Wilfried Gnonto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Wilfried Gnonto
Gnonto con il Leeds Utd nel 2023
Nazionalità Bandiera dell'Italia Italia
Altezza 170 cm
Peso 65 kg
Calcio
Ruolo Attaccante
Squadra Leeds Utd
Carriera
Giovanili
2012-2020Inter
Squadre di club1
2020-2022Zurigo65 (9)
2022-Leeds Utd50 (7)
Nazionale
2018-2019Bandiera dell'Italia Italia U-1610 (1)
2019-2020Bandiera dell'Italia Italia U-1710 (5)
2020-2021Bandiera dell'Italia Italia U-181 (0)
2021-2022Bandiera dell'Italia Italia U-1910 (5)
2023-Bandiera dell'Italia Italia U-215 (5)
2022-Bandiera dell'Italia Italia13 (1)
Palmarès
 UEFA Nations League
Bronzo Paesi Bassi 2023
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 23 febbraio 2024

Degnand Wilfried Gnonto (Verbania, 5 novembre 2003) è un calciatore italiano, attaccante del Leeds United, della nazionale italiana e della nazionale Under-21 italiana.

È il più giovane marcatore della storia della nazionale italiana, nonché uno dei tre calciatori italiani (gli altri sono Marco Verratti e Vincenzo Grifo) ad aver vestito la maglia azzurra senza aver esordito in Serie A.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Verbania, sul Lago Maggiore da genitori originari della Costa d'Avorio, è cresciuto a Baveno, dove risiedeva la famiglia.[1][2][3][4] Ha frequentato il liceo classico per tre anni, prima di passare al liceo scientifico sportivo, in cui ha sostenuto l'esame di maturità nel 2022.[4][5]

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

È un attaccante esterno con buona tecnica di base, abile con entrambi i piedi e dotato di una notevole elevazione nonostante l'altezza;[6] capace di svariare su tutto il fronte offensivo, può giocare anche come seconda punta.[7] Per le sue caratteristiche è stato paragonato a Raheem Sterling, e ha dichiarato di avere Lionel Messi come punto di riferimento principale.[8][9]

Nel 2020 è stato inserito nella lista dei migliori sessanta calciatori nati nel 2003, stilata dal quotidiano inglese The Guardian.[10]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Gli inizi[modifica | modifica wikitesto]

All'età di nove anni è entrato a far parte del settore giovanile dell'Inter;[11] nel corso degli anni successivi, ne ha scalato le varie categorie, fino ad ottenere nel 2019 la promozione in Primavera, con cui ha debuttato il 6 ottobre dello stesso anno, a sedici anni non ancora compiuti, realizzando anche una rete nella vittoria per 5-1 contro la Juventus.[12]

Zurigo[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver scelto di non firmare un contratto professionistico con il club nerazzurro,[13] il 23 aprile 2020 si è accordato con gli svizzeri dello Zurigo, firmando un contratto triennale.[14] Inizialmente aggregato al settore giovanile, esordisce con la prima squadra il 24 ottobre seguente, a 16 anni, rimpiazzando Tosin Aiyegun al 72º minuto della gara di Super League contro il Vaduz e fornendo a Blaž Kramer l'assist per la rete del definitivo 4-1.[15] Il 21 maggio 2021, dopo essere subentrato al compagno di squadra Antonio Marchesano da appena tre minuti, segna il suo primo gol da professionista, la rete del 4-1 finale contro il Vaduz.[16]

Nella seconda stagione a Zurigo trova spazio con continuità; l'11 dicembre 2021 mette a segno la sua prima doppietta in carriera, nella vittoria per 3-1 sul campo del Losanna.[17] In campionato realizza 8 reti in 33 presenze, contribuendo alla vittoria del titolo, conquistato con quattro giornate d'anticipo.[18]

