Profesionalen Futbolen Klub Spartak Varna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Profesionalen Futbolen Klub Spartak Varna
Calcio
Соколите/Соколи (Sokolite/Sokoli, "i Falchi"/"Falchi"), Гордостта на Варна (Gordostta na Varna, "L'orgoglio di Varna")
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali Blu, bianco
Simboli Falco
Dati societari
Città Varna
Nazione Bandiera della Bulgaria Bulgaria
Confederazione UEFA
Federazione BFS
Campionato Vtora liga
Fondazione 1918
Presidente Bandiera della Bulgaria Asen Milanov
Bandiera della Bulgaria Pavlin Nikolov
Allenatore Bandiera della Bulgaria Valentin Iliev
Stadio Stadio Spartak
(7 500 posti)
Sito web https://spartakvarna.bg/
Palmarès
Titoli nazionali 1 campionato bulgaro
Si invita a seguire il modello di voce

Il Profesionalen Futbolen Klub Spartak Varna (in bulgaro Професионален Футболен Клуб Спартак Варна), chiamato comunemente Spartak Varna, è una società calcistica con sede a Varna, in Bulgaria. Milita nella Vtora liga, la seconda serie del campionato bulgaro di calcio.

La squadra vanta la vittoria di un campionato bulgaro, conseguita nel 1931-1932 con il nome di Šipčenski Sokol. Il titolo arrivò dopo il secondo posto del 1930-1931 e fu seguito da un altro secondo posto nel 1932-1933.

Disputa le gare casalinghe allo Stadio Spartak di Varna.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il club fu fondato da un gruppo di giovani il 28 agosto del 1918, il nome iniziale scelto dai soci fondatori era Sport Club Sokol tuttavia per ragioni burocratiche furono costretti a cambiarlo in Bulgarski Sokol (Falco Bulgaro), vista la presenza di un circolo di caccia cittadino che già portava il nome Sokol. Nel gennaio del 1924 il sodalizio bianco-blu si accorpò con lo Sport Club Shipka diventando così il FC Shipchenski Sokol, agli inizi degli anni trenta il club attraverserà un periodo d'oro con due secondi posti (1931, 1933) e un campionato Bulgaro vinto (1932). Il 18 Ottobre del 1945 lo Shiphenski Sokol fu costretto, dal nuovo governo, ad inglobare a sé altre due squadre cittadine ovvero il Laveski e il Radetski; cambiando denominazione in FC Spartak Varna (per ragioni propagandistiche tra il 1949 e il 1956 il club cambierà nomenclatura in FC Spartak Stalin). Grazie all'assorbimento delle due società lo Spartak tornò a raggiungere ottimi piazzamenti e tra il 1945 e il 1948 arrivò per tre volte in semifinale di campionato, nel 1955 conquistò il terzo posto e nel 1961 arrivò in finale di Coppa di Bulgaria perdendo contro il CSKA Sofia. Nel 1969 un altro club si unì allo Spartak, il Lokomitiv, così il 6 marzo il club cambiò nome in JSK-Spartak. Con questo nuovo nome il JSK-Spartak raggiunse nuovamente la finale di Coppa di Bulgaria del 1983 trovando di nuovo il CSKA Sofia come avversaria, che esattamente come 22 anni prima si aggiudicherà la coppa nazionale. Nel 1985 la squadra tornò a chiamarsi FC Spartak Varna ma da allora conobbe un lento ed inesorabile declino che culminò nel 2010 con il fallimento della società. Nel 2015 il club è stato rifondato e nel 2019 è tornato a giocare in un campionato professionistico, nel 2022 successivamente ad un lungo percorso lo Spartak è nuovamente tornato a competere nella massima serie; ma dopo una sola stagione è nuovamente retrocesso.

Cronologia dei nomi[modifica | modifica wikitesto]

Bulgarski Sokol 1918-1923

FC Shipchenski Sokol 1924-1944

FC Spartak Varna 1945-1948, 1957-1968, 1985-ad oggi

FC Spartak Stalin 1949-1956

JSK-Spartak 1969-1984

Colori e simboli[modifica | modifica wikitesto]

I colori principali dello Spartak sono il bianco e il blu, talvolta si possono trovare anche degli inserti rossi visto che anche questo colore era presente nella prima divisa del club ai suoi albori

Il simbolo per eccellenza dello Spartak è il falco, ma sullo stemma è apparsa sporadicamente anche una stella (alcune volte di color rosso e altre volte di bianco)

Divise[modifica | modifica wikitesto]

Casa: per la maggior parte della sua storia lo Spartak ha giocato con - maglia blu, i pantaloncini bianchi e i calzettoni blu

Trasferta: mentre riguardo alla seconda divisa i colori sono invertiti - maglia bianca, pantaloncini blu e calzettoni bianchi

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

1931-1932[1]
1953, 1964-1965, 1970-1971, 1974-1975, 1981-1982, 1994-1995, 2005-2006, 2021-2022
2010-2011, 2018-2019, 2020-2021
2015-2016

Altri piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

Secondo posto: 1931, 1933
Terzo posto: 1929, 1945, 1946, 1948, 1955, 1983-1984
,
Finalista: 1961, 1982-1983

Organico[modifica | modifica wikitesto]

Rosa 2019-2020[modifica | modifica wikitesto]

Aggiornata al 1º febbraio 2020.

N. Ruolo Calciatore
1 Bandiera della Bulgaria P Georgi Stavrev
2 Bandiera della Bulgaria D Nikolay Tomov
3 Bandiera della Bulgaria D Ibryam Ibryam
5 Bandiera della Bulgaria D Georgi Dinkov
6 Bandiera della Bulgaria D Arhan Isuf
7 Bandiera della Bulgaria C Hristo Ivanov
9 Bandiera della Bulgaria A Ivaylo Rusev
10 Bandiera della Bulgaria A Yanaki Smirnov
11 Bandiera della Bulgaria D Ventsislav Gurkov
12 Bandiera della Bulgaria P Hristian Slavov
14 Bandiera della Bulgaria C Tomas Tsvyatkov
N. Ruolo Calciatore
15 Bandiera della Francia D Lionel Samba
16 Bandiera della Bulgaria D Aleksandar Yovchev
17 Bandiera della Bulgaria C Miroslav Georgiev
19 Bandiera della Bulgaria A Rangel Abušev
21 Bandiera della Bulgaria C Kristian Varbanov
24 Bandiera della Bulgaria D Blagovest Gachev
66 Bandiera della Bulgaria D Martin Achkov
28 Bandiera della Bulgaria P Tsvetomir Ivanov
73 Bandiera della Bulgaria D Stefan Ivanov
90 Bandiera della Bulgaria C Ivelin Angelov
Bandiera della Russia A Svyatoslav Vatel

Tifoseria[modifica | modifica wikitesto]

La rivalità più accesa è con i concittadini del PFK Cerno More, le altre rivalità minori sono con il Lokomtiv Plovdiv e il Neftochimic Burgas

lo Spartak Varna intrattiene rapporti d'amicizia con il PFK Botev Plovdiv in Bulgaria e con il Genoa CFC in Italia[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Vinto come Šipčenski Sokol.
  2. ^ DOPO LA TEMPESTA, LA RISALITA: INTERVISTA CON I TIFOSI DELLO SPARTAK VARNA, su sportpeople.net.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio