Castello De Haar

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Castello De Haar
(Kasteel De Haar)
Kasteel de haar 22 juli 06 (1).jpg
Ubicazione
Stato attualePaesi Bassi Paesi Bassi
CittàUtrecht gemeente wapen.svg Utrecht
Coordinate52°07′17.15″N 4°59′10.85″E / 52.121431°N 4.986347°E52.121431; 4.986347Coordinate: 52°07′17.15″N 4°59′10.85″E / 52.121431°N 4.986347°E52.121431; 4.986347
Informazioni generali
Tiporesidenza
Stilemedievale, neogotico
CostruzioneXIII - XIV secolo-1892 - 1912 (ricostruzione)
CostruttorePierre Cuypers (ricostruzione)
Condizione attualeAperto al pubblico
Sito webhttp://www.kasteeldehaar.nl/
voci di architetture militari presenti su Wikipedia
Il castello De Haar come si presentava nel 1646
Il castello De Haar, circondato dai giardini
Haarzuilens (Utrecht): il castello De Haar
Facciata principale del castello De Haar
Particolare del castello De Haar
Torri del castello De Haar
Facciata orientale del castello De Haar
Scultura di fronte alla facciata orientale del castello De Haar

Il castello De Haar (in lingua olandese: Kasteel de Haar; un tempo: Het Huys te Haer) è un castello in stile neogotico[1] del villaggio olandese di Haarzuilens (comune di Utrecht), risalente al XIII - XIV secolo e ricostruito nella forma attuale tra il 1892 e il 1912 su progetto dell'architetto Pierre Cuypers.[2][3][4][5]
È il più grande castello dei Paesi Bassi.[5][6][7][8]

L'edificio è appartenuto alle famiglie Van de Haar e Van Zuylen van Nijevelt, famiglia che - nonostante il castello sia ora di proprietà della città di Utrecht[9] - tuttora vi risiede durante il mese di settembre (mese in cui il castello rimane chiuso al pubblico) [9][10].

Ubicazione[modifica | modifica wikitesto]

Il castello si trova nella via chiamata "Kasteellaan", nella parte occidentale del villaggio di Haarzuilens.[11]

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Il castello è circondato da fossato e si trova in una zona di boschi e laghi.[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il castello, che era stato eretto su depositi alluvionali del fiume Reno[1][4][10] (da cui il termine haar < protogermanico *haru = "collina sabbiosa"[10][12]), è menzionato per la prima volta nel 1391 [1][5][13], ma le sue origini risalgono forse al XIII secolo[11][14]. All'epoca, l'edificio era di proprietà della famiglia Van de Haar.[3][15]

Nel 1449, dopo la morte di Josyna van de Haar, che era andata in sposa a Dirk van Zuylen, il castello divenne di proprietà della famiglia Van Zuylen van Nijevelt.[15]

L'edificio fu distrutto nel 1482 durante le lotte tra il vescovo e la città di Utrecht e in seguito ricostruito.[13]

Nel 1890, il castello, di cui esistevano soltanto delle rovine, fu ereditato da Étienne van Zuylen van Nijevelt, che si era sposato tre anni prima con la baronessa francese Hélène Carline Betsy de Rothschild, dell'omonima famiglia di banchieri.[3][15]
La nuova coppia di proprietari decise di ricostruire l'edificio, affidando il progetto al famoso architetto Pierre Cuypers: la ricostruzione durò vent'anni, dal 1892 al 1912.[2] Si trattò di un'opera di ricostruzione senza eguali in Europa.[1]

Nel 2000, il castello fu donato alla fondazione "Kasteel de Haar.[9] Tra il 2001 e il 2010, l'edificio e i giardini circostanti sono stati sottoposti ad una notevole opera di restauro.[16]

Punti d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Esterni[modifica | modifica wikitesto]

Giardino delle rose[modifica | modifica wikitesto]

In realtà dal 2018 è diventato il giardino dei ciclamini

Giardino romano[modifica | modifica wikitesto]

Gazebo[modifica | modifica wikitesto]

Interni[modifica | modifica wikitesto]

Sala principale[modifica | modifica wikitesto]

Sala del signore[modifica | modifica wikitesto]

Sala da ballo[modifica | modifica wikitesto]

Salone del parrucchiere[modifica | modifica wikitesto]

Cucina[modifica | modifica wikitesto]

Stanza da bagno[modifica | modifica wikitesto]

Ulteriori immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]