All'inizio della stagione successiva, esordisce nelle coppe europee, nel secondo turno preliminare di UEFA Champions League nel quale lo Zurigo viene eliminato dal Qarabağ. Realizza il suo primo gol europeo il 4 agosto 2022, nella gara di andata del terzo turno preliminare di Europa League vinta 2-0 contro il Linfield a Belfast.[19]

Leeds[modifica | modifica wikitesto]

Il 1º settembre 2022, durante l'ultimo giorno della sessione estiva di calciomercato, Gnonto viene ceduto a titolo definitivo al Leeds Utd, per un importo stimato intorno ai 4,5 milioni di euro più bonus.[20][21][22] Esordisce con il club inglese e in Premier League il 29 ottobre successivo, subentrando al posto di Jack Harrison nella partita in trasferta contro il Liverpool.[23] Il 4 gennaio 2023, realizza la sua prima rete in Premier, aprendo le marcature nel pareggio casalingo contro il West Ham (2-2).[24][25] Due settimane dopo, il 18 gennaio, realizza una doppietta nella partita contro il Cardiff City a Elland Road, valida per il terzo turno di FA Cup e vinta per 5-2: in particolare, segna il primo dei due gol con un tiro al volo al primo minuto di gioco, per poi ripetersi al 36º minuto.[26][27] L'8 febbraio successivo, apre le marcature dell'incontro di campionato con il Manchester United dopo appena 55 secondi dal fischio d'inizio: la partita è poi terminata con un pareggio per 2-2.[28][29] Termina la stagione con 24 presenze in campionato, ma il Leeds, arrivato penultimo, retrocede in Championship.[30]

All'inizio della stagione successiva, in seguito alla sua richiesta di cessione, Gnonto salta le prime partite ufficiali della sua squadra,[31] salvo poi ritornare sui propri passi verso la fine di agosto.[32] Reintegrato dunque in rosa dall'allenatore Daniel Farke,[32] il 26 agosto 2023 l'attaccante va a segno nella sua prima partita, contribuendo alla vittoria per 4-3 sul campo dell'Ipswich Town in campionato.[33]

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Nazionali giovanili[modifica | modifica wikitesto]

Nato in Italia da genitori originari della Costa d'Avorio,[9] Gnonto ha scelto di rappresentare l'Italia.

Inizia il suo percorso con le nazionali giovanili italiane dall'Under-16. Nel 2019 ha partecipato con la nazionale Under-17 al campionato mondiale di categoria,[34] nel quale realizza 3 gol nella fase a gironi, prima che l'Italia fosse eliminata ai quarti di finale dal Brasile.[35]

Nel 2021 è entrato a far parte della nazionale Under-19, di cui è stato anche capitano.[36]

Nel giugno 2023 viene convocato dal CT Paolo Nicolato per l'Europeo Under-21 organizzato in Georgia e Romania,[37] e debutta in nazionale Under-21 il 22 dello stesso mese, subentrando al posto di Cambiaghi nella partita inaugurale della fase a gironi persa per 2-1 contro la Francia.[38] Tre giorni più tardi segna il suo primo gol in Under-21, contribuendo alla vittoria per 3-2 sulla Svizzera,[39][40] ma l'Italia viene tuttavia eliminata nella fase a gironi.

Nazionale maggiore[modifica | modifica wikitesto]

Dopo essere stato convocato in nazionale maggiore per uno stage dedicato ai giovani calciatori,[41] il 30 maggio 2022 Gnonto viene inserito a sorpresa dal CT Roberto Mancini nella lista allargata dei 30 giocatori convocati per la Finalissima contro l'Argentina del 1º giugno seguente.[42][43][44]

Esordisce in nazionale il 4 giugno, a 18 anni e 7 mesi, entrando al posto di Matteo Politano nel secondo tempo della partita di UEFA Nations League contro la Germania (1-1) a Bologna, e fornendo anche l'assist per il gol del momentaneo 1-0 di Lorenzo Pellegrini.[45][46] Tre giorni più tardi gioca la sua prima gara da titolare, disputando l'intero incontro di Nations League vinto per 2-1 contro l'Ungheria a Cesena.[47] Il 14 giugno 2022 realizza il suo primo gol in nazionale, nella partita di Nations League persa per 5-2 contro la Germania a Mönchengladbach, divenendo così il più giovane marcatore della storia della nazionale italiana,[48] superando il precedente record di Bruno Nicolè.[49]

Nel giugno 2023, viene inserito nella lista dei 23 convocati per la fase finale della Nations League,[50] chiusa al terzo posto dall'Italia.[51]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 28 febbraio 2024.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2020-2021 Bandiera della Svizzera Zurigo SL 26 1 CS 0 0 - - - - - - 26 1
2021-2022 SL 33 8 CS 3 2 - - - - - - 36 10
set. 2022 SL 6 0 CS 1 0 UCL+UEL 2[52]+3[52] 0+1[52] - - - 12 1
Totale Zurigo 65 9 4 2 5 1 - - 74 12
set. 2022-2023 Bandiera dell'Inghilterra Leeds Utd PL 24 2 FACup+CdL 3+1 2+0 - - - - - - 28 4
2023-2024 FLC 26 5 FACup+CdL 4+1 1+0 - - - - - - 31 6
Totale Leeds 50 7 9 3 - - - - 59 10
Totale carriera 115 16 13 5 5 1 - - 133 22

Cronologia presenze e reti in nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Italia
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
4-6-2022 Bologna Italia Bandiera dell'Italia 1 – 1 Bandiera della Germania Germania UEFA Nations League 2022-2023 - 1º turno - Ingresso al 65’ 65’
7-6-2022 Cesena Italia Bandiera dell'Italia 2 – 1 Bandiera dell'Ungheria Ungheria UEFA Nations League 2022-2023 - 1º turno -
11-6-2022 Wolverhampton Inghilterra Bandiera dell'Inghilterra 0 – 0 Bandiera dell'Italia Italia UEFA Nations League 2022-2023 - 1º turno - Ingresso al 64’ 64’
14-6-2022 Mönchengladbach Germania Bandiera della Germania 5 – 2 Bandiera dell'Italia Italia UEFA Nations League 2022-2023 - 1º turno 1
23-9-2022 Milano Italia Bandiera dell'Italia 1 – 0 Bandiera dell'Inghilterra Inghilterra UEFA Nations League 2022-2023 - 1º turno - Ingresso al 63’ 63’
26-9-2022 Budapest Ungheria Bandiera dell'Ungheria 0 – 2 Bandiera dell'Italia Italia UEFA Nations League 2022-2023 - 1º turno - Uscita al 66’ 66’
16-11-2022 Tirana Albania Bandiera dell'Albania 1 – 3 Bandiera dell'Italia Italia Amichevole - Ingresso al 77’ 77’
20-11-2022 Vienna Austria Bandiera dell'Austria 2 – 0 Bandiera dell'Italia Italia Amichevole - Ingresso al 72’ 72’
23-3-2023 Napoli Italia Bandiera dell'Italia 1 – 2 Bandiera dell'Inghilterra Inghilterra Qual. Euro 2024 - Ingresso al 70’ 70’
26-3-2023 Ta' Qali Malta Bandiera di Malta 0 – 2 Bandiera dell'Italia Italia Qual. Euro 2024 - Uscita al 22’ 22’
18-6-2023 Enschede Paesi Bassi Bandiera dei Paesi Bassi 2 – 3 Bandiera dell'Italia Italia UEFA Nations League 2022-2023 - Finale 3º posto - Uscita al 63’ 63’
9-9-2023 Skopje Macedonia del Nord Bandiera della Macedonia del Nord 1 – 1 Bandiera dell'Italia Italia Qual. Euro 2024 - Ingresso al 82’ 82’
12-9-2023 Milano Italia Bandiera dell'Italia 2 – 1 Bandiera dell'Ucraina Ucraina Qual. Euro 2024 - Ingresso al 58’ 58’
Totale Presenze 13 Reti 1
Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Italia Under-21
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
22-6-2023 Cluj-Napoca Francia Under-21 Bandiera della Francia 2 – 1 Bandiera dell'Italia Italia Under-21 Europeo Under-21 2023 - 1º turno - Ingresso al 46’ 46’
25-6-2023 Cluj-Napoca Svizzera Under-21 Bandiera della Svizzera 2 – 3 Bandiera dell'Italia Italia Under-21 Europeo Under-21 2023 - 1º turno 1 Uscita al 71’ 71’
28-6-2023 Cluj-Napoca Italia Under-21 Bandiera dell'Italia 0 – 1 Bandiera della Norvegia Norvegia Under-21 Europeo Under-21 2023 - 1º turno - Uscita al 62’ 62’
16-11-2023 Serravalle San Marino Under-21 Bandiera di San Marino 0 – 7 Bandiera dell'Italia Italia Under-21 Qual. Europeo Under-21 2025 2 Uscita al 72’ 72’
21-11-2023 Cork Irlanda Under-21 Bandiera dell'Irlanda 2 – 2 Bandiera dell'Italia Italia Under-21 Qual. Europeo Under-21 2025 2 Ammonizione al 89’ 89’
Totale Presenze 5 Reti 5

