Boleyn Ground

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Upton Park" rimanda qui. Se stai cercando la società calcistica, vedi Upton Park Football Club.
Boleyn Ground
Upton Park
Boleyn Ground Upton Park 1.jpg
Informazioni generali
StatoRegno Unito Regno Unito
   Inghilterra Inghilterra
UbicazioneBoleyn Ground
Green Street, Upton Park
GB - E13 9AZ Londra
Tel: +44 208 548 2748
Fax: +44 208 548 2758
Inizio lavori1904
Inaugurazione1904
Chiusura2016
Demolizione2017
ProprietarioWest Ham Utd
ProgettoHenri Pillipe Tiite Parker
Informazioni tecniche
Posti a sedere36016
Mat. del terrenoErba
Dim. del terreno100,5 x 64 m[1]
Uso e beneficiari
CalcioWest Ham Utd (1904-2016)
Charlton (1991-1992)
Mappa di localizzazione
Coordinate: 51°31′55″N 0°02′22″E / 51.531944°N 0.039444°E51.531944; 0.039444

Il Boleyn Ground, noto anche come Upton Park,[1] è stato uno stadio calcistico inglese situato nella città di Londra, casa del West Ham Utd dal 1904 al 2016;[2] possedeva questo nome poiché sorgeva di fianco ad un edificio molto particolare, il Boleyn Castle.[3]

Lo stadio ha ospitato le partite casalinghe del West Ham United dal 1904 al 2016,[4] anno in cui gli Hammers si sono spostati all'Olympic Stadium.

Il record di biglietti venduti (42.322) risale al 1970, in occasione del derby tra West Ham e Tottenham.

Le Tribune[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1990 fino al 2017 Upton Park è stato uno stadio con tutti i posti a sedere, e le quattro tribune avevano ognuna un nome: la tribuna Sir Trevor Brooking, la tribuna Bobby Moore, la tribuna Est e la tribuna Ovest. Tutti questi settori furono distrutti nel 2017.

Tribuna Sir Trevor Brooking[modifica | modifica wikitesto]

Questa tribuna è stata costruita nel 1995, anno in cui si sono celebrati i 100 anni del club. Il nome è stato cambiato da Tribuna del Centenario in Tribuna Sir Trevor Brooking nel luglio 2009,[5] in onore dell'ex giocatore fin dalla primavera ed oggi socio del West Ham United. Questa tribuna aveva una capienza di circa 6000 posti.

Tribuna Est[modifica | modifica wikitesto]

Situata dalla parte opposta delle telecamere. Questa è stata la più vecchia e la più piccola delle quattro tribune, costruita nel 1969 e contenente 5000 posti a sedere. Nel 2001 era stato fatto un progetto per modificare la Tribuna Est, aumentando il numero di posti a sedere complessivi (da 35.647 a 40.500), ma il progetto fu abbandonato nel 2003 per la resistenza di alcuni gruppi di tifosi e per alcuni debiti del club.

Tribuna Bobby Moore[modifica | modifica wikitesto]

Formalmente la Tribuna Sud, ha contenuta 9000 spettatori tutti a sedere. Costruita nel 1993 per rispettare il nuovo regolamento che obbligava gli stadi inglesi di possedere unicamente posti a sedere. Questa tribuna è stata intitolata al mitico capitano Bobby Moore, che guidò la squadra dalla fine degli anni ‘50 alla metà degli anni ‘70, poco dopo la sua morte. Possedette due file di posti e la scritta "WEST HAM UNITED". La parte inferiore della tribuna è stata notata per l'atmosfera che si respira durante le partite.

BoleynGround.JPG
Ingrandisci
Veduta panoramica del Boleyn Ground visto dalla Tribuna Est

Tribuna Ovest[modifica | modifica wikitesto]

La Tribuna Ovest è stata la più nuova e la più grande. Costruita nel 2001, conteneva circa 15000 posti. Era la tribuna più grande di tutta Londra. Inizialmente era intitolata al capitano e al manager del tempo, Joe Cole e Glenn Roeder. In seguito, nel 2009, terminato il contratto di sponsorizzazione con la Dr. Martens[6], è stata rinominata Tribuna Ovest e dal 2011 prende il nome del nuovo sponsor Alpari.[7] È stata anche l’ultima ad essere distrutta.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Stadium information | West Ham United | Tickets | Stadium Information, su whufc.com. URL consultato il 4 maggio 2010 (archiviato dall'url originale il 5 maggio 2010).
  2. ^ Le foto della demolizione dell'Upton Park, su Il Post, 5 gennaio 2017. URL consultato il 19 settembre 2017.
  3. ^ Il Boleyn Ground che non ci sarà più: quando il business si scontra con la tradizione (e vince). URL consultato il 6 ottobre 2016.
  4. ^ Corriere dello Sport - Livescore Calcio - Il Tabellino, su corrieredellosport.it. URL consultato il 6 ottobre 2016.
  5. ^ Stand For Sir Trevor, su whufc.com. URL consultato il 4 maggio 2010 (archiviato dall'url originale il 24 luglio 2009).
  6. ^ Season tickets selling well Archiviato il 19 giugno 2009 in Internet Archive. – whufc.com
  7. ^ businesswire.com

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]