Football Club Twente

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
FC Twente
Calcio Football pictogram.svg
Twentenaren, The Reds
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Trasferta
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Terza divisa
Colori sociali 600px Rosso con Bande sottili Bianche.png Rosso
Simboli Cavallo
Dati societari
Città Enschede
Nazione Paesi Bassi Paesi Bassi
Confederazione UEFA
Federazione Flag of the Netherlands.svg KNVB
Campionato Eredivisie
Fondazione 1965
Presidente Paesi Bassi Aldo van der Laan
Allenatore Uruguay Gonzalo García García
Stadio De Grolsch Veste
(24.000 posti)
Sito web www.fctwente.nl
Palmarès
Campionati olandesi Coppe dei Paesi BassiCoppe dei Paesi BassiCoppe dei Paesi Bassi Supercoppe dei Paesi BassiSupercoppe dei Paesi Bassi
Eredivisie 1
Si invita a seguire il modello di voce

Il Football Club Twente, meglio noto come Twente, è una società calcistica olandese con sede nella città di Enschede. Nella stagione 2019-2020 milita nella Eredivisie, la massima divisione del campionato di calcio olandese e disputa le partite casalinghe al De Grolsch Veste.

Nato nel 1965 in seguito all'unione di due club cittadini (l'Enschede, che vinse un titolo nazionale, e gli Enschedese Boys) prende il nome dall'omonima regione dalla quale Enschede è capoluogo. Nella sua storia ha vinto una Eredivisie, tre KNVB beker e due Johan Cruijff Schaal. A livello internazionale il massimo traguardo è stato il raggiungimento della finale della Coppa UEFA 1974-1975, nella quale è stato tuttavia sconfitto.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il club nacque nel 1º luglio 1965 dalla fusione di due club professionistici, lo Sportclub Enschede e gli Enschedese Boys. Nel 1926 lo Sportclub Enschede vinse il campionato.

I primi successi della squadra cominciano subito dopo l'unione sotto la guida dell'allenatore Kees Rijvers. Il Twente terminò terzo nel 1969, quarto nel 1970, quinto nel 1971 e terzo nel 1972 e nel 1973. La migliore stagione della squadra fu comunque quella del 1973-74 stagione in cui affrontò il Feyenoord in una lotta serrata per la conquista del campionato fino all'ultima giornata. Ad ogni modo, il Twente alla fine della stagione si assicurò la qualificazione per la Coppa UEFA.

Nell'edizione 1974-1975 della Coppa UEFA i Tukkers (così vengono chiamati gli abitanti della regione di Twente), grazie alla vittoria contro la Juventus in semifinale, avanzarono fino in finale, dove vennero sconfitti dal Borussia Mönchengladbach.

Una fase della doppia sfida tra Juventus e Twente nei quarti di finale della Coppa delle Fiere 1970-1971

Da quel momento in poi per la società vivrà un periodo di declino che porterà la squadra ad abbandonare la massima divisione nel 1982. Il Twente ritornò in massima divisione un anno dopo e il club si fece subito notare per l'incredibile numero di 1-1 e 0-0 che la squadra portava a casa dopo le partite; la squadra fu nota con l'appellativo "Noioso Twente" che oscurò in buona parte i risultati conseguiti in campionato come la qualificazione alle coppe europee per cinque anni consecutivi (dal 1985 al 1989).

Nel 1997 sotto la guida del tedesco Hans Meyer il Twente terminò il campionato guadagnandosi un posto in Coppa UEFA e il 24 maggio 2001 vinse la sua seconda Coppa d'Olanda battendo in finale il PSV per 3-1.

La stagione successiva il club uscì a sorpresa dalla Coppa contro la seconda squadra dell'Ajax; inoltre la squadra fece un mediocre campionato e una tifoseria, gli Ultras Vak-P, danneggiarono l'Arke Stadion frustrati per i piazzamenti del club. La società madre, l'FC Twente '65 Corporation, dichiarò bancarotta nella stagione 2002-03 ponendo quasi fine all'esistenza della squadra. Il club comunque è sopravvissuto, ha partecipato alla finale di Coppa nazionale nel 2004.

Il 2007-2008 è la stagione della rinascita: terzo, il Twente di Fred Rutten batte l'Ajax nella finale del minitorneo per andare in UEFA Champions League, qualificandosi per il terzo turno preliminare, dove sfiderà l'Arsenal. Gli inglesi si sbarazzano facilmente del Twente grazie ad una vittoria per 2-0 in Olanda e 4-0 a Londra.

