Bandy

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Bandy
Bandy players.jpg
Un'azione di gioco
Federazione Federation of International Bandy
Componenti di una squadra 11
Contatto Sì (limitato)
Genere Maschile e femminile
Indoor/outdoor Outdoor
Campo di gioco Campo rettangolare di ghiaccio
Olimpico no (sport dimostrativo nel 1952)
Detentore titolo mondiale Russia Russia (maschile) Svezia Svezia (femminile)
Il campo di gioco
L'abbigliamento di un giocatore, in questo caso Aleksandr Tjukavin
Celebrazione dello scudetto svedese
Mappa dei paesi in cui si pratica il bandy (indicati col colore verde)

Il bandy è uno sport di squadra tradizionalmente giocato nell'Europa del nord: Russia, Svezia, Norvegia e in Finlandia, con alcune somiglianze con l'hockey su ghiaccio.

Viene giocato da due squadre di undici atleti su un terreno ghiacciato delle dimensioni di un campo di calcio. Scopo del gioco è segnare un punto, lanciando una piccola palla di materiale duro, per mezzo della speciale mazza, nella porta avversaria. A differenza dell'hockey su ghiaccio il portiere gioca senza mazza e blocca con le mani.

Fu sport dimostrativo ai VI Giochi olimpici invernali nel 1952 a Oslo.

Regole di gioco[modifica | modifica sorgente]

Il regolamento[modifica | modifica sorgente]

Il regolamento ufficiale è composto da diciotto regole, che vengono applicate in tutte le categorie del gioco anche se con alcune modifiche nei campionati giovanili, seniores e femminili. Il Regolamento Ufficiale è disponibile sul sito della Federazione Internazionale.

Squadre ed equipaggiamento[modifica | modifica sorgente]

Ogni squadra è composta da undici giocatori (escluse le 4 riserve in panchina), di cui uno è il portiere. Una squadra con meno di otto giocatori non può iniziare la partita. I portieri sono gli unici giocatori autorizzati a toccare la palla con le mani e con le braccia, ma solo all'interno della loro area di rigore. I giocatori sono tenuti ad indossare un casco e una protezione per la bocca (per l'intera faccia nel caso del portiere) e ad usare un paio di pattini. Le squadre devono far sì che la loro divisa sia diversa da quella degli avversari e degli ufficiali di gara. Inoltre i pattini e i bastoni (o mazze) devono essere di un colore differente da quello della palla. Oltre alle protezione per la faccia e la bocca, possono essere usate protezioni per le ginocchia e la gola.

Ogni squadra dispone di un numero illimitato di sostituzioni, che saranno "volanti" ossia senza che il gioco si fermi. Una riserva che entri nel terreno di gioco prima che ne sia uscito il giocatore sostituito viene punita con un'espulsione temporanea di 5 minuti.

Ufficiali di gara[modifica | modifica sorgente]

Le gare di bandy sono dirette da un arbitro, le cui decisioni sono inappellabili. L'arbitro può essere assistito da uno o due assistenti.

Durata della gara[modifica | modifica sorgente]

Una partita si compone di due tempi di gioco da 45 minuti ciascuno; il cronometro di gara non viene mai arrestato. Vi è un intervallo fra un tempo e l'altro di 15 minuti. L'arbitro è il cronometrista ufficiale della partita, e può recuperare il tempo perduto per sostituzioni, infortuni di giocatori e altre interruzioni che richiedono attenzione. Questo tempo aggiunto viene comunemente denominato "tempo di recupero" o semplicemente "recupero". In caso di parità, si procederà con due tempi supplementari di 15 minuti ciascuno, in caso di parità dopo questi si giocheranno altri due tempi supplementari, in caso di parità si andrà al golden goal, ovvero la prima squadra che segna si aggiudica la vittoria.

Campionati del Mondo[modifica | modifica sorgente]

Campionati del Mondo Maschili[modifica | modifica sorgente]

  • Finlandia 1957: URSS
  • Norvegia 1961: URSS
  • Svezia 1963: URSS
  • URSS 1965: URSS
  • Finlandia 1967: URSS
  • Svezia 1969: URSS
  • Svezia 1971: URSS
  • URSS 1973: URSS
  • Finlandia 1975: URSS
  • Norvegia 1977: URSS
  • Svezia 1979: URSS
  • URSS 1981: Svezia
  • Finlandia 1983: Svezia
  • Norvegia 1985: URSS
  • Svezia 1987: Svezia
  • URSS 1989: URSS
  • Finlandia 1991: URSS
  • Norvegia 1993: Svezia
  • USA 1995: Svezia
  • Svezia 1997: Svezia
  • Russia 1999: Russia
  • Finlandia/Svezia 2001: Russia
  • Russia 2003: Svezia
  • Svezia 2004: Finlandia
  • Russia 2005: Svezia
  • Svezia 2006: Russia
  • Russia 2007: Russia
  • Russia 2008: Russia
  • Svezia 2009: Svezia
  • Russia 2010: Svezia
  • Russia 2011: Russia
  • Kazakistan 2012: Svezia
  • Svezia e Norvegia 2013: Russia

URSS: 14 titoli. Svezia: 11 titoli. Russia: 7 titoli. Finlandia: 1 titolo.

Campionati del Mondo femminili[modifica | modifica sorgente]

  • Finlandia 2004: Svezia
  • USA 2006: Svezia
  • Ungheria 2007: Svezia
  • Svezia 2008: Svezia
  • Norvegia 2010: Svezia
  • Russia 2012: Svezia

Svezia: 6 titoli

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

sport invernali Portale Sport invernali: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di sport invernali