3][4]

Ha legato la sua intera carriera al Manchester Utd, dove con 36 trofei conquistati risulta essere il giocatore più vincente in assoluto nella storia del club nonché il sesto giocatore più vincente della storia del calcio.[1][5] Nel club inglese Giggs ha giocato dal 1990 al 2014, diventando il primatista assoluto di presenze (963,[6] di cui 159 nelle competizioni UEFA per club[7]). Inoltre è il terzo giocatore con più apparizioni nella storia della Premier League (632).[8]

Per sedici anni è stato anche un componente della nazionale gallese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Alla nascita il suo cognome era Wilson e aveva la nazionalità inglese. Il cattivo rapporto con il padre lo ha portato a decidere di cambiare legalmente cognome oltreché a optare per la cittadinanza e la nazionale gallese: la madre infatti è gallese e il suo cognome è appunto Giggs.[9] Suo nonno paterno era originario della Sierra Leone.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Era un'ala sinistra estremamente duttile e flessibile,[10] schierabile da esterno sinistro di centrocampo o da attaccante sinistro in un tridente, ma ha giocato anche come centrocampista centrale/trequartista a fine carriera, quando sopperiva alla più limitata mobilità con un'eccellente visione di gioco, garantendogli una carriera longeva da titolare.[10] Disponeva di ottima tecnica ed era veloce,[11] assai dinamico e bravo in dribbling,[12] abile a crossare e a servire assist,[10] intelligente tatticamente e uno specialista nel calciare le punizioni.[13]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Avvicinatosi inizialmente al rugby[14], il giovane Ryan opta per il calcio scegliendo di entrare nella scuola giovanile del Manchester Utd, con cui sigla il primo contratto da professionista il 29 novembre 1990, giorno del suo diciassettesimo compleanno; fa invece il suo debutto in Premier League contro l'Everton all'Old Trafford il 2 marzo 1991, sostituendo Denis Irwin in una sconfitta per 2-0. Poco dopo debutta anche con la nazionale gallese, diventando il più giovane giocatore ad aver esordito con tale compagine (primato poi battuto dal connazionale Gareth Bale).

Il 18 novembre 1995 ha realizzato il gol più veloce della storia mancuniana, quando dopo appena 15 secondi ha segnato al Southampton.

Il 1999 è l'anno migliore della sua carriera: vince infatti Premier League, FA Cup e UEFA Champions League. Segna un gol in semifinale di FA Cup del 1999 contro l'Arsenal nei tempi supplementari, realizzato al culmine di un'azione personale iniziata partendo dalla sua metà campo. Nello stesso anno (ma nella stagione sportiva successiva) si aggiudica anche la Coppa Intercontinentale, fornendo a Keane l'assist per la marcatura decisiva nella finale contro il Palmeiras[14] e venendo eletto man of the match della finale[15].

Giggs al Manchester Utd nel 2008, con indosso la speciale divisa dedicata ai Busby Babes nel cinquantenario del disastro aereo di Monaco di Baviera

Segna il suo 100º gol in Premier League contro il Derby County l'8 dicembre 2007, in una partita vinta dai Red Devils 4-1. Il 20 febbraio 2008 mette a referto la sua 100ª presenza nella UEFA Champions League in una partita contro il Lione mentre l'11 maggio, nell'ultima giornata di Premier League 2007-2008, sostituisce Park Ji-sung eguagliando il record di Bobby Charlton di 758 presenze con la maglia mancuniana. Nella stessa partita, vinta dal Manchester Utd contro il Wigan per 2 a 0, Giggs segna il secondo gol, che regala al club il suo decimo titolo di campionato. Dieci giorni dopo, il 21 maggio, sorpassa il record di presenze di Bobby Charlton entrando al posto di Paul Scholes all'87' della finale della UEFA Champions League 2007-2008 contro il Chelsea. I mancuniani solleveranno il massimo trofeo continentale per club, sconfiggendo il Chelsea 6-5 ai rigori dopo l'1-1 dei supplementari: Giggs segna quello che diviene il rigore decisivo (dopo che il Blues Nicolas Anelka aveva sbagliato il rigore finale) e diventa l'unico giocatore britannico, con Steve McManaman e il suo compagno di squadra Owen Hargreaves, ad aver giocato e vinto più di una finale di UEFA Champions League.

Il 26 aprile 2009 è stato eletto, per la prima volta nella sua carriera, giocatore dell'anno della PFA, nonostante avesse giocato appena dodici partite durante la stagione 2008-2009. L'800ª presenza con la maglia del Manchester Utd arriva il 29 aprile, nella semifinale di UEFA Champions League vinta per 1-0 contro l'Arsenal.

La 600ª presenza in Premier League arriva il 16 gennaio 2011 nella partita contro il Tottenham finita 0-0. Il 31 gennaio viene votato come miglior giocatore della storia dei Red Devils, superando campioni come George Best e Sir Bobby Charlton.[16]

Giggs capitano della squadra mancuniana nel 2009

Il 10 ottobre 2011 gli viene assegnato il Golden Foot, premio internazionale alla carriera conferito a calciatori che abbiano almeno 29 anni.[17] Il 26 febbraio 2012, nella partita di Premier League contro il Norwich City (finita 2-1 per i Red Devils), va in gol al 90' permettendo alla sua squadra di vincere e festeggiare nel miglior modo possibile la sua 900ª presenza in assoluto col Manchester Utd.[18]

Il 5 marzo 2013, nella sfida interna contro il Real Madrid valevole per l'ottavo di finale della UEFA Champions League, raggiunge la 1000ª presenza da professionista.[3]

Dal 4 luglio 2013 ricopre un doppio ruolo visto che, oltre a proseguire la carriera da giocatore, è anche assistente dell'allenatore David Moyes.[19] L'11 agosto conquista il suo decimo Community Shield nella gara vinta per 2-0 dal Manchester Utd contro il Wigan. Il 2 ottobre diviene il giocatore con più presenze in assoluto (145) nella UEFA Champions League, superando Raul (144).[20] Il 7 gennaio 2014, durante la partita di andata delle semifinali di League Cup contro il Sunderland, segna per la prima volta in 25 anni di carriera un autogol.[21]

Il 19 maggio 2014, tramite una lettera pubblicata sul sito del suo club, annuncia il ritiro dal calcio giocato; poco più di un anno prima aveva lasciato il Manchester Utd un'altra figura storica del club, l'allenatore Alex Ferguson (venendo sostituito da Moyes assistito da Giggs), che sedeva sulla panchina dei Red Devils ininterrottamente dal 1986.[22]

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Giggs ha fatto il suo debutto con la maglia gallese nell'ottobre 1991, in una gara persa per 4-1 con la Nazionale di calcio della Germania. Nell'occasione, divenne il più giovane a esordire con il Galles, all'età di 17 anni e 321 giorni. Il record sarebbe stato superato nel giugno 1998 da Ryan Green, che debuttò a 17 anni e 226 giorni. Il suo primo gol con la nazionale giunse nel 1993, in una partita delle qualificazioni UEFA al campionato del mondo 1994 vinta per 2-0 contro il Belgio.

Con la maglia della sua nazione ha giocato per 16 anni, segnando 12 reti in 64 partite, ma senza mai riuscire a disputare un europeo o un mondiale. Il 5 settembre 2001, durante la partita valida per le qualificazioni UEFA al campionato del mondo 2002 persa per 3-2 contro la Norvegia ad Oslo, ha ricevuto l'unica espulsione della sua carriera, per doppia ammonizione.[23] Nel 2007, a 34 anni, decise di chiudere con la nazionale.

Nel 2012 Giggs venne inserito nella selezione britannica che avrebbe preso parte alle Olimpiadi di Londra come fuori quota. Esordì il 20 luglio contro il Brasile e segnò la sua prima e unica rete con la formazione contro gli Emirati Arabi Uniti, sconfitta per 3-1. Nell'occasione, Giggs divenne il più anziano marcatore nella storia delle Olimpiadi estive, a 38 anni e 243 giorni; il precedente record, imbattuto da 88 anni, apparteneva all'egiziano Hussein Hegazi. Il Regno Unito uscì però dal torneo nei quarti di finale, eliminato dalla Corea del Sud.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Manchester Utd[modifica | modifica wikitesto]

Il 22 aprile 2014 viene nominato ad interim allenatore-giocatore del Manchester Utd per traghettare la squadra fino al termine del campionato in sostituzione dell'esonerato David Moyes,[24] di cui era già assistente.[25] Il 19 maggio seguente i Red Devils ingaggiano come allenatore l'olandese Louis van Gaal, di cui Giggs diviene il vice.

Il 2 luglio 2016, dopo 29 anni passati a Manchester tra campo e panchina, lascia definitivamente il club.[26]

Galles[modifica | modifica wikitesto]

Il 15 gennaio 2018 gli viene affidata la guida tecnica della propria nazionale. Il 23 aprile 2021, a pochi mesi dall'europeo, viene sollevato dal ruolo a causa dell'incriminazione per violenza domestica alla fidanzata e alla sorella di quest'ultima, accuse che lo avevano condotto all'arresto nel novembre 2020, prima di essere rilasciato su cauzione:[27] il successivo 18 luglio 2023 verrà assolto da ogni accusa.[28] Ciò nonostante, con la summenzionata indagine ancora in corso, il 20 giugno 2022 si era dimesso da commissario tecnico della nazionale gallese.[29]

Dirigente[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2014, lui insieme agli altri ex giocatori del Manchester Utd, Nicky Butt, Paul Scholes, Gary Neville e Phil Neville hanno formato una cordata per l'acquisto del Salford City, con il debutto della nuova proprietà a partire dalla stagione 2014-2015.[30][31]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 6 maggio 2014.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
1990-1991 Bandiera dell'Inghilterra Manchester Utd FD 2 1 FACup+CdL 0 0 CdC 0 0 CS 0 0 2 1
1991-1992 FD 38 4 FACup+CdL 3+8 0+3 CdC 1 0 SU 1 0 51 7
1992-1993 PL 41 9 FACup+CdL 2+2 2+0 CU 1 0 - - - 46 11
1993-1994 PL 38 13 FACup+CdL 7+8 1+3 UCL 4 0 CS 1 0 58 17
1994-1995 PL 29 1 FACup+CdL 7+0 1+0 UCL 3 2 CS 1 0 40 4
1995-1996 PL 33 11 FACup+CdL 7+2 1+0 CU 2 0 - - - 44 12
1996-1997 PL 26 3 FACup+CdL 3+0 0 UCL 7 2 CS 1 0 37 5
1997-1998 PL 29 8 FACup+CdL 2+0 0 UCL 5 1 CS 1 0 37 9
1998-1999 PL 24 3 FACup+CdL 6+1 2+0 UCL 9 5 CS 1 0 41 10
1999-2000 PL 30 6 FACup+CdL 0 0 UCL 11 1 CS+SU+CInt+Cmc 0+0+1+2 0 44 7
2000-2001 PL 31 5 FACup+CdL 2+0 0 UCL 11 2 CS 1 0 45 7
2001-2002 PL 25 7 FACup+CdL 1+0 0 UCL 13 2 CS 1 0 40 9
2002-2003 PL 36 8 FACup+CdL 3+5 2+0 UCL 15 4 - - - 59 14
2003-2004 PL 33 7 FACup+CdL 5+0 0 UCL 8 1 CS 1 0 47 8
2004-2005 PL 32 5 FACup+CdL 4+1 0+1 UCL 6 2 CS 1 0 44 8
2005-2006 PL 27 3 FACup+CdL 2+3 1+0 UCL 5 1 - - - 37 5
2006-2007 PL 30 4 FACup+CdL 6+0 0 UCL 8 2 - - - 44 6
2007-2008 PL 31 3 FACup+CdL 2+0 0 UCL 9 0 CS 1 1 43 4
2008-2009 PL 28 2 FACup+CdL 2+4 0+1 UCL 11 1 CS+SU+Cmc 1+0+1 0 47 4
2009-2010 PL 25 5 FACup+CdL 1+2 0+1 UCL 3 1 CS 1 0 32 7
2010-2011 PL 25 2 FACup+CdL 3+1 1+0 UCL 8 1 CS 1 0 38 4
2011-2012 PL 25 2 FACup+CdL 2+1 0+1 UCL+UEL 3+2 1+0 CS 0 0 33 4
2012-2013 PL 22 2 FACup+CdL 4+1 1+2 UCL 5 0 - - - 32 5
2013-2014 PL 12 0 FACup+CdL 0+2 0 UCL 7 0 CS 1 0 22 0
Totale carriera 672 114 74+41 12+12 157 29 19 1 963 168

Cronologia presenze e reti in nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Galles
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
16-10-1991 Norimberga Germania Bandiera della Germania 4 – 1 Bandiera del Galles Galles Qual. Euro 1992 -
13-11-1991 Cardiff Galles Bandiera del Galles 1 – 0 Bandiera del Lussemburgo Lussemburgo Qual. Euro 1992 -
20-5-1992 Bucarest Romania Bandiera della Romania 5 – 1 Bandiera del Galles Galles Qual. Mondiali 1994 -
3-6-1992 Tokyo Argentina Bandiera dell'Argentina 1 – 0 Bandiera del Galles Galles Amichevole -
7-6-1992 Matsuyama Giappone Bandiera del Giappone 0 – 1 Bandiera del Galles Galles Amichevole -
9-9-1992 Cardiff Galles Bandiera del Galles 6 – 0 Bandiera delle Fær Øer Fær Øer Qual. Mondiali 1994 -
18-11-1992 Bruxelles Belgio Bandiera del Belgio 2 – 0 Bandiera del Galles Galles Qual. Mondiali 1994 -
31-3-1993 Cardiff Galles Bandiera del Galles 2 – 0 Bandiera del Belgio Belgio Qual. Mondiali 1994 1
28-4-1993 Ostrava Cecoslovacchia Bandiera della Cecoslovacchia 1 – 1 Bandiera del Galles Galles Qual. Mondiali 1994 -
6-6-1993 Toftir Fær Øer Bandiera delle Fær Øer 0 – 3 Bandiera del Galles Galles Qual. Mondiali 1994 -
8-9-1993 Cardiff Galles Bandiera del Galles 2 – 2 Bandiera della Cecoslovacchia Cecoslovacchia Qual. Mondiali 1994 1
13-10-1993 Cardiff Galles Bandiera del Galles 2 – 0 Bandiera di Cipro Cipro Qual. Mondiali 1994 -
17-11-1993 Cardiff Galles Bandiera del Galles 1 – 2 Bandiera della Romania Romania Qual. Mondiali 1994 -
7-9-1994 Cardiff Galles Bandiera del Galles 2 – 0 Bandiera dell'Albania Albania Qual. Euro 1996 1
29-3-1995 Sofia Bulgaria Bandiera della Bulgaria 3 – 1 Bandiera del Galles Galles Qual. Euro 1996 -
11-10-1995 Swansea Galles Bandiera del Galles 1 – 2 Bandiera della Germania Germania Qual. Euro 1996 -
15-11-1995 Tirana Albania Bandiera dell'Albania 1 – 1 Bandiera del Galles Galles Qual. Euro 1996 -
24-4-1996 Ginevra Svizzera Bandiera della Svizzera 2 – 0 Bandiera del Galles Galles Amichevole -
2-6-1996 Serravalle San Marino Bandiera di San Marino 0 – 5 Bandiera del Galles Galles Qual. Mondiali 1998 1
31-8-1996 Cardiff Galles Bandiera del Galles 6 – 0 Bandiera di San Marino San Marino Qual. Mondiali 1998 -
14-12-1996 Cardiff Galles Bandiera del Galles 0 – 0 Bandiera della Turchia Turchia Qual. Mondiali 1998 -
29-3-1997 Cardiff Galles Bandiera del Galles 1 – 2 Bandiera del Belgio Belgio Qual. Mondiali 1998 -
20-8-1997 Istanbul Turchia Bandiera della Turchia 6 – 4 Bandiera del Galles Galles Qual. Mondiali 1998 -
11-10-1997 Bruxelles Belgio Bandiera del Belgio 3 – 2 Bandiera del Galles Galles Qual. Mondiali 1998 1 cap.
5-9-1998 Liverpool Galles Bandiera del Galles 0 – 2 Bandiera dell'Italia Italia Qual. Euro 2000 -
5-6-1999 Bologna Italia Bandiera dell'Italia 4 – 0 Bandiera del Galles Galles Qual. Euro 2000 -
9-6-1999 Copenaghen Danimarca Bandiera della Danimarca 2 – 0 Bandiera del Galles Galles Qual. Euro 2000 -
4-9-1999 Minsk Bielorussia Bandiera della Bielorussia 1 – 2 Bandiera del Galles Galles Qual. Euro 2000 1
29-3-2000 Wrexham Galles Bandiera del Galles 1 – 2 Bandiera della Finlandia Finlandia Amichevole 1
2-9-2000 Minsk Bielorussia Bandiera della Bielorussia 2 – 1 Bandiera del Galles Galles Qual. Mondiali 2002 -
7-10-2000 Cardiff Galles Bandiera del Galles 1 – 1 Bandiera della Norvegia Norvegia Qual. Mondiali 2002 -
11-10-2000 Bydgoszcz Polonia Bandiera della Polonia 0 – 0 Bandiera del Galles Galles Qual. Mondiali 2002 -
28-3-2001 Cardiff Galles Bandiera del Galles 1 – 1 Bandiera dell'Ucraina Ucraina Qual. Mondiali 2002 -
2-6-2001 Cardiff Galles Bandiera del Galles 1 – 2 Bandiera della Polonia Polonia Qual. Mondiali 2002 -
6-6-2001 Donec'k Ucraina Bandiera dell'Ucraina 1 – 1 Bandiera del Galles Galles Qual. Mondiali 2002 -
1-9-2001 Swansea Galles Bandiera del Galles 0 – 0 Bandiera dell'Armenia Armenia Qual. Mondiali 2002 - cap.
5-9-2001 Oslo Norvegia Bandiera della Norvegia 3 – 2 Bandiera del Galles Galles Qual. Mondiali 2002 - cap.
13-2-2002 Cardiff Galles Bandiera del Galles 1 – 1 Bandiera dell'Argentina Argentina Amichevole -
14-5-2002 Wrexham Galles Bandiera del Galles 1 – 0 Bandiera della Germania Germania Amichevole -
7-9-2002 Helsinki Finlandia Bandiera della Finlandia 0 – 2 Bandiera del Galles Galles Qual. Euro 2004 -
16-10-2002 Cardiff Galles Bandiera del Galles 2 – 1 Bandiera dell'Italia Italia Qual. Euro 2004 -
20-11-2002 Baku Azerbaigian Bandiera dell'Azerbaigian 0 – 2 Bandiera del Galles Galles Qual. Euro 2004 -
29-3-2003 Cardiff Galles Bandiera del Galles 4 – 0 Bandiera dell'Azerbaigian Azerbaigian Qual. Euro 2004 1
20-8-2003 Belgrado Serbia e Montenegro Bandiera della Serbia e Montenegro 1 – 0 Bandiera del Galles Galles Qual. Euro 2004 -
6-9-2003 Milano Italia Bandiera dell'Italia 4 – 0 Bandiera del Galles Galles Qual. Euro 2004 -
10-9-2003 Cardiff Galles Bandiera del Galles 1 – 1 Bandiera della Finlandia Finlandia Qual. Euro 2004 -
11-10-2003 Cardiff Galles Bandiera del Galles 2 – 3 Bandiera della Serbia e Montenegro Serbia e Montenegro Qual. Euro 2004 -
15-11-2003 Mosca Russia Bandiera della Russia 0 – 0 Bandiera del Galles Galles Qual. Euro 2004 -
19-11-2003 Cardiff Galles Bandiera del Galles 0 – 1 Bandiera della Russia Russia Qual. Euro 2004 -
18-2-2004 Cardiff Galles Bandiera del Galles 4 – 0 Bandiera della Scozia Scozia Amichevole -
30-5-2004 Wrexham Galles Bandiera del Galles 1 – 0 Bandiera del Canada Canada Amichevole -
9-10-2004 Manchester Inghilterra Bandiera dell'Inghilterra 2 – 0 Bandiera del Galles Galles Qual. Mondiali 2006 -
26-3-2005 Wrexham Galles Bandiera del Galles 0 – 2 Bandiera dell'Austria Austria Qual. Mondiali 2006 - cap.
30-3-2005 Salisburgo Austria Bandiera dell'Austria 1 – 0 Bandiera del Galles Galles Qual. Mondiali 2006 - cap.
3-9-2005 Cardiff Galles Bandiera del Galles 0 – 1 Bandiera dell'Inghilterra Inghilterra Qual. Mondiali 2006 - cap.
7-9-2005 Varsavia Polonia Bandiera della Polonia 1 – 0 Bandiera del Galles Galles Qual. Mondiali 2006 - cap.
8-10-2005 Belfast Irlanda del Nord Bandiera dell'Irlanda del Nord 2 – 3 Bandiera del Galles Galles Qual. Mondiali 2006 1 cap.
12-10-2005 Cardiff Galles Bandiera del Galles 2 – 0 Bandiera dell'Azerbaigian Azerbaigian Qual. Mondiali 2006 2 cap.
1-3-2006 Cardiff Galles Bandiera del Galles 0 – 0 Bandiera del Paraguay Paraguay Amichevole - cap.
15-8-2006 Swansea Galles Bandiera del Galles 0 – 0 Bandiera della Bulgaria Bulgaria Amichevole - cap.
2-9-2006 Teplice Rep. Ceca Bandiera della Rep. Ceca 2 – 1 Bandiera del Galles Galles Qual. Euro 2008 - cap.
5-9-2006 Londra Brasile Bandiera del Brasile 2 – 0 Bandiera del Galles Galles Amichevole - cap.
14-11-2006 Cardiff Galles Bandiera del Galles 4 – 0 Bandiera del Liechtenstein Liechtenstein Amichevole - cap.
24-3-2007 Dublino Irlanda Bandiera dell'Irlanda 1 – 0 Bandiera del Galles Galles Qual. Euro 2008 - cap.
28-3-2007 Cardiff Galles Bandiera del Galles 3 – 0 Bandiera di San Marino San Marino Qual. Euro 2008 1 cap.
26-5-2007 Wrexham Galles Bandiera del Galles 2 – 2 Bandiera della Nuova Zelanda Nuova Zelanda Amichevole - cap.
2-6-2007 Cardiff Galles Bandiera del Galles 0 – 0 Bandiera della Rep. Ceca Rep. Ceca Qual. Euro 2008 - cap.
Totale Presenze 64 Reti 12
Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Regno Unito olimpica
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
20-7-2012 Middlesbrough Regno Unito olimpica Bandiera del Regno Unito 0 – 2 Bandiera del Brasile Brasile olimpica Amichevole - cap.
26-7-2012 Manchester Senegal olimpica Bandiera del Senegal 2 – 3 Bandiera del Regno Unito Regno Unito olimpica Olimpiadi 2012 - 1º turno - cap.
29-7-2012 Londra Regno Unito olimpica Bandiera del Regno Unito 3 – 1 Bandiera degli Emirati Arabi Uniti Emirati Arabi Uniti olimpica Olimpiadi 2012 - 1º turno 1 cap. Uscita al 72’ 72’
4-8-2012 Londra Regno Unito olimpica Bandiera del Regno Unito 1 – 1 dts
(4 – 5 dcr)
Bandiera della Corea del Sud Corea del Sud olimpica Olimpiadi 2012 - Quarti di finale - Ingresso al 85’ 85’
Totale Presenze 4 Reti 1

Record[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche da allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate all'11 maggio 2014.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale Vittorie % Piazzamento
Comp G V N P Comp G V N P Comp G V N P Comp G V N P G V N P %
apr.-giu. 2014 Bandiera dell'Inghilterra Manchester Utd PL 4 2 1 1 - - - - - - - - - - - - - - - 4 2 1 1 50,00 Sub.
Totale carriera 4 2 1 1 - - - - - - - - - - - - 4 2 1 1 50,00

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]
Manchester Utd: 1991-1992, 2005-2006, 2008-2009, 2009-2010
Manchester Utd: 1992-1993, 1993-1994, 1995-1996, 1996-1997, 1998-1999, 1999-2000, 2000-2001, 2002-2003, 2006-2007, 2007-2008, 2008-2009, 2010-2011, 2012-2013
Manchester Utd: 1993, 1994, 1996, 1997, 2003, 2007, 2008, 2010, 2011, 2013
Manchester Utd: 1993-1994, 1995-1996, 1998-1999, 2003-2004
Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]
Manchester Utd: 1991
Manchester Utd: 1998-1999, 2007-2008
Manchester Utd: 1999
Manchester Utd: 2008

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

2006
  • Giovane dell'anno della PFA: 2
1991-1992, 1992-1993
1992-1993
  • Squadra dell'anno della PFA: 6
1992-1993, 1997-1998, 2000-2001, 2001-2002, 2006-2007, 2008-2009
1999
2009
2011
Premio alla carriera per calciatori: 2019

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Ufficiale dell'Ordine dell'Impero Britannico - nastrino per uniforme ordinaria

