Marko Arnautović

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Marko Arnautović
AUT vs. SUI 2015-11-17 (033).jpg
Arnautović con la Nazionale austriaca nel 2015
Nazionalità Austria Austria
Altezza 192 cm
Peso 83 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Attaccante, ala
Squadra Stoke City
Carriera
Giovanili
1995-1998 Floridsdorfer
1998-2001 Austria Vienna
2001-2002 First Vienna
2002-2003 Austria Vienna
2003-2004 Rapid Vienna
2004-2005 Floridsdorfer
2006-2007 Twente
Squadre di club1
2005-2006 Floridsdorfer 19 (5)
2006-2009 Twente 45 (12)
2009-2010 Inter 3 (0)
2010-2013 Werder Brema 72 (14)
2013- Stoke City 93 (16)
Nazionale
2006 Austria Austria U-18 1 (0)
2007 Austria Austria U-19 4 (0)
2007-2010 Austria Austria U-21 6 (3)
2008- Austria Austria 55 (11)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 22 giugno 2016

Marko Arnautović (Vienna, 19 aprile 1989) è un calciatore austriaco di origine serba, attaccante o ala dello Stoke City e della Nazionale austriaca.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Di padre serbo e madre austriaca, Arnautović è nato nel distretto viennese di Floridsdorf.[1][2] Ha un fratello di nome Danijel, che è anche il suo agente,[3] ed è sposato con Sarah, dalla quale ha avuto una figlia, Emilia, nata il 16 luglio 2012.[4]

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Alto 192 cm per 82 kg di peso,[1] è una punta duttile tatticamente.[1] Abile sia col piede destro che col sinistro, può ricoprire la posizione di ala in un tridente offensivo, avendo grande agilità,[2] buone capacità nel saltare l'uomo e un repertorio tecnico nel quale rientra anche il cosiddetto elastico,[1] ma può essere anche schierato come centravanti, ruolo nel quale è in grado di difendere il pallone grazie alla sua forza fisica, far salire la squadra e colpire di testa.[1][2] Per queste caratteristiche di attaccante atipico, che unisce tecnica e fisicità, è stato spesso accostato a Zlatan Ibrahimović.[1][3]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Giovanili[modifica | modifica wikitesto]

Ha iniziato a giocare nel Floridsdorfer, la squadra del distretto viennese in cui è nato.[2] Comincia quindi la trafila delle giovanili che lo porta a militare nei settori giovanili di Austria Vienna, First Vienna e Rapid Vienna, prima del rientro al Floridsdorfer.[1]

Twente[modifica | modifica wikitesto]

Esordio in prima squadra[modifica | modifica wikitesto]
Arnautović con la maglia del Twente

Nel 2006, diciassettenne, viene acquistato dal Twente. Nella stagione 2006-2007 con la squadra allievi realizza 18 reti, nella stagione successiva ne mette a referto 21 in 24 partite con la seconda squadra[5]. Debutta in prima squadra in Eredivisie il 14 aprile 2007, sostituendo lo svedese Kennedy Bakırcıoğlu al 76' del match perso 2-0 contro il PSV Eindhoven; colleziona la seconda e ultima presenza stagionale entrando in campo al 79' contro il NAC Breda, alla 34ª giornata di campionato.[2] Nell'annata seguente viene utilizzato maggiormente e totalizza 14 presenze in campionato, di cui però solo una da titolare, contro il De Graafschap.[2] Il 4 ottobre 2007 entra in campo al 111' al posto di Youssouf Hersi e contribuisce alla vittoria in rimonta del Twente contro gli spagnoli del Getafe nel 1º turno della Coppa UEFA 2007-2008. Nonostante la vittoria per 3-2, il Getafe si qualifica al turno successivo grazie alla regola dei gol fuori casa.

Stagione 2008-2009[modifica | modifica wikitesto]

