Coppa Intertoto UEFA 1999

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Coppa Intertoto 1999)
Jump to navigation Jump to search
Coppa Intertoto UEFA 1999
UEFA Intertoto Cup 1999
Competizione Coppa Intertoto UEFA
Sport Football pictogram.svg Calcio
Edizione
Organizzatore UEFA
Date dal 19 giugno 1999
al 24 agosto 1999
Partecipanti 60
Formula Eliminazione diretta
Sito web uefa.com Archiviato il 5 gennaio 2013 in Archive.is.
Risultati
Vincitore Juventus
(1º titolo)
Montpellier
(1º titolo)
West Ham
(1º titolo)
Statistiche
Incontri disputati 114
Gol segnati 297 (2,61 per incontro)
Juventus Football Club 1999-2000.jpg
La formazione della Juventus scesa in campo nella semifinale di ritorno contro il Rostsel'maš
Cronologia della competizione
Left arrow.svg 1998 2000 Right arrow.svg

La Coppa Intertoto UEFA 1999 fu la 5ª edizione dell'omonima competizione calcistica europea, organizzata dall'UEFA.

La manifestazione vide le vittorie finali di Montpellier, Juventus e West Ham, tutte al loro primo successo nel torneo: tali formazioni accedettero al tabellone della Coppa UEFA 1999-2000. Con questo trofeo, la Juventus divenne l'unica squadra europea a vincere tutte le sei competizioni per club dell'UEFA, confermando il primato precedentemente stabilito nel 1985,[1] mentre tra le finaliste l'Amburgo, dopo aver perso la sfida contro il Montpellier, divenne la prima squadra ad essere vicecampione in ognuna delle sei competizioni confederali, confermando il primato stabilito nel 1983.[2]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Primo turno[modifica | modifica wikitesto]

Squadra 1  Totale  Squadra 2  Andata   Ritorno 
Herfølge Danimarca 0 - 4 Slovacchia Žilina 0 - 2 0 - 2
Bacău Romania 0 - 2 Armenia Ararat Erevan 0 - 1 0 - 1
Ljakamatyŭ-96 Vicebsk Bielorussia 3 - 4 Croazia Varteks Varaždin 1 - 2 2 - 2
Union Luxembourg Lussemburgo 1 - 7 Ungheria Vasas 1 - 3 0 - 4
Hrvatski Dragovoljac Croazia 1 - 2 Irlanda del Nord Newry City 1 - 0 0 - 2
Maccabi Haifa Israele 2 - 2 (gfc) Azerbaigian Qarabağ 1 - 2 1 - 0
Cementarnica 55 Macedonia del Nord 8 - 2 Georgia K'olkheti-1913 Poti 4 - 2 4 - 0
Spartak Varna Bulgaria 1 - 8 Belgio Sint-Truiden 1 - 2 0 - 6
Polonia Varsavia Polonia 4 - 0 Moldavia Tiligul 4 - 0 0 - 0
Jedinstvo Bihać Bosnia ed Erzegovina 3 - 1 Fær Øer 3 - 0 0 - 1
ÍA Akraness Islanda 6 - 3 Albania Teuta 5 - 1 1 - 2
Vålerenga Norvegia 1 - 2 Lettonia Ventspils 1 - 0 0 - 2
Rudar Velenje Slovenia 2 - 2 (gfc) Svezia Halmstad 0 - 0 2 - 2
Jokerit Finlandia 7 - 1 Estonia Narva Trans 3 - 0 4 - 1
Aberystwyth Town Galles 3 - 4 Malta Floriana 2 - 2 1 - 2
Pobeda Macedonia del Nord 4 - 4 Slovacchia OD Trenčín 3 - 1 1 - 3 (4-3 dcr)
Korotan Prevalje Slovenia 0 - 6 Svizzera Basilea 0 - 0 0 - 6
Shelbourne Irlanda 0 - 2 Svizzera Neuchâtel Xamax 0 - 0 0 - 2
Ceahlăul Romania 2 - 0 Lituania Ekranas 1 - 0 1 - 0
Hradec Králové Rep. Ceca 1 - 1 Bielorussia Homel' 1 - 0 0 - 1 (1-3 dcr)

Secondo turno[modifica | modifica wikitesto]

