Ekstraklasa 2015-2016

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ekstraklasa 2015-2016
T-Mobile Ekstraklasa 2015-2016
Competizione Ekstraklasa
Sport Football pictogram.svg Calcio
Edizione 82ª
Organizzatore PZPN
Date dal 17 luglio 2015
al 15 maggio 2016
Luogo Polonia Polonia
Partecipanti 16
Risultati
Vincitore Legia Varsavia
(11º titolo)
Secondo Piast Gliwice
Terzo Zagłębie Lubin
Retrocessioni Górnik Zabrze
Podbeskidzie
Statistiche
Miglior marcatore Ungheria Nemanja Nikolić (28)
Incontri disputati 296
Gol segnati 776 (2,62 per incontro)
Cronologia della competizione
Left arrow.svg 2014-2015 2016-2017 Right arrow.svg

L'Ekstraklasa 2015-2016, nota anche come T-Mobile Ekstraklasa 2015-2016 per ragioni di sponsorizzazione, è stata l'82ª edizione del massimo livello del campionato di calcio polacco. La stagione è iniziata il 17 luglio 2015 e si è conclusa il 15 maggio 2016. Il Lech Poznań era il campione in carica. Il campionato è stato vinto dal Legia Varsavia.

Stagione[modifica | modifica wikitesto]

Novità[modifica | modifica wikitesto]

Rispetto alla passata edizione, ci sono state due retrocessioni: il Zawisza Bydgoszcz e il GKS Bełchatów hanno lasciato il posto al Zagłębie Lubin e al Nieciecza, rispettivamente classificate al primo e al secondo posto della I liga 2014-2015.

Formula[modifica | modifica wikitesto]

Il campionato si svolge in due fasi: nella prima le sedici squadre si affrontano in un girone di andata e ritorno, per un totale di 30 giornate. Successivamente le squadre vengono divise in due gruppi in base alla classifica: le prime otto formano un nuovo girone e competono per il titolo e la qualificazione alle competizioni europee; le ultime otto invece lottano per non retrocedere in I liga.

Al termine della competizione, la squadra prima classificata si qualificherà per il secondo turno della UEFA Champions League 2016-2017. Le squadre classificate al secondo ed al terzo posto si qualificheranno per il primo turno della UEFA Europa League 2016-2017.

Squadre partecipanti[modifica | modifica wikitesto]

Club Città Stadio Posizione 2014-2015
Górnik Łęczna Łęczna Stadion Górnika Łęczna 14º posto in Ekstraklasa
Górnik Zabrze Zabrze Stadion im. Ernesta Pohla 7º posto in Ekstraklasa
Jagiellonia Białystok Stadion Miejski 3º posto in Ekstraklasa
Korona Kielce Kielce Stadion Miejski 11º posto in Ekstraklasa
KS Cracovia Cracovia Stadion Cracovii 9º posto in Ekstraklasa
Lech Poznań Poznań Stadion Miejski Campione di Polonia
Lechia Danzica Danzica PGE Arena Gdańsk 5º posto in Ekstraklasa
Legia Varsavia Varsavia Pepsi Arena 2º posto in Ekstraklasa
Nieciecza Nieciecza Stadion Bruk-Bet 2º posto in I liga
Piast Gliwice Gliwice Stadion Piasta Gliwice 12º posto in Ekstraklasa
Podbeskidzie Bielsko-Biała Stadion Miejski 13º posto in Ekstraklasa
Pogoń Stettino Stettino Stadion Miejski 8º posto in Ekstraklasa
Ruch Chorzów Chorzów Stadion Ruchu Chorzów 10º posto in Ekstraklasa
Sląsk Wrocław Breslavia Stadion Miejski 4º posto in Ekstraklasa
Wisla Cracovia Cracovia Stadion Miejski 6º posto in Ekstraklasa
Zagłębie Lubin Lubin Dialog Arena 1º posto in I liga

