Chișinău

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Chișinău
municipalità
(RO) Municipiul Chișinău
Chișinău – Stemma Chișinău – Bandiera
Chișinău – Veduta
Localizzazione
StatoMoldavia Moldavia
Amministrazione
PresidenteRuslan Codreanu (PPEM) dal 25-04-2018
Territorio
Coordinate47°07′N 28°55′E / 47.116667°N 28.916667°E47.116667; 28.916667 (Chișinău)Coordinate: 47°07′N 28°55′E / 47.116667°N 28.916667°E47.116667; 28.916667 (Chișinău)
Altitudine85 m s.l.m.
Superficie123 km²
Abitanti532 513 (2014)
Densità4 329,37 ab./km²
Altre informazioni
LingueRumeno
Cod. postale20xx
Prefisso+373 22
Fuso orarioUTC+2
ISO 3166-2MD-CU
TargaC, K
Nome abitantiChisinaueni
Cartografia
Chișinău – Localizzazione
Sito istituzionale

Chișinău (AFI: [kiʃiˈnəu], in russo Кишинёв Kišinëv, in tedesco: Kischinau, in yiddish: קעשענעװ Keshenev, in italiano anche Chiscinau e Chiscinev[1]) è la capitale e la città più popolosa (723 500 abitanti nel 2012) della Moldavia. La città è posta lungo il fiume Bîc.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

La città è posta lungo il fiume Bîc, affluente del Dniestr e ha una superficie di 120 km² (l'intero distretto municipale ha una superficie di 635 km²). Si trova a 85 m s.l.m.

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

L'origine del nome viene attribuita alla coesione di due parole dell'antico rumeno: chișla nouă ossia "sorgente nuova". Secondo una delle leggende sulla nascita della città, la sorgente d'acqua venne trovata da alcuni monaci ortodossi e nei suoi pressi questi ultimi decisero di costruirvi la Chiesa di San Masaracchio. La presenza della sorgente sarebbe stata l'incentivo alla fondazione del centro abitato. Chișinău è conosciuta in tedesco come Kischinau, in gagauzo: Kişinöv, in polacco: Kiszyniów, in ucraino: Кишинів, trasl. Kjščjniv, e in russo: Кишинёв?, traslitterato: Kišinëv o Kišinjov. La denominazione russa è stata molto utilizzata durante il periodo zarista e sovietico.

Chișinău nel 1889

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Chișinău sorse nel 1436 come villaggio di un monastero del principato di Moldova che, dall'inizio del XVI secolo cadde sotto l'influenza dell'Impero ottomano. All'inizio del XIX secolo era un piccolo villaggio di 7.000 abitanti. Nel 1812 fu ceduta dai turchi all'Impero russo che la rese il centro del Governatorato della Bessarabia. Nel corso del XIX secolo la sua popolazione crebbe sensibilmente, passando dai 92.000 abitanti del 1862 ai 125.787 del 1900. Il 28 agosto 1871 Chișinău venne unita con una ferrovia alla città di Tiraspol, mentre nel 1873 venne aperto il collegamento ferroviario con Cornești. Quattro anni dopo venne aperta, in preparazione alla guerra russo-turca, la ferrovia per la città rumena di Iași.

Nel tardo XIX secolo, specialmente a causa del crescente antisemitismo in Russia e Polonia, molti Ebrei scelsero di stabilirsi in città, fino a divenire nell'anno 1900 ben il 43% della sua popolazione. Il 6–7 aprile del 1903 Chișinău fu teatro di un violento pogrom contro la popolazione ebraica della città. Circa 49 persone rimasero uccise, 500 furono ferite e centinaia di proprietà di ebrei andarono saccheggiate e distrutte. Il 19–20 ottobre del 1905 si verificò in città un altro pogrom che costò la vita a 19 ebrei.

Dopo la prima guerra mondiale la città passò sotto il controllo del Regno di Romania. Per colmare il ritardo non solo economico, ma anche culturale della Bessarabia, lo stato romeno iniziò ad investire nella regione realizzando nuove infrastrutture e avviando campagne di alfabetizzazione. In quanto capoluogo del neo-acquisito territorio Chișinău venne interessata da una serie di lavori pubblici che cambiarono il volto della città. Nel 1933 fu inaugurata l'Università Agraria, mentre sei anni dopo aprì il Museo d'Arte. Il 28 luglio 1940 fu occupata dall'Armata Rossa a seguito del Patto Molotov-Ribbentrop e riannessa all'URSS, divenendo la capitale della Repubblica Socialista Sovietica Moldava, una delle sue quindici repubbliche costitutive. Il 10 novembre dello stesso anno Chișinău venne pressoché rasa al suolo da un terremoto di magnitudo 7.3 della scala Richter.

Il 16 luglio 1941 a seguito dell'Operazione Barbarossa le truppe romene, coadiuvate da quelle tedesche, rioccuparono la città. A seguito di quest'evento gran parte della comunità ebraica cittadina, circa 10.000 persone, venne sommariamente giustiziata nelle campagne circostanti. Nell'agosto 1944 i sovietici libereranno definitivamente la città a seguito di una grande offensiva lanciata dall'Armata Rossa contro la Romania. per poi perderla definitivamente nell'estate-autunno 1944. Durante la seconda guerra mondiale Chișinău venne quasi interamente rasa al suolo dai bombardamenti e dai combattimenti.

