Simone Inzaghi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Simone Inzaghi
S. Inzaghi.jpg
Inzaghi nel 2018
Nazionalità Italia Italia
Altezza 185 cm
Peso 82 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex attaccante)
Squadra Inter
Termine carriera 22 maggio 2010 - giocatore
Carriera
Giovanili
1992-1994Piacenza
Squadre di club1
1994-1995Carpi9 (0)
1995-1996Novara23 (4)
1996-1997Lumezzane23 (6)
1997Piacenza0 (0)
1997-1998Brescello21 (10)
1998-1999Piacenza30 (15)
1999-2005Lazio109 (27)
2005Sampdoria5 (0)
2005-2007Lazio12 (0)
2007-2008Atalanta19 (0)
2008-2010Lazio12 (1)
Nazionale
1993-1994Italia Italia U-184 (1)
2000-2003Italia Italia3 (0)
Carriera da allenatore
2010-2011LazioAllievi Reg.
2011-2014LazioAllievi Naz.
2014-2016LazioPrimavera
2016LazioInterim
2016-2021Lazio
2021-Inter
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 1º luglio 2021

Simone Inzaghi (Piacenza, 5 aprile 1976) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo attaccante, tecnico dell'Inter.

Cresciuto nelle giovanili del Piacenza, ha legato il suo nome a quello della Lazio, con cui ha trascorso la maggior parte della sua carriera da calciatore, vincendo un campionato, tre Coppe Italia, due Supercoppe italiane e una Supercoppa UEFA e diventando il miglior marcatore laziale nelle coppe europee (20 gol).[1]

In biancoceleste ha iniziato anche la carriera da allenatore, come tecnico prima del settore giovanile e poi della prima squadra, con cui in cinque anni ha conquistato una Coppa Italia e due Supercoppe italiane, diventando l'unico ad aver vinto entrambi i trofei nazionali sia da calciatore che da allenatore della Lazio.[2]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Fratello minore di Filippo (con cui ha condiviso una presenza in nazionale),[3][4] ha tre figli: Tommaso, nato nel 2001 dalla relazione con la showgirl Alessia Marcuzzi,[5] dalla quale si è poi separato; Lorenzo, che è nato nel 2013[6] e gioca nelle giovanili dell’Inter dopo aver militato in quelle della Lazio,[7] e Andrea, nato nel 2020 dall'unione con Gaia Lucariello.[8]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Gli inizi al Piacenza e i vari prestiti[modifica | modifica wikitesto]
Simone Inzaghi (a sinistra) al Piacenza nel 1998, in posa con il fratello Filippo della Juventus.

Cresciuto nelle giovanili della squadra della sua città, il Piacenza, a 18 anni viene mandato in prestito al Carpi[9] in Serie C1 dove trova poco spazio (9 presenze senza gol). Nei due anni successivi il Piacenza lo manda ancora a farsi le ossa in giro per l'Italia: nella stagione 1995-1996 è al Novara in Serie C2 con cui riesce a giocare con continuità segnando anche 4 gol.[9] Nel 1996-1997 figura nella rosa del Lumezzane, sempre in Serie C2, con cui colleziona 23 presenze e 6 gol.[9]

La stagione successiva (1997-1998) viene prestato in Serie C1 al Brescello dove, giocando per la prima volta con continuità,[10] riesce a emergere (21 presenze, 10 gol)[9] guadagnandosi così nell'estate 1998 il ritorno al Piacenza, che gli offre un'opportunità in Serie A facendone il terminale del gioco offensivo.[9] Inzaghi va subito in gol alla prima giornata di campionato contro la Lazio,[9] alla quale viene poi ceduto nell'estate 1999.[9][11]

L'esperienza alla Lazio e gli anni seguenti[modifica | modifica wikitesto]

Approdato in maglia biancoceleste, oltre a contendere subito il posto da titolare al bomber cileno Marcelo Salas, conquista subito la Supercoppa UEFA.[12] Il centravanti piacentino si dimostra un'importante aggiunta in campionato e Champions League, dove sfodera prestazioni di alto livello.[13] Oltre alla doppietta contro il Maribor,[13] si mette in evidenza per la quaterna all'Olympique Marsiglia nella partita del 14 marzo 2000 (vinta 5-1 dalla sua squadra).[14] Il 14 maggio apre invece, su rigore, le marcature nel 3-0 contro la Reggina che assegna ai romani lo Scudetto.[15] Nel corso dell'anno solare vince anche la Coppa Italia e la Supercoppa italiana, rimpinguando ulteriormente il suo palmarès.[16]

Simone Inzaghi in azione alla Lazio nel campionato 1999-2000

Scivolato ai margini della squadra nelle stagioni successive, non perde comunque la sua abilità realizzativa.[17] Vinta la Coppa Italia nel 2004,[18] il 25 novembre segna contro il Partizan in Coppa UEFA il gol del definitivo 2-2, divenendo il miglior marcatore del club nelle coppe continentali con 20 reti.[1][19]

Rientrando sempre meno nei piani della società, viene ceduto in prestito alla Sampdoria (nel primo semestre del 2005) e all'Atalanta (per la stagione 2007-08). Tornato a Roma, il 4 ottobre 2008 ritrova (contro il Lecce) il gol che in Serie A gli mancava dal 18 settembre 2004 e che regala il pareggio per 1-1 ai capitolini:[20] questa sarà anche la sua ultima marcatura in campionato.[20]

Lascia il calcio giocato al termine della stagione 2009-10, dopo aver vinto nuovamente la Coppa Italia e la Supercoppa italiana.[21][22] L'ultima presenza in maglia biancoceleste è in trasferta contro l'Atalanta, nella sconfitta del 17 gennaio 2010 (3-0).[23]

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Sotto le gestioni dei commissari tecnici Dino Zoff e Giovanni Trapattoni, Simone Inzaghi ha giocato 3 partite in maglia azzurra, una delle quali insieme al fratello Filippo (l'amichevole con la Spagna del 29 marzo 2000).[3][24]

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Lazio[modifica | modifica wikitesto]

Gli inizi nelle giovanili[modifica | modifica wikitesto]

Il 22 maggio 2010 annuncia la rescissione, con un anno di anticipo, del suo contratto con la Lazio, rimanendo comunque nell'ambiente biancoceleste, stavolta in veste di allenatore degli Allievi Regionali, con i quali vincerà a fine stagione la Coppa regionale.[25] Per la stagione successiva viene promosso sulla panchina degli Allievi Nazionali biancocelesti.

Promosso alla guida della Primavera nel gennaio 2014, subentrando a Alberto Bollini, vince la Coppa Italia di categoria contro la Fiorentina.[26] I romani non vincevano il trofeo da 35 anni.[26] Nello stesso anno, si aggiudica la Supercoppa contro il Chievo.[27] La stagione 2014-15 lo vede bissare il successo in coppa (trionfando nel derby capitolino) e perdere il Campionato ai tiri di rigore nella finale contro il Torino,[28][29] avversario che batte la Lazio anche nella Supercoppa (questa volta ai supplementari).[30]

L'approdo in prima squadra[modifica | modifica wikitesto]
2016-2018[modifica | modifica wikitesto]

Il 3 aprile 2016, in seguito all'esonero di Stefano Pioli, il presidente laziale Claudio Lotito opta per la nomina ad interim di Simone Inzaghi come allenatore della prima squadra;[31] esordisce ufficialmente una settimana dopo, nella vittoria esterna, per 3-0, contro il Palermo.[32] A fine stagione, con sette partite a disposizione andrà a conquistare dodici punti conducendo la squadra a piazzarsi all'ottavo posto.[33]

In vista della stagione successiva la società biancoceleste affida inizialmente la panchina a Marcelo Bielsa, che però si dimette poco dopo la sua ufficializzazione per via di divergenze di calciomercato con il patron Lotito, il quale a sua volta decide di ridare in mano le redini della squadra, stavolta definitivamente, proprio a Simone Inzaghi.[34] Il 1º marzo 2017 guida la squadra biancoceleste a vincere il Derby contro la Roma, dopo quasi quattro anni dall'ultimo, in occasione della semifinale d'andata di Coppa Italia dove si impone per 2-0.[35] Il 30 aprile successivo la Lazio torna a trionfare nella stracittadina anche in campionato poiché i biancocelesti si impongono, per 1-3, sui giallorossi tornando a vincere tale gara in Serie A dopo quattro anni e cinque mesi.[36] Il 17 maggio 2017 perde la finale di Coppa Italia contro la Juventus per 2-0.[37] A fine stagione, oltre ad aver disputato la finale di Coppa Italia, insieme ai suoi conquista il quinto posto valido per partecipare alla prossima Europa League.

La seconda stagione sulla panchina biancoceleste si apre con la vittoria del suo primo titolo da allenatore; la Lazio, nella partita valida per l'assegnazione della Supercoppa italiana, supera i campioni d'Italia della Juventus con il risultato di 2-3.[2] Tale risultato lo porta a essere l'unico, nella storia del club romano, ad avere vinto il trofeo sia sul campo sia in panchina.[2] Il 14 settembre 2017 fa il suo esordio anche in Europa League, battendo gli olandesi del Vitesse per 2-3.[38] Il 18 aprile 2018, in occasione della trasferta vinta, per 3-4, contro la Fiorentina, siede per la centesima volta sulla panchina della Lazio.[39] Conclude la stagione al quinto posto, mancando in extremis la qualificazione alla Champions League: all'ultima giornata di campionato, con Lazio e Inter rispettivamente in quarta e quinta posizione con tre punti di differenza, i biancocelesti ospitano in casa proprio i nerazzurri, che si impongono per 2-3 e, in virtù degli scontri diretti, scavalcano il club romano, che deve accontentarsi dell'accesso all'Europa League.[40]

2018-2021[modifica | modifica wikitesto]

Nella stagione 2018-2019, nonostante un rendimento non eccelso della squadra in campionato, e nonostante la delusione in Europa League (la Lazio esce infatti ai sedicesimi di finale contro il Siviglia),[41] Inzaghi riesce a guidare il team capitolino fino alla finale di Coppa Italia, trionfando quindi per 2-0 sull'Atalanta, e conquistando di fatto il suo secondo trofeo nell'esperienza sulla panchina biancoceleste.[42]

Nell'annata 2019-2020 la Lazio esce ai gironi di Europa League ma il 22 dicembre vince di nuovo la Supercoppa italiana contro la Juventus per 1-3, la seconda per Inzaghi da allenatore.[43] L'11 gennaio 2020, battendo per 1-0 il Napoli raggiunge la decima vittoria consecutiva in Serie A, cosa mai avvenuta prima nei 120 anni di storia della società capitolina;[44] sette giorni dopo batte il record vincendo 5-1 contro la Sampdoria.[45][46] La gara successiva la striscia si interrompe a causa di un pareggio per 1-1 nel derby.[47] Il 24 giugno 2020, a causa della sconfitta sul campo dell'Atalanta per 3-2, termina l'imbattibilità in campionato dopo 21 giornate, realizzando la striscia più lunga di imbattibilità della storia del club; il precedente record era di 17 turni senza sconfitte appartenente a Sven-Göran Eriksson, nella stagione 1998/1999. Il 29 luglio 2020, sedendo in panchina contro il Brescia, raggiunge Dino Zoff come allenatore più presente nella storia del club biancoceleste con 202 partite ufficiali,[48] superandolo definitivamente il successivo 1º agosto in occasione dell'ultima gara stagionale contro il Napoli.[49] A fine campionato la squadra si piazza al quarto posto, tornando in Champions League dopo 13 anni di assenza.[50]

La stagione 2020-2021 oltre a segnare il ritorno dei capitolini in Champions League, è anche quella dell'esordio per Inzaghi come allenatore nella massima competizione europea per club: il 20 ottobre 2020 infatti la Lazio gioca e vince per 3 reti a 1 contro i tedeschi del Borussia Dortmund nella prima partita del girone.[51] I biancocelesti terminano il girone al secondo posto da imbattuti, alle spalle proprio dei tedeschi, qualificandosi così agli ottavi di finale, obiettivo che mancava da 20 anni.[52] La prima partita in casa dell'anno nuovo termina, contro la Fiorentina, 2-1.[53] Il 15 gennaio 2021 si gioca il derby Lazio-Roma, dove i biancocelesti riescono a vincere con un netto 3-0,[54] concedendo l'unico tiro in porta alla formazione avversaria all' 85'.[55] Il 21 gennaio successivo riescono ad accedere ai quarti di finale di Coppa Italia, battendo 2-1 il Parma,[56] ma verrano eliminati di seguito con l'Atalanta con il risultato di 3-2.[57] Tra la 16ª giornata e la 21ª giornata, le Aquile riescono a collezionare 6 vittorie di fila, contro Fiorentina,[53] Parma,[58] Roma,[54] Sassuolo,[59] Atalanta[60] e Cagliari[61] terminando poi il campionato al sesto posto a 10 punti dalla zona Champions.[62] A fine stagione, dopo cinque anni sulla panchina della Lazio, sceglie di non rinnovare il contratto in scadenza con il club biancoceleste.[63]

