Florin Răducioiu

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Florin Răducioiu
Florin Raducioiu.jpg
Răducioiu al Verona nel 1991-1992
Nome Florin Valeriu Răducioiu
Nazionalità Romania Romania
Altezza 178 cm
Peso 75 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex attaccante)
Ritirato 2004 - giocatore
Carriera
Giovanili
1978-1985 Dinamo Bucarest Dinamo Bucarest
Squadre di club1
1985-1990 Dinamo Bucarest Dinamo Bucarest 76 (29)
1990-1991 Bari Bari 30 (5)
1991-1992 Verona Verona 30 (2)
1992-1993 Brescia Brescia 29 (13)
1993-1994 Milan 7 (2)
1994-1996 Espanyol Espanyol 46 (14)
1996-1997 West Ham West Ham 9 (3)
1997 Espanyol Espanyol 13 (4)
1997-1998 Stoccarda Stoccarda 19 (4)
1998-2000 Brescia Brescia 37 (5)
2000-2001 Dinamo Bucarest Dinamo Bucarest 8 (1)
2001-2002 Monaco Monaco 12 (2)
2003-2004 Creteil Créteil 9 (1)
Nazionale
1989-1990
1990-1996
Romania Romania U-21
Romania Romania
9 (3)
40 (21)
Carriera da allenatore
2012-2014 Romania Romania U-16
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Florin Valeriu Răducioiu (Bucarest, 17 marzo 1970) è un ex calciatore rumeno con passaporto italiano, di ruolo attaccante.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Prodotto del vivaio della Dinamo Bucarest, esordì nella Divizia A rumena a 16 anni, il 10 maggio 1986, in Dinamo Bucurest-Politehnica Timişoara 2-1. In un paio d'anni divenne titolare.

Nel 1990 si trasferì al Bari e un anno più tardi all'Hellas Verona. Nel 1992 fu acquistato dal Brescia, e l'anno successivo passò al Milan per 4,8 miliardi di lire.[1] Poco impiegato dall'allenatore Fabio Capello, Răducioiu collezionò 7 presenze e 2 gol, fregiandosi dello scudetto e della UEFA Champions League 1993-1994.

In seguito vestì le maglie di Espanyol, West Ham United, ancora Espanyol, Stoccarda, ancora Brescia, nuovamente Dinamo Bucarest, Monaco e Créteil, club della seconda divisione francese con cui concluse la carriera.

Durante il prestito al West Ham di Harry Redknapp, il rumeno vive una delle sue stagioni più altalenanti: segna subito un gol contro il Manchester United in campionato ma poi si perde un incontro per andare a fare shopping con la moglie. Termina l'avventura inglese con 12 presenze e 3 reti. In una classifica dei 50 peggiori attaccanti che abbiano mai calcato i campi della Premier League, risulta al diciottesimo posto.[2]

È stato per tanto tempo l'unico calciatore che ha giocato e segnato nei cinque maggiori campionati europei: italiano, spagnolo, inglese, tedesco e francese.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Con la Nazionale rumena partecipò al campionato del mondo 1990, al campionato del mondo 1994, in cui segnò 4 gol in 5 partite e raggiunse i quarti di finale (dove furono suoi gli ultimi tre gol segnati nei quarti di finale, fra cui un calcio di rigore, dove la Romania fu eliminata ai rigori), e al campionato d'Europa 1996. L'esordio risale al 25 aprile 1990 in Israele-Romania 1-4.

Dopo il ritiro[modifica | modifica wikitesto]

Ha avuto una breve esperienza come procuratore[senza fonte] ed è stato direttore sportivo della Dinamo Bucarest.[3] Nel 2008 ha allenato gli attaccanti dell'Aldini, una squadra affiliata al Milan,[4] e nel 2010 ha conseguito il patentino di allenatore.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Coppa di Romania: 2

Dinamo Bucarest: 1985-1986, 1989-1990

Campionato rumeno: 1

Dinamo Bucarest: 1989-1990

Super coppa italiana.svg Supercoppa italiana: 1

Milan: 1993

Scudetto.svg Campionato italiano: 1

Milan: 1993-1994

Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Coppacampioni.png UEFA Champions League: 1

Milan: 1993-1994

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Calciatori ‒ La raccolta completa Panini 1961-2012, Vol. 10 (1993-1994), Panini, 9 luglio 2012, p. 10.
  2. ^ (EN) Tom Bellwood, THE LIST: The worst strikers to have played in the Premier League, Nos 20-11 in The Daily Mail, 8 ottobre 2009. URL consultato il 16 novembre 2014.
  3. ^ Raducioiu presenta il suo Brescia-Bari facendo forza ai galletti: "Anche il Lione sta vivendo un mese nero", Il Sole 24 ORE, da goal.com. URL consultato il 12 aprile 2012.
  4. ^ (RO) Raducioiu are grija de viitorul Milanului!, sport.ro, 18 agosto 2008. URL consultato il 12 aprile 2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]