Emil Audero

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Emil Audero
Nazionalità Italia Italia
Altezza 192 cm
Peso 83 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Portiere
Squadra Sampdoria
Carriera
Giovanili
2008-2017Juventus
Squadre di club1
2016-2017Juventus1 (-1)
2017-2018Venezia35 (-37)[1]
2018-Sampdoria39 (-60)
Nazionale
2012Italia Italia U-159 (-3)
2012Italia Italia U-162 (-4)
2013-2014Italia Italia U-173 (-1)
2013-2015Italia Italia U-185 (-3)
2015Italia Italia U-193 (-1)
2016-2017Italia Italia U-204 (-4)
2017-2019Italia Italia U-2110 (-10)
Palmarès
Transparent.png Europei di calcio Under-17
Argento Slovacchia 2013
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 1° settembre 2019

Emil Audero, all'anagrafe Emilio Audero Mulyadi (Mataram, 18 gennaio 1997), è un calciatore italiano di origini indonesiane, portiere della Sampdoria.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Mataram da padre indonesiano e madre italiana, a un anno si è trasferito a Cumiana.[2]

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Portiere dal fisico ben strutturato, mostra un'ottima reattività tra i pali.[3]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Inizia a giocare a calcio da bambino nell'accademia dell'ex portiere Marco Roccati.[2] Qui viene notato da Michelangelo Rampulla, all'epoca preparatore dei portieri della Juventus, il quale lo fa entrare nel vivaio bianconero all'età di 11 anni.[2]

Compiuta via via tutta la trafila delle formazioni giovanili, viene convocato per la prima volta nella prima squadra di Massimiliano Allegri in occasione del derby di Torino del 30 novembre 2014;[2] nel biennio seguente è il portiere titolare della formazione Primavera di Fabio Grosso, con cui nel 2016 raggiunge la finale scudetto persa ai tiri di rigore contro i pari età della Roma,[4] ed è ciclicamente aggregato in prima squadra senza tuttavia mai scendere in campo.

Nella stagione 2016-2017, pur continuando a far parte della formazione giovanile di Grosso,[5] entra stabilmente nella rosa della prima squadra di Allegri come terzo portiere, dietro Buffon e Neto.[6] Il 27 maggio 2017, dopo 61 panchine, debutta da professionista in occasione dell'ultimo turno di campionato, nella partita vinta per 2-1 sul campo del Bologna.[7]

Nell'estate seguente viene ceduto in prestito al Venezia,[8][9] in Serie B, con cui disputa un campionato molto positivo a livello individuale, mantenendo la porta inviolata in ben 13 incontri e dimostrandosi uno dei migliori talenti della categoria.[3][10]

Tornato inizialmente a Torino al termine della stagione, nell'estate 2018 passa a titolo temporaneo, inizialmente con opzione e diritto di contro-riscatto, alla Sampdoria[11] con cui fa il suo debutto il successivo 12 agosto, nella gara di Coppa Italia vinta 1-0 contro la Viterbese Castrense.[12] Impostosi subito come titolare, a Genova è autore di prestazioni di rilievo, che ne fanno tra le rivelazioni della prima parte di campionato;[13][14] nel gennaio 2019 Sampdoria e Juventus riformulano il precedente accordo in un obbligo di riscatto a favore del club ligure,[15][16] che si formalizza nel febbraio seguente per 20 milioni di euro.[17]

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Ha scelto sin da ragazzino la nazionalità italiana nonostante il padre fosse indonesiano, ed è stato convocato per la prima volta nel 2012 per difendere i pali della Nazionale Under-15, con cui ha collezionato 9 presenze subendo solo 3 reti.

Con la Nazionale Under-17, nel 2013, viene convocato sia per il campionato mondiale sia per il campionato europeo, in cui l'Italia termina seconda, sconfitta in finale dalla Russia, non riuscendo mai però a scendere in campo in quanto gli viene preferito Simone Scuffet.

Successivamente colleziona presenze con l'Under-18, l'Under-19 e l'Under-20.

Esordisce con la Nazionale Under-21 il 4 settembre 2017, giocando titolare nella partita amichevole vinta 4-1 contro la Slovenia.[18] Viene convocato per l'Europeo Under-21 2019.[19]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 1° settembre 2019.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2016-2017 Italia Juventus A 1 -1 CI 0 -0 UCL 0 -0 SI 0 -0 1 -1
2017-2018 Italia Venezia B 35+3[20] -37 + -2[20] CI 1 -2 - - - - - - 39 -41
2018-2019 Italia Sampdoria A 36 -51 CI 1 -0 - - - - - - 37 -51
2019-2020 A 3 -9 CI 1 -1 - - - - - - 4 -10
Totale Sampdoria 39 -60 2 -1 - - - - 41 -61
Totale carriera 75+3 -98 + -2 3 -3 0 -0 0 -0 81 -103

Cronologia presenze e reti in nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Italia Under-21
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
4-9-2017 Cittadella Italia Under-21 Italia 4 – 1 Slovenia Slovenia Under-21 Amichevole -1 Uscita al 70’ 70’
10-10-2017 Ferrara Italia Under-21 Italia 4 – 0 Marocco Marocco Under-21 Amichevole -
14-11-2017 Frosinone Italia Under-21 Italia 3 – 2 Russia Russia Under-21 Amichevole -1 Uscita al 45’ 45’
27-3-2018 Novi Sad Serbia Under-21 Serbia 0 – 1 Italia Italia Under-21 Amichevole -
6-9-2018 Dunajská Streda Slovacchia Under-21 Slovacchia 3 – 0 Italia Italia Under-21 Amichevole -3
11-9-2018 Cagliari Italia Under-21 Italia 3 – 1 Albania Albania Under-21 Amichevole -1
15-10-2018 Vicenza Italia Under-21 Italia 2 – 0 Tunisia Tunisia Under-21 Amichevole -
15-11-2018 Ferrara Italia Under-21 Italia 1 – 2 Inghilterra Inghilterra Under-21 Amichevole -2
19-11-2018 Reggio Emilia Italia Under-21 Italia 1 – 2 Germania Germania Under-21 Amichevole -2
21-3-2019 Trieste Italia Under-21 Italia 0 – 0 Austria Austria Under-21 Amichevole -
Totale Presenze 10 Reti -10

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Juventus: 2016-2017
Juventus: 2016-2017

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ 38 (-39) se si comprendono le presenze nei play-off.
  2. ^ a b c d Francesco Oddi, Juventus, Allegri lancia Audero: a Bologna esordio per il terzo portiere, su gazzetta.it, 26 maggio 2017.
  3. ^ a b Paolo Priolo, Una giovane promessa spicca il volo: chi è Emil Audero, su sampnews24.com, 17 luglio 2018.
  4. ^ La Primavera si ferma solo ai rigori, su juventus.com, 4 giugno 2016.
  5. ^ Dario Lombardi, La prima volta di Emil Audero non si scorda mai, su spazioj.it, 26 maggio 2017.
  6. ^ Francesco Oddi, Da Audero a Zanimacchia: ecco i Primavera col numero di maglia in A, su gazzetta.it, 19 agosto 2016.
  7. ^ Audero: «I miei compagni mi hanno aiutato», su tuttosport.com, 27 maggio 2017.
  8. ^ Michele Contessa, Venezia, ecco anche Audero e Vitale, su nuovavenezia.gelocal.it, 7 luglio 2017.
  9. ^ Juve, quale strategia in porta? E Audero va in prestito al Venezia, su gazzetta.it, 8 luglio 2017.
  10. ^ Matteo Moretto, Anche Inzaghi ha il suo 'Buffon'. Audero si racconta: dalla Juve al sogno A col Venezia, su sport.sky.it, 23 ottobre 2017.
  11. ^ Audero è blucerchiato: temporaneo con opzione e contro-opzione, su sampdoria.it, 17 luglio 2018.
  12. ^ Paolo Priolo, Sampdoria-Viterbese, le pagelle: Jankto subito decisivo, su sampnews24.com, 12 agosto 2018.
  13. ^ Sampdoria, Audero insuperabile: migliore percentuale di parate nella top 5 d'Europa, su sport.sky.it, 17 ottobre 2018.
  14. ^ Sampdoria, Audero è tuo: parate e prodigi del portiere da 20 mln, su video.gazzetta.it, 30 gennaio 2019.
  15. ^ Audero, nuovo accordo con la Sampdoria, su juventus.com, 30 gennaio 2019.
  16. ^ Audero è tutto della Sampdoria: temporaneo con obbligo di riscatto, su sampdoria.it, 30 gennaio 2019.
  17. ^ Audero ceduto a titolo definitivo alla Sampdoria, su juventus.com, 26 febbraio 2019.
  18. ^ Michele Contessa, Dall'Under a Bari riecco i nemici-amici, su nuovavenezia.gelocal.it, 7 settembre 2017.
  19. ^ Parte l'avventura europea: Di Biagio ufficializza la lista dei 23 Azzurrini, su figc.it, 6 giugno 2019.
  20. ^ a b Play-off.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]