Branko Zebec

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Branko Zebec
Branko Zebec 1953.jpg
Dati biografici
Nazionalità bandiera Jugoslavia
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Allenatore (ex centrocampista)
Carriera
Giovanili
1943-1945 Gradanski Zagabria Građanski Zagabria
NK Poštar
Lokomotiva Zagabria Lok. Zagabria
NK Milicionar Zagabria
Squadre di club1
1945-1951 NK Borac Zagabria  ? (?)
1952-1959 Partizan Partizan 128 (37)
1959-1961 Stella Rossa Stella Rossa 27 (4)
1961-1965 Alemannia Alemannia 99 (4)
Nazionale
1951-1961 Jugoslavia Jugoslavia 65 (17)
Carriera da allenatore
1965-1967 Dinamo Zagabria Dinamo Zagabria
1968-1970 Bayern Monaco Bayern Monaco
1970-1972 Stoccarda Stoccarda
1972-1973 Hajduk Spalato Hajduk Spalato
1974-1978 E. Braunschweig E. Braunschweig
1978-1980 Amburgo Amburgo
1981-1982 Bor. Dortmund Bor. Dortmund
1982-1983 E. Francoforte E. Francoforte
1984 Dinamo Zagabria Dinamo Zagabria
Palmarès
Bandiera olimpica  Olimpiadi
Argento Helsinki 1952
UEFA European Cup.svg  Europei di calcio
Argento Francia 1960
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 2 marzo 2008

Branko Zebec (Zagabria, 17 maggio 192926 settembre 1988) è stato un allenatore di calcio e calciatore jugoslavo, di ruolo centrocampista.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Giocatore[modifica | modifica sorgente]

Inizia la carriera da calciatore in diverse squadre croate: Građanski Zagabria, NK Poštar, Lokomotiva Zagabria, NK Milicionar Zagabria.

Dopo la fine della seconda guerra mondiale, milita dapprima nell'NK Borac Zagabria per poi approdare al Partizan Belgrado, di cui diventa una delle prime bandiere, disputando ben 128 incontri e vincendo tre Coppe di Jugoslavia.

All'inizio della campionato 1959-1960 passa ai rivali cittadini della Stella Rossa, con cui vince proprio il campionato d'esordio.

Nel 1961 si trasferisce in Germania Ovest, all'Alemannia Aachen, dove chiuse la carriera, con il raggiungimento della finale, persa contro il Borussia Dortmund, della Coppa di Germania 1965.

Con la Nazionale jugoslava ha partecipato alle Olimpiadi del 1952, vincendo la medaglia d'argento e aggiudicandosi il titolo di capocannoniere del torneo, con 7 reti, lasciando alle spalle gente come Kocsis e Puskas, Bobek e Vukas, nonché l'italiano Anadio Gimona. Ha quindi preso parte ai Mondiali del 1954 e ai Mondiali del 1958, nonché agli Europei del 1960, persi contro l'Unione Sovietica.

Da allenatore[modifica | modifica sorgente]

Inizia la carriera da allenatore alla guida della Dinamo Zagabria, con cui vince la Coppa delle Fiere 1967.

Ritornato in Germania Ovest, alla guida del prestigioso Bayern Monaco centra la vittoria del campionato 1968-1969 e della Coppa di Germania 1969. Sempre in Germania allena per due stagioni lo Stoccarda.

Rientrato in patria, alla guida dell'Hajduk Spalato conquista la Coppa di Serbia 1973.

Dopo una sola stagione, però fa il suo ritorno in Germania, alla guida dell'Eintracht Braunschweig, dell'Amburgo, con cui conquista il campionato 1979-1980, il Borussia Dortmund, e l'Eintracht Francoforte.

Nel 1984 guida per alcune partite la Dinamo Zagabria.

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Giocatore[modifica | modifica sorgente]

Partizan Belgrado: 1952, 1954, 1957
Stella Rossa: 1959-1960

Allenatore[modifica | modifica sorgente]

Bayern Monaco: 1968-69
Amburgo: 1978-79
Bayern Monaco: 1968-69
Hadjuk Spalato: 1973
Dinamo Zagabria: 1966-1967