Bryan Cristante

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Bryan Cristante
Cristante CSKA-Roma18.jpg
Cristante con la Roma nel 2018
Nazionalità Italia Italia
Altezza 186 cm
Peso 80 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Centrocampista
Squadra Roma
Carriera
Giovanili
2006-2009Liventina Gorghense
2009-2013Milan
Squadre di club1
2011-2014Milan3 (1)
2014-2016Benfica7 (0)
2016Palermo4 (0)
2016-2017Pescara16 (0)
2017-2018Atalanta48 (12)
2018-Roma101 (7)
Nazionale
2010Italia Italia U-162 (0)
2011-2012Italia Italia U-1711 (0)
2012-2013Italia Italia U-186 (3)
2013-2014Italia Italia U-199 (4)
2014Italia Italia U-203 (1)
2016Italia Italia U-212 (0)
2017-Italia Italia20 (1)
Palmarès
UEFA European Cup.svg Europei di calcio
Oro Europa 2020
Transparent.png UEFA Nations League
Bronzo Italia 2021
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 26 settembre 2021

Bryan Cristante (San Vito al Tagliamento, 3 marzo 1995) è un calciatore italiano, centrocampista della Roma e della nazionale italiana, con cui si è laureato campione d'Europa nel 2021.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato da padre canadese d'origine italiana [1][2] e madre italiana a San Vito al Tagliamento,[3][4] è cresciuto a San Giovanni di Casarsa della Delizia.[3] I suoi genitori lo hanno chiamato Bryan in onore di Bryan Ferry.[4]

Possiede la doppia cittadinanza italiana e canadese.[5]

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Cristante è un centrocampista che può essere impiegato sia da trequartista che da mezzala.[6][7] Ambidestro,[7] dotato di buona visione di gioco[3] e tecnica,[3] è bravo a verticalizzare[6] e a facilitare la manovra[6] oltre che a inserirsi in fase offensiva.[4][6] La sua altezza lo rende anche un ottimo colpitore di testa.[6] Dispone anche di una buona forza fisica[3][4][6] che lo aiuta a vincere i contrasti.[6]

All'occorrenza può giocare anche difensore centrale, nei moduli che prevedono la difesa a 3 per via della sua capacità di palleggio, impostazione e senso della posizione.[8]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Milan[modifica | modifica wikitesto]

Ha mosso i primi passi nella SAS Casarsa per poi passare, a 11 anni, all'ASD Liventina Gorghense e infine entrare nel settore giovanile del Milan.

Ha esordito con la prima squadra del Milan il 6 dicembre 2011, a 16 anni e 9 mesi, in una partita di Champions League, conclusasi con il pareggio esterno 2-2 contro il Viktoria Plzeň.[9]

Nella stagione 2013-2014 viene inserito in prima squadra. Esordisce in Serie A il 10 novembre 2013, a 18 anni, nella partita Chievo-Milan (0-0) alla 12ª giornata,[10] mentre nella successiva apparizione del 6 gennaio 2014 gioca titolare e segna il suo primo gol in Serie A nella partita vinta per 3-0 contro l'Atalanta.[11] La sua ultima apparizione con i rossoneri è stata pochi giorni dopo nella sconfitta per 4-3 contro il Sassuolo in cui ha fornito a Mario Balotelli l'assist del provvisorio 2-0 dei rossoneri.[12]

Benfica[modifica | modifica wikitesto]

Il 1º settembre 2014, a 19 anni, viene ceduto a titolo definitivo al Benfica[13] per 6 milioni di euro.[14] Il centrocampista debutta con la maglia della squadra portoghese il 12 settembre successivo, nella vittoria esterna 0-5 contro il Vitória Setúbal.[15] Nella sua prima stagione a Lisbona ottiene 15 presenze totali, di cui 5 in Primeira Liga e 3 in Champions League e il Benfica vince il campionato.

Prestiti a Palermo e Pescara[modifica | modifica wikitesto]

L'8 gennaio 2016 viene ufficializzato il trasferimento in prestito con diritto di riscatto al Palermo[16]. Esordisce con la nuova maglia il 10 gennaio 2016, nella 19ª giornata di Serie A 2015-2016, entrando all'89º minuto della partita contro il Verona vinta 1-0 in trasferta dai rosanero. Ottiene tuttavia solo 4 presenze fino alla fine del campionato.

Il 27 giugno seguente viene ceduto, sempre in prestito con diritto di riscatto, al Pescara, neopromosso in Serie A[17]. Esordisce con il Pescara il 13 agosto 2016, nella partita Pescara-Frosinone (2-0) valida per il terzo turno della Coppa Italia.

Atalanta[modifica | modifica wikitesto]

Cristante all'Atalanta

Il 27 gennaio 2017 si trasferisce in prestito all'Atalanta, con un'opzione per il prolungamento del prestito per un'altra stagione (e successiva opzione per l'eventuale acquisto nell'estate del 2018 per 4 milioni di euro, da aggiungere alla cifra da pagare per il prolungamento del prestito).[3] Esordisce con gli orobici il successivo 5 febbraio, quando gioca gli ultimi minuti della partita casalinga vinta per 2-0 contro il Cagliari. Alla partita successiva segna la sua prima rete con la nuova squadra nel successo esterno per 3-1 con il Palermo.[18] Con l'allenatore Gian Piero Gasperini realizza 3 gol in 12 presenze, e contribuisce al 4º posto dell'Atalanta in campionato.

La stagione successiva l'Atalanta riscatta Cristante dal Benfica. Viene impiegato come mezzala o trequartista e realizza 3 gol in Europa League e 9 gol in Serie A, per un totale di 12 gol in 47 presenze complessive in tutte le competizioni.[19]

Roma[modifica | modifica wikitesto]

L'8 giugno 2018 Cristante viene ceduto alla Roma: l'accordo prevede un prestito annuale oneroso di 5 milioni di euro, un obbligo di riscatto fissato a 15 milioni e circa 10 milioni di bonus. Il giocatore, che firma un contratto fino al 2023,[20][21] esordisce con la maglia del club capitolino il 19 agosto, a 23 anni, subentrando ad El Shaarawy nel corso di Torino-Roma (0-1) alla prima giornata di campionato.[22] Il 16 settembre 2018 trova il primo gol in maglia giallorossa nel pari col Chievo allo stadio Olimpico per 2-2, valevole per la quarta giornata di campionato.[23] Ottiene 44 presenze nella sua prima stagione alla Roma, delle quali 35 in campionato nel quale realizza 4 gol, con un rendimento altalenante.[24]

La stagione successiva trova meno spazio con il neo allenatore Paulo Fonseca, soffrendo la concorrenza nel suo ruolo dei nuovi acquisti Veretout e Diawara, trovando comunque minutaggio in Europa League.[25] Il 7 gennaio 2020 rinnova il suo contratto coi giallorossi fino al 2024.[26] Alla ripresa del campionato dopo il lockdown viene spesso adattato dall'allenatore nel ruolo di difensore centrale.[27]

Nella stagione 2020-2021 è il terzo capitano della squadra, dietro Edin Džeko e Lorenzo Pellegrini, e indossa la fascia in numerose occasioni. In questa stagione gioca prevalentemente da difensore centrale di mezzo nella difesa a tre, complice anche l'assenza di Chris Smalling per gran parte della stagione.[28][29]

Confermato sotto la guida del nuovo tecnico José Mourinho[30], il 19 agosto 2021 Cristante debutta in UEFA Conference League, nella vittoria esterna sul Trabzonspor (1-2).[31] Il 26 agosto successivo realizza quindi il suo primo centro nella detta competizione, sempre contro i turchi (3-0).[32]

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Nazionali giovanili[modifica | modifica wikitesto]

Ha rappresentato le varie giovanili azzurre, a partire dall'Under-16, giocando sino all'Under-20. Nell'agosto 2015 viene convocato per la prima volta in nazionale Under-21 dal CT Luigi Di Biagio, senza tuttavia scendere in campo. Debutta ufficialmente il 10 novembre 2016 nell'amichevole giocata contro l'Inghilterra a Southampton, entrando al 76º di gioco al posto di Benassi.

