Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Frank Lampard

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Frank Lampard
F-Lampard.jpg
Lampard nel 2008
Nazionalità Inghilterra Inghilterra
Altezza 184 cm
Peso 88 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex centrocampista)
Squadra Derby County
Ritirato 2 febbraio 2017 - giocatore
Carriera
Giovanili
1992-1995West Ham Utd
Squadre di club1
1995-1996Swansea City9 (1)
1996-2001West Ham Utd148 (23)
2001-2014Chelsea429 (147)
2014-2015Manchester City32 (6)
2015-2016New York City29 (15)[1]
Nazionale
1996-1997Inghilterra Inghilterra U-185 (0)
1997-2000Inghilterra Inghilterra U-2119 (9)
1998Inghilterra Inghilterra B1 (0)
1999-2014Inghilterra Inghilterra106 (29)
Carriera da allenatore
2018-Derby County
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 6 novembre 2016

Frank James Lampard Jr. (pron. fræŋk ʤeimz ˈlæmpɑːd; Romford, 20 giugno 1978) è un allenatore di calcio ed ex calciatore inglese, di ruolo centrocampista, attuale tecnico del Derby County.

La sua carriera si è svolta quasi interamente in Inghilterra, ad eccezione della parentesi di fine carriera nel New York City.[2] Bandiera del Chelsea, club di cui risulta il miglior marcatore con 211 reti[3], ha vinto – tra gli altri trofei – tre campionati nazionali, una Champions League e una Europa League.[4] Sempre con la società londinese, è al terzo posto per numero di partite giocate (648).[5]

In Nazionale ha invece totalizzato 106 apparizioni e 29 gol, partecipando a 3 edizioni dei Mondiali ed un'Europeo.[6] Rientra inoltre nella ristretta cerchia dei calciatori con almeno 1000 presenze in carriera.[7]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Romford, un borough dell'East End londinese, ha studiato presso la Brentwood School, una scuola privata di Brentwood, in Essex. Proviene da una famiglia di calciatori di successo: è infatti figlio di Frank Lampard, Sr. (ex difensore del West Ham e vincitore di due FA Cup), nipote di Harry Redknapp (anch'egli calciatore del West Ham) e cugino di Jamie Redknapp (il quale vinse la Coppa UEFA nel 2001 con il Liverpool).[8]

Il calciatore ha scritto un'autobiografia (Totally Frank), pubblicata nell'agosto 2006. Ha avuto due figlie dall'ex moglie Elen Rivas, da cui ha divorziato nel febbraio 2009;[9] dall'ottobre dello stesso anno ha intrapreso una relazione con la presentatrice nordirlandese Christine Bleakley. Il giocatore è dichiaratamente schierato col Partito Conservatore britannico.[10]

Nel marzo 2009 è stata resa pubblica una notizia dal medico della società, Brian English, secondo la quale Lampard avrebbe un quoziente d'intelligenza superiore a 150.[11]

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Giocava nel ruolo di centrocampista centrale, posizione nel quale si è affermato come uno dei migliori interpreti al mondo.[12][13][14] Ai tradizionali compiti del mediano univa il tempismo nell'inserimento in zona offensiva, nonché l'abilità nell'eseguire i calci piazzati (punizioni e rigori): tali doti gli hanno permesso di risultare, nonostante la posizione arretrata, un centrocampista estremamente prolifico.[15] In carriera ha infatti realizzato più di 300 gol.[16]

A detta dello stesso Lampard, la sua maturazione tecnica è dovuta alla gestione di Claudio Ranieri (il quale lo allenò al Chelsea per un triennio) che gli insegnò ad applicarsi in fase difensiva.[17]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Gli inizi con Swansea City e West Ham[modifica | modifica wikitesto]
Lampard nel 2007.

Formatosi nelle giovanili del West Ham, esordì tra i professionisti nel 1995 con la maglia dei gallesi dello Swansea City (squadra alla quale era stato prestato per sei mesi). Tornato a Londra, durante la stagione successiva fece il suo esordio nel campionato inglese sotto la guida tecnica dello zio Harry Redknapp, con il quale rimase fino al 2001, riuscendo anche a vincere la Coppa Intertoto nel 1999. Nonostante l'affetto dei suoi tifosi, dopo l'esonero dello zio decise di andarsene, e il club accettò così la cospicua offerta di 11 milioni di sterline pervenuta dai rivali del Chelsea.[16][18]

Chelsea[modifica | modifica wikitesto]
2001-2004: la gestione Ranieri[modifica | modifica wikitesto]

Nel giugno 2001 passò quindi ai Blues, fortemente voluto dall'allenatore Ranieri.[19][20] Esordì il 19 agosto, nella gara pareggiata 1-1 contro il Newcastle[21]; il 16 settembre, in occasione del derby con il Tottenham (terminato 3-2 in favore della sua squadra), fu espulso.[22] 4 giorni dopo mise a segno il primo gol, contro i bulgari del Levski Sofia in Coppa UEFA.[23]

Il 13 ottobre scese in campo nella partita con il Leicester (vinta 2-0), dando inizio ad una serie di presenze consecutive che si sarebbe arrestata soltanto nel 2005.[24] Pur continuando a giocare e segnare con regolarità, non sollevò alcun trofeo.[16] Nel 2004, il Chelsea arrivò infatti secondo in campionato (dietro l'imbattuto Arsenal) e raggiunse le semifinali di Champions League arrendendosi al Monaco.[25][26]

2004-2007: i successi con Mourinho[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2004, il club londinese assunse José Mourinho come nuovo allenatore: sotto la conduzione tecnica del portoghese, che era solito impiegare il 4-3-3, le qualità di Lampard furono maggiormente valorizzate.[27] Durante la stagione 2004-05, il centrocampista risultò tra i principali artefici della vittoria in Premier League (a mezzo secolo dall'unica precedente affermazione).[28] La formazione disputò anche, per il secondo anno di fila, le semifinali di Champions League venendo eliminata dai connazionali del Liverpool.[29]

Lampard festeggia la vittoria del campionato inglese nel 2005.

Nel dicembre 2005, dopo aver disputato 164 gare consecutivamente[30], la sua striscia si fermò a causa di un virus che gli impedì di giocare contro il Manchester City.[31] Il 6 gennaio 2007 realizzò la prima tripletta in carriera, durante la partita di FA Cup con il Macclesfield che i Blues vinsero 6-1.[32]

2007-2009: fortune alterne[modifica | modifica wikitesto]
Lampard nel 2008

All'inizio della stagione 2007-08, riportò un infortunio che ne limitò il contributo alla squadra.[33] Il 16 febbraio 2008, andando a segno due volte contro l'Huddersfield, raggiunse la quota di 100 gol con il Chelsea.[34] Per festeggiare il traguardo, indossò una maglia celebrativa con cui ringraziava i tifosi.[35] Il 30 aprile successivo, segnò su rigore (nei supplementari) la rete del 2-1 contro il Liverpool nel ritorno delle semifinali di Champions League: i Blues si imposero per 3-2, accedendo alla finale.[36] Nell'occasione, esultò al gol correndo verso la bandierina per poi piangere in ginocchio e baciare la fascia che portava al braccio in segno di lutto: la madre era infatti morta pochi giorni prima, a causa di una polmonite.[37] Nella finale con il Manchester United, disputata 3 settimane dopo, pareggiò la rete di Cristiano Ronaldo ma i Red Devils vinsero poi ai rigori.[38]

In estate, dopo il passaggio di Mourinho all'Inter, i media accostarono più volte il nome del centrocampista ai nerazzurri.[39] Lo stesso tecnico lusitano seguì personalmente la trattativa[40], che però non giunse a termine.[41] Lampard rimase quindi nella capitale inglese, dove il 13 settembre segnò il 150º gol da professionista.[42] 7 settimane più tardi, trovò anche la centesima marcatura in Premier League.[43] La circostanza fu una gara contro il Sunderland, vinta per 5-0.[44] Il 1º febbraio 2009 venne espulso nell'incontro con il Liverpool (conclusosi 2-0 in favore dei Reds[45]), ma il cartellino rosso fu successivamente revocato dalla Football Association.[46]

2010-2014: il double con Ancelotti, Villas-Boas, la Champions con Di Matteo e l'Europa League con Benítez[modifica | modifica wikitesto]

Nella stagione 2009-2010, con Carlo Ancelotti in panchina, Lampard riuscì a vincere il Community Shield e il double campionato-FA Cup, il primo della storia del Chelsea. Nonostante il nuovo allenatore l'avesse leggermente arretrato di posizione nel modulo utilizzato rispetto a quanto il giocatore fosse abituato negli anni precedenti, trovò lo stesso la via del gol, totalizzando 27 reti in 51 partite, un record per lui.[16] Tra questi 27 vi furono i 4 del 27 marzo 2010, realizzati nella partita vinta 7-1 ai danni dell'Aston Villa, nella quale oltretutto raggiunse il terzo posto nella classifica dei marcatori interna al Chelsea con un totale di 151 marcature, superando un vecchio idolo dei tifosi, l'attaccante Peter Osgood. Il 7 marzo 2011 realizza una doppietta in Blackpool-Chelsea 1-3. Il 16 aprile 2011 segna il gol del definitivo 3-1 per i Blues sul campo del West Brom. Il 23 aprile 2011 sblocca il risultato contro il West Ham partita poi terminata 3-0 per i Blues.

Il 27 agosto 2011 segna il primo gol in campionato nella partita vinta 3-1 contro il Norwich City. Nella seconda giornata di Champions League realizza la prima rete della partita contro il Valencia, che però finirà 1-1. La prima tripletta arriva il 2 ottobre 2011 contro il Bolton finita 5-1. Si ripete il 29 ottobre nel derby di Londra contro l'Arsenal finita 5-3 per i Gunners. Il 12 dicembre 2011 realizza un gol su rigore nella partita vinta 2-1 contro il Manchester City.

Lampard nel 2013.

Dopo il licenziamento di Villas-Boas, Abramovič ha promosso come allenatore ad interim il vice Roberto Di Matteo, che ha portato la formazione londinese a vincere la FA Cup e la sua prima storica Champions League, il 19 maggio 2012.

Il 18 agosto 2012, nella prima partita di Premier League, segna su rigore procurato da Eden Hazard al 7'.[47] Dopo quattro giorni, nella seconda partita di Premier League contro il Reading, segna di nuovo su rigore sempre procurato da Hazard.[48][49] Il 30 dicembre sigla una doppietta che consente di rimontare e di vincere la partita contro l'Everton (1-2).[50] Il 2 febbraio 2013, segnando un gol nella partita contro il Newcastle (persa poi 3-2), diventa il primo giocatore ad aver segnato almeno 10 gol in 10 stagioni in Premier League consecutive. Il 17 marzo nel derby casalingo contro il West Ham, segna il suo 200º gol con la maglia del Chelsea. L'11 maggio, grazie alla doppietta contro l'Aston Villa, raggiunge quota 203 gol e, superando Bobby Tambling, diventa il miglior marcatore nella storia dei Blues. Il 13 maggio firma un rinnovo annuale prolungando la sua permanenza al Chelsea fino al 30 giugno 2014.[51] Chiude la stagione 2012-2013 con un bottino di 15 gol in 29 partite in campionato, risultando essere il miglior marcatore stagionale del Chelsea in Premier League ed il secondo in assoluto (con 17 gol in 50 partite) alle spalle di Fernando Torres, autore di 23 reti tra tutte le competizioni.

Comincia subito la nuova stagione segnando su punizione all'esordio contro l'Hull City.[52] Il 2 aprile 2014, in occasione del match di andata dei quarti di finale perso 2-1 contro il PSG, raggiunge il traguardo delle 100 presenze in UEFA Champions League (preliminari esclusi).[53] Nella seconda parte di stagione vede diminuire il suo minutaggio in campo a seguito dell'acquisto di Nemanja Matić nella sessione invernale di calciomercato e conclude la sua ultima stagione con i blues con 8 gol (il minimo dal 2001-2002) all'attivo in 40 presenze fra tutte le competizioni.[54]

Il 2 giugno 2014 il Chelsea annuncia attraverso il proprio sito ufficiale che, al termine della stagione, Lampard lascerà i Blues dopo 13 stagioni, 648 partite disputate, 211 gol segnati e 13 titoli vinti.[55]

Manchester City[modifica | modifica wikitesto]
Ingaggio e controversia con il New York City[modifica | modifica wikitesto]

Il 24 luglio 2014 viene annunciato il suo ingaggio da parte del New York City, con cui firma un contratto biennale.[56] Viene poi girato in prestito per sei mesi al Manchester City per mantenersi in forma in attesa dell'inizio della Major League Soccer 2015.[57] Il 31 dicembre, sul sito ufficiale del New York City, viene annunciato il prolungamento del prestito ai Citizens fino al termine della stagione europea.[58] Il giorno successivo la Premier League comunica che Lampard è registrato solamente come giocatore del Manchester City e non risulta alcun accordo di prestito tra la società inglese e quella statunitense.[59] Il 9 gennaio il club di Manchester ammette che Lampard non ha mai firmato un contratto con il New York City ma solo un "impegno" non vincolante ad unirsi alla squadra statunitense, ed è quindi da intendersi a tutti gli effetti un proprio giocatore.[60] L'annuncio del prolungamento del contratto con il Manchester City ha provocato la rabbia dei tifosi del club della Grande Mela[61] e dei commentatori, che hanno accusato il New York City di aver usato il nome del giocatore per una promozione disonesta e il commissioner della MLS, Don Garber, di scarsa leadership e trasparenza nella gestione dell'affare.[62][63]

Stagione 2014-2015[modifica | modifica wikitesto]

Fa il suo esordio con il Manchester City il 13 settembre 2014, partendo titolare nella partita pareggiata per 2-2 contro l'Arsenal; dopo aver rimediato un cartellino giallo viene sostituito nell'intervallo da Samir Nasri.[64] Il 21 settembre seguente, nella partita pareggiata per 1-1 contro il Chelsea, realizza il suo primo gol con la maglia dei Citizens.[65] Dopo soli tre giorni si ripete, segnando una doppietta nell'incontro di League Cup vinto per 7-0 contro lo Sheffield Wednesday.[66] Il 13 dicembre, grazie al gol vittoria siglato nella trasferta contro il Leicester City, raggiunge Thierry Henry al quarto posto nella classifica all-time dei marcatori della Premier League con 175 reti segnate.[67] Il 1º gennaio 2015 realizza il gol vittoria contro il Sunderland arrivando a 176 marcature nella massima serie inglese e staccando l'attaccante transalpino.[68] Il 14 marzo, nell'incontro perso per 0-1 contro il Burnley, taglia il traguardo delle 600 presenze in Premier League, diventando il secondo a superare questo traguardo dopo Ryan Giggs, primo nella classifica all-time di incontri disputati a quota 672.[69] Torna al gol il 24 maggio contro il Southampton, sua ultima partita in Premier League, sbloccando la partita (poi vinta 2-0 dal Manchester City) al 31º del primo tempo.[70] Conclude così la sua esperienza ai Citizens con 38 presenze e 8 gol segnati fra campionato e coppe.

New York City e ritiro[modifica | modifica wikitesto]

Il 10 gennaio 2015 firma un contratto con la Major League Soccer per giocare con il New York City a partire dal 1º luglio seguente.[71] Rimane fermo per tutto il mese di luglio a causa di un infortunio per poi esordire il 1º agosto, subentrando al 69', nella sconfitta casalinga contro i Montreal Impact.[72] La stagione di esordio in MLS si rivela deludente con la squadra newyorkese che rimane fuori dal play-off e Lampard colleziona solo 10 presenze nelle quali segna 3 reti.[73] Anche la stagione 2016 comincia all'insegna degli infortuni per Lampard, che rimane fermo oltre due mesi per uno stiramento al polpaccio e una successiva ricaduta.[74] Scende così in campo per la prima volta il 21 maggio, nel derby perso per 7-0 contro i New York Red Bulls, durante il quale viene anche fischiato dai suoi tifosi.[75] Dopo altre due partite da subentrato nei minuti finali ritrova il posto da titolare il 18 giugno, nel match casalingo contro i Philadelphia Union, segnando dopo soli 8' di gioco. Nelle partite successive risulta decisivo segnando altri sette gol in altrettante partite e contribuendo alla risalita del New York City fino al primo posto nella eastern conference.[76]

Il 14 novembre 2016 viene annunciato che alla scadenza del suo contratto, al termine dello stesso anno, lascerà il club; termina così la sua esperienza con il New York City dopo una stagione e mezzo, durante la quale ha disputato 31 partite e segnato 15 gol in competizioni ufficiali.[77]

Il 2 febbraio 2017 annuncia il ritiro a 38 anni con in bacheca 14 trofei e 312 gol segnati in 1044 partite giocate tra club e Nazionale.[78]

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Il tecnico Peter John Taylor, allenatore dell'Under-21 inglese, fu un suo estimatore e lo convocò stabilmente nella selezione giovanile. Esordì nel novembre 1997[79], partecipando all'Europeo di categoria 2000 e riportando, complessivamente, 19 presenze con 9 reti.[80] Soltanto gli attaccanti Shearer e Jeffers hanno fatto meglio, con 13 marcature ciascuno.[81] Nel frattempo, debuttò anche con la Nazionale maggiore in un'amichevole contro il Belgio dell'ottobre 1999.[82]

Realizzò il primo gol con i Leoni il 20 agosto 2003, nel corso dell'amichevole con la Croazia vinta per 3-1.[16][83] Al termine della stagione, Eriksson lo convocò per l'Europeo 2004.[84][85][86][16] Il commissario tecnico lo utilizzò come titolare a centrocampo[87][16], venendo ripagato con buone prestazioni.[16] Lampard mise a segno 3 reti[88][89][90], con la squadra che raggiunse i quarti di finale.[91][16] Fu inoltre inserito nella formazione ideale del torneo.[16] Nelle qualificazioni al Mondiale 2006, un suo gol (su rigore) contro l'Austria valse l'aritmetico accesso alla fase finale.[92] Sia nel 2004 che nel 2005, inoltre, venne eletto calciatore inglese dell'anno dai tifosi.[16]

Ai Mondiali in Germania, il giocatore offrì tuttavia prestazioni sottotono pur non saltando alcun minuto delle partite giocate dalla sua Nazionale.[93] Nei quarti di finale contro il Portogallo fallì un rigore della sequenza finale, contribuendo all'eliminazione inglese.[94] In seguito, i britannici mancarono la qualificazione all'Europeo 2008 perdendo con la Croazia l'incontro decisivo: nell'occasione, Lampard fu autore del temporaneo 2-2.[95][16] Il 9 settembre 2009, sempre contro gli slavi, mise a segno una doppietta: la vittoria per 5-1 qualificò l'Inghilterra ai Mondiali 2010.[96] Il torneo riservò un'altra delusione ai Leoni, sconfitti dalla Germania negli ottavi di finale: il centrocampista realizzò la rete del possibile 2-2, che tuttavia non fu convalidata malgrado il pallone avesse superato la linea di porta.[97] I tedeschi vinsero poi per 4-1.[98]

Fu convocato per l'Europeo 2012, ma un infortunio alla coscia lo costrinse a dare forfait.[99] Al suo posto venne chiamato Jordan Henderson.[100] Dopo aver contribuito alla qualificazione per il Mondiale 2014 con 3 gol[101], ottenne un'unica presenza nel torneo giocando contro la Costa Rica il 24 giugno.[102] Due mesi più tardi, il 26 agosto 2014, annunciò il suo addio alla Nazionale d'oltremanica.[103]

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Il 31 maggio 2018 diventa il nuovo tecnico del Derby County.[104]

Fuori dal campo[modifica | modifica wikitesto]

Controversie[modifica | modifica wikitesto]

Nell'estate del 2000 circolò sul web un video che ritraeva Lampard, insieme ai compagni di nazionale Rio Ferdinand e Kieron Dyer, in atteggiamenti intimi con una donna in un villaggio turistico di Agia Napa a Cipro. I tre, con l'appoggio dei rispettivi club, smentirono qualsiasi voce riguardante questo episodio e il video incriminato fu presto rimosso dalla rete.[105]

Il 23 settembre 2001 il Chelsea punì Lampard, John Terry, Eiður Guðjohnsen e Jody Morris a causa di una sbornia rimediata la notte del 12 settembre in un hotel di Heathrow. Durante quella serata i quattro avevano infastidito alcuni turisti statunitensi, già spaventati dagli attentati dell'11 settembre.[106]

Nella cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

Nei videogiochi[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2009, assieme ai compagni di nazionale Theo Walcott e Wayne Rooney, Lampard è stato il testimonial del videogioco calcistico FIFA 10.[107]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Al 6 novembre 2016 Lampard, tra club, nazionale maggiore e nazionali giovanili, ha segnato 312 gol in 1044 partite, alla media di 0,30 gol a partita.

