Ray Wilkins

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ray Wilkins
Raymond Colin Wilkins - Milan AC 1984-85.jpg
Wilkins al Milan nella stagione 1984-1985
Nazionalità Inghilterra Inghilterra
Altezza 173 cm
Peso 72 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex centrocampista)
Ritirato 1997 - giocatore
2015 - allenatore
Carriera
Squadre di club1
1973-1979Chelsea179 (30)
1979-1984Manchester Utd160 (7)
1984-1987Milan73 (2)
1987Paris Saint-Germain13 (0)
1987-1989Rangers70 (2)
1989-1994QPR155 (8)
1994Crystal Palace1 (0)
1994-1996QPR21 (0)
1996Wycombe1 (0)
1996-1997Hibernian16 (0)
1997Millwall3 (0)
1997Leyton Orient3 (0)
Nazionale
1976-1986Inghilterra Inghilterra84 (3)
Carriera da allenatore
1994-1996QPR
1997-1998FulhamVice
1998-2000ChelseaVice
2000ChelseaInterim
2001-2002WatfordVice
2003-2006Inghilterra Inghilterra U-21Vice
2003-2005MillwallVice
2008-2009ChelseaVice
2009ChelseaInterim
2009-2010ChelseaVice
2013-2014FulhamVice
2014-2015Giordania Giordania
2015Aston VillaVice
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 29 giugno 2015

Raymond Colin Wilkins, detto Ray (Hillingdon, 14 settembre 1956Londra, 4 aprile 2018), è stato un calciatore e allenatore di calcio britannico, di ruolo centrocampista.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Sposato con Jackie, aveva due figli, Ross e Jade. Nel febbraio 2014 rivelò di soffrire di depressione e colite ulcerosa[1]. Nel luglio 2016 gli venne sospesa la patente di guida per quattro anni causa guida in stato di ebbrezza[2]. Il 30 marzo 2018, dopo essere stato colpito da infarto, viene ricoverato in coma al St George's Hospital di Tooting, Londra,[3][4] dove muore il successivo 4 aprile.[5]

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Impiegato inizialmente anche come esterno di centrocampo, indifferentemente su entrambe le fasce,[6] nel prosieguo di carriera si stabilizzò nel ruolo di regista, mostrando eleganza nei movimenti e una grande abilità nei passaggi[5] — con «lanci lunghi, tesi, precisi, taglienti» che gli valsero il soprannome di Razor ("Rasoio") —,[7] ma palesando anche una certa e talvolta eccessiva compassatezza in campo, perdendo via via quel dinamismo che al contrario l'aveva contraddistinto agli esordi.[6]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Chelsea e Manchester Utd[modifica | modifica wikitesto]

Esordì con la prima squadra del Chelsea a diciassette anni appena compiuti, diventandone addirittura il capitano nel 1975, a soli diciannove anni, e mantenendo la fascia fino al 1979. In questo periodo anche i suoi fratelli Graham e Stephen giocarono nella stessa squadra.

Nell'agosto 1979 passò al Manchester Utd per la cifra di 800.000 sterline. Alla terza stagione con i Red Devils di Ron Atkinson,[6] segnò il suo primo gol con la nuova maglia, di grande fattura: si trattò del gol del momentaneo vantaggio (2-1) nella finale di FA Cup 1982-1983 contro il Brighton; la gara finì in pareggio (2-2) e solo nella ripetizione i mancuniani s'imposero per 4-0.

Milan, Paris Saint-Germain e Rangers[modifica | modifica wikitesto]
Zico e Wilkins in Milan-Udinese (2-2) del 16 settembre 1984, esordio dell'inglese in Serie A.

Nell'estate 1984 si trasferì in Italia, al Milan, dove giocò per le successive tre stagioni, insieme tra gli altri al connazionale Mark Hateley.[6] La sua esperienza a Milano coincise con uno dei periodi meno gloriosi della squadra rossonera, tra l'epilogo della negativa presidenza Farina, dove pure l'inglese fu autore di due positivi campionati sul piano personale, e l'interlocutorio avvio dell'era Berlusconi che di fatto lo tagliò fuori dai piani della società;[6][7] ciò nonostante Wilkins divenne in breve uno dei beniamini della curva milanista del tempo, e ricordato con affetto anche negli anni seguenti.[7]

Trasferitosi inizialmente al Paris Saint-Germain nel 1987, rimase in Francia per soli quattro mesi poiché il 28 novembre dello stesso anno passò per 250.000 sterline agli scozzesi dei Rangers,[8] con cui vinse due titoli nazionali e una Coppa di Lega.

Ritorno in Inghilterra e gli ultimi anni[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1989 tornò a Londra, nelle file del QPR, rimanendovi per un lustro e facendovi successivamente ritorno a metà anni 1990 dopo un breve periodo al Crystal Palace, stavolta in qualità di giocatore-allenatore. Dopo due giorni firma con i Wycombe, club di in seconda divisione allenato dall'amico Alan Smith.[9]

Wilkins lasciò i Chairboys all'inizio della stagione 1996-1997, inanellando nei mesi seguenti brevi esperienze con formazioni quali Hibernian, Millwall e Leyton Orient prima di ritirarsi.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Wilkins (accosciato, secondo da destra) con l'Inghilterra al campionato d'Europa 1980

Nella seconda metà degli anni 1970 Wilkins fu tra i giovani a cui il commissario tecnico dell'Inghilterra, Don Revie, si affidò per ricostruire una nazionale reduce dalla mancata qualificazione al campionato del mondo 1974.[6] Convocato per la prima volta nel 1976, debuttò a New York contro l'Italia in occasione della sfida valevole per il Torneo del Bicentenario negli Stati Uniti d'America.[6]

Con la maglia dell'Inghilterra disputò il campionato d'Europa 1980 e il campionato del mondo 1982, prendendo infine parte alla spedizione dei Tre Leoni al campionato del mondo 1986, dove fu espulso per la prima e unica volta nella sua carriera (si trattò inoltre della prima espulsione dell'Inghilterra in una partita di fase finale dei Mondiali).[senza fonte] Lasciò la nazionale proprio in quell'anno, dopo 84 partite (di cui 10 da capitano) e 3 reti.

Fu inoltre tra i convocati della Selezione Europea nella gara del 25 febbraio 1981 all'Olimpico di Roma contro la nazionale italiana, volta a raccogliere fondi per le vittime del terremoto dell'Irpinia dell'anno precedente: la gara si concluse con la vittoria per 3-0 della Selezione Europea, con Wilkins in campo nel primo tempo.[10]

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Wilkins nello staff tecnico del Chelsea nel 2010, mentre discute con McEachran.

Il 15 novembre 1994 diventa allenatore-giocatore del QPR, lasciando la squadra il 4 settembre 1996. Il 25 settembre 1997 diventa allenatore del Fulham,[11] da cui viene esonerato il 7 maggio 1998 dal presidente Mohamed Al-Fayed, e sostituito da Kevin Keegan, prima della prima gara di play-off della Second Division.

Il 1º luglio 1998 viene chiamato da Gianluca Vialli, allora tecnico del Chelsea, nel ruolo di vice. Il 12 settembre 2000, con l'esonero del tecnico italiano, assume ad interim la guida tecnica della squadra insieme all'altro vice Graham Rix:[12] la coppia guida i Blues nella vittoria interna in Coppa UEFA contro il San Gallo e nella sconfitta casalinga contro il Leicester City, prima di lasciare la panchina il 18 settembre al nuovo allenatore Claudio Ranieri.[13]

Il 4 maggio 2001 lo stesso Vialli lo vuole come suo vice, insieme a Steve Coppell, al Watford.[14] Il 12 giugno 2002 viene esonerato per i problemi finanziari del club,[15] quindi il 1º luglio seguente viene chiamato da Peter Taylor come suo vice alla guida dell'Inghilterra Under-21. Il 10 novembre 2003 diventa vice del Millwall, sotto alla guida di Dennis Wise. Il 31 maggio 2005 viene esonerato dal club, mentre il 28 gennaio 2006 viene sollevato anche dal suo ruolo nella FA insieme a Taylor.

Il 18 settembre 2008 ritorna nello staff del Chelsea nel ruolo di vice, voluto da Luiz Felipe Scolari.[16] Il 9 febbraio 2009, con l'esonero del tecnico brasiliano, per la seconda volta in carriera assume l'interim della panchina londinese;[17] dopo due giorni lascia tuttavia la guida a Guus Hiddink e ritorna nel ruolo di vice.[18] Nell'annata successiva rimane ai Blues come vice anche con il nuovo tecnico Carlo Ancelotti.[19] L'11 novembre 2010, dopo che trapela la notizia del suo mancato rinnovo contrattuale a fine stagione, decide di dimettersi.[20][21]

Il 30 dicembre 2013 torna al Fulham in veste di vice di René Meulensteen.[22] In seguito all'esonero di questi avvenuto il 14 febbraio 2014, e dall'arrivo in panchina di Felix Magath, dopo quattro giorni Wilkins viene a sua volta sollevato dall'incarico insieme al direttore tecnico Alan Curbishley.[23] Il 3 settembre 2014 viene nominato commissario tecnico della nazionale giordana,[24] che guida alla fase finale della Coppa d'Asia, in cui la formazione non supera la fase a gironi; in seguito all'eliminazione, il 28 febbraio 2015 viene esonerato dalla federazione giordana e sostituito dal belga Paul Put. Il 29 giugno 2015 viene ingaggiato dall'Aston Villa come assistente tecnico di Tim Sherwood.[25]

Dopo il ritiro[modifica | modifica wikitesto]

È stato commentatore televisivo per Sky.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia presenze e reti in nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Inghilterra
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
28-5-1976 New York Inghilterra Inghilterra 3 – 2 Italia Italia Torneo del Bicentenario -
8-9-1976 Londra Inghilterra Inghilterra 1 – 1 Irlanda Irlanda Amichevole -
13-10-1976 Londra Inghilterra Inghilterra 2 – 1 Finlandia Finlandia Qual. Mondiali 1978 -
28-5-1977 Belfast Irlanda del Nord Irlanda del Nord 1 – 2 Inghilterra Inghilterra Torneo Interbritannico 1977 - Uscita al 65’ 65’
8-6-1977 Rio de Janeiro Brasile Brasile 0 – 0 Inghilterra Inghilterra Amichevole - Uscita al 70’ 70’
12-6-1977 Buenos Aires Argentina Argentina 1 – 1 Inghilterra Inghilterra Amichevole -
15-6-1977 Montevideo Uruguay Uruguay 0 – 0 Inghilterra Inghilterra Amichevole -
7-9-1977 Londra Inghilterra Inghilterra 0 – 0 Svizzera Svizzera Amichevole - Ingresso al 81’ 81’
12-10-1977 Lussemburgo Lussemburgo Lussemburgo 0 – 2 Inghilterra Inghilterra Amichevole -
16-11-1977 Londra Inghilterra Inghilterra 2 – 0 Italia Italia Qual. Mondiali 1978 -
22-2-1978 Monaco di Baviera Germania Ovest Germania Ovest 2 – 1 Inghilterra Inghilterra Amichevole -
13-5-1978 Cardiff Galles Galles 1 – 3 Inghilterra Inghilterra Torneo Interbritannico 1978 -
16-5-1978 Londra Inghilterra Inghilterra 1 – 0 Irlanda del Nord Irlanda del Nord Torneo Interbritannico 1978 -
20-5-1978 Glasgow Scozia Scozia 1 – 2 Inghilterra Inghilterra Torneo Interbritannico 1978 -
24-5-1978 Londra Inghilterra Inghilterra 4 – 1 Ungheria Ungheria Amichevole -
20-9-1978 Copenaghen Danimarca Danimarca 3 – 4 Inghilterra Inghilterra Qual. Euro 1980 -
25-10-1978 Dublino Irlanda Irlanda 1 – 1 Inghilterra Inghilterra Qual. Euro 1980 -
29-11-1978 Londra Inghilterra Inghilterra 1 – 0 Cecoslovacchia Cecoslovacchia Amichevole -
19-5-1979 Belfast Irlanda del Nord Irlanda del Nord 0 – 2 Inghilterra Inghilterra Torneo Interbritannico 1979 -
23-5-1979 Londra Inghilterra Inghilterra 0 – 0 Galles Galles Amichevole - Uscita al 75’ 75’
26-5-1979 Londra Inghilterra Inghilterra 3 – 1 Scozia Scozia Amichevole -
6-6-1979 Sofia Bulgaria Bulgaria 0 – 3 Inghilterra Inghilterra Qual. Euro 1980 -
10-6-1979 Stoccolma Svezia Svezia 0 – 0 Inghilterra Inghilterra Amichevole - Ingresso al 46’ 46’
13-6-1979 Vienna Austria Austria 4 – 3 Inghilterra Inghilterra Amichevole 1
12-9-1979 Londra Inghilterra Inghilterra 1 – 0 Danimarca Danimarca Qual. Euro 1980 -
17-10-1979 Belfast Irlanda del Nord Irlanda del Nord 1 – 5 Inghilterra Inghilterra Qual. Euro 1980 -
22-11-1979 Londra Inghilterra Inghilterra 2 – 0 Bulgaria Bulgaria Qual. Euro 1980 -
26-3-1980 Barcellona Spagna Spagna 0 – 2 Inghilterra Inghilterra Amichevole -
13-5-1980 Londra Inghilterra Inghilterra 3 – 1 Argentina Argentina Amichevole -
17-5-1980 Wrexham Galles Galles 4 – 1 Inghilterra Inghilterra Torneo Interbritannico 1980 - Ingresso al 80’ 80’
20-5-1980 Londra Inghilterra Inghilterra 1 – 1 Irlanda del Nord Irlanda del Nord Torneo Interbritannico 1980 -
24-5-1980 Glasgow Scozia Scozia 0 – 2 Inghilterra Inghilterra Torneo Interbritannico 1980 -
12-6-1980 Torino Inghilterra Inghilterra 1 – 1 Belgio Belgio Euro 1980 - 1º turno 1
15-6-1980 Torino Italia Italia 1 – 0 Inghilterra Inghilterra Euro 1980 - 1º turno -
18-6-1980 Napoli Spagna Spagna 1 – 2 Inghilterra Inghilterra Euro 1980 - 1º turno -
25-3-1981 Londra Inghilterra Inghilterra 1 – 2 Spagna Spagna Amichevole - Ingresso al 70’ 70’
29-4-1981 Londra Inghilterra Inghilterra 0 – 0 Romania Romania Qual. Mondiali 1982 -
12-5-1981 Londra Inghilterra Inghilterra 0 – 1 Brasile Brasile Amichevole - Ingresso al 70’ 70’
20-5-1981 Londra Inghilterra Inghilterra 0 – 0 Galles Galles Torneo Interbritannico 1981 -
23-5-1981 Londra Inghilterra Inghilterra 0 – 1 Scozia Scozia Torneo Interbritannico 1981 -
30-5-1981 Berna Svizzera Svizzera 2 – 1 Inghilterra Inghilterra Qual. Mondiali 1982 -
6-6-1981 Budapest Ungheria Ungheria 1 – 3 Inghilterra Inghilterra Qual. Mondiali 1982 - Ingresso al 73’ 73’
23-2-1982 Londra Inghilterra Inghilterra 4 – 0 Irlanda del Nord Irlanda del Nord Torneo Interbritannico 1982 1
27-4-1982 Cardiff Galles Galles 0 – 1 Inghilterra Inghilterra Torneo Interbritannico 1982 -
25-5-1982 Londra Inghilterra Inghilterra 2 – 0 Paesi Bassi Paesi Bassi Amichevole -
29-5-1982 Glasgow Scozia Scozia 0 – 1 Inghilterra Inghilterra Torneo Interbritannico 1982 -
3-6-1982 Helsinki Finlandia Finlandia 1 – 4 Inghilterra Inghilterra Amichevole -
16-6-1982 Bilbao Francia Francia 1 – 3 Inghilterra Inghilterra Mondiali 1982 - 1º turno -
20-6-1982 Bilbao Inghilterra Inghilterra 2 – 0 Cecoslovacchia Cecoslovacchia Mondiali 1982 - 1º turno -
25-6-1982 Bilbao Inghilterra Inghilterra 1 – 0 Kuwait Kuwait Mondiali 1982 - 1º turno -
29-6-1982 Madrid Germania Ovest Germania Ovest 0 – 0 Inghilterra Inghilterra Mondiali 1982 - 2º turno -
5-7-1982 Madrid Spagna Spagna 0 – 0 Inghilterra Inghilterra Mondiali 1982 - 2º turno - Ammonizione al 15’ 15’
22-9-1982 Copenaghen Danimarca Danimarca 2 – 2 Inghilterra Inghilterra Qual. Euro 1984 - cap.
13-10-1982 Londra Inghilterra Inghilterra 1 – 2 Germania Ovest Germania Ovest Amichevole - cap.
21-9-1983 Londra Inghilterra Inghilterra 0 – 1 Danimarca Danimarca Qual. Euro 1984 - cap.
4-4-1984 Londra Inghilterra Inghilterra 1 – 0 Irlanda del Nord Irlanda del Nord Torneo Interbritannico 1984 -
2-5-1984 Wrexham Galles Galles 1 – 0 Inghilterra Inghilterra Torneo Interbritannico 1984 - cap.
26-5-1984 Glasgow Scozia Scozia 1 – 1 Inghilterra Inghilterra Amichevole -
2-6-1984 Londra Inghilterra Inghilterra 0 – 2 Unione Sovietica Unione Sovietica Amichevole -
10-6-1984 San Paolo Brasile Brasile 0 – 2 Inghilterra Inghilterra Amichevole -
13-6-1984 Montevideo Uruguay Uruguay 2 – 0 Inghilterra Inghilterra Amichevole -
17-6-1984 Ñuñoa Cile Cile 0 – 0 Inghilterra Inghilterra Amichevole -
12-9-1984 Londra Inghilterra Inghilterra 1 – 0 Germania Est Germania Est Amichevole -
17-10-1984 Londra Inghilterra Inghilterra 5 – 0 Finlandia Finlandia Qual. Mondiali 1986 -
14-11-1984 Istanbul Turchia Turchia 0 – 8 Inghilterra Inghilterra Qual. Mondiali 1986 -
27-2-1985 Belfast Irlanda del Nord Irlanda del Nord 0 – 1 Inghilterra Inghilterra Qual. Mondiali 1986 - cap.
26-3-1985 Londra Inghilterra Inghilterra 2 – 1 Irlanda Irlanda Amichevole -
1-5-1985 Bucarest Romania Romania 0 – 0 Inghilterra Inghilterra Qual. Mondiali 1986 -
22-5-1985 Helsinki Finlandia Finlandia 1 – 1 Inghilterra Inghilterra Qual. Mondiali 1986 -
25-5-1985 Edimburgo Scozia Scozia 1 – 0 Inghilterra Inghilterra Amichevole -
6-6-1985 Città del Messico Inghilterra Inghilterra 1 – 2 Italia Italia Amichevole -
9-6-1985 Città del Messico Messico Messico 1 – 0 Inghilterra Inghilterra Amichevole - Uscita al 70’ 70’
16-10-1985 Londra Inghilterra Inghilterra 5 – 0 Turchia Turchia Qual. Mondiali 1986 -
13-11-1985 Londra Inghilterra Inghilterra 0 – 0 Irlanda del Nord Irlanda del Nord Qual. Mondiali 1986 - cap.
29-1-1986 Il Cairo Egitto Egitto 0 – 4 Inghilterra Inghilterra Amichevole - cap.
26-2-1986 Tel-Aviv Israele Israele 1 – 2 Inghilterra Inghilterra Amichevole -
26-3-1986 Tbilisi Unione Sovietica Unione Sovietica 0 – 1 Inghilterra Inghilterra Amichevole - cap.
23-4-1986 Londra Inghilterra Inghilterra 2 – 1 Scozia Scozia Amichevole - cap. Uscita al 46’ 46’
17-5-1986 Los Angeles Messico Messico 0 – 3 Inghilterra Inghilterra Amichevole - Uscita al 80’ 80’
24-5-1986 Burnaby Canada Canada 0 – 1 Inghilterra Inghilterra Amichevole - cap. Uscita al 73’ 73’
3-6-1986 Monterrey Inghilterra Inghilterra 0 – 1 Portogallo Portogallo Mondiali 1986 - 1º turno -
6-6-1986 Monterrey Marocco Marocco 0 – 0 Inghilterra Inghilterra Mondiali 1986 - 1º turno - Ammonizione al 40’ 40’ Red card.svg 42’
10-9-1986 Stoccolma Svezia Svezia 1 – 0 Inghilterra Inghilterra Amichevole -
12-11-1986 Londra Inghilterra Inghilterra 2 – 0 Jugoslavia Jugoslavia Qual. Euro 1988 - Ingresso al 82’ 82’
Totale Presenze (14º posto) 84 Reti 3

