Domenico Berardi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Domenico Berardi
Domenico Berardi, Palazzo Chigi, 2021.jpg
Berardi nel 2021
Nazionalità Italia Italia
Altezza 183 cm
Peso 72 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo attaccante
Squadra Sassuolo
Carriera
Giovanili
2010-2012Sassuolo
Squadre di club1
2012-Sassuolo281 (101)
Nazionale
2012-2013Italia Italia U-193 (1)
2014-2017Italia Italia U-2123 (4)
2018-Italia Italia21 (6)
Palmarès
UEFA European Cup.svg Europei di calcio
Oro Europa 2020
Transparent.png UEFA Nations League
Bronzo Italia 2021
Transparent.png Europei di calcio Under-21
Bronzo Polonia 2017
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 15 ottobre 2021

Domenico Berardi (Cariati, 1º agosto 1994) è un calciatore italiano, attaccante del Sassuolo e della nazionale italiana, con cui si è laureato campione d'Europa nel 2021.

Con la maglia del Sassuolo detiene i record di miglior marcatore in assoluto (109), nei campionati nazionali (104) e nelle competizioni calcistiche europee (5). Figura inoltre al secondo posto per numero di presenze (294) preceduto solamente da Francesco Magnanelli.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Di piede mancino, può giocare da attaccante esterno o seconda punta.[1] In giovane età era considerato uno dei calciatori più promettenti al mondo.[2][3][4][5][6] Dispone di buon dribbling e fiuto del gol,[7] oltre ad essere uno specialista dei calci piazzati.[7] Nei primi anni della carriera il carattere irruente lo ha portato sovente a ricevere sanzioni disciplinari.[7][8][9][10]

Nel 2015 è stato inserito dalla rivista 101 Great Goals nella lista dei 101 calciatori più promettenti del mondo nati dopo il 1993.[11]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Gli inizi[modifica | modifica wikitesto]

Muove i primi passi nella squadra locale di Bocchigliero, piccolo centro del cosentino dove è cresciuto.[12] Successivamente si trasferisce con la famiglia a Mirto Crosia ed entra nella scuola calcio "Il Castello", dove viene segnalato agli osservatori della Juventus, che gli fa firmare un accordo con opzione sul cartellino valida fino ai 14 anni. Nella stagione 2007-2008 disputa in prestito il campionato Allievi regionali con l’AC Rossano.[12] L'anno seguente rientra alla base e trascina la squadra alle finali provinciali della categoria Allievi, dove si rende protagonista con due triplette. Nel 2009 è vicino ad entrare nelle giovanili del Cosenza, ma il trasferimento non si concretizza per via dei problemi societari della squadra silana.[12]

Decide dunque di fare visita al fratello maggiore Francesco, studente fuori sede a Modena. Qui ha modo di fare un provino per la SPAL, che non va a buon fine. La svolta arriva quasi per caso, quando, durante una partita a calcetto con gli amici del fratello, viene notato da Luciano Carlino, allenatore in seconda degli Allievi del Sassuolo, che lo segnala alla società neroverde. Il Sassuolo lo inserisce subito nelle proprie giovanili.[13]

Sassuolo[modifica | modifica wikitesto]

Settore giovanile[modifica | modifica wikitesto]

Aggregato inizialmente agli Allievi Nazionali, viene poi promosso in Primavera, dove continua a mettersi in luce, guadagnando le attenzioni dell'allenatore della prima squadra Fulvio Pea, che alla fine della stagione 2011-2012 lo convoca per il doppio impegno dei play-off di Serie B contro la Sampdoria.[14]

2012-2015[modifica | modifica wikitesto]

Nella stagione 2012-2013, dopo averlo portato in ritiro, Eusebio Di Francesco decide di inserirlo nella rosa della prima squadra.[13] Il 27 agosto 2012, a 18 anni, debutta da professionista in Serie B in Cesena-Sassuolo (0-3).[15] Il 1º settembre, alla 2ª giornata di campionato, realizza il suo primo gol in carriera nella partita vinta 2-1 contro il Crotone allo Stadio Alberto Braglia.[16] In campionato disputa 37 gare, segna 11 reti e contribuisce alla prima promozione del Sassuolo in Serie A.

Il 2 settembre 2013 è inserito nell'operazione che comprende anche la compartecipazione di Luca Marrone, passato dalla Juventus al Liverpool; la squadra torinese lascia Berardi in prestito gratuito al Sassuolo, che ottiene accordo di partecipazione per 4,5 milioni di euro pagabili in 5 anni.[17] Il 25 settembre 2013, a 19 anni, esordisce in Serie A in Napoli-Sassuolo 1-1.[18] La prima rete, in Serie A, è il 6 ottobre 2013 nella sconfitta 3-1 col Parma, segnando su rigore il momentaneo 1-1. Segna nella prima vittoria storica in Serie A del Sassuolo col Bologna 2-1, al 12' su rigore.[19][20] Il 3 novembre 2013, in Sampdoria-Sassuolo 3-4, segna la sua prima tripletta (due gol su rigore) in Serie A, che porta il Sassuolo a ottenere la prima vittoria esterna in A della sua storia.[21] Il 12 gennaio 2014 segna 4 gol in Sassuolo-Milan 4-3. Con questa quaterna diventa il secondo giocatore più giovane (dopo Silvio Piola) ad aver realizzato quattro gol in una gara di Serie A.[22] Chiude la stagione con 16 reti in Serie A, di cui 6 rigori realizzati.

Il 10 maggio 2015 ottiene la 100ª presenza in maglia neroverde, in Cesena-Sassuolo (2-3).[23] Chiude la seconda stagione in Serie A con 15 reti, una in meno rispetto alla stagione precedente. Il 25 giugno 2015 la sua compartecipazione è risolta in favore dei neroverdi per 10 milioni di euro pagabili in 4 anni; la Juventus ottiene l'opzione per riacquistarlo entro l'estate del 2017.[24][25]

2015-2018[modifica | modifica wikitesto]

Dopo un inizio di stagione costellato da vari infortuni, il 10 gennaio 2016 decide il match vinto per 1-0 in casa dell'Inter,[26] diventando così il miglior marcatore nell'intera storia del Sassuolo con 45 gol. Chiude la sua 3ª stagione nel massimo campionato italiano con un bottino di 7 reti in 29 presenze, non raggiungendo la doppia cifra di gol come aveva fatto nelle stagioni passate.

Il 28 luglio 2016 esordisce nelle coppe europee, in occasione della partita d'andata del terzo turno preliminare di Europa League, pareggiata per 1-1, contro il Lucerna, nella quale realizza, su rigore, il gol del pareggio.[27] Una settimana più tardi, in occasione della partita di ritorno, mette a segno la sua prima doppietta in campo internazionale nella gara vinta per 3-0 contro la squadra svizzera.[28] Il suo bottino personale di cinque gol nella fase di qualificazione della competizione permettono al Sassuolo di partecipare alla fase a gironi dell'Europa League per la prima volta della propria storia.[29] Tuttavia, alla 2ª giornata di campionato, il 28 agosto, si infortuna al collaterale del ginocchio sinistro nella partita casalinga contro il Pescara. La natura dell'infortunio costringe Berardi a rimanere fuori a lungo:[30] ritorna in campo l'8 gennaio 2017, all'ultima giornata del girone di andata. Conclude la sua quinta stagione in neroverde con un totale di 25 presenze e 10 reti messe a segno.

Nella stagione 2017-2018 risente della partenza del suo mentore Di Francesco, e realizza unicamente 4 reti in campionato.

2018-2021[modifica | modifica wikitesto]

Nella stagione successiva arriva l'allenatore Roberto De Zerbi e 7 ottobre 2018, in occasione della sconfitta esterna per 2-0 contro il Napoli, Berardi disputa la duecentesima partita con indosso la maglia neroverde. Conclude la stagione 2018-2019 con 10 gol totali, di cui 8 in campionato e 2 in Coppa Italia.

Il 1º settembre 2019, nella seconda giornata di campionato, segna la sua prima tripletta stagionale nella partita casalinga vinta contro la Sampdoria per 4-1. Nella terza giornata mette a referto una doppietta (segnando uno dei gol su calcio di punizione) nella partita persa in trasferta contro la Roma per 4-2. Il 23 ottobre successivo rinnova il suo contratto con la società emiliana fino al giugno 2024.[31] Finisce la stagione 2019-2020 con 31 partite giocate, 14 gol e 8 assist. Nell'anno solare 2020, avendo collezionato 10 gol e 10 assist in uno dei top-5 campionati europei, entra quale unico giocatore italiano tra i 10 giocatori ad essere riusciti ad andare in doppia cifra sia per gol che per assist.