Inter[modifica | modifica wikitesto]

Il 3 giugno 2021 viene annunciato come nuovo tecnico dell'Inter, con un accordo biennale.[64] Esordisce sulla panchina nerazzurra il 21 agosto successivo, nella vittoria per 4-0 contro il Genoa al debutto in campionato.[65] Il 15 settembre fa il debutto con l'Inter nelle coppe europee, perdendo di misura contro il Real Madrid in Champions League (0-1),[66] mentre ottiene la prima vittoria europea con i meneghini il 19 ottobre contro lo Sheriff Tiraspol (3-1).[67]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Club Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
1993-1994 Italia Piacenza A 0 0 CI 0 0 - - - - - - 0 0
ago.-ott. 1994 B 0 0 CI 0 0 - - - - - - 0 0
1994-1995 Italia Carpi C1 9 0 CI-C ? ? - - - - - - 9+ 0+
1995-1996 Italia Novara C2 23 4 CI-C ? ? - - - - - - 23+ 4+
1996-1997 Italia Lumezzane C2 23 6 CI-C ? ? - - - - - - 23+ 6+
ago.-ott. 1997 Italia Piacenza A 0 0 CI 1 0 - - - - - - 1 0
1997-1998 Italia Brescello C1 21 10 CI+CI-C ?+? 0+? - - - - - - 21+ 10+
1998-1999 Italia Piacenza A 30 15 CI 0 0 - - - - - - 30 15
Totale Piacenza 30 15 1 0 - - - - 31 15
1999-2000 Italia Lazio A 22 7 CI 6 3 UCL 11 9 SU 1 0 40 19
2000-2001 A 13 4 CI 1 0 UCL 9 3 SI 0 0 23 7
2001-2002 A 20 5 CI 2 1 UCL 6 0 - - - 28 6
2002-2003 A 18 4 CI 3 1 CU 8 4 - - - 29 9
2003-2004 A 24 6 CI 4 1 UCL 5 3 - - - 33 10
2004-gen. 2005 A 12 1 CI 1 0 CU 3 1 SI 0 0 16 2
gen.-giu. 2005 Italia Sampdoria A 5 0 CI 2 0 - - - - - - 7 0
2005-2006 Italia Lazio A 7 0 CI 2 1 Int 0 0 - - - 9 1
2006-2007 A 5 0 CI 0 0 - - - - - - 5 0
2007-2008 Italia Atalanta A 19 0 CI 0 0 - - - - - - 19 0
2008-2009 Italia Lazio A 9 1 CI 1 0 - - - - - 10 1
2009-2010 A 3 0 CI 0 0 UEL 0 0 SI 0 0 3 0
Totale Lazio 133 28 20 7 42 20 1 0 196 55
Totale carriera 163 63 23+ 7+ 42 20 1 0 229+ 90+

Cronologia presenze e reti in nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Italia
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
29-3-2000 Barcellona Spagna Spagna 2 – 0 Italia Italia Amichevole - Ingresso al 60’ 60’
15-11-2000 Torino Italia Italia 1 – 0 Inghilterra Inghilterra Amichevole - Ingresso al 61’ 61’
16-11-2003 Ancona Italia Italia 2 – 0 Romania Romania Amichevole - Ingresso al 55’ 55’
Totale Presenze 3 Reti 0

Statistiche da allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 24 novembre 2021. In grassetto le competizioni vinte.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale % Vittorie Piazzamento
Comp G V N P Comp G V N P Comp G V N P Comp G V N P G V N P %
apr.-giu. 2016 Italia Lazio A 7 4 0 3 CI - - - - UCL+UEL - - - - SI - - - - 7 4 0 3 57,14 Sub., 8º
lug. 2016-2017 A 38 21 7 10 CI 5 3 0 2 - - - - - - - - - - 43 24 7 12 55,81 Sub., 5º
2017-2018 A 38 21 9 8 CI 4 2 2 0 UEL 12 7 2 3 SI 1 1 0 0 55 31 13 11 56,36
2018-2019 A 38 17 8 13 CI 5 3 2 0 UEL 8 3 0 5 - - - - - 51 23 10 18 45,10
2019-2020 A 38 24 6 8 CI 2 1 0 1 UEL 6 2 0 4 SI 1 1 0 0 47 28 6 13 59,57
2020-2021 A 38 21 5 12 CI 2 1 0 1 UCL 8 2 4 2 - - - - - 48 24 9 15 50,00
Totale Lazio 197 108 35 54 18 10 4 4 34 14 6 14 2 2 0 0 251 134 45 72 53,39
2021-2022 Italia Inter A 13 8 4 1 CI 0 0 0 0 UCL 5 3 1 1 SI 0 0 0 0 18 11 5 2 61,11 in corso
Totale carriera 210 116 39 55 18 10 4 4 39 17 7 15 2 2 0 0 269 145 50 74 53,90

