Sam Allardyce

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sam Allardyce
Big Sam Allardyce signs autographs for fans October 2014.jpg
Nome Samuel Allardyce
Nazionalità Inghilterra Inghilterra
Altezza 191 cm
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex difensore)
Carriera
Squadre di club1
1973-1980 Bolton Bolton 184 (21)
1980-1981 Sunderland 25 (2)
1981-1983 Millwall Millwall 63 (2)
1983 TB Rowdies TB Rowdies 11 (0)
1983-1984 Coventry City 28 (1)
1984-1985 Huddersfield Town Huddersfield Town 37 (0)
1985-1986 Bolton Bolton 14 (0)
1986-1989 Preston N.E. Preston N.E. 90 (2)
1989-1991 West Bromwich West Bromwich 1 (0)
1991-1992 Limerick Limerick 23 (3)
1992 Preston N.E. Preston N.E. 3 (0)
Carriera da allenatore
1991-1992 Limerick Limerick
1994-1996 Blackpool Blackpool
1997-1999 Notts County Notts County
1999-2007 Bolton Bolton
2007-2008 Newcastle Newcastle
2008-2010 Blackburn Blackburn
2011-2015 West Ham West Ham
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 24 maggio 2015

Samuel Allardyce (Dudley, 19 ottobre 1954) è un allenatore di calcio ed ex calciatore inglese, di ruolo difensore.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Allardyce ebbe una lunga carriera come calciatore, che iniziò nel 1973 proprio nel Bolton (con la cui maglia disputò 198 partite siglando 21 reti) e concluse nel 1992, nel Preston N.E.

Il suo nome è sicuramente legato a quello del Bolton Wanderers, essendo stato una bandiera del club sia in campo che in panchina.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

L'anno successivo iniziò la sua carriera di allenatore, prima in Irlanda presso il Limerick, poi di nuovo in Inghilterra nel Blackpool prima e nel Notts County poi. Nel 1999 approdò al Bolton, all'epoca impegnato nella First Division (oggi Football League Championship), l'equivalente della Serie B italiana.

Col Bolton riuscì a tornare in Premier League al termine della stagione 2000-2001 dopo uno spareggio proprio con il Preston N.E., ottenendo nelle successive stagioni buoni risultati nella massima serie inglese (come la qualificazione alla Coppa UEFA al termine della stagione 2004-2005).

Dopo l'esperienza della Nazionale inglese ai mondiali del 2006 in Germania, viene indicato tra i papabili sostituti di Sven-Göran Eriksson, tutti di nazionalità inglese, per la panchina dell'Inghilterra, anche se alla fine gli fu preferito Steve McClaren. Il 29 aprile 2007 si dimette dall'incarico di allenatore del Bolton, dopo un emozionante match contro il Chelsea terminato 2-2.

Qualche giorno più tardi viene nominato tecnico del Newcastle, club con il quale inizia la stagione 2007-2008, prima di rescindere consensualmente il contratto per fare posto a Kevin Keegan

Il 9 gennaio 2008 viene assunto dal Blackburn, coi Rovers in piena zona retrocessione dopo l'esonero di Paul Ince. Sotto la sua guida la squadra riesce a raggiungere un'insperata salvezza e, nella stagione 2009-2010, migliora raggiungendo il decimo posto. Il 13 dicembre 2010 viene esonerato dai nuovi proprietari, il gruppo indiano Venky's, dall'incarico di allenatore.[1]

Alla fine della stagione 2010-2011, terminata con la retrocessione in Championship del West Ham, il club decide di affidargli la panchina.[2] Il 24 maggio, al termine della stagione 2014-2015, dopo la sconfitta per 0-2 contro il Newcastle, la società annuncia che il contratto in scadenza dell'allenatore non sarà rinnovato, lasciandolo quindi senza squadra, nonostante il 12° posto in campionato.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Addio Allardyce, salta la seconda panchina di Premier englishfootball.it, 13 dicembre 2010
  2. ^ Ufficiale: West Ham, è Allardyce il nuovo tecnico Tuttomercatoweb.com, 1º giugno 2011
  3. ^ West Ham United statement whufc.com, 24 maggio 2015

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • (DEENIT) Sam Allardyce su Transfermarkt.it, Transfermarkt GmbH & Co. KG.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]