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni giovanili[modifica | modifica wikitesto]

Inter: 2016-2017

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Zurigo: 2021-2022

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ L'Italia si innamora di Gnonto. È di Baveno la nuova promessa azzurra, su RAI News, 5 giugno 2022.
  2. ^ Il pallone, il latino, la famiglia: da Baveno a Zurigo, Gnonto non si ferma più, su La Gazzetta dello Sport, 6 giugno 2022.
  3. ^ Willy Gnonto, chi è: vita e carriera del fenomeno dei Mondiali under 17, su Viagginews.com, 29 ottobre 2019.
  4. ^ a b Paolo Tomaselli, Gnonto, il padre: «I libri, l’oratorio, le ore in auto: vi racconto il mio Willy», su Corriere della Sera, 6 giugno 2022. URL consultato l'8 giugno 2022.
  5. ^ Salvatore Riggio, Willy Gnonto: l’Inter, il latino, i genitori ivoriani, il titolo in Svizzera, ecco chi è il nuovo attaccante della Nazionale, su Corriere della Sera, 31 maggio 2022. URL consultato l'8 giugno 2022.
  6. ^ Wilfried Gnonto: talento italiano classe 2003, su worldfootballscouting.com, 18 giugno 2019.
  7. ^ La giovane Italia che brilla al Mondiale U17. Ecco i 5 talenti che Mancini segue da vicino, su sport.it, 9 novembre 2019.
  8. ^ Antonio Torrisi, "Ecco 'Willy' Gnonto", il talento ex Inter che brilla allo Zurigo, nel segno di "Taz", su Goal.com, 14 aprile 2022. URL consultato il 5 aprile 2022.
  9. ^ a b L’IDOLO MESSI, I PARAGONI CON STERLING, I NUMERI DA PREDESTINATO: L’ITALIA SCOPRE WILLY GNONTO, su alfredopedulla.com, 30 ottobre 2019.
  10. ^ (EN) Next Generation 2020: 60 of the best young talents in world football, su theguardian.com, 8 ottobre 2020.
  11. ^ Wilfried Gnonto, da Baveno alla serie A svizzera (passando per l’Inter e la nazionale), su lastampa.it, 14 novembre 2020.
  12. ^ Primavera, l’Inter sa solo vincere: Juventus asfaltata, esordio da sogno per Gnonto, su fcinter1908.it, 6 ottobre 2019.
  13. ^ Mercato Inter: Gnonto passa allo Zurigo, su sportmediaset.mediaset.it, 23 aprile 2020.
  14. ^ (DE) Der Stadtclub verpflichtet Nachwuchs-Stürmer Wilfried Gnonto, su fcz.ch, 23 aprile 2020. URL consultato il 17 maggio 2021 (archiviato dall'url originale il 31 maggio 2022).
  15. ^ (DE) Happy Birthday Wilfried Gnonto, su fcz.ch, 5 novembre 2020. URL consultato il 17 maggio 2021 (archiviato dall'url originale il 17 maggio 2021).
  16. ^ (DE) Der FCZ gewinnt gegen den FC Vaduz mit 4:1, su FC Zürich. URL consultato il 17 agosto 2021 (archiviato dall'url originale il 14 giugno 2022).
  17. ^ (DE) Der FCZ gewinnt gegen den FC Lausanne-Sport mit 3:1, su FC Zürich, 11 dicembre 2021. URL consultato il 18 dicembre 2021 (archiviato dall'url originale il 18 dicembre 2021).
  18. ^ (EN) FC Zurich beats FC Basel 2-0 and is crowned Swiss champion, su FC Zürich, 1º maggio 2022. URL consultato il 21 maggio 2022 (archiviato dall'url originale il 12 agosto 2022).
  19. ^ Europa League, i risultati dei preliminari: Gnonto a segno, sorridono Zurigo e Fenerbahce. Partizan KO, su m.calciomercato.com, 4 agosto 2022. URL consultato il 3 settembre 2022.
  20. ^ (EN) Leeds United complete deadline day deal for Wilfried Gnonto, su Leeds United, 2 settembre 2022. URL consultato il 2 settembre 2022.
  21. ^ Calcio: Gnonto lascia Zurigo per il Leeds United, su ansa.it, 2 settembre 2022. URL consultato il 2 settembre 2022.
  22. ^ Gnonto all'esame Premier. L'attaccante azzurrino è del Leeds, su Transfermarkt.it, 2 settembre 2022. URL consultato il 2 settembre 2022.
  23. ^ (EN) Gary Rose, Liverpool 1-2 Leeds, in BBC Sport, 29 ottobre 2022. URL consultato il 1º novembre 2022.
  24. ^ Kane rilancia il Tottenham. Gnonto, primo gol col Leeds, su La Gazzetta dello Sport. URL consultato il 5 gennaio 2023.
  25. ^ (EN) Simon Stone, Leeds 2-2 West Ham: Hammers remain in relegation trouble after Elland Road draw, in BBC Sport, 4 gennaio 2023. URL consultato il 9 gennaio 2023.
  26. ^ Antonio Torrisi, Gnonto "on fire": super goal e doppietta contro il Cardiff in FA Cup, su Goal.com, 18 gennaio 2023. URL consultato il 19 gennaio 2023.
  27. ^ (EN) Louise Taylor, Gnonto and Bamford double up as Leeds overwhelm Cardiff in FA Cup, su The Guardian, 18 gennaio 2023. URL consultato il 30 gennaio 2023.
  28. ^ Gabriele Conflitti, Gnonto protagonista a Old Trafford: goal dopo 1 minuto e grande prestazione, su Goal.com, 8 febbraio 2023. URL consultato il 9 febbraio 2023.
  29. ^ (EN) Sancho earns Man Utd point in thrilling Leeds draw, in BBC Sport, 8 febbraio 2023. URL consultato il 9 febbraio 2023.
  30. ^ Leicester e Leeds retrocessi, Everton salvo, Tottenham senza Europa: i verdetti della Premier, su La Gazzetta dello Sport, 28 maggio 2023. URL consultato il 25 giugno 2023.
  31. ^ (EN) Shamoon Hafez, Leeds forward Gnonto submits transfer request, in BBC Sport, 18 agosto 2023. URL consultato il 28 agosto 2023.
  32. ^ a b (EN) Farke gives apologetic Gnonto second chance at Leeds, in BBC Sport, 24 agosto 2023. URL consultato il 28 agosto 2023.
  33. ^ (EN) Leeds end Ipswich's perfect start with first win, in BBC Sport, 26 agosto 2023. URL consultato il 28 agosto 2023.
  34. ^ Ufficializzata la lista dei 21 Azzurrini che domenica voleranno in Brasile, su figc.it, 16 ottobre 2019.
  35. ^ Finisce l’avventura ai Mondiali Under 17 del bavense Willy Gnonto: fatale il ko con il Brasile, su lastampa.it, 13 novembre 2019.
  36. ^ Tris all'Islanda: Italia alla seconda fase di qualificazione all'Europeo con un turno di anticipo, su FIGC, 9 ottobre 2021. URL consultato il 18 dicembre 2021.
  37. ^ Ufficializzata la lista dei 23 convocati per il Campionato Europeo, c’è anche Gnonto, su figc.it, 13 giugno 2023. URL consultato il 13 giugno 2023.
  38. ^ Europeo Under 21, Francia-Italia 2-1: Pellegri non basta, Udogie tradisce gli Azzurri, su Sportmediaset.it. URL consultato il 25 giugno 2023.
  39. ^ L’Italia Under 21 vince una partita pazza agli Europei: 3 gol alla Svizzera che sfiora l’impresa, su Sport Fanpage. URL consultato il 25 giugno 2023.
  40. ^ Svizzera-Italia, le pagelle: Gnonto e Parisi altro passo, 7,5. Tonali governa, 7, su La Gazzetta dello Sport, 25 giugno 2023. URL consultato il 25 giugno 2023.
  41. ^ Tre giorni di lavoro a Coverciano, Mancini convoca 53 calciatori di interesse nazionale, su figc.it, 20 maggio 2022. URL consultato il 20 maggio 2022.
  42. ^ Mancini ne chiama 30 per la Finalissima: c'è anche Gnonto, su Gazzetta.it, 30 maggio 2022. URL consultato il 30 maggio 2022.
  43. ^ Italia-Argentina, i 30 convocati di Mancini: la sorpresa è Gnonto, su Sportmediaset.it, 30 maggio 2022. URL consultato il 30 maggio 2022.
  44. ^ Diramata dal Ct Mancini la lista dei calciatori per la ‘Finalissima’, su Figc.it, 30 maggio 2022. URL consultato il 30 maggio 2022.
  45. ^ Gnonto: "Mancini mi ha dato un'occasione, credo d'averla colta. Il mio idolo è Sterling", su gazzetta.it, 4 giugno 2022.
  46. ^ A Bologna l’Italia rialza la testa, l’1-1 con la Germania è un’iniezione di fiducia per il futuro, su figc.it, 4 giugno 2022. URL consultato il 5 giugno 2022.
  47. ^ È un’Italia giovane e bella, gli Azzurri superano l’Ungheria con i gol di Barella e Pellegrini, su Federazione Italiana Giuoco Calcio, 7 giugno 2022. URL consultato l'8 giugno 2022.
  48. ^ Primo passo falso in Nations League, la Germania rifila cinque gol agli Azzurri, su figc.it, 14 giugno 2022. URL consultato il 15 giugno 2022.
  49. ^ Italia, Gnonto diventa il più giovane marcatore della storia della Nazionale, su Gianluca Di Marzio, 14 giugno 2022. URL consultato il 4 gennaio 2024.
  50. ^ Ecco l’Italia per la Nations League: Mancini punta sul blocco Inter, convocati Acerbi, Bastoni, Darmian, Dimarco e Barella, su figc.it, 6 giugno 2023. URL consultato il 9 giugno 2023.
  51. ^ La Nations League si chiude con una vittoria: Dimarco, Frattesi e Chiesa decidono il match contro i Paesi Bassi, Azzurri terzi, su figc.it, 18 giugno 2023. URL consultato il 3 gennaio 2024.
  52. ^ a b c Nei turni preliminari.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]