Neuchâtel

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Neuchâtel (disambigua).
Neuchâtel
città
Neuchâtel – Stemma
Neuchâtel – Veduta
Localizzazione
Stato Svizzera Svizzera
Cantone Wappen Neuenburg matt.svg Neuchâtel
Distretto Neuchâtel
Amministrazione
Lingue ufficiali Francese
Territorio
Coordinate 46°59′25″N 6°55′50″E / 46.990278°N 6.930556°E46.990278; 6.930556 (Neuchâtel)Coordinate: 46°59′25″N 6°55′50″E / 46.990278°N 6.930556°E46.990278; 6.930556 (Neuchâtel)
Altitudine 434 m s.l.m.
Superficie 18,05 km²
Abitanti 33 712 (2015)
Densità 1 867,7 ab./km²
Frazioni Chaumont, La Coudre, Monruz, Serrières
Comuni confinanti Boudry, Cressier, Cudrefin (VD), Delley-Portalban (FR), Enges, Hauterive, Milvignes, Peseux, Saint-Blase, Valangin, Val-de-Ruz, Vully-les-Lacs (VD)
Altre informazioni
Cod. postale 2000
Prefisso 032
Fuso orario UTC+1
Codice OFS 6458
Targa NE
Nome abitanti (DE) Neuenburgern
(FR) Neuchâtelois
(IT) Neocastellani[1]
Cartografia
Mappa di localizzazione: Svizzera
Neuchâtel
Neuchâtel
Neuchâtel – Mappa
Sito istituzionale

Neuchâtel (toponimo francese; in tedesco Neuenburg) è un comune svizzero di 33 712 abitanti del Canton Neuchâtel, nel distretto di Neuchâtel, sulla sponda settentrionale del lago di Neuchâtel; ha lo status di città ed è capitale del cantone e capoluogo del distretto. Nel 1930 ha inglobato il comune soppresso di La Coudre.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

  • Il castello di Neuchâtel ospita attualmente il Consiglio di Stato (governo del cantone)
  • La Torre delle prigioni, costruita nel XII secolo e modificata più volte, costituisce la porta[1] ovest della città prima dell'apertura della route de l'Évole[senza fonte].
  • Il Palazzo comunale (Hôtel de Ville, rue de l'Hôtel de Ville, 2), costruito nel 1790[1] ove vi era l'antico ospedale e la porta dell'ospedale[senza fonte].
  • Il fabbricato dei servizi industriali (faubourg de l'Hôpital, 2), costruito come ospedale nel 1783, cessò la sua funzione nel 1914 quando entrò in funzione l'ospedale dei Cadolles[1].
  • Il Collegio latino (place Numa-Droz, 3), eretto nel 1835 su di un antico banco di sabbia formatosi sul terreno alluvionale del Seyon; ospita fin dalla sua apertura la biblioteca pubblica (la prima biblioteca pubblica in Svizzera) e una parte del Liceo Piaget. Ha ospitato inoltre il Museo di Storia naturale dal 1840 al 1983[senza fonte].
  • Sono presenti numerosi edifici privati e dimore patrizie di notevole ricchezza[1], in particolare la Grande Rochette (rue de la Gare, 14), la Petite Rochette (rue de la Gare, 17), les hôtels du Peyrou (avenue Jean-Jacques Rousseau, 3), de Pourtalès (faubourg de l'Hôpital, 8) e l'ancien hôtel de Pury (Chemin du Petit Pontarlier, 4, sede del museo di etnografia)[senza fonte].

Fontane[modifica | modifica wikitesto]

  • La fontana della Giustizia (1547), eretta all'incrocio della Grand Rue e della rue de l'Hôpital
  • La fontana del Griffon (1664), in rue du Pommier
  • La fontana del Leone (1664), davanti al Temple-du-Bas
  • La fontana della rue du Château, al di sotto dell'esplanade de la Collégiale (1784)
  • La fontana del Banneret (1584), ai piedi dell'omonima via
  • La fontana della rue des Moulins (1584)
  • La fontana del Neuburg (1608)
  • La fontana dell'Hôpital (1790), tra l'Hôtel de Ville e il fabbricato comunale
  • Il pozzo delle Halles (puits des Halles), aperto nel 1681, chiuso nel 1875, divenne fontana. Essa verrà spostata a più riprese sulla place des Halles[senza fonte].

