David Trezeguet

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Trezeguet" rimanda qui. Se stai cercando il calciatore egiziano noto come "Trézéguet", vedi Mahmoud Hassan (calciatore 1994).
David Trezeguet
David Trezeguet became Save the Dream Ambassador, 2017.jpg
Trezeguet nel 2017
Nazionalità Francia Francia
Altezza 190 cm
Peso 80 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Attaccante
Termine carriera 20 gennaio 2015
Carriera
Giovanili
1991-1993Platense
Squadre di club1
1993-1995Platense5 (0)
1995-1997Monaco 232 (22)
1995-2000Monaco93 (52)
2000-2010Juventus245 (138)
2010-2011Hércules31 (12)
2011Baniyas3 (0)
2011-2013River Plate35 (16)
2013-2014Newell's Old Boys24 (7)
2014Pune City9 (2)
Nazionale
1995-1996Francia Francia U-1812 (15)
1996-1997Francia Francia U-2014 (12)
1997-1998Francia Francia U-215 (5)
1998-2008Francia Francia71 (34)
Palmarès
Coppa mondiale.svg Mondiali di calcio
Oro Francia 1998
Argento Germania 2006
UEFA European Cup.svg Europei di calcio
Oro Belgio-Paesi Bassi 2000
Transparent.png Europei di calcio Under-18
Oro Francia-Lussemburgo 1996
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

David Sergio Trezeguet (Rouen, 15 ottobre 1977) è un dirigente sportivo ed ex calciatore francese, di ruolo attaccante.

Con la nazionale francese è stato campione del mondo nel 1998 ed europeo nel 2000, nonché campione continentale U-18 nel 1996. Con le maglie di club, tra Argentina, Francia e Italia, ha invece conquistato quattro campionati e tre supercoppe nazionali, oltre a due titoli di seconda serie.

Considerato tra i migliori attaccanti al mondo della sua generazione,[1] assurse a punta molto prolifica: in ambito nazionale è il quarto marcatore nella storia dei Bleus con 34 gol, mentre per quanto concerne i club si colloca al 44º posto nella classifica dei marcatori della Serie A — dove si è laureato capocannoniere nel campionato 2001-2002 — grazie alle 123 reti siglate per la Juventus, di cui è inoltre il migliore marcatore straniero con 171 gol.[2] Trezeguet, che in carriera ha superato il traguardo delle 300 reti ufficiali,[3] nel 2004 è stato inserito da Pelé nella FIFA 100.[4]

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Prima punta di grande dinamismo,[5] nel corso degli anni ha saputo porre rimedio a una certa incostanza sotto rete che ne aveva contraddistinto gli esordi,[5] affermandosi tra i migliori attaccanti della sua epoca[1] grazie a una «freddezza inconsueta» in area di rigore, come ebbe a dire il suo compagno di nazionale e poi allenatore Didier Deschamps.[6]

Capace di trovare la via del gol nelle maniere più disparate, «di testa o di piede, sotto porta oppure in acrobazia»,[6] eccelleva nel colpo di testa[7][8][9] ed era dotato di grande potenza nel tiro: in questo senso spiccò il suo gol da fuori area al Manchester Utd nei quarti di finale della UEFA Champions League 1997-1998, realizzato con la maglia del Monaco, che toccò la velocità di 155 km/h.[10]

La sua abilità in fase di finalizzazione ha fatto sì che venisse soprannominato Trezegol e Re David durante la sua militanza nella Juventus.[7]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Platense e Monaco[modifica | modifica wikitesto]

Trezeguet nasce a Rouen, in Francia, da genitori argentini a loro volta con lontane origini transalpine, frutto di antenati che nell'Ottocento erano emigrati in Sudamerica dal sud-ovest della Francia.[11]

Il padre Jorge Ernesto, anche lui calciatore, verso la fine degli anni 1970 aveva fatto temporaneamente ritorno nella terra degli avi militando per tre stagioni nelle file del Rouen, periodo in cui era venuto alla luce il figlio David; una volta conclusa l'esperienza in seno al club normanno, la famiglia Trezeguet era tornata in pianta stabile in Argentina. David cresce quindi a Florida, una città del partido di Vicente López, nella provincia di Buenos Aires,[12] dove trascorre gran parte dell'infanzia e dell'adolescenza e dove inizia ben presto a giocare a pallone, seguendo le orme paterne e guadagnandosi il primo soprannome di El Francés per via dei suoi natali europei.[11] Riesce a entrare nelle giovanili del Platense e, all'età di 16 anni, esordisce in prima squadra nel campionato argentino.

Trezeguet al Monaco nel 1998

Desideroso di conoscere il suo paese d'origine,[11] torna in Francia nel 1995, all'età di 18 anni, a seguito del suo ingaggio da parte del Monaco; in precedenza era stato vicino alla firma col Paris Saint-Germain, club tuttavia tiratosi indietro poiché non intenzionato a sobbarcarsi anche l'eventuale mantenimento dei familiari a Parigi.[11] Partito dalle giovanili monegasche e superata qualche iniziale difficoltà di ambientamento, legata principalmente alla lingua,[11] si fa ben presto notare dal tecnico della prima squadra nonché ex nazionale francese, Jean Tigana, il quale lo promuove e gli affida il peso dell'attacco assieme a un altro giovane prospetto, Thierry Henry.

Nella stagione 1999-2000 si fregia da protagonista del titolo nazionale, bissando quello vinto da rincalzo tre anni prima, segnando in totale 60 gol con la compagine del Principato.

Juventus[modifica | modifica wikitesto]

2000-2004[modifica | modifica wikitesto]

Nell'estate 2000 viene acquistato, per la cifra di 45 miliardi di lire, dalla Juventus.[13] Esordisce in Serie A nel giorno del suo 23º compleanno, in occasione della vittoria per 2-0 sul Bari,[14] e alla seconda presenza marca la prima rete, nella classica finita 2-2 contro il Milan.[15] La prima stagione a Torino, agli ordini di Carlo Ancelotti, inizialmente lo vede indietro nelle gerarchie dell'attacco, spesso relegato in panchina da Alessandro Del Piero e Filippo Inzaghi; solo nel finale di campionato si impone con maggiore frequenza nell'undici titolare, risultando peraltro il migliore cannoniere della squadra con 14 gol in 25 presenze.

L'annata 2001-2002 è quella della svolta: con il ritorno sulla panchina torinese di Marcello Lippi, e soprattutto dopo la cessione di Inzaghi, Trezeguet è promosso definitivamente a titolare, andando a formare con Del Piero quella che sarà la coppia d'attacco juventina di riferimento del decennio. Il francese vince il suo primo Scudetto laureandosi capocannoniere del campionato, ex aequo con Dario Hübner, con 24 gol tutti su azione; segna anche 8 gol in Champions League, dove la Juventus si ferma alla seconda fase. Nel 2002 verrà anche premiato con due Oscar del calcio AIC, sia come migliore calciatore straniero del campionato italiano, sia come migliore in assoluto della stagione.

Nel 2002-2003 vince la Supercoppa italiana, pur non scendendo in campo nella finale di Tripoli contro il Parma perché indisponibile, e un altro Scudetto. È tuttavia una stagione difficile sul piano personale, ricca di infortuni, tanto che deve aspettare il 2003 per tornare al gol;[16] segna comunque 4 reti in Champions League, di cui due nella doppia semifinale contro il Real Madrid. La finale di Manchester contro il Milan si conclude sullo 0-0; la Juventus perde ai tiri di rigore, e Trezeguet è uno dei bianconeri che si fa parare il proprio tentativo dal portiere rossonero Dida. Nella stagione 2003-2004 vince un'altra Supercoppa italiana a New York contro il Milan, ancora ai rigori, realizzando nel primo tempo supplementare il gol dell'1-1 che evita alla squadra bianconera la sconfitta al silver goal. In campionato, pur segnando 16 reti, spesso è vittima d'infortuni; la squadra rimane fuori agli ottavi di finale di Champions League e termina al terzo posto in Serie A.

2004-2007[modifica | modifica wikitesto]

La seconda parte della stagione 2003-2004 era stata vissuta da Trezeguet come un «separato in casa», per via di sopraggiunti conflitti circa la sua posizione contrattuale,[17] tant'è che l'estate seguente la dirigenza juventina pare intenzionata a liberarsene sul mercato, anche a fronte dell'insofferenza manifestata dal centravanti;[18] tuttavia l'arrivo sulla panchina dei torinesi di Fabio Capello porta a ribaltare la situazione, con l'allenatore friulano che impone la presenza di Trezeguet in squadra, e anzi ne fa un punto fermo del suo undici titolare.[19]

Con questa rinnovata fiducia dell'ambiente, anche nell'annata 2004-2005 il francese, pur se sovente infortunato, non fa mancare il suo contributo sia all'inizio della stagione, quando realizza quattro gol in tre partite contro Brescia, Atalanta e Sampdoria prima di infortunarsi alla spalla, sia alla fine, siglando la rete decisiva nella sfida-Scudetto tra Milan e Juventus: le due squadre, appaiate in testa alla classifica, si affrontano alla quart'ultima giornata a San Siro, dove sono gli ospiti a prevalere (0-1) grazie a un colpo di testa di Trezeguet, il quale sfrutta un assist in rovesciata del suo compagno di reparto Del Piero.[20]

Disputa un'altra stagione positiva nel 2005-2006, nella quale segna molto e vince un altro Scudetto; questo, tuttavia, verrà in seguiro assegnato all'Inter dopo la retrocessione d'ufficio della società bianconera, rimasta implicata nello scandalo Calciopoli. Frattanto, a livello personale i 23 gol in campionato, a cui si aggiungono i 6 in Champions League — tra cui il 100º in maglia bianconera, siglato il 14 settembre 2005 al Club Bruges[21] —, lo portano a superare tre mostri sacri nella storia del club, dapprima il connazionale Michel Platini,[22] poi il gallese John Charles e infine il danese John Hansen, nella classifica dei marcatori juventini di tutti i tempi.[23]

Trezeguet alla Juventus nel 2007

Nonostante il sopravvenuto declassamento della squadra bianconera in Serie B, nell'estate 2006, assieme ad altri titolati compagni di squadra quali Buffon, Camoranesi, Del Piero e Nedvěd, anche Trezeguet decide di rimanere a Torino: «dopo essere tornati dai Mondiali ci siamo incontrati [...]. Ci siamo guardati negli occhi e ci siamo subito capiti [...], tutti ci sentivamo legati alla società e dovevamo riportarla subito in Serie A».[24] Nel campionato cadetto del 2006-2007 il francese realizza 15 gol, che contribuiscono al primo posto in classifica dei piemontesi e al loro immediato ritorno in massima serie: «sono orgoglioso di essere rimasto e di aver contribuito a quell'impresa».[24]

2007-2010[modifica | modifica wikitesto]

Pur a fronte della promozione in massima serie, nell'estate 2007 Trezeguet sembra per la seconda volta in carriera sul punto di lasciare la Vecchia Signora, poiché nel frattempo entrato in rotta con la nuova dirigenza subentrata nel post-Calciopoli, non intenzionata a riconoscergli economicamente la sua posizione di senatore della squadra:[25] una situazione che l'attaccante aveva pubblicamente palesato nell'ultima partita del campionato cadetto, quando, dopo aver siglato il momentaneo pareggio allo Spezia, si era esibito in una polemica esultanza verso la tribuna d'onore dell'Olimpico di Torino mimando il gesto di andarsene.[26] Ciò nonostante nelle settimane seguenti la frattura va a ricomporsi,[27] e il francese può proseguire la sua avventura tra le file bianconere.[28]

Il 25 agosto 2007 segna il primo gol della Juventus al ritorno in Serie A, aprendo le marcature nella vittoria 5-1 sul Livorno della prima giornata, che lo vede assoluto mattatore grazie a una tripletta. Il successivo 23 settembre, durante la 4ª giornata, firma il centesimo gol nel campionato italiano con la maglia bianconera, durante il big match sul terreno della Roma (2-2). Ancora, il 31 ottobre mette a segno la seconda tripletta della stagione nel 3-0 juventino sull'Empoli, che gli consente di raggiungere quota 150 gol con la formazione piemontese. Con 13 gol chiude l'anno solare 2007 in testa alla classifica cannonieri del campionato, e prosegue nel suo ruolino sottorete anche nel girone di ritorno; in particolare, il 22 marzo 2008 contribuisce con un gol alla vittoria dell'atteso derby d'Italia di San Siro contro l'Inter (2-1). Al termine della stagione si piazza al secondo posto nella classifica marcatori della Serie A con 20 gol, a una sola lunghezza dal compagno di squadra e capocannoniere Del Piero.

All'inizio della stagione 2008-2009 viene operato al ginocchio destro per evitare la rottura del tendine rotuleo e risolvere la tendinopatia di cui da tempo era vittima: nell'occasione la prognosi è di quattro mesi.[29] Contemporaneamente i medici riscontrano una piccola lesione anche al ginocchio sinistro e decidono di intervenire chirurgicamente in modo da risolvere i problemi a entrambe le articolazioni in un unico intervento.[30] Fa il suo rientro in campo in occasione della trasferta di Udine, giocando una manciata di minuti. Qualche settimana dopo, il 21 febbraio 2009, torna a segnare su azione (aveva già segnato contro il Napoli in Coppa Italia ai rigori) nella partita contro il Palermo, sua prima partita da titolare dopo 157 giorni; la sua ultima presenza da titolare risaliva al 14 settembre 2008, in Champions League contro lo Zenit San Pietroburgo.

Il 3 settembre 2009 successivo anticipa la sua intenzione di lasciare la Vecchia Signora al termine della stagione, la decima della sua carriera juventina.[31] Nel corso dell'annata, il 7 novembre festeggia il 167º gol con la casacca bianconera, eguagliando Omar Sívori, con il gol del 5-2 nella gara contro l'Atalanta;[32] Il successivo 8 dicembre, nella partita casalinga di Champions League persa 1-4 con il Bayern Monaco, supera l'italo-argentino siglando la rete nº 168 con la Juventus, traguardo mai raggiunto prima nella società torinese da uno straniero: «non ci si rende bene conto di dove sei e di quello che fai, fino a quando giochi: [...] allora ero solo dispiaciuto perché non avevamo passato il turno. Ora capisco cosa significhi essere davanti a lui, a Charles, a Platini...»[33]

Chiude la sua esperienza in bianconero con la media realizzativa di più di 17 gol a stagione su un arco temporale di dieci anni, per un totale di 171 reti in 320 presenze che lo rendono il migliore marcatore straniero nella storia del club.[34] Nel 2011, tramite un'iniziativa della società bianconera, il francese viene inoltre inserito tra i 50 più rappresentativi calciatori della Juventus di tutti i tempi, venendogli dedicata una stella celebrativa nella Walk of Fame allo Stadium di Torino.[2]

Hércules e Baniyas[modifica | modifica wikitesto]

Trezeguet nell'agosto 2010, alla presentazione nell'Hércules.

Inizialmente indeciso se proseguire la carriera tra le natìe Francia e Argentina, come palesato nel corso dell'ultima stagione juventina,[31] in seguito cambia piani e il 28 agosto 2010 accetta l'offerta dell'Hércules di Alicante, città natale della moglie.[35] Esordisce contro il Barcellona al Camp Nou, in un incontro poi finito con la vittoria 2-0 della sua squadra. Il primo gol arriva dal dischetto nella gara con il Valencia persa per 1-2, mentre la prima doppietta arriva contro il Siviglia, decisiva per la vittoria finale 2-0. Il 17 ottobre 2010, nella partita contro il Villarreal, arriva anche la prima espulsione per l'attaccante francese, pochi minuti dopo avere siglato il gol del momentaneo vantaggio.[36] Il 12 dicembre realizza invece un pregevole gol di tacco, l'ottavo di questo positivo avvio di campionato, nella vittoria interna per 4-1 contro il Malaga. Il 13 febbraio 2011, con la rete della vittoria per 2-1 contro il Real Saragozza, tocca quota 200 gol in carriera nei vari campionati. Il successivo 15 maggio, nonostante abbia segnato il suo 12º gol stagionale, la sconfitta 1-2 contro l'Atlético Madrid relega l'Hércules alla retrocessione in Liga Adelante; il 28 dello stesso mese l'attaccante risolve il contratto in essere con il club spagnolo.[37][38]

Il 30 agosto 2011 si accasa al Baniyas, squadra di Abu Dhabi militante nella UAE Arabian Gulf League, il massimo campionato degli Emirati Arabi Uniti.[39] Alla fine dell'anno rescinde il contratto che lo legava al Baniyas, per via di un infortunio che lo ha tenuto fuori per quasi tutta la stagione;[40] colleziona solo 4 presenze in campionato, senza mai andare in gol.

River Plate, Newell's Old Boys e Pune City[modifica | modifica wikitesto]

Nel gennaio 2012 torna in patria firmando per il River Plate neoretrocesso in seconda serie.[41][42] Il successivo 12 febbraio fa il suo esordio contro il Chacarita Juniors, trovando nell'occasione il suo primo gol con la nuova maglia. Il 23 giugno, grazie alla sua doppietta contro l'Almirante Brown, riporta i Millonarios nella massima divisione; a fine partita afferma che la vittoria del campionato è stata «un traguardo più emozionante dell'Europeo conquistato nel 2000».[43] Sono così 13 i gol messi a segno in 19 partite di campionato, nonostante lo scetticismo iniziale con cui era stato accolto l'approdo a Buenos Aires.[44]

Trezeguet al River Plate nel 2012, mentre posa con due piccoli tifosi.

Il 22 luglio 2013 si accorda con il Newell's Old Boys.[45] Il 1º novembre dello stesso anno, con la doppietta al Colón (SF), raggiunge e supera la soglia dei 300 gol ufficiali in carriera.[3]

Il 27 giugno 2014 annuncia l'intenzione di tornare al River Plate per chiudere lì la sua carriera da calciatore;[46] tuttavia, pochi giorni dopo, i Millonarios dichiarano che il giocatore non rientra nei loro piani per la nuova stagione.[47] Il 30 luglio seguente passa così al club indiano del Pune City, neonata squadra della anch'essa debuttante Indian Super League, allenata dal tecnico italiano Franco Colomba.[48][49] Con la maglia arancioviola realizza 2 reti in 9 partite, al termine delle quali si ritira definitivamente dall'attività agonistica.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1996 vince con la nazionale Under-18 l'Europeo di categoria e, solo due anni dopo, nel 1998, diventa campione del mondo con la nazionale maggiore; durante il torneo realizza un gol nel successo per 4-0 contro l'Arabia Saudita nella fase a gironi.[50] Passa ancora un biennio e conquista anche il campionato europeo, un successo che lo vede protagonista grazie al suo golden goal al 102' nei supplementari della finale contro l'Italia.[51] Nella partita successiva, un'amichevole disputata a Marsiglia contro la selezione World Stars, realizza una tripletta nel 5-1 finale per i padroni di casa.

Viene convocato successivamente per il fallimentare campionato del mondo 2002 concluso dai transalpini già al primo turno, in cui non va mai a segno, e per il campionato d'Europa 2004, altra competizione in cui i Bleus deludono venendo eliminati dalla Grecia ai quarti.[52] Durante la manifestazione ha segnato un gol in occasione del pareggio per 2-2 contro la Croazia ai gironi.[53]

Partecipa quindi al campionato del mondo 2006 in Germania, dove però colleziona solo 3 presenze. Subisce infatti l'ostracismo del selezionatore Raymond Domenech, da una parte per questioni tecniche, preferendo questi uno schieramento con Thierry Henry quale unica punta,[54] e dall'altra, secondo speculazioni giornalistiche, per l'ossessivo interesse di Domenech verso l'astrologia[55] e conseguenti, difficili rapporti con Trezeguet e altri giocatori dello scorpione, segno non gradito al tecnico.[54] Nel corso dell'edizione, entrato al 100' nei supplementari della finale contro l'Italia, è tra i rigoristi nell'epilogo dal dischetto: calcia il suo tentativo sulla traversa, errore che risulta decisivo nella sconfitta della sua nazionale.[56]

Al termine della stagione 2007-2008, nonostante le 20 reti siglate, Domenech lo ignora e non lo convoca per la fase finale del campionato d'Europa 2008.[57] Il 9 luglio seguente, a seguito della conferma del tecnico sulla panchina della Francia, annuncia il ritiro dai Bleus.[58] Lascia quindi la nazionale dopo aver vinto un Mondiale e un Europeo, con 71 presenze e 34 reti complessive: all'epoca è il terzo giocatore per numero di gol con la maglia dei Bleus, dietro ai soli Henry e Michel Platini; negli anni seguenti è stato sopravanzato da Olivier Giroud.[59]

Dopo il ritiro[modifica | modifica wikitesto]

Una volta appesi gli scarpini al chiodo, nel 2015 torna alla Juventus dapprima con l'incarico formale di presidente delle Juventus Legends, l'associazione che riunisce tutti i giocatori bianconeri del passato,[60] e poi, dall'8 novembre 2018[61] al 30 giugno 2021,[62] con il ruolo commerciale di brand ambassador del club.

Nel marzo 2019 viene scelto dall'UEFA tra gli ambasciatori per il campionato d'Europa 2020.[63]

Nel 2021 ottiene l'abilitazione alla professione di direttore sportivo.[64]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Tra club, nazionale maggiore e nazionali giovanili, Trezeguet ha giocato globalmente 695 partite segnando 360 reti, alla media 0,51 gol a partita.

Statistiche aggiornate al termine della carriera da calciatore.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
1993-1994 Argentina Platense PD 3 0 - - - - - - - - - 3 0
1994-1995 PD 2 0 - - - - - - - - - 2 0
Totale Platense 5 0 - - - - - - 5 0
1995-1996 Monaco Monaco 2 CN 18 10 - - - - - - - - - 18 10
1996-1997 CN 14 12 - - - - - - - - - 14 12
Totale Monaco 2 32 22 - - - - - - 32 22
1995-1996 Monaco Monaco D1 4 0 CdF+CdL 0+1 0 - - - - - - 5 0
1996-1997 D1 5 0 CdF+CdL 0 0 - - - - - - 5 0
1997-1998 D1 27 18 CdF+CdL 3+1 1+0 UCL 9 4 SF 1 1 41 24
1998-1999 D1 27 12 CdF+CdL 1+2 0 CU 5 2 - - - 35 14
1999-2000 D1 30 22 CdF+CdL 1+1 0 CU 7 2 - - - 39 24
Totale Monaco 93 52 10 1 21 8 1 1 125 62
2000-2001 Italia Juventus A 25 14 CI 2 0 UCL 5 1 - - - 32 15
2001-2002 A 34 24 CI 2 0 UCL 10 8 - - - 46 32
2002-2003 A 17 9 CI 1 0 UCL 10 4 SI 0 0 28 13
2003-2004 A 25 16 CI 3 1 UCL 5 4 SI 1 1 34 22
2004-2005 A 18 9 CI 1 1 UCL 5[65] 4[66] - - - 24 14
2005-2006 A 32 23 CI 0 0 UCL 9 6 SI 1 0 42 29
2006-2007 B 31 15 CI 1 0 - - - - - - 32 15
2007-2008 A 36 20 CI 3 0 - - - - - - 39 20
2008-2009 A 8 1 CI 3 0 UCL 4[67] 0 - - - 15 1
2009-2010 A 19 7 CI 0 0 UCL+UEL 4+4 1+2 - - - 27 10
ago. 2010 A 0 0 CI 0 0 UEL 1[68] 0 - - - 1 0
Totale Juventus 245 138 16 2 57 30 2 1 320 171
ago. 2010-2011 Spagna Hércules PD 31 12 CR 0 0 - - - - - - 31 12
ago.-dic. 2011 Emirati Arabi Uniti Baniyas PL 3 0 CEA 0 0 - - - EEC 1 0 4 0
gen.-giu. 2012 Argentina River Plate BN 19 13 CA 2 1 - - - - - - 21 14
2012-2013 PD 16 3 CA 0 0 - - - - - - 16 3
Totale River Plate 35 16 2 1 - - - - 37 17
2013-2014 Argentina Newell's Old Boys PD 24 7 CA 0 0 CL 6 2 - - - 30 9
2014 India Pune City ISL 9 2 - - - - - - - - - 9 2
Totale carriera 477 249 28 5 84 40 4 2 593 294

Cronologia presenze e reti in nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Francia
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
28-1-1998 Saint-Denis Francia Francia 1 – 0 Spagna Spagna Amichevole -
25-2-1998 Marsiglia Francia Francia 3 – 3 Norvegia Norvegia Amichevole -
22-4-1998 Solna Svezia Svezia 0 – 0 Francia Francia Amichevole -
29-5-1998 Casablanca Marocco Marocco 2 – 2 Francia Francia Amichevole -
5-6-1998 Helsinki Finlandia Finlandia 0 – 1 Francia Francia Amichevole 1
12-6-1998 Marsiglia Francia Francia 3 – 0 Sudafrica Sudafrica Mondiali 1998 - 1º turno -
18-6-1998 Saint-Denis Francia Francia 4 – 0 Arabia Saudita Arabia Saudita Mondiali 1998 - 1º turno 1
24-6-1998 Lione Francia Francia 2 – 1 Danimarca Danimarca Mondiali 1998 - 1º turno -
28-6-1998 Lens Francia Francia 1 – 0 gg Paraguay Paraguay Mondiali 1998 - Ottavi di finale -
3-7-1998 Saint-Denis Italia Italia 0 – 0 dts
(3 – 4 dtr)
Francia Francia Mondiali 1998 - Quarti di finale -
8-7-1998 Saint-Denis Francia Francia 2 – 1 Croazia Croazia Mondiali 1998 - Semifinale -
14-10-1998 Saint-Denis Francia Francia 2 – 0 Andorra Andorra Qual. Euro 2000 -
31-3-1999 Saint-Denis Francia Francia 2 – 0 Armenia Armenia Qual. Euro 2000 -
9-10-1999 Saint-Denis Francia Francia 3 – 2 Islanda Islanda Qual. Euro 2000 1
23-2-2000 Saint-Denis Francia Francia 1 – 0 Polonia Polonia Amichevole -
26-4-2000 Saint-Denis Francia Francia 3 – 2 Slovenia Slovenia Amichevole 2
28-5-2000 Zagabria Croazia Croazia 0 – 2 Francia Francia Amichevole -
4-6-2000 Casablanca Giappone Giappone 2 – 2
(2 – 4 dtr)
Francia Francia Amichevole -
21-6-2000 Amsterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 3 – 2 Francia Francia Euro 2000 - 1º turno 1
28-6-2000 Bruxelles Portogallo Portogallo 1 – 2 gg Francia Francia Euro 2000 - Semifinale -
2-7-2000 Rotterdam Francia Francia 2 – 1 gg Italia Italia Euro 2000 - Finale 1 [69]
16-8-2000 Marsiglia Francia Francia 5 – 1 World Stars World Stars Amichevole 3
2-9-2000 Saint-Denis Francia Francia 1 – 1 Inghilterra Inghilterra Amichevole -
4-10-2000 Saint-Denis Francia Francia 1 – 1 Camerun Camerun Amichevole -
7-10-2000 Johannesburg Sudafrica Sudafrica 0 – 0 Francia Francia Amichevole -
15-11-2000 Istanbul Turchia Turchia 0 – 4 Francia Francia Amichevole 2
24-3-2001 Saint-Denis Francia Francia 5 – 0 Giappone Giappone Amichevole 2
28-3-2001 Valencia Spagna Spagna 2 – 1 Francia Francia Amichevole 1
25-4-2001 Saint-Denis Francia Francia 4 – 0 Portogallo Portogallo Amichevole -
15-8-2001 Nantes Francia Francia 1 – 0 Danimarca Danimarca Amichevole -
1-9-2001 Santiago del Cile Cile Cile 2 – 1 Francia Francia Amichevole 1
6-10-2001 Saint-Denis Francia Francia 4 – 1 Algeria Algeria Amichevole -
11-11-2001 Melbourne Australia Australia 1 – 1 Francia Francia Amichevole 1
13-2-2002 Saint-Denis Francia Francia 2 – 1 Romania Romania Amichevole -
27-3-2002 Saint-Denis Francia Francia 5 – 0 Scozia Scozia Amichevole 2
18-5-2002 Saint-Denis Francia Francia 1 – 2 Belgio Belgio Amichevole -
27-3-2002 Suwon Corea del Sud Corea del Sud 2 – 3 Francia Francia Amichevole 1
31-5-2002 Seul Francia Francia 0 – 1 Senegal Senegal Mondiali 2002 - 1º turno -
6-6-2002 Pusan Francia Francia 0 – 0 Uruguay Uruguay Mondiali 2002 - 1º turno -
11-6-2002 Incheon Francia Francia 0 – 2 Danimarca Danimarca Mondiali 2002 - 1º turno -
14-2-2003 Saint-Denis Francia Francia 0 – 2 Rep. Ceca Rep. Ceca Amichevole -
29-3-2003 Lens Francia Francia 6 – 0 Malta Malta Qual. Euro 2004 1
2-4-2003 Palermo Israele Israele 1 – 2 Francia Francia Qual. Euro 2004 1
20-8-2003 Ginevra Svizzera Svizzera 0 – 2 Francia Francia Amichevole -
6-9-2003 Saint-Denis Francia Francia 5 – 0 Cipro Cipro Qual. Euro 2004 2
10-9-2003 Lubiana Slovenia Slovenia 0 – 2 Francia Francia Qual. Euro 2004 1
11-10-2003 Saint-Denis Francia Francia 3 – 0 Israele Israele Qual. Euro 2004 1
15-11-2003 Gelsenkirchen Germania Germania 0 – 3 Francia Francia Amichevole 2
31-3-2004 Rotterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 0 – 0 Francia Francia Amichevole -
20-5-2004 Saint-Denis Francia Francia 0 – 0 Brasile Brasile Amichevole -
28-5-2004 Montpellier Francia Francia 4 – 0 Andorra Andorra Amichevole -
13-6-2004 Lisbona Francia Francia 2 – 1 Inghilterra Inghilterra Euro 2004 - 1º turno -
17-6-2004 Leiria Croazia Croazia 2 – 2 Francia Francia Euro 2004 - 1º turno 1
21-6-2004 Coimbra Svizzera Svizzera 1 – 3 Francia Francia Euro 2004 - 1º turno -
25-6-2004 Lisbona Francia Francia 0 – 1 Grecia Grecia Euro 2004 - Quarti di finale -
9-2-2005 Saint-Denis Francia Francia 1 – 1 Svezia Svezia Amichevole 1
26-3-2005 Saint-Denis Francia Francia 0 – 0 Svizzera Svizzera Qual. Mondiali 2006 -
30-3-2005 Tel Aviv Israele Israele 1 – 1 Francia Francia Qual. Mondiali 2006 1
17-8-2005 Montpellier Francia Francia 3 – 0 Costa d'Avorio Costa d'Avorio Amichevole -
12-11-2005 Saint-Denis Francia Francia 0 – 0 Germania Germania Amichevole -
1-3-2006 Saint-Denis Francia Francia 1 – 2 Slovacchia Slovacchia Amichevole -
27-5-2006 Saint-Denis Francia Francia 1 – 0 Messico Messico Amichevole -
7-6-2006 Saint-Denis Francia Francia 3 – 1 Cina Cina Amichevole 1
18-6-2006 Lipsia Francia Francia 1 – 1 Corea del Sud Corea del Sud Mondiali 2006 - 1º turno -
23-6-2006 Colonia Francia Francia 2 – 0 Togo Togo Mondiali 2006 - 1º turno -
9-7-2006 Berlino Italia Italia 1 – 1 dts
(5 – 3 dtr)
Francia Francia Mondiali 2006 - Finale - [70]
7-10-2006 Glasgow Scozia Scozia 1 – 0 Francia Francia Qual. Euro 2008 -
11-10-2006 Sochaux Francia Francia 5 – 0 Fær Øer Fær Øer Qual. Euro 2008 2
7-2-2007 Saint-Denis Francia Francia 0 – 1 Argentina Argentina Amichevole -
12-9-2007 Parigi Francia Francia 0 – 1 Scozia Scozia Qual. Euro 2008 -
26-3-2008 Saint-Denis Francia Francia 1 – 0 Inghilterra Inghilterra Amichevole -
Totale Presenze 71 Reti (5º posto) 34

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere della Legion d'onore - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere della Legion d'onore
— 25 luglio 1998

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Sergio Poli, David Trezeguet: scheda calciatore e carriera, su Calciomagazine, 23 novembre 2020.
  2. ^ a b Viaggio tra le Stelle: David Trezeguet, su juventus.com, 17 luglio 2011 (archiviato dall'url originale il 30 settembre 2014).
  3. ^ a b Trezeguet, doppietta show. 300 gol in carriera!, su tuttosport.com, 2 novembre 2013 (archiviato dall'url originale il 3 novembre 2013).
  4. ^ Stefano Summa, FIFA 100: la discussa lista dei calciatori più forti nella storia, su foxsports.it, 30 gennaio 2019.
  5. ^ a b (EN) David Trezeguet, su news.bbc.co.uk.
  6. ^ a b Stefano Bedeschi, Gli eroi in bianconero: David TRÉZÉGUET, su tuttojuve.com, 15 ottobre 2013.
  7. ^ a b Auguri, Trezegol!, su juventus.com, 15 ottobre 2016.
  8. ^ Marco Deiana, Gli 11 più forti colpitori di testa della storia recente, su 90min.com, 7 aprile 2015.
  9. ^ Calcio & solidarietà. TREZEGUET, un gol per l'Africa, su avvenire.it, 8 settembre 2015.
  10. ^ (EN) James Dart e Paolo Bandini, The hardest recorded shot in football - ever, su theguardian.com, 14 febbraio 2007.
  11. ^ a b c d e (ES) Trezeguet: "Nunca soñé con llevar la camiseta de Argentina", su marca.com, 17 gennaio 2016.
  12. ^ (ES) David, mon amour, su ole.com.ar, 7 marzo 2012 (archiviato dall'url originale l'8 aprile 2014).
  13. ^ Trezeguet Juve: 45 miliardi da record, in La Gazzetta dello Sport, 27 giugno 2000.
  14. ^ La Juve nella pioggia mette ko il Bari, su repubblica.it, 15 ottobre 2000.
  15. ^ Spettacolo a San Siro, è pari tra Milan e Juve, su repubblica.it, 21 ottobre 2000.
  16. ^ Fabio Vergnano, Il David ritrovato: «Sono sulla strada giusta», in La Stampa, 13 gennaio 2003, p. 33.
  17. ^ Fabio Vergnano, Trezeguet: non sono io che devo parlare, in La Stampa, 13 aprile 2004, p. 34.
  18. ^ Domenico Latagliata, Trezeguet: merito di più, in La Stampa, 28 maggio 2004, p. 33.
  19. ^ Giancarlo Laurenzi, «Piacere, Trezeguet, pupillo di don Fabio», in La Stampa, 19 luglio 2004, p. 35.
  20. ^ Mezzo scudetto alla Juve, su gazzetta.it, 8 maggio 2005.
  21. ^ Marco Ansaldo, Juve show, Trezeguet fa 100, in La Stampa, 15 settembre 2005, p. 31.
  22. ^ Guido Boffo, Trezeguet, le Roi, in La Stampa, 4 novembre 2005, p. 31.
  23. ^ I numeri della serie A, su eurosport.it, 15 maggio 2006.
  24. ^ a b Giulio Sala, Grazie David, per sempre uno di noi, in HJ Magazine, aprile 2014, p. 69.
  25. ^ Alberto Mauro, Trezeguet-Juve, è rottura, "Un'offerta ridicola", su gazzetta.it, 10 giugno 2007 (archiviato dall'url originale il 14 giugno 2007).
  26. ^ Il saluto di Trezeguet, su it.eurosport.com, 10 giugno 2007.
  27. ^ Luca Curino, Trezeguet e Camoranesi, ora la Juve prova a ricucire, su gazzetta.it, 12 giugno 2007 (archiviato dall'url originale il 14 giugno 2007).
  28. ^ Federico Formica, Trezeguet alla Juve fino al 2011, su repubblica.it, 25 giugno 2007.
  29. ^ Trezeguet: "Non voglio finire come Ronaldo", su gazzetta.it, 20 settembre 2008.
  30. ^ Trezeguet operato alle ginocchia: "In campo fra quattro mesi", su repubblica.it, 23 settembre 2008.
  31. ^ a b Alberto Mauro, Trezeguet, addio alla Juve: "A fine stagione torno a casa", su gazzetta.it, 3 settembre 2009.
  32. ^ Trezeguet come Sivori, la Juve vola, su it.uefa.com, 7 novembre 2009.
  33. ^ Giulio Sala, Grazie David, per sempre uno di noi, in HJ Magazine, aprile 2014, p. 67.
  34. ^ Fabiana Della Valle, Platini, Zidane, Trezeguet e ora Matuidi, Rabiot e (forse) Kurzawa: la Juve ama parlare francese, su gazzetta.it, 25 gennaio 2020.
  35. ^ L'Alicante annuncia: Trezeguet è nostro, su ansa.it, 28 agosto 2010.
  36. ^ Statistiche stagione 2010-2011 su Transfermarkt.it
  37. ^ Ag. Trezeguet: Per lui Italia oppure Dubai con Maradona Archiviato il 22 febbraio 2014 in Internet Archive.
  38. ^ Napoli, Trezeguet è sempre più vicino Tuttomercatoweb.com, 31-05-2011
  39. ^ Trezeguet ad Abu Dhabi, ha firmato per il Bani Yas Archiviato il 4 maggio 2014 in Internet Archive. Corrieredellosport.it, 30 agosto 2011
  40. ^ Fabrizio Romano, Trezeguet-Baniyas: è già addio!, su calciomercato.com, 20 novembre 2011.
  41. ^ La presentación, en 2012 - Trezeguet será presentado formalmente en enero del año entrante, cuando comience la pretemorada cariverplate.com, 20 dicembre 2012
  42. ^ Tuttomercatoweb.com, 20 dicembre 2012
  43. ^ Trezeguet riporta il River in A, "Più bello che all'Europeo 2000" - La Gazzetta dello Sport
  44. ^ Adriano Seu, Trezeguet trascina il suo River: Re David è tornato sul trono, in La Gazzetta dello Sport, 25 giugno 2011, p. 20.
  45. ^ David Trezeguet: "Es una posibilidad excelente para mí llegar a Newell's", su newellsoldboys.com.ar. URL consultato il 25 luglio 2013 (archiviato dall'url originale il 26 luglio 2013).
  46. ^ Trezeguet torna al River Plate, su gazzetta.it, 27 giugno 2014.
  47. ^ Valerio Clari, Trezeguet scaricato dal River Plate!, su tropicodelcalcio.gazzetta.it, 1º luglio 2014.
  48. ^ Ufficiale: il Pune City annuncia l'acquisto dell'ex Juve David Trezeguet Archiviato il 2 agosto 2014 in Internet Archive. Fiorentina.it
  49. ^ (FR) Trezeguet débarque en Inde à son tour, su sport.fr, 30 luglio 2014.
  50. ^ Espulso Zidane, ma la Francia si qualifica, su repubblica.it, 19 giugno 1998.
  51. ^ La beffa più amara - K.o. al golden gol, su repubblica.it, 2 luglio 2000.
  52. ^ Impresa greca, Francia eliminata, su gazzetta.it, 25 giugno 2004.
  53. ^ EURO 2004: Croazia sprecona, Francia salva, su it.uefa.com, 17 giugno 2004. URL consultato il 12 dicembre 2020.
  54. ^ a b Alessandro Pasini, Domenech l'astrologo tradito dallo scorpione, in Corriere della Sera, 11 luglio 2006, p. 14 (archiviato dall'url originale il 21 giugno 2010).
  55. ^ Roberto Perrone, Domenech, oroscopo e relazioni pericolose. La Francia condanna il suo c.t., in Corriere della Sera, 18 giugno 2006, p. 45 (archiviato dall'url originale il 1º novembre 2015).
  56. ^ Gianni Mura, Benedetti undici metri, su repubblica.it, 10 luglio 2006.
  57. ^ Corrado Zunino, Da Nedved a Raul, da Mexes a Kahn. Euro 2008 lascia a casa 13 vip, su repubblica.it, 6 giugno 2008.
  58. ^ Trezeguet lascia la nazionale, su juventus.com, 9 luglio 2008 (archiviato dall'url originale il 17 luglio 2008).
  59. ^ (EN) France goal scorers, su eu-football.info.
  60. ^ Trezegol è con noi!, su juventus.com, 8 aprile 2015.
  61. ^ David Trezeguet è Brand Ambassador di Juventus, su juventus.com, 8 novembre 2018.
  62. ^ Grazie di tutto, David!, su juventus.com, 30 giugno 2021.
  63. ^ Gli ambasciatori di UEFA EURO 2020, su it.uefa.com, 20 marzo 2019.
  64. ^ Alessio Alaimo, Dai gol alla scrivania: David Trezeguet si laurea direttore sportivo, su tuttomercatoweb.com, 24 arzo 2021.
  65. ^ 2 presenze nel terzo turno preliminare.
  66. ^ 3 reti nel terzo turno preliminare.
  67. ^ Una presenza nel terzo turno preliminare.
  68. ^ Turno preliminare.
  69. ^ 1º posto.
  70. ^ 2º posto.
  71. ^ A seguito della sentenza della Commissione di Appello Federale in merito ai fatti oggetto dello scandalo del calcio italiano del 2006, lo Scudetto vinto dalla Juventus nel campionato 2004-2005 fu revocato e non più assegnato.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN777145857941623021544 · ISNI (EN0000 0004 5821 6314 · BNF (FRcb177565037 (data) · WorldCat Identities (ENviaf-777145857941623021544