Bursaspor Kulübü Derneği

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Bursaspor
Calcio
Timsahlar (Coccodrilli)
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Terza divisa
Colori sociali Verde, bianco
Simboli Coccodrillo
Dati societari
Città Bursa
Nazione Bandiera della Turchia Turchia
Confederazione UEFA
Federazione TFF
Campionato TFF 2. Lig
Fondazione 1963
Presidente Bandiera della Turchia Mesut Mestan
Allenatore Bandiera della Turchia İsmail Ertekin
Stadio Timsah Arena
(43 761 posti)
Sito web www.bursaspor.org.tr
Palmarès
Titoli nazionali 1 Campionato turco
Trofei nazionali 1 Coppa di Turchia
Si invita a seguire il modello di voce

Il Bursaspor Kulübü Derneği, noto semplicemente come Bursaspor, è una società calcistica turca con sede nella città di Bursa. Milita nella TFF 2. Lig, la terza serie del campionato turco.

Fondato nel 1963, il club gioca in tenuta a strisce biancoverdi. Nella stagione 2009-2010 la squadra si è laureata campione di Turchia per la prima volta nella sua storia, qualificandosi così alla UEFA Champions League e diventando la seconda squadra di una città diversa da Istanbul a vincere il titolo nazionale, dopo il Trabzonspor nel 1975-1976. La bacheca del Bursaspor annovera anche una Coppa di Turchia e 2 Coppe del Primo ministro, oltre a 2 titoli di seconda divisione. Il miglior risultato raggiunto nelle competizioni UEFA per club sono i quarti di finale della Coppa delle Coppe 1974-1975 e i quarti di finale della Coppa Intertoto 1995.

Lo stadio di casa è la Timsah Arena, impianto da 43 761 posti inaugurato nel 2015.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Fondato il 1º giugno 1963 a seguito della fusione di cinque club preesistenti (Acar İdman Yurdu, Akınspor, İstiklal, Pınarspor e Çelikspor), il Bursaspor fu iscritto al campionato di 2. Lig, vecchia denominazione del campionato di seconda serie (oggi 2. Lig indica la terza serie turca).

Nel 1967 il club vinse il campionato di 2. Lig, guadagnando così la promozione in Süper Lig. Nel 1986 il Bursaspor subì la prima retrocessione dalla massima serie, ma tale retrocessione fu revocata con un verdetto del Consiglio di Stato turco grazie alla vittoria del Bursaspor nella Coppa di Turchia in quella stessa stagione.

Nel 1971 il Bursaspor vinse il suo primo trofeo, l'ormai defunta Coppa del Primo Ministro, battendo in finale, dopo i tempi supplementari, il Fenerbahçe per 1-0. La sfida si ripeté nel 1974, ma questa volta ebbe la meglio il Fenerbahçe che però, avendo vinto il campionato e acquisito così il diritto a disputare la Coppa dei Campioni, lasciò libero il posto in Coppa delle Coppe al Bursaspor: l'anno seguente i biancoverdi raggiunsero i quarti di finale della competizione europea, eliminati dalla Dinamo Kiev che avrebbe poi vinto il trofeo. Il club vinse la sua prima Coppa di Turchia nel 1986 battendo in finale l'Altay per 2-0.

Nella stagione 2009-2010, sotto la guida dell'allenatore Ertuğrul Sağlam, la squadra ottenne per la prima volta il titolo di campione di Turchia. Già alla fine del girone di andata, nel dicembre 2009, la formazione di Bursa era al primo posto della classifica di Süper Lig, per la prima volta nella propria storia. Dall'inizio del 2010 la squadra occupò i primi tre posti della graduatoria sino ad aprile, quando prese il comando della classifica e consolidò poi il vantaggio, portato anche a 8 punti sulla seconda. A cinque giornate dal termine del campionato, scivolò al secondo posto, superata dal Fenerbahçe, che aveva eliminato i biancoverdi ai quarti di finale della coppa nazionale (4-3 tra andata e ritorno). Ciononostante, continuò a mettere pressione ai rivali e si presentò all'ultima giornata con un punto di svantaggio sulla squadra di Istanbul, che non andò oltre il pari interno contro il Trabzonspor, consentendo così al Bursaspor di vincere il torneo battendo per 2-1 il Beşiktaş tra le mura amiche. Il club chiuse una memorabile stagione con il miglior attacco della categoria e la seconda miglior difesa, dopo quella del Beşiktaş. Il successo fece del Bursaspor la seconda squadra al di fuori delle tre grandi di Istanbul ad essersi aggiudicata la Süper Lig: la prima a riuscirvi era stata il Trabzonspor nel 1975-1976.

