Hakan Şükür

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Hakan Şükür
Hakan.jpg
Nazionalità Turchia Turchia
Altezza 191 cm
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Attaccante
Ritirato 2008
Carriera
Squadre di club1
1987-1990 Sakaryaspor 39 (10)
1990-1992 Bursaspor 54 (11)
1992-1995 Galatasaray 90 (54)
1995 Torino 5 (1)
1995-2000 Galatasaray 156 (119)
2000-2001 Inter 24 (5)
2001-2002 Parma 15 (3)
2002-2003 Blackburn 9 (2)
2003-2008 Galatasaray 146 (55)[1]
Nazionale
1987-1988 Turchia Turchia U-16 6 (2)
1988-1990 Turchia Turchia U-18 13 (1)
1990-1993 Turchia Turchia U-21 16 (5)
1991-1993 Turchia Turchia Olimpica 5 (4)
1993-2008 Turchia Turchia 112 (51)
Palmarès
Coppa mondiale.svg Mondiali di calcio
Bronzo Corea del Sud-Giappone 2002
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 23 settembre 2009

Hakan Şükür (Adapazarı, 29 luglio 1971[2]) è un politico ed ex calciatore turco, di ruolo attaccante.

Con 51 gol, in 112 presenze, è il primatista di reti della Nazionale turca. Nel 2011, dopo il ritiro calcistico, viene eletto deputato in Parlamento nelle fila del Partito per la Giustizia e lo Sviluppo (in turco Adalet ve Kalkınma Partisi, abbreviato AKP), il partito islamico-conservatore turco, ma si dimette nel 2013, quando il presidente Erdoğan rompe con Gülen, dopo un'inchiesta per corruzione che riguardava proprio l'attuale presidente e i suoi collaboratori più stretti. Se n'è andato dal suo Paese nel dicembre del 2015 per trasferirsi in California con la sua famiglia, dopo l'apertura di un procedimento a suo carico per "insulti" a Erdogan.[3]. Il 12 agosto 2016 viene emesso un ordine di arresto nei suoi confronti poiché ritenuto vicino a un gruppo terroristico a seguito del tentato colpo di stato del 16 luglio contro il presidente Erdogan[4].

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Inizi e Galatasaray[modifica | modifica wikitesto]

Cresce calcisticamente nel Sakaryaspor, squadra con cui nel 1987, a 16 anni, debutta in Süper Lig (la prima divisione turca).

Nel 1990 passa al Bursaspor e nel 1992 passa al Galatasaray, vincendo campionato, coppa nazionale e Supercoppa di Lega.

Il successo in campionato si ripete nella stagione successiva e nell'estate 1995 passa al Torino per 5 miliardi di lire[5]. Dopo cinque presenze e un gol, in ottobre è di ritorno al Galatasaray, nella cui panchina si è intanto accomodato Fatih Terim. Col nuovo tecnico Şükür vince quattro titoli consecutivi (dal 1997 al 2001), tre coppe nazionali e due supercoppe di lega. Dalla stagione 1996-1997 a quella 1998-1999 si laurea per tre volte consecutive capocannoniere del campionato.

Nel 1999-2000 vince la Coppa UEFA battendo l'Arsenal in finale: l'attaccante realizza nella stagione europea 11 gol in 17 presenze tra Coppa UEFA e Champions League, da cui i turchi erano partiti per poi giungere terzi nel proprio girone al primo turno (comprendente Chelsea, Hertha Berlino e Milan).

Dall'esperienza italiana al ritorno in patria[modifica | modifica wikitesto]

L'estate 2000 segna il suo passaggio all'Inter[6], formazione con cui segna già al debutto (in Supercoppa italiana contro la Lazio).[7] L'esordio nel campionato italiano avviene il 1º ottobre, in Reggina-Inter[8], mentre un mese più tardi - alla Roma - realizza il primo gol in A.[9][10] Nella stagione 2001-02 veste la maglia del Parma, club nel quale si aggiudica la Coppa Italia.[11]

Lasciate le società italiane, e dopo un'annata al Blackburn Rovers, rientra in Turchia diventando - nel 2008 - il marcatore più prolifico del campionato nazionale (con 249 realizzazioni all'attivo).

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Nell'estate 2000 partecipa agli Europei in Belgio e Olanda con la Nazionale allenata da Mustafa Denizli. Già nel 1996 Şükür aveva preso parte alla spedizione europea della sua Nazionale. Dopo la sconfitta nella gara d'esordio con l'Italia (1-2)[12], i turchi pareggiano con la Svezia (0-0)[13] e quindi battono il Belgio padrone di casa 2-0, con doppietta proprio di Şükür.[14] L'avventura turca finisce ai quarti, contro il Portogallo di Rui Costa (0-2).[15]

Gioca ai Mondiali 2002. La Turchia si classifica terza, battendo i padroni di casa della Corea del Sud il 29 giugno 2002 per 3-2 con un gol di Şükür, l'unico ai Mondiali, dopo 10,8 secondi di gara: è la rete più veloce della storia della competizione.[16][17]

Nel 2008 non viene convocato per gli Europei di Austria e Svizzera.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Tra club, Nazionale maggiore e Nazionali giovanili (inclusa la Turchia olimpica), Şükür ha giocato globalmente 861 partite segnando 395 reti, con la media di 0.46 gol a partita

