Hamilton Academical Football Club

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Hamilton Academical F.C.
Calcio Football pictogram.svg
The Accies, The Pride of Lanarkshire
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali 600px Rosso con stelle bianche arrotondate.svg Bianco, rosso
Dati societari
Città Hamilton, Lanarkshire
Nazione Scozia Scozia
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Scotland.svg Scottish FA
Campionato Scottish Championship
Fondazione 1874
Presidente Scozia Allan Maitland
Allenatore Scozia Stuart Taylor
Stadio New Douglas Park
(6.018 posti)
Sito web www.hamiltonacciesfc.co.uk
Palmarès
Trofei nazionali 2 Scottish Challenge Cup
Si invita a seguire il modello di voce

L'Hamilton Academical Football Club, noto anche come Hamilton Accies o semplicemente Hamilton, è una società calcistica scozzese con sede nella città di Hamilton, nel Lanarkshire, militante in Scottish Championship, secondo livello del calcio scozzese.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'Hamilton Academical fu fondato alla fine del 1874 dal rettore e dagli alunni della Hamilton Academy, una scuola locale. Divenne da subito membro della Scottish Football Association, iniziando a gareggiare in Scottish Cup e in Lanarkshire Cup (competizione regionale). L'esordio nei campionati nazionali avvenne nel novembre 1897, quando subentrò nel corso della Scottish Division Two al ritirato Renton.

Nel 1906 fu promosso per la prima volta in Division One: nel corso degli anni riuscì a mantenere la massima serie, piazzandosi prevalentemente nella seconda metà di classifica. Nel 1911 arrivò in finale di Scottish Cup, ma venne sconfitto dal Celtic (0-0 e poi 2-0 nella ripetizione). Successivamente non colse altri risultati di rilievo fino alla stagione 1934-35, quando arrivò quarto in campionato e di nuovo in finale di Coppa di Scozia, che però perse contro i Rangers (2-1). Rimase comunque l'annata migliore per la squadra.

Alla ripresa dei campionati nel secondo dopoguerra (1946), l'Hamilton arrivò ultimo e retrocesse dopo 34 stagioni di militanza nella massima serie. Riconquistò la Division One nel 1953, ma l'anno seguente discese nuovamente in Division Two. Fece un'unica ricomparsa in Division One nella 1965-66, per il resto rimase in seconda serie per quasi trent'anni, in cui dovette affrontare, a partire dagli anni '70, anche problemi finanziari. Dopo una graduale ripresa, l'Hamilton vinse la Scottish First Division (l'ex Division Two) nel 1986 e conseguì la promozione in Premier Division, ma anche in questo caso non riuscì a evitare l'immediata retrocessione; stessa situazione si ripeté due anni dopo.

Di nuovo in crisi finanziaria, nel 1994 il club vendette lo stadio Douglas Park al supermercato Sainsbury's e spostò la sua sede di gioco dapprima al Firhill Stadium di Glasgow, poi al Cliftonhill Stadium di Coatbridge e ancora al Firhill Stadium; nel 2001 tornò finalmente a Hamilton, al New Douglas Park. Durante questi anni si registrò una retrocessione in Second Division, poi un biennio in First Division a cui seguì una seconda retrocessione in Second Division, dove l'Hamilton fu penalizzato di 15 punti e, classificatosi ultimo, relegato in Third Division, il punto più basso di tutta la sua storia.

Riconquistata nel 2001 la Second Division, lentamente l'Hamilton iniziò a risalire: nel 2004 tornò in First Division e dopo altre quattro stagioni si classificò primo e ottenne la promozione in Scottish Premier League, riprendendosi un posto in massima serie a venti anni dall'ultima partecipazione. Qui disputò tre stagioni, lanciando giovani di buone prospettive come James McCarthy e James McArthur, finché nel campionato 2011-12 arrivò ultimo e retrocesse.

Trascorsi altri due anni, in Championship 2013-14 gli Accies conquistarono la seconda posizione all'ultima giornata, dopo una memorabile vittoria 10-2 in casa contro il Greenock Morton. Ai play-off eliminarono il Falkirk, poi affrontarono l'Hibernian per un posto nella Premiership: sconfitti all'andata 0-2, riequilibrarono la situazione nella partita di ritorno e costrinsero gli avversari ai tempi supplementari e poi ai calci di rigore, dove l'Hamilton risultò vincitore.

