Alex Meret

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Alex Meret
Meret FC Salzburg versus SSC Napoli.jpg
Meret in Europa League con la maglia del Napoli nel 2019
Nazionalità Italia Italia
Altezza 190 cm
Peso 82 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Portiere
Squadra Napoli
Carriera
Giovanili
2012-2015Udinese
Squadre di club1
2015-2016Udinese0 (0)
2016-2018SPAL43 (-42)
2018- Napoli32 (-36)
Nazionale
2012Italia Italia U-164 (-7)
2013Italia Italia U-1714 (-16)
2014Italia Italia U-182 (0)
2014-2016Italia Italia U-1919 (-18)
2018-2019Italia Italia U-215 (-6)
2019-Italia Italia1 (-1)
Palmarès
Transparent.png Europei di calcio Under-19
Argento Germania 2016
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 5 luglio 2020

Alex Meret (Udine, 22 marzo 1997) è un calciatore italiano, portiere del Napoli e della nazionale italiana.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Portiere agile e reattivo nonostante l'imponente fisicità, è abile nelle uscite e nel parare i rigori.[1]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Inizi, giovanili e Udinese[modifica | modifica wikitesto]

È originario di Flambruzzo, una frazione del comune di Rivignano. Dopo la trafila nelle giovanili del Donatello Calcio, passa al settore giovanile dell'Udinese nel 2012.

Nella stagione 2015-2016 viene inserito in prima squadra come vice di Orestīs Karnezīs.[2] Esordisce da professionista il 2 dicembre 2015, a 18 anni, nella partita del 4º turno di Coppa Italia vinta 3-1 contro l'Atalanta.[3] Scende in campo anche nel turno successivo contro la Lazio, che elimina i friulani.[4] Le due presenze in Coppa Italia rimangono le sue uniche presenze stagionali.

Spal[modifica | modifica wikitesto]

Nell'estate 2016 viene ceduto in prestito alla SPAL, neopromossa in Serie B.[5] Esordisce in Serie B alla prima giornata, il 27 agosto 2016, nella partita persa (2-0) contro il Benevento.[6] Viene schierato titolare e ottiene 30 presenze nel campionato vinto dalla SPAL, che viene promossa in Serie A, categoria nella quale gli estensi non militavano dagli anni '60.[7]

La stagione successiva il prestito alla SPAL viene rinnovato; tuttavia non è disponibile ad inizio stagione e nell'ottobre 2017 viene operato per curare un'instabilità della parete inguinale.[8] Tornato disponibile a fine anno, si trova inizialmente in concorrenza con Alfred Gomis, portiere titolare dall'inizio della stagione. Fa il suo esordio stagionale e il suo debutto in Serie A il 28 gennaio 2018, a 20 anni, nella partita SPAL-Inter (1-1) della 22ª giornata. Termina anzitempo la stagione, dopo 13 presenze in campionato, in seguito all'infortunio alla spalla rimediato il 21 aprile nella partita contro la Roma.[9]

Napoli[modifica | modifica wikitesto]

Dopo essere tornato all'Udinese dal prestito, in estate viene ceduto a titolo definitivo al Napoli.[10] All'inizio del ritiro estivo svolto a Dimaro si infortuna, riportando la frattura dell'ulna del braccio sinistro.[11] Esordisce con la squadra partenopea l’8 dicembre 2018, nella vittoria in casa per 4-0 contro il Frosinone alla 15ª giornata di campionato.[12] Nelle gare successive trova spazio, venendo spesso preferito a David Ospina, arrivato anch'egli in estate. Il 29 gennaio 2019 debutta in Coppa Italia nella gara dei quarti di finale persa 2-0 contro il Milan.[13] Il 14 febbraio esordisce nelle coppe europee, giocando titolare nella partita Zurigo-Napoli (1-3) valida per l'andata dei sedicesimi di Europa League. Conclude la prima stagione al Napoli con 21 presenze totali, di cui 14 in campionato.

