Ciro Immobile

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ciro Immobile
20150616 - Portugal - Italie - Genève - Ciro Immobile (cropped).jpg
Immobile con la nazionale italiana nel 2015
Nazionalità Italia Italia
Altezza 185[1] cm
Peso 85[1] kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Attaccante
Squadra Lazio
Carriera
Giovanili
2002-2007 Sorrento
2007-2010 Juventus
Squadre di club1
2008-2010 Juventus 3 (0)
2010-2011 Siena 4 (1)
2011 Grosseto 16 (1)
2011-2012 Pescara 37 (28)
2012-2013 Genoa 33 (5)
2013-2014 Torino 33 (22)
2014-2015 Borussia Dortmund 24 (3)
2015-2016 Siviglia 8 (2)
2016 Torino 14 (5)
2016- Lazio 41 (29)
Nazionale
2009-2010 Italia Italia U-20 6 (0)
2009-2013 Italia Italia U-21 16 (8)
2014- Italia Italia 26 (7)
Palmarès
Gold medal mediterranean.svg Giochi del Mediterraneo
Argento Pescara 2009
Transparent.png Europei di calcio Under-21
Argento Israele 2013
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 20 settembre 2017

Ciro Immobile (Torre Annunziata, 20 febbraio 1990) è un calciatore italiano, attaccante della Lazio e della nazionale italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

È sposato con Jessica, da cui ha avuto due figlie.[2] Nel 2016 è divenuto presidente onorario del Savoia.[3]

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Centravanti moderno capace di spaziare su tutto il fronte d'attacco, i suoi principali punti di forza sono senso del gol, fisico possente, tecnica di base, dribbling nello stretto e tiro di prima intenzione, da ogni posizione e con entrambi i piedi.[4][5]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Sorrento e Juventus[modifica | modifica wikitesto]

Muove i primi passi nella scuola calcio Torre Annunziata '88, per poi trasferirsi nella società Maria Rosa e infine nel vivaio della Salernitana, dove tuttavia non riesce a emergere.[6] Approda pertanto nelle giovanili del Sorrento,[7] dove con la formazione Allievi nella stagione 2006-2007 realizza 30 reti, tra cui una doppietta ai pari età del Torino che impressiona gli osservatori della Juventus.[8]

Nel 2007, a 17 anni, viene quindi acquistato per 80 mila euro,[9] sotto consulenza di Ciro Ferrara,[10] proprio dal club bianconero per giocare con la formazione Primavera; il 23 febbraio 2009 contribuisce alla vittoria del Torneo di Viareggio, mettendo a segno una doppietta nella finale vinta contro la Sampdoria.[11] Debutta in Serie A il 14 marzo 2009 in Juventus-Bologna (4-1), subentrando nei minuti di recupero al posto di Alessandro Del Piero.[12] Il 25 novembre 2009 esordisce anche nella competizioni UEFA per club, subentrando al 23' della ripresa al posto di Del Piero in Bordeaux-Juventus (2-0), valevole per la fase a gironi della UEFA Champions League.[13]

Un giovane Immobile nel 2011, in una pausa d'allenamento alla Juventus.

Il 15 febbraio 2010 conquista nuovamente il Torneo di Viareggio, segnando una tripletta nella finale vinta contro l'Empoli (4-2).[14] È stato nominato miglior giocatore del torneo ricevendo il "Golden Boy"; ha anche ottenuto il titolo di capocannoniere della manifestazione con 10 reti. Nella partecipazione alle 2 edizioni ha eguagliato il record di 14 reti realizzato da Renzo Cappellaro.[15] Inoltre, realizzando 10 gol, ha battuto il record di maggiori reti realizzate in una singola edizione del torneo.

