Robert Lewandowski

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Robert Lewandowski
2019147183134 2019-05-27 Fussball 1.FC Kaiserslautern vs FC Bayern München - Sven - 1D X MK II - 0228 - B70I8527 (cropped).jpg
Lewandowski con il Bayern Monaco nel 2019
Nazionalità Polonia Polonia
Altezza 185 cm
Peso 81 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Attaccante
Squadra Barcellona
Carriera
Giovanili
1997-2005600px Giallo e Rosso Strisce-Flag.svg Delta Varsavia
Squadre di club1
2008-2010Lech Poznań58 (32)
2010-2014Borussia Dortmund131 (74)
2014-2022Bayern Monaco253 (238)
2022-Barcellona7 (9)
Nazionale
2007Polonia Polonia U-191 (0)
2007-2008Polonia Polonia U-213 (0)
2008-Polonia Polonia134 (76)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 28 settembre 2022

Robert Lewandowski ('Robert Levan'dofskʲi ascolta[?·info]; Varsavia, 21 agosto 1988) è un calciatore polacco, attaccante del Barcellona e della nazionale polacca, di cui è capitano.

Considerato da molti il più forte calciatore polacco di tutti i tempi, nonché uno dei più forti centravanti di ogni epoca,[1][2] è uno dei giocatori di maggior successo della Bundesliga[3][4][5][6] e figura al decimo posto nella classifica dei marcatori più prolifici della storia del calcio. È lo straniero più prolifico in Bundesliga e il secondo miglior marcatore di questa competizione, oltreché il primo tra i giocatori ancora in attività.[7] Con 41 reti realizzate (in sole 29 partite) nella stagione 2020-2021, è diventato il calciatore che ha segnato di più in una singola edizione del campionato tedesco, superando il record di Gerd Müller.[8] È altresì il terzo miglior marcatore della UEFA Champions League, alle spalle di Cristiano Ronaldo e Lionel Messi,[9] nonché il calciatore che ha realizzato più reti nelle prime 100 presenze nella medesima competizione (81).[10] Nella suddetta competizione è l'unico calciatore ad aver segnato una tripletta con tre club differenti (Borussia Dortmund, Bayern Monaco e Barcellona).[11]

Nel 2010, dopo aver vinto un campionato polacco (2009-10), una Coppa di Polonia (2008-09) e una Supercoppa polacca (2009) con il Lech Poznań, si è trasferito al Borussia Dortmund, con cui ha vinto due campionati tedeschi (2010-11, 2011-12), una Coppa di Germania (2011-12) e una Supercoppa tedesca (2013). Dopo quattro stagioni è passato al Bayern Monaco, con cui si è aggiudicato otto campionati tedeschi consecutivi (dal 2015 al 2022), tre Coppe di Germania (2015-16, 2018-19, 2019-20), cinque Supercoppe tedesche (2016, 2017, 2018, 2020, 2021), una UEFA Champions League (2019-20), una Supercoppa UEFA (2020) e una Coppa del mondo per club FIFA (2020). Nel 2022 viene ceduto al Barcellona.

Con la nazionale polacca, di cui è primatista assoluto di reti e presenze, ha preso parte a tre edizioni del campionato d'Europa (Polonia-Ucraina 2012, Francia 2016 ed Europa 2020) e a un'edizione del campionato del mondo (Russia 2018). Con 76 gol totali è il terzo miglior marcatore delle nazionali europee, preceduto da Cristiano Ronaldo e Ferenc Puskás.[12]

A livello individuale ha vinto in un'occasione la classifica dei marcatori del campionato polacco (2009-10), per sette volte quella della campionato tedesco (2013-14, 2015-16, 2017-18, 2018-19, 2019-20, 2020-21, 2021-22) e in un'occasione quella della UEFA Champions League (2019-2020). Nella stagione 2020-2021 si è aggiudicato la Scarpa d'oro,[13] e sempre nel 2021 è stato eletto attaccante dell'anno da France Football ed è arrivato al secondo posto della graduatoria del Pallone d'oro. Vincitore di numerosi premi accessori, è stato nominato calciatore polacco dell'anno per nove volte (dal 2011 al 2017 e dal 2019 al 2020) e migliore calciatore dell'anno in Germania dalla rivista Kicker nel 2020 e nel 2021.[14] Nel 2020 è stato nominato UEFA Men's Player of the Year,[15] mentre nel 2020 e nel 2021 è stato eletto The Best FIFA Men's Player.[16] È stato inoltre votato come calciatore dell'anno dall'IFFHS nel 2020 e nel 2021. È stato inserito quattro volte nella squadra della stagione della UEFA Champions League (2015-16, 2016-17, 2019-20, 2020-21) e due volte ciascuna nella squadra dell'anno UEFA (2019, 2020), nella squadra dell'anno ESM (2019-20, 2020-21), nella squadra dell'anno FIFA FIFPro (2020, 2021) e nella squadra dell'anno IFFHS (2020, 2021).[17]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Il padre Krzysztof, scomparso nel 2005, era campione nazionale di judo e calciatore dell'Hutnik Varsavia, militante nella seconda divisione del campionato polacco;[18][19] la madre Iwona era, invece, una pallavolista dell'AZS Varsavia, di cui assunse, da ex giocatrice, il ruolo di vice-presidente.[20] Sua sorella Milena seguì le orme della madre, rappresentando la nazionale Under-21 della Polonia nel campionato europeo di pallavolo.[19]

Il 22 giugno 2013 Lewandowski si sposa a Varsavia con la storica compagna Anna Stachurska,[21] campionessa di karate al campionato mondiale 2009.[19] Il 4 maggio 2017 è nata la loro primogenita, Klara;[22] il 6 maggio 2020 la coppia ha avuto una seconda figlia, Laura.

Il 9 ottobre 2017, a conclusione di un percorso di studi decennale, si laurea in educazione fisica presso l'Università dello Sport di Varsavia, con una tesi intitolata RL9, il cammino verso la gloria, un discorso autoreferenziale in cui il calciatore polacco racconta la propria carriera. Ha ricevuto il massimo dei voti.[23]

È un fervente praticante della fede cattolica, tanto da aver richiesto nell'ottobre 2014 un incontro con Papa Francesco durante la visita alla Città del Vaticano successiva alla vittoria per 7-1 contro la Roma con il Bayern in UEFA Champions League.[24]

Nella cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2015 compare sulla copertina polacca del videogioco calcistico FIFA 15, affiancando Lionel Messi.[25]

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Lewandowski contrastato dai difensori avversari durante un'azione di gioco personale

Preciso finalizzatore, abile di testa e con entrambi i piedi, Lewandowski è un prolifico goleador, considerato tra i migliori interpreti del ruolo di attaccante nel calcio moderno.[26] Possiede tutte le caratteristiche dei migliori numeri nove: altezza, forza, equilibrio, passo, intelligenza tattica e abilità di finalizzazione con entrambi i piedi.[27] Sebbene operi principalmente nell'area di rigore avversaria, per il suo senso della posizione e la capacità di tiro, per la forza nel gioco aereo e l'ottimo bagaglio tecnico, l'accelerazione, la visione di gioco e le doti fisiche, si sa rendere molto utile anche in altre zone del campo.[26] Si distingue per la capacità di tenere palla spalle alla porta e favorire la risalita dei compagni di squadra e per l'abilità nel guadagnare calci di punizione in posizioni utili del campo.[26] Ambidestro, sa inoltre creare spazio per i compagni e tornare utile nella fase di contenimento dell'azione avversaria.[27]

Lewandowski è stato inoltre elogiato per le qualità etiche e per la disciplina dimostrata dentro e fuori dal campo e in allenamento.[5][28][29]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Inizi[modifica | modifica wikitesto]

Lewandowski con la maglia del Lech Poznań nel 2009

«Quando avevo sei anni, ricordo Roberto Baggio al Mondiale del '94. Quando avevo tra i 10 e i 14 anni, Alessandro Del Piero era il mio giocatore preferito. Poi il mio idolo è diventato Thierry Henry. Era fantastico, non solo per i gol che faceva ma per come aiutava la squadra.»

(Lewandowski sui suoi miti d'infanzia[30][31])

Nato a Varsavia e cresciuto nel villaggio di Leszno, situato nel Distretto Ovest,[32] iniziò a tirare i primi calci al pallone nel club locale Partyzant Leszno,[33][34] cui fece seguito una breve parentesi al MKS Varsavia.[35] Nel 1998 passa al Delta, squadra militante in III liga dove si forma calcisticamente, mentre sette anni più tardi si trasferì nelle giovanili del Legia Varsavia.[36] Poco prima della scadenza naturale del contratto firmato un anno prima Lewandowski subì un gravissimo infortunio al ginocchio tale per cui il club decise di non offrirgli il rinnovo: la decisione di lasciarlo a casa non gli fu comunicata dall'allenatore o dal direttore tenico, ma direttamente dalla segretaria. Questa pessima notizia unita poi alla perdita del padre dopo una lunga malattia portarono Lewandowski a pensare seriamente di ritirarsi dal calcio.[37]

Ricordando l'episodio in cui il Legia decise di scaricarlo Lewandowski racconta[38]:

«È stato uno dei giorni peggiori della mia vita. Mio padre se n’era andato. Adesso la mia carriera stava cadendo a pezzi. Dopo aver ricevuto la notizia, sono tornato in macchina dove mia madre mi stava aspettando e ho cominciato a piangere. Le ho detto cos’era successo. Lei è stata fortissima e mi disse di non pensare al passato, fu lei a mettersi in contatto con il Znicz Pruszków, un piccolo club ma sempre nella stessa divisione del Legia. In realtà avevano voluto acquistarmi un paio di mesi prima e io avevo detto di no. Perché avrei dovuto lasciare il Legia per andare al Znicz Pruszków, pensai? Ma ora ero solo felice che mi volevano ancora, nonostante il mio infortunio: all’inizio non potevo nemmeno correre correttamente. Una delle mie gambe restava indietro rispetto all’altra, come se avessi un blocco di cemento intorno alla caviglia.»