Nel dopoguerra la città venne ricostruita secondo il progetto dell'architetto Aleksej Viktorovič Ščusev. La popolazione crebbe in maniera rapida e l'amministrazione sovietica iniziò ad edificare numerosi edifici pubblici e privati in stile stalinista. Negli anni sessanta vennero costruiti numerosi blocchi di abitazioni popolari che ancora oggi dominano le periferie di Chișinău. Nel 1977 venne danneggiata da un violento terremoto.

Dal 1991 Chișinău è capitale della Repubblica Moldava indipendente dall'URSS.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

Altro[modifica | modifica wikitesto]

Aree naturali[modifica | modifica wikitesto]

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Suddivisioni amministrative[modifica | modifica wikitesto]

I 5 quartieri della città

Chișinău è suddivisa in 1 municipio (a sua volta suddiviso in 5 quartieri, sector in rumeno), 6 città e 12 comuni.

Municipio[modifica | modifica wikitesto]

  • Chișinău (532 513)

Città[modifica | modifica wikitesto]

Comuni[modifica | modifica wikitesto]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti (migliaia)

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

In base ai dati del censimento 2014, la popolazione è così divisa dal punto di vista etnico:[2]

Etnia Abitanti %
Moldavi 304 816 67,17
Romeni 65 573 14,45
Russi 42 157 9,29
Ucraini 26 955 5,94
Bulgari 4 810 1,06
Gagauzi 6 398 0,68
Altre etnie/non dichiarate 6 398 1,41

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Molto più ricca e con un tenore di vita decisamente superiore rispetto al resto del paese, Chișinău è un centro primario per l'industria e i servizi. Le sue industrie principali includono beni di consumo ed elettrodomestici, materiali da costruzione, macchinari, gomma e tessuti. I principali campi di servizi sono quello bancario e commerciale.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Ferrovie[modifica | modifica wikitesto]

Chișinău dispone di una stazione ferroviaria che offre collegamenti diretti con Bucarest, Kiev, Leopoli, Minsk, Mosca, Odessa, Samara, San Pietroburgo e Varna.

A causa della guerra di Transnistria e dell'indipendenza della Pridnestrovie, i collegamenti ferroviari con l'Ucraina sono stati temporaneamente sospesi.[senza fonte]

Aeroporti[modifica | modifica wikitesto]

La città è servita da un aeroporto internazionale che collega la Moldavia alle principali città europee e asiatiche.

L'aeroporto è il principale hub di Air Moldova, compagnia aerea di bandiera della Moldavia.

Mobilità urbana[modifica | modifica wikitesto]

Il trasporto pubblico della capitale moldava è suddiviso in: autobus, filobus e minibus. La tranvia che serviva la città è stata chiusa nel 1961.

L'autobus è un mezzo poco diffuso nella città, tant'è che le linee sono approssimativamente 30, operate con l'utilizzo di circa un centinaio di mezzi. Ben più utilizzata, e più economica, è la filovia, che conta 30 linee gestite dalla Regia Transport Electric Chișinău (RTEC). In città sono diffuse anche le cosiddette Rutierele, ossia minibus e pullmini privati utilizzati per il trasporto pubblico e che seguono i tracciati delle linee regolari, essendo tuttavia più economici.

Istruzione[modifica | modifica wikitesto]

La città è sede di dodici università pubbliche ed undici università private, dell'Accademia delle Scienze di Moldavia e di un gran numero di istituti che offrono sia istruzione secondaria che primaria.

Fin dall'epoca dell'Unione Sovietica, la città, che diede i natali al docente, attore e regista russo Aleksandr Pavlovič Lenskij,[3] è divenuta una capitale simbolo del benessere e del socialismo economico.

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Chișinău ospita tre società calcistiche: lo Zimbru Chișinău, il Dacia Chișinău e l'Academia Chișinău. Il principale impianto sportivo cittadino è lo Stadio Zimbru, costruito nel 2006.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Chișinău è gemellata con:[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Cfr. la mappa della Romania pubblicata in Umberto Ademollo, Gli Stati d'Europa dopo la Grande Guerra, in "Le Vie d'Italia e del Mondo", anno I, n. 2 (febbraio 1933-XI), a p. 143
  2. ^ (RO) Risultati del Censimento in Moldavia 2014 (XLS), su statistica.md. URL consultato il 4 maggio 2019.
  3. ^ le muse, VI, Novara, De Agostini, 1964, p. 420.
  4. ^ Comune di Chisinau: gemellaggi, su chisinau.md. URL consultato il 18 agosto 2010 (archiviato dall'url originale l'8 ottobre 2010).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN126144648614428314870 · LCCN (ENn80093608 · GND (DE4073461-4 · BNF (FRcb11974196d (data)
Moldavia Portale Moldavia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Moldavia