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 29 giugno 2015.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
1987-1988 Turchia Sakaryaspor SL 3 0 CT 2 1 - - - - - - 5 1
1988-1989 SL 11 5 - - - - - - - - - 11 5
1989-1990 SL 27 5 - - - - - - - - - 27 5
Totale Sakaryaspor 41 10 3 0 - - - - 44 10
1990-1991 Turchia Bursaspor SL 27 4 - - - - - - - - - 27 4
1991-1992 SL 27 7 CT 7 3 - - - - - - 34 10
Totale Bursaspor 54 11 7 3 - - - - 61 14
1992-1993 Turchia Galatasaray SL 30 19 CT 8 5 CU 6 2 - - - 44 26
1993-1994 SL 27 16 CT 7 4 UCL 9 0 - - - 43 20
1994-1995 SL 33 19 CT 7 1 UCL 8 5 - - - 48 25
1995-gen.1996 Italia Torino A 5 1 CI - - - - - - - - 5 1
gen.1996-1996 Turchia Galatasaray SL 25 16 CT 7 2 - - - - - - 32 18
1996-1997 SL 32 38 CT 3 4 CC 4 4 - - - 39 46
1997-1998 SL 34 32 CT 9 2 UCL 7 0 - - - 50 36
1998-1999 SL 33 19 CT 9 2 UCL 7 6 - - - 49 27
1999-2000 SL 32 14 CT 5 1 UCL+CU 8+9 2+5 - - - 54 25
2000-2001 Italia Inter A 24 5 CI 1 0 UCL+CU 1+8 0+1 - - - 34 6
2001-2002 Italia Parma A 15 3 CI - - CU 1 0 - - - 16 3
2002-2003 Inghilterra Blackburn PL 9 2 - - - - - - - - - 9 2
2003-2004 Turchia Galatasaray SL 28 12 CT 1 0 UCL+CU 7+2 5+1 - - - 38 18
2004-2005 SL 33 18 CT 3 4 - - - - - - 37 22
2005-2006 SL 31 10 CT 4 2 CU 2 1 - - - 37 13
2006-2007 SL 26 4 CT 2 0 UCL 6 1 - - - 34 5
2007-2008 SL 28 11 CT 4 1 CU 9 2 - - - 41 14
Totale Galatasaray 392 228 69 32 84 37 - - 545 297
Totale Carriera 540 260 79 34 94 38 - - 709 332

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Galatasaray: 1992-1993, 1993-1994, 1996-1997, 1997-1998, 1998-1999, 1999-2000, 2005-2006, 2007-2008
Sakaryaspor: 1987-1988
Galatasaray: 1992-1993, 1995-1996, 1998-1999, 1999-2000, 2004-2005
Galatasaray: 1992-1993, 1995-1996, 1996-1997
Bursaspor: 1991-1992
Galatasaray: 1994-1995
Galatasaray: 1992-1993, 1997-1998, 1998-1999, 1999-2000
Parma: 2001-2002

Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Galatasaray: 1999-2000

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

1996-1997 (38 gol), 1997-1998 (32 gol), 1998-1999 (19 gol)

Nella cultura popolare[modifica | modifica wikitesto]

Viene citato nel libro Recalcitranti Calciatori dove un quiz (con 3 risposte) chiede il motivo per cui, nell'Inter, abbia vestito la maglia numero 54. L'opzione corretta rivela che è il numero di targa della sua città natale, mentre le altre due ironizzano sulla somma delle cifre (9, maglia tradizionalmente associata al centravanti) e sull'esiguo bottino realizzativo in nerazzurro (definendolo il totale, approssimato per difetto, dei gol falliti nelle prime 3 presenze).[18]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (TR) Hakan Şükür, galatasaray.org. URL consultato l'11 ottobre 2014.
  2. ^ Compleanno di Sukur festeggiato con la squadra, inter.it, 30 luglio 2001. URL consultato l'11 ottobre 2014.
  3. ^ Turchia, Hakan Sukur offende Erdogan su Twitter: ora rischia 4 anni di carcere, gazzetta.it, 24 febbraio 2016. URL consultato il 12 agosto 2016.
  4. ^ Turchia, ordine di arresto per Hakan Sukur. Erdogan lo considera un terrorista, SuperNews.it, 12 agosto 2016. URL consultato il 12 agosto 2016.
  5. ^ Calciatori ‒ La raccolta completa Panini 1961-2012, Vol. 12 (1995-1996), Panini, 23 luglio 2012, p. 10.
  6. ^ Gianni Piva, Inter, Keane-Sukur la strana coppia, in la Repubblica (Milano), 9 agosto 2000, p. 46.
  7. ^ Spettacolo all'Olimpico Supercoppa alla Lazio, repubblica.it, 9 settembre 2000.
  8. ^ L'Inter subito in crisi Ko a Reggio Calabria, repubblica.it, 1º ottobre 2000.
  9. ^ Lodovico Maradei, L' Inter fa piccola la Roma, in La Gazzetta dello Sport (Milano), 2 novembre 2000.
  10. ^ Nicola Cecere, Luca Curino, Luigi Garlando e Gianluca Mercuri, Questa è l' Inter del riscatto, in La Gazzetta dello Sport (Milano), 12 marzo 2001.
  11. ^ La Juventus non fa il bis la Coppa Italia al Parma, repubblica.it, 10 maggio 2002.
  12. ^ uefa.com - Italia 2-1 Turchia
  13. ^ uefa.com - Svezia 0-0 Turchia
  14. ^ uefa.com - Belgio 0-2 Turchia
  15. ^ uefa.com - Turchia 0-2 Portogallo
  16. ^ rus.worldfootball.net - Turchia 3-2 Corea del Sud
  17. ^ Guinness World Records
  18. ^ Michael Coleman e Pietro Formenton, Recalcitranti Calciatori, Milano, Salani Editore, 2004, p. 144.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]