Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Football Club Twente

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
FC Twente
Calcio Football pictogram.svg
Tukkers, The Reds
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Trasferta
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Terza divisa
Colori sociali rosso
Dati societari
Città Enschede
Nazione Paesi Bassi Paesi Bassi
Confederazione UEFA
Federazione Flag of the Netherlands.svg KNVB
Campionato Eredivisie
Fondazione 1965
Presidente Paesi Bassi Aldo van der Laan
Allenatore Paesi Bassi René Hake
Stadio De Grolsch Veste
(24,000 posti)
Sito web www.fctwente.nl
Palmarès
Titoli nazionali 1 Campionato Olandese
Trofei nazionali 3 Coppe d'Olanda
2 Supercoppe d'Olanda
Si invita a seguire il modello di voce

Il Football Club Twente, meglio noto come Twente, è una società calcistica olandese con sede nella città di Enschede. Nella stagione 2015-2016 milita nella Eredivisie, la massima divisione del campionato di calcio olandese. Dal 1998 disputa le partite casalinghe al De Grolsch Veste, mentre precedentemente l'impianto sportivo di casa era il Diekman Stadion.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il club nacque nel 1965 dalla fusione di due club professionistici, lo Sportclub Enschede e gli Enschedese Boys. Nel 1926 lo Sportclub Enschede vinse il campionato.

I primi successi della squadra cominciano subito dopo l'unione sotto la guida dell'allenatore Kees Rijvers. Il Twente terminò terzo nel 1969, quarto nel 1970, quinto nel 1971 e terzo nel 1972 e nel 1973. La migliore stagione della squadra fu comunque quella del 1973-74 stagione in cui affrontò il Feyenoord in una lotta serrata per la conquista del campionato fino all'ultima giornata. Ad ogni modo, il Twente alla fine della stagione si assicurò la qualificazione per la Coppa UEFA.

Nell'edizione 1974-1975 della Coppa UEFA i Tukkers (così vengono chiamati gli abitanti della regione di Twente), grazie alla vittoria contro la Juventus in semifinale, avanzarono fino in finale, dove vennero sconfitti dal Borussia Mönchengladbach.

Una fase di Twente-Juventus (2-2), ritorno dei quarti di finale della Coppa delle Fiere 1970-1971.

Da quel momento in poi per la società vivrà un periodo di declino che porterà la squadra ad abbandonare la massima divisione nel 1982. Il Twente ritornò in massima divisione un anno dopo e il club si fece subito notare per l'incredibile numero di 1-1 e 0-0 che la squadra portava a casa dopo le partite; la squadra fu nota con l'appellativo "Noioso Twente" che oscurò in buona parte i risultati conseguiti in campionato come la qualificazione alle coppe europee per cinque anni consecutivi (dal 1985 al 1989).

Nel 1997 sotto la guida del tedesco Hans Meyer il Twente terminò il campionato guadagnandosi un posto in Coppa UEFA e il 24 maggio 2001 vinse la sua seconda Coppa d'Olanda battendo in finale il PSV Eindhoven per 3-1.

La stagione successiva il club uscì a sorpresa dalla Coppa contro la seconda squadra dell'Ajax; inoltre la squadra fece un mediocre campionato e una tifoseria, gli Ultras Vak-P, danneggiarono l'Arke Stadion frustrati per i piazzamenti del club. La società madre, l'FC Twente '65 Corporation, dichiarò bancarotta nella stagione 2002-03 ponendo quasi fine all'esistenza della squadra. Il club comunque è sopravvissuto, ha partecipato alla finale di Coppa nazionale nel 2004.

Il 2007-08 è la stagione della rinascita: terzo, il Twente di Fred Rutten batte l'Ajax nella finale del minitorneo per andare in UEFA Champions League, qualificandosi per il terzo turno preliminare, dove sfiderà l'Arsenal. Gli inglesi si sbarazzano facilmente del Twente grazie ad una vittoria per 2-0 in Olanda e 4-0 a Londra.

Dall'estate 2008 fino a maggio 2010 l'allenatore è stato Steve McClaren. Nella stagione 2008-2009 il Twente conquista il secondo posto a 11 punti dai campioni olandesi dell'Az Alkmaar e strappa il biglietto per l'Europa League dopo essere stata eliminata negli spareggi per la Champions dallo FC Sporting Lisbona. L'anno successivo riesce infine a vincere il suo primo campionato. Nella stagione 2010-2011 il Twente sceglie come allenatore Michel Preud'homme che alla fine del campionato non rinnova il contratto. In tale stagione la squadra è seconda in campionato dietro l'Ajax, ma contro i lancieri vince la Coppa d'Olanda e. sotto la guida di Co Adriaanse, Supercoppa d'Olanda.

Il 18 maggio 2016 la commissione licenze della KNVB ha retrocesso d'ufficio il Twente in Eerste Divisie per la stagione 2016-2017[1]. La decisione è maturata a seguito di irregolarità finanziare del club e un accordo stretto con la Doyen Sport che si era assicurata una percentuale sulla futura vendita dei calciatori, pratica vietata nel calcio olandese[1]. La società potrà presentare ricorso contro questa decisione già annunciato da Onno Jacobs, direttore ad interim del club, attraverso il sito ufficiale del Twente: "Non ci arrendiamo, saremo combattivi"[senza fonte].

Stadio[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Diekman Stadion e De Grolsch Veste.

Tra il 1965 e il 1998 il Twente ha giocato le partite interne nel Diekman Stadion, impianto abbandonato nel 1998, anno dal quale gioca nel De Grolsch Veste, che può ospitare più spettatori dell'impianto precedente.

Rosa 2015-2016[modifica | modifica wikitesto]

Rosa aggiornata al 24 settembre 2015

N. Ruolo Giocatore
1 Paesi Bassi P Nick Marsman
3 Brasile D Bruno Uvini
4 Grecia D Giorgos Katsikas
5 Paesi Bassi D Robbert Schilder
7 Germania A Chinedu Ede
9 Norvegia A Torgeir Børven
10 Marocco C Hakim Ziyech
11 Ghana A Thomas Agyepong
12 Germania A Tim Hölscher
13 Paesi Bassi P Timo Plattel
15 Danimarca D Joachim Andersen
16 Paesi Bassi P Joël Drommel
N. Ruolo Giocatore
17 Paesi Bassi D Hidde ter Avest
19 Ghana C Shadrach Eghan
20 Paesi Bassi P Sonny Stevens
21 Cile C Felipe Gutiérrez
22 Sudafrica C Kamohelo Mokotjo
23 Paesi Bassi C Jelle van der Heyden
24 Paesi Bassi A Jari Oosterwijk
25 Paesi Bassi D Peet Bijen
26 Paesi Bassi A Jerson Cabral
27 Paesi Bassi A Alessio Da Cruz
28 Paesi Bassi D Jeroen van der Lely
99 Nigeria A Michael Olaitan

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (NL) Licentiecommissie biedt FC Twente tweede kans in de Jupiler League, su knvb.nl, 18 maggio 2016. URL consultato il 19 maggio 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]