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 6 novembre 2016.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
1995-1996 Galles Swansea City SD 9 1 FACup+CdL 0 0 - - - - - - 9 1
1995-1996 Inghilterra West Ham United PL 2 0 FACup+CdL 0 0 - - - - - - 2 0
1996-1997 PL 13 0 FACup+CdL 1+2 0 - - - - - - 16 0
1997-1998 PL 31 5 FACup+CdL 6+5 1+4 - - - - - - 42 10
1998-1999 PL 38 5 FACup+CdL 1+2 0+1 - - - - - - 41 6
1999-2000 PL 34 7 FACup+CdL 1+4 0+3 Int+CU 6+4 3+1 - - - 49 14
2000-2001 PL 30 7 FACup+CdL 4+3 1+1 - - - - - - 37 9
Totale West Ham United 148 24 29 11 10 4 - - 187 39
2001-2002 Inghilterra Chelsea PL 37 5 FACup+CdL 8+4 1+0 CU 4 1 - - - 53 7
2002-2003 PL 38 6 FACup+CdL 5+3 1+0 CU 2 1 - - - 48 8
2003-2004 PL 38 10 FACup+CdL 4+2 1+0 UCL 14 4 - - - 58 15
2004-2005 PL 38 13 FACup+CdL 2+6 0+2 UCL 12 4 - - - 58 19
2005-2006 PL 35 16 FACup+CdL 5+1 2+0 UCL 8 2 CS 1 0 50 20
2006-2007 PL 37 11 FACup+CdL 7+6 6+3 UCL 11 1 CS 1 0 62 21
2007-2008 PL 24 10 FACup+CdL 1+3 2+4 UCL 11 4 CS 1 0 40 20
2008-2009 PL 37 12 FACup+CdL 7+2 3+2 UCL 11 3 - - - 57 20
2009-2010 PL 36 22 FACup+CdL 6+1 3+0 UCL 7 1 CS 1 1 51 27
2010-2011 PL 24 10 FACup+CdL 3+0 3 UCL 4 0 CS 1 0 32 13
2011-2012 PL 30 11 FACup+CdL 5+2 2+0 UCL 12 3 - - - 49 16
2012-2013 PL 29 15 FACup+CdL 4+3 2+0 UCL+UEL 3+7 0 CS+SU+Cmc 1+1+2 0 50 17
2013-2014 PL 26 6 FACup+CdL 1+1 0+1 UCL 11 1 SU 1 0 40 8
Totale Chelsea 429 147 92 38 117 25 10 1 648 211
2014-2015 Inghilterra Manchester City PL 32 6 FACup+CdL 2+1 0+2 UCL 3 0 CS 0 0 38 8
2015 Stati Uniti New York City MLS 10 3 USOC - - - - - - - - 10 3
2016 MLS 19+2[108] 12 USOC 0 0 - - - - - - 21 12
Totale New York City 29+2 15 0 0 - - - - 31 15
Totale carriera 647+2 193 124 51 130 29 10 1 913 274

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 29 ottobre 2018.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale Vittorie %
Comp G V N P Comp G V N P Comp G V N P Comp G V N P G V N P %
2018-2019 Inghilterra Derby County FLC 15 7 4 4 FACup+CdL 0+3 0+2 0+1 0+0 18 9 5 4 50,00
Totale carriera 15 7 4 4 3 2 1 0 0 0 0 0 18 9 5 4 50,00