Siena e Grosseto[modifica | modifica wikitesto]

Il 1º luglio 2010 passa in prestito al Siena insieme a Luca Marrone.[16] Debutta con i toscani il 13 agosto 2010 in Siena-Ternana (2-0), valevole per il secondo turno di Coppa Italia, subentrando al 31' della ripresa al posto di Emanuele Calaiò.[17] Esordisce in campionato alla quarta giornata contro il Cittadella (3-1 per i toscani),[18] subentrando al 55' al posto di Calaiò.[19] Segna la sua prima rete tra i professionisti il 27 ottobre 2010 contro il Lecce (sconfitta per 3-2), nell'incontro valido per il terzo turno di Coppa Italia, superando l'estremo difensore avversario con un piatto destro.[20] La prima rete in campionato arriva il 20 novembre contro il Portogruaro.[21]

Tra i toscani non riesce a trovare spazio,[22] così il 25 gennaio 2011 passa in prestito al Grosseto.[23] Esordisce con i biancorossi quattro giorni dopo nella trasferta vinta contro il Vicenza (0-1 il finale), sostituendo Ferdinando Sforzini al 64'.[24] Segna la sua prima e unica rete con i maremmani il 18 febbraio nel derby contro l'Empoli.[25]

Pescara[modifica | modifica wikitesto]

Il 17 agosto 2011 viene ceduto in prestito al Pescara, in Serie B.[26] Segna la sua prima rete con gli abruzzesi alla prima giornata di campionato contro il Verona (vittoria per 1-2).[27]

Il 30 gennaio 2012, la Juventus cede metà del cartellino al Genoa per 4 milioni di euro,[28] lasciando il giocatore in prestito in Abruzzo fino al termine della stagione.

Grazie alle 28 reti realizzate nell'annata 2011-2012 si laurea capocannoniere[29] e diventa il giocatore nella storia del Pescara ad aver segnato più goal in una sola stagione (superando le 21 reti realizzate da Stefano Rebonato nel campionato di Serie B 1986-1987);[30] contribuisce inoltre al ritorno in Serie A dei biancazzurri dopo 20 anni di assenza.[31]

Il 18 giugno 2012 la compartecipazione tra Genoa e Juventus viene rinnovata con diritti sportivi in favore dei rossoblù.[32]

Genoa e Torino[modifica | modifica wikitesto]

Immobile al Torino nel 2014

Debutta con la squadra ligure il 18 agosto 2012 nella partita valida per il terzo turno di Coppa Italia persa ai rigori contro il Verona, subentrando al 31' della ripresa al posto di Davide Biondini.[33] Esordisce in Serie A il 26 agosto 2012 contro il Cagliari (vittoria per 2-0), siglando, a 5' dal termine, la sua prima rete in massima serie.[34] Conclude la stagione con 34 presenze e 5 gol segnati in totale.

Il 12 luglio 2013, la Juventus risolve a proprio favore la compartecipazione con il Genoa[35] e nello stesso giorno cede la metà del cartellino di Immobile al Torino.

Con 22 reti in 33 presenze, è capocannoniere della Serie A 2013-2014: è il tredicesimo calciatore ad aver vinto la classifica marcatori sia in Serie A che in Serie B.

Il 18 giugno 2014, il Torino riscatta dalla Juventus, per 8 milioni di euro, l'intero cartellino del giocatore.[36]

Borussia Dortmund[modifica | modifica wikitesto]

Il 2 giugno 2014 viene formalizzato il passaggio del giocatore al club tedesco del Borussia Dortmund[37] per 19,4 milioni di euro;[38] Esordisce con la nuova squadra il 13 agosto seguente, nella Supercoppa di Germania contro il Bayern Monaco, vinta 2-0 dalla formazione giallonera.[39]

Immobile nel 2014, in azione con la maglia del Borussia Dortmund.

Debutta in campionato il 23 dello stesso mese, nella partita persa in casa per 0-2 contro il Bayer Leverkusen.[40] Il 16 settembre, all'esordio in Champions League, segna il suo primo gol con la maglia del Borussia nella vittoria per 2-0 contro l'Arsenal.[41] Il 27 settembre evita la sconfitta ai gialloneri realizzando all'86' la rete, la prima per lui in Bundesliga, del definitivo 2-2 contro lo Stoccarda.[42] Il 28 ottobre mette invece a referto la sua prima marcatura in Coppa di Germania nella trasferta vinta 3-0 sul campo del St. Pauli, fornendo anche l'assist per il gol di Reus.[43]

Il 3 marzo 2015, sempre in Coppa di Germania, mette a segno la sua prima doppietta con la maglia del Borussia nella vittoria in trasferta per 2-0 contro la Dinamo Dresda; questa vittoria qualifica i gialloneri ai quarti.[44] Immobile conclude la sua prima stagione in Germania totalizzando 10 reti tra campionato e coppe, di cui sole 3 in Bundesliga dove spesso parte dalla panchina; ben diverso è il rendimento in Champions dove l'attaccante realizza 4 gol in 6 partite con il Borussia,[45] eliminato agli ottavi dalla Juventus.

Siviglia e ritorno a Torino[modifica | modifica wikitesto]

Dopo una stagione in terra tedesca con più ombre che luci, dettata anche da problemi ambientali,[46][47] il 12 luglio 2015, il Borussia Dortmund lo cede in prestito con obbligo di riscatto agli spagnoli del Siviglia.[48] Debutta con gli andalusi l'11 agosto seguente, nella Supercoppa UEFA persa 5-4 ai supplementari contro il Barcellona, subentrando nel secondo tempo e fornendo a Konopljanka l'assist del momentaneo 4-4.[49] Segna il suo primo gol con la nuova maglia l'8 novembre seguente, nella Liga, mettendo nell'occasione fine a un digiuno di gol lungo otto mesi, nella vittoria per 3-2 contro il Real Madrid.[50]

Immobile al Siviglia nell'agosto del 2015, nel prepartita della Supercoppa UEFA.

Tuttavia, neanche in Spagna l'attaccante riesce a esprimersi su livelli soddisfacenti,[51] sicché il 14 gennaio 2016 chiude la sua esperienza a Siviglia e, contestualmente, viene ceduto in prestito al club dov'era salito alla ribalta diciotto mesi prima, il Torino.[52] Il 16 gennaio 2016 torna al gol al suo secondo esordio in maglia granata, aprendo le marcature su rigore nella sfida vinta 4-2 sul Frosinone.[53] In seguito realizza due doppiette contro Palermo (1-3)[54] e Genoa (persa 3-2).[55]

Lazio[modifica | modifica wikitesto]

Il 27 luglio 2016 il Siviglia comunica di aver ceduto il giocatore, a titolo definitivo, alla Lazio.[56][57] Il 21 agosto successivo, oltre ad esordire con la squadra biancoceleste, realizza il suo primo gol aprendo le marcature nella partita vinta, per 3-4, contro l'Atalanta. Il 1º ottobre 2016 arriva la prima doppietta in occasione della trasferta vinta, per 3-0, contro l'Udinese.[58] Il 1º marzo 2017 mette a segno la sua prima rete in un derby di Roma in occasione della semifinale di Coppa Italia vinta 2-0;[59] nella finale del 17 maggio, la sua squadra viene superata per 2-0 dalla Juventus.[60] Immobile conclude la stagione con 23 reti in campionato – che gli consentono di superare il record personale in Serie A stabilito nelle file del Torino – e 26 in totale, affermandosi come il marcatore stagionale più prolifico dell'era Lotito.[61]

Il 13 agosto 2017, all'inizio della sua seconda stagione in maglia biancoceleste, mette a segno una doppietta contro la Juventus nella partita valida per l'assegnazione della Supercoppa italiana 2017, contribuendo alla vittoria sui bianconeri per 2-3.[62] Il 10 settembre successivo mette a segno la sua prima tripletta con la maglia della Lazio in occasione della vittoria casalinga contro il Milan, battuto 4-1.[63] Quattro giorni più tardi sigla la sua prima rete in campo internazionale con indosso la casacca biancoceleste in occasione della trasferta vittoriosa, per 2-3, contro gli olandesi del Vitesse.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Giovanili[modifica | modifica wikitesto]

Il 25 marzo 2009 esordisce con la nazionale Under-21 diretta dal CT Pierluigi Casiraghi, nella partita amichevole Austria-Italia (2-2) giocata a Vienna.[64] Nello stesso anno entra anche nella nazionale Under-20 di Francesco Rocca, con la quale partecipa ai Giochi del Mediterraneo 2009 di Pescara.

Torna in Under-21 a 3 anni dall'esordio, il 25 aprile 2012, realizzando il suo primo gol con la maglia degli azzurrini nella partita amichevole vinta 4-1 contro la Scozia. Con l'Under-21 guidata da Devis Mangia partecipa all'Europeo Under-21 2013 in Israele, dove realizza un gol nella finale persa 4-2 contro la Spagna.