Società[modifica | modifica wikitesto]

Lingue e dialetti[modifica | modifica wikitesto]

Vi si parla per lo più il francese in quanto si trova nella parte della Confederazione detta Svizzera romanda.

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Musei[modifica | modifica wikitesto]

Il disegnatore, un dei tre automi della Jaquet-Droz
  • Il Museo di arte e storia & Automates Jaquet-Droz, situato in un edificio eretto per ospitare il Museo delle belle arti o Museo della pittura da Léo Chatelain nel 1885[1][3][4]; consta di più di venti sale di esposizione permanenti e temporanee e presenta collezioni di arte di Neuchâtel, svizzere e francesi, tra le quali gli automi della Jaquet-Droz, ovvero tre androidi datati XVIII secolo. Tre modelli storici della città di Neuchâtel dall'anno mille ai nostri giorni sono permanentemente esposti nelle Galeries de l'histoire, sede distaccata del Museo d'arte e di storia[senza fonte].
  • Il Museo di storia naturale, che si trova nell'antico Collège de jeunes filles, disegnato da Rychner e terminato nel 1853[5], presenta un'esposizione permanente di mammiferi e uccelli della Svizzera nel loro ambiente (diorama sonorizzato per gli uccelli)[senza fonte].
  • Il Museo di Etnografia di Neuchâtel, ospitato dal 1904 dall'antico Evole Pury, residenza dell'omonima famiglia[4], presenta esposizioni permanenti sull'Antico Egitto, sull'Himalaya (collezioni del Bhutan e del Tibet), il gabinetto di storia naturale del XVIII secolo del generale Charles-Daniel de Meuron e il gabinetto delle curiosità del XX secolo[senza fonte].
  • Il Centre Dürrenmatt Neuchâtel, inaugurato nel 2000 e sito nel fabbricato progettato da Mario Botta, comprende uno spazio espositivo riservato alla letteratura e alle arti visive. L'istituzione dipende dalla Biblioteca nazionale svizzera e dall'Ufficio federale della cultura: vi si organizzano conferenze, dibattiti e concerti di musica contemporanea.

Persone legate a Neuchâtel[modifica | modifica wikitesto]

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Nel comune è presente la stazione ferroviaria omonima; è servita dalla rete filoviaria di Neuchâtel e dalla rete tranviaria di Neuchâtel.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Nella città hanno sede varie società sportive: Football Club Cantonal Neuchâtel (calcio), Football Club Neuchâtel (calcio), Neuchâtel Université Club Volleyball (pallavolo), Neuchâtel Knights (football americano), Neuchâtel Xamax Football Club Serrières (calcio), Union Neuchâtel Basket (pallacanestro), Young Sprinters Hockey Club (hockey su ghiaccio), Katori Shinto Ryu (arte marziale / Bushido)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i j Michel Egloff, Jean-Pierre Jelmini, Neuchâtel, in Dizionario storico della Svizzera, 22 febbraio 2017. URL consultato il 26 giugno 2017.
  2. ^ (EN) Basilique Notre-Dame-de-l’Assomption, gcatholic.org. URL consultato il 26 giugno 2017.
  3. ^ (FR) Jürg Schetty, Neuchâtel ... il y a 100 ans, Auvernier, Édition d'autore, 1994.
  4. ^ a b (FR) Jean-Pierre Jelmini, Neuchâtel, l'esprit - la pierre - l'histoire, 1994.
  5. ^ (FR) Patrice Allanfranchini, Neuchâtel, 1642-1942, trois siècles d'iconographie, Chézard-Saint-Martin, Éditions de la Chatière, 2005, ISBN 2-940239-07-X.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN134787144 · ISNI: (EN0000 0001 2162 2632 · LCCN: (ENn50004037 · GND: (DE4075303-7
Svizzera Portale Svizzera: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Svizzera