Cronologia presenze e reti in nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Inghilterra
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
10-10-1999 Sunderland Inghilterra Inghilterra 2 – 1 Belgio Belgio Amichevole - Uscita al 76’ 76’
28-2-2001 Birmingham Inghilterra Inghilterra 3 – 0 Spagna Spagna Amichevole - Ingresso al 46’ 46’
15-8-2001 Londra Inghilterra Inghilterra 0 – 2 Paesi Bassi Paesi Bassi Amichevole - Ingresso al 46’ 46’
10-11-2001 Manchester Inghilterra Inghilterra 1 – 1 Svezia Svezia Amichevole - Ingresso al 86’ 86’
13-2-2002 Amsterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 1 – 1 Inghilterra Inghilterra Amichevole - Ingresso al 77’ 77’
27-3-2002 Leeds Inghilterra Inghilterra 1 – 2 Italia Italia Amichevole - Uscita al 46’ 46’
17-4-2002 Liverpool Inghilterra Inghilterra 4 – 0 Paraguay Paraguay Amichevole - Ingresso al 68’ 68’
12-2-2003 Newham Inghilterra Inghilterra 1 – 3 Australia Australia Amichevole - Uscita al 46’ 46’
22-5-2003 Durban Sudafrica Sudafrica 1 – 2 Inghilterra Inghilterra Amichevole - Ingresso al 68’ 68’
3-6-2003 Leicester Inghilterra Inghilterra 2 – 1 Serbia e Montenegro Serbia e Montenegro Amichevole - Uscita al 66’ 66’
11-6-2003 Middlesbrough Inghilterra Inghilterra 2 – 1 Slovacchia Slovacchia Qual. Euro 2004 -
20-8-2003 Ipswich Inghilterra Inghilterra 3 – 1 Croazia Croazia Amichevole 1 Ingresso al 27’ 27’
6-9-2003 Skopje Macedonia Macedonia 1 – 2 Inghilterra Inghilterra Qual. Euro 2004 - Uscita al 46’ 46’
10-9-2003 Manchester Inghilterra Inghilterra 2 – 0 Liechtenstein Liechtenstein Qual. Euro 2004 -
11-10-2003 Istanbul Turchia Turchia 0 – 0 Inghilterra Inghilterra Qual. Euro 2004 - Ingresso al 88’ 88’
16-11-2003 Manchester Inghilterra Inghilterra 2 – 3 Danimarca Danimarca Amichevole -
18-2-2004 Faro Portogallo Portogallo 1 – 1 Inghilterra Inghilterra Amichevole - Uscita al 46’ 46’
1-6-2004 Manchester Inghilterra Inghilterra 1 – 1 Giappone Giappone Amichevole - Uscita al 82’ 82’
5-6-2004 Manchester Inghilterra Inghilterra 6 – 1 Islanda Islanda Amichevole 1 Uscita al 46’ 46’
13-6-2004 Lisbona Francia Francia 2 – 1 Inghilterra Inghilterra Euro 2004 - 1º turno 1 Ammonizione al 71’ 71’
17-6-2004 Coimbra Inghilterra Inghilterra 3 – 0 Svizzera Svizzera Euro 2004 - 1º turno -
21-6-2004 Lisbona Croazia Croazia 2 – 4 Inghilterra Inghilterra Euro 2004 - 1º turno 1 Uscita al 84’ 84’
24-6-2004 Lisbona Portogallo Portogallo 2 – 2 dts
(6 - 5 dcr)
Inghilterra Inghilterra Euro 2004 - Quarti di finale 1
18-8-2004 Newcastle Inghilterra Inghilterra 3 – 0 Ucraina Ucraina Amichevole - Uscita al 75’ 75’
4-9-2004 Vienna Austria Austria 2 – 2 Inghilterra Inghilterra Qual. Mondiali 2006 1
8-9-2004 Chorzów Polonia Polonia 1 – 2 Inghilterra Inghilterra Qual. Mondiali 2006 -
9-10-2004 Manchester Inghilterra Inghilterra 2 – 0 Galles Galles Qual. Mondiali 2006 1
13-10-2004 Baku Azerbaigian Azerbaigian 0 – 1 Inghilterra Inghilterra Qual. Mondiali 2006 -
17-11-2004 Madrid Spagna Spagna 1 – 0 Inghilterra Inghilterra Amichevole - Uscita al 60’ 60’
9-2-2005 Birmingham Inghilterra Inghilterra 0 – 0 Paesi Bassi Paesi Bassi Amichevole - Uscita al 46’ 46’
26-3-2005 Manchester Inghilterra Inghilterra 4 – 0 Irlanda del Nord Irlanda del Nord Qual. Mondiali 2006 1
30-3-2005 Newcastle Inghilterra Inghilterra 2 – 0 Azerbaigian Azerbaigian Qual. Mondiali 2006 -
17-8-2005 Copenaghen Danimarca Danimarca 4 – 1 Inghilterra Inghilterra Amichevole - Uscita al 64’ 64’
3-9-2005 Cardiff Galles Galles 0 – 1 Inghilterra Inghilterra Qual. Mondiali 2006 -
7-9-2005 Belfast Irlanda del Nord Irlanda del Nord 1 – 0 Inghilterra Inghilterra Qual. Mondiali 2006 - Uscita al 80’ 80’
8-10-2005 Manchester Inghilterra Inghilterra 1 – 0 Austria Austria Qual. Mondiali 2006 1
12-10-2005 Manchester Inghilterra Inghilterra 2 – 1 Polonia Polonia Qual. Mondiali 2006 1
12-11-2005 Ginevra Argentina Argentina 2 – 3 Inghilterra Inghilterra Amichevole - Ammonizione al 48’ 48’
30-5-2006 Manchester Inghilterra Inghilterra 3 – 1 Ungheria Ungheria Amichevole -
3-6-2006 Manchester Inghilterra Inghilterra 6 – 0 Giamaica Giamaica Amichevole 1 Uscita al 68’ 68’
10-6-2006 Francoforte Inghilterra Inghilterra 1 – 0 Paraguay Paraguay Mondiali 2006 - 1º turno -
15-6-2006 Norimberga Inghilterra Inghilterra 2 – 0 Trinidad e Tobago Trinidad e Tobago Mondiali 2006 - 1º turno - Ammonizione al 64’ 64’
20-6-2006 Colonia Svezia Svezia 2 – 2 Inghilterra Inghilterra Mondiali 2006 - 1º turno -
25-6-2006 Stoccarda Inghilterra Inghilterra 1 – 0 Ecuador Ecuador Mondiali 2006 - Ottavi di finale -
1-7-2006 Gelsenkirchen Inghilterra Inghilterra 0 – 0 dts
(1 - 3 dcr)
Portogallo Portogallo Mondiali 2006 - Quarti di finale -
16-8-2006 Manchester Inghilterra Inghilterra 4 – 0 Grecia Grecia Amichevole 1
2-9-2006 Manchester Inghilterra Inghilterra 5 – 0 Andorra Andorra Qual. Euro 2008 -
6-9-2006 Skopje Macedonia Macedonia 0 – 1 Inghilterra Inghilterra Qual. Euro 2008 -
7-10-2006 Manchester Inghilterra Inghilterra 0 – 0 Macedonia Macedonia Qual. Euro 2008 -
11-10-2006 Zagabria Croazia Croazia 2 – 0 Inghilterra Inghilterra Qual. Euro 2008 -
15-11-2006 Amsterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 1 – 1 Inghilterra Inghilterra Amichevole -