Record[modifica | modifica wikitesto]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Novara: 1995-1996 (Girone A)
Lumezzane: 1996-1997 (Girone A)
Lazio: 1999-2000
Lazio: 1999-2000, 2003-2004, 2008-2009
Lazio: 2000, 2009[69]

Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Lazio: 1999

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni giovanili[modifica | modifica wikitesto]
Lazio: 2013-2014, 2014-2015
Lazio: 2014
Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]
Lazio: 2017, 2019
Lazio: 2018-2019

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

Miglior allenatore del settore giovanile: 2015
Miglior allenatore: 2020
Miglior allenatore: 2017[70]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Stefano Cieri, La Lazio ingrana tardi, in La Gazzetta dello Sport, 26 novembre 2004.
  2. ^ a b c Marco Ercole, Supercoppa alla Lazio con Immobile e Murgia Inzaghi è nella storia, in la Repubblica, 14 agosto 2017, p. 5.
  3. ^ a b E i fratelli Inzaghi si ritrovano in azzurro, in la Repubblica, 26 marzo 2000, p. 43.
  4. ^ NAZIONALE: FRATELLI INZAGHI, NON PENSIAMO A JUVE-LAZIO, Adnkronos, 27 marzo 2000.
  5. ^ Simone Inzaghi papà: è nato Tommaso, in La Gazzetta dello Sport, 30 aprile 2001.
  6. ^ Simone Inzaghi papà! Gaia Lucariello gli ha donato Lorenzo, su oggi.it, 17 aprile 2013.
  7. ^ Redazione Lazionews.eu, Dinastia Inzaghi: il piccolo Lorenzo entra nella scuola calcio della Lazio (FOTO), su Lazionews.eu, 22 settembre 2020. URL consultato il 2 novembre 2021.
  8. ^ Terzo figlio in casa Inzaghi: è nato il piccolo Andrea, su it.notizie.yahoo.com. URL consultato il 10 agosto 2020.
  9. ^ a b c d e f g Lorenzo Mangini, Scudetto e nazionale: fu il 2000 l'anno d'oro, in la Repubblica, 11 gennaio 2005, p. 10.
  10. ^ Vanni Zagnoli, Il ballo di Simone, in Guerin Sportivo, Bologna, Conti Editore, 1998.
  11. ^ Germano Bovolenta, Inzaghi fratelli d'Italia Filippo e Simone si dividono già le vittorie: "Scudetto alla Juve, coppa Campioni alla Lazio", in La Gazzetta dello Sport, 21 giugno 1999.
  12. ^ Trionfo biancoceleste, su www2.raisport.rai.it, 27 agosto 1999. URL consultato il 23 novembre 2017 (archiviato dall'url originale il 5 marzo 2016).
  13. ^ a b Corrado Sannucci, Inarrestabile Lazio Maribor ko, solito show, in la Repubblica, 20 ottobre 1999, p. 56.
  14. ^ Corrado Sannucci, Inzaghi show, la Lazio è tornata, in la Repubblica, 15 marzo 2000, p. 55.
  15. ^ La Lazio campione d'Italia, su repubblica.it, 15 maggio 2000.
  16. ^ Corrado Sannucci, Lopez, subito show: Inter ko, in la Repubblica, 9 settembre 2000, p. 57.
  17. ^ Ruggiero Palombo, L'UOMO PROVVIDENZA, in La Gazzetta dello Sport, 2 ottobre 2003.
  18. ^ Il carattere della Lazio un pari che vale la Coppa, su repubblica.it, 12 maggio 2004.
  19. ^ Emilio Marrese, Di Canio e Inzaghi, bella rimonta Buu razzisti anche all'Olimpico, in la Repubblica, 26 novembre 2004, p. 59.
  20. ^ a b La Lazio a un passo dal tracollo Inzaghi rimedia in extremis, su repubblica.it, 4 ottobre 2008.
  21. ^ Jacopo Manfredi, Lazio, la Coppa servita ai rigori, su repubblica.it, 13 maggio 2009.
  22. ^ Riccardo Pratesi, Supercoppa alla Lazio Inter sorpresa 2-1, su gazzetta.it, 8 agosto 2009.
