Nottingham Forest Football Club

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nottingham Forest F.C.
Calcio Football pictogram.svg
Nottingham Forest.svg
Forest, The Reds, Garibaldi Reds, Tricky Trees
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Trasferta
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Portiere
Colori sociali Rosso e Bianco.svg Rosso-bianco
Dati societari
Città Nottingham
Nazione Inghilterra Inghilterra
Confederazione UEFA
Federazione Flag of England.svg FA
Campionato Football League Championship
Fondazione 1865
Proprietario Kuwait Famiglia Al-Hasawi
Presidente Kuwait Fawaz Al-Hasawi
Allenatore Francia Philippe Montanier
Stadio City Ground
(30.576 posti)
Sito web www.nottinghamforest.co.uk
Palmarès
Premier league trophy icon.png FA Cup.pngFA Cup.png Carling.pngCarling.pngCarling.pngCarling.png CommunityShield.png Coppacampioni.pngCoppacampioni.png Supercoppaeuropea.png
Titoli d'Inghilterra 1
Coppe d'Inghilterra 2
Coppe di Lega inglesi 4
Charity/Community Shield 1
Trofei internazionali 2 Coppe dei Campioni/Champions League
1 Supercoppe UEFA
Soccerball current event.svg Stagione in corso
Dati aggiornati al 12 Luglio 2016
Si invita a seguire il modello di voce

Il Nottingham Forest Football Club, noto semplicemente come Nottingham Forest, è una società calcistica inglese con sede nella città di Nottingham, militante in Championship (seconda divisione inglese) dal 2008.

Il club vanta un palmarès molto prestigioso, che comprende la vittoria di due Coppe dei Campioni, una Supercoppa Europea, un Campionato inglese, due FA Cup e quattro League Cup. È una delle squadre più antiche di Inghilterra e del mondo, essendo stata fondata nel 1865.

La squadra prende il nome dal Forest Recreation Ground, il primo campo a nord di Nottingham, in cui il club giocò nei primi anni della sua fondazione e che ora è diventato sede di una prestigiosa fiera annuale, la Nottingham Goose Fair. La squadra è spesso conosciuta anche semplicemente come Forest (da non confondersi con la squadra amatoriale del Forest F.C.), nome che è ormai diventato il suo "biglietto da visita". L'abbreviazione corretta del nome del club è Nott'm Forest: infatti Notts è l'abbreviazione di Nottinghamshire (il nome della contea, da cui deriva Notts County), ma non è corretta se riferita alla città di Nottingham. Il City Ground, lo stadio del Forest, dedicato al grande allenatore Brian Clough, è situato su una riva del fiume Trent, a sud della città a ridosso del quartiere residenziale di West Bridgford. Appena dall'altro lato del Trent si scorge lo stadio dell'altra squadra di Nottingham, il Notts County, che disputa il campionato di Football League Two (quarta divisione inglese).

Nel 2005, con la retrocessione del club in Football League One, il Nottingham Forest è diventata la prima squadra europea con in palmarès il titolo della Coppa dei Campioni ad essere retrocessa fino alla terza divisione della propria federazione nazionale. È inoltre l'unico club ad aver vinto più Coppe dei Campioni che campionati nazionali.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Primi anni (1865–1975)[modifica | modifica wikitesto]

Il Nottingham Forest Football Club venne fondato nel 1865 da un gruppo di giocatori di bandy e di shinty,[1] con il nome di Nottingham Forest Football and Bandy Club[2] poco tempo dopo la fondazione del Notts County, società che si pensa sia la più antica squadra professionistica ancora in attività, la quale venne fondata nel 1862. Il Nottingham Forest entrò a far parte della Football Alliance nel 1889 e riuscì a vincere la competizione nel 1892.[3] Sono poi entrati a far parte della Football League. Nel 1890, il Nottingham Forest si spostò al Town Ground, giocando così la prima partita in cui vennero usate le reti di porta.[4]

La squadra che vinse la FA Cup nel 1898

Il Forest vinse la sua prima competizione nel 1898, quando riuscì a battere il Derby County per 3–1 nella finale di FA Cup che si disputò a Crystal Palace.[5][6] La squadra passò molti anni della prima metà del ventesimo secolo nella Second Division. Nel 1949 il Forest retrocesse nella Third Division ma riuscì a vincere il campionato due anni dopo, tornando così in Second Division[7]

Il Nottingham Forest riuscì a tornare in First Division nel 1957, vincendo anche due anni dopo la sua seconda FA Cup, battendo il Luton Town a Wembley.[5][8]

Nonostante sia stato in corsa fino all'ultimo per la vittoria del campionato ed essere arrivati in semifinale di FA Cup nel 1967, il Forest retrocedette dalla First Division nel 1972, dopo ben 15 anni consecutivi nella massima serie inglese.[9]

Brian Clough (1975–1993)[modifica | modifica wikitesto]

Brian Clough ha guidato il Nottingham Forest per 18 anni.

Nonostante avesse vinto due FA Cup e fosse arrivato ad un passo dalla vittoria del campionato del 1967, il Nottingham Forest veniva generalmente considerato al di sotto degli standard del campionato inglese fino alla metà degli anni settanta, quando Brian Clough e il suo assistente Peter Taylor presero la guida del club. Il tutto successe pochi giorni dopo l'esonero di Clough dalla panchina del Leeds United, panchina sulla quale Clough era rimasto solo 44 giorni. Il 6 gennaio 1975, dopo la sconfitta casalinga per 0-2 contro i rivali del Notts County, Clough convinse la dirigenza del Forest ad assumerlo al posto del manager Allan Brown. Il primo match per Clough fu il replay del terzo turno di FA Cup contro il Tottenham Hotspur, partita che venne vinta per 1–0 grazie a un gol dell'attaccante scozzese Neil Martin.

Il Nottingham Forest si guadagnò la promozione in First Division, classificandosi terzo alla fine della stagione 1976-77 di Second Division, ma nessuno avrebbe potuto prevedere quanto successo la squadra di Clough avrebbe avuto nelle successive tre stagioni. Il Nottingham Forest divenne una delle poche squadre (e l'ultima a riuscirci) a vincere la First Division un anno dopo essere stata promossa dalla Second Division.[10]

Coppa dei Campioni 1978-79

Monaco, Olympiastadion, 30 maggio 1979

Nottingham Forest - Malmö FF 1-0

Marcatori: Soccerball shade.svg 45' Francis

NOTTINGHAM FOREST: Shilton, Anderson, Clark, McGovern, Lloyd, Burns, Francis, Bowyer, Birtles, Woodcock, Robertson. Allenatore: Brian Clough

MALMÖ: Möller, R. Andersson, Erlandsson, Jönsson, M. Andersson, Staffan Tapper (Malmberg), Ljungberg, Prytz, Tommy Hansson (T. Andersson), Cervin, Kinnvall. Allenatore: Bob Houghton

Arbitro: Austria Linemayr.

Nella stagione 1978-79, il Forest riuscì a vincere la Coppa dei Campioni, vincendo nella finale giocata all'Olympiastadion di Monaco di Baviera il Malmö per 1-0, bissando il successo nella stagione successiva, vincendo ancora una volta per 1-0 contro l'Amburgo nella finale giocata al Santiago Bernabéu, grazie ad un'ottima prestazione del portiere inglese Peter Shilton, arrivato dallo Stoke City nella stagione 1977–78. Il Nottingham Forest vinse inoltre una Supercoppa Europea e due League Cup. Oltre a Shilton, i giocatori chiave della squadra di Clough erano il terzino destro Viv Anderson (il primo giocatore di colore ad indossare la maglia della nazionale inglese), il centrocampista Martin O'Neill, l'attaccante Trevor Francis (il primo giocatore il cui cartellino fu comprato per un milione di sterline nel febbraio del 1979) e il trio scozzese composto dall'ala John Robertson, dal centrocampista Archie Gemmill e dal difensore Kenny Burns.L'avventura del Forest nella massima competizione europea finì nella stagione successiva,dove il club venne eliminato con identico risultato di 1 a 0 sia all'andata che al ritorno dai bulgari del CSKA Sofia. Il club riuscì ad arrivare fino alla semifinale di Coppa UEFA del 1983-84, dove venne però eliminato dall'Anderlecht grazie ad una partita di ritorno segnata da molteplici irregolarità. Dopo più di dieci anni, emerse che la regolarità della partita di ritorno fu falsata perché il club belga pagò 27.000 sterline all'arbitro, arbitro che non venne sentito come testimone perché morto anni prima in un incidente stradale.[11]

Coppa dei Campioni 1979-80

Madrid, Stadio Santiago Bernabéu, 28 maggio 1980

Nottingham Forest - Amburgo 1-0

Marcatori: Soccerball shade.svg 21' Robertson

NOTTINGHAM FOREST: Shilton, Anderson, Gray (Gunn), Lloyd, Burns, O'Neill, McGovern, Bowyer, Mills (O'Hare), Robertson, Birtles. Allenatore: Brian Clough

HAMBURGER SV: Kargus, Kaltz, Nogly, Buljan, Jakobs, Hieronymus (Hrubesch), Magath, Memering, Keegan, Reimann, Milewski. Allenatore: Branko Zebec

Arbitro: Portogallo Garrido da Silva.

