Harry Redknapp

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Harry Redknapp
Harry Redknapp Brighton v Spurs Amex Opening 30711.jpg
Dati biografici
Nome Henry James Redknapp
Nazionalità Inghilterra Inghilterra
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Allenatore (ex centrocampista)
Squadra QPR QPR
Carriera
Giovanili
West Ham West Ham
Squadre di club1
1964-1972 West Ham West Ham 149 (7)
1972-1976 Bournemouth Bournemouth 101 (5)
1976 Brentford Brentford 1 (0)
1976-1979 Seattle Sounders Seattle Sounders 24 (0)
1982 Bournemouth Bournemouth 1 (0)
Carriera da allenatore
1984-1992 Bournemouth Bournemouth
1994-2001 West Ham West Ham
2002-2004 Portsmouth Portsmouth
2004-2005 Southampton Southampton
2005-2008 Portsmouth Portsmouth
2008-2012 Tottenham Tottenham
2012- QPR QPR
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Henry James Redknapp (Londra, 2 marzo 1947) è un allenatore di calcio ed ex calciatore inglese, di ruolo centrocampista, tecnico del Queens Park Rangers.

Da piccolo era tifoso dell'Arsenal, e suo padre lo ha portato spesso a Highbury fin dalla più giovane età per assistere alle partite dei Gunners. Suo figlio, Jamie Redknapp, ha giocato sotto la sua guida nel Bournemouth e nel Southampton. Harry è anche lo zio di Frank Lampard, centrocampista del Chelsea.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Giocatore[modifica | modifica sorgente]

Harry ha cominciato a giocare da professionista a 17 anni, nel West Ham United, e in 7 anni al Boleyn Ground ha disputato 149 partite e messo a segno 8 gol. Negli anni successivi ha vestito la maglia di Bournemouth, Brentford e Seattle Sounders (in USA).

Allenatore[modifica | modifica sorgente]

All'inizio della stagione 1983-1984 Harry ha avuto il primo incarico in panchina, come vice di David Webb al Bournemouth. A partire dal 1984, fino al 1992, ha guidato il Bournemouth, sempre tra Football League e Second Division. Dal 1994 al 2001 ha allenato il West Ham, facendo crescere giovani come Rio Ferdinand, Michael Carrick e suo nipote Frank Lampard.

Negli anni successivi ha guidato il Portsmouth (portandolo in Premier League, con la contemporanea retrocessione del West Ham), e il Southampton (un'esperienza terminata con la retrocessione nel 2005), prima di tornare ai Pompeys nel 2005, vincendo la coppa d' Inghilterra nel 2008. Il 25 ottobre dello stesso anno viene ingaggiato dal Tottenham per prendere il posto di Juande Ramos. Il 5 maggio 2010, espugnando lo stadio del Manchester City, gli Spurs hanno la certezza di giocare nella stagione successiva la Champions League dopo 50 anni dall'ultima comparsa. Stagione successiva che vedrà gli Spurs arrivare fino ai quarti di finale quando si dovranno arrendere al Real Madrid di José Mourinho dopo una doppia sconfitta per 4-0 a Madrid e per 0-1 a Londra. Nonostante questo gli inglesi si dimostrano una squadra rivelazione nel corso del torneo avendo battuto nel girone quelli che erano gli attuali campioni d'Europa ovvero l'Inter, e aveva eliminato una grande squadra di tradizione europea come il Milan negli ottavi di finale. In quella stagione il Tottenham si piazzerà in quinta posizione in patria, stavolta qualificandosi per la UEFA Europa League.

Il 14 giugno 2012 annuncia il suo addio alla panchina degli Spurs[1]. Nell'ultima stagione con il Tottenham riporta la squadra al quarto posto nella Premier League 2011-2012 e la notizia del suo abbandono ha lasciato stupiti molti addetti ai lavori visto che aveva da pochi mesi rinnovato il contratto e il manager inglese era stato il migliore tra quelli passati al White Hart Line nell'ultima decade.

L'8 settembre 2012 viene assunto come consulente dal Bournemouth, club militante in Football League One (la terza serie inglese).

Il 23 novembre 2012 assume l'incarico di allenatore del Queens Park Rangers con un ingaggio di 4 milioni,[2] prendendo il posto dell'esonerato Mark Hughes, con l'obiettivo di portare la squadra fuori dalla zona retrocessione dopo che la squadra ha raccolto appena 4 punti nelle prime 12 giornate senza alcuna vittoria. Nonostante sotto la guida di Redknapp i risultati migliorino non riesce ad evitare la retrocessione che viene certificata quando al termine del campionato rimanevano 3 giornate da disputare. Nonostante questo il proprietario del club Tony Fernandes gli conferma la fiducia per la stagione seguente.

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

Allenatore[modifica | modifica sorgente]

Statistiche aggiornate al 5 ottobre 2013. [3]

Squadra Naz Dal al Record
G V N P Vinte %
Bournemouth Inghilterra 19 ottobre 1983 9 giugno 1992 457 180 170 107 39,39
West Ham United Inghilterra 10 agosto 1994 9 maggio 2001 327 121 121 85 37,00
Portsmouth Inghilterra 25 marzo 2002 24 novembre 2004 116 54 36 26 46,55
Southampton Inghilterra 8 dicembre 2004 2 dicembre 2005 49 13 15 21 26,53
Portsmouth Inghilterra 7 dicembre 2005 26 ottobre 2008 128 54 45 29 42,19
Tottenham Hotspur Inghilterra 26 ottobre 2008 23 novembre 2012 198 98 50 50 49,49
Q.P.R. Inghilterra 24 novembre 2012 attuale 62 22 18 22 35,48
Totale 1335 540 336 459 40,45

Legenda:

  • V = vinte
  • N = nulle
  • P = perse

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Giocatore[modifica | modifica sorgente]

West Ham: 1964-1965

Allenatore[modifica | modifica sorgente]

West Ham: 1999
Portsmouth: 2007-2008

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) The Club can today announce that Harry Redknapp will be leaving his post as manager, tottenhamhotspur.com, 14-6-2012. URL consultato il 14-6-2012.
  2. ^ ANCELOTTI GUADAGNA PIÙ DI MOURINHO sportmediaset.it, 27 novembre 2012
  3. ^ [www.soccerbase.com/managers/manager.sd?manager_id=603 Harry Redknapp management career stats]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 24092527