Nazionale maggiore[modifica | modifica wikitesto]

Il 2 ottobre 2017 viene convocato per la prima volta nella nazionale dal C.T. Gian Piero Ventura[33]. Esordisce in nazionale il 6 ottobre 2017, a 22 anni, entrando al posto di Roberto Gagliardini nel secondo tempo della partita di qualificazione al Mondiale 2018 contro la Macedonia (1-1), disputata a Torino.[34]

Il 7 ottobre 2020, in occasione dell'amichevole vinta 6-0 contro la Moldavia, segna il suo primo gol con la maglia della nazionale e nel finale di gara indossa anche la fascia di capitano.[35] Nel giugno 2021 viene inserito dal C.T. Roberto Mancini nella lista dei 26 convocati per il Campionato europeo.[36] Scende in campo da subentrato in sei delle sette partite della manifestazione, compresa la finale di Wembley vinta ai rigori contro l'Inghilterra, laureandosi campione d'Europa.[37]

Il successivo 30 settembre viene inserito tra i 23 convocati per la fase finale della UEFA Nations League.[38]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 30 settembre 2021.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2011-2012 Italia Milan A 0 0 CI 0 0 UCL 1 0 SI 0 0 1 0
2012-2013 A 0 0 CI 0 0 UCL 0 0 - - - 0 0
2013-2014 A 3 1 CI 1 0 UCL 0 0 - - - 4 1
Totale Milan 3 1 1 0 1 0 - - 5 1
2014-2015 Portogallo Benfica PL 5 0 CP+CdL 3+4 0+1 UCL 3 0 SP 0 0 15 1
2015-gen. 2016 PL 2 0 CP+CdL 0+1 0 UCL 2 0 SP 0 0 5 0
Totale Benfica 7 0 8 1 5 0 0 0 20 1
gen.-giu. 2016 Italia Palermo A 4 0 CI 0 0 - - - - - - 4 0
2016-gen. 2017 Italia Pescara A 16 0 CI 2 0 - - - - - - 18 0
gen.-giu. 2017 Italia Atalanta A 12 3 CI - - - - - - - - 12 3
2017-2018 A 36 9 CI 3 0 UEL 8 3 - - - 47 12
Totale Atalanta 48 12 3 0 8 3 - - 59 15
2018-2019 Italia Roma A 35 4 CI 2 0 UCL 7 0 - - - 44 4
2019-2020 A 26 1 CI 2 0 UEL 5 0 - - - 33 1
2020-2021 A 34 1 CI 1 0 UEL 13 1 - - - 48 2
2021-2022 A 6 1 CI 0 0 UECL 4[39] 1[40] - - - 10 2
Totale Roma 101 7 5 0 29 2 - - 135 9
Totale carriera 179 20 19 1 43 5 0 0 241 26

Cronologia presenze e reti in nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Italia
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
6-10-2017 Torino Italia Italia 1 – 1 Macedonia Macedonia Qual. Mondiali 2018 - Ingresso al 75’ 75’
23-3-2018 Manchester Italia Italia 0 – 2 Argentina Argentina Amichevole - Ingresso al 71’ 71’
28-5-2018 San Gallo Italia Italia 2 – 1 Arabia Saudita Arabia Saudita Amichevole - Ingresso al 73’ 73’
1-6-2018 Nizza Francia Francia 3 – 1 Italia Italia Amichevole - Ingresso al 66’ 66’
4-6-2018 Torino Italia Italia 1 – 1 Paesi Bassi Paesi Bassi Amichevole -
10-9-2018 Lisbona Portogallo Portogallo 1 – 0 Italia Italia UEFA Nations League 2018-2019 - 1º turno - Uscita al 79’ 79’
15-10-2019 Vaduz Liechtenstein Liechtenstein 0 – 5 Italia Italia Qual. Euro 2020 -
7-9-2020 Amsterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 0 – 1 Italia Italia UEFA Nations League 2020-2021 - 1º turno - Ingresso al 81’ 81’
7-10-2020 Firenze Italia Italia 6 – 0 Moldavia Moldavia Amichevole 1
28-5-2021 Cagliari Italia Italia 7 – 0 San Marino San Marino Amichevole -
4-6-2021 Bologna Italia Italia 4 – 0 Rep. Ceca Rep. Ceca Amichevole - Ingresso al 63’ 63’
11-6-2021 Roma Turchia Turchia 0 – 3 Italia Italia Euro 2020 - 1º turno - Ingresso al 74’ 74’
16-6-2021 Roma Italia Italia 3 – 0 Svizzera Svizzera Euro 2020 - 1º turno - Ingresso al 87’ 87’
20-6-2021 Roma Italia Italia 1 – 0 Galles Galles Euro 2020 - 1º turno - Ingresso al 75’ 75’
26-6-2021 Londra Italia Italia 2 – 1 dts Austria Austria Euro 2020 - Ottavi di finale - Ingresso al 108’ 108’
2-7-2021 Monaco di Baviera Belgio Belgio 1 – 2 Italia Italia Euro 2020 - Quarti di finale - Ingresso al 74’ 74’
11-7-2021 Londra Italia Italia 1 – 1 dts
(3 – 2 dtr)
Inghilterra Inghilterra Euro 2020 - Finale - Ingresso al 54’ 54’
2-9-2021 Firenze Italia Italia 1 – 1 Bulgaria Bulgaria Qual. Mondiali 2022 - Ingresso al 64’ 64’
8-9-2021 Reggio Emilia Italia Italia 5 – 0 Lituania Lituania Qual. Mondiali 2022 -
10-10-2021 Torino Italia Italia 2 – 1 Belgio Belgio UEFA Nations League 2020-2021 - Finale 3º posto - Ingresso al 71’ 71’
Totale Presenze 20 Reti 1
Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Italia Under-21
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
10-11-2016 Southampton Inghilterra Under-21 Inghilterra 3 – 2 Italia Italia Under-21 Amichevole - Ingresso al 76’ 76’
14-11-2016 Bergamo Italia Under-21 Italia 0 – 0 Danimarca Danimarca Under-21 Amichevole - Ingresso al 61’ 61’ Ammonizione al 84’ 84’
Totale Presenze 2 Reti 0

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni giovanili[modifica | modifica wikitesto]

Milan: 2014

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Benfica: 2014-2015
Benfica: 2014-2015

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Europa 2020

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

2013

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere Ordine al merito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere Ordine al merito della Repubblica Italiana
«Riconoscimento dei valori sportivi e dello spirito nazionale che hanno animato la vittoria italiana al campionato europeo di calcio UEFA Euro 2020»
— Roma, 16 luglio 2021. Di iniziativa del Presidente della Repubblica.[41]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ https://www.milannews.it/news/bryan-cristante-il-golden-boy-che-studia-montolivo-106071
  2. ^ Daniel Squizzato, CanMNT: Benito Floro says success in upcoming friendlies important for "psychology and mentality", su mlssoccer.com, MLS Soccer, 22 maggio 2014.
  3. ^ a b c d e f Bryan Cristante all'Atalanta, su atalanta.it, 2 febbraio 2017. URL consultato il 3 novembre 2019 (archiviato dall'url originale il 2 febbraio 2017).
  4. ^ a b c d Alessandro Pasini, La 3ª vita del giovane Bryan Cristante: «Prima fenomeno, poi brocco L’Atalanta mi ha detto chi sono», in Corriere della Sera, 29 gennaio 2018. URL consultato il 3 novembre 2019.
  5. ^ La prima in Azzurro di Cristante «Che emozione, ma ora l’Albania», su www.ecodibergamo.it. URL consultato il 12 luglio 2021.
  6. ^ a b c d e f g L'esplosione di Cristante, su ultimouomo.com, 6 novembre 2017. URL consultato il 3 novembre 2019.
  7. ^ a b Preferiti: Bryan Cristante, su L'Ultimo Uomo, 12 dicembre 2014. URL consultato il 3 novembre 2019.
  8. ^ Mayoral, Villar e Cristante: il terzetto di Fonseca che fa volare la Roma, su gazzetta.it. URL consultato l'8 dicembre 2020.
  9. ^ Il Milan si fa riacciuffare, festa Plzeň, su it.uefa.com, uefa.com, 6 dicembre 2011. URL consultato il 18 maggio 2014 (archiviato il 14 gennaio 2012).
  10. ^ Antonio Vitiello, Esordio per Cristante in serie A: entra al posto di Kakà, su milannews.it. URL consultato il 18 maggio 2014 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2014).
  11. ^ Fabiana Della Valle, Milan-Atalanta 3-0. Kakà 100 e 101, poi il baby Cristante, su gazzetta.it, La Gazzetta dello Sport, 6 gennaio 2014. URL consultato il 18 maggio 2014.
  12. ^ Sassuolo-Milan 4-3: l'uragano Berardi travolge i rossoneri, su Repubblica.it, 12 gennaio 2014. URL consultato il 3 novembre 2019.
  13. ^ (PT) Bryan Cristante reforça Futebol Profissional do SL Benfica, su slbenfica.pt. URL consultato il 1º settembre 2014 (archiviato dall'url originale il 3 settembre 2014).
  14. ^ Milan, Cristante è del Benfica. Tifosi in rivolta sul web, su gazzetta.it, La Gazzetta dello Sport, 1º settembre 2014. URL consultato il 2 settembre 2014.
  15. ^ (PT) V. Setúbal-Benfica, 0-5 (crónica), su maisfutebol.iol.pt. URL consultato il 13 dicembre 2014 (archiviato dall'url originale il 13 settembre 2014).
  16. ^ CRISTANTE È ROSANERO, su palermocalcio.it, http://palermocalcio.it, 8 gennaio 2016. URL consultato l'8 gennaio 2016 (archiviato dall'url originale il 9 gennaio 2016).
  17. ^ Bryan Cristante è Biancazzurro! Archiviato il 1º luglio 2016 in Internet Archive. pescaracalcio.com
  18. ^ Palermo-Atalanta 1-3, Gomez trascina gli orobici, su repubblica.it, 12 febbraio 2017. URL consultato il 3 novembre 2019.
  19. ^ Riccardo Corsano, Bryan Cristante: una stagione da top e lo spettro del calcio-mercato, su fantamagazine.com. URL consultato l'8 dicembre 2020.
  20. ^ Bryan Cristante alla Roma, su atalanta.it, 8 giugno 2018. URL consultato l'8 dicembre 2020.
  21. ^ L'AS Roma perfeziona l’ingaggio di Bryan Cristante, su asroma.com. URL consultato l'8 giugno 2018 (archiviato l'11 giugno 2018).
  22. ^ Super Dzeko punisce un buon Torino. Furia Mazzarri, Roma va, su tuttosport.com. URL consultato il 19 agosto 2018.
  23. ^ Rimonta Chievo, solo 2-2 per la Roma all'Olimpico, su sport.sky.it. URL consultato il 17 settembre 2018.
  24. ^ Cristante, che rimonta: ha ritrovato la Nazionale e ora è indispensabile nella Roma, su gazzetta.it. URL consultato il 3 novembre 2019.
  25. ^ Roma, poker all'esordio: 4-0 al Basaksehir, su sport.sky.it. URL consultato il 19 settembre 2019.
  26. ^ BRYAN CRISTANTE RINNOVA FINO AL 2024, su asroma.com. URL consultato l'8 gennaio 2020.
  27. ^ Le pagelle di Roma-Parma 2-1: super Mkhitaryan, rimandati Dzeko e Cristante, su Eurosport, 8 luglio 2020. URL consultato l'8 dicembre 2020.
  28. ^ Redazione CalcioNews24, La tattica di Fonseca: «Difesa a tre con Cristante» – VIDEO, su Calcio News 24, 7 luglio 2020. URL consultato il 19 aprile 2021.
  29. ^ Cristante lascia il ritiro dell'Italia: risentimento all'adduttore | Goal.com, su www.goal.com. URL consultato il 19 aprile 2021.
  30. ^ Cristante tra gemelline, rinnovo ed elogi di Mou: la Roma aspetta il suo campione, su La Gazzetta dello Sport. URL consultato il 19 agosto 2021.
  31. ^ Trabzonspor-Roma, su UEFA.com. URL consultato il 17 settembre 2021.
  32. ^ Roma-Trabzonspor, su UEFA.com. URL consultato il 17 settembre 2021.
  33. ^ Cristante convocato in Nazionale, su atalanta.it. URL consultato il 2 ottobre 2017 (archiviato dall'url originale il 2 ottobre 2017).
  34. ^ Cristante esordio «amaro» in nazionale L’Italia pareggia 1 a 1 con la Macedonia, su ecodibergamo.it. URL consultato il 3 novembre 2019.
  35. ^ L'Italia travolge la Moldavia 6-0: Caputo e Berardi, primo gol azzurro, su ilmattino.it. URL consultato l'8 dicembre 2020.
  36. ^ Convocati Italia, i 26 scelti da Mancini per l'Europeo, su gazzetta.it, 2 giugno 2021.
  37. ^ Wembley incorona gli Azzurri: l’Italia supera l’Inghilterra ai rigori, siamo Campioni d’Europa!, su figc.it, 12 luglio 2021. URL consultato il 13 luglio 2021.
  38. ^ Ufficializzata la lista dei 23 convocati per la fase finale della UEFA Nations League, su figc.it, 30 settembre 2021. URL consultato il 30 settembre 2021.
  39. ^ 2 presenze nei turni preliminari.
  40. ^ 1 rete nei turni preliminari.
  41. ^ quirinale.it, https://www.quirinale.it/elementi/59113.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]