Nel 1989 il Nottingham Forest tornò a vincere la Football League Cup, vinse inoltre la Full Members Cup sempre nella stessa stagione. Per gran parte della stagione, il Forest riuscì a restare in gara per la vittoria di tutte e tre le competizioni inglesi, puntando al treble, ma le speranze si spensero dopo la sconfitta con il Liverpool nel replay della semifinale della FA Cup, la quale si era tenuta originariamente all'Hillsborough Stadium, partita dove persero tragicamente la vita 96 tifosi del Liverpool a causa degli incidenti che scoppiarono dopo soli sei minuti di gioco. Nella stessa stagione il Forest finì terzo in campionato, stessa posizione che occupò la stagione successiva, non riuscendo mai ad impensierire le prime due classificate. Alla fine degli anni ottanta, tutte le stelle della squadra erano ormai in declino, così come le nuove promesse quali il centrocampista Neil Webb (venduto al Manchester United per più di un milione del luglio del 1989), il terzino sinistro Stuart Pearce, il centrale Des Walker e l'attaccante Nigel Clough (figlio di Brian Clough).

Clough riuscì a vincere ancora la League Cup nel 1990, battendo l'Oldham Athletic per 1-0 grazie al gol partita di Nigel Jemson. Nella stagione successiva il Forest riuscì a raggiungere la finale di FA Cup, l'unica con Clough sulla panchina, ma nonostante il gol in apertura, la partita giocata a Wembley si concluse 2-1 per il Tottenham Hotspur a causa di un autogol nei minuti di recupero di Des Walker. Nell'undici titolare di quel giorno era presente anche un giovane Roy Keane, il quale era arrivato a Nottingham l'estate precedente.

Nell'estate del 1991, Brian Clough comprò l'attaccante Teddy Sheringham, top scorer della stagione precedente con la maglia del Millwall, pagandolo 2.1 milioni di sterline, battendo così il record per l'acquisto più caro fatto finora dal Forest.

Nel 1992 il Forest vinse la sua seconda Full Members Cup, battendo in finale il Southampton per 3-2; nella stessa stagione il Forest giocò la finale di League Cup, ma venne sconfitta dal Manchester United. In entrambe le finali, il Nottingham Forest giocò con delle formazioni abbondantemente rimaneggiate a causa di infortuni. Con questa stagione, il Forest giocò la sua sesta finale di coppa in quattro stagioni, vincendone quattro. Nonostante l'ottavo nell'ultima stagione come First League, la prima stagione di FA Premier League del Forest non iniziò come previsto, anche a causa delle partenze di alcuni giocatori importanti già nel precampionato come Des Walker e Darren Wassall, cessioni a cui fece seguito quella di Teddy Sheringham dopo poche giornate dall'inizio del campionato.

I 18 anni di Brian Clough sulla panchina del Forest finirono nel maggio del 1993, quando il Nottingham Forest retrocedette dalla nuova Premier League, dopo ben 16 stagioni nella massima serie che portarono alla vittoria di un titolo, due Coppe dei Campioni e quattro League Cup. La retrocessione portò anche alla vendita di Roy Keane al Manchester United per la cifra record di 3.75 milioni di sterline.

Frank Clark (1993–1996)[modifica | modifica wikitesto]

Frank Clark, che è stato il terzino sinistro della vittoriosa finale di Coppa dei Campioni del 1979, ritornò al Forest nel maggio 1993 per succedere a Brian Clough. La sua carriera come allenatore aveva avuto il suo apice nel 1989, quando riuscì a far salire dalla Fourth Division il Leyton Orient. Grazie ad alcuni acquisti mirati, come quelli di Stan Collymore, Colin Cooper, Lars Bohinen e riuscendo a tenere Stuart Pearce a Nottingham, Clark riuscì a far tornare subito il Forest in Premier League grazie ad un secondo posto in classifica. Nella stagione 1994-95 il Forest si qualificò per la Coppa UEFA grazie al terzo posto in campionato, tornando così nelle competizioni europee dopo la tragedia dell'Heysel. Nonostante il passaggio di Stan Collymore al Liverpool per la cifra record di 8.5 milioni di sterline, il Forest riuscì ad arrivare fino ai quarti di finale della coppa UEFA, diventando così la miglior squadra inglese in Europa, nonostante il nono posto in campionato. La stagione 1996-97 divenne subito complicata per il Forest che entrò subito in lotta per non retrocedere, portando così Clark ad abbandonare il club nel dicembre dello stesso anno.[12]

Stuart Pearce e Dave Bassett (1997–1999)[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la partenza di Clark, il capitano Stuart Pearce venne scelto temporaneamente come allenatore-giocatore, ruolo in cui riuscì a ottenere buoni risultati per un breve periodo. Nel marzo 1997 venne rimpiazzato da Dave Bassett e a fine stagione Pearce lasciò il Forest dopo ben 12 anni.[13] Il Nottingham Forest non riuscì però ad evitare la retrocessione, finendo addirittura ultimo in quella stagione. Nella stagione successiva il Forest vinse il campionato e poté così tornare subito in Premier League. Bassett venne licenziato nel gennaio 1999, il suo posto venne preso da Ron Atkinson.[14]

1999–2012[modifica | modifica wikitesto]

Ron Atkinson lasciò il suo incarico il 24 aprile 1999, quando ormai la retrocessione del Nottingham Forest era sicura, tre settimane prima della fine del campionato.

L'ex capitano della nazionale inglese David Platt fu il successore di Atkinson. Subito Platt investì nel mercato, spendendo 12 milioni di sterline in due stagioni, comprando diversi giocatori tra cui gli italiani Moreno Mannini, Salvatore Matrecano e Gianluca Petrachi.[15] Nonostante la massiccia campagna acquisti, il Forest finì quattordicesimo nella prima stagione e decimo nella seconda stagione. Platt lasciò il suo incarico al Forest nel luglio 2001 per andare ad allenare la nazionale Under-21 inglese, il suo posto venne preso dall'allenatore delle giovanili Paul Hart.[16]

Grafico annuale delle posizioni in campionato del Forest dal suo ingresso in Football League.

La difficile condizione economica del Forest, con la società gravata da molti debiti, diminuì sensibilmente la capacità di attrarre nuovi giocatori, portando i Reds al sedicesimo posto in stagione. Nel dicembre 2001, il Nottigham Forest ammise di perdere 105.000 sterline ogni settimana[17], situazione che peggiorò notevolmente con il collasso di ITV Digital, che lasciò il Forest e molti altri club di Football League in gravi difficoltà finanziarie.[18] Nonostante i problemi fuori dal campo, il Forest riuscì a classificarsi al sesto posto nella stagione 2002-03, qualificandosi per i playoff, dove venne eliminato dallo Sheffield United in semifinale. La stagione successiva fu disastrosa, anche a causa della partenza di molti giocatori chiave, portando così la dirigenza a licenziare Hart nel febbraio 2014, quando la squadra era a rischio retrocessione.[19] La decisione fu impopolare e i tifosi descrissero Hart come un capro espiatorio.[20]

Joe Kinnear venne scelto come nuovo allenatore, riuscendo a portare il Forest ad un sicuro quattordicesimo posto in stagione. La stagione 2004-05 vide il Forest avvicinarsi ancora una volta alla zona retrocessione, portando così alle dimissioni dello stesso Kinnear nel dicembre 2004.[21] Mick Harford venne scelto come traghettatore per il periodo natalizio, passato il quale venne scelto Gary Megson come nuovo allenatore. Megson era reduce da due promozioni in Premier League con il West Bromwich Albion, squadra che aveva allenato prima di approdare a Nottingham e che aveva preso in mano quando il club era a rischio retrocessione. L'impresa non riuscì e il Forest finì al ventitreesimo posto in stagione, diventando così il primo club vincitore della Coppa dei Campioni a retrocedere nella terza divisione nazionale.[22]

Nella prima stagione nella terza serie inglese dopo 54 anni, la sconfitta per 3-0 contro l'Oldham Athletic[23] a febbraio 2006 portò alla rescissione contrattuale del contratto di Megson, lasciando il Forest a soli quattro punti sopra la zona retrocessione.[24] Frank Barlow e Ian McParland presero temporaneamente la guida del club fino al termine della stagione, riuscendo a vincere sei gare di fila e rimanendo imbattuti per dieci partite, tra cui spicca la vittoria per 7-1 contro lo Swindon Town.[25] Il Forest guadagnò 28 dei possibili 39 punti, finendo però il campionato al settimo posto, a soli due punti dalla zona playoff.[26]

Colin Calderwood venne scelto come nuovo allenatore nel maggio 2006, dopo la sua precedente esperienza al Northampton Town. Calderwood fu il dodicesimo allenatore dalla partenza di Brian Clough 13 anni prima, diventando successivamente il più longevo sulla panchina del Forest dall'era di Frank Clark. L'era Calderwood segnò la fine della ricostruzione della squadra, riuscendo inoltre a far risalire il Forest in Championship e conquistando la prima promozione degli ultimi dieci anni. Nella sua prima stagione, Calderwood portò la squadra ai playoff, nonostante il primo posto in classifica e i 7 punti di vantaggio sulle inseguitrici che la squadra aveva guadagnato già nel novembre 2006. I playoff però non andarono per il meglio; la squadra vinse la partita di andata contro lo Yeovil Town per 0-2, partita giocata in trasferta al Huish Park, ma vennero sconfitti per 2-5 nella partita di ritorno giocata in casa, venendo così eliminati.[27] Calderwood riuscì nella promozione del Forest la stagione successiva vincendo il campionato, grazie anche alle sei vittorie nelle ultime sette partite, culminate in una sofferta vittoria per 3-2 contro lo Yeovil, partita giocata al City Ground. Il Nottingham Forest riuscì a mantenere la propria porta inviolata in ben 24 partite su 46, dimostrando così di essersi meritata la promozione ed avvicinandosi al ritorno in Premier League.

Però la squadra di Calderwood fece fatica a riadattarsi alla Championship e la stagione sembrava destinata ad un'altra retrocessione. Calderwood venne licenziato dopo la sconfitta per 4-2 contro il Doncaster Rovers, in quel momento fanalino di coda del campionato.[28]

Il ruolo di allenatore venne temporaneamente affidato a John Pemberton, periodo in cui i Reds riuscirono ad uscire dalla zona retrocessione. Billy Davies, il quale aveva portato i rivali del Derby County in Premier League due stagioni prima, venne scelto come nuovo allenatore il 1º gennaio 2009,[29] riuscendo così a vedere la vittoria per 0-3 della squadra ancora allenata da Pemberton contro il Manchester City nella partita valida per il terzo turno di FA Cup.[30] Sotto la guida di Davies, il Forest riuscì a restare imbattuto per sei partite, con cinque vittorie, riuscendo così a portare la squadra al diciannovesimo posto finale in campionato, salvandola da una retrocessione che sembrava certa solo qualche mese prima.

Nella stagione successiva il Nottingham Forest rimase per una buona parte del campionato nelle prime tre posizioni, riuscendo a rimanere imbattuto per venti partite, vincendo dodici partite consecutive giocate tra le mura amiche (fissando così un nuovo record), oltre a non aver perso alcuna partita in trasferta dall'inizio del campionato al 30 gennaio 2010 (tredici partite), impreziosendo il tutto grazie alle vittorie contro i rivali del Derby County e del Leicester City. A fine stagione il Forest non riuscì a conquistare la promozione diretta, finendo terzo dietro a Newcastle e West Bromwich, dovendo così affrontare il Blackpool nei playoff. Il Forest venne però sconfitto in entrambe le gare, subendo così la prima sconfitta casalinga da settembre 2009.

Nella stagione 2010-11 il Forest finì al sesto posto in classifica con 75 punti, qualificandosi ai playoff per la quarta volta in otto stagioni. La promozione sfuggì ancora al Forest dopo che lo Swansea City, squadra che venne infine promossa in Premier League, riuscì a passare il turno. L'andata finì 0-0 al City Ground,[31] ma la sconfitta per 3-1 nel match di ritorno condannò i Reds ad un'altra stagione di Championship.[32]

A giugno 2011 il contratto di Davies venne sciolto[33][34] e il suo posto venne preso da Steve McClaren, il quale firmò un contratto triennale con il club.[35][36]

L'inizio della stagione 2011-12 fu molto complicato, a causa di una pesante sconfitta per 5-1 contro il Burnley che indusse David Pleat e Bill Beswick a lasciare lo staff tecnico.[37] Dopo meno di una settimana, McClaren lasciò il suo incarico dopo la sconfitta casalinga contro il Birmingham City e allo stesso tempo il proprietario Nigel Doughty annunciò la sua voglia di lasciare la sua posizione al termine della stagione.[37] A ottobre 2011 vennero fatti notevoli cambiamenti nella struttura del club, che portarono alla scelta di Frank Clark come nuovo presidente e a Steve Cotterill come nuovo allenatore.[38]

Nigel Doughty: Proprietario del Nottingham Forest dal 1999 al 2012

Nigel Doughty, proprietario ed ex-presidente, morì il 4 febbraio 2012, dopo esser stato parte integrante del club fin dalla fine degli anni novanta ed aver investito una cifra che si aggira attorno ai 100 milioni di sterline.[39]

La famiglia Al-Hasawi (2012–oggi)[modifica | modifica wikitesto]

La famiglia kuwaitiana degli Al-Hasawi acquistò il club l'11 luglio 2012 dagli eredi di Nigel Doughty.[40]

I nuovi proprietari dichiararono subito alla stampa che avevano in mente un piano di 3-5 anni per riportare la squadra in alto. Dopo aver intervistato diversi allenatori, il 19 luglio 2012 la dirigenza scelse Sean O'Driscoll, ex-allenatore del Doncaster Rovers e del Crawley Town.[41] O'Driscoll era famoso per la sua visione di gioco, fatta di una fitta serie di passaggi (strategia con cui riuscì a portare il Doncaster Rovers in seconda categoria, prima volta dagli anni cinquanta), ben vista dai tifosi del Forest che pensavano fosse fatta apposta per la loro squadra.[42] Precedentemente O'Driscoll era già stato sulla panchina dei Reds per 5 mesi come assistente di Steve Cotterill nella stagione 2011-12, prima di accettare il ruolo di primo allenatore al Crawley.

Il 15 dicembre 2012, dopo un pareggio per 0-0 sul campo del Brighton, il Forest era nono in classifica con 33 punti, a soli 3 punti dalle posizioni valide per i playoff. Ma il piano pluriennale della famiglia Al-Hasawi cambiò subito, i nuovi proprietari volevano subito i playoff per la loro squadra. Nella stessa settimana il presidente Omar Al-Hasawi lasciò il suo ruolo a causa di problemi personali.[43] Il suo ruolo venne preso dal cugino Fawaz Al-Hasawi.

Sean O'Driscoll venne licenziato il Boxing Day del 2012, nonostante la vittoria per 4-2 contro il Leeds United. La dirigenza comunicò che il licenziamento di O'Driscoll era stato voluto per sostituirlo con un allenatore con esperienza in Premiership, anche in vista del mercato invernale di gennaio.[44] Come sostituto di O'Driscoll venne scelto Alex McLeish.[45] La scelta venne criticata da alcuni membri della tifoseria del Forest.[46] L'amministratore delegato Mark Arthur, lo scout Keith Burt e l'ambasciatore del club Frank Clark vennero licenziati a gennaio 2013.[47] Il 5 febbraio 2013 le strade del Nottingham Forest e di Alex McLeish si separarono di comune accordo, dopo soli 40 giorni[48] Sia i sostenitori del Forest che gli esperti fecero presente la loro preoccupazione nei riguardi del club,[42] tanto che il giornalista Pat Murphy descrisse la situazione come un 'caos'.[49]

Due giorni dopo l'addio di McLeish, Billy Davies riprese il posto da allenatore lasciato venti mesi prima.[50] Il primo match di Davies finì con un pareggio contro il Bolton[51], partita a cui seguì una striscia di 10 partite senza sconfitte. Il contratto di Davies finì ancora una volta prematuramente nel marzo 2014, a causa della pesante sconfitta per 5-0 contro i rivali del Derby County.[52] Neil Warnock rifiutò il posto di allenatore, che gli era stato offerto il giorno dopo il licenziamento di Davies.[53] Nonostante un primo rifiuto nel marzo 2014,[54] Stuart Pearce venne scelto come nuovo allenatore, prendendo in consegna il club dal traghettatore Gary Brazil. Pearce firmò un contratto per due anni a partire dal 1º luglio 2014. La stagione di Pearce iniziò nel migliore dei modi, ma la squadra non riuscì a mantenere questo stato di forma. Pearce venne così nuovamente licenziato a febbraio 2015 e il suo posto venne dato ad un altro ex giocatore del Forest, Dougie Freedman. La stagione finì con un misero quattordicesimo posto, che obbligò così il Forest al diciassettesimo anno consecutivo lontano dalla Premier League.

Cronistoria[modifica | modifica wikitesto]

Cronistoria del Nottingham Forest Football Club
  • 1865 - Nasce il Nottinhgam Forest Football Club.
  • 1888-1889 -
  • 1889-1890 - Inizio dell'attività professionistica, Football Alliance 11º posto.

FA Cup.png Vince la FA Cup (1º titolo).





FA Cup.png Vince la FA Cup (2º titolo).


Carling.png Vince la League Cup (1º titolo).
Coppacampioni.png Vince la Coppa dei Campioni (1º titolo).
Carling.png Vince la League Cup (2º titolo).
CommunityShield.png Vince il Community Shield (1º titolo).
Supercoppaeuropea.png Vince la Supercoppa UEFA (1º titolo).
Coppacampioni.png Vince la Coppa dei Campioni (2º titolo).

Carling.png Vince la League Cup (3º titolo).
Vince la Full Members Cup (1º titolo).
Carling.png Vince la League Cup (4º titolo).

Vince la Full Members Cup (2º titolo).


  • 2010-2011 - Football League Championship: 6º posto.
  • 2011-2012 - Football League Championship: 19º posto.
  • 2012-2013 - Football League Championship: 8º posto.
  • 2013-2014 - Football League Championship: 11º posto.
  • 2014-2015 - Football League Championship: 14º posto.
  • 2015-2016 - Football League Championship: 16º posto.

Colori e simboli[modifica | modifica wikitesto]

Colori[modifica | modifica wikitesto]

La squadra nel 1905, durante la tournée in Argentina e Uruguay.

Il Nottingham Forest ha sempre vestito di rosso, fin dalla sua fondazione nel 1865. Alla riunione svoltasi al Clinton Arms, dove venne fondato il Nottingham Forest come club calcistico, il comitato approvò una risoluzione dove veniva scelto il Garibaldi red come colore ufficiale del club,[55] decisione presa per onorare Giuseppe Garibaldi, comandante delle camicie rosse. A quei tempo, le squadre venivano maggiormente identificate dal loro copricapo che dalle loro magliette, vennero quindi acquistati una dozzina di berretti rossi con nappe, facendo sì che il Forest divenne il primo club a vestire ufficialmente di rosso, colore che venne poi adottato da un numero significativo di altre squadre. Il Nottingham Forest è dietro la scelta del rosso da parte dell'Arsenal, infatti il Forest donò un intero set di divise rosse alla squadra londinese dopo la sua fondazione avvenuta nel 1886.[56][57] Il tour del Forest in Sud America del 1905, inspirò l'Independiente ad adottare il rosso come colore del club, dopo che il presidente del club argentino Arístides Langone descrisse i turisti come Diabolos rojos ("diavoli rossi"), che sarebbe poi diventato il soprannome dell'Independiente.[58]

Simboli ufficiali[modifica | modifica wikitesto]

Stemma[modifica | modifica wikitesto]

Il primo stemma usato dal Nottingham Forest è stato lo stemma della città di Nottingham, che venne usato per la prima volta sulle maglie nel 1947.[59] L'attuale stemma venne introdotto nel 1974.[59] Si dice che il logo venne creato dal futuro allenatore Brian Clough,[60] il quale arrivò sulla panchina del Forest solamente l'anno successivo. Nel logo ci sono anche due stelle, le quali commemorano le vittorie della Coppa dei Campioni del 1979 e 1980.[61]

Mascotte[modifica | modifica wikitesto]

La prima mascotte del Nottingham Forest fu Nutty the Squirrel (Nutty lo scoiattolo), il quale indossava il classico cappello di Robin Hood.[62], mascotte che poi venne rimpiazzata da Sherwood the Bear (Sherwood l'orso) fino ad inizio della stagione 2007-08[63], quando venne mandato in pensione a favore di Robin Hood.[64] Sherwood the Bear fece però il suo ritorno come mascotte ufficiale nella stagione 2015-16.[65]

Strutture[modifica | modifica wikitesto]

Stadio[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: City Ground.
Vista del City Ground nel 1898.

Il City Ground è uno dei due stadi di calcio della città di Nottingham ed è situato sulle rive del fiume Trent, a soli 275 metri da Meadow Lane, lo stadio dei rivali del Notts County.

Il Nottingham Forest si trasferì sul suo nuovo campo il 3 settembre 1899. Per raccogliere le 3.000 sterline richieste per finanziare la costruzione del nuovo stadio, il club chiese ai giocatori, tifosi e agli industriali della zona di acquistare il "New Ground Scheme", dei titoli al portatore del valore di 5 sterline ognuno. In questo modo ben 2.000 sterline vennero raccolte.

Il 12 ottobre 1957 venne aperta la nuova parte Est dello stadio, con ben 2.500 posti a sedere ed una spesa complessiva di 40.000 sterline. La partita di inaugurazione venne giocata contro il Manchester United; la partita finì 2-1 per gli ospiti, ma il match è ricordato soprattutto per il record di presenze allo stadio, ben 47.804 tifosi presenti. La palla della partita, autografata dai giocatori di entrambe le squadra, è ancora oggi nella Trophy Room del Forest.

Il City Ground nel 2008.

Il Main Stand venne ricostruito quasi per intero nel 1965, ma il 24 agosto 1968 scoppiò un incendio in quel settore durante il match di First Division contro il Leeds United. Il settore venne ridotto in cenere ma fortunatamente, nonostante 31.126 tifosi presenti, non si registrarono morti. L'incendio partì probabilmente negli spogliatoi, costruiti per la maggior parte con legno, poco prima della fine del primo tempo e si diffuse rapidamente a tutto il settore. A causa di questo incendio, il Forest giocò le successive sei gare casalinghe nel vicino stadio, il Meadow Lane; per la cronaca il Forest non vinse nessuna di quelle sei partite. Sfortunatamente la maggior parte dei ricordi e trofei andò persa nell'incendio. Il settore venne poi ricostruito con una capacità di 5.708 posti a sedere.

L'Executive Stand venne costruito nel 1980 per un costo di 2 milioni di sterline, provenienti in gran parte dagli introiti dell'epoca indimenticabile in cui il Forest portò la Coppa dei Campioni a Nottingham, nel 1979 e nel 1980. Durante il regno di Clough, il Forest aveva imperversato sulla scena calcistica nazionale e su quella europea e i soldi incassati grazie ai suoi strabilianti successi vennero investiti in una tribuna che aveva una capacità di 10.000 posti. La tribuna venne ribattezzata Brian Clough Stand dopo il ritiro di quest'ultimo, e venne riaperta dopo una ristrutturazione a metà degli anni 1990. La tribuna incorpora anche 36 palchi riservati e una grossa area per rinfreschi che venne progettata per essere al centro degli allestimenti per l'ospitalità della squadra.

Altri importanti sviluppi si ebbero nel 1992-93 con la ricostruzione della Bridgford Stand. I lavori iniziarono nell'aprile 1992, e al suo completamento la tribuna aveva una capacità di 7.710 posti, di cui i 5.131 della parte inferiore erano destinati alla tifoseria ospite. La forma insolita della copertura era dovuta alla necessità di permettere alla luce solare di raggiungere le abitazioni della vicina Colwick Road. La tribuna offre posto per 70 sedie a rotelle. Ospita inoltre una sala di gestione, che include i sistemi di amplificazione, i controlli per il tabellone elettronico e la sala operativa per la polizia.

Il Trent End è il settore più nuovo di tutto lo stadio; venne infatti ricostruito in occasione di Euro 96. Dopo la ricostruzione il Trent End, chiamato così per la sua posizione vicino al fiume Trent e la sua visibilità, poté ospitare 7.338 persone, portando così la capienza totale dello stadio a 30.576 tifosi. Il campo può essere ampliato fino a 46.000 posti se il Forest tornerà in Premier League.

Centro di allenamento[modifica | modifica wikitesto]

Il Nottingham Forest svolge le sue sedute di allenamento presso il proprio centro di allenamento situato a West Bridgford, Nottingham. Il centro, costato un milione e mezzo di sterline, è stato inaugurato nel marzo 2011 ed è stato fortemente voluto per omaggiare l'ex manager Billy Davies.[66]

Presidenti e allenatori[modifica | modifica wikitesto]

Presidenti[modifica | modifica wikitesto]

In 150 anni di storia societaria, alla guida del Nottingham Forest si sono avvicendati 29 presidenti.[67][68]

Il primo presidente dei Reds fu J.S. Scrimshaw, uno dei soci fondatori della squadra.[67] Il periodo più lungo in carica è di H.R. Cobbin, il quale rimase in carica per ben 28 anni, dal 1920 al 1948.[67] Fu invece Stuart Dryden il presidente con il miglior palmarès del Forest, grazie alla vittoria di due Coppe dei Campioni, una Supercoppa UEFA, due Coppe di lega inglese e una Community Shield. Invece sotto la guida di Brian Appleby, il Nottingham Forest vinse il suo unico titolo inglese, vinto nella stagione 1977-78.

