Ronald Koeman

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ronald Koeman
Ronald Koeman (2014) (cropped).jpg
Koeman nel 2014
Nazionalità Paesi Bassi Paesi Bassi
Altezza 182 cm
Peso 82 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex difensore, centrocampista)
Termine carriera 1997 - giocatore
Carriera
Squadre di club1
1980-1983Groningen90 (34)
1983-1986Ajax94 (23)
1986-1989PSV98 (51)
1989-1995Barcellona192 (67)
1995-1997Feyenoord61 (19)
Nazionale
1983-1994Paesi Bassi Paesi Bassi78 (14)
Carriera da allenatore
1997-1998Paesi Bassi Paesi BassiVice
1998-1999BarcellonaAssistente
1999-2000Barcellona B
2000-2001Vitesse
2001-2005Ajax[1]
2005-2006Benfica
2006-2007PSV
2007-2008Valencia
2009AZ Alkmaar
2011-2014Feyenoord
2014-2016Southampton
2016-2017Everton
2018-2020Paesi Bassi Paesi Bassi
2020-2021Barcellona
Palmarès
UEFA European Cup.svg Europei di calcio
Oro Germania Ovest 1988
Transparent.png UEFA Nations League
Argento Portogallo 2019
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 28 ottobre 2021

Ronald Koeman (Zaandam, 21 marzo 1963) è un allenatore di calcio ed ex calciatore olandese, di ruolo difensore o centrocampista.

È stato campione d'Europa con i Paesi Bassi nel 1988. Dal 1º gennaio 2023 sarà il nuovo commissario tecnico della nazionale olandese.

Considerato tra i massimi difensori goleador nella storia del calcio grazie alle 253 reti messe a segno in 763 gare ufficiali,[2] ha vestito le maglie di Groningen, Ajax, PSV, Barcellona e Feyenoord vincendo complessivamente 18 trofei, tra cui 4 campionati spagnoli consecutivi e 2 Coppe dei Campioni, nel 1987-1988 con il PSV e nel 1991-1992 con il Barcellona, segnando in quest'ultima edizione il gol che decise la finale.[3] Nonostante ricoprisse il ruolo di centrale difensivo, realizzò in sei anni con la maglia del Barcellona ben 102 gol in 345 presenze, moltissimi dei quali su punizione e da fuori area.[4]

Con la nazionale olandese ha partecipato a 2 campionati europei (1988 e 1992) e 2 campionati mondiali (1990 e 1994), vincendo il campionato d'Europa del 1988.

Da tecnico ha guidato diverse squadre tra Paesi Bassi, Portogallo, Spagna e Inghilterra. È stato il primo olandese ad aver realizzato il double sia come calciatore (1988 e 1989 con il PSV) sia come allenatore (2002 con l'Ajax). Divenuto commissario tecnico della nazionale olandese, ha condotto gli Oranje alla finale della UEFA Nations League 2018-2019.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Suo padre Martin (1938-2013), suo fratello maggiore Erwin e suo nipote Len sono stati calciatori.[3] In Italia era soprannominato Rambo.[3] Nel maggio 2020 si è sottoposto ad un'operazione d'urgenza per problemi cardiaci.[5]

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Ha giocato principalmente nella posizione di libero, tuttavia ha ricoperto anche il ruolo di centrocampista. Molto abile nel calcio di punizione, era dotato di un tiro molto potente.[6][7][8]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Koeman (a destra) con Eric Gerets e Edward Linskens durante la semifinale della Coppa dei Campioni 1987-88 contro il Real Madrid.

Cresciuto calcisticamente nel Groningen, esordì in prima squadra nella Eredivisie 1980-1981, all'età di 17 anni e 183 giorni, nella partita casalinga vinta per 2-0 contro il N.E.C., risultando il terzo più giovane esordiente del Groningen, dopo Piet Wildschut e Bert de Voogt. Avendo totalizzato 90 presenze in campionato e marcato 32 reti con la squadra in tre stagioni, esordì in nazionale maggiore e si guadagnò le attenzioni dell'Ajax, che lo acquistò nell'estate del 1983. Con la squadra di Amsterdam esordì nelle coppe europee e vinse il campionato olandese nel 1984-1985. Dalla stagione successiva, sotto la guida dell'allenatore Johan Cruijff, continuò a riverstire un ruolo importante nella compagine biancorossa, che lasciò in modo controverso nell'estate del 1986, dopo aver vinto la coppa nazionale del 1985-1986 e segnato 31 gol in 114 presenze in tutte le competizioni.

Passato al PSV, trovò l'allenatore Hans Kraay, che verso la fine della stagione 1986-1987 si dimise, venendo rimpiazzato da Guus Hiddink. Sotto la gestione di quest'ultimo tecnico, Koeman e compagni riuscirono a superare l'Ajax in classifica nelle ultime giornate di campionato, aggiudicandosi il titolo olandese nel 1986-1987. Le stagioni seguenti furono caratterizzate da altri trofei: il PSV si aggiudicò i campionati 1987-1988 e 1988-1989, due Coppe dei Paesi Bassi nelle medesime stagioni e la Coppa dei Campioni 1987-1988, vinta battendo in finale il Benfica. In tre stagioni al PSV, il difensore segnò 51 gol in 98 presenze, per una media di oltre un gol ogni due partite; la stagione più prolifica della sua carriera in termini realizzativi è il 1987-1988, in cui realizzò ben 21 reti in campionato. Nel 1987 e nel 1988 fu inoltre insignito del premio di Calciatore dell'anno del campionato olandese.

Approdato al Barcellona nel 1989, ritrovò l'allenatore Cruijff, alla guida del cosiddetto Dream Team catalano, e in divenne subito uno dei perni della compagine azulgrana, di cui vestì la fascia di capitano. Vinta la Coppa del Re 1989-1990 battendo per 2-0 in finale il Real Madrid, la squadra si aggiudicò quattro campionati spagnoli consecutivamente (dal 1990-1991 al 1993-1994) e tre Supercoppe spagnole (1991, 1992, 1994), oltre alla Coppa dei Campioni 1991-1992, vinta a Wembley dopo i tempi supplementari della finale contro la Sampdoria grazie a un pregevole gol di Koeman su calcio di punizione al 112' di gioco[3] — avendo segnato anche nella finale di Coppa delle Coppe 1990-1991 persa per 1-2 dai catalani contro il Manchester Utd, Koeman divenne il primo calciatore a segnare in due finali consecutive di due diverse competizioni europee —, e alla Supercoppa UEFA 1992. Il difensore olandese, noto per i suoi calci piazzati potenti e precisi, come quello andato a segno nella vittoria per 5-0 nel Clásico di campionato contro il Real Madrid del 9 gennaio 1994, realizzò ben 8 reti nella UEFA Champions League 1993-1994, risultandone capocannoniere a pari merito con il neozelandese Wynton Rufer, ma nella finale di quella edizione della Champions il Barça fu battuto per 4-0 dal Milan.

Dopo la deludente annata 1994-1995 e dopo sei anni di militanza in blaugrana, Koeman lasciò il club spagnolo con un bilancio di 88 reti in 264 presenze in tutte le competizioni. Rientrato in patria, si accasò al Feyenoord, dove trascorse due stagioni e vestì anche la fascia di capitano, prima del ritiro dall'attività agonistica. Chiuse la carriera nel 1997, da difensore più prolifico nella storia del calcio, con 193 reti realizzate in 533 partite di campionato (meglio di Daniel Passarella, autore di 182 gol in 556 partite).[9]

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Collezionò 78 presenze con la maglia della nazionale olandese, segnando 14 reti.[10] Fece parte della rosa vincitrice del campionato europeo del 1988,[3] in cui ha realizzato un rigore importante nella semifinale vinta 2-1 contro la Germania.[11] Ha partecipato anche a 2 campionati del mondo (1990 e 1994) e a un altro campionato d'Europa (1992).[10]

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Esordi[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1º luglio 1997 al 12 luglio 1998 è vice di Guus Hiddink prima e di Frank Rijkaard poi sulla panchina della nazionale olandese. Dal 1º luglio 1998 al 31 dicembre 1999 ha fatto parte dello staff del Barcellona di Louis van Gaal, prima come assistente insieme a José Mourinho e André Villas-Boas, e poi come allenatore del Barcellona B.

Vitesse e Ajax[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1º gennaio 2000 al 2 dicembre 2001 ha allenato il Vitesse, con il quale ha conquistato il 6º posto in Eredivisie 2000-2001.

Dall'11 dicembre 2001 al 25 febbraio 2005 ha guidato l'Ajax, divenendo il secondo olandese della storia dopo Rinus Michels a vincere il campionato sia da giocatore sia da allenatore con le vittorie del 2001-02 e del 2003-04[12].

Benfica, PSV e Valencia[modifica | modifica wikitesto]

Dall'8 giugno 2005 all'8 maggio 2006 ha guidato il Benfica, vincendo la Supercoppa del Portogallo.

Tornato nei Paesi Bassi, dal 1º luglio 2006 ha ricoperto l'incarico di allenatore del PSV, con il quale ha vinto subito il campionato 2006-07.

Il 31 ottobre 2007 ha rescisso il contratto con il PSV e il 5 novembre 2007 ha firmato con il Valencia nella Liga spagnola, accordandosi fino al 2010. Sotto la gestione Koeman, il Valencia non ha conosciuto un netto miglioramento (ed ha avuto non pochi problemi con lo spogliatoio mettendo fuori rosa 3 senatori come David Albelda, Miguel Ángel Angulo e Santiago Cañizares),[3] così, nonostante la vittoria della Coppa del Re il 16 aprile 2008, Koeman è stato esonerato il 21 aprile successivo, con la sua squadra al 15º posto all'indomani della sconfitta per 5-1 contro l'Athletic Bilbao.[3]

AZ Alkmaar e Feyenoord[modifica | modifica wikitesto]

Il 1º luglio 2009 diventa il nuovo allenatore dell'AZ Alkmaar in sostituzione di Louis van Gaal, passato al Bayern Monaco. Il 5 dicembre viene sollevato dall'incarico di allenatore, dopo una serie di sette sconfitte in sedici partite nella Eredivisie 2009-2010.

Il 25 luglio 2011 diventa allenatore del Feyenoord, prendendo il posto del dimissionario Mario Been per la stagione 2011-12. Il 17 gennaio 2012 prolunga il suo contratto fino al 30 giugno 2013. Riesce a portare i biancorossi al secondo posto in campionato valido per i preliminari di Champions League. Nel campionato 2012-13 si piazza al terzo posto con 69 punti a parità di punti con il PSV mentre nel 2013-14 si piazza di nuovo al secondo posto dietro all'Ajax grazie ai gol di Graziano Pellè che aveva già avuto all'AZ.