Nel mese di luglio del 2008 il Feyenoord lo cerca insistentemente, offrendo 6,5 milioni di euro,[1] ma il giovane preferisce rinnovare il contratto con la squadra di Enschede, allenata dall'inglese Steve McClaren.[6] Nella stagione seguente, complice l'infortunio patito in estate dallo svizzero Blaise Nkufo, Arnautović guadagna la maglia di centravanti titolare nell'undici di partenza.[1][2] A seguire, con il rientro di Nkufo, viene utilizzato costantemente come ala destra nel tridente offensivo del Twente, completato sulla sinistra da Eljero Elia.[1] Il 13 agosto 2008 gioca da titolare la partita di andata del terzo turno di qualificazione alla Champions League persa per 2-0 in casa contro l'Arsenal. A causa di uno stiramento agli adduttori salta la partita di ritorno, finita sul risultato di 4-0 per gli inglesi.[7]. Il 18 settembre gioca da titolare nella partita di andata del primo turno di Coppa UEFA persa per 2-1 in Francia contro il Rennes. Vincendo 1-0 al ritorno gli olandesi si qualificano alla fase a gironi eliminatori. Arnautović entra in campo all'85' al posto di Romano Denneboom in occasione della prima giornata del girone, vinta per 1-0 contro il Racing Santander. Schierato da titolare nella partita successiva, in cui il Twente perde 3-2 contro il Manchester City all'Etihad Stadium, l'austriaco deve uscire per infortunio durante il primo tempo, sostituito da Stijn Huysegems. Il Twente arriva al secondo posto nel girone, dopo la squadra inglese.

Fa il suo debutto stagionale in campionato alla quinta giornata, subentrando nel secondo tempo a Cheik Tioté in occasione della sconfitta per 3-0 in casa dell'Utrecht. Il 18 ottobre 2008, nella partita successiva, vinta per 2-0 contro l'Heracles Almelo, entra in campo al 66' e realizza il suo primo gol con la maglia del Twente che porta in vantaggio la squadra di Enschede. Da quel momento nel corso della stagione viene schierato sempre da titolare da Steve McClaren. Il 26 ottobre mette a segno la sua prima doppietta, che permette al Twente di vincere per 2-0 in casa del Vitesse. Torna a segnare il 22 novembre, in occasione della 12ª giornata di campionato, e si ripete nelle tre partite successive, che vedono il Twente sempre vittorioso. Il 19 febbraio 2009 realizza il gol che permette al Twente di vincere per 1-0 nella partita di andata dei Sedicesimi di finale di Coppa UEFA vinta contro il Marsiglia allo Stade Vélodrome.[8]. Al ritorno i francesi ottengono la qualificazione al turno successivo ai calci di rigore. Arnautović è uno dei tiratori e riesce a battere Steve Mandanda dal dischetto. Termina la stagione avendo messo a referto 12 reti in 28 presenze di Eredivisie. Nell'ultima partita giocata con il Twente, la finale di Coppa d'Olanda persa ai rigori contro l'Heerenveen, Arnautović si procura una "frattura da stress al piede destro"[1][5][9].

Inter[modifica | modifica wikitesto]

Dopo una trattativa complicata dal problema fisico pregresso, che fa saltare anche il trasferimento di Arnautović al Chelsea per 12 milioni di euro[10][11], il 6 agosto 2009 viene ufficializzato il suo prestito con diritto di riscatto all'Inter[12]: il riscatto è legato al suo completo recupero dall'infortunio.[13] Va a vestire la maglia numero 89, come il suo anno di nascita. A causa dell'infortunio Arnautović non partecipa agli allenamenti nel precampionato e salta la parte iniziale della stagione.[14] Il debutto sia in Serie A che con la maglia nerazzurra avviene il 6 gennaio 2010 nella partita vinta dall'Inter per 1-0 sul campo del Chievo Verona, quando sostituisce Mario Balotelli negli ultimi 3 minuti del match.[15] Il 10 gennaio gioca tutto il secondo tempo della partita Inter-Siena, subentrando all'infortunato Dejan Stanković, e contribuisce alla rimonta nerazzurra negli ultimi minuti da 2-3 a 4-3.[16]

Il 24 aprile gioca la sua terza e ultima partita con la maglia dell'Inter nel match contro l'Atalanta subentrando a Diego Milito al 35' del secondo tempo. In meno di un quarto d'ora sfiora il gol con un potente rasoterra da 25 metri dopo aver rubato un pallone alla difesa avversaria, e all'ultimo minuto, con un tiro al volo finito alto.

Nelle ultime partite della stagione continua a non essere preso in considerazione dall'allenatore José Mourinho e siede spesso in panchina senza mai entrare in campo. Viene ritenuto un giocatore immaturo e poco professionista nonostante il talento.[17] Lo stesso Arnautović successivamente dichiarerà di aver patito, a soli 20 anni, il passaggio dalla città di Enschede (in una regione periferica e con pochi svaghi) alla vita mondana milanese, fatta di ristoranti, club e belle donne.[17] Tuttavia è considerato vincitore di Coppa Italia, campionato e Champions League, conseguendo il triplete pur avendo giocato solamente tre partite di campionato, zero in Coppa Italia e zero in Champions (era inserito nella lista dei 23 di quest'ultima competizione). Ha dichiarato che l'esperienza in Italia è stata positiva dal punto di vista agonistico e umano e gli ha permesso di crescere molto.[14]

Werder Brema[modifica | modifica wikitesto]

Stagione 2010-2011[modifica | modifica wikitesto]
Arnautović con la maglia del Werder Brema

Il 4 giugno 2010 il Twente, dopo essere venuto al corrente delle intenzioni dell'Inter di non riscattare il giocatore, decide di vendere l'attaccante austriaco al Werder Brema a titolo definitivo per 6.200.000 e con un contratto valido fino al 30 giugno 2014.[18] Trascorsi pochi giorni dal suo arrivo in Germania, Arnautović riceve delle critiche per il suo comportamento, prima dal capitano Torsten Frings[19], poi dal direttore tecnico dei tedeschi, Klaus Allofs.[20] Sceglie di vestire la maglia numero 7 e fa il suo esordio con il Werder il 18 agosto nella partita di andata dei preliminari di Champions League contro la Sampdoria vinta per 3-1 dai tedeschi.[21] Il 28 agosto nella partita contro il Colonia realizza il primo gol e la sua prima doppietta in Bundesliga.[22] In Champions League viene sorteggiato nel girone A contro le sue due ex-squadre: Twente ed Inter[23], ed il 20 ottobre realizza la sua prima rete in questa competizione nella partita Twente-Werder terminata sul risultato di 1-1.[24]

Il 7 dicembre va in gol contro la sua altra ex squadra, segnando la rete del 2-0 nella partita Werder-Inter (3-0), tuttavia il Werder termina il girone in ultima posizione. Nel resto della stagione si fa notare più per i continui richiami disciplinari che per le prestazioni in campo e la dirigenza del Werder si lamenta più volte per il suo comportamento[25]. Il 6 aprile 2011 viene escluso dalla lista dei convocati per la partita contro il Borussia Dortmund poiché la notte precedente si trovava in un nightclub[26][27].

Torna a segnare solo nell'ultima partita del campionato, in casa del Kaiserslautern, ma il suo gol non serve ad evitare la sconfitta per 3-2. Termina la sua prima stagione in Germania con 34 partite giocate e 5 gol segnati, molto al di sotto delle aspettative, tanto da essere eletto dalla Bild come 'il secondo flop più costoso nella storia del Werder'[28].

Stagione 2011-2012[modifica | modifica wikitesto]

La stagione 2011-2012 inizia con l'eliminazione della squadra anseatica dalla Coppa di Germania in virtù della sconfitta per 2-1 al 1º turno contro l'Heidenheim, squadra della 3. Liga.[29] Nella partita, giocata il 30 luglio 2011, Arnautović entra nel secondo tempo al posto di Lennart Thy. La prima rete in campionato arriva il 20 agosto, in occasione della terza giornata di campionato, quando l'austriaco segna il gol del 3-2 nella vittoria per 5-3, contro il Friburgo. Si ripete la settimana successiva nella vittoria esterna per 1-2 contro l'Hoffenheim. Il rendimento di Arnautović è migliore di quello della stagione precedente, infatti viene elogiato per l'impegno e per la professionalità dimostrata, oltre che per il suo autocontrollo.[30] Il 2 ottobre realizza una rete nel derby perso per 3-2 alla AWD-Arena contro l'Hannover 96. Nella stessa partita riceve la prima espulsione in carriera con una squadra di club e successivamente viene squalificato per tre giornate.[31][32] Torna in campo il 5 novembre, giocando da titolare in campionato al Weserstadion contro il Colonia (3-2).[33] L'11 febbraio 2012 segna la rete del pareggio al 90' della 21ª giornata di campionato, terminata sul risultato di 1-1 al Weserstadion contro l'Hoffenheim. Si ripete il 18 febbraio, realizzando il terzo gol della sua squadra nel derby vinto per 3-1 in casa dell'Amburgo.[34] L'8 marzo, mentre gioca nel giardino di casa con il proprio cane, riporta una lesione ai legamenti del ginocchio: l'articolazione rimane bloccata nell'erba girandosi in modo innaturale, causando così il trauma.[35] Torna in campo sei settimane dopo, il 21 aprile subentrando al compagno Florian Trinks al minuto 68 nella sconfitta interna per 1-2 contro il Bayern Monaco. Il Werder termina la stagione con la nona posizione in classifica, Arnautović gioca 20 partite segnando 6 gol.