L'imprenditore Nigel Doughty fu invece il presidente che salvò il Forest dalla amministrazione controllata nel 1999, acquistando la squadra per 11 milioni di sterline e gestendola fino alla sua prematura scomparsa, avvenuta il 4 febbraio 2012.[69][70] Attualmente in carica è l'imprenditore kuwaitiano Fawaz Al-Hasawi, eletto presidente il 16 dicembre 2012 dopo il passo indietro del cugino Omar.[71]

Allenatori[modifica | modifica wikitesto]

Brian Clough, il manager con più trofei vinti sulla panchina del Forest
Allenatori del Nottingham Forest

Sono 37 gli allenatori ad avere avuto a tutt'oggi la conduzione tecnica del Nottingham Forest; 7 di essi hanno ricoperto l'incarico ad interim.[72]

Il primo allenatore del Forest fu Harry Radford, anche se non figurava come allenatore, svolgeva tutti i compiti che un normale allenatore dovrebbe fare. Radford allenò la squadra fino al 1897 per un totale di 176 partite, di cui 69 vinte, 34 pareggiate e 73 perse. A vantare il mandato tecnico più lungo è tuttora Brian Clough, rimasto alla guida della squadra per ben diciotto stagioni consecutive, più precisamente dal 3 gennaio 1975 all'8 maggio 1993. Sotto la guida di Clough, il Nottingham Forest vinse il suo unico campionato inglese, oltre alle due Coppe dei Campioni, una Supercoppa UEFA, una Charity Shield e quattro Coppe di Lega inglese.

Da menzionare inoltre tecnici come Harry Haslam, primo allenatore a vincere l'FA Cup con i Reds, e Billy Walker, secondo allenatore per partite allenate, ben 650, di cui 272 vittorie, 147 pareggi e 231 sconfitte[72].

Partecipazioni alle coppe europee[modifica | modifica wikitesto]

Calciatori[modifica | modifica wikitesto]

Arrows-folder-categorize.svg Le voci sui singoli soggetti sono elencate nella Categoria:Calciatori del Nottingham Forest F.C.

Hall of fame[modifica | modifica wikitesto]

Tra il 1997 e il 1998, in vista dell'uscita del libro The Official History of Nottingham Forest, viene istituita una votazione tra i tifosi per decidere i migliori 11 giocatori che hanno vestito la maglia dei Reds.[73]

Ruolo Giocatore Anni al Forest
P Inghilterra Peter Shilton 1977–82
TD Inghilterra Viv Anderson 1974–84
DCD Inghilterra Des Walker 1984–92; 2002–04
DCS Scozia Kenny Burns 1977–81
TD Inghilterra Stuart Pearce 1985–97
CD Irlanda del Nord Martin O'Neill 1971–81
TC Irlanda Roy Keane 1990–93
CS Scozia Archie Gemmill 1977–79
AD Inghilterra Ian Storey-Moore 1962–72
AC Inghilterra Trevor Francis 1979–81
AS Scozia John Robertson 1970–83; 1985–86

Greatest 11[modifica | modifica wikitesto]

Il 3 maggio 2016, in occasione della cena di gala per il 150esimo anniversario della società, è stata annunciata la Greatest 11 dei Reds[74]. La classifica è stata stilata in base ai voti espressi da tutti gli abbonati del Nottingham Forest[75].

Ruolo Giocatore Anni al Forest
P Inghilterra Peter Shilton 1977–82
TD Inghilterra Viv Anderson 1974–84
DCD Inghilterra Des Walker 1984–92; 2002–04
DCS Scozia Kenny Burns 1977–81
TD Inghilterra Stuart Pearce 1985–97
CD Irlanda del Nord Martin O'Neill 1971–81
CC Irlanda Roy Keane 1990–93
CC Scozia John McGovern 1974-81
CS Scozia John Robertson 1970-83
AC Inghilterra Ian Storey-Moore 1962–72
AC Inghilterra Stan Collymore 1993-95

Player of the Year[modifica | modifica wikitesto]

L'ex capitano del Forest Stuart Pearce ha vinto il premio di Player of the Year per ben tre volte, record che condivide con Des Walker. Andy Reid, insieme a Kenny Burns, Nigel Clough e Chris Cohen sono invece gli unici calciatori ad avere vinto il premio per due volte durante la loro carriera. Tra tutti questi calciatori, Andy Reid è quello con la maggiore distanza in anni tra il primo ed il secondo premio, ben dieci anni.

Stuart Pearce, vincitore del premio di Player of the Year per ben tre volte.
Anno Vincitore
1977 Inghilterra Tony Woodcock[76]
1978 Scozia Kenny Burns[76]
1979 Inghilterra Garry Birtles[76]
1980 Inghilterra Larry Lloyd[76]
1981 Scozia Kenny Burns[77]
1982 Inghilterra Peter Shilton[77]
1983 Inghilterra Steve Hodge[77]
1984 Inghilterra Chris Fairclough[77]
1985 Scozia Jim McInally[77]
1986 Inghilterra Nigel Clough[77]
 
Anno Vincitore
1987 Inghilterra Des Walker[77]
1988 Inghilterra Nigel Clough[77]
1989 Inghilterra Stuart Pearce[77]
1990 Inghilterra Des Walker[78]
1991 Inghilterra Stuart Pearce[78]
1992 Inghilterra Des Walker[78]
1993 Inghilterra Steve Sutton[78]
1994 Galles David Phillips[78]
1995 Inghilterra Steve Stone[78]
1996 Inghilterra Stuart Pearce[78]
 
Anno Vincitore
1997 Inghilterra Colin Cooper[78]
1998 Paesi Bassi Pierre van Hooijdonk[78]
1999 Inghilterra Alan Rogers[78]
2000 Inghilterra Dave Beasant[79]
2001 Inghilterra Chris Bart-Williams[79]
2002 Scozia Gareth Williams[80]
2003 Giamaica David Johnson[81]
2004 Irlanda Andy Reid[82]
2005 Inghilterra Paul Gerrard[83]
2006 Inghilterra Ian Breckin[84]
 
Anno Vincitore
2007 Inghilterra Grant Holt[85]
2008 Inghilterra Julian Bennett[86]
2009 Inghilterra Chris Cohen[87]
2010 Irlanda del Nord Lee Camp[88]
2011 Inghilterra Luke Chambers[89]
2012 Giamaica Garath McCleary[90]
2013 Inghilterra Chris Cohen[91]
2014 Irlanda Andy Reid[92]
2015 Inghilterra Michail Antonio[93]
2016 Paesi Bassi Dorus de Vries[94]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

1977-1978, 1978-1979, 1988-1989, 1989-1990
1978

Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni minori[modifica | modifica wikitesto]

1892
1988-1989, 1991-1992
1988
  • Coppa Anglo-Scozzese: 1
1977
  • Bass Charity Vase: 3
1899, 2001, 2002
2009, 2010, 2011, 2013, 2015 (2)
  • Dallas Cup: 1
2002
  • Torneo di Norimberga: 1
1982
  • Trofeo Colombino: 1
1982

Tifoseria[modifica | modifica wikitesto]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il Nottingham Forest, nonostante gli ultimi anni passati nella seconda serie inglese, ha un numeroso seguito, con una media di spettatori per stagione sempre superiore alle 20.000 unità. Il picco di tifosi venne toccato nel 1968, con ben 32.715 spettatori di media.[95]

Tra i supporter del Forest, ci sono diverse celebrità quali il giocatore di cricket inglese Stuart Broad[96] il boxer Carl Froch,[97][98] i golfisti Lee Westwood[99] e Oliver Wilson,[100] i calciatori Alex Baptiste[101] Tom Cairney,[101] Shaun Barker[102] e Patrick Bamford,[103] l'attore della serie TV Doctor Who Matt Smith,[104] i politici Kenneth Clarke, Dan Jarvis e Michael Dugher,[105][106] il cantante dei Manic Street Preachers James Dean Bradfield,[107][108] gli attori Jason Statham,[109], Joe Dempsie[110], Arsher Ali,[111] e Su Pollard[112], l'allenatore di calcio brasiliano Luiz Felipe Scolari,[113] l'artista e musicista David Shrigley,[114] il comico Matt Forde,[115] il presentatore televisivo e radiofonico Richard Bacon,[116] e il chitarrista dei The Pogues Phil Chevron,[117].

Gemellaggi e rivalità[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Derby di Nottingham, East Midlands derby e Brian Clough Trophy.

Nonostante il Notts County sia la squadra geograficamente più vicina, il Forest è sempre rimasto almeno una categoria più in alto rispetto al County dalla stagione 1994-95, la rivalità più accesa è infatti quella con il Derby County, città che dista più di 20 chilometri da Nottingham.[118] I due club si affrontano nell'East Midlands derby, un appuntamento che ha assunto ancora maggiore significato con la nascita del Brian Clough Trophy nel 2007. Un'altra rivalità molto sentita è quella contro il Leicester City, anch'essa dovuta alla relativa vicinanza tra le due città.

Un altro rivale del Forest è lo Sheffield United, squadra della vicina contea del South Yorkshire. Questa rivalità affonda le proprie origini allo sciopero dei minatori britannici dell'84-85 quanto i minatori dello South Yorkshire proclamarono lo sciopero, al contrario dei minatori del Nottinghamshire i quali continuarono a lavorare, chiedendo allo stesso una votazione sulla questione. La rivalità crebbe ancora di più quando le due squadre si incontrarono nella gara di playoff della stagione 2002-03, semifinale vinta dallo Sheffield United per 5-4 dopo un'eccitante gara di ritorno vinta per 4-3 dai padroni di casa, dopo i tempi supplementari.[119]

Ai tempi d'oro del Nottingham Forest, sul finire degli anni settanta e all'inizio degli ottanta, un'accesa rivalità nacque nei confronti del Liverpool. Dalle sfide in Coppa Campioni con il Liverpool, nacque il canto dei tifosi del Forest Are You Watching, Are You Watching, Are You Watching Liverpool! Questo venne inizialmente cantato quando il Nottingham riuscì ad eliminare gli acerrimi rivali che ebbero per lo più la colpa di aver preso la maglietta (rossa) e il relativo soprannome The Reds dal Forest. Fu proprio durante un match di FA Cup contro il Liverpool, a Sheffield il 15 aprile 1989, che si verificò la spaventosa strage di Hillsborough in cui persero la vita 96 tifosi della squadra della Merseyside.

Altre rivalità meno sentite ma pure sempre attive sono quelle con il Leeds United, il Manchester United e il Burnley.

Organico[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Nottingham Forest Football Club 2015-2016.

Rosa[modifica | modifica wikitesto]

Rosa e numerazione sono aggiornati al 16 marzo 2016[120]

N. Ruolo Giocatore
1 Paesi Bassi P Dorus de Vries
2 Stati Uniti D Eric Lichaj
4 Inghilterra D Michael Mancienne
5 Inghilterra D Matthew Mills
6 Inghilterra D Kelvin Wilson
7 Inghilterra A Matty Fryatt
8 Inghilterra C Chris Cohen (capitano)
9 RD del Congo A Britt Assombalonga
10 Inghilterra C Henri Lansbury
11 Irlanda C Andy Reid (vice capitano)
13 Scozia D Daniel Fox
15 Capo Verde A Ryan Mendes
17 Portogallo A Nélson Oliveira
18 Italia A Federico Macheda
19 Irlanda del Nord A Jamie Ward
N. Ruolo Giocatore
23 Antigua e Barbuda A Dexter Blackstock
24 Galles C David Vaughan
25 Inghilterra D Jack Hobbs
26 Bulgaria P Dimitar Evtimov
29 Inghilterra A Chris O'Grady
31 Spagna D Daniel Pinillos
32 Germania C Robert Tesche
35 Scozia C Oliver Burke
37 Inghilterra C Jorge Grant
38 Inghilterra C Ben Osborn

Staff tecnico[modifica | modifica wikitesto]

Staff aggiornato al 13 maggio 2016.[121][122]

Staff dell'area tecnica
  • Inghilterra Lennie Lawrence - Allenatore in seconda
  • Inghilterra Jimmy Gilligan - Preparatore atletico
  • Inghilterra Steve Sutton - Preparatore portieri
  • Inghilterra Gary Brazil - Allenatore delle giovanili
  • Irlanda del Nord Steve Devine - Fisioterapista
  • Inghilterra John Warhurst - Analista


Piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

(*) La squadra partecipò una sola volta alla Coppa Intercontinentale perché declinò la partecipazione alla finale del 1979, la quale fu invece disputata dal Malmö, vice-campione europeo di quell'anno.

Record[modifica | modifica wikitesto]

Maggior numero di presenze (in tutte le competizioni):

  1. R. McKinlay: 692
  2. I. Bowyer: 564
  3. S. Chettle: 526
  4. S. Pearce: 522

Maggior numero di gol (in tutte le competizioni):

  1. A. G. Morris: 217
  2. N. Clough: 131
  3. W. Ardron: 124
  4. J. G. Dent: 122
  • Record di affluenza:
49.946 spettatori nella partita contro il Manchester United di Division One, 28 ottobre 1967
  • Affluenza minima:
2.013 spettatori nella partita contro il Brentford valida per il Johnstone's Paint Trophy, 31 ottobre 2006
  • Record di incasso:
499.099 sterline nella partita contro il Bayern Monaco valida per i quarti di finale della Coppa UEFA, 19 marzo 1996
  • Maggior striscia di vittorie consecutive:
7 vittorie, dal 9 maggio 1922 al 1º settembre 1922
  • Maggior striscia di sconfitte consecutive:
14 sconfitte, dal 21 marzo 1913 al 27 settembre 1913
  • Maggior serie di partite senza sconfitte:
42 partite, dal 26 novembre 1977 al 25 novembre 1978
  • Maggior serie di partite senza una vittoria:
17 partite, dal 25 ottobre 2003 al 28 febbraio 2004
  • Gol più veloce:
23 secondi, Paul Smith nella partita contro il Leicester City valida per la Carling Cup, 18 settembre 2007.[123][124]
  • Prima partita nella Football League:
3 settembre 1892, partita giocata contro l'Everton (fuori casa), finita in parità con il punteggio di 2-2
  • La migliore vittoria (in tutte le competizioni):
14-0, contro il Clapton (fuori casa), primo turno della FA Cup, 17 gennaio 1891
  • La peggior sconfitta (in tutte le competizioni):
1-9, contro il Blackburn Rovers, Division Two, 10 aprile 1937
  • Maggior numero di punti conquistati in una stagione:
94 punti, nella stagione 1977-78 di Division One
  • Maggior numero di gol segnati in una stagione:
101, nella stagione 1950-51 di Division Three
  • Miglior realizzatore in una stagione:
Wally Ardron con 36 reti segnate, stagione 1950-51 di Division Three
  • Maggior numero di presenze per una nazionale:
Peter Shilton, 125 presenze con la maglia dell'Inghilterra
  • Giocatore convocato più volte in nazionale:
Stuart Pearce, 78 convocazione per la nazionale inglese
  • Più giovane esordiente:
Craig Westcarr, 16 anni nella gara contro il Burnley, 13 ottobre 2001
  • Maggior cifra pagata per un calciatore:
3.500.000 sterline per Pierre van Hooijdonk, acquistato dal Celtic nel marzo 1997.
  • Maggior cifra ricevuta per un calciatore:
8.500.000 sterline per Stan Collymore, venduto al Liverpool nel giugno 1995

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Ian Herbert, Top football clubs played host to Scots sport of shinty, The Independent, 9 settembre 2006. URL consultato il 6 ottobre 2015.
  2. ^ (EN) Tony Collins, John Martin e Wray Vamplew, Encyclopedia of traditional British rural sports, 2005, p. 39, ISBN 978-0-415-64747-2. URL consultato il 6 ottobre 2015.
  3. ^ (EN) England – Football Alliance, Rsssf.com, 23 luglio 2006. URL consultato il 6 ottobre 2015.
  4. ^ (EN) Ian Herbert, Blue plaque for man who invented football goal net, The Independent, 7 luglio 2000. URL consultato il 6 ottobre 2015 (archiviato dall'url originale il 24 settembre 2011).
  5. ^ a b (EN) FA Cup Finals, 1872-today, Football Association. URL consultato il 6 ottobre 2015.
  6. ^ (EN) English FA Cup Finalists 1890 - 1899, su historicalkits.co.uk. URL consultato il 6 ottobre 2015.
  7. ^ (EN) Third Division (South) Table 1950/1951, su Stats.Football.co.uk. URL consultato il 6 ottobre 2015.
  8. ^ (EN) 1959 FA Cup, su historicalkits.co.uk. URL consultato il 6 ottobre 2015.
  9. ^ (EN) First Division Table 1971/1972, su Stats.Football.co.uk. URL consultato il 6 ottobre 2015.
  10. ^ Le altre squadre che ci riuscirono sono il Liverpool nel 1906, l'Everton nel 1932, il Tottenham Hotspur nel 1951 e l'Ipswich Town nel 1962. Il Forest resta l'unico club ad aver compiuto questa impresa senza aver vinto il titolo la stagione precedente.
  11. ^ (EN) Forest sues Anderlecht over '84 bribery scandal, BBC News, 24 dicembre 1997. URL consultato il 6 ottobre 2015.
  12. ^ (EN) Winless Forest lose manager Clark, Agence France-Presse, 20 dicembre 1996. URL consultato il 6 ottobre 2015.
  13. ^ (EN) Bassett quits Palace and joins Forest, Reuters, 1º marzo 1997. URL consultato il 6 ottobre 2015.
  14. ^ (EN) Alan Barnes, Forest hire Atkinson the troubleshooter, The Independent, 12 gennaio 1999. URL consultato il 6 ottobre 2015.
  15. ^ (EN) Platt hires Italians as Goldbaek balks, The Independent, 3 agosto 1999. URL consultato il 7 ottobre 2015.
  16. ^ (EN) Hart named new Forest boss, BBC Sport, 12 luglio 2001. URL consultato il 7 ottobre 2015.
  17. ^ (EN) Dwight Perry, Sideline Chatter: Gesture gives soccer peace a chance, The Seattle Times, 5 dicembre 2001. URL consultato il 7 ottobre 2015.
  18. ^ (FR) Christopher Boltanski, Des clubs anglais privés de leur télé vache à lait, Libération, 29 marzo 2002. URL consultato il 7 ottobre 2015.
  19. ^ (EN) Forest finally lose patience with Hart, The Guardian, 7 febbraio 2004. URL consultato il 7 ottobre 2015.
  20. ^ (EN) John Rawling, Hart a hapless scapegoat as Forest fire their fans' outrage, The Guardian, 9 febbraio 2004. URL consultato il 7 ottobre 2015.
  21. ^ (EN) Kinnear resigns as Forest manager, BBC Sport, 16 dicembre 2004. URL consultato il 7 ottobre 2015.
  22. ^ (EN) Ben Bailey e Patrick Whyte, Premier League casualties – clubs that have struggled since relegation, su standard.co.uk, 19 marzo 2009. URL consultato il 7 ottobre 2015.
  23. ^ (EN) Oldham 3–0 Nottm Forest, BBC Sport, 15 febbraio 2006. URL consultato il 7 ottobre 2015.
  24. ^ (EN) Manager Megson leaves Forest, The Daily Telegraph, 16 febbraio 2006. URL consultato il 7 ottobre 2015.
  25. ^ (EN) Nottingham Forest 7–1 Swindon, BBC Sport, 25 febbraio 2006. URL consultato il 7 ottobre 2015.
  26. ^ (EN) League One 2005/06, Soccerbase. URL consultato il 7 ottobre 2015.
  27. ^ (EN) John Sinnott, Nottm Forest 2–5 Yeovil, BBC Sport, 18 maggio 2007. URL consultato il 7 ottobre 2015.
  28. ^ (EN) Calderwood sacked as Forest boss, BBC Sport, 26 dicembre 2008. URL consultato il 7 ottobre 2015.
  29. ^ (EN) Chris Harvey, Forest appoint Davies, Sky Sports, 1º gennaio 2009. URL consultato il 7 ottobre 2015.
  30. ^ (EN) Man City 0–3 Nottm Forest, BBC Sport, 3 gennaio 2009. URL consultato il 7 ottobre 2015.
  31. ^ (EN) Richard Rae, Ten-man Swansea have little trouble dousing Nottingham Forest's fire, The Guardian, 12 maggio 2011. URL consultato il 7 ottobre 2015.
  32. ^ (EN) Joe Lovejoy, Darren Pratley finishes off Nottingham Forest to take Swansea to final, The Guardian, 16 maggio 2011. URL consultato il 7 ottobre 2015.
  33. ^ (EN) Nottingham Forest talk to McClaren after sacking Davies, BBC Sport, 12 giugno 2011. URL consultato il 7 ottobre 2015.
  34. ^ (EN) Billy Davies Contract Terminated, Nottingham Forest F.C., 12 giugno 2011. URL consultato il 7 ottobre 2015 (archiviato dall'url originale il 13 gennaio 2012).
  35. ^ (EN) Steve McClaren confirmed as Nottingham Forest boss, BBC Sport, 13 giugno 2011. URL consultato il 7 ottobre 2015.
  36. ^ (EN) New Manager Confirmed, Nottingham Forest F.C., 13 giugno 2011. URL consultato il 7 ottobre 2015 (archiviato dall'url originale il 13 gennaio 2012).
  37. ^ a b (EN) John Ashdown, Birmingham fight-back seals exits of Steve McClaren and Nigel Doughty, The Guardian, 2 ottobre 2011. URL consultato il 7 ottobre 2015.
  38. ^ (EN) Steve Cotterill takes over as Nottingham Forest manager, The Guardian, 14 ottobre 2011. URL consultato il 7 ottobre 2015.
  39. ^ (EN) David Baker e Emily Allen, Collymore and Broad lead the tributes to dead Nottingham Forest owner Doughty, Daily Mail, 4 febbraio 2012. URL consultato il 7 ottobre 2015.
  40. ^ (EN) Nottingham Forest confirm Al-Hasawi family as club's new owners, Guardian.co.uk, 11 luglio 2012. URL consultato l'11 settembre 2015.
  41. ^ (EN) Delighted To Be Back, Nottingham Forest F.C., 19 luglio 2012. URL consultato l'8 ottobre 2015.
  42. ^ a b (EN) Stuart James, Alex McLeish's sudden exit turns once-proud Forest into laughing stock, The Guardian, 5 febbraio 2013. URL consultato l'8 ottobre 2015.
  43. ^ (EN) Fawaz Al Hasawi Statement, Nottingham Forest F.C., 16 dicembre 2012. URL consultato l'8 ottobre 2015.
  44. ^ (EN) Nottingham Forest sack manager Sean O'Driscoll, BBC Sport, 26 dicembre 2012. URL consultato l'8 ottobre 2015.
  45. ^ (EN) Nottingham Forest name Alex McLeish as new manager, BBC Sport, 27 dicembre 2012. URL consultato l'8 ottobre 2015.
  46. ^ (EN) Graeme Yorke, Forest fans vent anger as McLeish lands manager's job ahead of Di Matteo just ONE day after O'Driscoll axing, Daily Mail, 27 dicembre 2012. URL consultato l'8 ottobre 2015.
  47. ^ (EN) Nottingham Forest: Mark Arthur, Keith Burt and Frank Clark leave, BBC Sport, 17 gennaio 2013. URL consultato l'8 ottobre 2015.
  48. ^ (EN) Nottingham Forest part company with manager Alex McLeish by mutual agreement, Sky Sports, 5 febbraio 2013. URL consultato l'8 ottobre 2015.
  49. ^ (EN) Owen Phillips e Matt Newsum, Nottingham Forest: Alex McLeish's exit leaves Reds in a mess, BBC Sport, 5 febbraio 2013. URL consultato l'8 ottobre 2015.
  50. ^ (EN) Billy Davies: Nottingham Forest re-appoint ex-manager, BBC Sport, 7 febbraio 2013. URL consultato l'8 ottobre 2015.
  51. ^ (EN) Nottm Forest 1–1 Bolton, BBC Sport, 16 febbraio 2013. URL consultato l'8 ottobre 2015.
  52. ^ (EN) Club Statement, Nottingham Forest F.C., 24 marzo 2014. URL consultato l'8 ottobre 2015.
  53. ^ (EN) Nottingham Forest: Neil Warnock rejects manager role, BBC Sport, 25 marzo 2014. URL consultato l'8 ottobre 2015.
  54. ^ (EN) Stuart Pearce refuses Notts Forest job, Irish Independent, 27 marzo 2014. URL consultato l'8 ottobre 2015.
  55. ^ (EN) History of Nottingham Forest, Nottingham Forest F.C., 28 aprile 2015. URL consultato il 2 novembre 2015.
  56. ^ (EN) The Arsenal home kit, Arsenal F.C., 23 ottobre 2009. URL consultato il 2 novembre 2015.
  57. ^ (EN) ArseWEB: Frequently Asked Arsenal Questions, su arseweb.com. URL consultato il 2 novembre 2015.
  58. ^ (ES) Década del '10, Club Atlético Independiente. (archiviato dall'url originale il 6 marzo 2008).
  59. ^ a b (EN) Nottingham Forest, su historicalkits.co.uk, Historical Football Kits. URL consultato il 2 novembre 2015.
  60. ^ (EN) Scott Murray, The Joy of Six: Brief trends in football, su theguardian.com, Guardian Media Group, 3 dicembre 2010. URL consultato il 2 novembre 2015.
  61. ^ (EN) Zola Doda, The star on Orlando Pirates badge explained, su kickoff.com, 23 ottobre 2013. URL consultato il 2 novembre 2015.
  62. ^ (EN) What is Nottingham forest mascot?, su answers.com. URL consultato il 2 novembre 2015.