  23. ^ Stefano Cieri, Doni 100 L'Atalanta riparte con il capitano Lazio travolta, in La Gazzetta dello Sport, 18 gennaio 2010.
  24. ^ Mezza Italia, tutta Spagna, su www2.raisport.rai.it, 29 marzo 2000. URL consultato il 23 novembre 2017 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2017).
  25. ^ Daniele Baldini, Simone Inzaghi:"Sarò a capo degli allievi regionali", su lalaziosiamonoi.it, 22 giugno 2010.
  26. ^ a b Francesco Oddi, Battuta la Fiorentina, alla Lazio la Coppa Italia Primavera, su gazzetta.it, 9 aprile 2014.
  27. ^ Enrica Di Carlo, Supercoppa Primavera: la Lazio si aggiudica il trofeo [collegamento interrotto], su romadaleggere.it, 1º ottobre 2014.
  28. ^ Francesco Oddi, Trionfo, derby e ribaltone: la Lazio alza la Coppa Italia, su gazzetta.it, 1º maggio 2015.
  29. ^ Marco Ercole, Il Torino vince lo scudetto Primavera. Lazio, il triplete sfuma ai rigori, su repubblica.it, 16 giugno 2015.
  30. ^ Vincenzo D'Angelo, Supercoppa Primavera, Torino-Lazio 2-1 decide Bortoluz ai supplementari, su gazzetta.it, 14 novembre 2015.
  31. ^ Marco Calabresi, Lazio, esonerato Pioli: tocca a Simone Inzaghi, su gazzetta.it, 3 aprile 2016.
  32. ^ Marco Ercole, Inzaghi, buona la prima "La reazione che volevo in corsa per l'Europa", in la Repubblica, 11 aprile 2016, p. 4.
  33. ^ Giulio Cardone e Marco Ercole, Inzaghi vince ancora: "La squadra è con me, merito la conferma", 9 maggio 2016.
  34. ^ Comunicato 08.07.2016, su sslazio.it, 8 luglio 2016.
  35. ^ Nicola Berardino, Coppa Italia, Lazio-Roma 2-0: Milinkovic e Immobile in gol, su gazzetta.it, 1º marzo 2017.
  36. ^ Matteo Pinci, Il trionfo di Inzaghi, lo stratega low cost, in la Repubblica, 1º maggio 2017, p. 32.
  37. ^ Andrea Ghislandi, Juve-Lazio 2-0, i bianconeri vincono la Coppa Italia, su sportmediaset.mediaset.it, 17 maggio 2017.
  38. ^ Nicola Berardino, Europa League, Vitesse-Lazio 2-3: Murgia firma la rimonta, su gazzetta.it, 14 settembre 2017.
  39. ^ Giulio Cardone, Inzaghi, altro traguardo con la sua Lazio: contro i viola la centesima panchina in Serie A, su lalaziosiamonoi.it, 18 aprile 2018.
  40. ^ Luca Taidelli, Lazio-Inter 2-3, nerazzurri in Champions! Decide la testa di Vecino, su gazzetta.it, 20 maggio 2018.
  41. ^ Europa League, Siviglia-Lazio 2-0: decidono Ben Yedder e Sarabia, su gazzetta.it. URL consultato il 6 giugno 2020.
  42. ^ Milinkovic-Correa: la Lazio vince la Coppa Italia, su sport.sky.it, 15 maggio 2019.
  43. ^ Simone Inzaghi: "Magico battere due volte la Juve, quando non si vinceva so chi c'è stato e chi no", su Eurosport, 22 dicembre 2019. URL consultato il 6 giugno 2020.
  44. ^ Lazio-Napoli 1-0: papera clamorosa di Ospina, Immobile ringrazia, su Eurosport, 11 gennaio 2020. URL consultato il 6 giugno 2020.
  45. ^ Lazio senza fine, tris di Immobile e 11 vittorie di fila, su lastampa.it, 19 gennaio 2020. URL consultato il 6 giugno 2020.
  46. ^ La Lazio continua a vincere: le altre serie di vittorie consecutive in A, su sport.sky.it. URL consultato il 6 giugno 2020.
  47. ^ Roma-Lazio 1-1, Acerbi replica a Dzeko nel derby delle papere, su repubblica.it, 26 gennaio 2020. URL consultato il 6 giugno 2020.
  48. ^ Stefano Cieri, Inzaghi come Zoff. E Dino lo applaude: "Te lo sei meritato", su gazzetta.it, 29 luglio 2020.
  49. ^ Inzaghi si prende la scena. Con il Napoli il sorpasso su Zoff: ora è lui il primatista della Lazio, su informazione.it, 1º agosto 2020. URL consultato il 10 agosto 2020.
  50. ^ La S.S. Lazio torna in Champions League, su sslazio.it. URL consultato il 10 agosto 2020.
  51. ^ Lazio-Borussia Dortmund 3-1: i biancocelesti calano il tris all'esordio, su repubblica.it, 20 ottobre 2020. URL consultato il 28 maggio 2021.
  52. ^ Champions League, Lazio-Bruges 2-2: video, gol e highlights, su tg24.sky.it. URL consultato il 28 maggio 2021.
  53. ^ a b Serie A - Lazio-Fiorentina 2-1, le pagelle: Caicedo c'è sempre. Castrovilli brillante, su Eurosport, 6 gennaio 2021. URL consultato il 28 maggio 2021.
  54. ^ a b Lazio-Roma 3-0: doppio Luis Alberto e Immobile, trionfo di Inzaghi nel derby, su corrieredellosport.it. URL consultato il 28 maggio 2021.
  55. ^ Dzeko emblema di una Roma spenta: nel derby un tiro in porta all'85', su goal.com. URL consultato il 28 maggio 2021.
  56. ^ Coppa Italia: Lazio-Parma 2-1, al 90' i biancocelesti si guadagnano l'Atalanta, su repubblica.it, 21 gennaio 2021. URL consultato il 28 maggio 2021.
  57. ^ Coppa Italia, Atalanta-Lazio 3-2: nerazzurri (in 10) in semifinale, su repubblica.it, 27 gennaio 2021. URL consultato il 28 maggio 2021.
  58. ^ Parma-Lazio 0-2: i biancocelesti rovinano il ritorno di D'Aversa, su repubblica.it, 10 gennaio 2021. URL consultato il 28 maggio 2021.
  59. ^ Lazio-Sassuolo 2-1, le pagelle: Milinkovic-Savic è un gigante, Djuricic l'ultimo a mollare, su eurosport.it, 24 gennaio 2021. URL consultato il 28 maggio 2021.
  60. ^ Serie A, Atalanta-Lazio 1-3, pagelle: Milinkovic-Savic show, Marusic alla Del Piero, Ilicic spento, su eurosport.it, 31 gennaio 2021. URL consultato il 28 maggio 2021.
  61. ^ Lazio-Cagliari 1-0: Immobile gol. Inzaghi show, 6ª vittoria di fila, su corrieredellosport.it. URL consultato il 28 maggio 2021.
  62. ^ Serie A, la classifica finale della stagione 2020/2021, su ilpost.it, 24 maggio 2021. URL consultato il 28 maggio 2021.
  63. ^ La Lazio: "Rispettiamo il suo ripensamento". Inzaghi: "Chiusa una meravigliosa avventura", su gazzetta.it, 27 maggio 2021.
  64. ^ Simone Inzaghi è il nuovo allenatore dell'Inter, su inter.it, 3 giugno 2021. URL consultato il 3 giugno 2021.
  65. ^ Inter, è subito show: 4-0 al Genoa con super Calhanoglu, su gazzetta.it, 21 agosto 2021. URL consultato il 22 agosto 2021.
  66. ^ Inter, che beffa! Courtois para tutto, poi Rodrygo all’89’ fa godere il Real, su gazzetta.it, 15 settembre 2021.
  67. ^ Inter, missione compiuta: Sheriff arrestato e prima gioia in Champions, su gazzetta.it, 19 ottobre 2021.
  68. ^ Inzaghi, a Napoli record di panchine Lazio: "È stata una stagione memorabile", su gazzetta.it, 31 luglio 2020.
  69. ^ In rosa, ma non sceso in campo.
  70. ^ Il Premio Fortunato ai fratelli Inzaghi: «Per noi la favola continua», su corrieredellosport.it, 13 dicembre 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]