Stagione 2012-2013[modifica | modifica wikitesto]

Nella nuova stagione realizza il suo primo gol stagionale nella vittoria per 4-0 sul Borussia Mönchengladbach del 20 ottobre 2012. Il 2 dicembre ha realizzato la sua prima tripletta con la maglia del Werder nella vittoria esterna per 4-1 in casa dell'Hoffenheim, con anche una rete su calcio di punizione. Nella rimanente parte di stagione, realizza soltanto un altro gol, in casa del Wolfsburg (1-1). Il 29 marzo è protagonista di una rissa durante l' allenamento con il compagno Sokratis Papastathopoulos. I due vengono divisi dall'allenatore Thomas Schaaf e da alcuni compagni.[36]

Nel mese di aprile Arnautović viene fermato dalla polizia alle 3 di notte per eccesso di velocità, mentre è alla guida della sua auto insieme al compagno di squadra Eljero Elia, viaggiando a 52 km/h sopra il limite di velocità. Per questo motivo la dirigenza mette entrambi i giocatori fuori squadra fino al termine della stagione.[37].[38] L'attaccante austriaco salta così le ultime quattro partite di Bundesliga, con il Werder Brema che arriva al quattordicesimo posto.

Ritorna in campo nella stagione successiva, subentrando nel secondo tempo della partita contro il Saarbrücken, valida per il primo turno di Coppa di Germania. Il Saarbrücken, che milita in 3. Liga, ottiene una vittoria per 3-1 ai tempi supplementari, eliminando così il Werder. In panchina nelle prime due giornate di campionato, Arnautović è in campo contro il 23 agosto contro il Borussia Dortmund e il 31 agosto contro il Borussia Mönchengladbach, collezionando le sue ultime presenze prima del trasferimento in Inghilterra.

Stoke City[modifica | modifica wikitesto]

Il 2 settembre 2013 viene acquistato dallo Stoke City per 2,8 milioni di euro[17].[39] Debutta in Premier League il 14 settembre nello 0-0 contro il Manchester City subentrando al compagno Adam al minuto 70. Segna il suo primo gol in campionato il 26 ottobre nella sconfitta per 3-2 contro il Manchester United segnando il secondo gol del momentaneo 1-2, realizzando su calcio di punizione. Tre giorni dopo segna il terzo gol della sua squadra nel 4-4 di Coppa di Lega contro il Birmingham City. Conclude la sua prima stagione inglese con 30 presenze e 4 gol, mentre la squadra raggiunge il nono posto in classifica.

La stagione 2014/2015 è negativa per Arnautović, che è spesso fuori dall'undici titolare.[17] Il primo e unico gol in campionato arriva l'11 aprile 2015 in casa del West Ham (1-1), alla trentaduesima giornata di Premier League. Nelle successive sei partite di campionato gioca con più continuità, servendo anche due assist nel 6-1 inflitto al Liverpool, con cui i "Potters" terminano il campionato ancora una volta in nona posizione.

La stagione 2015/2016 è una svolta per il giocatore austriaco, che forma un tridente offensivo con Bojan Krkić (anche lui di origini serbe) e il neoacquisto Xherdan Shaqiri. Si mette in mostra per l'impegno in allenamento e in campo, dove si rende partecipe anche con ripiegamenti difensivi, partecipando all'azione su tutta la fascia di competenza per poi accentrarsi in zona gol.[17] Il 15 agosto segna al debutto contro il Tottenham nel 2-2 a White Hart Lane. Il 3 ottobre realizza il gol decisivo nello 0-1 contro l'Aston Villa. Si ripete il 7 novembre nella prestigiosa vittoria per 1-0 contro il Chelsea, questo risultato sarà determinante per l'esonero di José Mourinho, suo allenatore ai tempi dell'Inter.[17] Tre partite dopo mette a segno la doppietta con cui i "Potters" battono per 2-0 il Manchester City[40]. Il 26 dicembre, giorno del tradizionale Boxing Day di Premier League, Arnautović va in gol anche contro il Manchester United nella vittoria per 2-0 della sua squadra. Il 28 dicembre, chiude il 2015 procurandosi e realizzando un calcio di rigore al 90', decisivo per il 3-4 in casa dell'Everton. Grazie a queste reti supera, soltanto in metà stagione, il numero dei suoi gol precedentemente realizzati allo Stoke.[17] Il 27 febbraio 2016 realizza una doppietta con cui lo Stoke City vince per 2-1 contro l'Aston Villa. Termina il campionato con 34 presenze, 11 reti e 7 assist, diventando il miglior realizzatore stagionale della sua squadra, che arriva al nono posto in classifica.[41] Inoltre colleziona 6 presenze e un gol in Coppa di Lega. Il 27 luglio prolunga il contratto con lo Stoke City fino al 2020.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Arnautović con la Nazionale austriaca nel 2016

Dopo aver giocato con quasi tutte le nazionali giovanili austriache e aver disputato da titolare il campionato europeo Under-19 2007 giocato in casa,[2] ha debuttato con la Nazionale maggiore l'11 ottobre 2008, contro le Isole Fær Øer, subentrando al posto di Marc Janko.[2]

Il suo primo gol con la nazionale Under-21 arriva il 3 marzo 2010, quando realizza il primo dei tre gol contro la Danimarca a Vienna[42].

L'8 ottobre 2010 arrivano i primi gol con la nazionale maggiore, grazie ad una doppietta realizzata nella gara vinta per 3-0 contro l'Azerbaijan[43] valida per le qualificazioni a Euro 2012. Il 12 ottobre segna di nuovo contro il Belgio e diventa il capocannoniere dell'Austria nel girone.

A marzo del 2011 gioca altre due partite contro Belgio e Turchia ma le sue prestazioni sono giudicate poco brillanti e gli austriaci subiscono due sconfitte che infrangono i loro sogni di qualificazione[44]. Dopo la partita giocata al Şükrü Saraçoğlu di Istanbul, Arnautović se la prende con l'attaccante del Duisburg Stefan Maierhofer, che si era fatto parare un rigore dal portiere turco Volkan Demirel e che in passato aveva criticato il comportamento lunatico del suo compagno di squadra[5]. Solo l'intervento dei compagni di squadra evita una rissa[45][46].

Per questi problemi dentro e fuori dal campo, il commissario tecnico Dietmar Constantini lo esclude dalla lista dei convocati per le partite contro Germania e Lettonia previste per il mese di giugno[44]. Torna a giocare in Nazionale il 2 settembre 2011, quando scende in campo contro la Germania, in un incontro del girone di qualificazione ad Euro 2012. In questa partita, persa per 6-2 alla Veltins-Arena di Gelsenkirchen, gioca per 90 minuti e segna il gol del momentaneo 3-1. L'Austria termina il girone al quarto posto e non riesce a qualificarsi. Arnautović con quattro reti è il migliore marcatore della sua Nazionale.

Durante le qualificazioni a Euro 2016 è uno dei protagonisti, insieme a David Alaba, della qualificazione della compagine austriaca alla competizione.[3]

Viene convocato per gli Europei 2016 in Francia.[47] Arnautović è titolare in tutte e tre le partite del Gruppo F, che l'Austria conclude all'ultimo posto alle spalle di Ungheria, Islanda, e dei futuri campioni del Portogallo.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 11 maggio 2016.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2005-2006 Austria Floridsdorfer WSL 19 5 CA 0 0 - - - - - - 19 5
2006-2007 Paesi Bassi Twente ED 2 0 CO 0 0 - - - - - - 2 0
2007-2008 ED 15 0 CO 0 0 CU 1 0 - - - 16 0
2008-2009 ED 28 12 CO 5 1 UCL+CU 1+7 0+1 - - - 41 14
Totale Twente 45 12 5 1 9 1 - - 59 14
2009-2010 Italia Inter A 3 0 CI 0 0 UCL 0 0 SI - - 3 0
2010-2011 Germania Werder Brema BL 25 3 CG 2 0 UCL 7 2 - - - 34 5
2011-2012 BL 19 6 CG 1 0 - - - - - - 20 6
2012-2013 BL 26 5 CG 1 0 - - - - - - 27 5
ago.2013 BL 2 0 CG 1 0 - - - - - - 3 0
Totale Werder Brema 72 14 5 0 7 2 - - 84 16
2013-2014 Inghilterra Stoke City PL 30 4 FACup+CdL 2+3 0+1 - - - - - - 35 5
2014-2015 PL 29 1 FACup+CdL 3+3 1+0 - - - - - - 35 2
2015-2016 PL 33 11 FACup+CdL 0+6 0+1 - - - - - - 40 12
Totale Stoke City 93 16 17 3 - - - - 110 19
Totale carriera 232 47 27 4 16 3 - - 275 54

