Alex McLeish

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Alex McLeish
Alexmcleish2012.jpg
McLeish all'Aston Villa nel 2012
Dati biografici
Nome Alexander McLeish
Nazionalità Scozia Scozia
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Allenatore (ex difensore)
Squadra disoccupato
Carriera
Giovanili
1976-1978 Aberdeen Aberdeen
Squadre di club1
1978-1994 Aberdeen Aberdeen 493 (25)
1994-1995 Motherwell Motherwell 3 (0)
Nazionale
1980-1993 Scozia Scozia 77 (0)
Carriera da allenatore
1994-1995 Motherwell Motherwell Gioc.-All.
1994-1998 Motherwell Motherwell
1998-2001 Hibernian Hibernian
2001-2005 Rangers Rangers
2005-2006 Scozia Scozia
2008-2011 Birmingham City Birmingham City
2011-2012 Aston Villa Aston Villa
2012-2013 Nottingham Forest Nottingham F.
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 17 giugno 2011

Alexander McLeish, noto anche come Alex (Glasgow, 21 gennaio 1959), è un allenatore di calcio ed ex calciatore britannico, di ruolo difensore.

Attivo come calciatore negli anni ottanta e novanta, dopo il ritiro ha intrapreso la carriera da allenatore, guidando con successo anche i Rangers. Già commissario tecnico della Nazionale scozzese dal gennaio 2007, nel novembre dello stesso anno ha lasciato l'incarico per diventare il tecnico del Birmingham, dal quale si è dimesso il 13 giugno 2011. Il 17 giugno 2011 si accorda con l'Aston Villa ma viene esonerato il 14 maggio dell'anno successivo. Dal 2012 al 2013 ha guidato brevemente il Nottingham Forest.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nato a Glasgow da Alex e Jean.[1] Ha due fratelli minori, Angela e Ian. Dopo aver vissuto a Parkhead (distretto di Glasgow) e Kinning Park (sobborgo di Glasgow), la famiglia si trasferisce a Barrhead, cittadina a sud della capitale scozzese. Qui frequenta le scuole.[1]

Giocando nelle squadre di calcio delle scuole, durante una finale di coppa contro il Glasgow United, nel 1976, si fa notare dal direttore sportivo dell'Aberdeen Ally MacLeod: McLeish firma il contratto con l'Aberdeen il giorno seguente.[1]

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Calciatore[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Difensore, fu ingaggiato a 17 anni dall'Aberdeen, con il quale esordì in campionato due anni più tardi andando a formare una coppia centrale con il suo più anziano collega (e capitano) Willie Miller, la cui fascia ereditò dopo il suo ritiro dal calcio.

Nell'Aberdeen McLeish trascorse 16 stagioni e la sua militanza coincise con il periodo più prolifico nella storia del club: nella prima metà degli anni ottanta, infatti, l'Aberdeen, sotto la guida di Alex Ferguson, era il capofila di quei club scozzesi che in misero in discussione lo strapotere delle due compagini di Glasgow, il Celtic e i Rangers. Ai tre titoli nazionali (1979-80, 1983-84 e 1984-85), si aggiunsero cinque Coppe di Scozia e tre Coppe di Lega, ma soprattutto la Coppa delle Coppe 1982-83 vinta a Göteborg in finale contro il Real Madrid, e la Supercoppa d'Europa 1983 vinta contro l'Amburgo.

Nel 1990 viene nominato calciatore scozzese dell'anno.[2]

Nazionale[modifica | modifica sorgente]

In Nazionale McLeish esordì nel 1980 (26 marzo, Scozia - Portogallo 4-1) e prese parte alle fasi finali del campionato del mondo 1982 in Spagna, quello del 1986 in Messico e del 1990 in Italia. Tra i più selezionati giocatori di Scozia, ha vestito 77 volte la maglia della nazionale del suo Paese.

Allenatore[modifica | modifica sorgente]

L'attività da allenatore di McLeish coincise con la sua ultima stagione di calcio giocato: nel 1994, infatti, fu ingaggiato dal Motherwell come calciatore-allenatore.[2] Nella stagione successiva guidò la squadra al secondo posto della Scottish Premier League dietro ai Rangers di Walter Smith, ma non riuscì a ripetersi, e nel 1998 si trasferì all'Hibernian, in seconda divisione (la First Division).[2]

A Edimburgo McLeish riuscì a riportare il club in Premier League e a condurlo, nella stagione successiva, a un tranquillo centro-classifica e alla vittoria in Coppa di Scozia. Nella stagione 2000-01, pur perdendo la finale della Coppa raggiunta per il secondo anno consecutivo, chiuse al terzo posto in campionato, cosa che lo pose all'attenzione dei club più importanti: fu così che, nel dicembre del 2001, il tecnico uscente dei Rangers Dick Advocaat lo segnalò alla dirigenza del club di Glasgow che lo ingaggiò.[3]

Capitato nel mezzo di una crisi finanziaria indotta dalle spese di Advocaat, McLeish riuscì, ciononostante, a conseguire qualche successo di rilievo: nella stagione d'esordio portò nella bacheca del club la Coppa di Scozia e quella di Lega e, dopo un anno transitorio senza trofei, nel 2005 conseguì un altro double, campionato/Coppa di Lega.

A causa dei risultati altalenanti in campionato (nonostante una vittoria nel derby contro il Celtic e il passaggio della fase a gironi di Champions League dopo l'1-1 contro l'Inter) il 9 febbraio del 2006 il presidente David Murray, dopo aver dato fiducia a McLeish nel dicembre 2005[4], annuncia che verrà esonerato a fine stagione.[5]

Il suo posto fu preso da Paul Le Guen. Quando il francese si dimise dopo soli 6 mesi, nel gennaio 2007, i Rangers richiamarono sulla panchina Walter Smith, che nel frattempo era divenuto allenatore della Nazionale scozzese. Dopo un contenzioso con la federazione, Smith fu lasciato libero e il suo posto sulla panchina della Nazionale fu preso proprio da McLeish, che ricoprì questo incarico sino a novembre 2007. Dopo la qualificazione fallita al campionato d'Europa 2008 (in un girone che comprendeva Italia e Francia), rassegnò le dimissioni dall'incarico e firmò un contratto da allenatore con la squadra di Premier League del Birmingham[6], la cui retrocessione McLeish non riuscì ad evitare.

Dal novembre del 2007 al 13 giugno 2011 allenò il Birmingham City riuscendo a vincere la Carling Cup battendo l'Arsenal in finale.

Il 17 giugno 2011 venne ingaggiato dai rivali concittadini dell'Aston Villa.[7] Il 14 maggio 2012 venne esonerato.[8]

Il 27 dicembre 2012 diventa il nuovo allenatore del Nottingham Forest, ruolo che lascia di mutuo accordo con la squadra il 5 febbraio 2013.

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Giocatore[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Competizioni nazionali[modifica | modifica sorgente]
Aberdeen: 1979-1980, 1983-1984, 1984-1985
Aberdeen: 1981-1982, 1982-1983, 1983-1984, 1985-1986, 1989-1990
Aberdeen: 1985-1986, 1989-1990
Competizioni internazionali[modifica | modifica sorgente]
Aberdeen: 1982-1983
Aberdeen: 1983

Individuale[modifica | modifica sorgente]

1990

Allenatore[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Competizioni nazionali[modifica | modifica sorgente]
Rangers: 2001-2002, 2002-2003
Rangers: 2001-2002, 2002-2003, 2004-2005
Rangers: 2002-2003, 2004-2005
Birmingham City: 2010-2011

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c Alex McLeish, Alastair Macdonald, The Don Of An Era, John Donald Publishers, 1988. ISBN 0-85976-242-4.
  2. ^ a b c Alex McLeish Factfile, BBC Sport, 11 dicembre 2007. URL consultato il 16 ottobre 2007.
  3. ^ Rangers unveil McLeish, BBC Sport, 11 febbraio 2001. URL consultato il 16 ottobre 2007.
  4. ^ McLeish receives Murray's backing, BBC Sport, 8 febbraio 2005. URL consultato il 16 ottobre 2007.
  5. ^ McLeish to leave Rangers in May, BBC Sport, 9 febbraio 2006. URL consultato il 16 ottobre 2007.
  6. ^ McLeish leaves Scotland for Blues, BBC Sport, 27 novembre 2007. URL consultato il 27 novembre 2007 (archiviato il 29 novembre 2007).
  7. ^ Villa appoint McLeish, Sky Sports, 17 giugno 2011. URL consultato il 17 giugno 2011.
  8. ^ L'Aston Villa esonera McLeish, uefa.com. URL consultato il 14 maggio 2012.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]