Maggiore[modifica | modifica wikitesto]

Immobile in nazionale nel 2015, insieme al lusitano Ricardo Quaresma.

Il 2 marzo 2014 ottiene la prima convocazione con la nazionale maggiore da parte del CT Cesare Prandelli.[65][66] Esordisce in nazionale il 5 marzo 2014, a 24 anni, nella partita amichevole Spagna-Italia (1-0), disputata a Madrid.[67] Le ottime prestazioni offerte alla sua prima stagione nel Torino, con la conseguente vittoria della classifica marcatori in Serie A, lo portarono a esser convocato per il Mondiale 2014.[68][69] Dopo l'esordio da subentrante nella vittoria per 2-1 contro l'Inghilterra,[70] gioca da titolare l'ultima partita della fase a gironi contro l'Uruguay, che determina l'eliminazione dell'Italia.[71]

Il 4 settembre successivo mette a segno il suo primo gol in nazionale, nella prima gara del CT Antonio Conte, aprendo le marcature nell'amichevole vinta 2-0 sui Paesi Bassi disputata a Bari.[72] Nelle prime partite di qualificazione a Euro 2016 viene promosso titolare nella coppia d'attacco insieme con Simone Zaza; i due verranno poi scavalcati nelle gerarchie da Éder e Graziano Pellè.[73] Immobile viene comunque convocato da Conte per l'Europeo 2016, in cui ottiene due presenze, entrambe nella fase a gironi.[74][75]

Confermato nel gruppo azzurro dal nuovo CT Giampiero Ventura, suo allenatore ai tempi del Torino, il 9 ottobre 2016, durante il match di qualificazione al Mondiale di Russia 2018 giocato a Skopje contro la Macedonia, realizza la sua prima doppietta in maglia azzurra, che consente all'Italia di vincere in rimonta per 3-2.[76]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 20 settembre 2017.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2008-2009 Italia Juventus A 1 0 CI 0 0 UCL 0 0 - - - 1 0
2009-2010 A 2 0 CI 1 0 UCL 1 0 - - - 4 0
Totale Juventus 3 0 1 0 1 0 - - 5 0
2010-gen. 2011 Italia Siena B 4 1 CI 2 1 - - - - - - 6 2
gen.-giu. 2011 Italia Grosseto B 16 1 CI - - - - - - - - 16 1
2011-2012 Italia Pescara B 37 28 CI 0 0 - - - - - - 37 28
2012-2013 Italia Genoa A 33 5 CI 1 0 - - - - - - 34 5
2013-2014 Italia Torino A 33 22 CI 1 1 - - - - - - 34 23
2014-2015 Germania Borussia Dortmund BL 24 3 CG 3 3 UCL 6 4 SG 1 0 34 10
2015-gen. 2016 Spagna Siviglia PD 8 2 CR 3 2 UCL 3 0 SU 1 0 15 4
gen.-giu. 2016 Italia Torino A 14 5 CI - - - - - - - - 14 5
Totale Torino 47 27 1 1 - - - - 48 28
2016-2017 Italia Lazio A 36 23 CI 5 3 - - - - - - 41 26
2017-2018 A 5 6 CI 0 0 UEL 1 1 SI 1 2 7 9
Totale Lazio 41 29 5 3 1 1 1 2 48 35
Totale carriera 213 96 16 10 11 5 3 2 243 113

Cronologia presenze e reti in nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Italia
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
5-3-2014 Madrid Spagna Spagna 1 – 0 Italia Italia Amichevole - Ingresso al 69’ 69’
31-5-2014 Londra Italia Italia 0 – 0 Irlanda Irlanda Amichevole - Uscita al 56’ 56’
14-6-2014 Manaus Inghilterra Inghilterra 1 – 2 Italia Italia Mondiali 2014 - 1º turno - Ingresso al 73’ 73’
24-6-2014 Natal Italia Italia 0 – 1 Uruguay Uruguay Mondiali 2014 - 1º turno - Uscita al 71’ 71’
4-9-2014 Bari Italia Italia 2 – 0 Paesi Bassi Paesi Bassi Amichevole 1 Uscita al 77’ 77’
9-9-2014 Oslo Norvegia Norvegia 0 – 2 Italia Italia Qual. Euro 2016 -
10-10-2014 Palermo Italia Italia 2 – 1 Azerbaigian Azerbaigian Qual. Euro 2016 -
13-10-2014 Ta' Qali Malta Malta 0 – 1 Italia Italia Qual. Euro 2016 - Uscita al 65’ 65’
16-11-2014 Milano Italia Italia 1 – 1 Croazia Croazia Qual. Euro 2016 - Ammonizione al 47’ 47’, Uscita al 52’ 52’
28-3-2015 Sofia Bulgaria Bulgaria 2 – 2 Italia Italia Qual. Euro 2016 - Ammonizione al 83’ 83’
31-3-2015 Torino Italia Italia 1 – 1 Inghilterra Inghilterra Amichevole - Ingresso al 61’ 61’
16-6-2015 Ginevra Italia Italia 0 – 1 Portogallo Portogallo Amichevole - Uscita al 73’ 73’
6-6-2016 Verona Italia Italia 2 – 0 Finlandia Finlandia Amichevole -
13-6-2016 Lione Belgio Belgio 0 – 2 Italia Italia Euro 2016 - 1º turno - Ingresso al 75’ 75’
22-6-2016 Lilla Italia Italia 0 – 1 Irlanda Irlanda Euro 2016 - 1º turno - Uscita al 74’ 74’
5-9-2016 Haifa Israele Israele 1 – 3 Italia Italia Qual. Mondiali 2018 1 Ingresso al 70’ 70’
6-10-2016 Torino Italia Italia 1 – 1 Spagna Spagna Qual. Mondiali 2018 - Ingresso al 60’ 60’
9-10-2016 Skopje Macedonia Macedonia 2 – 3 Italia Italia Qual. Mondiali 2018 2
12-11-2016 Vaduz Liechtenstein Liechtenstein 0 – 4 Italia Italia Qual. Mondiali 2018 1 Uscita al 81’ 81’
15-11-2016 Milano Italia Italia 0 – 0 Germania Germania Amichevole - Uscita al 89’ 89’
24-3-2017 Palermo Italia Italia 2 – 0 Albania Albania Qual. Mondiali 2018 1
28-3-2017 Amsterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 1 – 2 Italia Italia Amichevole - Uscita al 53’ 53’
7-6-2017 Nizza Italia Italia 3 – 0 Uruguay Uruguay Amichevole - Ammonizione al 40’ 40’, Uscita al 82’ 82’
11-6-2017 Udine Italia Italia 5 – 0 Liechtenstein Liechtenstein Qual. Mondiali 2018 - Uscita al 67’ 67’
2-9-2017 Madrid Spagna Spagna 3 – 0 Italia Italia Qual. Mondiali 2018 - Uscita al 78’ 78’
5-9-2017 Reggio nell'Emilia Italia Italia 1 – 0 Israele Israele Qual. Mondiali 2018 1 Ammonizione al 86’ 86’
Totale Presenze 26 Reti 7

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni giovanili[modifica | modifica wikitesto]

Juventus: 2009, 2010

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Pescara: 2011-2012
Borussia Dortmund: 2014
Lazio: 2017

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

2010 (10 gol)
2010
2011-2012 (28 gol)
Miglior giovane della Serie B: 2012
Squadra dell'anno: 2014
2013-2014 (22 gol)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Ciro Immobile, sslazio.it. URL consultato il 24 ottobre 2016.
  2. ^ Ciro Immobile e Jessica Melena sono genitori bis: è nata la loro seconda figlia Giorgia, oggi.it, 29 giugno 2015.
  3. ^ Bomber Immobile presidente onorario del Savoia, cronacaqui.it, 11 luglio 2016. URL consultato il 24 luglio 2016.
  4. ^ Ciro Immobile dalla Juventus al Pescara per imporsi con Zeman, torinotoday.it, 31 agosto 2011. URL consultato il 21 giugno 2014.
  5. ^ Generazione di Fenomeni - Ciro Immobile, l'ultimo goleador esploso con Zeman, goal.com, 18 gennaio 2012. URL consultato il 21 giugno 2014.
  6. ^ Da guardalinee a bomber, ecco la storia di Ciro Immobile, resport.it, 16 febbraio 2010. URL consultato l'8 novembre 2014 (archiviato dall'url originale l'8 novembre 2014).
  7. ^ Immobile a CM: 'Zeman gioca come piace a me', calciomercato.com, 13 settembre 2011. URL consultato il 21 giugno 2014.
  8. ^ Esclusiva spaziojuve: un giorno con Ciro Immobile, spaziomilan.it, 29 giugno 2011. URL consultato il 21 giugno 2014.
  9. ^ Quando l'Inter scartò Immobile per Balotelli..., sport.panorama.it, 26 marzo 2014. URL consultato il 9 giugno 2014.
  10. ^ Danilo Pagni: "Ecco come la Juve soffiò Immobile all'Inter", tuttomercatoweb.com, 15 maggio 2012. URL consultato il 21 giugno 2014.
  11. ^ Juventus 4-1 Sampdoria, offsidepisa.com, 23 febbraio 2009. URL consultato il 9 giugno 2014.
  12. ^ Juve - Bologna 4-1: Giovinco scatenato, nella ripresa bianconeri travolgenti, calcioblog.it, 14 marzo 2009. URL consultato il 9 giugno 2014.
  13. ^ Bordeaux–Juventus 2-0, sportlive.it, 26 novembre 2009. URL consultato il 9 giugno 2014.
  14. ^ Viareggio Cup: i bianconeri si aggiudicano il trofeo dominando l'Empoli, archivio.lastampa.it, 16 febbraio 2010. URL consultato il 2 febbraio 2015 (archiviato dall'url originale il 9 luglio 2012).
  15. ^ Pescara, ai piedi del Re Ciro. La stagione della consacrazione per Immobile, seriebnews.com, 7 marzo 2012. URL consultato il 9 giugno 2014.
  16. ^ Ufficiale: Scambio Juventus-Siena, Immobile e Marrone in Toscana, tuttomercatoweb.com, 1º luglio 2010. URL consultato il 2 febbraio 2015.
  17. ^ Coppa Italia, Siena-Ternana 2-0: ai bianconeri l'anticipo del secondo turno, Conte ha ritrovato un Reginaldo devastante, goal.com, 13 agosto 2010. URL consultato il 24 aprile 2014.
  18. ^ Siena 3-1 Cittadella, legaserieb.it, 12 settembre 2010. URL consultato il 21 giugno 2014.
  19. ^ Siena-Cittadella 3-1, tutto facile per i bianconeri, tuttoreggina.com, 11 settembre 2010. URL consultato il 21 giugno 2014.
  20. ^ Lecce-Siena 3-2, fedelissimoonline.it, 27 ottobre 2010. URL consultato il 21 giugno 2014.
  21. ^ Portogruaro 1-4 Siena, legaserieb.it, 20 novembre 2010. URL consultato il 21 giugno 2014.
  22. ^ Immobile via da Siena: tre pretendenti, tuttomercatoweb.com, 17 novembre 2010. URL consultato il 2 febbraio 2015.
  23. ^ Ufficiale: Grosseto, arriva Immobile, tuttomercatoweb.com, 25 gennaio 2011. URL consultato il 23 aprile 2014.
  24. ^ Vicenza 0-1 Grosseto, legaserieb.it, 29 gennaio 2011. URL consultato il 21 giugno 2014.
  25. ^ Grosseto 2-1 Empoli, legaserieb.it, 18 febbraio 2011. URL consultato il 21 giugno 2014.
