Lou Macari

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lou Macari
Nome Luigi Macari
Nazionalità Scozia Scozia
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex centrocampista)
Ritirato 1986 - giocatore
2002 - allenatore
Carriera
Squadre di club1
1970-1973 Celtic 57 (26)
1973-1984 Manchester Utd 329 (79)
1984-1986 Swindon Town 33 (3)
Nazionale
1972-1978 Scozia Scozia 24 (5)
Carriera da allenatore
1984-1989 Swindon Town
1989-1990 West Ham Utd
1991 Birmingham City
1991-1993 Stoke City
1993-1994 Celtic
1994-1997 Stoke City
2000-2002 Huddersfield Town
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Luigi Macari, detto Lou (Largs, 7 giugno 1949), è un ex allenatore di calcio ed ex calciatore scozzese, di ruolo centrocampista.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

I suoi figli Michael e Paul hanno giocato come professionisti nello Stoke City quando lui era allenatore.[1] L'ultimogenito Jonathan ha giocato come attaccante nel Nottingham Forest fino al 1999, anno in cui si è suicidato impiccandosi a Trentham[1] all'età di 19 anni.[2]

Dopo il ritiro iniziò a lavorare come opinionista per Sky Sports, Setanta Sports, e per la televisione ufficiale del Manchester Utd.[1] È anche il proprietario di un ristorante nei pressi dell'Old Trafford.[1]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di genitori italiani emigrati a Edimburgo, Macari arrivò al Celtic nel 1970.[1] Con la squadra scozzese realizzò per due volte un double, nel 1971 e nel 1972, vincendo il campionato nazionale e la Coppa di Scozia. In totale giocò 100 partite e segnò 57 reti, prima di passare al Manchester Utd nel gennaio del 1973,[1] grazie all'operato di Pat Crerand, assistente dell'allenatore Tommy Docherty il quale lo strappò alle mire del Liverpool.[1]

I Red Devils lo acquistarono per 200 000 sterline,[1] e Macari esordì il 20 gennaio 1973 contro il West Ham Utd, segnando anche il gol del pareggio. Nella stagione 1973-1974 i mancuniani retrocessero in seconda divisione per la prima volta dopo 37 anni, ma nell'annata successiva Macari contribuì alla vittoria del campionato e quindi al loro ritorno in massima divisione. A Manchester vinse per due volte la Coppa d'Inghilterra (1976-1977 e 1982-1983) e la Charity Shield (1977 e 1983).

Nel 1984, dopo 97 gol in 401 partite con il Manchester Utd, firma come giocatore-allenatore per lo Swindon Town.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Macari vestì la maglia della Scozia dal 1972 al 1978, anno in cui partecipò al campionato del mondo 1978 in Argentina, sotto la guida di Ally MacLeod; in quella competizione però i Tartan Army vennero eliminati al primo turno. In totale giocò in nazionale 25 partite e segnò 5 gol.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Verso la fine della sua prima stagione con lo Swindon Town, venne esonerato a causa di una lite con il suo assistente Harry Gregg; ritornò pochi giorni dopo, e in due stagioni portò il club dalla Fourth Division alla Second Division.[1] Nel 1989 passò al West Ham Utd, ma venne esonerato dopo sette mesi.[1]

Nel 1991 allenò il Birmingham City, che vinse il Football League Trophy. Poi andò a sedersi sulla panchina dello Stoke City, con cui vinse il secondo Football League Trophy consecutivo e il campionato inglese di terza divisione nella stagione 1992-1993. Nell'estate seguente passò a guidare il club in cui aveva mosso i primi passi da calciatore, il Celtic, ma dopo quattro mesi fece ritorno a Stoke-on-Trent dove allenò fino al 1997. La sua ultima panchina è stata quella dell'Huddersfield Town, squadra allenata dal 2000 al 2002.[1]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Celtic: 1970-1971, 1971-1972, 1972-1973
Celtic: 1970-1971, 1971-1972
Manchester Utd: 1974-1975
Manchester Utd: 1976-1977, 1982-1983
Manchester Utd: 1977, 1983

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Swindon Town: 1985-1986
Stoke City: 1992-1993

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN100732871