Steve McClaren

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Steve McClaren
Steve McClaren 2012 1.jpg
Nome Steven Barry McClaren
Nazionalità Inghilterra Inghilterra
Altezza 178 cm
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex centrocampista)
Squadra Svincolato
Ritirato 1992 - giocatore
Carriera
Squadre di club1
1979-1985 Hull City 178 (16)
1985-1988 Derby County 25 (0)
1987 Lincoln City 8 (0)
1988-1989 Bristol City 61 (2)
1989-1992 Oxford Utd 33 (0)
Carriera da allenatore
1992-1995 Oxford Utd B (vice)
1995-1999 Derby County
1999-2001 Manchester Utd (ass.)
2001-2006 Middlesbrough
2000-2006 Inghilterra Inghilterra (vice)
2006-2007 Inghilterra Inghilterra
2008-2010 Twente
2010-2011 Wolfsburg
2011 Nottingham Forest
2012-2013 Twente
2013-2015 Derby County
2015-2016 Newcastle Utd
2016-2017 Derby County
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 12 ottobre 2016

Steve Barry McClaren (Fulford, 3 maggio 1961) è un allenatore di calcio ed ex calciatore inglese, di ruolo centrocampista.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Trascorse la maggior parte della propria carriera nelle serie minori inglesi. Dopo aver lascialto l'Hull City, giocò con il Derby County, il Lincoln City (in prestito), il Bristol City e l'Oxford United, prima che un infortunio lo costringesse a ritirarsi nel 1992.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Subito dopo il ritiro dall'attività agonistica divenne l'allenatore delle riserve dell'Oxford United. Il 15 giugno 1995 firmò con il Derby County, dove ricoprì la carica di assistente di Jim Smith, già capo-allenatore a Oxford.

Il 31 gennaio 1999, colse l'opportunità di diventare assistente di Sir Alex Ferguson al Manchester United, al posto di Brian Kidd. La sua prima metà stagione fu molto positiva: i Reds non persero nessuna partita e a fine stagione ottennero il treble.

Il 21 giugno 2001 fu ingaggiato dal Middlesbrough. Con il Boro vinse quello che per il club è il trofeo più prestigioso della sua storia, ovvero la League Cup, nel 2004, battendo in finale il Bolton al Millennium Stadium di Cardiff. Nella stagione 2004-2005 condusse il Middlesbrough al 7º posto in Premier League, miglior piazzamento mai ottenuto dalla squadra nella sua storia. Lasciò la guida del Boro l'11 maggio 2006.

Dal 22 novembre 2000 al 31 ottobre 2002 è stato vice-allenatore della Nazionale inglese, agli ordini di Peter John Taylor, e poi dal 31 maggio 2004 al 1º luglio 2006 con Sven-Göran Eriksson.

Il 1º agosto 2006, conclusi i Mondiali di Germania, è stato scelto come allenatore dell'Inghilterra, sostituendo Eriksson. Nel biennio alla guida della Nazionale inglese si è distinto come uno dei peggiori tecnici nella storia dei Tre leoni. Il 22 novembre 2007, il giorno dopo aver mancato la qualificazione al campionato d'Europa 2008 a causa della sconfitta casalinga subita per mano della Croazia, è stato sollevato dall'incarico.

Durante gli Europei è stato ingaggiato dalla BBC come esperto, analizzando le partite e commentandole. Questa esperienza lo ha fatto lavorare al fianco dei giornalisti che lo avevano aspramente criticato come allenatore della nazionale. La decisione di ingaggiarlo da parte della BBC è stata contestata da molti, in particolare dal suo predecessore nel ruolo, Ian Wright.

Il 20 giugno 2008 è stato nominato nuovo allenatore del Twente. Nella stagione 2008-09 ottiene subito buoni risultati, sia in Olanda, col doppio secondo posto in campionato, dietro l'AZ di Louis van Gaal, e coppa nazionale, persa solamente ai rigori con l'Herenveen, che in Europa, dove, per la prima volta in 30 anni, riesce a rimanere in corsa dopo la fase invernale. Nella stagione successiva in Europa si ferma al primo turno ad eliminazione diretta, ma riesce a vincere il primo campionato olandese per il Twente.

L'11 maggio 2010 è stato nominato nuovo allenatore del Wolfsburg, società con la quale ha firmato un contratto biennale fino al 30 giugno 2012. Dopo sei mesi in cui la squadra è fuori dalla Coppa di Germania e dodicesima in classifica dopo 21 giornate, la dirigenza dei "Lupi" lo esonera il 7 febbraio 2011.

Il 13 giugno seguente torna in patria firmando un triennale fino al 2014 con il Nottingham Forest, club inglese che milita nella seconda divisione inglese con forti ambizioni al salto di categoria dopo due eliminazioni consecutive in semifinale Play-Off.[1] Lascia la squadra a novembre per alcune incomprensioni con la società in seguito al pessimo rendimento della squadra, terz'ultima in classifica generale.

Il 5 gennaio 2012 torna alla guida del Twente firmando un contratto di 2 anni e mezzo[2] e riesce a portare il club di Enschede al 6º posto in campionato.
Il 6 febbraio 2013, dopo una serie di risultati negativi e dopo non aver vinto neanche una partita nel nuovo anno, viene esonerato.

Il 3 luglio 2013 viene ingaggiato come vice di Harry Redknapp alla guida del Queens Park Rangers.

Il 30 settembre 2013 diventa il nuovo allenatore del Derby County, subentrando all'esonerato Nigel Clough. Nella stagione 2013-2014 porta il club ad un passo dalla promozione in Premier League (3º posto), poi fallita a causa della sconfitta in finale dei play-off contro il Queen's Park Rangers (0-1). Il 25 maggio 2015 viene sollevato dall'incarico, al termine di un'annata che ha visto i Rams chiudere con un deludente 8º posto.[3]

Il 10 giugno 2015 torna in Premier League venendo nominato nuovo tecnico del Newcastle, con cui firma un contratto triennale.[4]

L'11 marzo 2016 viene sollevato dall'incarico.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Derby County: 1986-1987

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Middlesbrough: 2003-2004
Twente: 2009-2010

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]