Il 20 settembre 2020 realizza il suo primo gol stagionale nella partita di campionato vinta 4-1 contro il neopromosso Spezia. Il 17 marzo 2021 mette a segno una doppietta nella gara casalinga contro il Torino, poi persa per 3-2, raggiungendo quota 11 reti e arrivando in doppia cifra per il secondo anno consecutivo e la quarta volta in Serie A per poi ripetersi, esattamente un mese dopo, nella vittoria casalinga contro la Fiorentina, segnando la rete 100 e 101 con la maglia neroverde, diventando il primo a riuscirci.[32] Conclude la sua stagione con 17 reti in 30 presenze totali in campionato, segnando il suo record personale.[33]

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Nazionali giovanili[modifica | modifica wikitesto]

Componente della nazionale Under-19, non risponde alla convocazione alle qualificazioni all'Europeo di categoria e subisce la squalifica di 9 mesi per violazione del codice etico.[34][35][36]

Il 28 febbraio 2014 è convocato da Luigi Di Biagio, CT della nazionale Under-21, per la gara di qualificazione all'Europeo Under-21 con l'Irlanda del Nord del 5 marzo seguente[37]. Il 2 marzo, in Sassuolo-Parma di campionato, rifila una gomitata a Cristian Molinaro dopo 50 secondi dal suo ingresso in campo e il CT, per rispetto del codice etico della Federazione, ritira la sua convocazione.[36][38] Esordisce con l'Under-21 il 4 giugno 2014, nell'amichevole Italia-Montenegro (4-0).[39] Realizza il suo primo gol con l'Under-21 il 5 settembre successivo, nella gara valida per le qualificazioni all'Europeo Under-21 vinta 3-2 contro la Serbia a Pescara.[40]

Viene inserito nella lista dei 23 convocati per l'Europeo Under-21 2015 in Repubblica Ceca.[41][42] Gioca la sua prima gara all'Europeo il 18 giugno 2015, nella sconfitta 1-2 con la Svezia; su rigore aveva aperto le marcature.[43] Il 24 giugno fornisce un assist per il gol d'Andrea Belotti all'Inghilterra; pur vincendo 1-3 l'ultima gara del girone, l'Italia non supera la fase a gironi, piazzandosi al 3º posto dietro a Portogallo e Svezia.[44]

Titolare anche nel ciclo successivo dell'Under-21, viene convocato per l'Europeo Under-21 2017 in Polonia,[45] nel quale segna il gol del momentaneo pareggio nella seconda partita della fase a gironi, persa 3-1 contro la Rep. Ceca.[46] Salta per squalifica la semifinale del torneo,[47] nella quale gli Azzurrini vengono eliminati dalla Spagna.[48]

Nazionale maggiore[modifica | modifica wikitesto]

Il 3 ottobre 2015 è convocato per la prima volta in nazionale dal CT Antonio Conte, per le ultime due gare di qualificazione all'Europeo 2016 contro Azerbaigian e Norvegia[49], ma è costretto a lasciare il ritiro per infortunio.[50] Viene poi convocato per lo stage per calciatori emergenti del febbraio 2017, voluto dal CT Gian Piero Ventura.[51] Il seguente 31 maggio 2017 scende in campo con la fascia da capitano nella partita non ufficiale disputata dalla nazionale "sperimentale" contro San Marino, ad Empoli.[52]

Il 19 maggio 2018 viene convocato dal nuovo CT Roberto Mancini per le amichevoli contro Arabia Saudita, Francia e Paesi Bassi.[53] L'esordio con la maglia azzurra arriva il 1º giugno 2018, a 23 anni, in occasione dell'amichevole persa, per 3-1, contro la Francia a Nizza.[54] Dopo essere stato nelle scelte iniziali di Mancini, non viene più convocato per un anno tornando in nazionale nel novembre 2019,[55] ma dovendo rinunciare alla chiamata per infortunio.[55][56]

Il 7 ottobre 2020 realizza il primo gol in nazionale, nell'amichevole vinta 6-0 contro la Moldavia a Firenze.[57] Il successivo 15 novembre, dopo essere subentrato nella ripresa, realizza il gol che fissa il risultato della partita di Nations League vinta 2-0 contro la Polonia a Reggio Emilia.[58] Tre giorni più tardi contro la Bosnia ed Erzegovina a Sarajevo trova il gol del definitivo 2-0 che permette agli Azzurri di qualificarsi alla fase finale della competizione.[59]

Il 25 marzo 2021, in occasione della vittoria per 2-0 sull'Irlanda del Nord valevole come prima gara delle qualificazioni al Mondiale 2022, realizza il suo terzo gol di fila in nazionale.[60][61] Viene convocato per il Campionato europeo e nell'ultima amichevole prima della manifestazione segna per la quarta volta di fila, nella gara vinta 4-0 contro la Repubblica Ceca.[62][63] Nel corso della manifestazione continentale Berardi gioca inizialmente titolare, salvo poi perdere il posto di esterno destro del tridente a favore di Chiesa, e divenire una delle prime scelte dalla panchina del CT Mancini.[64] L'11 luglio si laurea campione d'Europa in virtù della vittoria nella finale di Wembley contro l'Inghilterra, nella quale ha il merito di realizzare il primo rigore nella serie terminata 3-2 per l'Italia.[65]

