Futbol'nyj Klub Rostov

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
FK Rostov
Calcio Football pictogram.svg
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali 600px Giallo e Blu.svg Giallo, blu
Dati societari
Città Rostov sul Don
Nazione Russia Russia
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Russia.svg RFU
Campionato Prem'er-Liga
Fondazione 1930
Presidente Russia Viktor Gončarov
Allenatore Russia Valerij Karpin
Stadio Rostov Arena
(43.472 posti)
Sito web www.fc-rostov.ru
Palmarès
Coppa di Russia
Trofei nazionali 1 Coppe di Russia
Si invita a seguire il modello di voce
Il Rostov festeggia la conquista della Coppa di Russia 2013-2014

Il Futbol'nyj Klub «Rostov» Rostov-na-Donu (in russo: Футбольный Kлуб «Ростов» Ростов-нa-Дoну?) è una società calcistica russa con sede nella città di Rostov sul Don. Milita attualmente nella Prem'er-Liga, la massima serie del campionato russo di calcio, e disputa le partite interne nello Stadio Olimp-2 di Rostov (17.026 posti).

Il suo palmarès annovera una Coppa di Russia (2013-2014) ed un secondo posto ottenuto al termine della Prem'er-Liga 2015-2016, piazzamento che ha permesso al club di prendere parte alla fase a gironi di Champions League (passando dai turni preliminari).

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Periodo sovietico[modifica | modifica wikitesto]

Fondata il 10 maggio del 1930, col nome di Sel'mašstroj; in seguito rinominata prima Sel'maš e poi Traktor, fu dal 1953 che, col nome di Torpedo, partecipò per la prima volta al campionato sovietico, partendo dalla Klass B, cioè la seconda serie. Dal 1957 al 2003 prese il nome di Rostsel'maš. Rimase in seconda serie fino alla riforma dei campionati del 1962; la riconquistò due anni dopo nel 1964, vincendo prima il proprio girone e poi la lunga serie di play-off russi.

Rimase in seconda serie fino al 1969 quando, in coincidenza con la nuova riforma dei campionati, scomparve dalla scena. Ripartì nel 1975 dalla Vtoraja Liga (la nuova terza serie). Tra il 1981 e il 1984 collezionò quattro secondo posti consecutivi, non riuscendo ad accedere ai play-off promozione; nel 1985, infine, vinse il finalmente il proprio girone e, al primo tentativo, anche quello dei play-off, tornando dopo 17 anni in seconda serie, allora nota come Pervaja Liga. Vi rimase, senza ottenere risultati di rilievo, fino alla dissoluzione dell'Unione Sovietica.

Periodo russo[modifica | modifica wikitesto]

Il Rostov che ha battuto il Bayern Monaco in una partita della UEFA Champions League 2016-2017

Con la nascita del campionato russo fu subito collocato in Vysšaja Liga, la massima serie; nel 1993, alla seconda partecipazione, fu retrocesso in seconda serie. L'anno seguente, però, finì secondo, trovando l'immediato ritorno in Vysšaja Liga. Disputò sempre campionati di medio - bassa classifica, raggiungendo come massimo risultato il sesto posto del 1998, che gli consentì l'accesso alla Coppa Intertoto 1999; in quella competizione arrivò fino in semifinale dove affrontò la Juventus, venendo sconfitta con un 9-1 complessivo (4-0 in casa e 5-1 in trasferta), e così eliminata.

Il settimo posto del 1999, gli valse la seconda partecipazione consecutiva all'Intertoto: nell'edizione del 2000 vennero immediatamente eliminati dai francesi dell'Auxerre. Da segnalare la prestazione in Coppa di Russia 2002-2003 quando per la prima volta la squadra, che in quella stagione fu rinominata Rostov, raggiunse per la prima volta la finale, perdendo contro lo Spartak Mosca.

Scesa per la seconda volta in seconda serie nel 2007, ritrovò immediatamente la promozione, vincendo la Pervyj divizion 2008, con nove punti di vantaggio sulla seconda classificata Kuban e diciassette sulla terza (prima delle non promosse).