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Chelsea: 1976-1977
Manchester United: 1982-1983
Manchester United: 1983
Rangers: 1987-1988, 1988-1989
Rangers: 1988-1989

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) RAY WILKINS: My battle with illness, depression... and booze rumours, in Mail Online, 20 febbraio 2014. URL consultato il 31 marzo 2018.
  2. ^ (EN) Four-year driving ban for alcoholic Ray Wilkins, in Mail Online, 25 luglio 2016. URL consultato il 31 marzo 2018.
  3. ^ Calcio, Ray Wilkins in coma dopo un infarto - Sportmediaset, su sportmediaset.mediaset.it, 31 marzo 2018. URL consultato il 31 marzo 2018.
  4. ^ Wilkins grave in ospedale: giocò nel Milan, ex vice di Vialli e Ancelotti al Chelsea, su gazzetta.it. URL consultato il 31 marzo 2018.
  5. ^ a b Morto Ray Wilkins: fatale l'infarto della scorsa settimana. Aveva 61 anni, su gazzetta.it, 4 aprile 2018.
  6. ^ a b c d e f g Stefano Olivari, La scoperta di Ray Wilkins, su guerinsportivo.it, 5 aprile 2018.
  7. ^ a b c Andrea Saronni, Wilkins, cervello e cuore Milan nella Serie A dei sogni, su sportmediaset.mediaset.it, 4 aprile 2018.
  8. ^ Calcio: Wilkins ai Rangers di Glasgow, su archivio.agi.it, 28 novembre 1987 (archiviato dall'url originale il 7 gennaio 2016).
  9. ^ Calcio: Wilkins giocherà nella seconda divisione inglese, su archivio.agi.it, 6 settembre 1996 (archiviato dall'url originale il 6 gennaio 2016).
  10. ^ Almanacco illustrato del calcio 1984, Modena, Panini, p. 464.
  11. ^ Calcio: Inghilterra, Al Fayed porta Keegan e Wilkins al Fulham, su archivio.agi.it, 25 settembre 1997 (archiviato dall'url originale il 7 gennaio 2016).
  12. ^ Vialli licenziato, ha vinto Zola, su archiviostorico.corriere.it, 13 settembre 2000 (archiviato dall'url originale il 6 gennaio 2016).
  13. ^ Ranieri riparte dal Chelsea, su ricerca.repubblica.it, 16 settembre 2000.
  14. ^ Wilkins and Coppell join Vialli at Watford, su irishtimes.com, 4 maggio 2001.
  15. ^ Wilkins sacked by Watford, su standard.co.uk, 12 giugno 2002.
  16. ^ Chelsea, il vice Scolari è Wilkins, su tuttomercatoweb.com, 18 settembre 2008.
  17. ^ Il Chelsea esonera Scolari, su tuttomercatoweb.com, 9 febbraio 2009.
  18. ^ Hiddink nuovo tecnico del Chelsea, su tuttomercatoweb.com, 11 febbraio 2009.
  19. ^ Ancelotti nuovo tecnico del Chelsea, su tuttomercatoweb.com, 1º giugno 2009.
  20. ^ Chelsea, lascia il vice di Ancelotti, su tuttomercatoweb.com, 11 novembre 2010.
  21. ^ Chelsea, accordo con Wilkins per chiudere rapporto, su tuttomercatoweb.com, 1º dicembre 2010.
  22. ^ Fulham, Ray Wilkins nuovo assistant coach, su tuttomercatoweb.com, 31 dicembre 2014.
  23. ^ Fulham, continua il caos: via anche Curbishley e Wilkins, su tuttocalcioestero.it, 18 febbraio 2014.
  24. ^ Giordania, Ray Wilkins nuovo commissario tecnico, su tuttomercatoweb.com, 3 settembre 2014.
  25. ^ Aston Villa, Wilkins è il nuovo vice di Sherwood, su tuttomercatoweb.com, 29 giugno 2015.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]