7-2-2007 Manchester Inghilterra Inghilterra 0 – 1 Spagna Spagna Amichevole - Uscita al 79’ 79’
24-3-2007 Ramat Gan Israele Israele 0 – 0 Inghilterra Inghilterra Qual. Euro 2008 -
1-6-2007 Londra Inghilterra Inghilterra 1 – 1 Brasile Brasile Amichevole - Uscita al 88’ 88’
6-6-2007 Tallinn Estonia Estonia 0 – 3 Inghilterra Inghilterra Qual. Euro 2008 -
22-8-2007 Londra Inghilterra Inghilterra 1 – 2 Germania Germania Amichevole 1
13-10-2007 Londra Inghilterra Inghilterra 3 – 0 Estonia Estonia Qual. Euro 2008 - Ingresso al 70’ 70’
17-10-2007 Mosca Russia Russia 2 – 1 Inghilterra Inghilterra Qual. Euro 2008 - Ingresso al 79’ 79’
16-11-2007 Vienna Austria Austria 0 – 1 Inghilterra Inghilterra Amichevole -
21-11-2007 Londra Inghilterra Inghilterra 2 – 3 Croazia Croazia Qual. Euro 2008 1
28-5-2008 Londra Inghilterra Inghilterra 2 – 0 Stati Uniti Stati Uniti Amichevole - Uscita al 57’ 57’
20-8-2008 Londra Inghilterra Inghilterra 2 – 2 Rep. Ceca Rep. Ceca Amichevole - Uscita al 79’ 79’
6-9-2008 Barcellona Andorra Andorra 0 – 2 Inghilterra Inghilterra Qual. Mondiali 2010 - Uscita al 80’ 80’
10-9-2008 Zagabria Croazia Croazia 1 – 4 Inghilterra Inghilterra Qual. Mondiali 2010 -
11-10-2008 Londra Inghilterra Inghilterra 5 – 1 Kazakistan Kazakistan Qual. Mondiali 2010 -
15-10-2008 Minsk Bielorussia Bielorussia 1 – 3 Inghilterra Inghilterra Qual. Mondiali 2010 -
11-2-2009 Siviglia Spagna Spagna 2 – 0 Inghilterra Inghilterra Amichevole - Ingresso al 46’ 46’
28-3-2009 Londra Inghilterra Inghilterra 4 – 0 Slovacchia Slovacchia Amichevole 1
1-4-2009 Londra Inghilterra Inghilterra 2 – 1 Ucraina Ucraina Qual. Mondiali 2010 -
6-6-2009 Almaty Kazakistan Kazakistan 0 – 4 Inghilterra Inghilterra Qual. Mondiali 2010 1
10-6-2009 Londra Inghilterra Inghilterra 6 – 0 Andorra Andorra Qual. Mondiali 2010 1
12-8-2009 Amsterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 2 – 2 Inghilterra Inghilterra Amichevole -
5-9-2009 Londra Inghilterra Inghilterra 2 – 1 Slovenia Slovenia Amichevole 1 Uscita al 46’ 46’
9-9-2009 Londra Inghilterra Inghilterra 5 – 1 Croazia Croazia Qual. Mondiali 2010 2
10-10-2009 Dnipropetrovs'k Ucraina Ucraina 1 – 0 Inghilterra Inghilterra Qual. Mondiali 2010 -
14-10-2009 Londra Inghilterra Inghilterra 3 – 0 Bielorussia Bielorussia Qual. Mondiali 2010 -
3-3-2010 Londra Inghilterra Inghilterra 3 – 1 Egitto Egitto Amichevole - Uscita al 46’ 46’
30-5-2010 Graz Giappone Giappone 1 – 2 Inghilterra Inghilterra Amichevole -
12-6-2010 Rustenburg Inghilterra Inghilterra 1 – 1 Stati Uniti Stati Uniti Mondiali 2010 - 1º turno -
18-6-2010 Città del Capo Inghilterra Inghilterra 0 – 0 Algeria Algeria Mondiali 2010 - 1º turno -
23-6-2010 Port Elizabeth Slovenia Slovenia 0 – 1 Inghilterra Inghilterra Mondiali 2010 - 1º turno -
27-6-2010 Bloemfontein Germania Germania 4 – 1 Inghilterra Inghilterra Mondiali 2010 - Ottavi di finale -
11-8-2010 Londra Inghilterra Inghilterra 2 – 1 Ungheria Ungheria Amichevole - Uscita al 46’ 46’
9-2-2011 Copenaghen Danimarca Danimarca 1 – 2 Inghilterra Inghilterra Amichevole - cap. - Uscita al 46’ 46’
26-3-2011 Cardiff Galles Galles 0 – 2 Inghilterra Inghilterra Qual. Euro 2012 1
4-6-2011 Londra Inghilterra Inghilterra 2 – 2 Svizzera Svizzera Qual. Euro 2012 1
2-9-2011 Sofia Bulgaria Bulgaria 0 – 3 Inghilterra Inghilterra Qual. Euro 2012 - Ingresso al 80’ 80’
6-9-2011 Londra Inghilterra Inghilterra 1 – 0 Galles Galles Qual. Euro 2012 - Uscita al 73’ 73’
7-10-2011 Podgorica Montenegro Montenegro 2 – 2 Inghilterra Inghilterra Qual. Euro 2012 - Ingresso al 64’ 64’
12-11-2011 Londra Inghilterra Inghilterra 1 – 0 Spagna Spagna Amichevole 1 cap. - Uscita al 57’ 57’
15-8-2012 Berna Italia Italia 1 – 2 Inghilterra Inghilterra Amichevole - cap. - Uscita al 69’ 69’
7-9-2012 Chișinău Moldavia Moldavia 0 – 5 Inghilterra Inghilterra Qual. Mondiali 2014 2
11-9-2012 Londra Inghilterra Inghilterra 1 – 1 Ucraina Ucraina Qual. Mondiali 2014 1
6-2-2013 Londra Inghilterra Inghilterra 2 – 1 Brasile Brasile Amichevole 1 Ingresso al 46’ 46’
22-3-2013 Serravalle San Marino San Marino 0 – 8 Inghilterra Inghilterra Qual. Mondiali 2014 1 cap. - Uscita al 67’ 67’
29-5-2013 Londra Inghilterra Inghilterra 1 – 1 Irlanda Irlanda Amichevole 1
2-6-2013 Rio de Janeiro Brasile Brasile 2 – 2 Inghilterra Inghilterra Amichevole - cap.
14-8-2013 Londra Inghilterra Inghilterra 3 – 2 Scozia Scozia Amichevole - Ingresso al 46’ 46’ - Ammonizione al 63’ 63’
6-9-2013 Londra Inghilterra Inghilterra 4 – 0 Moldavia Moldavia Qual. Mondiali 2014 -
10-9-2013 Kiev Ucraina Ucraina 0 – 0 Inghilterra Inghilterra Qual. Mondiali 2014 -
11-10-2013 Londra Inghilterra Inghilterra 4 – 1 Montenegro Montenegro Qual. Mondiali 2014 - Uscita al 65’ 65’
15-10-2013 Londra Inghilterra Inghilterra 2 – 0 Polonia Polonia Qual. Mondiali 2014 - Ingresso al 71’ 71’ - Ammonizione al 76’ 76’
15-11-2013 Londra Inghilterra Inghilterra 0 – 2 Cile Cile Amichevole - cap. - Uscita al 71’ 71’
4-6-2014 Miami Gardens Ecuador Ecuador 2 – 2 Inghilterra Inghilterra Amichevole - cap.
7-6-2014 Miami Gardens Inghilterra Inghilterra 0 – 0 Honduras Honduras Amichevole - Ingresso al 83’ 83’
24-6-2014 Belo Horizonte Costa Rica Costa Rica 0 – 0 Inghilterra Inghilterra Mondiali 2014 - 1º turno - cap.
Totale Presenze (6º posto) 106 Reti (9º posto) 29

Record[modifica | modifica wikitesto]

  • Calciatore ad aver segnato più reti con la maglia del Chelsea (211).[109]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

Settembre 2003, Aprile 2005, Ottobre 2005, Ottobre 2008
2004, 2005
2004-2005, 2009-2010
2005
2005
2005
2008
2015
Premio alla carriera per calciatori: 2015
  • MLS Player of the Month: 1
Luglio 2016

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Ufficiale dell'Ordine dell'Impero Britannico - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale dell'Ordine dell'Impero Britannico
«Per i servizi al calcio.»
— Londra, 12 giugno 2015[110][111]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ 31 (15) se si considerano anche i play-off per l'assegnazione della MLS Cup.
  2. ^ (EN) Frank Lampard signs MLS deal to join New York City FC in July, in The Guardian, 10 gennaio 2015.
  3. ^ (EN) Tambling gives Lampard golden boot, su bbc.co.uk, 19 maggio 2013.
  4. ^ (EN) Blues desperate to win - Lampard, su bbc.com, 18 maggio 2012.
  5. ^ (EN) Tim Rich, Timeless and with a resolve of steel, Frank Lampard was one of English football's true greats, in The Independent, 2 febbraio 2017.
  6. ^ (EN) England: Frank Lampard retires after winning 106 caps, su bbc.com, 26 agosto 2014.
  7. ^ (EN) Lampard may play game 1,000 at City, su kwese.espn.com, 5 agosto 2014.
  8. ^ 'In Italia vincere è più difficile E i giocatori sono più liberi', fantallenatore.it, 3 gennaio 2010. URL consultato il 22 settembre 2014.
  9. ^ (EN) Gareth Dorrian, Frank talk, thesun.co.uk, 16 febbraio 2009. URL consultato il 25 giugno 2010 (archiviato dall'url originale il 6 giugno 2011).
  10. ^ (EN) Lampard confirms his place on the right wing, dailymail.co.uk, 7 novembre 2007. URL consultato il 25 giugno 2010.
  11. ^ (EN) Frank Lampard 'has higher IQ than Carol Vorderman', telegraph.co.uk, 5 marzo 2009. URL consultato il 25 giugno 2010.
  12. ^ (EN) Adam Bate, Frank Lampard turned himself into the ultimate midfield machine, su skysports.com, 22 maggio 2015.
  13. ^ Tommaso Giagni, Eroe di centrocampo, su ultimouomo.com, 19 giugno 2015.
  14. ^ Paride Coti, Ode al Centrocampista: si ritira Frank Lampard, su footbola.it, 3 febbraio 2017.
  15. ^ Graham Hunter, Le perle di Lampard, su it.uefa.com, 3 novembre 2008.
  16. ^ a b c d e f g h i j k l (EN) Frank Lampard's profile, su soccerbase.com.
  17. ^ Stefano Boldrini, Ranieri: "A Lampard ho insegnato soltanto la fase difensiva", su gazzetta.it, 27 gennaio 2015.
  18. ^ (EN) Alan Smith, Scouting Report: Lampard finds his feet again, in The Telegraph, 18 febbraio 2001.
  19. ^ (EN) Chelsea land Lampard, su news.bbc.co.uk, 14 giugno 2001.
  20. ^ (EN) Chelsea seal £11million Lampard deal, in The Telegraph, 14 giugno 2001.
  21. ^ (EN) Clockwatch: Chelsea 1-1 Newcastle, su news.bbc.co.uk, 19 agosto 2001.
  22. ^ (EN) Henry Winter, Lampard off as heated derby fails to catch mood, su telegraph.co.uk, 16 settembre 2001.
  23. ^ (EN) Good night for Chelsea, su news.bbc.co.uk, 20 settembre 2001.
  24. ^ (EN) Chelsea ruin Bassett's day, su news.bbc.co.uk, 13 ottobre 2001.
  25. ^ (EN) Kevin McCarra, Blundering Chelsea fall apart, in The Guardian, 21 aprile 2004.
  26. ^ Il Monaco conquista la finale pareggio 2-2 con il Chelsea, su repubblica.it, 5 maggio 2004.
  27. ^ (EN) Jason Burt, Lampard feeling the benefits of Mourinho's meticolous regime, in The Independent, 22 luglio 2004.
  28. ^ Chelsea campione d'Inghilterra, su it.eurosport.com, 30 aprile 2005.
  29. ^ Cade il Chelsea miliardario di Mourinho In finale vanno gli "operai" del Liverpool, su repubblica.it, 3 maggio 2005.
  30. ^ Emilio Marrese, Il Chelsea delle meraviglie guida la carica dell'Inghilterra, in la Repubblica, 21 ottobre 2005, p. 70.
  31. ^ Nicola Apicella, Calcio, Premier: Lampard si ferma dopo 164 partite consecutive, su sport.repubblica.it, 29 dicembre 2005.
  32. ^ Deborah Bonetti, Sheva ancora flop. E la Dinamo Kiev lo chiama, in La Gazzetta dello Sport, 7 gennaio 2007.
  33. ^ Simona Marchetti, Dopo Beckham, Lampard Inghilterra nei guai, su gazzetta.it, 1º settembre 2007.
  34. ^ (EN) Ian Hughes, Chelsea 3-1 Huddersfield, su news.bbc.co.uk, 16 febbraio 2008.
  35. ^ (EN) Colin Mafham, Ton-tastic Lampard's double Joy, 17 febbraio 2008.
  36. ^ Paolo Condò, Drogba da pazzi La sua doppietta porta il Chelsea alla prima finale, in La Gazzetta dello Sport, 1º maggio 2008.
  37. ^ Giancarlo Galavotti, Lampard piange: «Per te mamma», in La Gazzetta dello Sport, 1º maggio 2008.
  38. ^ Anelka sbaglia il rigore decisivo la Champions va al Manchester, 22 maggio 2008.
  39. ^ Enrico Franceschini, Mourinho, speciale o antipatico il tecnico che non lascia indifferenti, su repubblica.it, 22 maggio 2008.
  40. ^ Mourinho stringe per Lampard Ronaldinho-Milan, si tratta ancora, su repubblica.it, 24 giugno 2008.
  41. ^ Alessandro Di Maria, Inter: Lampard no, Quaresma forse Guardiola sogna Trezeguet al Barça, su repubblica.it, 25 luglio 2008.
  42. ^ (EN) Phil McNulty, Man City 1-3 Chelsea, su news.bbc.co.uk, 13 settembre 2008.
  43. ^ (EN) Chris Bevan, Chelsea 5-0 Sunderland, su news.bbc.co.uk, 1º novembre 2008.
  44. ^ Luca Pisapia, Tottenham, stop al Liverpool, in La Gazzetta dello Sport, 2 novembre 2008.
  45. ^ Giancarlo Galavotti, Torres affonda il Chelsea Resiste solo il Liverpool, in La Gazzetta dello Sport, 2 febbraio 2009.
  46. ^ (EN) John Ley, Frank Lampard red card rescinded by FA, su telegraph.co.uk, 2 febbraio 2009.
  47. ^ (EN) Eden Hazard shines in first official Chelsea game: 2 assists in the first 7 minutes, edenhazard.es, 19 agosto 2012. URL consultato il 7 dicembre 2014.
  48. ^ (EN) Eden Hazard does it again: guiding Chelsea past Reading with 3 assists, edenhazard.es, 23 agosto 2012. URL consultato il 7 dicembre 2014.
  49. ^ Chelsea, rimonta e "aiutino". Il Reading cede solo nel finale, gazzetta.it, 21 agosto 2012. URL consultato il 24 maggio 2012.
  50. ^ Everton 1-2 Chelsea, Soccerway.com. URL consultato il 1º gennaio 2013.
  51. ^ (EN) Frank Lampard signs new one-year contract at Chelsea, theguardian.com, 16 maggio 2013. URL consultato il 15 gennaio 2015.
  52. ^ (EN) David Ornstein, Chelsea 2 - 0 Hull City, bbc.com, 18 agosto 2013. URL consultato il 15 gennaio 2015.
  53. ^ (EN) Ronaldo and Lampard reach century of matches, uefa.com, 2 aprile 2014. URL consultato il 15 gennaio 2015.
  54. ^ (EN) Henry Winter, Frank Lampard will be missed by Chelsea and the fans who have adored him for 13 years, telegraph.co.uk, 3 giugno 2014. URL consultato il 15 gennaio 2015.
  55. ^ (EN) Lampard to leave Chelsea, chelseafc.com, 2 giugno 2014. URL consultato il 3 giugno 2014.
  56. ^ (EN) Welcome to New York City: Frank Lampard, nycfc.com, 24 luglio 2014. URL consultato il 22 settembre 2014.
  57. ^ (EN) Lampard joins City on loan, mcfc.co.uk, 6 agosto 2014. URL consultato il 22 settembre 2014.
  58. ^ (EN) Frank Lampard's Contract with Manchester City Extended, nycfc.com, 31 dicembre 2014. URL consultato il 2 gennaio 2015.
  59. ^ (EN) Jamie Jackson, Manchester City admit Frank Lampard never signed two-year deal with NYCFC, theguardian.com, 9 gennaio 2015. URL consultato il 14 gennaio 2015.
  60. ^ (EN) Mark Ogden, Premier League forced to step in after Manchester City mislead supporters over Frank Lampard deal, telegraph.co.uk, 9 gennaio 2015. URL consultato il 14 gennaio 2015.
  61. ^ (EN) Frank Lampard: Man City stay prompts New York fans' outrage, bbc.com, 1º gennaio 2015. URL consultato il 14 gennaio 2015.
  62. ^ (EN) Dave Martinez, Lampardgate: Where are MLS and New York City FC?, empireofsoccer.com, 2 gennaio 2015. URL consultato il 14 gennaio 2015.
  63. ^ (EN) Brian Sciaretta, Frank Lampard Debacle Makes MLS Look Foolish, americansoccernow.com, 2 gennaio 2015. URL consultato il 14 gennaio 2015.
  64. ^ (EN) Phil McNulty, Arsenal 2-2 Manchester City, bbc.co.uk, 13 settembre 2014. URL consultato il 14 gennaio 2015.
  65. ^ Premier, la vendetta di Lampard: acciuffa il Chelsea, è 1-1 col City, gazzetta.it, 21 settembre 2014. URL consultato il 22 settembre 2014.
  66. ^ (EN) Manchester City 7-0 Sheffield Wednesday, bbc.com, 24 settembre 2014. URL consultato il 14 dicembre 2014.
  67. ^ (EN) Kieran Gill, Frank Lampard equals Thierry Henry's all-time Premier League total of 175 goals, dailymail.co.uk, 13 dicembre 2014. URL consultato il 14 dicembre 2014.
  68. ^ (EN) Richard Jolly, Frank Lampard proves why he is indispensable at Manchester City, thenational.ae, 1º gennaio 2015. URL consultato il 15 gennaio 2015.
  69. ^ (ES) 600 veces Lampard, mundodeportivo.com, 14 marzo 2015. URL consultato il 15 marzo 2015.
  70. ^ (EN) Chris Wheeler, Manchester City 2-0 Southampton: Frank Lampard bids farewell to Premier League in style with decisive strike for home side, dailymail.co.uk, 24 maggio 2015. URL consultato il 25 maggio 2015.
  71. ^ (EN) Frank Lampard finally signs MLS contract to play with NYCFC, espnfc.com, 11 gennaio 2015. URL consultato il 14 gennaio 2015.
  72. ^ (EN) New York City 2-3 Montreal Impact: Frank Lampard makes debut from substitutes' bench as his side fall to home league defeat, su dailymail.co.uk, 1º agosto 2015. URL consultato il 2 agosto 2016.
  73. ^ (EN) James Kilpatrick, Steven Gerrard, Frank Lampard, Didier Drogba... how did MLS' star players perform this season?, su skysports.com, 6 dicembre 2015. URL consultato il 2 agosto 2016.
  74. ^ (EN) Frank Lampard set to miss fifth straight match for NYCFC, su mlssoccer.com, 8 aprile 2016. URL consultato il 2 agosto 2016.
  75. ^ (EN) Frank Lampard booed by own fans as New York City FC lose 7-0, su telegraph.co.uk, 22 maggio 2016. URL consultato il 2 agosto 2016.
  76. ^ (EN) Frank Lampard's hat-trick for New York City turned him from zero to hero in the Big Apple, su dailymail.co.uk, 2 agosto 2016. URL consultato il 2 agosto 2016.
  77. ^ (EN) Mark Booth, #ThankYouFrank: Lampard Departs, su nycfc.com, 14 novembre 2016. URL consultato il 15 novembre 2016.
  78. ^ Frank Lampard annuncia il ritiro, su sportmediaset.mediaset.it, 2 febbraio 2017. URL consultato il 2 febbraio 2017.
  79. ^ (EN) Phil Casey, Football: Taylor to take no further action over Under-21s, in The Independent, 5 novembre 1997.
  80. ^ (EN) Football: Taylor names four new caps, in The Independent, 27 aprile 1999.
  81. ^ (EN) Taylor's new kids on the block, su news.bbc.co.uk, 9 novembre 2000.
  82. ^ (EN) Spectacular goals boost England, su news.bbc.co.uk, 10 ottobre 1999.
  83. ^ (EN) Kevin McCarra, Lampard brightens up England, in The Guardian, 21 agosto 2003.
  84. ^ (EN) Nick Townsend, Memo to Sven: Lampard a must starter at Euro 2004, in The Independent, 9 maggio 2004.
  85. ^ (EN) Kevin McCarra, England leaning to Lampard, in The Guardian, 1º giugno 2004.
  86. ^ (EN) Henry Winter, Surprise ploy as Eriksson puts Lampard in holding role, in The Telegraph, 1º giugno 2004.
  87. ^ (EN) Glenn Moore, Lampard can be the final piece in England's midfield jigsaw, in The Independent, 7 giugno 2004.
  88. ^ Emilio Marrese, Zizou vince la sfida dei galattici, in la Repubblica, 14 giugno 2004, p. 50.
  89. ^ Luca Curino, E Beckham rimase undici metri indietro, in La Gazzetta dello Sport, 14 giugno 2004.
  90. ^ Maurizio Crosetti, Rooney, un ciclone sull'Europa, in la Repubblica, 22 giugno 2004, p. 47.
  91. ^ Portogallo in semifinale battuta l'Inghilterra ai rigori, su repubblica.it, 24 giugno 2004.
  92. ^ Gaetano De Stefano, Olanda, missione compiuta, su gazzetta.it, 8 ottobre 2005.
  93. ^ (EN) Daniel Taylor, Why is Lampard playing so badly?, in The Guardian, 1º luglio 2006.
  94. ^ Ricardo porta il Portogallo in semifinale La corsa degli inglesi finisce ai rigori, su repubblica.it, 1º luglio 2006.
  95. ^ (EN) Jonathan Stevenson, England 2-3 Croatia, su news.bbc.co.uk, 21 novembre 2007.
  96. ^ Giancarlo Galavotti, Le promosse Super Capello cinque timbri sul passaporto, in La Gazzetta dello Sport, 10 settembre 2009.
  97. ^ "Senza il gol fantasma sarebbe stata un'altra gara", su repubblica.it, 27 giugno 2010.
  98. ^ Larrionda e l'errore "Oh, mio Dio", su repubblica.it, 27 giugno 2010.
  99. ^ Inghilterra, infortunio per Lampard. Europei a rischio, su sport.sky.it, 30 maggio 2012.
  100. ^ (EN) Frank Lampard ruled out of England's Euro 2012 squad, su bbc.com, 31 maggio 2012.
  101. ^ Vincono la Russia di Capello e l'Irlanda del Trap Germania, Olanda e Francia: notte senza problemi, in la Repubblica, 8 settembre 2012, p. 57.
  102. ^ Lampard: "Non so se lascerò la Nazionale", su raisport.rai.it, 24 giugno 2014.
  103. ^ Inghilterra, Lampard dice addio alla Nazionale: "Decisione difficile, fiducia nei giovani", su repubblica.it, 26 agosto 2014.
  104. ^ FRANK LAMPARD JOINS THE RAMS AS NEW MANAGER, su dcfc.co.uk.
  105. ^ (EN) Stephen Naysmith, Channel 4 to show alleged Premiership sex video, findarticles.com. URL consultato il 25 giugno 2010.
  106. ^ (EN) Alec Marsh, Chelsea four fined for drunken abuse, telegraph.co.uk, 23 settembre 2001. URL consultato il 25 giugno 2010.
  107. ^ (EN) Lampard joins Rooney on FIFA 10 global pack, gameguru.in, 25 agosto 2009. URL consultato il 25 giugno 2010.
  108. ^ Regular season+Play-off.
  109. ^ (EN) Frank Lampard set to decide Chelsea future after World Cup, su bbc.com, 23 maggio 2014. URL consultato il 20 giugno 2016.
  110. ^ Elenco dei premiati nella "Birthday Honours lists 2015"
  111. ^ (EN) Queen's birthday honours list 2015: OBE, theguardian.com, 12 giugno 2015. URL consultato il 14 giugno 2015.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Clive Batty, The Chelsea Miscellany, Vision Sports Publishing Ltd, 2005, ISBN 0-9546428-9-9.
  • (EN) Glanvill Glanvill, Chelsea FC: The Official Biography - The Definitive Story of the First 100 Years, Headline Book Publishing Ltd, 2006, ISBN 0-7553-1466-2.
  • (EN) Harry Harris, Chelsea's Century, Blake Publishing, 2005, ISBN 1-84454-110-X.
  • (EN) Frank Lampard, Totally Frank: The Autobiography of Frank Lampard, Harper, 2007, ISBN 0-00-721473-1.
  • (EN) Tony Matthews, Who's Who of Chelsea, Mainstream Publishing, 2005, ISBN 1-84596-010-6.
  • (EN) Brian Mears, Chelsea: A 100-year History, Chelsea: A 100-year History, 2004, ISBN 1-84018-823-5.
  • (EN) Leo Moynihan, Chelsea's Cult Heroes, Know the Score Books, 2005, ISBN 1-905449-00-3.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN44264287 · ISNI (EN0000 0000 5150 5931 · LCCN (ENnr2006031111