Rajko Mitić

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Rajko Mitić
Rajko Mitić (1970).jpg
Nazionalità Jugoslavia Jugoslavia
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex attaccante)
Ritirato 1959 - giocatore
1970 - allenatore
Carriera
Squadre di club1
1946-1959Stella Rossa220 (72)
Nazionale
1945 Flag of Serbia (1947–1992).svg SR Serbia 2 (2)
1946-1957 Jugoslavia Jugoslavia 59 (32)
Carriera da allenatore
1960-1966Stella Rossavice
1966-1970Jugoslavia Jugoslavia
Palmarès
Olympic flag.svg Olimpiadi
Argento Londra 1948
Argento Helsinki 1952
UEFA European Cup.svg Europei di calcio
Argento Italia 1968
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 29 febbraio 2008

Rajko Mitić (in serbo Рајко Митић) (Bela Palanka, 19 novembre 1922Belgrado, 29 marzo 2008) è stato un calciatore e allenatore di calcio jugoslavo.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Debutta da professionista nel 1945 nel primo campionato della RSF di Jugoslavia con la maglia "nazionale" della Repubblica Socialista di Serbia, con cui trionfa.

Ingaggiato dalla Stella Rossa di Belgrado, diventa una delle prime bandiere della formazione di Belgrado, vincendo cinque campionati della RSF di Jugoslavia, altrettante Coppe di Jugoslavia, la Mitropa Cup 1958, venendo nominato per questo "Zvezdine zvezde" ("Stella della Stella Rossa Belgrado").

Con la Nazionale jugoslava vanta 59 presenze e 32 gol e la partecipazione alle Olimpiadi del 1948 e alle Olimpiadi del 1952, competizioni concluse con la vittoria della medaglia d'argento, a cui si aggiunge la partecipazione ai Mondiali del 1950 e ai Mondiali del 1954.

Nel campionato del mondo 1950 il Brasile si gioca una partita decisiva contro la Jugoslavia per il passaggio del turno.[1] Mentre attraversa il sottopassaggio per entrare in campo,[1] Mitić, capitano degli jugoslavi,[1] batte la testa contro una trave sporgente e inizia a perdere copiosamente sangue:[1] all'epoca non è possibile fare sostituzioni dopo l'inserimento in distinta[1] né posticipare l'incontro di qualche minuto.[1] La Jugoslavia inizia la partita in dieci uomini e Ademir segna il gol dell'1-0 al 3'.[1] Mitić riesce ad arrivare sul terreno di gioco dopo venti minuti, vistosamente fasciato sul volto:[1] il Brasile vince l'incontro 2-0.[1]

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Nominato vice-allenatore della Stella Rossa Belgrado nel 1960, ricopre il ruolo per sei anni, assistente prima di Miša Pavić e poi di Ivan Toplak.

Nel 1966 viene nominato allenatore della Nazionale jugoslava con cui partecipa agli Europei del 1968 vincendo, anche in questo caso, la medaglia d'argento, dopo aver perso la finale con l'Italia.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

1945
1951, 1952-1953, 1955-1956, 1956-1957, 1958-1959
1948, 1949, 1950, 1958, 1959
1958

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i Buffa.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Videografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Federico Ferri, Federico Buffa, Storie Mondiali: Il Maracanazo (1950), Sky Sport, 2014.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • (ENDEFRESAR) Rajko Mitić, su FIFA.com, FIFA. Modifica su Wikidata
  • (EN) Rajko Mitić, su national-football-teams.com, National Football Teams. Modifica su Wikidata
  • (EN) Rajko Mitić, su sports-reference.com, Sports Reference LLC. Modifica su Wikidata
Controllo di autoritàVIAF (EN144491581 · ISNI (EN0000 0000 9761 421X · LCCN (ENn2010055842 · WorldCat Identities (ENn2010-055842