Southampton ed Everton[modifica | modifica wikitesto]

Koeman alla guida del Southampton nel settembre 2014.

Il 16 giugno 2014 diventa allenatore del Southampton, prendendo il posto di Mauricio Pochettino nella Premier League 2014-2015, portandosi con sé Pellè. Arriva 7º in campionato (record per il club) qualificandosi per l'Europa League. Da questa competizione esce però già ai play-off di agosto per mano del Midtjylland. In questa stagione migliora il record in campionato arrivando 6º qualificandosi ancora per la coppa europea.

Il 14 giugno 2016 viene scelto come nuovo tecnico dell'Everton; si lega ai Toffees con un contratto triennale.[13] Arriva 7º in campionato riportando la squadra in Europa. Il 23 ottobre 2017 viene esonerato a causa del pessimo avvio in campionato (quart'ultimo posto con 8 punti in 9 partite) e in Europa League (ultimo con 1 punto in 3 partite).[14]

Nazionale olandese[modifica | modifica wikitesto]

Il 6 febbraio 2018 firma un contratto quadriennale come commissario tecnico della nazionale olandese prendendo il posto di Dick Advocaat, che si era dimesso dopo aver fallito la qualificazione ai Mondiali in Russia.[15] Il 23 marzo al debutto perde l'amichevole contro l'Inghilterra (0-1), ma tre giorni dopo ottiene la prima vittoria contro il Portogallo (3-0). A novembre vince con 7 punti il proprio girone di Nations League, eliminando i campioni del mondo della Francia (2-0)[16] e la Germania (3-0[17] e 2-2 in rimonta).[18] Il 9 giugno 2019, dopo aver eliminato l'Inghilterra in semifinale (3-1 ai supplementari) 3 giorni prima,[19] perde la finale contro i campioni d'Europa del Portogallo (0-1).[20] Il 16 novembre seguente la nazionale olandese, con il pareggio con l'Irlanda del Nord (0-0), si qualifica matematicamente a Euro 2020 come seconda del girone dietro alla Germania,[21] che gli Oranje battono in trasferta per 4-2,[22] dopo averci perso 2-3 in casa.[23]

Barcellona[modifica | modifica wikitesto]

Il 19 agosto 2020, dopo aver lasciato l'incarico di commissario tecnico della nazionale olandese,[24] viene ufficializzato come nuovo allenatore del Barcellona, firmando un contratto biennale.[25] Esordisce sconfiggendo il Villarreal per 4-0 in campionato. In stagione la squadra catalana non va oltre gli ottavi di finale di Champions League, venendo eliminata dal Paris Saint-Germain, e il 3º posto in campionato, a 7 punti dall'Atlético Madrid. I blaugrana perdono la finale di Supercoppa spagnola contro l'Athletic Bilbao ma vincono la Coppa del Re, battendo in finale lo stesso club basco per 4-0. A fine stagione la società spagnola decide di confermare Koeman.[26]

L'inizio della stagione successiva si rivela deludente: in campionato il Barcellona raccoglie 15 punti nelle prime 10 giornate, mentre nel girone di UEFA Champions League ottiene solo 3 punti nelle prime 3 partite, frutto di una vittoria di misura contro la Dinamo Kiev (1-0) e di due pesanti sconfitte contro Bayern Monaco in casa e Benfica in trasferta (entrambe per 3-0). Il 28 ottobre 2021, dopo la sconfitta esterna per 1-0 contro il Rayo Vallecano, viene sollevato dall'incarico.[27]

Il ritorno come CT[modifica | modifica wikitesto]

Il 6 aprile 2022 viene ufficializzato il suo ritorno sulla panchina dell’Olanda a partire dal 1º gennaio 2023, in sostituzione di Louis Van Gaal, una volta terminato il Mondiale in Qatar.[28]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenzi e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
1980-1981 Paesi Bassi FC Groningen ED 24 4 CO 3 2 - - - - - - 27 6
1981-1982 ED 33 14 CO 1 0 - - - - - - 34 14
1982-1983 ED 33 14 CO 4 0 - - - - - - 37 14
Totale FC Groningen 90 32 8 2 - - - - 98 34
1983-1984 Paesi Bassi Ajax ED 32 7 CO 4 2 CC 2 0 - - - 38 9
1984-1985 ED 30 9 CO 2 1 CU 4 3 - - - 36 13
1985-1986 ED 32 7 CO 6 2 CC 2 0 - - - 40 9
Totale Ajax FC 94 23 12 5 8 3 - - 114 31
1986-1987 Paesi Bassi PSV ED 34 16 CO 3 3 CC 2 0 - - - 39 19
1987-1988 ED 32 21 CO 6 4 CC 8 1 - - - 46 26
1988-1989 ED 32 14 CO 6 1 CC 4 2 SU+CInt 2+1 0+1 45 18
Totale PSV 98 51 15 8 14 3 3 1 130 63
1989-1990 Spagna Barcellona PD 36 14 CR 7 4 CdC 4 1 SU 1 0 48 19
1990-1991 PD 21 6 CR 4 2 CdC 7 4 - - - 32 12
1991-1992 PD 35 16 CR 2 0 CC 11 1 SS 1 0 49 17
1992-1993 PD 33 11 CR 3 0 UCL 3 0 SS+SU+Cint 1+2+1 0+0+0 43 11
1993-1994 PD 35 11 CR 2 0 UCL 12 8 SS 1 0 50 19
1994-1995 PD 32 9 CR 1 0 UCL 8 1 SS 1 0 42 10
Totale Barcellona 192 67 19 6 45 15 8 0 264 88
1995-1996 Paesi Bassi Feyenoord ED 31 10 CO 3 1 CdC 7 3 SO 1 0 42 14
1996-1997 ED 30 9 CO 2 0 CU 5 0 - - - 37 9
Totale Feyenoord 61 19 5 1 12 3 1 0 79 23
Totale carriera 535 192 59 22 79 24 12 1 685 239

Cronologia presenze e reti in nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Paesi Bassi
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
27-4-1983 Utrecht Paesi Bassi Paesi Bassi 0 – 3 Svezia Svezia Amichevole -
7-9-1983 Groninga Paesi Bassi Paesi Bassi 3 – 0 Islanda Islanda Qual. Euro 1984 1 Uscita al 65’ 65’
21-9-1983 Bruxelles Belgio Belgio 1 – 1 Paesi Bassi Paesi Bassi Amichevole -
12-10-1983 Dublino Irlanda Irlanda 2 – 3 Paesi Bassi Paesi Bassi Qual. Euro 1984 -
16-11-1983 Rotterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 2 – 1 Spagna Spagna Qual. Euro 1984 -
17-12-1983 Rotterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 5 – 0 Malta Malta Qual. Euro 1984 -
23-12-1984 Nicosia Cipro Cipro 0 – 1 Paesi Bassi Paesi Bassi Qual. Mondiali 1986 - Ingresso al 77’ 77’
14-5-1985 Budapest Ungheria Ungheria 0 – 1 Paesi Bassi Paesi Bassi Qual. Mondiali 1986 - Ingresso al 62’ 62’
12-3-1986 Lipsia Germania Est Germania Est 0 – 1 Paesi Bassi Paesi Bassi Amichevole -
29-4-1986 Eindhoven Paesi Bassi Paesi Bassi 0 – 0 Scozia Scozia Amichevole -
14-5-1986 Dortmund Germania Ovest Germania Ovest 1 – 3 Paesi Bassi Paesi Bassi Amichevole -
10-9-1986 Praga Cecoslovacchia Cecoslovacchia 1 – 0 Paesi Bassi Paesi Bassi Amichevole -
15-10-1986 Budapest Ungheria Ungheria 0 – 1 Paesi Bassi Paesi Bassi Qual. Euro 1988 -
19-11-1986 Amsterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 0 – 0 Polonia Polonia Qual. Euro 1988 - Uscita al 46’ 46’
25-3-1987 Rotterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 1 – 1 Grecia Grecia Qual. Euro 1988 - Uscita al 72’ 72’
29-4-1987 Rotterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 2 – 0 Ungheria Ungheria Qual. Euro 1988 -
9-9-1987 Rotterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 0 – 0 Belgio Belgio Amichevole -
14-10-1987 Zabrze Polonia Polonia 0 – 2 Paesi Bassi Paesi Bassi Qual. Euro 1988 -
28-10-1987 Rotterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 8 – 0 Cipro Cipro Amichevole -
9-12-1987 Amsterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 4 – 0 Cipro Cipro Qual. Euro 1988 1
16-12-1987 Rodi Grecia Grecia 0 – 3 Paesi Bassi Paesi Bassi Qual. Euro 1988 1 Cap.
23-3-1988 Londra Inghilterra Inghilterra 2 – 2 Paesi Bassi Paesi Bassi Amichevole -
1-6-1988 Amsterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 2 – 0 Romania Romania Amichevole - Cap.
12-6-1988 Colonia Unione Sovietica Unione Sovietica 1 – 0 Paesi Bassi Paesi Bassi Euro 1988 - 1º turno -
15-6-1988 Düsseldorf Inghilterra Inghilterra 1 – 3 Paesi Bassi Paesi Bassi Euro 1988 - 1º turno -
18-6-1988 Gelsenkirchen Irlanda Irlanda 0 – 1 Paesi Bassi Paesi Bassi Euro 1988 - 1º turno -
21-6-1988 Amburgo Germania Ovest Germania Ovest 1 – 2 Paesi Bassi Paesi Bassi Euro 1988 - Semifinale 1
25-6-1988 Monaco di Baviera Unione Sovietica Unione Sovietica 0 – 2 Paesi Bassi Paesi Bassi Euro 1988 - Finale -
14-9-1988 Amsterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 1 – 0 Galles Galles Qual. Mondiali 1990 -
19-10-1988 Monaco di Baviera Germania Ovest Germania Ovest 0 – 0 Paesi Bassi Paesi Bassi Qual. Mondiali 1990 - Cap.
16-11-1988 Roma Italia Italia 1 – 0 Paesi Bassi Paesi Bassi Amichevole - Cap.
4-1-1989 Ramat Gan Israele Israele 0 – 2 Paesi Bassi Paesi Bassi Amichevole - Cap.
22-3-1989 Eindhoven Paesi Bassi Paesi Bassi 2 – 0 Unione Sovietica Unione Sovietica Amichevole 1
26-4-1989 Rotterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 1 – 1 Germania Ovest Germania Ovest Qual. Mondiali 1990 - Cap.
31-5-1989 Helsinki Finlandia Finlandia 0 – 1 Paesi Bassi Paesi Bassi Qual. Mondiali 1990 - Cap.
6-9-1989 Amsterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 2 – 2 Danimarca Danimarca Amichevole 1 Cap.
11-10-1989 Wrexham Galles Galles 1 – 2 Paesi Bassi Paesi Bassi Qual. Mondiali 1990 - Cap.
15-11-1989 Rotterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 3 – 0 Finlandia Finlandia Qual. Mondiali 1990 1 Cap.
20-12-1989 Rotterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 0 – 1 Brasile Brasile Amichevole - Cap. Uscita al 46’ 46’
21-2-1990 Amsterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 0 – 0 Italia Italia Amichevole - Cap.
28-3-1990 Kiev Unione Sovietica Unione Sovietica 2 – 1 Paesi Bassi Paesi Bassi Amichevole 1 Cap.
30-5-1990 Vienna Austria Austria 3 – 2 Paesi Bassi Paesi Bassi Amichevole 1
3-6-1990 Zagabria Jugoslavia Jugoslavia 0 – 2 Paesi Bassi Paesi Bassi Amichevole -
12-6-1990 Palermo Paesi Bassi Paesi Bassi 1 – 1 Egitto Egitto Mondiali 1990 - 1º turno -
16-6-1990 Cagliari Inghilterra Inghilterra 0 – 0 Paesi Bassi Paesi Bassi Mondiali 1990 - 1º turno -
21-6-1990 Palermo Irlanda Irlanda 1 – 1 Paesi Bassi Paesi Bassi Mondiali 1990 - 1º turno -
24-6-1990 Milano Paesi Bassi Paesi Bassi 1 – 2 Germania Ovest Germania Ovest Mondiali 1990 - Ottavi di finale 1
26-9-1990 Palermo Italia Italia 1 – 0 Paesi Bassi Paesi Bassi Amichevole - Uscita al 54’ 54’
5-6-1991 Helsinki Finlandia Finlandia 1 – 1 Paesi Bassi Paesi Bassi Qual. Euro 1992 -
11-9-1991 Eindhoven Paesi Bassi Paesi Bassi 1 – 1 Polonia Polonia Amichevole - Uscita al 72’ 72’
16-10-1991 Rotterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 1 – 0 Portogallo Portogallo Qual. Euro 1992 -
4-12-1991 Salonicco Grecia Grecia 0 – 2 Paesi Bassi Paesi Bassi Qual. Euro 1992 -
12-2-1992 Faro Portogallo Portogallo 2 – 0 Paesi Bassi Paesi Bassi Amichevole - Cap.
25-3-1992 Amsterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 2 – 0 Jugoslavia Jugoslavia Amichevole - Cap. Uscita al 46’ 46’
27-5-1992 Sittard Paesi Bassi Paesi Bassi 3 – 2 Austria Austria Amichevole - Uscita al 46’ 46’
5-6-1992 Lens Francia Francia 1 – 1 Paesi Bassi Paesi Bassi Amichevole -
12-6-1992 Göteborg Scozia Scozia 0 – 1 Paesi Bassi Paesi Bassi Euro 1992 - 1º turno -
15-6-1992 Göteborg Paesi Bassi Paesi Bassi 1 – 1 Comunità degli Stati Indipendenti Comunità degli Stati Indipendenti Euro 1992 - 1º turno - Ammonizione al 26’ 26’
18-6-1992 Göteborg Germania Germania 1 – 3 Paesi Bassi Paesi Bassi Euro 1992 - 1º turno -
22-6-1992 Göteborg Danimarca Danimarca 2 – 2 dts
(5 – 4 dtr)
Paesi Bassi Paesi Bassi Euro 1992 - Semifinale -
9-9-1992 Eindhoven Paesi Bassi Paesi Bassi 2 – 3 Italia Italia Amichevole -
23-9-1992 Oslo Norvegia Norvegia 2 – 1 Paesi Bassi Paesi Bassi Qual. Mondiali 1994 - Ammonizione al 8’ 8’
14-10-1992 Rotterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 2 – 2 Polonia Polonia Qual. Mondiali 1994 -
16-12-1992 Istanbul Turchia Turchia 1 – 3 Paesi Bassi Paesi Bassi Qual. Mondiali 1994 - Cap.
24-2-1993 Utrecht Paesi Bassi Paesi Bassi 3 – 1 Turchia Turchia Qual. Mondiali 1994 - Cap. Ammonizione al 32’ 32’
9-6-1993 Rotterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 0 – 0 Norvegia Norvegia Qual. Mondiali 1994 - Cap.
22-9-1993 Bologna Paesi Bassi Paesi Bassi 7 – 0 San Marino San Marino Qual. Mondiali 1994 1 Cap.
13-10-1993 Amsterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 2 – 0 Inghilterra Inghilterra Qual. Mondiali 1994 1 Cap. Ammonizione al 57’ 57’
17-11-1993 Poznań Polonia Polonia 1 – 3 Paesi Bassi Paesi Bassi Qual. Mondiali 1994 - Cap.
19-1-1994 Tunisi Tunisia Tunisia 2 – 2 Paesi Bassi Paesi Bassi Amichevole 1 Cap.
20-4-1994 Tilburg Paesi Bassi Paesi Bassi 0 – 1 Irlanda Irlanda Amichevole - Cap. Uscita al 46’ 46’
1-6-1994 Eindhoven Paesi Bassi Paesi Bassi 7 – 1 Ungheria Ungheria Amichevole 1 Cap.
12-6-1994 Toronto Canada Canada 0 – 3 Paesi Bassi Paesi Bassi Amichevole - Cap.
20-6-1994 Washington Paesi Bassi Paesi Bassi 2 – 1 Arabia Saudita Arabia Saudita Mondiali 1994 - 1º turno - Cap.
25-6-1994 Orlando Belgio Belgio 1 – 0 Paesi Bassi Paesi Bassi Mondiali 1994 - 1º turno - Cap.
29-6-1994 Orlando Marocco Marocco 1 – 2 Paesi Bassi Paesi Bassi Mondiali 1994 - 1º turno - Cap.
4-7-1994 Orlando Paesi Bassi Paesi Bassi 2 – 0 Irlanda Irlanda Mondiali 1994 - Ottavi di finale - Cap. Ammonizione al 72’ 72’
9-7-1994 Dallas Brasile Brasile 3 – 2 Paesi Bassi Paesi Bassi Mondiali 1994 - Quarti di finale - Cap.
Totale Presenze 78 Reti 14

Statistiche da allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 17 ottobre 2021. In grassetto le competizioni vinte.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale % Vittorie Piazzamento
Comp G V N P Comp G V N P Comp G V N P Comp G V N P G V N P %
gen.-giu. 2000 Paesi Bassi Vitesse ED 16 9 4 3 CO 3 2 0 1 CU - - - - - - - - - 19 11 4 4 57,89 Sub., 4º
2000-2001 ED 34 16 11 7 CO 3 2 1 0 CU 4 1 2 1 - - - - - 41 19 14 8 46,34
ago.-nov. 2001 ED 15 7 5 3 CO 4 3 0 1 - - - - - - - - - - 19 10 5 4 52,63 Dimiss.
Totale Vitesse 65 32 20 13 10 7 1 2 4 1 2 1 - - - - 79 40 23 16 50,63
dic. 2001-2002 Paesi Bassi Ajax ED 20 13 5 2 CO 4 4 0 0 - - - - - - - - - - 24 17 5 2 70,83 Sub.
2002-2003 ED 34 26 5 3 CO 3 2 0 1 UCL 14 3 8 3 SO 1 1 0 0 52 32 13 7 61,54
2003-2004 ED 34 25 5 4 CO 1 0 0 1 UCL 8 3 1 4 - - - - - 43 28 6 9 65,12
2004-feb. 2005 ED 22 14 5 3 CO 1 1 0 0 UCL+CU 6+2 1+1 1+0 4+1 SO 1 0 0 1 32 17 6 9 53,13 Eson.
Totale Ajax 110 78 20 12 9 7 0 2 30 8 10 12 2 1 0 1 151 94 30 27 62,25
2005-2006 Portogallo Benfica PL 34 20 7 7 CP 4 2 1 1 UCL 10 4 3 3 SP 1 1 0 0 49 27 11 11 55,10
2006-2007 Paesi Bassi PSV ED 34 23 6 5 CO 4 3 0 1 UCL 10 4 2 4 SO 1 0 0 1 49 30 8 11 61,22
ago.-ott. 2007 ED 9 7 2 0 CO 0 0 0 0 UCL 3 1 1 1 SO 1 0 0 1 13 8 3 2 61,54 Resc. cons.
Totale PSV 43 30 8 5 4 3 0 1 13 5 3 5 2 0 0 2 62 38 11 13 61,29
nov. 2007-apr. 2008 Spagna Valencia PD 23 5 6 12 CR 9 7 1 1 UCL 3 0 2 1 - - - - - 35 12 9 14 34,29 Sub., Eson.
ago.-dic. 2009 Paesi Bassi AZ Alkmaar ED 16 8 1 7 CO 2 2 0 0 UCL 5 0 3 2 SO 1 1 0 0 24 11 4 9 45,83 Eson.
2011-2012 Paesi Bassi Feyenoord ED 34 21 7 6 CO 2 1 0 1 - - - - - - - - - - 36 22 7 7 61,11
2012-2013 ED 34 21 6 7 CO 4 2 1 1 UCL+UEL 2+2 0+0 0+1 2+1 - - - - - 42 23 8 11 54,76
2013-2014 ED 34 20 7 7 CO 4 2 1 1 UEL 2 0 0 2 - - - - - 40 22 8 10 55,00
Totale Feyenoord 102 62 20 20 10 5 2 3 6 0 1 5 - - - - 118 67 23 28 56,78
2014-2015 Inghilterra Southampton PL 38 18 6 14 FACup+CdL 3+4 1+3 1+0 1+1 - - - - - - - - - - 45 22 7 16 48,89
2015-2016 PL 38 18 9 11 FACup+CdL 1+3 0+2 0+0 1+1 UEL 4 2 1 1 - - - - - 46 22 10 14 47,83
Totale Southampton 76 36 15 25 11 6 1 4 4 2 1 1 - - - - 91 44 17 30 48,35
2016-2017 Inghilterra Everton PL 38 17 10 11 FACup+CdL 1+2 0+1 0+0 1+1 - - - - - - - - - - 41 18 10 13 43,90
ago.-ott. 2017 PL 9 2 2 5 FACup+CdL 0+1 1 0 0 UEL 7 3 2 2 - - - - - 17 6 4 7 35,29 Eson.
Totale Everton 47 19 11 16 4 2 0 2 7 3 2 2 - - - - 58 24 14 20 41,38
2020-2021 Spagna Barcellona PD 38 24 7 7 CR 6 5 0 1 UCL 8 5 1 2 SS 2 0 1 1 54 34 9 11 62,96
ago.-ott. 2021 PD 10 4 3 3 CR 0 0 0 0 UCL 3 1 0 2 SS 0 0 0 0 13 5 3 5 38,46 Eson.
Totale Barcellona 48 28 10 10 6 5 0 1 11 6 1 4 2 0 1 1 67 39 12 16 58,21
Totale carriera 562 317 119 126 68 45 6 17 93 29 28 36 8 3 1 4 731 393 154 183 53,76

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 19 agosto 2020.

Squadra Naz dal al Record
G V N P GF GS DR Vittorie %
Paesi Bassi Paesi Bassi 6 febbraio 2018 19 agosto 2020 20 11 5 4 43 18 +25 55,00

Nazionale nel dettaglio[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 19 novembre 2019.

Stagione Squadra Competizione Piazzamento Andamento Reti
Giocate Vittorie Pareggi Sconfitte % vittorie GF GS DR
2018 Paesi Bassi Paesi Bassi UEFA Nations League 1º nel gruppo 1, qualificato alle final four (2º) 4 2 1 1 50,00 8 4 +4
2019 2 1 0 1 50,00 3 2 +1
2019 Qual. Euro 2020 2º nel gruppo C, qualificato 8 6 1 1 75,00 24 7 +17
Dal 2018 al 2019 Amichevoli 6 2 3 1 33,33 8 5 +3
Totale Paesi Bassi 20 11 5 4 55,00 43 18 +25

Panchine da commissario tecnico della nazionale olandese[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Paesi Bassi
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
23-3-2018 Amsterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 0 – 1 Inghilterra Inghilterra Amichevole - Cap: V.Van Dijk
26-3-2018 Lancy Paesi Bassi Paesi Bassi 3 – 0 Portogallo Portogallo Amichevole Memphis Depay
Ryan Babel
Virgil van Dijk
Cap: V.Van Dijk
31-3-2018 Trnava Slovacchia Slovacchia 1 – 1 Paesi Bassi Paesi Bassi Amichevole Quincy Promes Cap: Kevin Strootman
4-6-2018 Torino Italia Italia 1 – 1 Paesi Bassi Paesi Bassi Amichevole Nathan Aké Cap: V.Van Dijk
6-9-2018 Amsterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 2 – 1 Perù Perù Amichevole 2Memphis Depay Cap: W.Sneijder
9-9-2018 Saint-Denis Francia Francia 2 – 1 Paesi Bassi Paesi Bassi Nations League 2018-19 - 1º turno Ryan Babel Cap: V.Van Dijk
13-10-2018 Amsterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 3 – 0 Germania Germania Nations League 2018-19 - 1º turno Virgil van Dijk
Memphis Depay
Georginio Wijnaldum
Cap: V.Van Dijk
16-10-2018 Bruxelles Belgio Belgio 1 – 1 Paesi Bassi Paesi Bassi Amichevole Arnaut Groeneveld Cap: D.Blind
16-11-2018 Rotterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 2 – 0 Francia Francia Nations League 2018-19 - 1º turno Georginio Wijnaldum
Memphis Depay (rig.)
Cap: V.Van Dijk
19-11-2018 Gelsenkirchen Germania Germania 2 – 2 Paesi Bassi Paesi Bassi Nations League 2018-19 - 1º turno Quincy Promes
Virgil van Dijk
Cap: V.Van Dijk
21-3-2019 Rotterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 4 – 0 Bielorussia Bielorussia Qual. Euro 2020 2Memphis Depay 1 (rig.)
Georginio Wijnaldum
Virgil van Dijk
Cap: V.Van Dijk
24-3-2019 Amsterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 2 – 3 Germania Germania Qual. Euro 2020 Matthijs de Ligt
Memphis Depay
Cap: V.Van Dijk
6-6-2019 Guimarães Paesi Bassi Paesi Bassi 3 – 1 dts Inghilterra Inghilterra Nations League 2018-19 - Semifinale Matthijs de Ligt
autorete
Quincy Promes
Cap:V.Van Dijk
9-6-2019 Oporto Portogallo Portogallo 1 – 0 Paesi Bassi Paesi Bassi Nations League 2018-19 - Finale - Cap:V.Van Dijk
6-9-2019 Amburgo Germania Germania 2 – 4 Paesi Bassi Paesi Bassi Qual. Euro 2020 Frenkie de Jong
autorete
Donyell Malen
Georginio Wijnaldum
Cap: V.Van Dijk
9-9-2019 Tallinn Estonia Estonia 0 – 4 Paesi Bassi Paesi Bassi Qual. Euro 2020 2 Ryan Babel
Memphis Depay
Georginio Wijnaldum
Cap: V.Van Dijk
10-10-2019 Rotterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 3 – 1 Irlanda del Nord Irlanda del Nord Qual. Euro 2020 2Memphis Depay
Luuk de Jong
Cap: V.Van Dijk
13-10-2019 Minsk Belgio Belgio 1 – 2 Paesi Bassi Paesi Bassi Qual. Euro 2020 2Georginio Wijnaldum Cap: V.Van Dijk
16-11-2019 Belfast Irlanda del Nord Irlanda del Nord 0 – 0 Paesi Bassi Paesi Bassi Qual. Euro 2020 - Cap: V.Van Dijk
19-11-2019 Amsterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 5 – 0 Estonia Estonia Qual. Euro 2020 3 Georginio Wijnaldum
Nathan Aké
Myron Boadu
Cap: G.Wijnaldum
Totale Presenze 20 Reti 43

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Fino al 9 ottobre 2003 al fianco del direttore tecnico Leo Beenhakker; fino al 20 ottobre 2004 assieme al direttore tecnico Louis van Gaal.
  2. ^ Non solo Sergio Ramos, i difensori con più gol nella storia del calcio, su sport.sky.it, 11 gennaio 2019.
  3. ^ a b c d e f g Senza fare miracoli, su L'Ultimo Uomo, 16 dicembre 2014. URL consultato il 25 agosto 2019.
  4. ^ (EN) Ronald Koeman, su arxiu.fcbarcelona.cat, fcbarcelona.cat. URL consultato il 29 settembre 2017.
  5. ^ Ronald Koeman ricoverato per problemi cardiaci: applicato uno stent, ora non è grave, su gazzetta.it, 3 maggio 2020.
  6. ^ Garlando Luigi, Super Sneijder L'artigiano delle punizioni, su archiviostorico.gazzetta.it, 7 aprile 2010. URL consultato il 25 agosto 2019.
  7. ^ 221km/h, di chi è il tiro più potente di sempre?, su sport.sky.it, 29 dicembre 2017. URL consultato il 25 agosto 2019.
  8. ^ CALCIO, BARCELLONA: MESSI EGUAGLIA RECORD GOL SU PUNIZIONE DI KOEMAN, su sport.repubblica.it. URL consultato il 25 agosto 2019.
  9. ^ "The World's most successful Top Division Goal Scorers of all time among defensive players", su iffhs.de, 2 agosto 2017 (archiviato dall'url originale il 2 agosto 2017).
  10. ^ a b (EN) Koeman answers Ajax call, su uefa.com, 15 novembre 2012. URL consultato il 26 marzo 2020.
  11. ^ (EN) UEFA EURO 1988 - History - Germany-Netherlands, su uefa.com, 5 ottobre 2003. URL consultato il 26 marzo 2020.
  12. ^ Ajax sorpasso e rivincita sul Twente, su archiviostorico.gazzetta.it, gazzetta.it, 16 maggio 2011. URL consultato il 21 dicembre 2014.
  13. ^ Blues Appoint Koeman Archiviato l'8 luglio 2016 in Internet Archive. evertonfc.com
  14. ^ (EN) Club Statement, su evertonfc.com. URL consultato il 22 febbraio 2020.
  15. ^ Olanda, Koeman nuovo ct: accordo fino al 2022
  16. ^ Nations League, Olanda-Francia 2-0: Wijnaldum e Depay condannano la Germania alla retrocessione, su gazzetta.it. URL consultato il 22 febbraio 2020.
  17. ^ Nations League, Olanda-Germania 3-0: a segno Van Dijk, Depay e Wijnaldum, su gazzetta.it. URL consultato il 22 febbraio 2020.
  18. ^ Nations League, Germania-Olanda 2-2: gol di Werner, Sané, Promes e Van Dijk, su gazzetta.it. URL consultato il 22 febbraio 2020.
  19. ^ Olanda, rimonta e finale: Inghilterra battuta 3-1, su sport.sky.it. URL consultato il 7 aprile 2022.
  20. ^ Olanda ko 1-0, la Nations League è del Portogallo, su sport.sky.it. URL consultato il 7 aprile 2022.
  21. ^ Irlanda Del Nord-Olanda 0-0: gli Oranje si qualificano a Euro 2020, su Eurosport, 16 novembre 2019. URL consultato il 22 febbraio 2020.
  22. ^ Qualificazioni Europei, Germania-Olanda 2-4, su foxsports.it, 7 settembre 2019. URL consultato il 22 febbraio 2020 (archiviato dall'url originale il 22 febbraio 2020).
  23. ^ Euro 2020, Olanda-Germania 2-3: decide Schulz al 90’, su gazzetta.it. URL consultato il 22 febbraio 2020.
  24. ^ (NL) Ronald Koeman vertrekt bij Oranje, su knvb.nl, 19 agosto 2020. URL consultato il 19 agosto 2020.
  25. ^ (ES) Ronald Koeman, nuevo entrenador del FC Barcelona, su fcbarcelona.es, 19 agosto 2020. URL consultato il 19 agosto 2020.
  26. ^ Barcellona, confermato Koeman: "Diamo continuità al progetto", su sportmediaset.mediaset.it. URL consultato il 4 giugno 2021.
  27. ^ (ES) Koeman, destituido como técnico del primer equipo, su fcbarcelona.es, 28 ottobre 2021.
  28. ^ (NL) Ronald Koeman vanaf 2023 bondscoach Nederlands elftal, su knvb.nl. URL consultato il 7 aprile 2022.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN284627388 · ISNI (EN0000 0003 9092 8787 · GND (DE1036770222 · WorldCat Identities (ENviaf-284627388