Robert Prytz

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Robert Prytz
Prytz Robert.jpg
Prytz all'Atalanta nella stagione 1988-1989.
Nazionalità Svezia Svezia
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Centrocampista
Ritirato 2001
Carriera
Squadre di club1
1977-1982Malmö FF80 (27)
1982-1985Rangers77 (12)
1985IFK Göteborg11 (2)
1985-1987Young Boys40 (15)
1987-1988Uerdingen 0534 (9)
1988-1989Atalanta30 (2)
1989-1993Verona122 (20)
1993-1995Malmö FF52 (9)
1995-1997Young Boys38 (3)
1997Kilmarnock3 (0)
1997Dumbarton3 (0)
1997Cowdenbeath1 (0)
1997-1998East Fife18 (3)
1998-2000Black and White Striped.png Pollok60 (17)
2000-2001Hamilton Acad.9 (2)
Nazionale
1980-1989Svezia Svezia56 (14)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Robert Prytz (Malmö, 12 gennaio 1960) è un ex calciatore svedese, di ruolo centrocampista.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Prytz (a destra) al Verona nel 1991, con Stojković e Răducioiu.

Robert Prytz ha esordito a 17 anni nella massima serie svedese col Malmo FF. Nel 1979 giocò da titolare la finale della Coppa dei Campioni che si disputò a Monaco di Baviera contro il Nottingham Forest[1]. La partita venne vinta dalla squadra inglese per 1-0 però fu il Malmo a giocare la Coppa Intercontinentale a causa  della rinuncia del Nottingham. Prytz venne schierato da titolare anche nella doppia gara che vide il successo dei paraguaiani dell'Olimpia di Asunción.. Nel 1980 contribuì in maniera determinante alla conquista della Coppa di Svezia e nel 1981 poi disputò una delle sue migliori stagioni mettendo a segno ben 16 gol in altrettante gare. Diversi club si interessarono a lui ed alla fine venne ingaggiato dai Rangers di Glasgow. In Scozia restò per due stagioni conquistando per due volte Coppa di Lega. Dopo un breve ritorno in patria al Goteborg, una avventura biennale in Svizzera con lo Young Boys dove vinse il campionato nel 1986, venendo anche votato come miglior giocatore straniero del campionato[2]. Nel 1986 vinse anche il Guldbollen[3] ovvero un premio calcistico assegnato dal quotidiano Aftonbladet e dalla Federazione svedese  per premiare il miglior giocatore svedese.

Col club svizzero conquistò anche la Coppa nazionale nel 1987. Si trasferì poi in Germania con il Bayer Uerdingen. Nel 1998 approdò in Italia nell'Atalanta di Mondonico, club dove militava anche il suo connazionale Stromberg

Prytz fu uno dei titolari della squadra che divenne una delle sorprese del campionato terminando la stagione al sesto posto, che gli valse la qualificazione alla Coppa Uefa. Dopo aver  disputato 30 partite, mettendo a segno due reti, venne ceduto dalla dirigenza orobica al Verona in cambio di Claudio Caniggia.  La prima stagione in terra scaligera fu caratterizzata dalla retrocessione della squadra, i gialloblù però salitrono agli onori della cronaca per aver sconfitto il Milan togliendogli di fatto un titolo che sembrava già vinto [4]. Prytz concluse la stagione con 28 presenze. 

Rimase in gialloblù anche l’anno seguente giocando nel campionato di Serie B sotto gli ordini di Fascetti disputando un’ottima stagione, trovando per undici volte la via del gol, diventando uno degli artefici della promozione. Nella terza stagione le cose andarono peggio infatti il Verona retrocedette e anche per Prytz fu una stagione piuttosto sfortunata nonostante titolo di capocannoniere della squadra, con soli 4 gol, che servì solamente a rendere meno amara la delusione del ritorno in B. Prytz riuscì comunque a mettersi in luce realizzando una doppietta in Coppa Italia  contro il Milan di Capello [5] La stagione successiva fu l’ultima annata in gialloblu ed in Italia. La squadra disputò un mediocre campionato e lui divenne il miglior marcatore della squadra con sei gol stagionali. Nel 1993 ritornò prima in patria e poi trasferisti prima in Svizzera nello Young Boys e poi in Scozia dove rimase fino al 2002 giocando nel  Kilmarnock, Dumbarton, Cowdenbeath, East Fife e Hamilton e Pollok FC [6] dove concluse la sua carriera.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Malmö: 1977
Malmö: 1978, 1980
Rangers: 1983-1984, 1984-1985
Young Boys: 1986-1987

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

1986

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ European Cup & Champions League History 1955-2017, su www.europeancuphistory.com. URL consultato il 16 novembre 2017.
  2. ^ Switzerland - Footballer of the Year, su www.rsssf.com. URL consultato il 16 novembre 2017.
  3. ^ Calciatore svedese dell'anno, su wwwc.aftonbladet.se. URL consultato il 16 novembre 2017.
  4. ^ (IT) Storie di calcio: Verona-Milan 2-1, 1990, in Rossonerosémper, 20 agosto 2010. URL consultato il 16 novembre 2017.
  5. ^ (IT) Verona - Milan 2:2 (Coppa Italia 1991/1992, Ottavi di finale), su calcio.com. URL consultato il 16 novembre 2017.
  6. ^ (EN) Malmo to Pollok on the Prytz Orient Express, su HeraldScotland. URL consultato il 16 novembre 2017.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Elio Corbani, Pietro Serina, Cent'anni di Atalanta, vol. 2, Bergamo, SESAAB, 2007, ISBN 978-88-903088-0-2.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Robert Prytz, su National-football-teams.com, National Football Teams. Modifica su Wikidata