Il successivo 30 settembre viene inserito tra i 23 convocati per la fase finale della UEFA Nations League,[66] dove è protagonista della finale per il terzo posto vinta per 2-1 contro il Belgio all'Allianz Stadium di Torino, segnando un gol su rigore e venendo eletto miglior giocatore della partita.[67][68]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 15 ottobre 2021.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2012-2013 Italia Sassuolo B 37 11 CI 2 0 - - - - - - 39 11
2013-2014 A 29 16 CI 1 0 - - - - - - 30 16
2014-2015 A 32 15 CI 2 0 - - - - - - 34 15
2015-2016 A 29 7 CI 2 0 - - - - - - 31 7
2016-2017 A 21 5[69] CI 0 0 UEL 4[70] 5[70] - - - 25 10
2017-2018 A 31 4 CI 2 1 - - - - - - 33 5
2018-2019 A 35 8 CI 2 2 - - - - - - 37 10
2019-2020 A 31 14 CI 1 0 - - - - - - 32 14
2020-2021 A 30 17 CI 0 0 - - - - - - 30 17
2021-2022 A 7 4 CI 0 0 - - - - - - 7 4
Totale Sassuolo 280 100 12 3 4 5 - - 297 109
Totale carriera 281 101 12 3 4 5 - - 297 109