Nella UEFA Champions League 2010-2011 il Bursaspor fu inserito nel gruppo C insieme a Rangers, Valencia e Manchester United. La squadra di Bursa terminò il girone all'ultimo posto con un solo punto, guadagnato grazie al pareggio casalingo contro gli scozzesi. Nella stagione 2018-2019 il Bursaspor retrocesse in TFF 1. Lig all'ultima giornata, divenendo il primo club turco vincitore di almeno un titolo a retrocedere dalla massima serie. Nel 2019-2020 si classificò quinto in seconda divisione (con 3 punti di penalizzazione) e fu eliminato alle semifinali dei play-off dall'Adana Demirspor, terzo classificato nella stagione regolare. Chiude la stagione 2021-2022 al diciassettesimo posto retrocedendo in TFF 2. Lig.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

2009-2010
1985-1986
1967, 2006
1971, 1992
1987-1988

Altri piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

Terzo posto: 2010-2011
Finalista: 1970-1971, 1973-1974, 1991-1992, 2011-2012, 2014-2015
Semifinalista: 1968-1969, 1971-1972, 1974-1975, 1977-1978, 1980-1981, 1981-1982, 1989-1990, 1999-2000, 2013-2014
Finalista: Türkiye Süper Kupası 1986, 2010, 2015

Statistiche e record[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche nelle competizioni UEFA[modifica | modifica wikitesto]

Tabella aggiornata alla fine della stagione 2018-2019.

Competizione Partecipazioni G V N P RF RS
UEFA Champions League 1 6 0 1 5 2 16
Coppa delle Coppe 2 8 2 2 4 5 12
Coppa UEFA/UEFA Europa League 4 12 4 4 4 20 17
Coppa Intertoto 1 6 4 2 0 14 5

Coppa delle Coppe:

Stagione Turno Avversario Casa Fuori Totale
1974-75 Bandiera dell'Irlanda Finn Harps 4-2 0-0 4-2
Bandiera della Scozia Dundee Utd 1-0 0-0 1-0
1/4 di fin. Bandiera dell'Unione Sovietica Dinamo Kiev 0-1 0-2 0-3
1986-87 Bandiera dei Paesi Bassi Ajax 0-2 0-5 0-7

UEFA Champions League:

Stagione Turno Avversario Casa Fuori
2010–11
fase a gironi
Bandiera dell'Inghilterra Manchester Utd 0-3 0-1
Bandiera della Spagna Valencia 0-4 1-6
Bandiera della Scozia Rangers 1-1 0-1

Rosa 2020-2021[modifica | modifica wikitesto]

Aggiornata al 25 ottobre 2020.

N. Ruolo Calciatore
1 Bandiera della Turchia P Ataberk Dadakdeniz
2 Bandiera della Turchia D İsmail Çokçalış
3 Bandiera della Turchia D Onur Atasayar
4 Bandiera della Turchia D Cüneyt Köz
5 Bandiera della Turchia C Emirhan Aydoğan
6 Bandiera della Turchia C Ramazan Keskin
7 Bandiera della Turchia C Burak Kapacak
8 Bandiera della Turchia C Ozan Koç
10 Bandiera della Turchia C Özer Hurmacı
11 Bandiera della Turchia C Çağatay Yılmaz
14 Bandiera della Turchia A İsmail Can Çavuşluk
15 Bandiera della Turchia C Aykut Akgün
17 Bandiera della Turchia C Recep Aydın
18 Bandiera della Turchia A Ali Akman
N. Ruolo Calciatore
23 Bandiera della Turchia D Furkan Ünver
24 Bandiera della Turchia D Kerem Kök
26 Bandiera della Turchia C Serdar Özkan
27 Bandiera della Turchia D Sedat Dursun
28 Bandiera della Turchia P Deniz Aydın
36 Bandiera della Germania C Burak Altıparmak
40 Bandiera della Turchia P Canberk Yurdakul
61 Bandiera della Turchia C Batuhan Kör
74 Bandiera della Turchia C Vefa Temel
75 Bandiera della Turchia A Eren Güler
77 Bandiera della Turchia C Tugbey Akgün
84 Bandiera della Turchia D Ertuğrul Kurtuluş
Bandiera della Turchia D Enes Kayar
Bandiera della Turchia C Berk Akgönül

Note[modifica | modifica wikitesto]


Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN313429198 · WorldCat Identities (ENviaf-313429198
  Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio