Paul Hart

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Paul Hart
Paul Hart79dpi72.jpg
Hart al Leeds Utd nel 1979
Nome Paul Anthony Hart
Nazionalità Inghilterra Inghilterra
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex difensore)
Ritirato 1988 - giocatore
Carriera
Squadre di club1
1970-1973 Stockport County 87 (5)
1973-1978 Blackpool 143 (15)
1978-1983 Leeds Utd 191 (16)
1983-1985 Nottingham Forest 70 (1)
1985-1986 Sheffield Weds 52 (2)
1986-1987 Birmingham City 1 (0)
1987-1988 Notts County 23 (0)
Carriera da allenatore
1988-1991 Chesterfield
2001-2004 Nottingham Forest
2004-2005 Barnsley
2006 Rushden
2009 Portsmouth
2009-2010 QPR
2010 Crystal Palace D.T.
2011 Swindon Town
2015 Notts County D.T.
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Paul Anthony Hart (Golborne, 4 maggio 1953) è un allenatore di calcio ed ex calciatore inglese, di ruolo difensore.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Nel febbraio 2009 è stato nominato allenatore temporaneo del Portsmouth dopo il licenziamento di Tony Adams. Le buone prestazioni della squadra nel finale di stagione hanno convinto la dirigenza a confermarlo anche per il 2009-2010; il 24 novembre 2009, però, col Portsmouth ultimo in Premier League con 7 punti in 13 partite, Hart è stato licenziato[1] per essere rimpiazzato da Avram Grant.[2]

Il 17 dicembre 2009 è stato assunto come allenatore del Queens Park Rangers al posto dell'esonerato Jim Magilton.[3] Il 2 marzo 2010 passa al Crystal Palace al posto di Neil Warnock, assunto a sua volta dal Queens Park Rangers.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il Portsmouth cambia: licenziato Paul Hart, englishfootball.it, 24 novembre 2009. URL consultato il 17 dicembre 2009.
  2. ^ Avram Grant è il nuovo allenatore del Portsmouth, englishfootball.it, 26 novembre 2009. URL consultato il 17 dicembre 2009.
  3. ^ Inghilterra, nuovo tecnico per QPR, ansa.it, 17 dicembre 2009. URL consultato il 17 dicembre 2009.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]