  26. ^ Speciale Calciomercato: Immobile in biancazzurro, pescaracalcio.com, 17 agosto 2011. URL consultato il 20 aprile 2014 (archiviato dall'url originale il 4 gennaio 2014).
  27. ^ Hellas Verona 1-2 Pescara, legaserieb.it, 26 agosto 2011. URL consultato il 9 giugno 2014.
  28. ^ Accordo con la società Genoa C.F.C. relativo al calciatore Ciro Immobile, juventus.com, 30 gennaio 2012. URL consultato il 19 aprile 2014.
  29. ^ Serie B 2011-2012: la classifica marcatori finale, sport.notizie.it, 27 maggio 2012. URL consultato il 19 aprile 2014.
  30. ^ Immobile nella storia del Pescara, superato il record di Rebonato, resport.it, 7 marzo 2012. URL consultato il 19 aprile 2014.
  31. ^ Il Pescara torna in Serie A: dopo Foggia, è di nuovo Zemanlandia, ilfattoquotidiano.it, 20 maggio 2012. URL consultato il 2 febbraio 2015.
  32. ^ Partecipazioni (PDF), legaseriea.it, 18 giugno 2012. URL consultato l'8 novembre 2014 (archiviato dall'url originale il 26 giugno 2013).
  33. ^ Hellas Verona di rigore, eliminato il Genoa, hellasverona.it, 18 agosto 2012. URL consultato il 2 febbraio 2015.
  34. ^ Genoa 2-0 Cagliari, legaseriea.it, 26 agosto 2012. URL consultato il 19 aprile 2014.
  35. ^ Ciro Immobile ceduto al Torino, juventus.com, 12 luglio 2013. URL consultato il 4 gennaio 2014.
  36. ^ Accordo con il Torino FC per la risoluzione della compartecipazione del calciatore Ciro Immobile (PDF), juventus.com, 18 giugno 2014. URL consultato il 7 dicembre 2014.
  37. ^ (DE) Ciro Immobile wechselt zum BVB, bvb.de, 2 giugno 2014. URL consultato il 9 giugno 2014.
  38. ^ Nazionale, Immobile ha firmato con il Borussia Dortmund, gazzetta.it, 2 giugno 2014. URL consultato il 7 febbraio 2016.
  39. ^ Supercoppa tedesca al Borussia Dortmund: 2-0 al Bayern, gazzetta.it, 13 agosto 2014. URL consultato il 7 dicembre 2014.
  40. ^ Bundesliga, esordio amaro per Immobile: Borussia Dortmund ko in casa con il Leverkusen, lapresse.it, 23 agosto 2014. URL consultato l'8 novembre 2014.
  41. ^ Champions, gruppo D: Dortmund-Arsenal 2-0, Galatasaray-Anderlecht 1-1, gazzetta.it, 16 settembre 2014. URL consultato il 7 dicembre 2014.
  42. ^ Bundesliga, Dortmund-Stoccarda 2-2: Immobile salva il Borussia all'86', gazzetta.it, 24 settembre 2014. URL consultato il 7 dicembre 2014.
  43. ^ Balotelli salva il Liverpool. E sui tabloid torna Super Mario, gazzetta.it, 28 settembre 2014. URL consultato l'8 novembre 2014.
  44. ^ Il Dortmund si gode Immobile, ma è ansia per l'infortunio di Reus, gazzetta.it, 3 marzo 2015. URL consultato il 4 marzo 2015.
  45. ^ Borussia Dortmund, Immobile che carattere: Erdmann lo insulta, ma la risposta è da leader, calciomercato.com, 11 marzo 2015. URL consultato il 28 maggio 2015.
  46. ^ Siviglia, Immobile: "Al Borussia non parlavo con nessuno, sono pronto a rilanciarmi, repubblica.it, 18 luglio 2015.
  47. ^ Germania, la 'Bild' contro Immobile: "Uno dei più grandi errori del Borussia", repubblica.it, 13 agosto 2015.
  48. ^ Ufficiale: Immobile al Siviglia. Parte la nuova vita di Ciro, gazzetta.it, 12 luglio 2015. URL consultato il 12 luglio 2015.
  49. ^ Ivan Palumbo, Supercoppa europea al Barcellona: 5-4 al Siviglia, ai supplementari gol di Pedro, gazzetta.it, 11 agosto 2015.
  50. ^ Adriano Seu, Immobile, primo gol nella Liga. E il Siviglia stende il Real Madrid, gazzetta.it, 8 novembre 2015.
  51. ^ Il Siviglia scarica Immobile, torna in Italia?, ilsole24ore.com, 24 dicembre 2015.
  52. ^ Bentornato Ciro!, torinofc.it, 14 gennaio 2016. URL consultato il 7 febbraio 2016.
  53. ^ Torino 4-2 Frosinone, it.soccerway.com, 16 gennaio 2016.
  54. ^ Palermo 1-3 Torino, it.soccerway.com, 14 febbraio 2016.
  55. ^ Genoa 3-2 Torino, it.soccerway.com, 13 marzo 2016.
  56. ^ (ES) Ciro Immobile, traspasado a la SS Lazio, sevillafc.es, 27 lugio 2016. URL consultato il 27 luglio 2016.
  57. ^ Benvenuto Ciro, sslazio.it. URL consultato il 28 luglio 2016.
  58. ^ #UdineseLazio Post partita, Immobile: "Quando giochiamo così facciamo paura a tutti", sslazio.it, 1º ottobre 2016. URL consultato il 2 ottobre 2016.
  59. ^ Enrico Turcato, Milinković-Immobile: la Lazio surclassa la Roma, 2-0 nel match d'andata, it.eurosport.com, 1º marzo 2017. URL consultato il 1º marzo 2017.
  60. ^ Juventus Lazio 2-0, Coppa Italia ai bianconeri, ansa.it, 17 maggio 2017. URL consultato il 17 maggio 2017.
  61. ^ Tommaso Rocchi e Goran Pandev si erano fermati a 19 reti, cfr. Giulio Cardone e Stefano Fiori, Immobile, un gol da record: "Ora il derby, siamo pronti". E Inzaghi rimprovera Felipe, in la Repubblica, 2 aprile 2017.
  62. ^ Jacopo Gerna, Juventus-Lazio 2-3: Murgia al 94' decide la Supercoppa, gazzetta.it, 13 agosto 2017. URL consultato il 13 agosto 2017.
  63. ^ Nicola Berardino, Lazio-Milan 4-1: Immobile tripletta, Luis Alberto e Montolivo in gol, La Gazzetta dello Sport, 10 settembre 2017. URL consultato l'11 settembre 2017.
  64. ^ Ariaudo, poi Paloschi - Quest'Italia sa lottare, in La Gazzetta dello Sport, 26 marzo 2009. URL consultato il 24 dicembre 2013.
  65. ^ (EN) Paletta and Immobile Get Surprise Italy Call-ups, soccerly.com, 3 marzo 2014. URL consultato il 2 febbraio 2015.
  66. ^ Amichevole con la Spagna: prima convocazione per Immobile e Paletta, figc.it, 2 marzo 2014. URL consultato il 2 febbraio 2015.
  67. ^ Spagna-Italia 1-0: gol di Pedro nella ripresa. Ottimo l'esordio di Paletta, gazzetta.it, 5 marzo 2014. URL consultato il 6 settembre 2016.
  68. ^ Prandelli: "Italia da finale. Totti? Ci avevo pensato, Immobile come Pablito", gazzetta.it, 16 maggio 2014. URL consultato il 6 settembre 2016.
  69. ^ Brasile 2014, Immobile: "Voglio il Borussia". Toro e Juve ci pensano, gazzetta.it, 21 maggio 2014. URL consultato il 6 settembre 2016.
  70. ^ Inghilterra-Italia 1-2: gol di Marchisio, Sturridge e Balotelli, gazzetta.it, 15 giugno 2014. URL consultato il 6 settembre 2016.
  71. ^ Mondiali, Italia-Uruguay 0-1: gol decisivo di Godin, espulso Marchisio, gazzetta.it, 24 giugno 2014. URL consultato il 6 settembre 2016.
  72. ^ Nazionale, Italia-Olanda 2-0. Gol di Immobile e De Rossi su rigore, gazzetta.it, 4 settembre 2014. URL consultato l'8 novembre 2014.
  73. ^ Conte stravolge l'attacco: Eder-Pellè contro l'Inghilterra, sport.sky.it, 31 marzo 2015. URL consultato il 6 settembre 2016.
  74. ^ Euro 2016, Belgio-Italia 0-2: Giaccherini e Pellè, gol, Conte in testa al girone, gazzetta.it, 13 giugno 2016. URL consultato il 6 settembre 2016.
  75. ^ Euro 2016, Italia-Irlanda 0-1: decide Brady, anche i verdi agli ottavi, gazzetta.it, 22 giugno 2016. URL consultato il 6 settembre 2016.
  76. ^ Immobile salva la faccia dell'Italia al 93'. Gli azzurri vincono 3-2 con la Macedonia, sport.ilmessaggero.it, 9 ottobre 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]