Nils Petersen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nils Petersen
Nils Petersen.JPG
Nazionalità Germania Germania
Altezza 189 cm
Peso 80 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Attaccante
Squadra Friburgo
Carriera
Giovanili
2001-2004 Germania Halberstadt
2005-2007 Carl Zeiss Jena
Squadre di club1
2007-2008 Carl Zeiss Jena 41 (4)
2008-2011 Energie Cottbus 68 (40)
2011-2012 Bayern Monaco 9 (2)
2012-2015 Werder Brema 69 (18)
2015- Friburgo 44 (30)
Nazionale
2007 Germania Germania U-19 4 (2)
2007-2008 Germania Germania U-20 3 (0)
2009 Germania Germania U-21 2 (0)
2016 Germania Germania olimpica 4 (6)
Palmarès
Olympic flag.svg Olimpiadi
Argento Rio de Janeiro 2016
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 10 agosto 2016

Nils Petersen (Wernigerode, 6 dicembre 1988) è un calciatore tedesco, attaccante del Friburgo.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

È un attaccante molto forte fisicamente, ma allo stesso tempo dotato di velocità di gambe ed opportunismo[1].

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Bayern Monaco[modifica | modifica wikitesto]

Il 19 maggio 2011 passa a titolo definitivo dall'Energie Cottbus al Bayern Monaco per 2,8 milioni di euro[2]. Durante l'estate viene subito schierato nelle prime amichevoli estive. Il 6 luglio subentra a Mario Gómez nel secondo tempo di Bayern-Selezione Trentino e con una tripletta contribuisce a portare il risultato su un ampissimo 15-0 per i bavaresi. Il 9 luglio subentra ancora una volta a Gomez nel secondo tempo di Bayern-Qatar e segna la rete del temporaneo 3-0. Il 14 luglio subentrato ancora una volta a Gomez nel secondo tempo segna il gol del definitivo 0-2 contro il Carl Zeiss Jena, squadra di terza divisione tedesca, nella terza amichevole estiva del Bayern.

Il 23 agosto 2011 fa il suo esordio assoluto in UEFA Champions League nella partita di ritorno dei play-off a Zurigo, il 10 settembre segna il suo primo gol in campionato contro il Friburgo e otto giorni dopo si ripete in casa dello Schalke 04. Il 26 ottobre segna una doppietta ai danni dell'Ingolstadt nella partita vinta per 6-0 al secondo turno di Coppa di Germania: alla fine, la stagione bavarese di Petersen conta in totale di 15 presenze e 4 reti.

Werder Brema[modifica | modifica wikitesto]

Il 29 giugno 2012 viene ufficializzato il suo passaggio in prestito oneroso per 500.000 euro al Werder Brema[3]: esordisce in maglia verde negli ultimi 25 minuti della prima giornata di campionato, persa per 2-1 contro il Borussia Dortmund, mentre una settimana dopo è protagonista nel match vinto per 2-0 contro l'Amburgo con un gol ed un assist per Aaron Hunt. Nel corso della positiva stagione al club di Brema, Petersen disputa 34 partite nel ruolo di punta centrale ed una sola da ala destra (la roboante sconfitta casalinga per 0-5 contro il Borussia Dortmund), impreziosite da 11 reti (di cui 2 doppiette, all'Hannover 96 e al Friburgo) e 6 assist.

Il 23 maggio 2013 il Werder Brema ha ufficializzato, tramite comunicato stampa, l'acquisto a titolo definitivo del giocatore, che verrà quindi riscattato dal Bayern Monaco e firmerà poi un quadriennale fino al 2017[4]. Il trasferimento diventa effettivo il 1º luglio, come di consueto all'apertura ufficiale del calciomercato estivo.

Friburgo[modifica | modifica wikitesto]

Nel gennaio 2015 viene ceduto in prestito semestrale al Friburgo. Il 31 gennaio, nel suo debutto contro l'Eintracht Francoforte, segna una tripletta. Conclude il prestito con 9 reti in 12 partite. Viene così riscattato dai Grifoni per un importo non ufficializzato. Il 27 luglio 2015, prima partita 2. Fußball-Bundesliga, segna una tripletta contro il Norimberga. Il 9 agosto, in Coppa di Germania, sigla una quaterna contro il Barmbek.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Giovanili[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2007 viene convocato dall'Under-19 con la quale segna un goal contro la Russia nel campionato europeo. Il 6 agosto 2009 debutta con l'Under-21. Partecipa come fouri quota alle Olimpiadi di Rio de Janeiro 2016, dove ottiene l'argento con la nazionale olimpica tedesca, vincendo la classifica marcatori del torneo insieme al connazionale Serge Gnabry. Nelle sequenza dei tiri di rigore della finale il suo errore (unico della serie), è decisivo per la vittoria della nazionale olimpica brasiliana.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 30 agosto 2015.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2006-2007 Germania Carl Zeiss Jena 2L 3 0 CG 0 0 - - - - - - 3 0
2007-2008 2L 20 4 CG 4 1 - - - - - - 24 5
2008-gen. 2009 3L 18 0 CG 2 1 - - - - - - 20 1
Totale Carl Zeiss Jena 41 4 6 2 - - - - 47 6
gen.-giu. 2009 Germania Energie Cottbus BL 1 0 CG 0 0 - - - - - - 1 0
2009-2010 2L 34 15 CG 2 0 - - - - - - 36 15
2010-2011 2L 33 25 CG 5 3 - - - - - - 38 28
Totale Energie Cottbus 68 40 7 3 - - - - 75 43
2011-2012 Germania Bayern Monaco BL 9 2 CG 2 2 UCL 4 0 - - - 15 4
2012-2013 Germania Werder Brema BL 34 11 CG 1 0 - - - - - - 35 11
2013-2014 BL 28 7 CG 1 0 - - - - - - 29 7
2014-gen. 2015 BL 7 0 CG 1 0 - - - - - - 8 0
Totale Werder Brema 69 18 3 0 - - - - 72 18
gen.-giu. 2015 Germania Friburgo BL 12 9 CG 0 0 - - - - - - 12 9
2015-2016 2L 32 21 CG 1 4 - - - - - - 33 25
Totale Friburgo 44 30 1 4 - - - - 45 34
Totale carriera 231 94 19 9 4 0 - - 244 103

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Friburgo: 2015-2016

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Rio de Janeiro 2016

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

2010-2011
Rio de Janeiro 2016 (6 gol)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il Bayern prende Petersen. 25 gol nella B tedesca, corrieredellosport.it, 20 maggio 2011.
  2. ^ (DE) Petersen unterschreibt für drei Jahre, fcbayern.telekom.de, 19 maggio 2011.
  3. ^ (DE) Nils Petersen stürmt zum SV Werder, werder.de, 29 giugno 2012.
  4. ^ (DE) Gutes Signal: Petersen unterschreibt Vier-Jahresvertrag, werder.de, 23 maggio 2013.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • (DEENIT) Nils Petersen, su Transfermarkt.it, Transfermarkt GmbH & Co. KG.