Cronologia presenze e reti in Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in Nazionale - Austria Austria
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
11-10-2008 Tórshavn Fær Øer Fær Øer 1 – 1 Austria Austria Qual. Mondiali 2010 - Ingresso al 80’ 80’
15-10-2008 Vienna Austria Austria 1 – 3 Serbia Serbia Qual. Mondiali 2010 - Ingresso al 46’ 46’
19-11-2008 Vienna Austria Austria 2 – 4 Turchia Turchia Amichevole - Ingresso al 46’ 46’
11-2-2009 Graz Austria Austria 0 – 2 Svezia Svezia Amichevole - Uscita al 78’ 78’
1-4-2009 Klagenfurt am Wörthersee Austria Austria 2 – 1 Romania Romania Qual. Mondiali 2010 - Uscita al 70’ 70’
8-10-2010 Vienna Austria Austria 3 – 0 Azerbaigian Azerbaigian Qual. Euro 2012 2
12-10-2010 Bruxelles Belgio Belgio 4 – 4 Austria Austria Qual. Euro 2012 1 Uscita al 88’ 88’
17-11-2010 Vienna Austria Austria 1 – 2 Grecia Grecia Amichevole - Uscita al 87’ 87’
9-2-2011 Eindhoven Paesi Bassi Paesi Bassi 3 – 1 Austria Austria Amichevole 1
25-3-2011 Vienna Austria Austria 0 – 2 Belgio Belgio Qual. Euro 2012 -
29-3-2011 Istanbul Turchia Turchia 2 – 0 Austria Austria Qual. Euro 2012 - Ingresso al 69’ 69’
2-9-2011 Gelsenkirchen Germania Germania 6 – 2 Austria Austria Qual. Euro 2012 1
6-9-2011 Vienna Austria Austria 0 – 0 Turchia Turchia Qual. Euro 2012 - Uscita al 90+3’ 90+3’
7-10-2011 Baku Azerbaigian Azerbaigian 1 – 4 Austria Austria Qual. Euro 2012 - Uscita al 66’ 66’
11-10-2011 Astana Kazakistan Kazakistan 0 – 0 Austria Austria Qual. Euro 2012 - Uscita al 83’ 83’
15-11-2011 Leopoli Ucraina Ucraina 2 – 1 Austria Austria Amichevole - Ammonizione al 81’ 81’
29-2-2012 Klagenfurt am Wörthersee Austria Austria 3 – 1 Finlandia Finlandia Amichevole - Uscita al 62’ 62’
1-6-2012 Innsbruck Austria Austria 3 – 2 Ucraina Ucraina Amichevole 2
5-6-2012 Innsbruck Austria Austria 0 – 0 Romania Romania Amichevole - Uscita al 86’ 86’
11-9-2012 Vienna Austria Austria 1 – 2 Germania Germania Qual. Mondiali 2014 -
12-10-2012 Vienna Kazakistan Kazakistan 0 – 0 Austria Austria Qual. Mondiali 2014 -
16-10-2012 Vienna Austria Austria 4 – 0 Kazakistan Kazakistan Qual. Mondiali 2014 -
14-11-2012 Linz Austria Austria 0 – 3 Costa d'Avorio Costa d'Avorio Amichevole -
6-2-2013 Swansea Galles Galles 2 – 1 Austria Austria Amichevole -
22-3-2013 Vienna Austria Austria 6 – 0 Fær Øer Fær Øer Qual. Mondiali 2014 -
26-3-2013 Dublino Irlanda Irlanda 2 – 2 Austria Austria Qual. Mondiali 2014 -
7-6-2013 Vienna Austria Austria 2 – 1 Svezia Svezia Qual. Mondiali 2014 -
14-8-2013 Salisburgo Austria Austria 0 – 2 Grecia Grecia Amichevole - Uscita al 65’ 65’
6-9-2013 Monaco di Baviera Germania Germania 3 – 0 Austria Austria Qual. Mondiali 2014 - Uscita al 67’ 67’
10-9-2013 Vienna Austria Austria 1 – 0 Irlanda Irlanda Qual. Mondiali 2014 - Ingresso al 60’ 60’
11-10-2013 Solna Svezia Svezia 2 – 1 Austria Austria Qual. Mondiali 2014 - Red card.svg 90’
19-11-2013 Vienna Austria Austria 1 – 0 Stati Uniti Stati Uniti Amichevole - Uscita al 80’ 80’
5-3-2014 Klagenfurt am Wörthersee Austria Austria 1 – 1 Uruguay Uruguay Amichevole - Uscita al 81’ 81’
30-5-2014 Innsbruck Austria Austria 1 – 1 Islanda Islanda Amichevole - Uscita al 75’ 75’
3-6-2014 Olomouc Rep. Ceca Rep. Ceca 1 – 2 Austria Austria Amichevole -
8-9-2014 Vienna Austria Austria 1 – 1 Svezia Svezia Qual. Euro 2016 -
9-10-2014 Chișinău Moldavia Moldavia 1 – 2 Austria Austria Qual. Euro 2016 - Uscita al 79’ 79’
12-10-2014 Vienna Austria Austria 1 – 0 Montenegro Montenegro Qual. Euro 2016 - Uscita al 63’ 63’
15-11-2014 Vienna Austria Austria 1 – 0 Russia Russia Qual. Euro 2016 - Uscita al 90+1’ 90+1’
18-11-2014 Vienna Austria Austria 1 – 2 Brasile Brasile Amichevole - Uscita al 77’ 77’
27-3-2015 Vaduz Liechtenstein Liechtenstein 0 – 5 Austria Austria Qual. Euro 2016 1
31-3-2015 Vienna Austria Austria 1 – 1 Bosnia ed Erzegovina Bosnia ed Erzegovina Amichevole - Uscita al 62’ 62’
14-6-2015 Mosca Russia Russia 0 – 1 Austria Austria Qual. Euro 2016 -
5-9-2015 Vienna Austria Austria 1 – 0 Moldavia Moldavia Qual. Euro 2016 -
8-9-2015 Solna Svezia Svezia 1 – 4 Austria Austria Qual. Euro 2016 - Uscita al 88’ 88’
9-10-2015 Podgorica Montenegro Montenegro 2 – 3 Austria Austria Qual. Euro 2016 1
12-10-2015 Vienna Austria Austria 3 – 0 Liechtenstein Liechtenstein Qual. Euro 2016 1
17-11-2015 Vienna Austria Austria 1 – 2 Svizzera Svizzera Amichevole -
26-3-2016 Vienna Austria Austria 2 – 1 Albania Albania Amichevole - Uscita al 87’ 87’
29-3-2016 Vienna Austria Austria 1 – 2 Turchia Turchia Amichevole - Uscita al 67’ 67’
31-5-2016 Klagenfurt am Wörthersee Austria Austria 2 – 1 Malta Malta Amichevole 1 Uscita al 46’ 46’
4-6-2016 Vienna Austria Austria 0 – 2 Paesi Bassi Paesi Bassi Amichevole - Uscita al 81’ 81’
14-6-2016 Bordeaux Austria Austria 0 – 2 Ungheria Ungheria Euro 2016 -
18-6-2016 Parigi Portogallo Portogallo 0 – 0 Austria Austria Euro 2016 -
22-6-2016 Saint-Denis Islanda Islanda 2 – 1 Austria Austria Euro 2016 -
Totale Presenze 55 Reti 11

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Inter: 2009-2010
Inter: 2009-2010

Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Inter: 2009-2010

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i j k Stefano Cantalupi, Valerio Clari, Next generation: Arnautovic, in www.gazzetta.it, 13 agosto 2009.
  2. ^ a b c d e f g h i Stefano Chioffi, Arnautovic, il piccolo Ibrahimovic, in www.corrieredellosport.it, 17 marzo 2009. URL consultato l'11 settembre 2009.
  3. ^ a b c Inghilterra: la nuova vita di Arnautovic, da sosia di Ibra a protagonista, repubblica.it. URL consultato il 3 gennaio 2016.
  4. ^ (EN) Arnautovic a first-time papa, werder.de. URL consultato il 4 gennaio 2013.
  5. ^ a b c (EN) Marko Arnautovic skidding off road to greatness, insidefutbol.com. URL consultato il 20 giugno 2011.
  6. ^ (NL) Arnautovic stays with Twente, De Telegraaf. URL consultato il 20 agosto 2008.
  7. ^ Arnautovic salta l'Arsenal, Uefa.com, 22 agosto 2008. URL consultato il 21 gennaio 2012.
  8. ^ Il Twente espugna Marsiglia con Arnautovic, Uefa.com, 20 febbraio 2009. URL consultato il 21 gennaio 2012.
  9. ^ Arnautović-Inter, finalmente sì, Uefa.com, 6 agosto 2009. URL consultato il 21 gennaio 2012.
  10. ^ Arnautovic: "Sono cambiato per Mourinho", fcinternews.it, 1º febbraio 2010.
  11. ^ (EN) Chelsea turn to Dembele as £12m deal for FC Twente striker Arnautovic breaks down, dailymail.co.uk, 6 agosto 2009.
  12. ^ Mercato: Arnautovic in prestito all'Inter, inter.it, 7 agosto 2009.
  13. ^ (EN) Arnautovic signs with Inter Milan, FCTwente.com, 6 agosto 2009.
  14. ^ a b Giuseppe Granieri, ESCLUSIVA - Arnautovic: "Inter indimenticabile, gruppo fantastico", 3 ottobre 2011.
  15. ^ Chievo-Inter: 0-1, campioni d'inverno, inter.it, 6 gennaio 2010.
  16. ^ L'evoluzione di Arnautović: Mou oggi si fida di lui, tuttomercatoweb.com, 10 gennaio 2010.
  17. ^ a b c d e f g Arnautovic, il ‘piccolo principe’ (forse) è diventato grande, http://gianlucadimarzio.com/, 27 dicembre 2015.
  18. ^ (EN) Perfect: Striker Arnautovic signs with Werder, werder.de, 4 giugno 2010.
  19. ^ Arnautovic ha già problemi con i compagni di squadra del Werder Brema, fcinter1908.it, 5 agosto 2010.
  20. ^ Il Werder infuriato con Arnautovic: "Se continua così qui non ha futuro", fcinter1908.it, 9 agosto 2010.
  21. ^ Champions, Samp sconfitta dal Werder. Esordio per Arnautovic, fcinter1908.it, 18 agosto 2010.
  22. ^ Super Arnautovic: doppietta all'esordio in Bundesliga, fcinter1908.it, 28 agosto 2010.
  23. ^ Champions: sale l'attesa per il Gruppo Arnautovic, fcinter1908.it, 14 settembre 2010.
  24. ^ Le altre di Champions, fantagazzetta.com, 20 ottobre 2010.
  25. ^ Il Werder non ne può più di Arnautovic: "Siamo insoddisfatti di tante cose", fcinter1908.it, 3 maggio 2011.
  26. ^ sms, Arnautovic, in Extra Time, 10 maggio 2011, p. 11.
  27. ^ Continua la saga Arnautovic: "A tarda notte in un night: il Werder lo sospende, fcinter1908.it, 7 maggio 2011.
  28. ^ Bild - Arnautovic secondo flop storico del Werder, Fcinternews.it, 15 maggio 2011.
  29. ^ Coppa di Germania, Bayer Leverkusen e Werder Brema eliminati, Sportitalia.com, 30 luglio 2011.
  30. ^ (DE) Vom Problemkind zum Teamplayer, Nordsee-zeitung.de, 28 settembre 2011.
  31. ^ pubblicazione:Ansa.it, Werder: Arnautovic fermato tre turni, 5 ottobre 2011.
  32. ^ (DE) Tritt sich Arnautovic hier alles kaputt?, Bild.de, 4 ottobre 2011.
  33. ^ (DE) Arnautovic-Comeback, in Nachrichten.at, 5 novembre 2011.
  34. ^ Dortmund non si ferma. Rehhagel all'Hertha, in Repubblica.it, 18 febbraio 2012.
  35. ^ ARNAUTOVIC SI INFORTUNA CON IL CANE - Lesione ai legamenti per l'ex Inter, in sportmediaset.it, 8 marzo 2012.
  36. ^ {Cita web|url=http://www.sportmediaset.mediaset.it/calcio/calcioestero/articoli/101789/rissa-al-werder-brema-tra-papastathopoulos-e-arnautovic.shtml%7Ceditore=sportmediaset.it%7Caccesso=27 luglio 2016|titolo=Rissa al Werder Brema tra Papastathopoulos e Arnautovic|data=29 marzo 2013}}
  37. ^ Arnautovic ed Elia sospesi fino a fine stagione. Pugno duro del Werder Brema, gazzetta.itdata=29 aprile 2013.
  38. ^ (EN) Werder Bremen ban Arnautovic and Elia for remainder of season after they’re caught speeding, sports.yahoo.com, 30 aprile 2013.
  39. ^ UFFICIALE: Stoke City, preso Arnautovic dal Werder Brema, tuttomercatoweb.com, 2 settembre 2013.
  40. ^ (EN) Stoke City 2-0 Manchester City: Marko Arnautovic bags a brace as Mark Hughes' rampant side punish visitors with emphatic display, dailymail.co.uk, 5 dicembre 2015.
  41. ^ (EN) Marko Ready To Make An Impact, stokecityfc.com, 14 giugno 2016.
  42. ^ Arnautovic, che punizione! Con l'Under toglie la ragnatela, sport.sky.it, 5 marzo 2010.
  43. ^ Primi gol in Nazionale per Marko Arnautovic, fcinternews.it, 9 ottobre 2010.
  44. ^ a b (EN) Austria’s Arnautovic overlooked for Germany game, Sports.yahoo.com, 19 maggio 2011.
  45. ^ (EN) Spanish side target rebel Arnautovic, Austrianindependent.com, 27 maggio 2011.
  46. ^ Arnautovic ne combina un'altra delle sue, Fcinter1908.it, 31 marzo 2010.
  47. ^ DER EURO KADER STEHT, eoefb.at, 31 maggio 2016. URL consultato il 31 maggio 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]