Prima fase[modifica | modifica wikitesto]

Classifica finale[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
1. Legia Varsavia 60 30 17 9 4 58 28 +30
2. Piast Gliwice 58 30 17 7 6 49 36 +13
3. Pogoń Stettino 46 30 10 16 4 36 30 +6
4. Zagłębie Lubin 45 30 12 9 9 41 37 +4
5. KS Cracovia 45 30 12 9 9 57 42 +15
6. Lech Poznań 43 30 13 4 13 37 38 -1
7. Lechia Danzica 39 30 10 9 11 45 37 +8
8. Ruch Chorzów[1] 38 30 11 6 13 37 46 -9
9. Podbeskidzie 38 30 9 11 10 37 46 -9
10. Korona Kielce 37 30 9 10 11 32 37 -5
11. Wisla Cracovia[2] 36 30 8 13 9 45 35 +10
12. Jagiellonia 35 30 10 5 15 37 54 -17
13. Sląsk Wrocław 34 30 8 10 12 28 37 -9
14. Nieciecza 33 30 8 9 13 33 43 -10
15. Górnik Łęczna 31 30 8 7 15 30 43 -13
16. Górnik Zabrze[2] 25 30 4 14 12 33 46 -13

Legenda:
      Ammesse alla poule scudetto
      Ammesse alla poule retrocessione

Note:

Tre punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.
La classifica viene stilata secondo i seguenti criteri:
  • Punti conquistati
  • Punti conquistati negli scontri diretti
  • Differenza reti negli scontri diretti
  • Reti realizzate negli scontri diretti
  • Goal fuori casa negli scontri diretti (solo tra due squadre)
  • Differenza reti generale
  • Reti totali realizzate
  • Fair-play ranking

Poule scudetto[modifica | modifica wikitesto]

I punti conquistati nella stagione regolare sono stati dimezzati.

Classifica finale[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
Polonia Coppacampioni.png 1. Legia Varsavia 43 37 21 10 6 70 32 +38
Coppauefa.png 2. Piast Gliwice 40 37 20 9 8 60 45 +15
Coppauefa.png 3. Zagłębie Lubin 38 37 17 9 11 55 42 +13
Coppauefa.png 4. KS Cracovia[3] 36 37 16 10 11 66 50 +16
5. Lechia Danzica 32 37 14 10 13 53 44 +9
6. Pogoń Stettino 30 37 12 17 8 43 43 0
7. Lech Poznań 27 37 14 6 17 42 47 -5
8. Ruch Chorzów[1] 21 37 9 13 15 40 60 -20

Legenda:

      Campione della Polonia e ammessa alla UEFA Champions League 2016-2017
      Ammesse alla UEFA Europa League 2016-2017
Legia Varsavia: 30 punti
Piast Gliwice: 29 punti
Pogoń Stettino: 23 punti
Zagłębie Lubin: 23 punti
KS Cracovia: 23 punti
Lech Poznań: 22 punti
Lechia Danzica: 19 punti
Ruch Chorzów: 19 punti

Note:

Tre punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.
La classifica viene stilata secondo i seguenti criteri:
  • Punti conquistati
  • Punti conquistati negli scontri diretti
  • Differenza reti negli scontri diretti
  • Reti realizzate negli scontri diretti
  • Goal fuori casa negli scontri diretti (solo tra due squadre)
  • Differenza reti generale
  • Reti totali realizzate
  • Fair-play ranking

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

  KSC LeP LeD Leg Pia Pog Ruc Zag
KS Cracovia –––– 2-0 2-0 1-0
Lech Poznań –––– 0-0 2-2 3-0
Lechia Danzica –––– 2-0 2-0 2-1
Legia Varsavia 4-0 1-0 –––– 4-0 3-0
Piast Gliwice 1-1 3-0 –––– 2-1 0-1
Pogoń Stettino 3-2 1-0 –––– 1-1 1-3
Ruch Chorzów 0-1 0-0 0-3 ––––
Zagłębie Lubin 3-0 1-2 2-0 4-1 ––––

Poule retrocessione[modifica | modifica wikitesto]

I punti conquistati nella stagione regolare sono stati dimezzati.

Classifica finale[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
1. Wisla Cracovia[2] 32 37 12 15 10 61 45 +16
2. Sląsk Wrocław 31 37 12 12 13 41 46 -5
3. Jagiellonia 28 37 13 6 18 46 62 -16
4. Korona Kielce 27 37 10 15 12 39 45 -6
5. Nieciecza 26 37 10 12 15 39 50 -11
6. Górnik Łęczna 24 37 10 9 18 40 53 -13
1downarrow red.svg 7. Górnik Zabrze[2] 23 37 6 18 13 38 51 -13
1downarrow red.svg 8. Podbeskidzie 20 37 11 7 19 45 64 -19

Legenda:

      Retrocesse in I liga
Podbeskidzie: 19 punti
Korona Kielce: 19 punti
Wisla Cracovia: 18 punti
Jagiellonia: 18 punti
Śląsk Wrocław: 17 punti
Nieciecza: 17 punti
Górnik Łęczna: 16 punti
Górnik Zabrze: 13 punti

Note:

Tre punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.
La classifica viene stilata secondo i seguenti criteri:
  • Punti conquistati
  • Punti conquistati negli scontri diretti
  • Differenza reti negli scontri diretti
  • Reti realizzate negli scontri diretti
  • Goal fuori casa negli scontri diretti (solo tra due squadre)
  • Differenza reti generale
  • Reti totali realizzate
  • Fair-play ranking

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

  GLe Gza Jag Kor Nie Pod Sla Wis
Górnik Łęczna –––– 0-0 5-1 0-3
Górnik Zabrze –––– 0-0 1-0 2-1
Jagiellonia 2-0 0-0 –––– 0-1 3-2
Korona Kielce 1-1 1-3 –––– 1-1 3-2
Nieciecza 0-2 1-1 0-0 ––––
Podbeskidzie 1-1 0-1 –––– 1-2 3-4
Śląsk Wrocław 3-2 3-1 2-1 ––––
Wisla Cracovia 3-1 1-0 2-2 1-1 ––––

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica marcatori[modifica | modifica wikitesto]

Gol Giocatore Squadra
28 Ungheria Nemanja Nikolić Legia Varsavia
16 Spagna Airam López Korona Kielce
15 Lettonia Deniss Rakels KS Cracovia
15 Polonia Mariusz Stępiński Ruch Chorzów
15 Polonia Paweł Brożek Wisla Cracovia
13 Polonia Mateusz Cetnarski KS Cracovia
13 Slovacchia Erik Jendrišek KS Cracovia
11 Croazia Josip Barišić Piast Gliwice
11 Polonia Grzegorz Kuświk Lechia Danzica
11 Rep. Ceca Martin Nespor Piast Gliwice
10 Slovacchia Roman Gergel Górnik Zabrze
10 Polonia Wojciech Kędziora Nieciecza
10 Polonia Mateusz Szczepaniak Podbeskidzie

Verdetti finali[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b 1 punto di penalizzazione al Ruch Chorzow (PL) Lechia i Ruch ukarane ujemnymi punktami, su www.90minut.pl, 27 gennaio 2016. URL consultato il 12 febbraio 2016..
  2. ^ a b c d 1 punto di penalizzazione a Wisla Cracovia e Gornik Zabrze (PL) Komunikat Komisji ds. Licencji Klubowych, su www.90minut.pl, 5 novembre 2014. URL consultato il 12 febbraio 2016..
  3. ^ Ha diritto a partecipare all'Europa League 2016-2017 in quanto la vincitrice della Coppa nazionale è già qualificata alle coppe europee tramite il campionato.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]