All'inizio della stagione successiva, il 17 settembre 2019, fa il suo esordio in Champions League nella partita della fase a gironi vinta 2-0 contro il Liverpool al San Paolo.[14] In stagione si alterna con Ospina,[15][16] diventandone il secondo durante la gestione di Gennaro Gattuso (subentrato a Carlo Ancelotti a dicembre).[17] Vista la squalifica del compagno,[18] il 17 giugno 2020 disputa da titolare la finale di Coppa Italia, vinta contro la Juventus ai tiri di rigore: nell'occasione, respinge il tentativo di Paulo Dybala, il primo della serie.[19]

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Nazionali giovanili[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver giocato con le nazionali italiane Under-16, Under-17 e Under-18, nel 2014 fa il suo esordio con l'Under-19, con cui nel 2016 partecipa, da titolare, agli Europei Under-19 in Germania, mettendosi in mostra con ottime prestazioni[20] che consentono agli azzurrini di arrivare fino alla finale, poi persa 4-0 contro i pari età della Francia.[21]

Nell'agosto 2016 viene convocato per la prima volta in Nazionale Under-21, dal commissario tecnico Luigi Di Biagio, per un'amichevole contro l'Albania, senza tuttavia scendere in campo. L'esordio ufficiale con l'Under-21, avviene il 22 marzo 2018 (giorno del suo 21º compleanno) nell'amichevole pareggiata 1-1 in casa contro i pari età della Norvegia.[22]

Viene convocato per l’Europeo Under-21 2019, ospitato dall'Italia.[23] Meret vince il ballottaggio con Audero e gioca come portiere titolare,[24] ma gli Azzurrini non riescono a superare la fase a gironi della manifestazione.

Nazionale maggiore[modifica | modifica wikitesto]

Nel maggio del 2016 viene aggregato dal CT Antonio Conte alla nazionale A nel raduno pre-Europeo e in seguito affiancato come quarto portiere (senza essere in lista né essere stato formalmente convocato) alla rosa selezionata per le fasi finali della competizione.[25][26]

Il 18 marzo 2017 riceve la prima convocazione ufficiale, da parte del CT Gian Piero Ventura, per la partita di qualificazione al Mondiale 2018 contro l'Albania e l'amichevole contro l'Olanda.[27]

Dopo la fine del suo ciclo con l'Under-21 torna nel gruppo della nazionale A con il CT Roberto Mancini, che lo convoca per le partite di qualificazione a Euro 2020 del settembre 2019.[28] Esordisce in nazionale il 18 novembre 2019, a 22 anni, subentrando a Sirigu nel secondo tempo della partita Italia-Armenia (9-1) disputata a Palermo, nella quale subisce il gol della bandiera degli armeni.[29]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 5 luglio 2020

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2015-2016 Italia Udinese A 0 0 CI 2 -3 - - - - - - 2 -3
2016-2017 Italia SPAL B 30 -26 CI 2 -5 - - - - - - 32 -31
2017-2018 A 13 -16 CI 0 0 - - - - - - 13 -16
Totale SPAL 43 -42 2 -5 - - - - 45 -47
2018-2019 Italia Napoli A 14 -9 CI 1 -2 UCL+UEL 0+6 0+-7 - - - 21 -18
2019-2020 A 18 -27 CI 1 0 UCL 6 -4 - - - 25 -31
Totale Napoli 32 -36 2 -2 12 -11 - - 46 -49
Totale carriera 75 -78 6 -10 12 -11 - - 93 -99

Cronologia presenze e reti in nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Italia
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
18-11-2019 Palermo Italia Italia 9 – 1 Armenia Armenia Qual. Euro 2020 -1 Ingresso al 76’ 76’
Totale Presenze 1 Reti -1
Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Italia Under-21
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
22-3-2018 Perugia Italia Under-21 Italia 1 – 1 Norvegia Norvegia Under-21 Amichevole -1
25-3-2019 Frosinone Italia Under-21 Italia 2 – 2 Croazia Croazia Under-21 Amichevole -2
16-6-2019 Bologna Italia Under-21 Italia 3 – 1 Spagna Spagna Under-21 Europeo Under-21 2019 - 1º turno -1
19-6-2019 Bologna Italia Under-21 Italia 0 – 1 Polonia Polonia Under-21 Europeo Under-21 2019 - 1º turno -1
22-6-2019 Reggio Emilia Belgio Under-21 Belgio 1 – 3 Italia Italia Under-21 Europeo Under-21 2019 - 1º turno -1
Totale Presenze 5 Reti -6