  63. ^ (EN) Sports Mascots, su mibepa.info. URL consultato il 2 novembre 2015.
  64. ^ (EN) Sherwood Signs Off, Nottingham Forest F.C., 30 luglio 2007. URL consultato il 2 novembre 2015 (archiviato dall'url originale il 22 maggio 2008).
  65. ^ (EN) Sherwood’s back!, Nottingham Forest F.C.. URL consultato il 2 novembre 2015.
  66. ^ (EN) Nottingham Forest unveil £1.5m training facility, BBC, 31 marzo 2011. URL consultato il 2 novembre 2015.
  67. ^ a b c (EN) Former Chairmen, Nottingham Forest F.C.. URL consultato il 2 novembre 2015.
  68. ^ (EN) Board of Directors, Nottingham Forest F.C.. URL consultato il 2 novembre 2015.
  69. ^ (EN) Nottingham Forest owner Nigel Doughty found dead, BBC, 4 febbraio 2012. URL consultato il 2 novembre 2012.
  70. ^ (EN) Nottingham Forest owner found dead in his gym at home, Daily Mail, 4 febbraio 2012. URL consultato il 2 novembre 2012.
  71. ^ (EN) Mike Dawes, Omar Al Hasawi stands down as Forest chairman... to be replaced by cousin Fawaz, Daily Mail, 15 dicembre 2012. URL consultato l'11 settembre 2015.
  72. ^ a b (EN) Former managers of Nottingham Forest, Nottingham Forest F.C.. URL consultato il 2 novembre 2015.
  73. ^ Soar Philip, The Official History of Nottingham Forest, Polar Publishing, 1998, p. 196, ISBN 1-899538-08-9.
  74. ^ (EN) Nick Richardson, Greatest 11 revealed, Nottingham Forest F.C., 3 maggio 2016. URL consultato il 13 maggio 2016.
  75. ^ (EN) James Pallatt, Nottingham Forest's greatest XI revealed at gala dinner, Nottingham Post, 2 maggio 2016. URL consultato il 13 maggio 2016.
  76. ^ a b c d Players of the Season 1970's, su nottinghamforest.co.uk, Nottingham Forest F.C.. URL consultato il 7 settembre 2012.
  77. ^ a b c d e f g h i Players of the Season 1980's, su nottinghamforest.co.uk, Nottingham Forest F.C.. URL consultato il 7 settembre 2012.
  78. ^ a b c d e f g h i j Players of the Season 1990's, su nottinghamforest.co.uk, Nottingham Forest F.C.. URL consultato il 7 settembre 2012.
  79. ^ a b Players of the Season 2000's, su nottinghamforest.co.uk, Nottingham Forest F.C.. URL consultato il 7 settembre 2012.
  80. ^ Gareth's Our Top Idol, in nottinghamforest.co.uk, Nottingham Forest F.C., 13 April 2002. URL consultato il 30 aprile 2012.
  81. ^ Player of the Year, in nottinghamforest.co.uk, Nottingham Forest F.C., 27 aprile 2003. URL consultato il 30 aprile 2012.
  82. ^ Player of the Year, in nottinghamforest.co.uk, Nottingham Forest F.C., 1º maggio 2004. URL consultato il 30 aprile 2012.
  83. ^ Paul Gerrard – Player of the Year, in nottinghamforest.co.uk, Nottingham Forest F.C., 8 maggio 2005. URL consultato il 30 aprile 2012.
  84. ^ Breckin Scoops Award, in nottinghamforest.co.uk, Nottingham Forest F.C., 29 aprile 2006. URL consultato il 30 aprile 2012.
  85. ^ Prize Guy Grant, in nottinghamforest.co.uk, Nottingham Forest F.C., 11 luglio 2007. URL consultato il 30 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 9 maggio 2012).
  86. ^ 'Jules' Tops Poll, in nottinghamforest.co.uk, Nottingham Forest F.C., 4 maggio 2008. URL consultato il 30 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 6 maggio 2008).
  87. ^ Chris Is Your Choice, in nottinghamforest.co.uk, Nottingham Forest F.C., 3 maggio 2009. URL consultato il 30 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 6 maggio 2009).
  88. ^ Camp Fire Lands Award, in nottinghamforest.co.uk, Nottingham Forest F.C., 24 aprile 2010. URL consultato il 30 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 29 aprile 2010).
  89. ^ Star Man Luke, in nottinghamforest.co.uk, Nottingham Forest F.C., 30 aprile 2011. URL consultato il 30 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 29 gennaio 2012).
  90. ^ G-Mac And Adi Land Awards, in nottinghamforest.co.uk, Nottingham Forest F.C., 28 aprile 2012. URL consultato il 30 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 4 luglio 2012).
  91. ^ Nick Richardson, Cohen Wins Player of the Season, in nottinghamforest.co.uk, Nottingham Forest F.C., 4 maggio 2013. URL consultato il 4 maggio 2013.
  92. ^ Andy Reid Named Player of the Season, in nottinghamforest.co.uk, Nottingham Forest F.C., 3 maggio 2014. URL consultato il 4 maggio 2013.
  93. ^ Antonio scoops top prize, in nottinghamforest.co.uk, Nottingham Forest F.C., 4 maggio 2015. URL consultato il 4 maggio 2015.
  94. ^ (EN) Dorus named the top man, in nottinghamforest.co.uk, Nottingham Forest F.C., 30 aprile 2016. URL consultato il 13 maggio 2016.
  95. ^ (EN) EFS Attendances - Nottingham Forest FC, su european-football-statistics.co.uk. URL consultato il 10 novembre 2015.
  96. ^ (EN) Tom Barclay, My Club: Stuart Broad on Nottingham Forest, The Sun, 13 aprile 2013. URL consultato il 14 aprile 2013.
  97. ^ (EN) Tom Barclay, My Club: Carl Froch on Nottingham Forest, The Sun, 11 agosto 2012.
  98. ^ (EN) My Team: IBF World Super Middleweight Champ Carl Froch Talks Notts Forest!, zootoday.com, 12 dicembre 2012. URL consultato il 12 dicembre 2012.
  99. ^ (EN) Lee Westwood tries to ignite Nottingham Forest fire, Liverpool Echo, 14 luglio 2009.
  100. ^ (EN) Oliver Brown, Oliver Wilson poised to make name for himself as targets first title in Qatar, The Telegraph, 28 gennaio 2010. URL consultato il 4 novembre 2014.
  101. ^ a b (EN) Tyrone Marshall, Goal was special against boyhood club, says Blackburn Rovers defender Alex Baptiste, Lancashire Telegraph, 27 ottobre 2014. URL consultato il 3 novembre 2014.
  102. ^ (EN) Barker signs for Rams ahead of Forest, Nottingham Post, 15 luglio 2009.
  103. ^ (EN) Nottingham Forest v Middlesbrough: Match in focus, Nottingham Post, 5 marzo 2015. URL consultato l'8 marzo 2015.
  104. ^ (EN) Doctor Who star Matt Smith: "I'm a huge Forest fan", Nottingham Post, 15 ottobre 2010.
  105. ^ (EN) The Rt Hon Kenneth Clarke, QC, MP, Debrett's.
  106. ^ (EN) PARLIAMENTARY DEBATES (HANSARD) (PDF), publications.parliament.uk, 17 ottobre 2011. URL consultato il 10 novembre 2015.
  107. ^ (EN) Stuart Maconie, Everything Must Grow Up, Q, October 1998.
  108. ^ (EN) Lawrence Poole, James Dean Bradfield @ Academy 2, su citylife.co.uk, Manchester Evening News, 10 ottobre 2006. URL consultato il 12 dicembre 2012.
  109. ^ (EN) Len Brown, Jason Statham: Taking Stock, Hachette UK, 2010, ISBN 1-4091-3266-8.
  110. ^ (EN) David Stubbs, Joe Dempsie: 'There's a parting of the ways between actors and celebrities', The Guardian, 25 agosto 2012.
  111. ^ (EN) Nottingham's Arsher Ali on his role in compelling BBC drama The Missing, Nottingham Post, 22 novembre 2014. URL consultato il 10 novembre 2015.
  112. ^ (EN) Forest supporter Su is hoping to have Rams fans on her side for stage musical, Derby Telegraph, 1º aprile 2011.
  113. ^ (EN) Luiz Felipe Scolari: Forest fan up for the fight, The Telegraph, 9 luglio 2008.
  114. ^ (EN) Horatia Harrod, David Shrigley: Oddly drawn boy, The Telegraph, 26 agosto 2007.
  115. ^ (EN) Radio: Matt Forde, talkSPORT. URL consultato il 17 luglio 2013.
  116. ^ (EN) Nina Myskow, THE REAL REAL ME: Richard Bacon – I didn't think the cocaine scandal was the end of my career..if you get a lot of publicity, people want to hire you, Daily Mirror, 1º febbraio 2002.
  117. ^ (EN) Pogues guitarist and huge Nottingham Forest fan Phil Chevron has died, Nottingham Post, 10 ottobre 2013.
  118. ^ (EN) Positions 11 – 15 | Football Rivalries Report 2008, Footballpools.com. URL consultato il 10 novembre 2015 (archiviato dall'url originale il 27 aprile 2014).
  119. ^ (EN) Blades overcome brave Forest, BBC Sports, 15 maggio 2003. URL consultato il 10 novembre 2015.
  120. ^ (EN) Meet the Forest Squad, Nottingham Forest F.C., 13 agosto 2015. URL consultato l'11 gennaio 2016.
  121. ^ (EN) Nottingham Forest Staff Profiles, Nottingham Forest F.C.. URL consultato il 3 novembre 2015.
  122. ^ (EN) Who's Who, Nottingham Forest F.C., 3 luglio 2015. URL consultato il 3 novembre 2015.
  123. ^ Fair Play: il caso di Nottingham Forest - Leicester City, CalcioBlog.it.
  124. ^ (EN) Nottingham Forest 2 v 3 Leicester City, Sito ufficiale del Nottingham Forest.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN156194490