L'8 maggio 2014 vinse per la prima volta la Coppa di Russia, battendo in finale ai rigori il Krasnodar.

Nel 2014-2015 si classificò 14esima in massima divisione e dovette spareggiare con il Tosno per mantenere il posto nel campionato. Con due vittorie (1-0 e 4-1) la squadra di Rostov guadagnò la permanenza in prima serie.

Nella stagione 2015-2016 sovvertendo i pronostici si piazzò stabilmente ai vertici del campionato e soprattutto al primo posto per molte giornate. Al termine del campionato si classificò seconda, qualificandosi per i preliminari di Champions League, scavalcata solo nelle ultime giornate dal CSKA Mosca.

Superato nel terzo turno preliminare l'Anderlecht (2-2 in casa, 2-0 in Belgio), pareggiò per 1-1 contro l'Ajax ad Amsterdam e il 25 agosto 2016 ottenne la prima storica qualificazione alla Champions League grazie alla vittoria per 4-1 sugli olandesi. Il 23 novembre sconfisse il Bayern Monaco per 3-2 in casa, ottenendo la prima vittoria nella fase a gironi della competizione. Terminato al terzo posto il girone con Atlético Madrid, Bayern e PSV, fu ammesso ai sedicesimi di finale di Europa League, dove eliminò lo Sparta Praga prima di essere estromesso dal torneo dal Manchester Utd agli ottavi di finale.

Cronistoria[modifica | modifica wikitesto]

Cronistoria del Rostov
  • 1930: Fondazione del club con il nome di Sel'mašstroj.

  • 1936: Cambio di nome in Sel'maš.

  • 1941: Cambio di nome in Traktor.

  • 1953: Cambio di nome in Torpedo.
3º nel girone 1 di Klass B, 8º posto finale.
3º turno in Coppa dell'URSS.
Sedicesimi di finale in Coppa dell'URSS.
Quarti di finale della Zona 4 in Coppa dell'URSS.
Finale della Zona 1 in Coppa dell'URSS.

  • 1958: cambia denominazione in Rostsel'maš.
3º nel Girone 2 di Klass B.
Ottavi di finale nella zona 2 della Coppa dell'URSS.
Finale nella zona 3 di Coppa dell'URSS.
Finale nel Girone 4 russo di Coppa dell'URSS.
  • 1962: 3º nel Girone 3 russo di Klass B. Retrocesso in Klass B che diventa la terza serie del campionato.
Quarti di finale nel Girone 3 russo di Coppa dell'URSS.
Quarti di finale nel Girone 3 russo di Coppa dell'URSS.
  • 1964: 1º nel Girone 3 russo di Klass B, 2º nelle semifinali play-off di Ordzhonikidze, 1º nelle finali russe. Promosso in Vtoraja Gruppa A
Sedicesimi di finale in Coppa dell'URSS.
2º turno in Coppa dell'URSS 1965.
2º turno in Coppa dell'URSS 1965-1966.
1º turno in Coppa dell'URSS.
2º turno in Coppa dell'URSS.
3º turno in Coppa dell'URSS.

1º turno in Coppa dell'URSS.
2º turno in Coppa dell'URSS.
  • 1985: 1º nel Girone 3 di Vtoraja Liga, 1º nella Girone A dei play-off. Promosso in Pervaja Liga.
1º turno in Coppa dell'URSS.
3º turno in Coppa dell'URSS.
1º turno in Coppa dell'URSS.
1º turno in Coppa dell'URSS.
2º turno in Coppa dell'URSS.
1º turno in Coppa dell'URSS.
1º turno in Coppa dell'URSS.

Ottavi di finale in Coppa di Russia.
Ottavi di finale in Coppa di Russia.
Sedicesimi di finale in Coppa di Russia.
Sedicesimi di finale in Coppa di Russia.
Ottavi di finale in Coppa di Russia.
Sedicesimi di finale in Coppa di Russia.
Quarti di finale in Coppa di Russia.
Sedicesimi di finale in Coppa di Russia.
Semifinali in Intertoto.
Sedicesimi di finale in Coppa di Russia.
3º turno in Intertoto.
Sedicesimi di finale in Coppa di Russia.
Finale in Coppa di Russia.
  • 2003: il club cambia nome in Rostov.
11º in Prem'er-Liga.
Quarti di finale in Coppa di Russia.
Ottavi di finale in Coppa di Russia.
Sedicesimi di finale in Coppa di Russia.
Quarti di finale in Coppa di Russia.
Ottavi di finale in Coppa di Russia.
4º turno in Coppa di Russia.
Sedicesimi di finale in Coppa di Russia.
Semifinale in Coppa di Russia.
Semifinale in Coppa di Russia.
Semifinale in Coppa di Russia.
Vince la Coppa di Russia (1º titolo).
Sedicesimi di finale in Coppa di Russia.
Play-off di Europa League.
Sedicesimi di finale in Coppa di Russia.
Sedicesimi di finale in Coppa di Russia.
3º nel Girone D di Champions League.
Ottavi di finale di Europa League.
Ottavi di finale in Coppa di Russia.

Allenatori[modifica | modifica wikitesto]

Arrows-folder-categorize.svg Le singole voci sono elencate nella Categoria:Allenatori del F.K. Rostov

Giocatori[modifica | modifica wikitesto]

Arrows-folder-categorize.svg Le singole voci sono elencate nella Categoria:Calciatori del F.K. Rostov

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

2013-2014
2008
1964 (Girone 3 e Finale russa), 1985 (Girone 3 e Finale A)

Altri piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

Secondo posto: 2015-2016
Finalista: 2002-2003
Semifinalista: 2010-2011, 2011-2012, 2012-2013, 2018-2019
Finalista: 2014
Secondo posto: 1994
Semifinalista: 1999

Statistiche e record[modifica | modifica wikitesto]

Partecipazione ai campionati[modifica | modifica wikitesto]

Unione Sovietica[modifica | modifica wikitesto]

Livello Categoria Partecipazioni Debutto Ultima stagione Totale
Klass B 10 1953 1962 21
Vtoraja Gruppa A 5 1965 1969
Pervaja Liga 6 1986 1991
Klass B 2 1963 1964 13
Vtoraja Liga 11 1975 1985

Russia[modifica | modifica wikitesto]

Livello Categoria Partecipazioni Debutto Ultima stagione Totale
Vysšaja Liga 5 1992 1997 21
Vysšaja Divizion 4 1998 2001
Prem'er-Liga 12 2002 2014-2015
Pervaja liga 1 1994 2
Pervyj divizion 1 2008

Statistiche nelle competizioni UEFA[modifica | modifica wikitesto]

Tabella aggiornata alla fine della stagione 2018-2019.

Competizione Partecipazioni G V N P RF RS
UEFA Champions League 1 10 3 4 3 15 16
Coppa UEFA/UEFA Europa League 2 6 1 3 2 6 5
Coppa Intertoto 2 8 2 1 5 7 18

Organico[modifica | modifica wikitesto]

Rosa 2018-2019[modifica | modifica wikitesto]

N. Ruolo Giocatore
2 Bielorussia C Cimafej Kalačoŭ
3 Polonia D Maciej Wilusz
4 Russia D Sergej Paršivljuk
5 Svezia D Dennis Hadžikadunić
6 Islanda D Ragnar Sigurðsson
7 Russia C Artur Yusupov
9 Islanda A Björn Bergmann Sigurðarson
10 Russia C Aleksandr Zuev
11 Russia C Aleksej Ionov
14 Uzbekistan A Eldor Shomurodov
15 Islanda D Sverrir Ingi Ingason
17 Svezia C Anton Salétros
N. Ruolo Giocatore
20 Slovenia C Žan Majer
21 Slovenia D Matija Boben
23 Islanda A Viðar Örn Kjartansson
25 Russia D Arsenij Logašov
30 Russia P Sergej Pes'jakov
31 Russia P Il'ja Abaev
77 Russia C Dmitrij Skopincev
84 Moldavia C Alexandru Gațcan Captain sports.svg
92 Russia D Artëm Ščadin
Finlandia C Roman Erëmenko
Bulgaria C Ivelin Popov

Note[modifica | modifica wikitesto]


Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]