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

SPAL: 2016-2017
Napoli: 2019-2020

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Luca Fazzini, Italia U19, i ragazzi di Vanoli ai raggi X: obiettivo Europeo, su mondoprimavera.com, 25 marzo 2016.
  2. ^ Francesco Oddi, Udinese, Colantuono promuove Meret: "Con lui e Scuffet a posto per decenni", su gazzetta.it, 3 dicembre 2015.
  3. ^ La furia di Zamparini "Giocatori indegni", in la Repubblica, 3 dicembre 2015, p. 67.
  4. ^ Coppa Italia: rimonta Lazio, Udinese eliminata, su sportmediaset.mediaset.it, 17 dicembre 2015.
  5. ^ Andrea Benazzi, «Ora alla Spal c’è un portiere spavaldo», su lanuovaferrara.gelocal.it, 8 luglio 2016.
  6. ^ La Spal parte in quarta poi si piega al Benevento che vince 2-0, su ilrestodelcarlino.it, 27 agosto 2016.
  7. ^ Andrea Marinelli, Spal promossa in A dopo 49 anni, su corriere.it, 13 maggio 2017.
  8. ^ Spal, Meret operato in Germania, su ilrestodelcarlino.it, 11 ottobre 2017.
  9. ^ Spal, infortunio alla spalla per Meret: incerti i tempi di recupero sport.sky.it
  10. ^ UFFICIALE: Alex Meret è il nuovo portiere del Napoli, su napolicalciolive.com, 5 luglio 2018.
  11. ^ Infortunio Meret, operazione ok: i tempi di recupero, su calcionews24.com, 13 luglio 2018.
  12. ^ Napoli-Frosinone 4-0, su sscnapoli.it. URL consultato il 17 giugno 2020.
  13. ^ Milan-Napoli 2-0 doppietta di Piatek, su gazzetta.it.
  14. ^ Champions League, Napoli Liverpool 2-0: Mertens e Llorente travolgono Klopp, su corrieredellosport.it.
  15. ^ Ospina, il prescelto di Gattuso: "Meret sarà un grande portiere", su gazzetta.it. URL consultato il 17 giugno 2020.
  16. ^ Abbracci, consigli e lealtà: Ospina e Meret, storia di un'amicizia tra i pali, su gazzetta.it. URL consultato il 23 giugno 2020.
  17. ^ Fabio Siniscalco, Ospina, titolare fisso della gestione-Gattuso, su quotidianonapoli.it, 3 marzo 2020. URL consultato il 18 giugno 2020.
  18. ^ Coppa Italia, gli squalificati: uno salterà la finale, su sport.sky.it. URL consultato il 18 giugno 2020.
  19. ^ Le pagelle di Napoli-Juventus 4-2 d.c.r.: Meret decisivo, Ronaldo ancora un fantasma, su Eurosport, 17 giugno 2020. URL consultato il 18 giugno 2020.
  20. ^ Francesco Oddi, Europeo Under 19: Meret para, Dimarco segna, l'Italia batte la Germania, su gazzetta.it, 11 luglio 2016. URL consultato il 1º aprile 2017.
  21. ^ Marco Calabresi, Finale Europeo Under 19, Francia-Italia 4-0: Augustin, Blas, Tousart e Diop, su gazzetta.it, 24 luglio 2016. URL consultato il 1º aprile 2017.
  22. ^ Italia Under 21, l'esordio di Evani finisce in pareggio, in Il Sole 24 Ore, 22 marzo 2018. URL consultato il 27 marzo 2019.
  23. ^ Europei Under 21, i 23 convocati del c.t. Di Biagio, su gazzetta.it. URL consultato il 6 giugno 2019.
  24. ^ Under 21, Di Biagio: "Giusta tensione, gioca Meret. Spagna? Vogliamo sfatare tabù", su sport.sky.it, 15 giugno 2019.
  25. ^ Inizia il ‘sogno azzurro’: su Rai 1 ufficializzata la lista dei convocati per l'Europeo, su figc.it, 31 maggio 2016. URL consultato il 1º aprile 2017 (archiviato dall'url originale il 3 giugno 2016).
  26. ^ Francesco Oddi, Nazionale, Conte "promuove" Meret: il 19enne dell'Udinese è il quarto portiere, su gazzetta.it, 23 maggio 2016. URL consultato il 1º aprile 2017.
  27. ^ Ventura convoca 25 azzurri: Meret, D’Ambrosio e Spinazzola alla prima chiamata, su figc.it, 18 marzo 2017. URL consultato il 1º aprile 2017 (archiviato dall'url originale il 18 marzo 2017).
  28. ^ Italia, i convocati di Mancini per le sfide ad Armenia e Finlandia, su itasportpress.it.
  29. ^ Italia-Armenia 9-1: Mancini record, esordio con delusione per Meret, su ilmattino.it. URL consultato il 19 novembre 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]