Nel 2006 passa quindi allo Znicz Pruszków, nella terza divisione polacca, dove con 15 reti contribuisce in modo decisivo alla promozione della squadra, laureandosi anche capocannoniere del campionato. La stagione seguente, in Seconda divisione, è ancora top scorer della categoria, con 21 reti totali.

Lech Poznań[modifica | modifica wikitesto]

Il 18 giugno 2008 viene acquistato dal Lech Poznań per 1,5 milioni di złoty (circa 370.000 euro).[39] Debutta con la nuova maglia il 17 luglio 2008 nel turno preliminare di Coppa UEFA contro gli azeri del Xəzər Lənkəran, realizzando l'unico gol del match. Va in gol anche al debutto nell'Ekstraklasa, avvenuto nell'agosto 2008 contro il Bełchatów.[40] La prima stagione si conclude con 30 presenze e 14 reti, piazzandosi al terzo posto dei marcatori.

Nella stagione 2009-2010 si conferma ad ottimi livelli, realizzando 18 reti in 28 partite; il Lech Poznań vince il campionato e lui per la prima volta in carriera vince il premio di capocannoniere dell'Ekstraklasa.

Prima di approdare in Germania e fare le fortuna di Borussia Dortmund prima e di Bayern Monaco poi, Lewandowski è stato vicino a diversi club di Serie A e di Premier League: Sam Allardyce, allora tecnico dei Blackburn Rovers disse che nel 2010 il polacco stava per unirsi al suo club, ma le nuvole di cenere causate dalle eruzioni del vulcano islandese Eyjafjallajökull che avevano sospeso tutti i voli in entrata e in uscita dal Regno Unito, oltre ad altre preoccupazioni finanziarie, hanno impedito il potenziale trasferimento. In Italia, nello stesso anno, il polacco è stato vicino al Genoa, ma tale passaggio è sfumato per volontà del presidente Enrico Preziosi.[41][42]

Borussia Dortmund[modifica | modifica wikitesto]

Lewandowski con il Borussia Dortmund in una partita della DFB-Pokal 2013-2014 contro il Wilhelmshaven

L'11 giugno 2010 viene acquistato a titolo definitivo dai tedeschi del Borussia Dortmund.[43][44] Il cartellino è stato pagato circa 4 milioni di euro,[45] più alta cifra incassata da un club polacco per un singolo trasferimento fino a quel momento.[46] Segna il primo gol in Bundesliga il 19 settembre 2010 nella trasferta contro lo Schalke 04 (1-3). Lewandowski conclude la stagione segnando 9 goal (8 in campionato e 1 in Champions) in 43 partite (33 in campionato, 2 in coppa e 8 in Champions) - spesso entrando a partita in corso - contribuendo alla vittoria del campionato.

Importantissimo per la crescita e l'ambientamento in Germania di Lewandowski fu l'allora tecnico dei gialloneri Jürgen Klopp con cui il polacco entrò in sintonia sin subito considerandolo quasi come un secondo padre:[47]

«Klopp è stato colui che mi ha fatto credere in me stesso. Non ero così forte quando sono andato al Borussia Dortmund, lui mi ha migliorato. Nei primi 3-4 mesi mi ha caricato sfidandomi nei tiri in porta alla fine di ogni allenamento. Chi segnava di più vinceva 50 euro. Inizialmente vinceva lui, col tempo sono migliorato fino a quando vincevo sempre io e lui non voleva più giocare. Alla fine il mio bilancio era positivo.»

Il 1º ottobre 2010, nella partita vinta contro l'Augsburg per 4-0, Lewandowski segna la sua prima tripletta con la maglia giallonera, confezionando anche l'assist per il 3-0 di Mario Götze. Lewandowski contribuisce al secondo titolo consecutivo del Borussia Dortmund grazie alle sue 22 reti stagionali (una delle quali, realizzata contro il Bayern Monaco, consente al Borussia Dortmund di portarsi a 6 punti di vantaggio sui bavaresi, secondi classificati, a 4 giornate dalla fine). Chiude la stagione vincendo anche la Coppa di Germania, segnando una tripletta nella vittoria 5-2 in finale contro il Bayern.

La stagione 2012-2013 si apre con la finale di Supercoppa di Germania contro il Bayern Monaco, in cui Lewandowski mette a segno una rete, che si rivelerà però inutile in quanto la vittoria andrà al Bayern 2-1. Nella sfida di UEFA Champions League contro l'Ajax il 21 novembre realizza una doppietta, la partita viene vinta dal Borussia per 4-1.[48] Il 24 aprile 2013 realizza il suo primo poker con la maglia del Borussia Dortmund, mettendo a segno tutte le reti nella vittoria per 4-1 sul Real Madrid, ottenuta nella semifinale di andata di Champions League.[49] È il primo calciatore ad avere segnato quattro reti in una semifinale di UEFA Champions League. Il 25 maggio gioca per la prima volta la finale di UEFA Champions League, persa dal Borussia Dortmund per 2-1 contro i connazionali del Bayern Monaco.

Lewandowski inizia la stagione 2013-2014 vincendo la Supercoppa di Germania ai danni del Bayern Monaco, battuto per 4-2. Il 4 gennaio 2014 il direttore sportivo dello stesso Bayern Monaco, Karl-Heinz Rummenigge, annuncia di aver trovato con il giocatore l'accordo per il trasferimento dell'attaccante in Baviera a parametro zero, a partire dalla stagione successiva.[50][51]

Bayern Monaco[modifica | modifica wikitesto]

2014-2016: i primi trofei[modifica | modifica wikitesto]
Lewandowski con il Bayern Monaco in una gara della UEFA Champions League 2014-2015 contro il CSKA Mosca

Lewandowski esordisce in campionato con la maglia dei bavaresi il 22 agosto 2014, nella gara vinta per 2-1 contro il Wolfsburg. Segna il suo primo gol con il Bayern il 30 agosto seguente, nel pareggio per 1-1 sul campo dello Schalke 04. Il 4 ottobre realizza la sua prima doppietta con il club di Monaco di Baviera, nella gara vinta per 4-0 contro l'Hannover 96. Due settimane più tardi segna il primo gol in UEFA Champions League con la maglia dei bavaresi, nella vittoria per 7-1 contro la Roma all'Olimpico. Il 4 aprile 2015 decide il match contro la sua ex squadra, il Borussia Dortmund, con un colpo di testa al 36º minuto (1-0). Il 26 aprile 2015 vince il campionato con il Bayern, il terzo della sua carriera.[52]

Il 22 settembre 2015, nella partita vinta per 5-1 contro il Wolfsburg all'Allianz Arena, segna tutte e cinque le reti della sua squadra in soli nove minuti di gioco (tra il 51º ed il 60º), dopo essere entrato dalla panchina ad inizio secondo tempo: così facendo realizza la tripletta, la quaterna e la cinquina più veloci nella storia della Bundesliga.[53] Il suo periodo d'oro continua anche nelle due partite successive, in cui realizza rispettivamente due reti contro il Magonza in campionato e tre contro la Dinamo Zagabria in UEFA Champions League, che lo portano ad un bottino di 10 gol segnati nell'arco di una settimana. Il primo gol contro il Magonza è il suo centesimo in Bundesliga in 168 presenze, un record per un calciatore straniero nel massimo campionato della Germania. Con 10 reti nelle prime 7 giornate di campionato, eguaglia inoltre il primato di Gerd Müller per il campionato tedesco. Nel gennaio 2016 ottiene il quarto posto nella graduatoria del Pallone d'oro FIFA 2015, mentre il 19 marzo, segnando il gol che decide la partita contro il Colonia, si porta a 25 reti in campionato, nuovo record personale. Conclude la stagione con 30 reti in Bundesliga, conseguendo il titolo di capocannoniere della competizione per la seconda volta in tre stagioni e divenendo il primo straniero a raggiungere tale livello realizzativo in un'annata del campionato tedesco dai tempi di Dieter Müller (1976-1977).

2016-2019: i record[modifica | modifica wikitesto]

L'11 marzo 2017 segna il centesimo gol con la maglia del Bayern in 137 presenze, con la doppietta nella gara vinta per 3-0 contro l'Eintracht Francoforte. Conclude la stagione 2016-2017 con 42 reti in 47 partite in tutte le competizioni.

La stagione 2017-2018 lo vede andare in rete in undici partite casalinghe di fila di Bundesliga ed eguagliare così il record di Jupp Heynckes. Nella stessa annata, nella gara vinta per 6-0 contro l'Amburgo, realizza tre reti e fallisce per la prima volta un calcio di rigore in Bundesliga con il Bayern. L'11 febbraio 2018 viene eletto Calciatore polacco dell'anno per la settima volta di fila; chiude l'annata con il titolo di capocannoniere del campionato con 29 reti e un bilancio finale di 41 gol in 48 partite stagionali.

Lewandowski con il Bayern Monaco nel 2019

La stagione 2018-2019 inizia per lui con una tripletta nella Supercoppa di Germania contro l'Eintracht Francoforte (5-0),[54] in virtù della quale, oltre a diventare il primo calciatore di sempre a riuscirvi, si laurea miglior marcatore nella storia della competizione.[55][56] Il 27 novembre 2018 realizza il suo 50º gol in Champions League, contribuendo alla vittoria per 5-1 sul Benfica,[57] cui fece seguito la sua 100ª rete all'Allianz Arena, segnata il 9 febbraio 2019 nella partita vinta 3-1 contro lo Schalke 04, che gli consente di toccare quota 119 marcature con il Bayern, a pari merito con Roland Wohlfarth[58], per poi superarlo il mese successivo contro il Borussia M'gladbach (1-5), eguagliando peraltro Claudio Pizarro in qualità di straniero più prolifico di sempre della Bundesliga, con 195 gol totali;[59] il record sarà poi nuovamente battuto dall'attaccante polacco nella giornata seguente.[60][61] Con la doppietta del 6 aprile 2019 contro il Borussia Dortmund, battuto 5-0, supera il traguardo dei 200 gol in Bundesliga, mentre le 22 reti stagionali lo proclamano nuovamente miglior marcatore in massima serie,[62] concludendo l'annata con 40 reti in 47 presenze in tutte le competizioni e la vittoria del secondo double campionato-coppa con i bavaresi, vittoriosi il 25 maggio 2019 nella finale di Coppa di Germania contro l'RB Lipsia (3-0),[63] in cui diventa il miglior marcatore nelle finali di coppa tedesca con 6 gol.[64]

2019-2022: il trionfo in UEFA Champions League e la Scarpa d'oro[modifica | modifica wikitesto]

Nella partita inaugurale della Bundesliga 2019-2020, contro l'Hertha Berlino (2-2), va in gol alla prima di campionato per la quinta stagione consecutiva, record assoluto per il calcio tedesco,[65] mentre il 18 settembre marca il 200º gol con il Bayern nella partita di UEFA Champions League vinta per 3-0 in casa contro la Stella Rossa. Alla fine di settembre realizza il decimo gol in campionato, divenendo il primo calciatore a segnare dieci reti nelle prime sei giornate di una stagione di Bundesliga; successivamente diventa il primo giocatore ad andare in gol nelle prime nove, dieci e undici giornate del massimo campionato tedesco. Il 26 novembre 2019, nella gara di UEFA Champions League sul campo della Stella Rossa, realizza il poker più veloce della storia della competizione, mettendo a segno quattro reti tra il 53º e il 67º minuto di gioco e raggiungendo già la doppia cifra nella competizione. Con queste reti diventa anche il secondo calciatore a segnare per due volte quattro reti in una sola partita di Champions. Il 25 febbraio 2020 la stagione del polacco si arricchisce di un nuovo record: grazie al gol segnato in casa del Chelsea in Champions (0-3), con nove gol realizzati in trasferta in una competizione europea eguaglia il primato di Cristiano Ronaldo. Il 20 giugno 2020, andando in rete nel successo casalingo per 3-1 contro il Friburgo, diviene lo straniero che ha segnato più gol in Bundesliga.[66] L'annata si chiude con la vittoria del titolo nazionale (con due turni di anticipo sulla fine del torneo), abbinata alla palma di capocannoniere della Bundesliga (con 34 gol in 31 partite), della Coppa di Germania e della UEFA Champions League. Nella massima competizione europea, sospesa a marzo per via della pandemia di COVID-19 e ripartita ad agosto, Lewandowski realizza una doppietta nella sfida di ritorno degli ottavi di finale, in casa contro il Chelsea (4-1), un gol nella schiacciante vittoria (8-2) contro il Barcellona nella gara unica dei quarti di finale, e un gol nella semifinale in gara unica vinta contro l'Olympique Lione (3-1), arrivando a 15 reti in 9 partite consecutive di UEFA Champions League. La striscia di reti in partite di fila nel torneo si interrompe nella finale contro il Paris Saint-Germain, vinta comunque dai bavaresi per 1-0.

Il 1º ottobre 2020 viene nominato Calciatore dell'anno UEFA[15] e miglior attaccante della UEFA Champions League 2019-2020,[67] ricevendo a dicembre anche il premio di Calciatore dell'anno FIFA.[16] Il 17 gennaio 2021, nella vittoria contro il Friburgo, segna il ventunesimo gol stagionale in Bundesliga, battendo il record di 20 reti nel girone di andata stabilito da Gerd Müller nel 1968-1969.[68] L'8 febbraio 2021 decide con una doppietta la semifinale della Coppa del mondo per club, consentendo ai bavaresi di battere per 2-0 l'Al-Ahly e accedere alla finale del torneo.[69] Nell'ultimo atto il Bayern Monaco batte per 1-0 il Tigres UANL e si laurea campione del mondo;[70] Lewandowski è premiato come miglior giocatore della competizione. Il 15 maggio 2021, grazie alla rete siglata su calcio di rigore contro il Friburgo eguaglia il record di gol segnati in una singola stagione di Bundesliga, appartenente a Gerd Müller (40),[71] per poi batterlo la settimana seguente, grazie al gol contro l'Augusta nella vittoria per 5-2 in casa all'ultima giornata.[72][73] Con 41 reti segnate in campionato si aggiudica la Scarpa d'oro 2021 come migliore marcatore stagionale dei campionati europei[74] e termina la stagione 2020-2021 con 48 gol in 40 partite, realizzando almeno 40 gol in stagione per la sesta volta in carriera.[75]

Il 13 agosto 2021, andando in gol contro il Borussia M'gladbach nella sfida esterna pareggiata per 1-1, segna alla prima giornata di Bundesliga per la settima stagione consecutiva, migliorando il proprio record stabilito per il campionato tedesco.[76] Qualche giorno dopo si aggiudica la Supercoppa di Germania, decidendo con una doppietta la partita vinta per 3-1 contro il Borussia Dortmund.[77] Il 28 agosto, con la tripletta segnata contro l'Hertha Berlino (5-0), estende a 16 la striscia di partite ufficiali consecutive in cui va a segno, record per una squadra tedesca (battuto il precedente primato appartenente a Gerd Müller),[78][79][80] e supera i 300 gol realizzati con la maglia della squadra bavarese.[81] Il 18 settembre, facendo gol nella partita contro il Bochum, sale a quota 13 partite casalinghe consecutive di Bundesliga in cui va a segno, stabilendo un primato per il campionato tedesco (battuto un record detenuto da Gerd Müller e Jupp Heynckes).[82] Il 29 novembre seguente si classifica secondo nella graduatoria finale del Pallone d'oro[83] e vince il premio assegnato da France Football al miglior attaccante dell'anno.[84] Chiude l'anno solare 2021 con 43 gol segnati in 34 partite di campionato, battendo il record di reti di Gerd Müller che durava dal 1972; inoltre eguaglia il record di 69 gol stagionali (tra club e nazionale) stabilito da Cristiano Ronaldo nel 2013.[85] Inizia il 2022 con un altro record: con la tripletta messa a segno il 15 gennaio contro il Colonia tocca quota 300 gol totali realizzati in Bundesliga, piazzandosi dietro a Müller (365).[86] Con la tripletta realizzata in soli 11 minuti nella partita di UEFA Champions League dell'8 marzo contro il Salisburgo, vinta per 7-1, entra nella storia della competizione, battendo il precedente record di Marco Simone per la tripletta più rapida nel torneo.[87]

Il 13 maggio seguente annuncia la decisione di non rinnovare il contratto con il Bayern Monaco dopo otto stagioni di militanza, 18 trofei vinti e 343 gol segnati,[88] mentre il giorno segna la rete del provvisorio 2-0 nel pareggio esterno contro il Wolfsburg (2-2).[89] Conclude la stagione 2021-22 con un totale di 50 gol (in 46 partite), 35 dei quali in Bundesliga, di cui si laurea miglior marcatore per la settima volta in carriera.[90][91]

Barcellona[modifica | modifica wikitesto]

Il 16 luglio 2022 il Barcellona comunica di aver trovato un principio di accordo con il Bayern Monaco per il trasferimento di Lewandowski, soggetto al superamento delle visite mediche e alla firma del contratto con il giocatore.[92][93] Il 19 luglio seguente viene perfezionato il trasferimento a titolo definitivo del calciatore per 45 milioni di euro più 5 milioni di bonus, con l'inserimento di una clausola rescissoria di 500 milioni di euro.[94][95] Esordisce ufficialmente in maglia blaugrana il 13 agosto seguente, nella partita casalinga contro il Rayo Vallecano (0-0) valida per la prima giornata di campionato.[96] Il 21 agosto segna i suoi primi gol con il Barça, realizzando una doppietta nella partita vinta per 1-4 sulla Real Sociedad.[97][98] Il 7 settembre seguente realizza una tripletta contro il Viktoria Plzeň nel match inaugurale di UEFA Champions League vinto per 5-1,[99] divenendo l'unico calciatore a siglare triplette in UEFA Champions League vestendo la maglia di tre squadre diverse.[11]

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Lewandowski durante la gara della fase a gironi del campionato del mondo del 2018 tra Polonia e Giappone

Nel 2007 debutta nella nazionale polacca Under-19. Dal 2007 al 2008 colleziona 3 presenze nella nazionale polacca Under-21, nelle amichevoli contro Inghilterra, Bielorussia e Finlandia.

Convocato dal CT Franciszek Smuda, esordisce in nazionale maggiore il 10 settembre 2008, all'età di 20 anni, subentrando al 58' a Marek Saganowski nella partita esterna contro San Marino, valida per le qualificazioni al campionato del mondo del 2010, in cui segna la rete del definitivo 2-0 pochi minuti dopo essere sceso in campo: diventa così il secondo più giovane marcatore esordiente della Polonia dopo Lubański, che il 4 settembre 1963 segnò contro la Norvegia all'età di 16 anni, 6 mesi e 7 giorni.[29]

Divenuto titolare, viene convocato per il campionato d'Europa 2012 (ospitato congiuntamente da Ucraina e Polonia). È lui a realizzare la prima rete della competizione, nella partita inaugurale contro la Grecia (terminata 1-1). La Polonia non riuscirà, però, a superare il girone, ottenendo due punti e uscendo dal torneo. Il giocatore compare anche nel video di Endless Summer, la canzone ufficiale del campionato europeo.

Il 6 giugno 2014, in occasione dell'amichevole vinta per 2-1 a Danzica contro la Lituania, indossa per la prima volta la fascia di capitano della Polonia.

Murales dedicato a Lewandowski a a Chorzów

Marca la prima quaterna in nazionale il 7 settembre 2014, nella partita vinta per 7-0 contro Gibilterra, in occasione delle qualificazioni al campionato d'Europa 2016. Il 13 giugno 2015 realizza una tripletta contro la Georgia. Con 10 gol in 8 presenze diventa capocannoniere delle qualificazioni al campionato d'Europa 2016.[100] Convocato per la fase finale del torneo, segna il suo unico gol nella competizione nel quarto di finale, perso dalla Polonia contro il Portogallo ai tiri di rigore dopo il pareggio per 1-1.[101]

Con 16 reti realizzate in 10 partite contribuisce in modo decisivo alla qualificazione della Polonia al campionato del mondo 2018 e si laurea capocannoniere delle qualificazioni UEFA al campionato mondiale di Russia 2018, svoltesi nel biennio 2016-2017.[102][103] Il 5 ottobre 2017, con una tripletta messa a segno ai danni dell'Armenia a Erevan (battuta per 6-1), diventa il miglior marcatore nella storia della Polonia, raggiungendo la soglia delle 50 segnature in nazionale.[104]

Convocato per il campionato del mondo 2018, in questa occasione Lewandowski delude, non segnando neanche una rete nelle tre gare disputate dalla Polonia eliminata al primo turno.[103][105]

Il 10 ottobre 2019 mette a segno una tripletta contro la Lettonia nel corso delle qualificazioni al campionato d'Europa 2020.[106] Convocato per la fase finale del torneo,[107] disputata nel 2021 anziché nel 2020 a causa della pandemia da COVID-19, realizza tre reti: una nel pareggio per 1-1 contro la Spagna[108] e due nella sconfitta per 3-2 contro la Svezia, rovescio che sancisce l'eliminazione dei polacchi dal torneo.[109] Sempre contro gli scandinavi, il 29 marzo 2022 segna su rigore il gol del provvisorio 1-0 nella vittoria casalinga ottenuta nella finale di play-off di qualificazione al campionato del mondo 2022.[110]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Tra club, nazionale maggiore e nazionali giovanili, Lewandowski ha disputato globalmente 889 partite segnando 627 reti, alla media di 0.71 gol a partita.[111]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 4 ottobre 2022.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2004-2005 Polonia Delta Varsavia 4L 17 4 CP 2 0 - - - - - - 19 4
2005-2006 Polonia Legia Varsavia II 3L 12 2 CP 1 2 - - - - - - 13 4
ago. 2006 Polonia Znicz Pruszków II 7L 2 6 CP - - - - - - - - 2 6
2006-2007 Polonia Znicz Pruszków 3L 27 15 CP 5 2 - - - - - - 32 17
2007-2008 2L 32 21 CP 2 0 - - - - - - 34 21
Totale Znicz Pruszków 59 36 7 2 0 0 - - 66 38
2008-2009 Polonia Lech Poznań EK 30 14 CP 6 2 CU 12[112] 4[113] - - - 48 20
2009-2010 EK 28 18 CP 1 0 UEL 4[114] 2[114] SP 1 1 34 21
Totale Lech Poznań 58 32 7 2 16 6 1 1 82 41
2010-2011 Germania Borussia Dortmund BL 33 8 CG 2 0 UEL 8[115] 1 - - - 43 9
2011-2012 BL 34 22 CG 6 7 UCL 6 1 SG 1 0 47 30
2012-2013 BL 31 24 CG 4 1 UCL 13 10 SG 1 1 49 36
2013-2014 BL 33 20 CG 5 2 UCL 9 6 SG 1 0 48 28
Totale Borussia Dortmund 131 74 17 10 36 18 3 1 187 103
2014-2015 Germania Bayern Monaco BL 31 17 CG 5 2 UCL 12 6 SG 1 0 49 25
2015-2016 BL 32 30 CG 6 3 UCL 12 9 SG 1 0 51 42
2016-2017 BL 33 30 CG 4 5 UCL 9 8 SG 1 0 47 43
2017-2018 BL 30 29 CG 6 6 UCL 11 5 SG 1 1 48 41
2018-2019 BL 33 22 CG 5 7 UCL 8 8 SG 1 3 47 40
2019-2020 BL 31 34 CG 5 6 UCL 10 15 SG 1 0 47 55
2020-2021 BL 29 41 CG 1 0 UCL 6 5 SG+SU+Cmc 1+1+2 0+0+2 40 48
2021-2022 BL 34 35 CG 1 0 UCL 10 13 SG 1 2 46 50
Totale Bayern Monaco 253 238 33 29 78 69 11 8 375 344
2022-2023 Spagna Barcellona PD 7 9 CR 0 0 UCL 3 3 SS 0 0 10 12
Totale carriera 539 401 67 45 133 96 15 10 754 552

Cronologia presenze e reti in nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Polonia
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
10-9-2008 Serravalle San Marino San Marino 0 – 2 Polonia Polonia Qual. Mondiali 2010 1 Ingresso al 58’ 58’
11-10-2008 Chorzów Polonia Polonia 2 – 1 Rep. Ceca Rep. Ceca Qual. Mondiali 2010 - Ingresso al 69’ 69’
15-10-2008 Bratislava Slovacchia Slovacchia 2 – 1 Polonia Polonia Qual. Mondiali 2010 - Ingresso al 89’ 89’
19-11-2008 Dublino Irlanda Irlanda 2 – 3 Polonia Polonia Amichevole 1 Ingresso al 46’ 46’
11-2-2009 Vila Real de Santo António Galles Galles 0 – 1 Polonia Polonia Amichevole - Uscita al 62’ 62’
28-3-2009 Belfast Irlanda del Nord Irlanda del Nord 3 – 2 Polonia Polonia Qual. Mondiali 2010 -
1-4-2009 Kielce Polonia Polonia 10 – 0 San Marino San Marino Qual. Mondiali 2010 1 Uscita al 66’ 66’
6-6-2009 Johannesburg Sudafrica Sudafrica 1 – 0 Polonia Polonia Amichevole -
9-6-2009 Città del Capo Iraq Iraq 1 – 1 Polonia Polonia Amichevole - Uscita al 46’ 46’
12-8-2009 Bydgoszcz Polonia Polonia 2 – 0 Grecia Grecia Amichevole - Uscita al 54’ 54’
5-9-2009 Chorzów Polonia Polonia 1 – 1 Irlanda del Nord Irlanda del Nord Qual. Mondiali 2010 - Ingresso al 61’ 61’
9-9-2009 Maribor Slovenia Slovenia 3 – 0 Polonia Polonia Qual. Mondiali 2010 - Ingresso al 61’ 61’
10-10-2009 Praga Rep. Ceca Rep. Ceca 2 – 0 Polonia Polonia Qual. Mondiali 2010 - Ingresso al 64’ 64’
14-10-2009 Chorzów Polonia Polonia 0 – 1 Slovacchia Slovacchia Qual. Mondiali 2010 - Ingresso al 68’ 68’
14-11-2009 Varsavia Polonia Polonia 0 – 1 Romania Romania Amichevole - Ammonizione al 16’ 16’ Uscita al 70’ 70’
18-11-2009 Bydgoszcz Polonia Polonia 1 – 0 Canada Canada Amichevole -
17-1-2010 Nakhon Ratchasima Danimarca Danimarca 3 – 1 Polonia Polonia King's Cup -
20-1-2010 Nakhon Ratchasima Polonia Polonia 3 – 1 Thailandia Thailandia King's Cup - Uscita al 90’ 90’
23-1-2010 Nakhon Ratchasima Polonia Polonia 6 – 1 Singapore Singapore King's Cup 2 Uscita al 46’ 46’
3-3-2010 Varsavia Polonia Polonia 2 – 0 Bulgaria Bulgaria Amichevole 1 Uscita al 74’ 74’
29-5-2010 Kielce Polonia Polonia 0 – 0 Finlandia Finlandia Amichevole - Uscita al 90’ 90’
2-6-2010 Kufstein Serbia Serbia 0 – 0 Polonia Polonia Amichevole - Uscita al 90’ 90’
8-6-2010 Murcia Spagna Spagna 6 – 0 Polonia Polonia Amichevole - Uscita al 67’ 67’
11-8-2010 Stettino Polonia Polonia 0 – 3 Camerun Camerun Amichevole -
4-9-2010 Łódź Polonia Polonia 1 – 1 Ucraina Ucraina Amichevole - Ingresso al 64’ 64’
7-9-2010 Cracovia Polonia Polonia 1 – 2 Australia Australia Amichevole 1
9-10-2010 Chicago Stati Uniti Stati Uniti 2 – 2 Polonia Polonia Amichevole -
12-10-2010 Montréal Ecuador Ecuador 2 – 2 Polonia Polonia Amichevole - Uscita al 88’ 88’
17-11-2010 Poznań Polonia Polonia 3 – 1 Costa d'Avorio Costa d'Avorio Amichevole 2 Uscita al 85’ 85’
9-2-2011 Faro Polonia Polonia 1 – 0 Norvegia Norvegia Amichevole 1
25-3-2011 Kaunas Lituania Lituania 2 – 0 Polonia Polonia Amichevole - Uscita al 74’ 74’
29-3-2011 Larissa Grecia Grecia 0 – 0 Polonia Polonia Amichevole - Uscita al 83’ 83’
5-6-2011 Varsavia Polonia Polonia 2 – 1 Argentina Argentina Amichevole - Ammonizione al 28’ 28’ Uscita al 90’ 90’
9-6-2011 Varsavia Polonia Polonia 0 – 1 Francia Francia Amichevole -
10-8-2011 Lubin Polonia Polonia 1 – 0 Georgia Georgia Amichevole - Uscita al 60’ 60’
6-9-2011 Danzica Polonia Polonia 2 – 2 Germania Germania Amichevole 1 Uscita al 80’ 80’
7-10-2011 Seul Corea del Sud Corea del Sud 2 – 2 Polonia Polonia Amichevole 1 Uscita al 68’ 68’
11-10-2011 Wiesbaden Polonia Polonia 2 – 0 Bielorussia Bielorussia Amichevole 1 Ingresso al 59’ 59’
11-11-2011 Breslavia Polonia Polonia 0 – 2 Italia Italia Amichevole -
15-11-2011 Poznań Polonia Polonia 2 – 1 Ungheria Ungheria Amichevole - Ingresso al 66’ 66’
26-5-2012 Klagenfurt am Wörthersee Polonia Polonia 1 – 0 Slovacchia Slovacchia Amichevole - Uscita al 46’ 46’
2-6-2012 Varsavia Polonia Polonia 4 – 0 Andorra Andorra Amichevole 1 Uscita al 58’ 58’
8-6-2012 Varsavia Polonia Polonia 1 – 1 Grecia Grecia Euro 2012 - 1º turno 1
12-6-2012 Varsavia Polonia Polonia 1 – 1 Russia Russia Euro 2012 - 1º turno - Ammonizione al 60’ 60’
16-6-2012 Breslavia Rep. Ceca Rep. Ceca 1 – 0 Polonia Polonia Euro 2012 - 1º turno -
15-8-2012 Tallinn Estonia Estonia 1 – 0 Polonia Polonia Amichevole -
7-9-2012 Podgorica Montenegro Montenegro 2 – 2 Polonia Polonia Qual. Mondiali 2014 - Uscita al 90+2’ 90+2’
11-9-2012 Breslavia Polonia Polonia 2 – 0 Moldavia Moldavia Qual. Mondiali 2014 -
17-10-2012 Varsavia Polonia Polonia 1 – 1 Inghilterra Inghilterra Qual. Mondiali 2014 -
14-11-2012 Danzica Polonia Polonia 1 – 3 Uruguay Uruguay Amichevole -
6-2-2013 Dublino Irlanda Irlanda 2 – 0 Polonia Polonia Amichevole -
22-3-2013 Varsavia Polonia Polonia 1 – 3 Ucraina Ucraina Qual. Mondiali 2014 -
26-3-2013 Varsavia Polonia Polonia 5 – 0 San Marino San Marino Qual. Mondiali 2014 2 cap.
7-6-2013 Chișinău Moldavia Moldavia 1 – 1 Polonia Polonia Qual. Mondiali 2014 -
14-8-2013 Danzica Polonia Polonia 3 – 2 Danimarca Danimarca Amichevole - Ammonizione al 36’ 36’ Uscita al 78’ 78’
6-9-2013 Varsavia Polonia Polonia 1 – 1 Montenegro Montenegro Qual. Mondiali 2014 1
11-10-2013 Charkiv Ucraina Ucraina 1 – 0 Polonia Polonia Qual. Mondiali 2014 - Uscita al 76’ 76’
15-10-2013 Londra Inghilterra Inghilterra 2 – 0 Polonia Polonia Qual. Mondiali 2014 -
15-11-2013 Varsavia Polonia Polonia 0 – 2 Slovacchia Slovacchia Amichevole -
19-11-2013 Poznań Polonia Polonia 0 – 0 Irlanda Irlanda Amichevole - Uscita al 59’ 59’
6-6-2014 Danzica Polonia Polonia 2 – 1 Lituania Lituania Amichevole 1 cap.
7-9-2014 Faro Gibilterra Gibilterra 0 – 7 Polonia Polonia Qual. Euro 2016 4 cap.
11-10-2014 Varsavia Polonia Polonia 2 – 0 Germania Germania Qual. Euro 2016 - cap. Ammonizione al 56’ 56’
14-10-2014 Varsavia Polonia Polonia 2 – 2 Scozia Scozia Qual. Euro 2016 - cap.
14-11-2014 Tbilisi Georgia Georgia 0 – 4 Polonia Polonia Qual. Euro 2016 - cap.
18-11-2014 Breslavia Polonia Polonia 2 – 2 Svizzera Svizzera Amichevole - cap. Uscita al 63’ 63’
29-3-2015 Dublino Irlanda Irlanda 1 – 1 Polonia Polonia Qual. Euro 2016 - cap.
13-6-2015 Varsavia Polonia Polonia 4 – 0 Georgia Georgia Qual. Euro 2016 3 cap.
4-9-2015 Francoforte sul Meno Germania Germania 3 – 1 Polonia Polonia Qual. Euro 2016 1 cap.
7-9-2015 Varsavia Polonia Polonia 8 – 1 Gibilterra Gibilterra Qual. Euro 2016 2 cap. Uscita al 66’ 66’
8-10-2015 Glasgow Scozia Scozia 2 – 2 Polonia Polonia Qual. Euro 2016 2 cap.
11-10-2015 Varsavia Polonia Polonia 2 – 1 Irlanda Irlanda Qual. Euro 2016 1 cap.
13-11-2015 Varsavia Polonia Polonia 4 – 2 Islanda Islanda Amichevole 2 cap. Uscita al 89’ 89’
23-3-2016 Poznań Polonia Polonia 1 – 0 Serbia Serbia Amichevole - cap. Uscita al 73’ 73’
26-3-2016 Breslavia Polonia Polonia 5 – 0 Finlandia Finlandia Amichevole - Ingresso al 63’ 63’
1-6-2016 Danzica Polonia Polonia 1 – 2 Paesi Bassi Paesi Bassi Amichevole - cap. Ammonizione al 63’ 63’ Uscita al 67’ 67’
12-6-2016 Nizza Polonia Polonia 1 – 0 Irlanda del Nord Irlanda del Nord Euro 2016 - 1º turno - cap.
16-6-2016 Saint-Denis Germania Germania 0 – 0 Polonia Polonia Euro 2016 - 1º turno - cap.
21-6-2016 Marsiglia Ucraina Ucraina 0 – 1 Polonia Polonia Euro 2016 - 1º turno - cap.
25-6-2016 Saint-Étienne Svizzera Svizzera 1 – 1 dts
(4 – 5 dtr)
Polonia Polonia Euro 2016 - Ottavi di finale - cap.
30-6-2016 Marsiglia Polonia Polonia 1 – 1 dts
(3 – 5 dtr)
Portogallo Portogallo Euro 2016 - Quarti di finale 1 cap.
4-9-2016 Astana Kazakistan Kazakistan 2 – 2 Polonia Polonia Qual. Mondiali 2018 1 cap. Ammonizione al 18’ 18’
8-10-2016 Varsavia Polonia Polonia 3 – 2 Danimarca Danimarca Qual. Mondiali 2018 3 cap.
11-10-2016 Varsavia Polonia Polonia 2 – 1 Armenia Armenia Qual. Mondiali 2018 1 cap.
11-11-2016 Bucarest Romania Romania 0 – 3 Polonia Polonia Qual. Mondiali 2018 2 cap.
26-3-2017 Podgorica Montenegro Montenegro 1 – 2 Polonia Polonia Qual. Mondiali 2018 1 cap.
10-6-2017 Varsavia Polonia Polonia 3 – 1 Romania Romania Qual. Mondiali 2018 3 cap.
1-9-2017 Copenaghen Danimarca Danimarca 4 – 0 Polonia Polonia Qual. Mondiali 2018 - cap.
4-9-2017 Varsavia Polonia Polonia 3 – 0 Kazakistan Kazakistan Qual. Mondiali 2018 1 cap.
5-10-2017 Erevan Armenia Armenia 1 – 6 Polonia Polonia Qual. Mondiali 2018 3 cap.
8-10-2017 Varsavia Polonia Polonia 4 – 2 Montenegro Montenegro Qual. Mondiali 2018 1 cap.
23-3-2018 Breslavia Polonia Polonia 0 – 1 Nigeria Nigeria Amichevole - cap. Uscita al 67’ 67’
27-3-2018 Varsavia Polonia Polonia 3 – 2 Corea del Sud Corea del Sud Amichevole 1 cap. Uscita al 46’ 46’
8-6-2018 Poznań Polonia Polonia 2 – 2 Cile Cile Amichevole 1 cap. Uscita al 74’ 74’
12-6-2018 Varsavia Polonia Polonia 4 – 0 Lituania Lituania Amichevole 2 cap. Uscita al 46’ 46’
19-6-2018 Mosca Polonia Polonia 1 – 2 Senegal Senegal Mondiali 2018 - 1º turno - cap.
24-6-2018 Kazan' Polonia Polonia 0 – 3 Colombia Colombia Mondiali 2018 - 1º turno - cap.
28-6-2018 Volgograd Giappone Giappone 0 – 1 Polonia Polonia Mondiali 2018 - 1º turno - cap.
7-9-2018 Bologna Italia Italia 1 – 1 Polonia Polonia UEFA Nations League 2018-2019 - 1º turno - cap.
11-10-2018 Chorzów Polonia Polonia 2 – 3 Portogallo Portogallo UEFA Nations League 2018-2019 - 1º turno - cap.[116]
14-10-2018 Chorzów Polonia Polonia 0 – 1 Italia Italia UEFA Nations League 2018-2019 - 1º turno - cap.
15-11-2018 Danzica Polonia Polonia 0 – 1 Rep. Ceca Rep. Ceca Amichevole - cap.
21-3-2019 Vienna Austria Austria 0 – 1 Polonia Polonia Qual. Euro 2020 - cap.
24-3-2019 Varsavia Polonia Polonia 2 – 0 Lettonia Lettonia Qual. Euro 2020 1 cap.
7-6-2019 Skopje Macedonia del Nord Macedonia del Nord 0 – 1 Polonia Polonia Qual. Euro 2020 - cap.
10-6-2019 Varsavia Polonia Polonia 4 – 0 Israele Israele Qual. Euro 2020 1 cap.
6-9-2019 Lubiana Slovenia Slovenia 2 – 0 Polonia Polonia Qual. Euro 2020 - cap.
9-9-2019 Varsavia Polonia Polonia 0 – 0 Austria Austria Qual. Euro 2020 - cap.
10-10-2019 Riga Lettonia Lettonia 0 – 3 Polonia Polonia Qual. Euro 2020 3 cap.
13-10-2019 Varsavia Polonia Polonia 2 – 0 Macedonia del Nord Macedonia del Nord Qual. Euro 2020 - cap.
16-11-2019 Gerusalemme Israele Israele 1 – 2 Polonia Polonia Qual. Euro 2020 - Ingresso al 63’ 63’
19-11-2019 Varsavia Polonia Polonia 3 – 2 Slovenia Slovenia Qual. Euro 2020 1 cap.
11-10-2020 Danzica Polonia Polonia 0 – 0 Italia Italia UEFA Nations League 2020-2021 - 1º turno - cap. Uscita al 82’ 82’
14-10-2020 Breslavia Polonia Polonia 3 – 0 Bosnia ed Erzegovina Bosnia ed Erzegovina UEFA Nations League 2020-2021 - 1º turno 2 cap. Uscita al 58’ 58’
15-11-2020 Reggio Emilia Italia Italia 2 – 0 Polonia Polonia UEFA Nations League 2020-2021 - 1º turno - cap.
18-11-2020 Chorzów Polonia Polonia 1 – 2 Paesi Bassi Paesi Bassi UEFA Nations League 2020-2021 - 1º turno - cap. Uscita al 46’ 46’
25-3-2021 Budapest Ungheria Ungheria 3 – 3 Polonia Polonia Qual. Mondiali 2022 1 cap.
28-3-2021 Varsavia Polonia Polonia 3 – 0 Andorra Andorra Qual. Mondiali 2022 2 cap. Uscita al 63’ 63’
8-6-2021 Poznań Polonia Polonia 2 – 2 Islanda Islanda Amichevole - cap. Uscita al 81’ 81’
14-6-2021 San Pietroburgo Polonia Polonia 1 – 2 Slovacchia Slovacchia Euro 2020 - 1º turno - cap.
19-6-2021 Siviglia Spagna Spagna 1 – 1 Polonia Polonia Euro 2020 - 1º turno 1 cap. Ammonizione al 90+3’ 90+3’
23-6-2021 San Pietroburgo Svezia Svezia 3 – 2 Polonia Polonia Euro 2020 - 1º turno 2 cap.
2-9-2021 Varsavia Polonia Polonia 4 – 1 Albania Albania Qual. Mondiali 2022 1 cap.
5-9-2021 Serravalle San Marino San Marino 1 – 7 Polonia Polonia Qual. Mondiali 2022 2 cap.
8-9-2021 Varsavia Polonia Polonia 1 – 1 Inghilterra Inghilterra Qual. Mondiali 2022 - cap.
9-10-2021 Varsavia Polonia Polonia 5 – 0 San Marino San Marino Qual. Mondiali 2022 - cap. Uscita al 66’ 66’
12-10-2021 Tirana Albania Albania 0 – 1 Polonia Polonia Qual. Mondiali 2022 - cap.
12-11-2021 Andorra la Vella Andorra Andorra 1 – 4 Polonia Polonia Qual. Mondiali 2022 2 cap.
29-3-2022 Chorzów Polonia Polonia 2 – 0 Svezia Svezia Qual. Mondiali 2022 1 cap. Ammonizione al 77’ 77’
1-6-2022 Breslavia Polonia Polonia 2 – 1 Galles Galles UEFA Nations League 2022-2023 - 1º turno - cap.
8-6-2022 Bruxelles Belgio Belgio 6 – 1 Polonia Polonia UEFA Nations League 2022-2023 - 1º turno 1 cap. Uscita al 70’ 70’
14-6-2022 Varsavia Polonia Polonia 0 – 1 Belgio Belgio UEFA Nations League 2022-2023 - 1º turno - cap.
22-9-2022 Varsavia Polonia Polonia 0 – 2 Paesi Bassi Paesi Bassi UEFA Nations League 2022-2023 - 1º turno - cap.
25-9-2022 Cardiff Galles Galles 0 – 1 Polonia Polonia UEFA Nations League 2022-2023 - 1º turno - cap.
Totale Presenze (1º posto) 134 Reti (1º posto) 76

Record[modifica | modifica wikitesto]

Con squadre di club[modifica | modifica wikitesto]

  • Calciatore che ha realizzato la tripletta più veloce in Bundesliga, segnando tre gol in quattro minuti tra il 51' e il 55'.[53]
  • Calciatore che ha realizzato la quaterna più veloce in Bundesliga, segnando quattro gol in sei minuti tra il 51' e il 57'.[53]
  • Calciatore che ha realizzato la cinquina più veloce in Bundesliga, segnando cinque gol in nove minuti tra il 51' e il 60'.[53][117]
  • Calciatore straniero che ha realizzato più gol nella storia della Bundesliga.[118]
  • Primo e unico giocatore nella storia della Bundesliga ad avere realizzato 5 gol in una partita entrando dalla panchina.[119]
  • Primo e unico calciatore nella storia della Bundesliga ad essere andato in rete nella prima gara di campionato per sette stagioni consecutive: serie inaugurata nel 2015 contro l'Amburgo, proseguita nel 2016 contro il Werder Brema, nel 2017 contro il Bayer Leverkusen, nel 2018 contro l'Hoffenheim nel 2019 contro l'Hertha Berlino nel 2020 contro lo Schalke 04 e nel 2021 contro il Borussia M'gladbach.[120]
  • Primo e unico giocatore nella storia della Bundesliga ad avere siglato 10 gol dopo appena 5 giornate di campionato.[121]
  • Primo e unico giocatore nella storia della Bundesliga ad avere segnato in tutte le prime 11 giornate di campionato.[122]
  • Calciatore che ha realizzato la quaterna più veloce in UEFA Champions League, segnando quattro gol in quattordici minuti, tra il 53' e il 67'.[123]
  • Miglior marcatore in UEFA Champions League del Bayern Monaco.
  • Miglior marcatore del girone di andata della Bundesliga (23).
  • Miglior marcatore in una singola stagione della Bundesliga (41)[72].
  • Miglior marcatore in un singolo anno solare (2021) della Bundesliga (43).[85]

In nazionale[modifica | modifica wikitesto]

  • Calciatore che ha realizzato il maggior numero di reti (76).
  • Calciatore con il maggior numero di presenze (132).
  • Calciatore che ha realizzato più gol (19) nelle qualificazioni al campionato europeo.
  • Calciatore che ha realizzato più gol (30) nelle qualificazioni al campionato mondiale.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Lech Poznań: 2008-2009
Lech Poznań: 2009
Lech Poznań: 2009-2010
Borussia Dortmund: 2010-2011, 2011-2012
Bayern Monaco: 2014-2015, 2015-2016, 2016-2017, 2017-2018, 2018-2019, 2019-2020, 2020-2021, 2021-2022
Borussia Dortmund: 2011-2012
Bayern Monaco: 2015-2016, 2018-2019, 2019-2020
Borussia Dortmund: 2013
Bayern Monaco: 2016, 2017, 2018, 2020, 2021

Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Bayern Monaco: 2019-2020
Bayern Monaco: 2020
Bayern Monaco: 2020

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

2006-2007 (15 gol)
  • Capocannoniere della I liga: 1
2007-2008 (21 gol)
2009-2010 (18 gol)
2009
2011, 2012, 2013, 2014, 2015, 2016, 2017, 2019, 2020
2011-2012 (7 gol), 2016-2017 (5 gol), 2017-2018 (6 gol), 2018-2019 (7 gol), 2019-2020 (6 gol)
  • Calciatore dell'anno della Bundesliga (VDV): 5
2012-2013, 2016-2017, 2017-2018, 2019-2020, 2020-2021
  • Squadra dell'anno della Bundesliga (VDV): 9
2012-2013, 2013-2014, 2014-2015, 2015-2016, 2016-2017, 2017-2018, 2018-2019, 2019-2020, 2020-2021
  • Squadra dell'anno della Bundesliga: 8
2012-2013, 2013-2014, 2014-2015, 2015-2016, 2016-2017, 2017-2018, 2018-2019, 2020-2021
2013-2014 (20 gol), 2015-2016 (30 gol), 2017-2018 (29 gol), 2018-2019 (22 gol), 2019-2020 (34 gol), 2020-2021 (41 gol), 2021-2022 (35 gol)
2015-2016, 2016-2017, 2019-2020, 2020-2021
2015, 2021
  • Sportivo polacco dell'anno: 2
2015, 2020
2019, 2020
2019-2020, 2020-2021
2019-2020 (15 gol)
Miglior attaccante: 2019-2020[67]
2019-2020[15]
2020[16], 2021
2020, 2021
Miglior calciatore dell'anno: 2020
Miglior cannoniere dell'anno: 2021
2020, 2021
  • Golden Player: 2
2020, 2021[124]
  • Miglior calciatore dell'anno IFFHS: 2
2020, 2021
  • Miglior marcatore dell'anno IFFHS: 2
2020, 2021
  • Miglior marcatore di massima divisione dell'anno IFFHS: 1
2021
2020, 2021
2020
2020
2020, 2021
2020-2021, 2021-2022
2021

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Alberto Bertolotto, I dieci calciatori polacchi più forti di sempre, su PoloniCult, 2 agosto 2019. URL consultato il 13 novembre 2021.
  2. ^ (EN) Martin Laurence, Robert Lewandowski: Is the Poland striker the best in the world?, su skysports.com, 8 ottobre 2015.
  3. ^ (EN) Ben Gladwell, Gonzalo Higuain, Robert Lewandowski among best strikers - Carlo Ancelotti, su espn.com, 9 novembre 2016.
  4. ^ The Best Fifa: Lewandowski è il miglior giocatore del 2020. Battuti Messi e Ronaldo., su corriere.it, 20 dicembre 2020.
  5. ^ a b (EN) JJ Bull, Robert Lewandowski: how he became the most prolific striker in Europe, su telegraph.co.uk, 20 ottobre 2015.
  6. ^ (EN) Robert Lewandowski Stats, News, Bio, su ESPN. URL consultato il 3 marzo 2022.
  7. ^ (EN) The Bundesliga all-time top scorers, su bundesliga.com. URL consultato il 26 ottobre 2021.
  8. ^ Pazzesco Lewandowski: al 90' batte il record di Müller! Il Werder retrocede dopo 40 anni, su gazzetta.it. URL consultato il 22 maggio 2021.
  9. ^ Lewandowski sempre più incontenibile: terzo marcatore di sempre in Champions League, su goal.com. URL consultato il 26 ottobre 2021.
  10. ^ Sky Sport, Chi ha fatto più gol nelle sue prime 100 partite di Champions, su sport.sky.it. URL consultato il 14 novembre 2021.
  11. ^ a b Lewandowski da record: tripletta con 3 squadre diverse in Champions League, su goal.com.
  12. ^ I migliori marcatori europei in nazionale: Cristiano Ronaldo in testa, su it.uefa.com. URL consultato il 26 ottobre 2021.
  13. ^ BUNDESLIGA, LEWANDOWSKI RICEVE LA SCARPA D'ORO 2021: "GRAZIE AL BAYERN, QUESTO È UN RISULTATO DI SQUADRA", su eurosport.it.
  14. ^ GABRIELE SINI, Bundesliga, Lewandowski nominato giocatore dell'anno in Germania, su Quotidiano Nazionale, 1627251071324. URL consultato il 22 ottobre 2021.
  15. ^ a b c (EN) Robert Lewandowski wins UEFA Men's Player of the Year award, su uefa.com, 1º ottobre 2020.
  16. ^ a b c (EN) Lucy Bronze and Robert Lewandowski are The Best of 2020, su fifa.com, 17 dicembre 2020. URL consultato il 17 dicembre 2020 (archiviato dall'url originale il 17 dicembre 2020).
  17. ^ (EN) How Robert Lewandowski broke Gerd Müller's 40-goal Bundesliga record, su bundesliga.com - the official Bundesliga website. URL consultato il 3 marzo 2022.
  18. ^ (PL) Michalak Przemysław, Lewandowski: Ojciec zmarł w 2005 roku. Wszystkie gole dedykuję jemu, su 2x45.info, 2x45 Info, 16 giugno 2013.
  19. ^ a b c (DE) Joachim Schuth e Jörg Weiler, Ricken und Sammer sind meine Idole, su bild.de, 7 luglio 2010. URL consultato il 13 luglio 2010.
  20. ^ (PL) Paweł Hochstim, Iwona Lewandowska o swoich czasach w AWF i AZS AWF Warszawa, su Pasja AZS, 17 giugno 2021. URL consultato il 17 settembre 2022.
  21. ^ (DE) Lewandowski heiratet seine Anna, su bild.de, 22 giugno 2013. URL consultato il 22 giugno 2013.
  22. ^ (DE) Stolzer Papa von Klara ["Proud Dad of Klara"], su spiegel.de, 4 maggio 2017. URL consultato il 4 maggio 2017.
  23. ^ Bayern, Lewandowski si laurea: la tesi è su se stesso, su Repubblica.it, 10 ottobre 2017. URL consultato il 3 settembre 2019.
  24. ^ (EN) Bayern Munich: Pope praises German club after win over Roma, su bbc.co.uk, 22 ottobre 2014. URL consultato il 24 ottobre 2014.
  25. ^ (PL) Marcin Kosman, Robert Lewandowski na okładce FIFA 15, a Szpakowski i Szaranowicz na stanowisku komentatorskim [Robert Lewandowski on the cover of FIFA 15, with Szpakowski and Szaranowicz on commentary], su polygamia.pl, 14 agosto 2014. URL consultato il 3 luglio 2015.
  26. ^ a b c Lewandowski, oggi, è il miglior numero 9 al mondo, su ultimouomo.com, 13 marzo 2020. URL consultato il 24 giugno 2021.
  27. ^ a b (EN) Thore Haugstad, How Robert Lewandowski became this season's deadliest striker, su espn.in, 10 ottobre 2015.
  28. ^ (EN) Marcus Christenson, Robert Lewandowski brings goals and fortitude to Borussia Dortmund, in The Guardian, 24 maggio 2013.
  29. ^ a b (EN) Piotr Koźmiński e Philip Röber, How brilliant is Bayern's Robert Lewandowski?, su uefa.com, 17 novembre 2016.
  30. ^ Bayern Monaco, Lewandowski: "Baggio e Del Piero i miei idoli", su tuttosport.com.
  31. ^ Robert Lewandowski names the Arsenal player who was his idol, su fourfourtwo.com.
  32. ^ (EN) Robert Lewandowski - Player Profile - Football, su Eurosport UK. URL consultato il 18 aprile 2022.
  33. ^ (PL) Otwarte spotkanie z Robertem Lewandowskim w Lesznie, su Zachodnie Mazowsze, 26 aprile 2019. URL consultato il 18 aprile 2022.
  34. ^ (PL) https://www.facebook.com/Polsatsportpl, Śladami Lewandowskiego: Partyzant Leszno - Polsat Sport, su polsatsport.pl. URL consultato il 18 aprile 2022.
  35. ^ (PL) Bajka o Robercie Lewandowskim, su Sport.pl. URL consultato il 18 aprile 2022.
  36. ^ 90minut.pl. URL consultato il 18 aprile 2022.
  37. ^ (PL) Wyborcza.pl - Najświeższe wiadomości od Gazety Wyborczej, su wyborcza.pl. URL consultato il 18 aprile 2022.
  38. ^ Redazione Cronache, La lettera di Lewandowski: il padre, il Bayern e quella scommessa con Klopp, su Cronache di spogliatoio, 11 gennaio 2021. URL consultato il 28 settembre 2021.
  39. ^ (PL) Robert Lewandowski piłkarzem Kolejorza!, su lechpoznan.pl, 17 giugno 2008 (archiviato dall'url originale il 17 settembre 2008).
  40. ^ Lech Poznan-Belchatow, su transfermarkt.it, 8 agosto 2008. URL consultato il 7 novembre 2012.
  41. ^ Retroscena Lewandowski: tutti i club italiani che l'hanno scartato, su tuttomercatoweb.com.
  42. ^ Lewandowski: "Nel 2010 era fatta con il Blackburn, poi sfumò tutto per... un vulcano", su fcinter1908.it.
  43. ^ Ufficiale: Borussia Dortmund, colpo Lewandowski, su tuttomercatoweb.com, 11 giugno 2010. URL consultato il 7 novembre 2012.
  44. ^ (DE) Borussia Dortmund und Lech Posen erzielen Einigung über Transfer von Robert Lewandowski, bvb.de
  45. ^ (EN) Dortmund dive in for Lewandowski, su uefa.com, 14 giugno 2010.
  46. ^ (EN) Robert Lewandowski's Bio, su lewandowskirobert.com. URL consultato il 26 novembre 2012.
  47. ^ "Non ero così forte quando sono andato al Borussia Dortmund, lui mi ha migliorato", su itasportpress.it.
  48. ^ Ajax-Borussia Dortmund 1-4, su ansa.it, 21 novembre 2012. URL consultato il 23 novembre 2012.
  49. ^ Furia Lewandowski, è poker Borussia, su it.uefa.com, 24 aprile 2013. URL consultato il 24 giugno 2021.
  50. ^ (EN) Robert Lewandowski signs for Bayern, su fcbayern.de, 4 gennaio 2014. URL consultato il 4 gennaio 2014 (archiviato dall'url originale il 4 gennaio 2014).
  51. ^ (EN) Robert Lewandowski to join Bayern Munich at end of season, su edition.cnn.com, 5 gennaio 2014. URL consultato il 5 gennaio 2014.
  52. ^ Bundesliga, Wolfsburg battuto 1-0: il Bayern è campione di Germania, su gazzetta.it, 26 aprile 2015. URL consultato il 10 maggio 2015.
  53. ^ a b c d Bundesliga, Bayern: Lewandowski marziano: cinque gol in nove minuti!, su gazzetta.it, 22 settembre 2015. URL consultato il 23 settembre 2015.
  54. ^ Supercoppa di Germania: il Bayern travolge l'Eintracht, Kovac alza il primo trofeo, su la Repubblica, 12 agosto 2018. URL consultato il 14 settembre 2021.
  55. ^ Sky Sport, Tris Lewa, Supercoppa al Bayern: 5-0 all'Eintracht, su sport.sky.it. URL consultato il 14 settembre 2021.
  56. ^ Eintracht Francoforte-Bayern Monaco 0-5: tripletta di Lewandowski, nel finale Coman e Thiago, su La Gazzetta dello Sport - Tutto il rosa della vita. URL consultato il 14 settembre 2021.
  57. ^ (EN) Bayern qualify as Lewandowski hits 50, in BBC Sport. URL consultato il 14 settembre 2021.
  58. ^ Bundesliga, Bayern-Schalke 3-1. Beffa Borussia: da 3-0 a 3-3!, su La Gazzetta dello Sport. URL consultato il 14 settembre 2021.
  59. ^ (EN) Bayern Munich go level with Borussia Dortmund after crushing win over Borussia Mönchengladbach, su bundesliga.com - the official Bundesliga website. URL consultato il 14 settembre 2021.
  60. ^ Gianluca Di Marzio, Bundesliga, nessuno come Lewandowski: l'incredibile record, su Gianluca Di Marzio. URL consultato il 14 settembre 2021.
  61. ^ Bayern, Lewandowski fa la storia: è lo straniero più prolifico della Bundes - TUTTOmercatoWEB.com, su tuttomercatoweb.com. URL consultato il 14 settembre 2021.
  62. ^ Lewandowski trascina, con i suoi 22 gol, il Bayern Monaco (campione di Germania), su Sporteconomy, 28 luglio 2019. URL consultato il 14 settembre 2021.
  63. ^ Coppa di Germania: il Bayern centra il 'double', sconfitto il Lipsia in finale, su la Repubblica, 25 maggio 2019. URL consultato il 14 settembre 2021.
  64. ^ Sky Sport, Coppa di Germania, vince il Bayern: 3-0 al Lipsia, su sport.sky.it. URL consultato il 14 settembre 2021.
  65. ^ (DE) Spieltag/Tabelle, su DFB - Deutscher Fußball-Bund e.V., 18 marzo 2014. URL consultato il 14 settembre 2021.
  66. ^ (EN) Bayern's Lewandowski claims league record, Bremen set to go down, Yahoo, 20 giugno 2020.
  67. ^ a b (EN) Robert Lewandowski: Champions League Forward of the Season, su uefa.com, 1º ottobre 2020.
  68. ^ Attenta Lazio, Lewandowski è inarrestabile: record di gol in Bundesliga, su corrieredellosport.it. URL consultato il 18 gennaio 2021.
  69. ^ Mondiale per club - Al Ahly-Bayern Monaco 0-2: doppio Lewandowski, tedeschi in finale col Tigres, su eurosport.it, 8 febbraio 2021. URL consultato il 24 giugno 2021.
  70. ^ Bayern campione del mondo: battuto il Tigres 1-0: sesto titolo da giugno. Come il Barça di Guardiola, su ilmessaggero.it. URL consultato il 24 giugno 2021.
  71. ^ Bayern Monaco, Lewandowski come Muller: 40 reti in Bundesliga, su la Repubblica, 15 maggio 2021. URL consultato il 14 settembre 2021.
  72. ^ a b (EN) Jackson Cole, Robert Lewandowski has the record that was labelled ‘impossible' to beat as he finished this Bundesliga season with 41 goals to his name, su talksport.com. URL consultato il 22 maggio 2021.
  73. ^ (EN) Robert Lewandowski sets new 41-goal league record for Bayern Munich, su bundesliga.com. URL consultato il 22 maggio 2021.
  74. ^ (EN) Robert Lewandowski beats Cristiano Ronaldo, Lionel Messi to European Golden Shoe, su espn.com, 23 maggio 2021.
  75. ^ (EN) Fans vote Lewandowski FC Bayern 2020/21 Player of the Season, su fcbayern.com, 3 luglio 2021. URL consultato il 20 agosto 2021.
  76. ^ (EN) Borussia Monchengladbach 1-1 Bayern Munich: Robert Lewandowski scores again, in BBC Sport, Salford, 13 agosto 2021. URL consultato il 13 agosto 2021.
  77. ^ (EN) Borussia Dortmund 1-3 Bayern Munich: Robert Lewandowski double earns German Super Cup, in Sky Sports, 18 agosto 2021. URL consultato il 20 agosto 2021.
  78. ^ Robert Lewandowski hits a hat-trick as Bayern Munich hammer Hertha Berlin, in Bundesliga, 28 agosto 2021.
  79. ^ Impressive Reds down Hertha, in fcbayern.com, 28 agosto 2021. URL consultato il 28 agosto 2021.
  80. ^ Robert Lewandowski sets new Bayern Munich goals record, in Bundesliga, 28 agosto 2021. URL consultato il 28 agosto 2021.
  81. ^ Lewandowski scores 300th goal for Bayern as Bundesliga champions thrash Hertha Berlin, in Goal, 28 agosto 2021.
  82. ^ (DE) Lewandowski übertrumpft Bayern-Legenden [Lewandowski trumps Bayern legends], in Sport1, 18 settembre 2021. URL consultato il 18 settembre 2021.
  83. ^ (FR) Le classement du Ballon d'Or « France Football » 2021, su lequipe.fr, 29 novembre 2021.
  84. ^ (FR) Robert Lewandowski (Bayern) remporte le Prix du buteur de l'année, su lequipe.fr, 29 novembre 2021.
  85. ^ a b Lewandowski chiude l'anno con gol e record: scavalcato Gerd Müller, su gazzetta.it, 18 dicembre 2021.
  86. ^ Lewandowski rompe un altro record: sono 300 gol in Bundes, solo Muller come lui, su tuttomercatoweb.com. URL consultato il 22 gennaio 2022.
  87. ^ Bayern Monaco-Salisburgo 3-0, tripletta di Lewandowski in 23': tutti i gol (VIDEO), su SportFace, 8 marzo 2022. URL consultato il 13 maggio 2022.
  88. ^ Bayern, Lewandowski non rinnoverà il contratto, su Sportmediaset.it. URL consultato il 13 maggio 2022.
  89. ^ Bundesliga, il Bayern chiude con un pari. Lipsia in Champions, Hertha allo spareggio, su corrieredellosport.it, Il Corriere dello Sport, 14 maggio 2022.
  90. ^ Bayern, Lewandowski ai saluti: "La mia ultima partita", su sportmediaset.mediaset.it, 14 maggio 2022.
  91. ^ Lewandowski-Bayern, Salihamidzic conferma: "Sarà addio", su corrieredellosport.it, 14 maggio 2022.
  92. ^ (DE) Robert Lewandowski vor Wechsel zum FC Barcelona, su fcbayern.com, 16 luglio 2022. URL consultato il 19 luglio 2022.
  93. ^ (EN) Agreement in principle for the transfer of Robert Lewandowski, su fcbarcelona.com, 16 luglio 2022.
  94. ^ (DE) Transfer perfekt - Robert Lewandowski verlässt den FC Bayern, su fcbayern.com, 19 luglio 2022. URL consultato il 19 luglio 2022.
  95. ^ (ES) Acuerdo con el Bayern Múnich para el traspaso de Lewandowski, su fcbarcelona.es, 19 luglio 2022. URL consultato il 19 luglio 2022.
  96. ^ Lewandowski non basta: solo uno 0-0 per il Barcellona con il Rayo Vallecano, su corrieredellosport.it. URL consultato il 21 agosto 2022.
  97. ^ Ecco super Lewandowski: doppietta e il Barça batte 4-1 la Real Sociedad, su La Gazzetta dello Sport. URL consultato il 21 agosto 2022.
  98. ^ Barcellona, Lewandowski festeggia il 34º compleanno con una doppietta: 4-1 alla Real Sociedad, su corrieredellosport.it. URL consultato il 21 agosto 2022.
  99. ^ Champions, tutti i risultati: Lewandowski-show, Griezmann decide al 101'. Ok gli Spurs - TUTTOmercatoWEB.com, su www.tuttomercatoweb.com. URL consultato il 7 settembre 2022.
  100. ^ Aggrappati a Lewandowski: i 23 della Polonia fotogallery, su sport.sky.it. URL consultato il 24 giugno 2021.
  101. ^ Euro 2016, Polonia-Portogallo 4-6 d.c.r. (1-1 al 90'): decide Quaresma, su gazzetta.it. URL consultato il 24 giugno 2021.
  102. ^ Alfredo Pedullà, Lewandowski, mai nessuno come lui in Europa: è record di gol nelle qualificazioni mondiali, su alfredopedulla.com.
  103. ^ a b (EN) Martin Laurence, Flops XI: the players who misfired in the World Cup group stage, su The Guardian, 29 giugno 2018. URL consultato il 24 giugno 2021.
  104. ^ Polonia, Lewandowski nella storia: è il miglior marcatore della Nazionale polacca, su fantagazzetta.com. URL consultato il 13 ottobre 2017 (archiviato dall'url originale il 13 ottobre 2017).
  105. ^ Lewandowski flop e la Polonia è fuori dal Mondiale. Il futuro? C'è la Juventus se lascia il Bayern, su Eurosport, 24 giugno 2018. URL consultato il 24 giugno 2021.
  106. ^ (EN) Lewandowski hat-trick gives Poland win, in BBC Sport, 10 ottobre 2019. URL consultato il 24 giugno 2021.
  107. ^ La Polonia si affida a super Lewandowski. E attenzione al talento di Zielinski, su gazzetta.it. URL consultato il 24 giugno 2021.
  108. ^ Morata non basta, Lewa spegne la Spagna: con la Polonia è 1-1, su gazzetta.it. URL consultato il 24 giugno 2021.
  109. ^ Non basta Lewa, Polonia eliminata! La Svezia passa da prima, su gazzetta.it. URL consultato il 24 giugno 2021.
  110. ^ UEFA.com, Polonia - Svezia 2-0: ai polacchi basta un tempo per qualificarsi al Mondiale | Qualificazioni Europee, su UEFA.com, 29 marzo 2022. URL consultato l'8 aprile 2022.
  111. ^ (EN) Robert Lewandowski - Data on Matches and Goals, su rsssf.com. URL consultato il 14 dicembre 2021.(EN) Robert Lewandowski - Data on Matches and Goals, su rsssf.com. URL consultato il 14 dicembre 2021 (archiviato dall'url originale il 20 marzo 2022).
  112. ^ 4 presenze nei play-off.
  113. ^ 3 reti nei play-off.
  114. ^ a b Nei play-off
  115. ^ 2 presenze nei play-off.
  116. ^ 100º presenza
  117. ^ (EN) Bayern's Lewandowski scores 30th goal of the Bundesliga season, su si.com, 14 maggio 2016.
  118. ^ Bayern Monaco, Lewandowski nella storia della Bundesliga, su itasportpress.it. URL consultato il 2 settembre 2019.
  119. ^ Momenti unici nel calcio: i 5 gol di Lewandowski in 9 minuti, su mondiali.it, 21 agosto 2019. URL consultato il 2 ottobre 2019.
  120. ^ Bayer: altro record per Lewandowski, su tuttomercatoweb.com. URL consultato il 2 settembre 2019.
  121. ^ Bayern, Lewandowski riscrive i record della Bundes: 10 gol in 6 giornate, su tuttomercatoweb.com. URL consultato il 2 ottobre 2019.
  122. ^ Germania, Lewandowski da record rialza il Bayern, il Lipsia rovina la festa all'Hertha, su repubblica.it, 9 novembre 2019. URL consultato il 10 novembre 2019.
  123. ^ Bayern Monaco, tutti i record di Lewandowski-gol, su sportmediaset.mediaset.it. URL consultato il 28 novembre 2019.
  124. ^ Golden Boy, è Pedri il re. Golden Player, Lewandowski fa il bis, su tuttosport.com, 23 novembre 2021.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN305241060 · ISNI (EN0000 0004 1876 7795 · LCCN (ENno2018167345 · GND (DE1042303614 · WorldCat Identities (ENlccn-no2018167345