Cronologia presenze e reti in nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Italia
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
1-6-2018 Nizza Francia Francia 3 – 1 Italia Italia Amichevole - Uscita al 74’ 74’
10-9-2018 Lisbona Portogallo Portogallo 1 – 0 Italia Italia UEFA Nations League 2018-2019 - 1º turno - Ingresso al 59’ 59’ Ammonizione al 70’ 70’
10-10-2018 Genova Italia Italia 1 – 1 Ucraina Ucraina Amichevole - Ingresso al 78’ 78’
17-11-2018 Milano Italia Italia 0 – 0 Portogallo Portogallo UEFA Nations League 2018-2019 - 1º turno - Ingresso al 87’ 87’
20-11-2018 Genk Italia Italia 1 – 0 Stati Uniti Stati Uniti Amichevole - Uscita al 61’ 61’
7-10-2020 Firenze Italia Italia 6 – 0 Moldavia Moldavia Amichevole 1 Uscita al 75’ 75’
11-10-2020 Danzica Polonia Polonia 0 – 0 Italia Italia UEFA Nations League 2020-2021 - 1º turno - Ingresso al 83’ 83’
15-11-2020 Reggio Emilia Italia Italia 2 – 0 Polonia Polonia UEFA Nations League 2020-2021 - 1º turno 1 Ingresso al 64’ 64’
18-11-2020 Sarajevo Bosnia ed Erzegovina Bosnia ed Erzegovina 0 – 2 Italia Italia UEFA Nations League 2020-2021 - 1º turno 1 Uscita al 82’ 82’
25-3-2021 Parma Italia Italia 2 – 0 Irlanda del Nord Irlanda del Nord Qual. Mondiali 2022 1 Uscita al 75’ 75’
4-6-2021 Bologna Italia Italia 4 – 0 Rep. Ceca Rep. Ceca Amichevole 1 Uscita al 77’ 77’
11-6-2021 Roma Turchia Turchia 0 – 3 Italia Italia Euro 2020 - 1º turno - Uscita al 86’ 86’
16-6-2021 Roma Italia Italia 3 – 0 Svizzera Svizzera Euro 2020 - 1º turno - Uscita al 70’ 70’
26-6-2021 Londra Italia Italia 2 – 1 dts Austria Austria Euro 2020 - Ottavi di finale - Uscita al 84’ 84’
2-7-2021 Monaco di Baviera Belgio Belgio 1 – 2 Italia Italia Euro 2020 - Quarti di finale - Ingresso al 79’ 79’ Ammonizione al 90’ 90’
6-7-2021 Londra Italia Italia 1 – 1 dts
(4 – 2 dtr)
Spagna Spagna Euro 2020 - Semifinale - Ingresso al 61’ 61’
11-7-2021 Londra Italia Italia 1 – 1 dts
(3 – 2 dtr)
Inghilterra Inghilterra Euro 2020 - Finale - Ingresso al 55’ 55’
2-9-2021 Firenze Italia Italia 1 – 1 Bulgaria Bulgaria Qual. Mondiali 2022 - Ingresso al 75’ 75’
5-9-2021 Basilea Svizzera Svizzera 0 – 0 Italia Italia Qual. Mondiali 2022 - Uscita al 59’ 59’
8-9-2021 Reggio Emilia Italia Italia 5 – 0 Lituania Lituania Qual. Mondiali 2022 - Ingresso al 73’ 73’
10-10-2021 Torino Italia Italia 2 – 1 Belgio Belgio UEFA Nations League 2020-2021 - Finale 3º posto 1 Uscita al 90+1’ 90+1’
Totale Presenze 21 Reti 6
Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Italia Under-21
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
4-6-2014 Castel di Sangro Italia Under-21 Italia 4 – 0 Montenegro Montenegro Under-21 Amichevole - Uscita al 28’ 28’
13-8-2014 Ploiești Romania Under-21 Romania 2 – 1 Italia Italia Under-21 Amichevole - Uscita al 77’ 77’
5-9-2014 Pescara Italia Under-21 Italia 3 – 2 Serbia Serbia Under-21 Qual. Europeo Under-21 2015 1 Ammonizione al 42’ 42’ Uscita al 86’ 86’
9-9-2014 Castel di Sangro Italia Under-21 Italia 7 – 1 Cipro Cipro Under-21 Qual. Europeo Under-21 2015 - Uscita al 60’ 60’
10-10-2014 Zlaté Moravce Slovacchia Under-21 Slovacchia 1 – 1 Italia Italia Under-21 Qual. Europeo Under-21 2015 -
14-10-2014 Reggio Emilia Italia Under-21 Italia 3 – 1 Slovacchia Slovacchia Under-21 Qual. Europeo Under-21 2015 - Ammonizione al 60’ 60’ Uscita al 86’ 86’
17-11-2014 Matera Italia Under-21 Italia 0 – 1 Danimarca Danimarca Under-21 Amichevole - Uscita al 72’ 72’
27-3-2015 Paderborn Germania Under-21 Germania 2 – 2 Italia Italia Under-21 Amichevole - Uscita al 90+2’ 90+2’
30-3-2015 Benevento Italia Under-21 Italia 0 – 1 Serbia Serbia Under-21 Amichevole - Yellow card.svgYellow card.svgRed card.svg 47’
18-6-2015 Olomouc Italia Under-21 Italia 1 – 2 Svezia Svezia Under-21 Europeo Under-21 2015 - 1º turno 1
21-6-2015 Uherské Hradiště Italia Under-21 Italia 0 – 0 Portogallo Portogallo Under-21 Europeo Under-21 2015 - 1º turno -
24-6-2015 Olomouc Inghilterra Under-21 Inghilterra 1 – 3 Italia Italia Under-21 Europeo Under-21 2015 - 1º turno - Uscita al 63’ 63’
13-11-2015 Novi Sad Serbia Under-21 Serbia 1 – 1 Italia Italia Under-21 Qual. Europeo Under-21 2017 -
17-11-2015 Castel di Sangro Italia Under-21 Italia 2 – 0 Lituania Lituania Under-21 Qual. Europeo Under-21 2017 1 Uscita al 86’ 86’
24-3-2016 Waterford Irlanda Under-21 Irlanda 1 – 4 Italia Italia Under-21 Qual. Europeo Under-21 2017 - Uscita al 65’ 65’
29-3-2016 Andorra la Vella Andorra Under-21 Andorra 0 – 1 Italia Italia Under-21 Qual. Europeo Under-21 2017 - Uscita al 86’ 86’
2-6-2016 Venezia Italia Under-21 Italia 0 – 1 Francia Francia Under-21 Amichevole - cap. Uscita al 56’ 56’
10-8-2016 San Benedetto del Tronto Italia Under-21 Italia 0 – 0 Albania Albania Under-21 Amichevole - cap. Uscita al 60’ 60’
23-3-2017 Cracovia Polonia Under-21 Polonia 1 – 2 Italia Italia Under-21 Amichevole - Uscita al 61’ 61’
27-3-2017 Roma Italia Under-21 Italia 1 – 2 Spagna Spagna Under-21 Amichevole - Uscita al 90+2’ 90+2’
18-6-2017 Cracovia Danimarca Under-21 Danimarca 0 – 2 Italia Italia Under-21 Europeo Under-21 2017 - 1º turno - Uscita al 67’ 67’
21-6-2017 Tychy Rep. Ceca Under-21 Rep. Ceca 3 – 1 Italia Italia Under-21 Europeo Under-21 2017 - 1º turno 1 Ammonizione al 29’ 29’
24-6-2017 Cracovia Italia Under-21 Italia 1 – 0 Germania Germania Under-21 Europeo Under-21 2017 - 1º turno - Ammonizione al 32’ 32’ Uscita al 85’ 85’
Totale Presenze 23 Reti 4

Record[modifica | modifica wikitesto]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Sassuolo: 2012-2013