La stagione del ritorno in massima serie si chiuse al settimo posto, dopo che la squadra riuscì a mantenere la prima parte di classifica fino a gennaio, quando l'allenatore Alex Neil fu chiamato per assumere la guida del Norwich, e sostituito da Martin Canning. Negli anni successivi l'Hamilton è scivolato in posizioni più rischiose: 10° nel 2015-16, 11° nel 2016-17 e vincente allo spareggio contro il Dundee United, di nuovo 10° nel 2017-18 e nel 2018-19.

In Premiership 2019-20, interrotta per la pandemia di COVID-19, si classifica all'11º posto che è sufficiente per mantenere la massima serie, essendo annullata la disputa dello spareggio. Nel campionato successivo invece non evita la retrocessione diretta, giunta con un ultimo posto mantenuto per gran parte della stagione.

Colori e simboli[modifica | modifica wikitesto]

I colori sociali dell'Hamilton sono il bianco e il rosso. La divisa tradizionale è composta da una maglia bianca a strisce orizzontali rosse (un disegno simile al Celtic) e da calzoncini e calzettoni bianchi con rifiniture rosse.

Stadio[modifica | modifica wikitesto]

Dal 2001 l'Hamilton Academical disputa le proprie partite casalinghe al New Douglas Park, impianto da 6.018 posti a sedere. Il nome è un chiaro riferimento allo storico stadio che fu la precedente sede del club dal 1888 al 1994.

Allenatori[modifica | modifica wikitesto]

Allenatori dell'Hamilton Academical

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

1903-1904, 1985-1986, 1987-1988, 2007-2008
2000-2001
1991-1992, 1992-1993

Altri piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

Secondo posto: 1952-1953, 1964-1965, 2013-2014
Terzo posto: 2005-2006
Finalista: 1910-1911, 1934-1935
Semifinalista: 1924-1925, 1929-1930, 1931-1932
Semifinalista: 1948-1949, 1960-1961, 1979-1980
Finalista: 2005-2006, 2011-2012
Semifinalista: 1997-1998

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Partecipazione ai campionati[modifica | modifica wikitesto]

Livello Categoria Partecipazioni Debutto Ultima stagione Totale
Scottish Football League 6 1915-1916 1920-1921 48
Scottish Division One 29 1906-1907 1965-1966
Scottish Division A 1 1946-1947
Scottish Premier Division 2 1986-1987 1988-1989
Scottish Premier League 3 2008-2009 2010-2011
Scottish Premiership 7 2014-2015 2020-2021
Scottish Division Two 31 1897-1898 1974-1975 64
Scottish Division B 4 1947-1948 1950-1951
Scottish First Division 27 1975-1976 2012-2013
Scottish Championship 2 2013-2014 2021-2022
Scottish Second Division 5 1996-1997 2003-2004 5
Scottish Third Division 1 2000-2001 1

Organico[modifica | modifica wikitesto]

Rosa 2020-2021[modifica | modifica wikitesto]

Aggiornata al 25 febbraio 2021.

N. Ruolo Giocatore
2 Inghilterra D Hakeem Odoffin
3 Scozia D Scott McMann
4 Scozia D Ben Stirling
5 Scozia D Brian Easton Captain sports.svg
6 Scozia D Jamie Hamilton
7 Scozia A Bruce Anderson
8 Scozia C Scott Martin
9 Grecia A Marios Ogkmpoe
10 Scozia C David Templeton
11 Scozia C Lewis Smith
12 Scozia D Shaun Want
14 Canada C Charlie Trafford
15 Scozia C Ronan Hughes
N. Ruolo Giocatore
16 Inghilterra D Aaron Martin
17 Nuova Zelanda D George Stanger
18 Scozia C Reegan Mimnaugh
19 Scozia A Andy Winter
20 Zimbabwe A David Moyo
21 Scozia A Kyle Munro
22 Scozia P Kyle Gourlay
23 Scozia P Ryan Fulton
24 Inghilterra A Nathan Thomas
25 Scozia A Sean Slaven
27 Irlanda del Nord D Lee Hodson
32 Scozia A Callum Smith
34 Scozia C Ross Callachan

Rose delle stagioni precedenti[modifica | modifica wikitesto]

Tifoseria[modifica | modifica wikitesto]

Rivalità[modifica | modifica wikitesto]

La rivalità più sentita è col Motherwell, con cui l'Hamilton Academical disputa il Derby del Lanarkshire, dal nome della contea a cui appartengono le due città.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN133960139 · LCCN (ENnb2010023746 · WorldCat Identities (ENlccn-nb2010023746
Calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio