Giovanni Pisano (calciatore)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Giovanni Pisano
Giovanni Pisano - Salernitana Sport 1995-96.jpg
Pisano capitano della Salernitana nel 1995
Nazionalità Italia Italia
Altezza 180 cm
Peso 75 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex attaccante)
Squadra Anzio
Ritirato 2010 - giocatore
Carriera
Giovanili
19??-19?? Siracusa
Squadre di club1
1984-1985 Siracusa 0 (0)
1985-1986 Modica 28 (3)
1986-1987 Vittoria ? (0)
1987-1989 Rosso e Blu.svg Niscemi 57 (28)
1989-1991 Enna 54 (24)
1991-1992 Leonzio 35 (12)
1992-1993 Foggia 1 (0)
1992-1997 Salernitana 122 (60)
1997 Genoa 28 (15)
1997-1999 Pescara 54 (15)
1999-2001 Cosenza 49 (12)
2001-2003 Spezia 56 (32)
2003-2004 Vittoria 30 (14)
2004-2006 Siracusa 29 (16)[1]
2006 Vittoria 14 (1)[1]
2006-2007 Budoni 18 (6)
2007-2008 600px solid HEX-2385C6.svg Belvedere 27 (17)[1]
2008-2009 Palazzolo 9 (3)
2009 600px Giallo e Blu.svg Biancavilla 32 (6)[senza fonte]
2009-2010 Rosso e blu (strisce) 2.svg Real Avola 22 (4)[senza fonte]
Carriera da allenatore
2013-2014SalernitanaAllievi Naz.
2014-2015Balotești[2]
2015Caransebeş[3]
2016Modica[4]
2017Lusitano
2017-2018Isola Capo Rizzuto
2018-Anzio
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 19 settembre 2018

Giovanni Pisano (Siracusa, 5 ottobre 1968) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo attaccante, tecnico dell'Anzio.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Giocava come attaccante e ha segnato 165 gol nei campionati professionistici.[5]

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Il suo modulo preferito è il 4-3-3.[6]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Dopo una prima parte di carriera disputata interamente nelle file di compagini minori siciliane, fra le quali l'Enna (con cui conquista una promozione in Serie C2)[5] e la Leonzio (che militava anch'essa in Serie C2), dove si mette in luce come buon realizzatore, viene prelevato nell'estate 1992 dal Foggia allora allenato da Zdeněk Zeman.[5] Nella squadra foggiana disputa una sola partita in serie A (Brescia-Foggia 4-1 del 4 ottobre 1992) per poi venire ceduto alla Salernitana nel mercato autunnale.[5]

Fra i granata Pisano debutta l'8 novembre 1992 contro il Palermo segnando una doppietta.[7]. con i granata disputa cinque stagioni, due in Serie C1 e tre in Serie B, sfiorando la promozione nella massima serie per due volte e conquistando il titolo di capocannoniere con 21 gol nella stagione 1994-1995.[8] Per tre anni ha indossato anche la fascia di capitano.[9]

Nella stagione 1995-1996 fu colpito da un infortunio che non gli permise di giocare per più della metà dell'intera stagione.[10] Il suo ritorno sul campo avvenne nel derby Salernitana-Avellino del 21 gennaio 1996 terminato 0-0.[10] In quest'annata Pisano realizzò 8 gol in 14 incontri, i quali non bastarono alla Salernitana per il salto di categoria: la squadra chiuse infatti l'anno nuovamente al 5º posto in classifica sfiorando per la seconda volta consecutiva la promozione in Serie A.

Iniziò la stagione 1996-1997 ancora con la Salernitana, mentre a novembre lasciò Salerno venendo rilevato a gennaio dal Genoa.[5] Con 63 gol segnati nei tornei ufficiali del club (60 in campionato, 1 in Coppa Italia e 2 in Coppa Italia serie C) detiene il record di gol nei tornei ufficiali della Salernitana.[11] Anche con il Genoa in questa stagione fallisce la promozione di un soffio. Esito analogo avrà la stagione 1998-99, che Pisano disputa nelle file del Pescara con cui realizza 8 gol in 32 partite.[5]