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Europa 2020

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

Migliore giovane della Serie B: 2013
2015[71]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere Ordine al merito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere Ordine al merito della Repubblica Italiana
«Riconoscimento dei valori sportivi e dello spirito nazionale che hanno animato la vittoria italiana al campionato europeo di calcio UEFA Euro 2020»
— Roma, 16 luglio 2021. Di iniziativa del Presidente della Repubblica.[72]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Domenico Berardi, su vivoazzurro.it, 2 ottobre 2014. URL consultato il 1º giugno 2015.
  2. ^ Luca Bianchin e Giulio Di Feo, Teen generation: i migliori Under 20 del mondo, su gazzetta.it, 5 aprile 2014. URL consultato il 1º giugno 2015.
  3. ^ (EN) The top 101 youngsters in world football (Don Balon list 2013), su 101greatgoals.com, 14 novembre 2013. URL consultato il 29 marzo 2017 (archiviato dall'url originale il 3 gennaio 2017).
  4. ^ (EN) The top 101 youngsters in world football (Don Balon list 2014), su 101greatgoals.com, 20 novembre 2014. URL consultato il 29 marzo 2017 (archiviato dall'url originale il 30 marzo 2017).
  5. ^ (EN) The top 101 youngsters in world football (Don Balon list 2015), su 101greatgoals.com, 19 novembre 2015. URL consultato il 29 marzo 2017 (archiviato dall'url originale il 21 agosto 2017).
  6. ^ Arrigo Sacchi, Ero certo delle qualità di Berardi. L'Italia è piena di giovani talenti, su gazzetta.it, 14 gennaio 2014. URL consultato il 16 gennaio 2016.
  7. ^ a b c Berardi ha capito come sfruttare il suo talento?, su ultimouomo.com, 14 ottobre 2019. URL consultato il 15 ottobre 2019.
  8. ^ Claudio Agave, Cinque espulsioni per autodistruggere un talento, su contra-ataque.it, 26 febbraio 2018. URL consultato il 16 ottobre 2019.
  9. ^ Domenico Berardi è destinato a deluderci ancora?, su rivistaundici.com, 23 settembre 2019. URL consultato il 16 ottobre 2019.
  10. ^ Berardi e il record (scomodo) di squalifiche: la storia dei suoi raptus, su panorama.it, 24 novembre 2015. URL consultato il 16 ottobre 2019.
  11. ^ La lista dei 101 migliori giovani talenti del calcio mondiale, su it.eurosport.com, 15 novembre 2015.
  12. ^ a b c Da Bocchigliero a Mirto: «Vi raccontiamo Berardi», in Il Quotidiano del Sud, 16 gennaio 2014. URL consultato il 18 novembre 2020.
  13. ^ a b Sassuolo, la favola di Berardi iniziata con un... calcetto, in Gazzetta di Modena, 4 settembre 2012. URL consultato il 18 novembre 2020.
  14. ^ La meglio gioventù – Domenico Berardi, su calcioweb.eu, 14 maggio 2013. URL consultato il 3 novembre 2013.
  15. ^ Cesena 0-3 Sassuolo, su it.soccerway.com, 27 agosto 2012. URL consultato il 3 novembre 2013.
  16. ^ Sassuolo 2-1 Crotone, su it.soccerway.com, 1º settembre 2012. URL consultato il 3 novembre 2013.
  17. ^ Operazioni con il Sassuolo per Marrone e Berardi, su juventus.com, 2 settembre 2013. URL consultato il 3 novembre 2013 (archiviato dall'url originale il 4 dicembre 2014).
  18. ^ Napoli 1-1 Sassuolo, su it.soccerway.com, 25 settembre 2013. URL consultato il 3 novembre 2013.
  19. ^ Sassuolo-Bologna 2-1, primo successo neroverde, su gazzetta.it, 20 ottobre 2013. URL consultato il 3 novembre 2013.
  20. ^ Sassuolo, storico derby: col Bologna arriva la prima vittoria in serie A, su ilrestodelcarlino.it, 20 ottobre 2013. URL consultato il 3 novembre 2013.
  21. ^ Serie A Sassuolo, Berardi: «Felice per i tre gol e per la vittoria», su corrieredellosport.it, 3 novembre 2013. URL consultato il 3 novembre 2013 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  22. ^ Sassuolo-Milan 4-3, Berardi poker, gol di Robinho, Balotelli e Montolivo, su gazzetta.it, 12 gennaio 2014. URL consultato il 12 gennaio 2014.
  23. ^ Cesena vs. Sassuolo, su it.soccerway.com, 10 maggio 2015. URL consultato il 26 giugno 2015.
  24. ^ Calciomercato: Domenico Berardi resta in neroverde, su sassuolocalcio.it, 25 giugno 2015. URL consultato il 25 giugno 2015.
  25. ^ Comproprietà: Benassi al Torino, Verdi torna al Milan, su gazzetta.it. URL consultato il 25 giugno 2015.
  26. ^ Matteo Brega, Inter-Sassuolo 0-1: Berardi su rigore gela Mancini, sorpasso Napoli, 10 gennaio 2016. URL consultato il 10 gennaio 2016.
  27. ^ Europa League, Lucerna-Sassuolo 1-1: Berardi segna il rigore, Consigli lo para, su gazzetta.it, 28 luglio 2016. URL consultato il 29 luglio 2016.
  28. ^ Ivan Palumbo, Sassuolo-Lucerna 3-0, Berardi fa 2 gol, conquistato il playoff di Europa League, su gazzetta.it, 4 agosto 2016. URL consultato il 5 agosto 2016.
  29. ^ Pietro Razzini, Europa League, Stella Rossa-Sassuolo 1-1, Berardi segna ancora, su gazzetta.it, 25 agosto 2016. URL consultato il 26 agosto 2016.
  30. ^ Sassuolo, parla l'agente di Berardi: "Infortunio sottovalutato", su sportmediaset.mediaset.it, 10 novembre 2016. URL consultato l'8 gennaio 2017.
  31. ^ Rinnovo fino a giugno 2024 per Domenico Berardi, su sassuolocalcio.it. URL consultato il 1º luglio 2021.
  32. ^ Entra Berardi, è un altro Sassuolo: la Fiorentina sparisce e resta a rischio, su La Gazzetta dello Sport. URL consultato il 28 maggio 2021.
  33. ^ Locatelli incanta, Berardi tocca quota 17 gol, su il Resto del Carlino, 1621833365166. URL consultato il 28 maggio 2021.
  34. ^ Sassuolo: Berardi squalificato, disertò la convocazione con Under 19, su calcionewstime.com, 29 agosto 2013. URL consultato il 6 maggio 2014 (archiviato dall'url originale il 2 febbraio 2014).
  35. ^ Sassuolo, caso Berardi: si allontana la maglia azzurra, su calcionews24.com, 29 agosto 2013. URL consultato il 6 maggio 2014.
  36. ^ a b Rai Sport - Calcio - Under 21, Berardi non convocato per codice etico, su www.raisport.rai.it. URL consultato l'11 novembre 2019.
  37. ^ Under 21: i convocati di Di Biagio, su ansa.it, 28 febbraio 2014. URL consultato il 2 maggio 2014.
  38. ^ La gomitata a Molinaro costa a Berardi la convocazione in Under 21, su gazzettadiparma.it, 2 marzo 2014. URL consultato il 2 maggio 2014 (archiviato dall'url originale il 2 marzo 2014).
  39. ^ Under 21, amichevoli: l'Italia cala il poker al Montenegro, su sportmediaset.mediaset.it, 4 giugno 2014. URL consultato il 5 luglio 2015.
  40. ^ Mattia Fontana, Under 21 - Italia, rimonta-show con Belotti e Berardi, su it.eurosport.yahoo.com, 5 settembre 2014. URL consultato il 5 luglio 2015 (archiviato dall'url originale il 10 aprile 2015).
  41. ^ Verso l'Europeo: 27 Azzurrini convocati da Di Biagio per il raduno di Appiano Gentile, su figc.it, 1º giugno 2015. URL consultato il 13 giugno 2015 (archiviato dall'url originale il 10 giugno 2015).
  42. ^ Ufficializzata la lista dei 23 convocati per la fase finale del Campionato europeo, su figc.it, 7 giugno 2015. URL consultato il 13 giugno 2015 (archiviato dall'url originale il 10 giugno 2015).
  43. ^ Italia-Svezia (1-2), su it.uefa.com, 18 giugno 2015. URL consultato il 5 luglio 2015 (archiviato dall'url originale il 21 giugno 2015).
  44. ^ Luca Bianchin, Europeo Under 21, Inghilterra-Italia 1-3, ma il biscotto condanna gli Azzurrini, su gazzetta.it, 24 giugno 2015. URL consultato il 5 luglio 2015.
  45. ^ I 23 convocati ufficiali per l'Europeo Under 21: Donnarumma c'è, Bernardeschi col 10, su Eurosport, 6 giugno 2017. URL consultato l'11 novembre 2019.
  46. ^ Repubblica Ceca-Italia 3-1, si fa dura per gli azzurrini, su Repubblica.it, 21 giugno 2017. URL consultato l'11 novembre 2019.