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Ryan Giggs: The games, the goals and the gongs, su bbc.com, 19 maggio 2014.
  2. ^ a b (EN) World Soccer 100 Players of the Century, su englandfootballonline.com. URL consultato il 19 ottobre 2012.
  3. ^ a b Jacopo Gerna, Champions, Giggs a quota 1000 presenze da professionista, su gazzetta.it, 5 marzo 2013. URL consultato il 6 marzo 2013.
  4. ^ (EN) Manchester United swept Fulham aside at Old Trafford to march into the fifth round of the FA Cup, su bbc.co.uk, 26 gennaio 2013. URL consultato il 23 aprile 2014.
  5. ^ Giocatori con più trofei vinti: Messi insegue Dani Alves, su sport.sky.it.
  6. ^ a b (EN) Ryan Giggs: Manchester United winger ends glittering career, su bbc.com, 19 maggio 2014.
  7. ^ (EN) Manchester United FC, su uefa.com. URL consultato il 23 aprile 2014.
  8. ^ a b c d e f g (EN) Tom Ibison, Ryan Giggs retires: We salute record-breaking Manchester United legend, su guinnessworldrecords.com, 23 maggio 2014.
  9. ^ (EN) Chris Whyatt, Ryan Giggs profile, su news.bbc.co.uk, 23 maggio 2011. URL consultato il 23 aprile 2014.
  10. ^ a b c (EN) Tom White, Ryan Giggs: The Most Important United Player of All Time?, su Bleacher Report. URL consultato il 9 dicembre 2019.
  11. ^ Onora il padre, su L'Ultimo Uomo. URL consultato il 9 dicembre 2019.
  12. ^ Dribbling, pugni e polizia, in la Repubblica, 11 settembre 1996, p. 45. URL consultato il 20 maggio 2021.
  13. ^ (EN) Gregory Wakeman, Ryan Giggs' 11 Greatest Moments at Manchester United, su Bleacher Report. URL consultato il 9 dicembre 2019.
  14. ^ a b Carlo F. Chiesa, Regine del mondo - La storia della Coppa Intercontinentale, in Calcio 2000, n. 27, febbraio 1999, p. 78.
  15. ^ (EN) Toyota Cup - Most Valuable Player of the Match Award, rsssf.com
  16. ^ (EN) Giggs: United's greatest, su manutd.com, 31 gennaio 2011. URL consultato il 23 aprile 2014.
  17. ^ Premier League - Golden Foot 2011: premiato Ryan Giggs, su it.eurosport.yahoo.com, 10 ottobre 2011. URL consultato il 23 aprile 2014.
  18. ^ Giggs, 900 partite con lo United e non sentirle: suo il goal-partita contro il Norwich!, su goal.com, 26 febbraio 2012. URL consultato il 23 aprile 2014.
  19. ^ Giggs giocatore/allenatore allo United, su it.uefa.com, 4 luglio 2013. URL consultato il 23 aprile 2014.
  20. ^ (ES) Giggs supera a Raúl en partidos jugados en la Champions, su futbol.as.com, 2 ottobre 2013. URL consultato il 23 aprile 2014.
  21. ^ (EN) Man Utd: First ever own goal for Giggs, su sportsdirectnews.com, 7 gennaio 2014. URL consultato il 23 aprile 2014 (archiviato dall'url originale il 10 gennaio 2014).
  22. ^ Giggs announces retirement, su manutd.com, 19 maggio 2014. URL consultato il 21 maggio 2014.
  23. ^ (EN) Giggs off as Wales are beaten in Oslo, su news.bbc.co.uk, 5 settembre 2001. URL consultato il 23 aprile 2014.
  24. ^ (EN) Giggs takes temporary role, su manutd.com, 22 aprile 2014. URL consultato il 23 aprile 2014.
  25. ^ Inghilterra, Manchester United: Moyes a un passo dall'esonero, in arrivo Giggs, su repubblica.it, 22 aprile 2014. URL consultato il 23 aprile 2014.
  26. ^ (EN) Ryan Giggs leaves Manchester United, su manutd.com, 2 luglio 2016. URL consultato il 4 luglio 2016.
  27. ^ Giggs a processo per aggressione a due donne. E il Galles lo esonera, su gazzetta.it. URL consultato il 24 aprile 2021.
  28. ^ (EN) Daniel Taylor, Ryan Giggs acquitted of domestic abuse charges, su theathletic.com, 18 luglio 2023.
  29. ^ (EN) FAW / FAW Statement: Ryan Giggs, su faw.cymru. URL consultato il 21 giugno 2022.
  30. ^ (EN) Class of '92 stars agree deal to buy Salford City FC, su manchestereveningnews.co.uk, 27 marzo 2014. URL consultato il 27 aprile 2023.
  31. ^ (EN) Gary Neville, Phil Neville, Ryan Giggs, Paul Scholes and Nicky Butt agree deal for Salford City FC, su skysports.com, 28 marzo 2014. URL consultato il 27 aprile 2023.
  32. ^ Ha segnato anche in due edizioni del campionato precedente alla creazione della Premier League.
  33. ^ Ha disputato anche due edizioni della First Division prima dell'istituzione della Premier League.
  34. ^ Ryan Giggs – UEFA.com, su it.uefa.com. URL consultato il 23 aprile 2014.
  35. ^ https://www.athletic-club.eus/en/club/one-club-man-award

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN51433558 · ISNI (EN0000 0000 6402 3376 · LCCN (ENno2006001383 · GND (DE17386225X · BNF (FRcb169107747 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no2006001383