Jorginho (calciatore 1991)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Jorginho
Malcom and Jorginho (cropped).jpg
Jorginho capitano del Chelsea nel 2021
Nazionalità Brasile Brasile
Italia Italia (dal 2012)
Altezza 180[1] cm
Peso 74[1] kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Centrocampista
Squadra Chelsea
Carriera
Giovanili
2007-2010Verona
2010Sassuolo
Squadre di club1
2009-2010Verona4 (0)
2010-2011Sambonifacese31 (1)
2011-2014Verona89 (11)[2]
2014-2018Napoli133 (2)
2018-Chelsea124 (19)
Nazionale
2012Italia Italia U-210 (0)
2016-Italia Italia43 (5)
Palmarès
UEFA European Cup.svg Europei di calcio
Oro Europa 2020
Transparent.png UEFA Nations League
Bronzo Italia 2021
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate all'11 maggio 2022

Jorge Luiz Frello Filho, meglio conosciuto come Jorginho (Imbituba, 20 dicembre 1991), è un calciatore italiano con cittadinanza brasiliana, centrocampista del Chelsea, di cui è vicecapitano, e della nazionale italiana, con la quale si è laureato campione d'Europa nel 2021.

Considerato uno dei migliori centrocampisti al mondo,[3][4] è cresciuto nelle giovanili del Verona dove ha esordito in prima squadra nel 2009. Dopo un anno in prestito alla Sambonifacese, è rientrato nelle file dei gialloblù, di cui è divenuto una pedina chiave e in cui ha militato fino al gennaio del 2014, quando è stato prelevato dal Napoli; ha disputato quattro stagioni e mezza con i campani, vincendo una Coppa Italia nella stagione 2013-2014 e una Supercoppa italiana, sempre nel 2014. Dal 2018 milita nel Chelsea, con cui ha vinto una Europa League nella stagione 2018-2019, una Champions League nella stagione 2020-2021, una Supercoppa europea nel 2021 e una Coppa del mondo per club FIFA (2021).

Membro della nazionale italiana dal 2016, ha preso parte, nel 2021, al campionato d'Europa 2020, vincendolo e decidendo, con un tiro dal dischetto, la semifinale ai rigori contro la Spagna. A livello individuale, nel 2021 è stato nominato Giocatore dell’anno della UEFA, diventando il primo giocatore italiano a ricevere tale riconoscimento,[5] e si è classificato terzo nella graduatoria del Pallone d'oro.[6]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Jorginho è nato a Imbituba, in Brasile. È cittadino italiano dalla nascita (de iure sanguinis), per il suo trisavolo paterno, Giacomo Frello, che ha lasciato Santa Caterina, in provincia di Vicenza[7], per cercare fortuna in Brasile. Figlio di un'ex calciatrice,[8] si è trasferito in Italia all'età di 15 anni.[9]

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

È un centrocampista centrale tecnicamente dotato e abile nel dettare i tempi della squadra con passaggi corti e precisi, che gioca in prevalenza come regista in un centrocampo a due o a tre.[10][11][12] Ha una buona visione di gioco ed è un buon rigorista: utilizzatore della tecnica del "salto",[13] ha segnato in carriera 45 rigori su 53 calciati.[14][15] Abile nel dribbling nello stretto e nei passaggi lunghi, è bravo a smarcarsi per ricevere passaggi dai compagni, mentre in fase di non possesso sa intercettare palloni e farsi valere nei contrasti.[15][16]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Gli esordi e il Verona[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver avuto inizialmente problemi ad essere tesserato dal Verona, cresce nel vivaio gialloblù, iniziando la propria carriera nella Berretti dell'Hellas e con altri compagni di squadra soggiorna in un antico monastero, venendo pagato 20 euro alla settimana.[17] Esordisce ufficialmente con la maglia gialloblù all'età di 17 anni, l'8 ottobre 2009, subentrando all'85' a Colombo nella partita Verona-Sambonifacese (2-1) di Coppa Italia Lega Pro. Scende in campo in tutte le 4 partite di coppa, senza, però, debuttare in campionato. Dopo una breve parentesi in prestito al Sassuolo per disputare il Torneo di Viareggio, è in procinto di prendere parte al ritiro degli Juniores del Verona quando viene mandato a giocare in prestito per una stagione in Lega Pro Seconda Divisione alla Sambonifacese, con cui scende in campo per 31 volte, siglando un gol.[18][19]

Tornato al Verona, esordisce in Serie B il 4 settembre 2011[18], divenendo in breve tempo un giocatore importante della formazione scaligera che arriva fino alla semifinale dei play-off, persa contro il Varese. Nella stagione 2012-2013 contribuisce alla promozione diretta del Verona con 41 presenze e 2 gol, risultando uno degli elementi chiave della squadra che arriva seconda in campionato.[11]

Esordisce in Serie A il 24 agosto 2013, all'età di 21 anni, nella partita vinta per 2-1 contro il Milan allo stadio Bentegodi[20]. Il 25 settembre 2013 segna su calcio di rigore il suo primo gol in Serie A contro il Torino[21] e il 20 ottobre seguente realizza la sua prima doppietta, contro il Parma, segnando due reti su rigore nella gara terminata con il risultato di 3-2[22]. In totale con i veronesi in Serie A mette a segno 7 reti, di cui 5 dal dischetto.

Napoli[modifica | modifica wikitesto]

Jorginho con la maglia del Napoli

Il 18 gennaio 2014 viene acquistato in compartecipazione dal Napoli.[23][24] Esordisce il 25 gennaio successivo nel pareggio interno (1-1) contro il Chievo, subentrando a Blerim Džemaili al 56'[25]. Quattro giorni dopo disputa la sua prima gara da titolare nei quarti di finale di Coppa Italia contro la Lazio (1-0), nella quale colpisce un palo e viene sostituito al 90' da Džemaili[26]. Escluso dalla lista UEFA[27], ma utilizzato molto frequentemente in campionato e in Coppa Italia[28], il 12 febbraio 2014 sigla la sua prima rete in maglia partenopea nella semifinale di ritorno di Coppa Italia contro la Roma, siglando il 3-0 definitivo per i partenopei[29]. Il 3 maggio 2014 mette in bacheca anche la sua prima Coppa Italia, giocando titolare la finale vinta 3-1 contro la Fiorentina[30].

Il 19 agosto 2014, al primo incontro ufficiale dell'annata 2014-2015, disputa la sua prima partita nelle coppe europee in occasione del turno di play-off di Champions League, pareggiata 1-1 contro gli spagnoli dell'Athletic Bilbao[31]. Nel prosieguo della stagione, Jorginho incontra difficoltà nel trovare un posto da titolare in squadra, dimostrandosi incompatibile col centrocampo a due di Benítez, chiuso dai nuovi arrivati Gargano e López[32]. Tuttavia, sfruttando i vari impegni del Napoli tra campionato e coppe, torna ad avere un buon minutaggio in maglia azzurra, ma non sempre con buone prestazioni[33]. Il 22 dicembre subentra a Jonathan de Guzmán durante i tempi supplementari della Supercoppa Italiana contro la Juventus, contribuendo, nonostante un errore dal dischetto, alla conquista del trofeo da parte della squadra azzurra[34]. Il 22 gennaio, negli ottavi di finale di Coppa Italia contro l'Udinese, realizza su calcio di rigore il gol del momentaneo 1-1 (la partita terminerà ai rigori con la vittoria del Napoli)[35]. Il 25 giugno 2015 il Napoli riscatta l'altra metà del cartellino dal Verona per 3,5 milioni di euro: Jorginho diventa così un giocatore interamente degli azzurri. Il costo complessivo dell'operazione di acquisizione del cartellino è quindi di circa 8,5 milioni di euro[36].

La stagione 2015-2016, con un Napoli foriero di novità a cominciare dall'arrivo in panchina di Maurizio Sarri, vede Jorginho relegato a riserva del neo acquisto Valdifiori. Dopo poche partite, tuttavia, il tecnico inverte le gerarchie: Jorginho, a suo agio come regista del 4-3-3 schierato da Sarri, diventa ben presto una pedina inamovibile della squadra partenopea[37] e il 23 dicembre 2015 rinnova il proprio contratto col Napoli fino al 2020[38]. Grazie alle prestazioni offerte in quest'annata, la società Opta, che raccoglie dati e statistiche sulle competizioni sportive, lo inserisce al primo posto nella classifica per i giocatori con più palloni toccati nei cinque principali campionati europei[39], mentre l'Osservatorio del calcio (CIES Football Observatory) di Neuchâtel, in Svizzera, lo classifica quinto in una speciale classifica dei nomi dei migliori centrocampisti tra i principali campionati europei[40]. La definitiva affermazione del centrocampista ai massimi livelli coincide inoltre con una stagione record per il Napoli[41], che si conclude con un secondo posto in campionato dietro la Juventus e con la conseguente qualificazione alla successiva Champions League[42].

Nella stagione 2016-2017, Jorginho è spesso messo in ballottaggio con il neo acquisto Diawara per il posto di titolare. Proprio l'arrivo del guineano crea non poche difficoltà all'italo-brasiliano che non riesce a mettersi in mostra come la passata stagione, finendo spesso in panchina, complici anche alcune prestazioni al di sotto delle aspettative. Sul finale di stagione, però, si riprende il posto da titolare[43] e contribuisce al terzo posto del Napoli, utile per la qualificazione ai preliminari della Champions League 2017-2018.

All'esordio nella stagione 2017-2018, il 16 agosto realizza dal dischetto, nel preliminare di andata di Champions League 2017-2018, il gol del definitivo 2-0 contro il Nizza, nonché il suo primo gol in assoluto nelle competizioni europee[44]. Il 20 settembre 2017 trova il primo gol in campionato con la maglia del Napoli, nella vittoria per 4-1 contro la Lazio. Segna l'ultima rete con la maglia del Napoli nella vittoriosa trasferta contro l'Udinese il 23 novembre 2017.