  47. ^ Europei Under 21, Italia-Germania 1-0: azzurrini in semifinale, su Repubblica.it, 24 giugno 2017. URL consultato l'11 novembre 2019.
  48. ^ Impresa compiuta! Bernardeschi e la Danimarca mandano l'Italia in semifinale, su Eurosport, 24 giugno 2017. URL consultato l'11 novembre 2019.
  49. ^ Ventisette convocati per Azerbaigian e Norvegia: prima chiamata per Domenico Berardi, 3 ottobre 2015. URL consultato il 5 ottobre 2015 (archiviato dall'url originale il 5 ottobre 2015).
  50. ^ Conte: “Abbiamo due match ball per andare all’Europeo”. Berardi è out, torna a casa, 5 ottobre 2015. URL consultato il 5 ottobre 2015 (archiviato dall'url originale l'8 ottobre 2015).
  51. ^ Federico Anarratone, Raduno Nazionale per calciatori emergenti: Ventura chiama tre neroverdi, su canalesassuolo.it, 18 febbraio 2017. URL consultato il 22 febbraio 2017.
  52. ^ L'Italia del futuro cresce a suon di gol: 8-0 a San Marino, tripletta di Lapadula, su figc.it, 31 maggio 2017. URL consultato il 10 giugno (archiviato dall'url originale il 14 luglio 2017).
  53. ^ UEFA.com, Italia, i convocati di Mancini: riecco Balotelli, cinque i volti nuovi, su UEFA.com, 19 maggio 2018. URL consultato l'11 novembre 2019 (archiviato l'11 novembre 2019).
  54. ^ Francia-Italia 3-1: gli azzurri non demeritano, ma transalpini troppo forti, su repubblica.it, 1º giugno 2018. URL consultato l'11 novembre 2019.
  55. ^ a b Infortunio Berardi, niente Nazionale: rimosso dai convocati, su sport.sky.it. URL consultato l'11 novembre 2019.
  56. ^ Infortunio per Domenico Berardi, salta la convocazione in Nazionale, su sassuolocalcio.it. URL consultato l'11 novembre 2019 (archiviato l'11 novembre 2019).
  57. ^ L'Italia travolge la Moldavia 6-0: Caputo e Berardi, primo gol azzurro, su ilmattino.it. URL consultato il 7 ottobre 2020.
  58. ^ Una super Italia batte la Polonia, vola in testa al girone e ipoteca il primo posto, su figc.it, 15 novembre 2020. URL consultato il 17 novembre 2020.
  59. ^ L'Italia stende la Bosnia e vola alle Final Four, su it.uefa.com.
  60. ^ Super Berardi, si sblocca Immobile: Italia, buona la prima con l'Irlanda del Nord, su gazzetta.it, 25 marzo 2021. URL consultato il 26 marzo 2021.
  61. ^ La riscossa di Berardi: terzo goal di fila con l'Italia, su goal.com, 25 marzo 2021. URL consultato il 26 marzo 2021.
  62. ^ Ufficializzata la lista dei 26 convocati per l’Europeo. Giacomo Raspadori la novità, su figc.it, 2 giugno 2021. URL consultato il 3 giugno 2021.
  63. ^ Italia-Repubblica Ceca 4-0: Immobile, Barella, Insigne e Berardi. Azzurri a gonfie vele verso gli Europei, su repubblica.it, 4 giugno 2021. URL consultato il 5 giugno 2021.
  64. ^ Chiesa, non chiamatelo riserva: quelli che cambiano la partita, su lastampa.it, 28 giugno 2021. URL consultato l'11 luglio 2021.
  65. ^ ITALIA, TI AMIAMO DA IMPAZZIRE: SIAMO CAMPIONI D'EUROPA, su gazzetta.it. URL consultato l'11 luglio 2021.
  66. ^ Ufficializzata la lista dei 23 convocati per la fase finale della UEFA Nations League, su figc.it, 30 settembre 2021. URL consultato il 30 settembre 2021.
  67. ^ Italia-Belgio 2-1: Mancini si prende il terzo posto in Nations League, su corrieredellosport.it. URL consultato l'11 ottobre 2021.
  68. ^ L’Italia riparte nel segno di Barella e Berardi, il 2-1 al Belgio vale il 3° posto nella Nations League, su figc.it, 10 ottobre 2021. URL consultato l'11 ottobre 2021.
  69. ^ 21 (4) se non si considera la rete nella partita poi persa a tavolino.
  70. ^ a b Nei turni preliminari.
  71. ^ Berardi eletto miglior under 21 d'Europa, su gazzettadimodena.gelocal.it, 14 dicembre 2015. URL consultato il 12 gennaio 2016.
  72. ^ quirinale.it, https://www.quirinale.it/elementi/59113.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]