Fra i cadetti disputa infine due anni (dall'ottobre del 1999 al 2001) con il Cosenza allenato da Bortolo Mutti, per poi scendere di categoria con lo Spezia, con cui realizza 32 reti in due campionati di Serie C1.[5] Nel 2004 passa al Vittoria che lascerà per giocare nel Siracusa per ritornarvi a militare dal gennaio 2006.[1][5] Nella stagione 2007-2008 si aggrega alla squadra di Promozione del Belvedere, raggiungendo i play-off. A gennaio del 2009 gioca con il Biancavilla, squadra che milita nel girone B di Eccellenza, mentre nella stagione 2009-2010 disputa il campionato di Promozione nelle file del Real Avola dove realizza una rete alla prima di campionato.[senza fonte]

Ha totalizzato in carriera 165 reti nei campionati professionistici, di cui 72 in Serie B.[5] In Serie A vanta la sola presenza col Foggia nella stagione 1992-1993.[5]

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Nell'ottobre 2010 entra a far parte dello staff tecnico dello Spezia in qualità di osservatore.[12] Per la stagione 2013-2014 viene ingaggiato dalla Salernitana come allenatore degli Allievi Nazionali[13], lasciando poi a stagione finita.[14] Nel novembre del 2014 diventa allenatore ufficiale del CS Balotesti, squadra rumena di Serie B.[6] L'anno successivo rimane in Romania, diventando il nuovo allenatore del FC Caransebes. Nel gennaio 2016 viene contattato dal Modica calcio, accettando la proposta del club siciliano militante in Eccellenza, ma si dimette dopo qualche settimana non avendo ricevuto giuste garanzie dalla società. Nel dicembre 2017 diviene l’allenatore dell’Isola Capo Rizzuto, società calabrese militante in Serie D. Ad agosto 2018 firma per l'Anzio in Serie D, viene pero sollevato dall'incarico dopo un mese e richiamato in panchina ad inizio ottobre.[15] Il 13 novembre viene nuovamente sollevato dall'incarico.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Enna: 1989-1990 (girone N)

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

1994-1995 (21 gol)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Rota, p.187
  2. ^ Pisano nuovo allenatore del Balotesti, www.facebook.com. URL consultato il 14 maggio 2015.
  3. ^ Pisano nuovo allenatore del Caransebes, www.facebook.com. URL consultato il 14 maggio 2015.
  4. ^ Pisano nuovo allenatore del Modica, www.corrierediragusa.it. URL consultato il 14 maggio 2015.
  5. ^ a b c d e f g h i j Pisano Giovanni, legaserieb.it. URL consultato il 14 maggio 2015 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2015).
  6. ^ a b Pisano in esclusiva: "Vi racconto il mio Balotesti da corsa", su alfredopedulla.com, 12 novembre 2014 (archiviato dall'url originale il 29 novembre 2014).
  7. ^ Vitale, pag. 314
  8. ^ Vitale, pp. 323-324
  9. ^ La gloriosa storia dei capitani della Salernitana, Granatissimi.com. URL consultato il 14 maggio 2015.
  10. ^ a b Vitale, pp. 328-329
  11. ^ 60 in campionato, 1 in Coppa Italia, 2 in Coppa Italia Serie C. Giovanni Pisano, salernitanastory.it.
  12. ^ Spezia, l'ex bomber Pisano nuovo osservatore, su tuttolegapro.com, 22 ottobre 2010.
  13. ^ La Salernitana ufficializza i nuovi allenatori per le giovanili, Giovanni Pisano allenerà gli allievi nazionali, salernogranata.com. URL consultato il 7 agosto 2013.
  14. ^ “Dracula” Pisano: “Ecco perché vado via. Col Cosenza granata favoriti, ma in attacco…”, su solosalerno.it. URL consultato il 14 maggio 2015.
  15. ^ Redazione, Serie D, Anzio: salta Pisano, ecco Volpi, in Tutto Avellino, 19 settembre 2018. URL consultato il 19 settembre 2018.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giovanni Vitale, Salernitana storia di gol sorrisi e affanni, International Printing Editore, 2010, ISBN 978-88-7868-094-4.
  • Davide Rota, Dizionario illustrato dei giocatori genoani, Genova, De Ferrari, 2008, ISBN 978-88-6405-011-9.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]