Denis Law

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Denis Law
Denis Law.jpg
Law nel 2011
Nazionalità Scozia Scozia
Altezza 175 cm
Peso 69 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Attaccante
Ritirato 1974
Carriera
Squadre di club1
1956-1960Huddersfield Town91 (19)
1960-1961Manchester City50 (23)
1961-1962Torino27 (10)
1962-1973Manchester Utd309 (171)
1973-1974Manchester City26 (12)
Nazionale
1958-1974 Scozia Scozia 55 (30)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 9 giugno 2006

Denis Law (Aberdeen, 24 febbraio 1940) è un ex calciatore scozzese di ruolo attaccante.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Soprannominato dai suoi tifosi The King (Il Re), esordì come professionista con l'Huddersfield Town, che egli raggiunse nell'aprile del 1955 per rimanervi fino al 1960. Giocò la sua prima gara con la maglia biancoceleste il 24 dicembre 1956, vincendo 2-1 contro il Luton Town. Si guadagnò ben presto un posto nella Nazionale scozzese: convocato da Matt Busby, il suo esordio internazionale avvenne a soli diciotto anni, sette mesi e diciotto giorni (record per la rappresentativa scozzese) il 18 ottobre 1958, e segnò anche una rete contro il Galles. Passato al Manchester City, mise a segno sette gol in una gara di FA Cup contro il Luton Town, ma il match fu poi annullato.

Law (a sinistra) nel 1961 a Milano, con Hitchens e Charles, nella Nazionale di Lega della Serie A.

La sua carriera si svolse totalmente in Inghilterra, tranne che per la stagione 1961-1962 quando approdò al Torino grazie a Gigi Peronace per la somma di £110.000 (27 partite, 10 gol); passò poi al Manchester United, fortemente voluto da Matt Busby e pagato al club granata addirittura £115.000. Presto andò a formare un micidiale trio d'attacco insieme con l'inglese Bobby Charlton e il nordirlandese George Best, che resterà suo grande amico, sino alla prematura scomparsa di quest'ultimo.

Dopo aver vinto la FA Cup nel 1963, si aggiudicò il Pallone d'oro nel 1964 e i campionati del 1965 e del 1967, nonché la Coppa dei Campioni del 1968, pur non scendendo in campo nella finale per un infortunio, sostituito da Brian Kidd.

Nel 1973 tornò per l'ultima stagione da professionista al Manchester City, con cui aveva già giocato dal 1960 al 1961 per una stagione e mezza prima di approdare al Torino. Nell'aprile 1974 segnò uno splendido goal di tacco contro lo United, rete che condannò la sua vecchia squadra alla retrocessione. Si ritirò nell'agosto del 1974, dopo aver partecipato con la nazionale scozzese al campionato mondiale: in tale Coppa del Mondo giocò una sola partita, la sua 55ª e ultima in nazionale, mentre in totale realizzò 30 reti. Il 15 aprile 1967 fece parte della compagine che sbaragliò i neo-campioni del mondo d'Inghilterra a Wembley per 3-2. In quell'occasione, Denis mise a segno una rete.

Dopo il ritiro dall'agonismo lavorò come opinionista sportivo e presentatore in numerose stazioni radiofoniche. Si sposò nel dicembre 1962 con Diana, dalla quale ha avuto cinque figli: una di loro, anch'essa chiamata Diana, lavora presso l'ufficio stampa dei Red Devils.

Occupa la 50 posizione nella classifica dei migliori calciatori del XX secolo pubblicata da IFFHS.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Manchester United: 1962-1963
Manchester United: 1964-1965, 1966-1967
Manchester United: 1965, 1967

Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Manchester United: 1967-1968

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

1964
1964-1965 (8 gol)
1968-1969 (9 gol)

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Comandante dell'Ordine dell'Impero Britannico - nastrino per uniforme ordinaria Comandante dell'Ordine dell'Impero Britannico
«Per i servizi al calcio e alla carità.»
— 31 dicembre 2015[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ The London Gazette (PDF), nº 61450, 30 December 2015, p. N9.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • (DEENIT) Denis Law, su Transfermarkt.it, Transfermarkt GmbH & Co. KG.
  • (ENRUCS) Denis Law, su EU-Football.info.
  • (EN) Denis Law, su National-football-teams.com, National Football Teams. Modifica su Wikidata
Controllo di autoritàVIAF: (EN73191119 · LCCN: (ENn99275855 · GND: (DE1061264092