Utrecht

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Utrecht (disambigua).
Utrecht
comune
Utrecht – Stemma Utrecht – Bandiera
Utrecht – Veduta
Veduta
Localizzazione
Stato Paesi Bassi Paesi Bassi
Provincia Utrecht (province)-Flag.svg Utrecht
Amministrazione
Capoluogo Utrecht
Sindaco Jan van Zanen (borgomastro) (VVD)
Territorio
Coordinate
del capoluogo
52°05′20.04″N 5°06′56.02″E / 52.0889°N 5.11556°E52.0889; 5.11556 (Utrecht)Coordinate: 52°05′20.04″N 5°06′56.02″E / 52.0889°N 5.11556°E52.0889; 5.11556 (Utrecht)
Altitudine m s.l.m.
Superficie 99,32 km²
Abitanti 344,384 (30-4-2017)
Densità 3,47 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale 3450–3455, 3546 e 3500–3585
Prefisso 030
Fuso orario UTC+1
Codice CBS 0344
Nome abitanti Utrechter(s)
Cartografia
Mappa di localizzazione: Paesi Bassi
Utrecht
Utrecht
Utrecht – Mappa
Sito istituzionale

Utrecht (pron. [ˈutrekt] o [ˈutrext][1]; in olandese: /'y:trɛxt/, pronuncia[?·info]) è una città dei Paesi Bassi e il capoluogo dell'omonima provincia. Con 344.384 (30-4-2017) si tratta della quarta città dei Paesi Bassi per numero di abitanti. Il comune (gemeente) di Utrecht confina con le seguenti municipalità: De Bilt, Stichtse Vecht, Woerden, Montfoort, IJsselstein, Nieuwegein, Houten, Bunnik e Zeist.

La città[modifica | modifica wikitesto]

La torre del Duomo di Utrecht (Domtoren)


Il centro urbano si estende intorno al nucleo centrale e più antico della città. Nel cuore del centro svetta la torre del Duomo di Utrecht: con i suoi 112,32 m di altezza è la torre campanaria più alta dell'intero paese. Da esso, nelle giornate di bel tempo, è possibile vedere Amsterdam (che si trova a 35 km a nord). La maggior parte degli edifici del centro risale all'epoca d'oro dei Paesi Bassi, ovvero al XVI e XVII secolo, quando questi erano una grande potenza coloniale. Di conseguenza, il centro della città appare a tutt'oggi elegante con abitazioni ed edifici raffinati e riccamente decorati. La città è attraversata da diversi canali: tra i più pittoreschi si distinguono l'Oudegracht (canale vecchio) ed il Nieuwegracht (canale nuovo). Nelle giornate di sole, i bar, i ristoranti ed i negozi che si affacciano sull'Oudegracht sono affollati.

Dal punto di vista economico Utrecht si distingue da molte altre città olandesi per la forte tendenza al commercio: i suoi negozi sono molto rinomati in tutti i Paesi Bassi. La stazione ferroviaria è il centro della rete ferroviaria olandese e la sede degli uffici centrali del Nederlandse Spoorwegen (Ferrovie olandesi) ed è strutturalmente unita al centro commerciale più grande del paese, Hoog Catharijne.

L'Università di Utrecht (Utrecht Universiteit), con i suoi 30.000 studenti, è il più grande ateneo e centro di ricerca di tutti i Paesi Bassi e, con i suoi 7.000 impiegati, è anche la realtà economica più grande, in termini di numero di dipendenti, della città. La presenza dell'Università connota fortemente la vita di Utrecht, dove vivono decine di migliaia di persone con meno di 25 anni di età e diverse migliaia di studenti e ricercatori stranieri. Inoltre, nel centro cittadino ci sono cinema, teatri, centinaia di bar e decine di locali notturni. Utrecht è anche molto famosa per i suoi caffè e ristoranti, realizzati con gli stili e i gusti più variegati.

Dal punto di vista delle attività culturali, la città si presenta come un centro dinamico e molto attivo, specialmente per la presenza di vari musei, teatri, scuole d'arte.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Pianta della città nell'atlante di Blaeu da 1652
Pieterskerk, San Pietro

All'origine della città vi fu la costruzione di una fortificazione romana (castellum) di truppe ausiliarie intorno al 47 dopo Cristo. La fortificazione si trovava sul fiume Reno che all'epoca seguiva un tracciato molto più a nord dell'attuale e segnava i confini dell'Impero Romano. Il nome dell'avamposto era Traiectum ad Renum, poi Ultraiectum. Qui soggiornarono alcune unità militari come: la Coh.II Hispanorum pedit.Pia Fidelis,[2] la Coh.II Batavorum Victrix,[3] l'Ala I Thracum,[4] vexillationes della legio XXX Ulpia Victrix[5] e vexillationes della legio I Minervia.[6] Nei pressi dell'accampamento si sviluppò un insediamento con artigiani, commercianti ed i familiari dei soldati (canabae). A metà del II secolo tribù germaniche invasero a più riprese quei territori che gli erano stati strappati dai Romani e verso il 270 i Romani abbandonarono Utrecht. Sul periodo 270-500 poco è noto. Nel VI secolo Utrecht cadde sotto l'influenza dei Franchi.

Durante il Medioevo Utrecht era la città più importante dei Paesi Bassi Settentrionali. San Villibrordo è tradizionalmente considerato il suo primo vescovo. Nel 695 è stato nominato a arcivescovo dei frisoni e nel 703 o 704 Pipino di Herstal gli donò Utrecht, grazie alle sue attività missionarie. La città riceve i diritti civili nel 1122. Più tardi questi vescovi di Utrecht avevano il controllo non solo nella corrente provincia di Utrecht, ma anche nelle regioni più nordest (fino a Groninga). Nel 1528 il controllo fu trasferito a Carlo V d'Asburgo.

Nel 1579 le sette province settentrionali dei Paesi Bassi, senza il territorio che ora si chiama Belgio, si unificarono nell'Unione di Utrecht. Insieme si opposero al dominio spagnolo. L'Unione di Utrecht è spesso indicata come la genesi della Repubblica delle Sette Province Unite. Tra il 1620 e il 1630 si sviluppò il movimento pittorico dei Caravaggisti di Utrecht. Nel 1664 un uragano distrusse la città, evento documentato dai numerosi schizzi eseguiti dal pittore Herman Saftleven[7].

Nel marzo e aprile 1713 a Utrecht vennero firmati una serie di trattati (Trattato di Utrecht) che furono preliminari alla fine della guerra di successione spagnola. Nel 1730 ebbe luogo una serie di processi per sodomia, che sfociarono in una persecuzione degli omosessuali in tutti i Paesi Bassi. Nel 1843 è stata inaugurata una ferrovia che collegava Utrecht ad Amsterdam. Da allora Utrecht è divenuta gradualmente il centro della rete ferroviaria olandese.

Proprio per la sua qualità di svincolo vitale della rete ferroviaria olandese, Utrecht fu immediatamente presa dalle truppe tedesche all'inizio della seconda guerra mondiale, rimanendo occupata fino al 7 maggio 1945. La città fu una delle sedi più attive della resistenza olandese , nella quale non mancò di segnalarsi l'allora arcivescovo cattolico, cardinale Johannes de Jong.

Dalla fine dell'ultima guerra in poi la città si è espansa considerevolmente con la costruzione di nuovi quartieri come Kanaleneiland, Hoograven, Lunetten, Overvecht. In questo momento, Utrecht è oggetto di un grande progetto di riqualificazione urbanistica detto “Master Plan”. Nel progetto si prevede la riqualificazione dell'area della stazione ferroviaria, che comprende la riapertura di vecchi canali, strade, ponti e di numerosi edifici quali il nuovo municipio (Stadskantoor), un nuovo palazzo della musica (Tivoli Vredenburg), ampliamento di centri commerciali, uffici, il parcheggio coperto per biciclette più grande del mondo,nuove abitazioni. Inoltre, nel nuovo quartiere di Leidsche Rijn si sono costruite nuove abitazioni per espandere la popolazione cittadina di circa 100.000 abitanti.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Domkerk, il Duomo di Utrecht
Oudegracht, Canale Vecchio
Casa Rietveld Schröder (Rietveld Schröderhuis), costruita dall'architetto Gerrit Rietveld
Stadskasteel Oudaen, castello sul Canale Vecchio
De Neude, una piazza nel centro
Un angolo del centro di Utrecht

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Architetture militari[modifica | modifica wikitesto]

Architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

  • La Casa Oudaen (Stadskasteel Oudaen) - XIII secolo, casa signorile fortificata sull'Oudegracht, al numero 99.
  • La Casa del Papa (Paushuize) - 1517, casa costruita per papa Adriano VI che però non vide mai.
  • La Casa Rietveld Schröder (Rietveld Schröderhuis) - 1924, esempio di De Stijl e Patrimonio dell'umanità UNESCO.
  • Il mulino De Ster (La stella) - 1739, fungeva da segheria. Ora è aperto al pubblico.
  • Il mulino Rijn en Zon (Reno e sole) - 1913, per la produzione della farina. Ora è un negozio di macelleria biologica.

Musei[modifica | modifica wikitesto]

Het Spoorwegmuseum, il museo delle ferrovie
UFO artificiale, Zover (1999) dallo scultore Marc Ruygrok sul palazzo soprannominato "Inktpot", calamaio, sede centrale delle ferrovie olandesi e edificio in mattoni più grande dei Paesi Bassi

Sport[modifica | modifica wikitesto]

La squadra di calcio FC Utrecht, che gioca nello stadio Nieuw Galgenwaard, milita nella prima serie del campionato olandese e spesso partecipa alle competizioni europee per club. Nella prima divisione di calcio olandese gioca l'FC Utrecht, che è stato impegnato nell'Europa League 2010-2011. Utrecht è stato il luogo di nascita di molti giocatori di calcio, per esempio Wesley Sneijder e Marco van Basten.

Persone nate o legate ad Utrecht[modifica | modifica wikitesto]




Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN124196221 · LCCN: (ENn79022996 · ISNI: (EN0000 0004 1794 7612 · GND: (DE4062222-8
Paesi Bassi Portale Paesi Bassi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Paesi Bassi