Chelsea[modifica | modifica wikitesto]

Jorginho con la maglia del Chelsea

Il 14 luglio 2018 viene acquistato dal Chelsea, firmando un contratto quinquennale;[45] secondo organi di stampa, il cartellino del giocatore sarebbe costato agli inglesi 60 milioni di euro più 3 di bonus.[46] Nella squadra inglese ritrova il tecnico Maurizio Sarri, già suo allenatore nelle tre stagioni precedenti al Napoli.[47] Esordisce con la maglia dei Blues il 5 agosto seguente, a 26 anni, disputando la partita valida per il Community Shield 2018, trofeo perso per uno 0-2 a favore del Manchester City.[48] Esordisce in Premier League l'11 agosto 2018, nella partita esterna contro l'Huddersfield (0-3): tra le reti dei londinesi, figura anche il primo centro di Jorginho, su rigore, con la maglia del club inglese.[49] Durante la stagione riceve numerose critiche dai commentatori inglesi, per via del suo rendimento considerato non all'altezza.[47][50][51] In campionato raccoglie 37 presenze e realizza 2 gol (l'altra su azione al Fulham).[52] Il 29 maggio 2019 vince l'Europa League giocando titolare nella finale vinta 4-1 contro l'Arsenal a Baku, disputando un'ottima partita.[53][54][55]

All'inizio della stagione successiva, disputa tutti i 120 minuti della gara valida per la Supercoppa UEFA, siglando anche una delle due reti dei Blues: la gara verrà poi persa ai calci di rigore, in favore del Liverpool.[56] Viene designato come rigorista della squadra dal nuovo allenatore Frank Lampard e realizza tutti e tre i rigori calciati in Premier League.[57] Il 5 novembre 2019 realizza la sua prima doppietta (entrambe le reti segnate su rigore) con il club londinese nella partita di Champions League disputata contro l’Ajax.[58] Jorginho offre un buon rendimento durante la stagione,[59][60] e disputa la finale di FA Cup persa 2-1 contro l'Arsenal a Wembley.

All'inizio della stagione 2020-2021 trova meno spazio con Lampard (sotto la cui gestione fallisce due rigori nelle sconfitte contro Liverpool e Arsenal),[61][62] per poi tornare a essere titolare con Thomas Tuchel, sotto la cui gestione offre un buon rendimento.[63] Il 15 maggio 2021 disputa, per la seconda annata consecutiva, la finale di FA Cup, persa per 1-0 contro il Leicester City. Due settimane più tardi viene schierato come titolare nella finale di UEFA Champions League, che vince battendo in finale il Manchester City per 1-0.[64]

All'inizio della stagione successiva si aggiudica anche la Supercoppa UEFA ai tiri di rigore contro il Villarreal, mettendo a segno il proprio tiro dal dischetto. Il 26 agosto 2021 viene nominato UEFA Men's Player of the Year.[5] Il 29 novembre seguente si classifica terzo nella graduatoria del Pallone d'oro 2021,[6] primo italiano a tornare sul podio del trofeo dal 2006. Il 26 dicembre successivo realizza, contro l'Aston Villa, due gol su calcio di rigore, che gli permettono di stabilire il nuovo record di rigori segnati in un anno solare in Premier League (10).[65][66] Il 12 febbraio 2022 vince la Coppa del mondo per club FIFA, senza tuttavia scendere in campo nella finale di Abu Dhabi vinta per 2-1 contro il Palmeiras.[67]

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Jorginho alla semifinale di UEFA Nations League 2021 Italia-Spagna

In virtù della cittadinanza italiana riconosciutagli per discendenza il 2 ottobre 2012 a Verona (la famiglia paterna era originaria di Santa Caterina di Lusiana, in provincia di Vicenza, da dove proviene la famiglia Frello[68][69]), sceglie di rappresentare l'Italia, rispondendo alla chiamata del CT della nazionale Under-21 Devis Mangia che lo convoca tra le file degli azzurrini per l'amichevole disputata il 13 novembre 2012 contro i pari età della Spagna, nella quale tuttavia non viene impiegato.[70]

Il 19 marzo 2016, a 24 anni, viene convocato per la prima volta nella nazionale maggiore dal CT Antonio Conte,[71] ed esordisce il 24 marzo, subentrando a Marco Parolo nel finale della partita amichevole contro la Spagna (1-1) disputata a Udine.[72] Inserito nel gruppo dei 30 pre-convocati per il campionato europeo 2016 in Francia, viene poi escluso dalla lista definitiva.[73]

Nel novembre 2017 l'agente del giocatore dichiara che Jorginho ha scelto definitivamente la nazionale italiana in luogo del Brasile.[74] Sebbene venga inizialmente escluso dal CT Gian Piero Ventura nelle convocazioni per le qualificazioni al mondiale 2018, Jorginho viene infine convocato nel novembre 2017 per il play-off contro la Svezia, giocando da titolare la gara di ritorno terminata 0-0, che sancisce l'eliminazione della nazionale.[75]

Con il cambio ai vertici della nazionale, Jorginho riceve piena fiducia dal nuovo CT Roberto Mancini.[76][77] Il 7 settembre 2018, nella partita di esordio in UEFA Nations League disputata a Bologna contro la Polonia, fissa il risultato sul definitivo 1-1 su calcio di rigore: per lui è anche il primo gol siglato con la maglia azzurra.[78] Nelle qualificazioni all'europeo 2020 segna 3 gol su rigore nei successi contro Finlandia (1-2),[79] Grecia (2-0)[80] e Armenia (9-1).[81]

Nel 2020 prende parte a cinque delle sei gare disputate nella fase a gironi della UEFA Nations League segnando un gol, su rigore, nel successo per 2-0 contro la Polonia.[82]

Convocato per la fase finale dell'europeo 2020, posticipata all'estate del 2021 a causa della pandemia di Covid-19,[83] viene schierato titolare in tutte le gare disputate dall'Italia, segnando anche il rigore decisivo nella semifinale contro la Spagna, battuta per 4-2 ai tiri di rigore dopo l'1-1 alla fine dei supplementari.[84] Nella finale svoltasi l'11 luglio a Wembley contro l'Inghilterra padrona di casa e anch'essa conclusasi dal dischetto in favore dell'Italia, Jorginho si laurea campione d'Europa (malgrado lui stesso avesse sbagliato il proprio tentativo di trasformazione).[85] A manifestazione conclusa, viene inserito nell'XI All Star Team dell'europeo.[86]

L’8 settembre seguente, nella gara delle qualificazioni mondiali vinta per 5-0 contro la Lituania a Reggio Emilia, indossa per la prima volta la fascia da capitano, diventando il secondo oriundo a riuscirci dopo Miguel Montuori.[87][88][89] Convocato per la fase finale della UEFA Nations League 2020-2021,[90] contribuisce al terzo posto dei padroni di casa.[91]

Nelle qualificazioni al campionato del mondo 2022 fallisce due calci di rigore nelle due partite del girone la Svizzera (uno all'andata l'altro al ritorno);[92][93][94] l'Italia si piazza seconda nel girone, vedendosi dunque costretta agli spareggi,[95] dove viene eliminata già in semifinale dalla Macedonia del Nord (0-1).[96]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 14 maggio 2022.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Camp Pres Reti Camp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2009-2010 Italia Verona 1D 0 0 CI-LP 4 0 - - - - - - 4 0
2010-2011 Italia Sambonifacese 2D 31 1 CI-LP 2 0 - - - - - - 33 1
2011-2012 Italia Verona B 30+2[97] 2+0[97] CI 1 0 - - - - - - 33 2
2012-2013 B 41 2 CI 3 0 - - - - - - 44 2
2013-gen. 2014 A 18 7 CI 1 0 - - - - - - 19 7
Totale Verona 89+2 11+0 9 0 - - - - 100 11
gen.-giu. 2014 Italia Napoli A 15 0 CI 4 1 UEL[98] - - - - - 19 1
2014-2015 A 23 0 CI 1 1 UCL+UEL 2[99]+6 0 SI 1 0 33 1
2015-2016 A 35 0 CI 1 0 UEL 2 0 - - - 38 0
2016-2017 A 27 0 CI 0 0 UCL 4 0 - - - 31 0
2017-2018 A 33 2 CI 1 0 UCL+UEL 4+1 2+0 - - - 39 4
Totale Napoli 133 2 7 2 19 2 1 0 160 6
2018-2019 Inghilterra Chelsea PL 37 2 FACup+CdL 2+3 0 UEL 11 0 CS 1 0 54 2
2019-2020 PL 31 4 FACup+CdL 4+1 0 UCL 7 2 SU 1 1 44 7
2020-2021 PL 28 7 FACup+CdL 2+1 0 UCL 12 1 - - - 43 8
2021-2022 PL 28 6 FACup+CdL 4+4 0+1 UCL 8 2 SU+Cmc 1+1 0 46 9
Totale Chelsea 124 19 21 1 38 5 4 1 187 26
Totale carriera 377+2 33 39 3 57 7 5 1 480 44

Cronologia presenze e reti in nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Italia
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
24-3-2016 Udine Italia Italia 1 – 1 Spagna Spagna Amichevole - Ingresso al 89’ 89’
29-5-2016 Ta' Qali Italia Italia 1 – 0 Scozia Scozia Amichevole - Ingresso al 67’ 67’
13-11-2017 Milano Italia Italia 0 – 0 Svezia Svezia Qual. Mondiali 2018 -
23-3-2018 Manchester Italia Italia 0 – 2 Argentina Argentina Amichevole - Uscita al 86’ 86’
27-3-2018 Londra Inghilterra Inghilterra 1 – 1 Italia Italia Amichevole -
28-5-2018 San Gallo Italia Italia 2 – 1 Arabia Saudita Arabia Saudita Amichevole -
1-6-2018 Nizza Francia Francia 3 – 1 Italia Italia Amichevole - Uscita al 78’ 78’
4-6-2018 Torino Italia Italia 1 – 1 Paesi Bassi Paesi Bassi Amichevole - Uscita al 78’ 78’
7-9-2018 Bologna Italia Italia 1 – 1 Polonia Polonia UEFA Nations League 2018-2019 - 1º turno 1
10-9-2018 Lisbona Portogallo Portogallo 1 – 0 Italia Italia UEFA Nations League 2018-2019 - 1º turno -
10-10-2018 Genova Italia Italia 1 – 1 Ucraina Ucraina Amichevole -
14-10-2018 Chorzów Polonia Polonia 0 – 1 Italia Italia UEFA Nations League 2018-2019 - 1º turno - Ammonizione al 31’ 31’
17-11-2018 Milano Italia Italia 0 – 0 Portogallo Portogallo UEFA Nations League 2018-2019 - 1º turno - Ammonizione al 54’ 54’
23-3-2019 Udine Italia Italia 2 – 0 Finlandia Finlandia Qual. Euro 2020 -
26-3-2019 Parma Italia Italia 6 – 0 Liechtenstein Liechtenstein Qual. Euro 2020 - Uscita al 58’ 58’
8-6-2019 Atene Grecia Grecia 0 – 3 Italia Italia Qual. Euro 2020 -
11-6-2019 Torino Italia Italia 2 – 1 Bosnia ed Erzegovina Bosnia ed Erzegovina Qual. Euro 2020 - Ammonizione al 14’ 14’
5-9-2019 Erevan Armenia Armenia 1 – 3 Italia Italia Qual. Euro 2020 -
8-9-2019 Tampere Finlandia Finlandia 1 – 2 Italia Italia Qual. Euro 2020 1 Ammonizione al 21’ 21’
12-10-2019 Roma Italia Italia 2 – 0 Grecia Grecia Qual. Euro 2020 1
15-11-2019 Zenica Bosnia ed Erzegovina Bosnia ed Erzegovina 0 – 3 Italia Italia Qual. Euro 2020 -
18-11-2019 Palermo Italia Italia 9 – 1 Armenia Armenia Qual. Euro 2020 1
7-9-2020 Amsterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 0 – 1 Italia Italia UEFA Nations League 2020-2021 - 1º turno -
11-10-2020 Danzica Polonia Polonia 0 – 0 Italia Italia UEFA Nations League 2020-2021 - 1º turno -
14-10-2020 Bergamo Italia Italia 1 – 1 Paesi Bassi Paesi Bassi UEFA Nations League 2020-2021 - 1º turno -
15-11-2020 Reggio Emilia Italia Italia 2 – 0 Polonia Polonia UEFA Nations League 2020-2021 - 1º turno 1
18-11-2020 Sarajevo Bosnia ed Erzegovina Bosnia ed Erzegovina 0 – 2 Italia Italia UEFA Nations League 2020-2021 - 1º turno -
4-6-2021 Bologna Italia Italia 4 – 0 Rep. Ceca Rep. Ceca Amichevole - Uscita al 63’ 63’
11-6-2021 Roma Turchia Turchia 0 – 3 Italia Italia Euro 2020 - 1º turno -
16-6-2021 Roma Italia Italia 3 – 0 Svizzera Svizzera Euro 2020 - 1º turno -
20-6-2021 Roma Italia Italia 1 – 0 Galles Galles Euro 2020 - 1º turno - Uscita al 75’ 75’
26-6-2021 Londra Italia Italia 2 – 1 dts Austria Austria Euro 2020 - Ottavi di finale -
2-7-2021 Monaco di Baviera Belgio Belgio 1 – 2 Italia Italia Euro 2020 - Quarti di finale -
6-7-2021 Londra Italia Italia 1 – 1 dts
(5 – 3 dtr)
Spagna Spagna Euro 2020 - Semifinale -
11-7-2021 Londra Italia Italia 1 – 1 dts
(3 – 2 dtr)
Inghilterra Inghilterra Euro 2020 - Finale - Ammonizione al 114’ 114’
2-9-2021 Firenze Italia Italia 1 – 1 Bulgaria Bulgaria Qual. Mondiali 2022 -
5-9-2021 Basilea Svizzera Svizzera 0 – 0 Italia Italia Qual. Mondiali 2022 -
8-9-2021 Reggio Emilia Italia Italia 5 – 0 Lituania Lituania Qual. Mondiali 2022 - Cap. Uscita al 61’ 61’
6-10-2021 Milano Italia Italia 1 – 2 Spagna Spagna UEFA Nations League 2020-2021 - Semifinale - Uscita al 64’ 64’
10-10-2021 Torino Italia Italia 2 – 1 Belgio Belgio UEFA Nations League 2020-2021 - Finale 3º posto - Ingresso al 70’ 70’
12-11-2021 Roma Italia Italia 1 – 1 Svizzera Svizzera Qual. Mondiali 2022 -
15-11-2021 Belfast Irlanda del Nord Irlanda del Nord 0 – 0 Italia Italia Qual. Mondiali 2022 - Uscita al 68’ 68’
24-3-2022 Palermo Italia Italia 0 – 1 Macedonia del Nord Macedonia del Nord Qual. Mondiali 2022 -
Totale Presenze 43 Reti 5

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere Ordine al merito della Repubblica italiana
«Riconoscimento dei valori sportivi e dello spirito nazionale che hanno animato la vittoria italiana al campionato europeo di calcio UEFA Euro 2020»
— Roma, 16 luglio 2021. Di iniziativa del Presidente della Repubblica Italiana.[100]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Jorge Luiz Frello Jorginho giocatore del Pescara calcio, su sscnapoli.it. URL consultato il 25 gennaio 2016 (archiviato dall'url originale il 14 novembre 2017).
  2. ^ 91 (11) se si comprendono i play-off
  3. ^ Jorginho è unico, su rivistaundici.com, 27 aprile 2021.
  4. ^ Jorginho è sempre più grande, su ultimouomo.com, 8 luglio 2021.
  5. ^ a b c Jorginho vince il premio di Calciatore dell'Anno UEFA, su it.uefa.com, 26 agosto 2021.
  6. ^ a b È sempre Messi: 7° Pallone d'oro! Lewa secondo, l'Italia fa festa con Jorginho 3, su gazzetta.it, 29 novembre 2021. URL consultato il 30 novembre 2021.
  7. ^ Jorginho, il lusianese delle illusioni azzurre, su ilgiornaledivicenza.it, 15 novembre 2017.
  8. ^ Jorginho e quelle parole che non ti aspetti: “Se ora sono un calciatore devo tutto a mia madre”, su mondonapoli.it, 3 gennaio 2016.
  9. ^ La Nazionale brasiliana segue Jorginho, ma lui vuole giocare nell'Italia, su sport.ilmattino.it, 10 settembre 2014.
  10. ^ Alessandro De Pietro, Jorginho scomoda le grandi d'Europa. Milan in vantaggio, su larena.it, 14 febbraio 2013. URL consultato il 19 giugno 2013 (archiviato dall'url originale il 3 agosto 2013).
  11. ^ a b Alessandro De Pietro, L'Hellas sorride con il «trio della samba», su larena.it, 1º maggio 2013. URL consultato il 19 giugno 2013 (archiviato dall'url originale il 5 maggio 2013).
  12. ^ Quale centrocampo per l’Italia, su L'Ultimo Uomo, 2 aprile 2021. URL consultato il 5 dicembre 2021.
  13. ^ di Gennaro Arpaia, Jorginho e il saltello «nato» a Napoli: genesi di un rigore (quasi) infallibile, su www.ilmattino.it, 8 luglio 2021. URL consultato il 10 novembre 2021.
  14. ^ Jorginho - Reti da rigore, su www.transfermarkt.it. URL consultato l'8 settembre 2019.
  15. ^ a b Come Jorginho è diventato uno dei più forti centrocampisti del mondo, su esquire.com, 16 novembre 2019. URL consultato l'11 gennaio 2020.
  16. ^ Non solo Chiellini-Lukaku: i 4 duelli decisivi di Juventus-Chelsea, su La Gazzetta dello Sport. URL consultato il 5 dicembre 2021.
  17. ^ Jorginho, gli inizi con i monaci a Verona: "Volevo solo mollare", su corrieredellosport.it. URL consultato il 9 luglio 2021.
  18. ^ a b FRELLO Jorge Luiz, su hellasverona.it, Hellas Verona F.C.. URL consultato il 9 maggio 2012 (archiviato dall'url originale il 13 maggio 2012).
  19. ^ Gianluca Di Marzio, Jorginho, dalla Lega Pro alla finale di Champions League: la sua Sambonifacese, su Gianluca Di Marzio. URL consultato il 9 luglio 2021.
  20. ^ Hellas Verona 2-1 Milan, su legaseriea.it, 24 agosto 2013. URL consultato il 20 ottobre 2013 (archiviato dall'url originale il 24 ottobre 2013).
  21. ^ Torino 2-2 Hellas Verona, su legaseriea.it, 25 settembre 2013. URL consultato il 20 ottobre 2013 (archiviato dall'url originale il 13 gennaio 2014).
  22. ^ Hellas Verona 3-2 Parma, su legaseriea.it, 20 ottobre 2013. URL consultato il 20 ottobre 2013 (archiviato dall'url originale il 24 ottobre 2013).
  23. ^ Ufficiale: Jorginho al Napoli, su hellasverona.it, 18 gennaio 2014.
  24. ^ Il Napoli ufficializza l'acquisto di Jorginho, su sscnapoli.it, 18 gennaio 2014 (archiviato dall'url originale il 20 gennaio 2014).
  25. ^ Esordio per Jorginho al 56': Benitez lo inserisce al posto di Dzemaili, su tuttonapoli.net, 25 gennaio 2014. URL consultato il 1º febbraio 2014.
  26. ^ Coppa Italia, Napoli-Lazio 1-0. Gol di Higuain. Azzurri in semifinale, su gazzetta.it, 29 gennaio 2014. URL consultato il 1º febbraio 2014.
  27. ^ Napoli, lista Uefa: fuori Jorginho. Benitez: "Scelta obbligata", su gazzetta.it, 3 febbraio 2014.
  28. ^ Jorginho è già leader in mezzo: dopo Inler è lui il mediano più utilizzato da Benitez, su tuttonapoli.net, sscnapoli.it, 24 aprile 2014.
  29. ^ Coppa Italia, Napoli-Roma 3-0: azzurri in finale, su gazzetta.it, 12 febbraio 2014. URL consultato il 12 febbraio 2014.
  30. ^ Finale Coppa Italia, Fiorentina-Napoli 1-3. Doppio Insigne, gol di Vargas e Mertens, su gazzetta.it, 3 maggio 2014.
  31. ^ Champions, preliminare. Napoli-Athletic Bilbao 1-1. Gol di Muniain, pari di Higuain, su gazzetta.it, 19 agosto 2014.
  32. ^ Napoli: Inler e Jorginho, ora o mai più, su calciomercato.com, 26 febbraio 2015.
  33. ^ Napoli, anche Jorginho 'fatto fuori' da Benitez: se Rafa resta, il centrocampista andrà via in estate, su calciomercato.com, 14 gennaio 2015.
  34. ^ Supercoppa argentina: Tevez-Higuain 2-2, ma ai rigori gioisce solo il Pipita, su gazzetta.it, 22 dicembre 2014. URL consultato il 12 febbraio 2015.
  35. ^ Coppa Italia, Napoli-Udinese 7-6 ai rigori, Benitez sfiderà l'Inter ai quarti, su gazzetta.it, 22 gennaio 2015. URL consultato il 5 febbraio 2015.
  36. ^ Napoli, UFFICIALE: riscattato Jorginho, su calciomercato.com, 25 giugno 2015.
  37. ^ Fantacalcio: Sarri come San Gennaro e Jorginho è resuscitato, su gazzetta.it, 25 novembre 2015.
  38. ^ Napoli, Jorginho rinnova fino al 2020, su gazzetta.it, 23 dicembre 2015.
  39. ^ Anche la Opta incorona Jorginho: "E' il migliore in Europa per palloni toccati", su tuttonapoli.net, tuttonapoli.it, 16 marzo 2016.
  40. ^ La top 10 dei migliori centrocampisti difensivi: c’è Jorginho, su maidirecalcio.com, 13 maggio 2016 (archiviato dall'url originale il 27 settembre 2016).
  41. ^ Napoli, record di punti e di vittorie in campionato nella storia azzurra. Stabilito anche il primato di gol in stagione, 14 maggio 2016. URL consultato il 14 maggio 2016.
  42. ^ Napoli-Frosinone 4-0: Champions e record di Higuain che supera Nordahl, su gazzetta.it, 14 maggio 2016.
  43. ^ Napoli, Jorginho: "A Reggio per vincere. Vogliamo la Champions diretta", su gazzetta.it, 20 aprile 2017.
  44. ^ Champions, Napoli-Nizza 2-0: gol di Mertens e Jorginho, su gazzetta.it, 16 agosto 2017.
  45. ^ (EN) NEW SIGNING: Welcome Jorginho!, su chelseafc.com, 14 luglio 2018.
  46. ^ Chelsea-Jorginho: è fatta. Al Napoli vanno 60 milioni di euro più 3 di bonus, su gazzetta.it, 14 luglio 2018.
  47. ^ a b Jorginho: “Al Chelsea per essere un top, anche senza Sarri”, su gazzetta.it. URL consultato il 9 novembre 2019.
  48. ^ Aguero trascina Pep: Sarri ko nel Community Shield, su sport.sky.it. URL consultato l'11 agosto 2018.
  49. ^ Chelsea, è subito Sarri-Jorginho show: 3-0 all'Huddersfield, su tuttosport.com. URL consultato l'11 agosto 2018.
  50. ^ (EN) Jorginho: I can change Chelsea fans' minds, su espn.com, 1º marzo 2019. URL consultato il 9 novembre 2019.
  51. ^ Chelsea News: Jorginho criticism affects Blues, says Willian, su goal.com. URL consultato il 9 novembre 2019.
  52. ^ Premier League, Fulham-Chelsea 1-2: Higuain e Jorginho fanno gioire Sarri, su gazzetta.it. URL consultato il 9 novembre 2019.
  53. ^ Le pagelle di Chelsea-Arsenal 4-1: show di Hazard, chi ha visto Özil?, su Eurosport, 29 maggio 2019. URL consultato il 9 novembre 2019.
  54. ^ La prima grande vittoria di Sarri, su ultimouomo.com, 30 maggio 2019. URL consultato il 9 novembre 2019.
  55. ^ Europa League, pagelle finale Chelsea-Arsenal 4-1, su foxsports.it, 29 maggio 2019. URL consultato il 9 novembre 2019 (archiviato dall'url originale il 9 novembre 2019).
  56. ^ Liverpool-Chelsea - Supercoppa UEFA, su it.uefa.com. URL consultato il 14 agosto 2019.
  57. ^ Jorginho il rigorista del Chelsea, su transfermarkt.it.
  58. ^ (EN) Jorginho 7/10, Pulisic 6/10 as Chelsea rally for draw vs. Ajax, su espn.com, 5 novembre 2019. URL consultato il 9 novembre 2019 (archiviato il 7 novembre 2019).
  59. ^ (EN) Ben Pringle, Chelsea's top Premier League performers in 2019/20 revealed, Jorginho better than Van Dijk, su express.co.uk, 12 giugno 2020. URL consultato il 25 luglio 2020.
  60. ^ (EN) Their season so far: Jorginho, su chelseafc.com. URL consultato il 25 luglio 2020.
  61. ^ Chelsea-Liverpool 0-2, gol e highlights: doppietta di Mané, Jorginho sbaglia un rigore, su sport.sky.it. URL consultato il 13 aprile 2021.
  62. ^ Premier, Boxing Day: Arsenal-Chelsea 3-1, Aston Villa-Crystal Palace 3-0, su gazzetta.it. URL consultato il 13 aprile 2021.
  63. ^ (EN) Nick Emms, Antonio Conte Praises Italy Star Jorginho Aheado of Euro 2020 Final, su si.com. URL consultato il 13 luglio 2021.
  64. ^ Manchester City-Chelsea 0-1: decide Havertz ed è chelsea-bis, su it.uefa.com, 29 maggio 2021.
  65. ^ Jorginho, rigori da record: nessuno come lui in Premier in un solo anno, su sport.sky.it, 27 dicembre 2021. URL consultato il 29 dicembre 2021.
  66. ^ Jorginho record, i 10 rigori segnati in Premier nel 2021, su ilmessaggero.it, 27 dicembre 2021. URL consultato il 29 dicembre 2021.
  67. ^ (EN) Match report: Chelsea 2 Palmeiras 1 (AET), su chelseafc.com, 12 febbraio 2022. URL consultato il 25 marzo 2022.
  68. ^ http://m.ilgiornaledivicenza.it/territori/bassano/altopiano/jorginho-il-lusianese-delle-illusioni-azzurre-1.6102482
  69. ^ Hellas, Jorginho diventa italiano. E l’Under 21…, su gianlucadimarzio.com, Gianluca DiMarzio. URL consultato il 10 febbraio 2012 (archiviato dall'url originale il 4 ottobre 2012).
  70. ^ I convocati di Mangia: prima chiamata per Jorginho, Baselli e Barba Archiviato l'11 novembre 2014 in Internet Archive. Figc.it
  71. ^ Jorginho e Insigne in Nazionale, su repubblica.it, 20 marzo 2016. URL consultato il 9 novembre 2918.
  72. ^ Raffaele Vatiero, Debutto in Nazionale per Jorginho, su napolicalcionews.it, 24 marzo 2016. URL consultato il 24 marzo 2016.
  73. ^ Nazionale, i 23 convocati: De Rossi c'è, Insigne, Sturaro e Bernardeschi pure, su gazzetta.it, 31 maggio 2016.
  74. ^ Jorginho, l'agente: "L'Italia è una scelta definitiva", su sportmediaset.mediaset.it, 8 novembre 2017.
  75. ^ Il Brasile avrebbe convocato Jorginho, Ventura lo ha anticipato sul tempo, su corrieredellosport.it, 8 novembre 2017.
  76. ^ Jorginho: “Vinciamo e siamo all’Europeo. Mancini? Sento la sua fiducia”, su gazzetta.it. URL consultato il 9 novembre 2019.
  77. ^ Laboratorio Mancini: giovani, show e... 3-2-5, così è rinata l’Italia, su gazzetta.it. URL consultato il 9 novembre 2019.
  78. ^ Nations League, Italia-Polonia 1-1: Jorginho risponde a Zieliński, su La Gazzetta dello Sport, 7 settembre 2018. URL consultato il 9 settembre 2018.
  79. ^ Finlandia-Italia 1-2: decidono Immobile e Jorginho, Europei a un passo, su corrieredellosport.it. URL consultato il 9 novembre 2019.
  80. ^ Italia-Grecia 2-0, gol di Jorginho e Bernardeschi. Azzurri qualificati a Euro2020, su sport.sky.it. URL consultato il 9 novembre 2019.
  81. ^ Goleada azzurra all'Armenia, su raisport.rai.it. URL consultato il 19 novembre 2019.
  82. ^ Italia-Polonia 2-0: vittoria e primato per l'Italia, su it.uefa.com.
  83. ^ yii
  84. ^ Parata di Donnarumma, rigore decisivo Jorginho, omaggi a Spinazzola e Carrà. La semifinale perfetta, su rainews.it. URL consultato il 7 luglio 2021.
  85. ^ Simone Pace, ITALIA-INGHILTERRA 4-3 DCR,, PAGELLE: DONNARUMMA GIOIA AZZURRA. CHIESA FANTASTICO, BONUCCI DECISIVO, su eurosport.it, 12 luglio 2021. URL consultato il 13 luglio 2021.
  86. ^ Annunciata la Squadra del Torneo di UEFA EURO 2020, su it.uefa.com, 13 luglio 2021. URL consultato il 13 luglio 2021.
  87. ^ Le pagelle di Italia-Lituania. Kean e Raspadori incantano, Donnarumma in ferie, su repubblica.it, 8 settembre 2021. URL consultato il 9 settembre 2021.
  88. ^ Matteo Oneto, Italia-Lituania: Jorginho entra nella storia azzurra, la statistica, su calciotoday.it, 8 settembre 2021. URL consultato l'8 settembre 2021.
  89. ^ (EN) Internationals: Jorginho captains Italy to big win, Werner and Rudiger on target for Germany, su chelseafc.com. URL consultato il 9 settembre 2021.
  90. ^ Ufficializzata la lista dei 23 convocati per la fase finale della UEFA Nations League, su figc.it, 30 settembre 2021.
  91. ^ (EN) FIGC, L’Italia riparte nel segno di Barella e Berardi, il 2-1 al Belgio vale il 3º posto nella Nations League, su Federazione Italiana Giuoco Calcio, 10 ottobre 2021. URL consultato l'11 ottobre 2021.
  92. ^ Svizzera-Italia 0-0: Mancini, record amaro, su corrieredellosport.it. URL consultato il 25 marzo 2022.
  93. ^ Italia-Svizzera 1-1, pagelle: Belotti flop. Jorginho, errore grave. Barella giù, Berardi il più brillante, su eurosport.it, 12 novembre 2021. URL consultato il 25 marzo 2022.
  94. ^ Jorginho: "Penserò per tutta la mia vita ai due rigori sbagliati: fa troppo male", su gazzetta.it. URL consultato il 25 marzo 2022.
  95. ^ Alessandro Bocci, L’Italia delude: 0-0 con l’Irlanda del Nord. Azzurri costretti ai playoff per il pass mondiale, su corriere.it, 15 novembre 2021. URL consultato il 25 marzo 2022.
  96. ^ Playoff Mondiali, Italia-Macedonia del Nord 0-1: Trajkovski elimina gli azzurri al 92', su sportmediaset.mediaset.it. URL consultato il 25 marzo 2022.
  97. ^ a b Nei play-off
  98. ^ Non inserito nella lista UEFA.
  99. ^ Nei play-off.
  100. ^ Mattarella ha conferito onorificenze motu proprio ai giocatori e allo staff della Nazionale vincitrice del campionato europeo, su quirinale.it. URL consultato il 16 luglio 2021.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]