Squadra 1  Totale  Squadra 2  Andata   Ritorno 
Cementarnica 55 Macedonia del Nord 2 - 3 Russia Rostsel'maš 1 - 1 1 - 2
Brann Norvegia 3 - 3 Croazia Varteks Varaždin 3 - 0 0 - 3 (4-5 dcr)
Qarabağ Azerbaigian 0 - 9 Francia Montpellier 0 - 3 0 - 6
Ararat Yerevan Armenia 1 - 5 Belgio Sint-Truiden 0 - 2 1 - 3
Neuchâtel Xamax Svizzera 0 - 3 Ungheria Vasas 0 - 2 0 - 1
Ventspils Lettonia 1 - 3 Turchia Kocaelispor 1 - 1 0 - 2
Perugia Italia 1 - 0 Macedonia del Nord Pobeda 1 - 0 0 - 0
Lokeren Belgio 6 - 2 Islanda ÍA Akraness 3 - 1 3 - 1
Žilina Slovacchia 2 - 4 Francia Metz 2 - 1 0 - 3
Copenaghen Danimarca 1 - 4 Polonia Polonia Varsavia 0 - 3 1 - 1
Duisburg Germania 2 - 1 Irlanda del Nord Newry City 2 - 0 0 - 1
Rudar Velenje Slovenia 2 - 4 Austria Austria Lustenau 1 - 2 1 - 2
Jokerit Finlandia 3 - 2 Malta Floriana 2 - 1 1 - 1
Ceahlăul Romania 5 - 2 Bosnia ed Erzegovina Jedinstvo Bihać 2 - 1 3 - 1
Basilea Svizzera 4 - 2 Rep. Ceca Boby Brno 0 - 0 4 - 2
Hammarby Svezia 6 - 2 Bielorussia Homel' 4 - 0 2 - 2

Terzo turno[modifica | modifica wikitesto]

Squadra 1  Totale  Squadra 2  Andata   Ritorno 
Trabzonspor Turchia 4 - 2 Italia Perugia 1 - 2 3 - 0 (dts)[3]
Heerenveen Paesi Bassi 4 - 0 Svezia Hammarby 2 - 0 2 - 0
West Ham Inghilterra 2 - 1 Finlandia Jokerit 1 - 0 1 - 1
Austria Lustenau Austria 2 - 2 (gfc) Francia Rennes 2 - 1 0 - 1
Sint-Truiden Belgio 2 - 3 Austria Austria Vienna 0 - 2 2 - 1
Varteks Varaždin Croazia 2 - 2 (gfc) Russia Rostsel'maš 1 - 2 1 - 0
Kocaelispor Turchia 0 - 3 Germania Duisburg 0 - 3 0 - 0
Lokeren Belgio 2 - 2 (gfc) Francia Metz 1 - 2 1 - 0
Polonia Varsavia Polonia 4 - 1 Ungheria Vasas 2 - 0 2 - 1
Espanyol Spagna 1 - 4 Francia Montpellier 0 - 2 1 - 2
Ceahlăul Romania 1 - 1 (gfc) Italia Juventus 1 - 1 0 - 0
Amburgo Germania 3 - 3 (gfc) Svizzera Basilea 0 - 1 3 - 2

Semifinali[modifica | modifica wikitesto]

Squadra 1  Totale  Squadra 2  Andata   Ritorno 
West Ham Inghilterra 2 - 0 Paesi Bassi Heerenveen 1 - 0 1 - 0
Rennes Francia 4 - 2 Austria Austria Vienna 2 - 0 2 - 2
Duisburg Germania 1 - 4 Francia Montpellier 1 - 1 0 - 3
Metz Francia 6 - 2 Polonia Polonia Varsavia 5 - 1 1 - 1
Rostsel'maš Russia 1 - 9 Italia Juventus 0 - 4 1 - 5
Trabzonspor Turchia 3 - 6 Germania Amburgo 0 - 1 3 - 5

Finali[modifica | modifica wikitesto]

Squadra 1  Totale  Squadra 2  Andata   Ritorno 
Montpellier Francia 2 - 2 Germania Amburgo 1 - 1 1 - 1 (3-0 dcr)
Juventus Italia 4 - 2 Francia Rennes 2 - 0 2 - 2
West Ham Inghilterra 3 - 2 Francia Metz 0 - 1 3 - 1

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Tale primato fu inizialmente stabilito dalla squadra italiana dopo il trionfo in Coppa Intercontinentale 1985 — quando la Coppa Intertoto non era ancora sotto l'egida dell'UEFA —, e in seguito eguagliato dagli olandesi dell'Ajax nel 1992, cfr. (EN) 1985: Juventus end European drought, in Union des Associations Européennes de Football, 8 dicembre 1985. URL consultato il 14 febbraio 2012 (archiviato dall'url originale l'8 dicembre 2013). e Paul Saffer, Paris sulle orme della Juventus, in Union des Associations Européennes de Football, 10 aprile 2016. URL consultato il 10 aprile 2016.
  2. ^ Tale primato fu inizialmente stabilito dalla squadra tedesca dopo la sconfitta in Coppa Intercontinentale 1983, cfr. (EN) Roberto Di Maggio, International Finalists, su rsssf.com, 2 dicembre 2020.
  3. ^ La partita è stata sospesa durante i supplementari sul punteggio di 1 - 3 per il lancio di un razzo al guardalinee. Lo 0 - 3 è stato assegnato a tavolino.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio