Roberto De Zerbi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Roberto De Zerbi
Nazionalità Italia Italia
Altezza 175 cm
Peso 67 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex centrocampista)
Squadra Sassuolo
Ritirato 2013 - giocatore
Carriera
Giovanili
1995-1998 Milan
Squadre di club1
1998-1999 Monza 9 (0)
1999 Padova 11 (2)
1999-2000 Como 6 (0)
2000 Padova 12 (3)
2000-2001 Avellino 6 (0)
2001-2002 Lecco 7 (0)
2002-2004 Foggia 56 (18)
2004-2005 Arezzo 27 (4)
2005-2006 Catania 35 (7)
2006-2008 Napoli 33 (3)
2008 Brescia 17 (1)
2008-2009 Avellino 15 (5)
2009-2010 Napoli 0 (0)
2010-2012 CFR Cluj 22 (8)
2013 Trento 10 (3)
Carriera da allenatore
2013-2014Darfo Boario
2014-2016Foggia
2016Palermo
2017-2018Benevento
2018-Sassuolo
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 13 giugno 2018

Roberto De Zerbi (Brescia, 6 giugno 1979) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo centrocampista, tecnico del Sassuolo.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Calciatore[modifica | modifica wikitesto]

Dà i suoi primi calci a un pallone di calcio nella squadra del suo quartiere con Piobet: l'Unione Sportiva Oratorio Mompiano.[1] Un anno dopo gli osservatori del Milan lo notano e lo portano alla squadra rossonera, nelle cui giovanili rimane fino al 1998, mettendosi in mostra nel campionato Primavera e nel precampionato.[2]

La sua carriera da professionista, cominciata con alterne fortune in società di serie C come Padova, Como, Avellino e Lecco ha una svolta nel 2002-2003 grazie all'incontro con l'allenatore Pasquale Marino, con cui ottiene la promozione in Serie C1 con il Foggia.[2] Per le sue notevoli capacità tecniche e di visione di gioco si guadagna il soprannome di Luce. Un'altra stagione in Puglia e poi nel 2004-2005 Marino lo porta con sé all'Arezzo, dove si mette in mostra a tal punto che nella stagione successiva segue il tecnico al Catania,[3] ottenendo la promozione della squadra in Serie A. Con il Catania segna 7 reti.

Il 27 giugno 2006 viene acquistato dal Napoli[4] con cui sottoscrive un contratto quinquennale. Nella stagione 2006-2007 in Serie B con la maglia azzurra segna 3 gol.

Nella stagione 2007-2008 trova pochissimo spazio, segnando un solo gol contro il Cesena in Coppa Italia.[5]

Nel mercato invernale passa in prestito al Brescia,[6] squadra della sua città natale, dove rimane fino alla fine del campionato senza centrare l'obiettivo della promozione in serie A (sconfitta in semifinale play-off),[7] per poi rientrare al Napoli per fine prestito.

Il 1º settembre 2008 viene preso in prestito dall'Avellino,[8], con cui retrocede in Lega Pro Prima Divisione (ex Serie C1).[9] Segna una doppietta nella 34a giornata contro l'Ancona.[10] A fine stagione torna nuovamente al Napoli dove non viene aggregato alla prima squadra, finendo di fatto fuori rosa.[11]

L'8 febbraio 2010 passa in prestito ai rumeni del Cluj[12][13], con i quali esordisce il 24 aprile 2010 nella partita contro l'Unirea Alba Iulia[14]. Conquista campionato e Coppa di Romania. Il 31 agosto 2010 rescinde il contratto in essere con il Napoli,[15] per poi far ritorno al club romeno[16]. Il 19 settembre 2010 esordisce in Champions League nello stadio di casa, subentrando al 53' a Rafael Bastos contro gli svizzeri del Basilea, nell'incontro vinto 2-1 dal Cluj. Segna il suo primo gol con la maglia del Cluj (su punizione) contro il Brasov.

Il 30 giugno 2012 scade il suo contratto con la società rumena. Dopo alcuni mesi da svincolato, il 19 gennaio 2013 firma per il Trento, in Serie D.[17]

Al termine della stagione si ritira dall'attività agonistica.[18]. In carriera ha totalizzato complessivamente 3 presenze in Serie A e 132 presenze e 20 reti in Serie B.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Il 27 novembre 2012 consegue il patentino di Allenatore di base - Uefa B - rilasciato dal Centro Tecnico Federale di Coverciano.[19]

Darfo Boario[modifica | modifica wikitesto]

Il 18 novembre 2013 firma il suo primo contratto da allenatore, con i camuni del Darfo Boario, con cui retrocede dalla Serie D all'Eccellenza al termine della stagione.[20]

Foggia[modifica | modifica wikitesto]

Il 1º luglio 2014 diventa allenatore di una squadra professionistica firmando il contratto che lo lega alla panchina del Foggia, squadra in cui ha militato da giocatore. De Zerbi esordisce alla guida del Foggia nel campionato di Lega Pro il 30 agosto 2014 battendo il Martina Franca per 3-2. Il 19 giugno 2015 firma un rinnovo triennale con il club rossonero.[21]

Il 14 aprile 2016 vince la Coppa Italia Lega Pro 2015-2016 battendo in finale il Cittadella per 4-1 all'andata e pareggiando 4-4 al ritorno.

Il Foggia di mister De Zerbi conclude la stagione regolare al secondo posto in classifica del girone C della Lega Pro con 65 punti, classificandosi per la disputa dei play-off come migliore seconda dei tre gironi, poi persi in finale contro il Pisa.

Predilige un'idea di gioco prettamente offensivo, basato sul possesso palla prolungato, non legata a sistemi di gioco fissi.

Al termine della stagione regolamentare 2015-2016, dopo aver perso la finale play-off per la Serie B e dopo aver avuto l'interessamento del Crotone in Serie A e dell'Ascoli in Serie B, prolunga il contratto con i "Satanelli" fino al 2019. Il 14 agosto però la società ufficializza il suo esonero a causa di divergenze di vedute[22] e il 2 settembre annuncia la risoluzione del contratto con lui e tutto il suo staff.

Palermo[modifica | modifica wikitesto]

In seguito alle dimissioni di Davide Ballardini, viene chiamato da Maurizio Zamparini a guidare il Palermo in Serie A, firmando un contratto biennale da 500.000 euro con un indennizzo dello stesso valore in caso di esonero.[23][24] Il debutto con i rosanero avviene il 10 settembre 2016, con la sconfitta in casa per 0-3 contro il Napoli[25], mentre l’unico successo in Serie A De Zerbi lo ottiene il 21 settembre 2016, nella trasferta contro l'Atalanta, vinta per 0-1.[26] Il 30 novembre, dopo la sconfitta in casa in Coppa Italia ai rigori contro lo Spezia e dopo 7 sconfitte consecutive in casa con record negativo nella storia del club in Serie A,[27] la società siciliana comunica l'esonero.[28]

Benevento[modifica | modifica wikitesto]

Il 23 ottobre 2017 viene nominato nuovo allenatore del Benevento in sostituzione di Marco Baroni.[29] Nonostante il buon impatto avuto sul gioco della squadra non riuscirà a salvare i sanniti dalla zona retrocessione: nella classifica finale il club si piazza all'ultimo posto con 21 punti. Al termine del campionato, nel mese di maggio del 2018, annuncia che non sarà il tecnico dei campani in Serie B per l'anno 2018-2019.[30]

Sassuolo[modifica | modifica wikitesto]

Nel mese successivo alla separazione dal Benevento, il 13 giugno viene ufficializzato come nuovo allenatore del Sassuolo, prendendo il posto del "non confermato" Beppe Iachini e sottoscrivendo un accordo fino al 30 giugno 2020.[31] Debutta sulla panchina neroverde il 19 agosto, battendo l'Inter 1-0.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
1998-gen. 1999 Italia Monza B 9 0 - - - - - - - - - 9 0
gen.-giu. 1999 Italia Padova C2 11 2 - - - - - - - - - 11 2
1999-gen. 2000 Italia Como C1 6 0 CI 1 0 - - - - - - 7 0
gen.-giu. 2000 Italia Padova C2 12 3 - - - - - - - - - 12 3
Totale Padova 23 5 - - 23 5
2000-2001 Italia Avellino C1 6 0 - - - - - - - - - 6 0
2001-gen. 2002 Italia Lecco C1 7 0 - - - - - - - - - 7 0
gen.-giu. 2002 Italia Foggia C2 11 3 - - - - - - - - - 11 3
2002-2003 C2 29 10 - - - - - - - - - 29 10
2003-2004 C1 16 5 - - - - - - - - - 16 5
Totale Foggia 56 18 - - 56 18
2004-2005 Italia Arezzo B 27 4 - - - - - - - - - 27 4
2005-2006 Italia Catania B 34 7 CI 1 0 - - - - - - 35 7
2006-2007 Italia Napoli B 30 3 CI 4 0 - - - - - - 34 3
2007-gen. 2008 A 3 0 CI 3 1 - - - - - - 6 1
gen.-giu. 2008 Italia Brescia B 17+2[32] 1 CI 0 0 - - - - - - 17+2 1
ago. 2008 Italia Napoli A 0 0 CI 0 0 Int+CU 1+1[33] 0 - - - 2 0
ago. 2008-2009 Italia Avellino B 15 5 CI 0 0 - - - - - - 15 5
Totale Avellino 21 5 - - 21 5
2009-feb. 2010 Italia Napoli A 0 0 CI 0 0 - - - - - - - -
Totale Napoli 33 3 7 1 2 0 - - 42 4
feb.-giu. 2010 Romania Cluj Liga I 4 0 CR 1 0 UEL 0 0 - - - 5 0
2010-2011 Liga I 8 5 CR 1 0 UCL 5 0 SR 0 0 14 5
2011-2012 Liga I 10 3 CR 1 0 - - - - - - 11 3
Totale Cluj 22 8 3 0 5 0 0 0 30 8
gen.-giu. 2013 Italia Trento D 10 3 CI-D 0 0 - - - - - - 10 3
Totale carriera 265+2 54 12 1 7 0 0 0 284+2 55

Statistiche da allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 12 novembre 2018.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale % Vittorie
Comp G V N P Comp G V N P Comp G V N P Comp G V N P G V N P %
nov. 2013-2014 Italia Darfo Boario D 22 5 5 12 CI-D - - - - - - - - - - - - - - 22 5 5 12 22,73
2014-2015 Italia Foggia LP 38 18 13 7 CI-LP 2 0 1 1 - - - - - - - - - - 40 18 14 8 45,00
2015-2016 LP 34+5[34] 19+3 8+1 7+1 CI+CI-LP 3+7 2+4 0+2 1+1 - - - - - - - - - - 49 28 11 10 57,14
lug.-ago. 2016 LP - - - - CI+CI-LP 2+0 1+0 0+0 1+0 - - - - - - - - - - 2 1 0 1 50,00
Totale Foggia 72+5 37+3 21+1 14+1 14 7 3 4 - - - - - - - - 91 47 25 19 51,65
set.-nov. 2016 Italia Palermo A 12 1 2 9 CI 1 0 1 0 - - - - - - - - - - 13 1 3 9 &&7,69
ott. 2017-2018 Italia Benevento A 29 6 3 20 CI - - - - - - - - - - - - - - 29 6 3 20 20,69
2018-2019 Italia Sassuolo A 12 5 4 3 CI 1 1 0 0 - - - - - - - - - - 13 6 4 3 46,15
Totale carriera 147+5 54+3 35+1 58+1 16 8 4 4 - - - - - - - - 168 65 40 63 38,69

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Foggia: 2002-2003
CFR Cluj: 2009-2010, 2011-2012
CFR Cluj: 2009-2010

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Foggia: 2015-2016

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Un po' della nostra storia Archiviato il 3 ottobre 2013 in Internet Archive. associazionisportive.comune.brescia.it
  2. ^ a b Giuliano Foschini, 'Io, il pupillo di Boban e Baggio', in La Repubblica, 17 settembre 2003, p. 17. URL consultato il 6 febbraio 2010.
  3. ^ Al Catania il bomber della B, in La Repubblica, 08 luglio 2005, p. 14 sezione:Palermo. URL consultato il 6 febbraio 2010.
  4. ^ Filippo Di Chiara, Nicola Binda, Il colpo è del Napoli: De Zerbi, in La Gazzetta dello Sport, 28 giugno 2006, p. 29. URL consultato il 6 febbraio 2010.
  5. ^ Coppa senza sorprese:Napoli e Genoa avanti, in La Gazzetta dello Sport, 15 agosto 2007. URL consultato il 6 febbraio 2010.
  6. ^ Calciomercato, ultime trattative Da Costa in viola, De Zerbi a Brescia, in La Repubblica, 29 gennaio 2008. URL consultato il 6 febbraio 2010.
  7. ^ Davide Chinellato, Estasi Lecce e AlbinoLeffe Da mercoledì si giocano la A, in La Gazzetta dello Sport, 08 giugno 2008. URL consultato il 6 febbraio 2010.
  8. ^ Quattro rinforzi la stella è De Zerbi, in La Repubblica, 02 settembre 2008, p. 15 sezione:Napoli. URL consultato il 6 febbraio 2010.
  9. ^ Claudio Lenzi, Brescia ed Empoli ok Retrocede l'Avellino, in La Gazzetta dello Sport, 23 maggio 2009. URL consultato il 6 febbraio 2010.
  10. ^ Luigi Zappella, De Zerbi è strepitoso Avellino ancora vivo, in La Gazzetta dello Sport, 05 aprile 2009, p. 22. URL consultato il 6 febbraio 2010.
  11. ^ In partenza Rullo, Amodio e De Zerbi, in La Gazzetta dello Sport, 14 gennaio 2010, p. 5. URL consultato il 6 febbraio 2010.
  12. ^ De Zerbi ha firmato: è Cluj, tuttomercatoweb.com, 8 febbraio 2010.
  13. ^ De Zerbi: "Se tutto andrà bene spero di rimanere al Cluj", tuttomercatoweb.com, 8 febbraio 2010.
  14. ^ (RO) Mandorlini: "Cred că s-a întors ghinionul de la Timişoara", in Gazeta Sporturilor, 24 aprile 2010. URL consultato il 25 aprile 2010.
  15. ^ Risoluzione contrattuale per De Zerbi, sscnapoli.it
  16. ^ Cluj, torna De Zerbi: "Finalmente la vera Champions!", in tuttomercatoweb.com], 1º settembre 2010. URL consultato l'11 settembre 2010.
  17. ^ Diana e De Zerbi al Trento, è fatta, gianlucadimarzio.com
  18. ^ ESCLUSIVA - R. DE ZERBI: "Lascio il calcio per fare l'allenatore. Catania momento più alto. Rimpianto Avellino" Archiviato il 1º settembre 2013 in Internet Archive. itasportpress.it
  19. ^ Comunicato Ufficiale settoretecnico.figc.it (PDF)
  20. ^ ULTIM'ORA FLASH/ Roberto De Zerbi nuovo allenatore del Darfo Boario [collegamento interrotto], su usdarfoboario.it. URL consultato il 18 novembre 2013.
  21. ^ UFFICIALE: Foggia, rinnovo per ds e mister Archiviato il 19 giugno 2015 in Internet Archive. tuttolegapro.com
  22. ^ Comunicato ufficiale Foggia Calcio, su foggiacalcio1920.it.
  23. ^ Palermo, via Ballardini arriva De Zerbi: biennale per l’ex Foggia, su serieanews.com.
  24. ^ Al Palermo arriva De Zerbi, per lui clausola anti-esonero, su corrieredelmezzogiorno.corriere.it.
  25. ^ Serie A, Palermo-Napoli 0-3: super Callejon, Hamsik stacca Maradona, su corrieredellosport.it. URL consultato il 22 settembre 2016.
  26. ^ Atalanta-Palermo 0-1: Nestorovski inguaia Gasperini, De Zerbi fa festa, su gazzetta.it. URL consultato il 22 settembre 2016.
  27. ^ Serie A: settima sconfitta consecutiva per il Palermo, la Lazio vince 1-0 - Tgcom24, in Tgcom24. URL consultato il 30 novembre 2016.
  28. ^ COMUNICATO DELLA SOCIETA', in U.S. Città di Palermo. URL consultato il 30 novembre 2016.
  29. ^ Sollevati dall'incarico Di Somma e Baroni. Squadra a De Zerbi, su beneventocalcio.club, 23 ottobre 2017.
  30. ^ Benevento, De Zerbi annuncia l'addio, su repubblica.it.
  31. ^ Roberto De Zerbi è il nuovo tecnico del Sassuolo, su sassuolocalcio.it.
  32. ^ Play-off.
  33. ^ Secondo turno preliminare.
  34. ^ Play-off

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]