Dall'estate 2008 fino a maggio 2010 l'allenatore è stato Steve McClaren. Nella stagione 2008-09 il Twente conquista il secondo posto a 11 punti dai campioni olandesi dell'Az Alkmaar e strappa il biglietto per l'Europa League dopo essere stata eliminata negli spareggi per la UEFA Champions League dallo FC Sporting Lisbona. L'anno seguente riesce a vincere il suo primo campionato. Questo trionfo permette al club di prendere parte alla fase a gironi di UEFA Champions League 2010-2011, venendo inserito nel gruppo A con Tottenham, FC Inter e Werder Brema. Concludendo il girone al terzo posto con 6 punti (3 pareggi ottenuti nelle tre partite casalinghe e una vittoria in Germania), la squadra viene ammessa alla fase ad eliminazione diretta di UEFA Europa League 2010-2011, dove elimina due squadre russe (Rubin Kazan e Zenit), ma ai quarti di finale subisce un complessivo totale di 8-2 contro il Villarreal e viene elimimato.

Nella stagione 2010-2011 il Twente sceglie come allenatore Michel Preud'homme che alla fine del campionato non rinnova il contratto. In tale stagione la squadra è seconda in campionato dietro l'Ajax, ma contro i lancieri vince la KNVB beker e, sotto la guida di Co Adriaanse, la Johan Cruijff Schaal. Inoltre prende parte alla fase a gironi di UEFA Europa League 2011-2012, venendo inserito nel gruppo K con Fulham, Odense e Wisla Cracovia. Grazie al primo posto, con 13 punti conquistati, gli olandesi vanno ai sedicesimi di finale, dove eliminano, con una doppia vittoria per 1-0, i rumeni della Steaua Bucarest; nulla possono agli ottavi, invece, contro lo Schalke (nonostante il trionfo del Twente in casa all’andata). Troviamo gli olandesi anche alla fase a gironi di Europa League 2012-2013, nel gruppo L con Helsingborg, Hannover 96 e Levante, ma qui il Twente conclude con un pessimo quarto posto (soltanto 4 pareggi); si tratta dell’ultima apparizione europea del club.

Il 18 maggio 2016 la commissione licenze della KNVB retrocede d'ufficio il Twente in Eerste Divisie per la stagione 2016-2017. La decisione matura a seguito di irregolarità finanziare del club e un accordo stretto con la Doyen Sport, che si era assicurata una percentuale sulla futura vendita dei calciatori, pratica vietata nel calcio olandese. La società presenta il ricorso e la corte d'appello gli dà ragione: il Twente rimane in Eredivisie anche nella stagione 2016-2017 sotto la guida di René Hake. Nella stagione 2017-2018 la squadra conclude un disastroso campionato all'ultimo posto in classifica, con soli 24 punti totalizzati ed una sola vittoria nel girone di ritorno, rimediando così la retrocessione in Eerste Divisie. Nonostante il disastroso percorso in campionato, il club, nel frattempo, è riuscito a raggiungere le semifinali di Coppa d’Olanda eliminando anche l’Ajax ai calci di rigori nel corso degli ottavi di finale; il cammino, però, è stato interrotto dall’AZ Alkmaar.

Cronistoria[modifica | modifica wikitesto]

Cronistoria del Football Club Twente
  • 1965: fondazione del Football Club Twente
  • 1965-66 · 11º in Eredivisie
  • 1966-67 · 13º in Eredivisie
  • 1967-68 · 8º in Eredivisie
  • 1968-69 · 3º in Eredivisie
  • 1969-70 · 4º in Eredivisie
Eliminato nei trentaduesimi della Coppa delle Fiere

Eliminato nei quarti della Coppa delle Fiere
Semifinalista nella Coppa UEFA
Eliminato negli ottavi della Coppa UEFA
Finalista nella KNVB beker
Finalista della Coppa UEFA
Coppa dei Paesi Bassi.svg Vince la KNVB beker (1º titolo)
Semifinalista nella Coppa delle Coppe
Eliminato nei trentaduesimi della Coppa UEFA
Finalista nella KNVB beker
Eliminato nei sedicesimi della Coppa delle Coppe

Eliminato nei sedicesimi della Coppa UEFA
Red Arrow Down.svg Retrocesso in Eerste Divisie.
Green Arrow Up.svg Promosso in Eredivisie.
Eliminato nei trentaduesimi della Coppa UEFA

Eliminato nei trentaduesimi della Coppa UEFA
Eliminato nei trentaduesimi della Coppa UEFA
Eliminato nei trentaduesimi della Coppa UEFA
Eliminato negli ottavi della Coppa UEFA
Eliminato nel terzo turno della Coppa Intertoto

Coppa dei Paesi Bassi.svg Vince la KNVB beker (2º titolo)
Eliminato nel secondo turno della Coppa UEFA
Finalista nella KNVB beker
Vince il terzo turno della Coppa Intertoto
Eliminato nel secondo turno della Coppa UEFA
Eliminato nel primo turno della Coppa UEFA
Eliminato nel terzo turno preliminare della Champions League
Eliminato nei trentaduesimi della Coppa UEFA
Finalista nella KNVB beker
  • 2009-10 · Trofeo Eredivisie.svg Campione dell'Eredivisie (1º titolo)
Eliminato nel terzo turno preliminare della Champions League
Eliminato nei sedicesimi della Europa League

Supercoppa dei Paesi Bassi.svg Vince la Johan Cruijff Schaal (1º titolo)
Eliminato nella fase a gruppi della Champions League
Eliminato nei quarti di finale della Europa League
Coppa dei Paesi Bassi.svg Vince la KNVB beker (3º titolo)
Supercoppa dei Paesi Bassi.svg Vince la Johan Cruijff Schaal (2º titolo)
Eliminato nei playoff della Champions League
Eliminato negli ottavi della Europa League
Eliminato nella fase a gruppi della Europa League
Eliminato nei playoff della Europa League
Red Arrow Down.svg Retrocesso in Eerste Divisie.
Green Arrow Up.svg Promosso in Eredivisie

Stadio[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Diekman Stadion e De Grolsch Veste.

Tra il 1965 e il 1998 il Twente ha giocato le partite interne nel Diekman Stadion, impianto abbandonato nel 1998, anno dal quale gioca nel De Grolsch Veste, che può ospitare più spettatori dell'impianto precedente.

Giocatori[modifica | modifica wikitesto]

Arrows-folder-categorize.svg Le singole voci sono elencate nella Categoria:Calciatori del F.C. Twente

Allenatori e presidenti[modifica | modifica wikitesto]

Arrows-folder-categorize.svg Le singole voci sono elencate nella Categoria:Allenatori del F.C. Twente

Di seguito è riportata la lista degli allenatori[1] che si sono succeduti alla guida del Twente dalla sua fondazione.

Allenatori

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

2009-2010
1976-1977, 2000-2001, 2010-2011
2010, 2011
2018-2019

Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

1983

Altri piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

Secondo posto: 1973-1974, 2008-2009, 2010-2011
Terzo posto: 1931-1932, 1935-1936, 1968-1969, 1971-1972, 1972-1973, 1975-1976, 1987-1988, 1988-1989, 1989-1990, 1996-1997, 2013-2014
Finalista: 1974-1975, 1978-1979, 2003-2004, 2008-2009
Semifinalista: 1967-1968, 1969-1970, 1997-1998, 2009-2010, 2014-2015, 2017-2018
Finalista: 2001
Secondo posto: 1983-1984
Semifinalista: 1977-1978
Finalista: 1974-1975
Semifinalista: 1972-1973

Statistiche e record[modifica | modifica wikitesto]

Partecipazione ai campionati e ai tornei internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Campionati nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Alla stagione 2018-2019 il club ha ottenuto le seguenti partecipazioni ai campionati nazionali:

Livello Categoria Partecipazioni Debutto Ultima stagione Totale
Eredivisie 47 1965-1966 2017-2018 47
Eerste Divisie 2 1983-1984 2018-2019 2

Tornei internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Alla stagione 2017-2018 il club ha ottenuto le seguenti partecipazioni ai tornei internazionali[2]:

Categoria Partecipazioni Debutto Ultima stagione
Coppa dei Campioni/UEFA Champions League 4 2008-2009 2011-2012
Coppa delle Coppe 2 1977-1978 1979-1980
Coppa UEFA/UEFA Europa League 19 1973-1973 2014-2015
Coppa delle Fiere 2 1969-1970 1970-1971

Statistiche individuali[modifica | modifica wikitesto]

il giocatore con più presenze nelle competizioni europee è Wout Brama a quota 66, mentre il miglior marcatore è Jan Jeuring con 15 gol[2].

Statistiche di squadra[modifica | modifica wikitesto]

A livello internazionale la miglior vittoria è il 7-0 ottenuto contro il Panachaïkī nel secondo turno della Coppa UEFA 1973-1974, mentre la peggior sconfitta è rappresentata dal 5-1 subito in due occasioni: dal Borussia Mönchengladbach nella finale della Coppa UEFA 1974-1975 e dal Villarreal nei quarti della UEFA Europa League 2010-2011[2].

Rosa 2019-2020[modifica | modifica wikitesto]

Aggiornata al 12 agosto 2019.

N. Ruolo Giocatore
2 Paesi Bassi D Paul Verhaegh
3 Paesi Bassi D Xandro Schenk
5 Spagna D Julio Pleguezuelo
6 Paesi Bassi C Wout Brama Captain sports.svg
7 Spagna C Aitor Cantalapiedra
8 Spagna C Javier Espinosa
9 Paesi Bassi A Tom Boere
10 Slovenia C Haris Vučkić
11 Germania C Alexander Laukart
12 Spagna D Motos
13 Giappone A Keito Nakamura
14 Norvegia A Rafik Zekhnini
15 Danimarca A Emil Berggreen
16 Paesi Bassi P Joël Drommel
N. Ruolo Giocatore
17 Germania C Tim Hölscher
18 Albania C Lindon Selahi
19 Inghilterra D Joël Latibeaudiere
21 Georgia C Giorgi Aburjania
22 Paesi Bassi P Jeffrey de Lange
23 Paesi Bassi C Jelle van der Heyden
24 Paesi Bassi A Jari Oosterwijk
25 Paesi Bassi D Peet Bijen
26 Belgio P Jorn Brondeel
28 Paesi Bassi D Jeroen van der Lely
29 Paesi Bassi C Godfried Roemeratoe
32 Paesi Bassi C Jesse Bosch
33 Paesi Bassi C Mats Wieffer

Rosa 2018-2019[modifica | modifica wikitesto]

Aggiornata al 14 gennaio 2019.

N. Ruolo Giocatore
2 Brasile D Ricardinho
3 Paesi Bassi D Xandro Schenk
4 Spagna D Nacho Monsalve
6 Paesi Bassi C Wout Brama Captain sports.svg
7 Spagna C Aitor Cantalapiedra
8 Marocco C Oussama Assaidi
9 Paesi Bassi A Tom Boere
10 Slovenia C Haris Vučkić
11 Germania C Alexander Laukart
13 Paesi Bassi P Nick Hengelman
14 Norvegia C Rafik Zekhnini
16 Paesi Bassi P Joël Drommel
17 Germania C Tim Hölscher
18 Germania C Ulrich Bapoh
19 Spagna C Javier Espinosa
20 Galles C Matt Smith
N. Ruolo Giocatore
21 Uruguay D Cristian González
22 Paesi Bassi P Jeffrey de Lange
23 Paesi Bassi C Jelle van der Heyden
24 Paesi Bassi A Jari Oosterwijk
25 Paesi Bassi D Peet Bijen
26 Belgio P Jorn Brondeel
27 Portogallo D Rafael Ramos
28 Paesi Bassi D Jeroen van der Lely
31 Paesi Bassi C Ryan Trotman
33 Paesi Bassi C Mats Wieffer
34 Paesi Bassi C Godfried Roemeratoe
36 Paesi Bassi C Rashaan Fernandes
41 Danimarca D Joel Felix
47 Paesi Bassi C Mo Hamdaoui
99 Nigeria A Fred Friday

Rosa 2017-2018[modifica | modifica wikitesto]

Aggiornata al 9 marzo 2018.

N. Ruolo Giocatore
2 Paesi Bassi D Hidde ter Avest
3 Finlandia D Thomas Lam
4 Paesi Bassi D Jos Hooiveld
5 Germania D Stefan Thesker
6 Curaçao C Michaël Maria
8 Marocco C Oussama Assaidi
9 Paesi Bassi A Tom Boere
10 Slovenia C Haris Vučkić
11 Germania C Alexander Laukart
13 Paesi Bassi P Nick Hengelman
14 Finlandia D Richard Jensen
15 Cile C Cristian Cuevas
16 Paesi Bassi P Joël Drommel
17 Austria A Marko Kvasina
N. Ruolo Giocatore
18 Austria D Michael Liendl
19 Finlandia C Fredrik Jensen
20 Paesi Bassi C Adam Maher
21 Paesi Bassi D Danny Holla
23 Paesi Bassi C Jelle van der Heyden
24 Paesi Bassi A Jari Oosterwijk
25 Paesi Bassi D Peet Bijen
26 Belgio P Jorn Brondeel
27 Paesi Bassi A Luciano Slagveer
28 Paesi Bassi D Jeroen van der Lely
29 Marocco A Mounir El Hamdaoui
30 Paesi Bassi C Dylan George
34 Marocco C Adnane Tighadouini

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ FC Twente » Storia Allenatore, in calcio.com. URL consultato il 3 febbraio 2019.
  2. ^ a b c (EN) FC Twente, in www.uefa.com. URL consultato il 3 febbraio 2019.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]