Erik ten Hag

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Erik ten Hag
Erik ten Hag 2017.jpg
ten Hag nel 2017
Nazionalità Paesi Bassi Paesi Bassi
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex difensore)
Squadra Ajax
Ritirato 2002 - giocatore
Carriera
Giovanili
SV Bon Boys
Twente
Squadre di club1
1989-1990Twente14 (0)
1990-1992De Graafschap54 (6)
1992-1994Twente45 (2)
1994-1995RKC Waalwijk31 (2)
1995-1996Utrecht30 (2)
1996-2002Twente162 (3)
Carriera da allenatore
2006-2009TwenteVice
2009-2012PSVVice
2012-2013Go Ahead Eagles
2013-2015Bayern Monaco II
2015-2017Utrecht
2017-Ajax
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 28 dicembre 2017

Erik ten Hag (Haaksbergen, 2 febbraio 1970) è un allenatore di calcio ed ex calciatore olandese, di ruolo difensore, tecnico dell'Ajax.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Centrale difensivo o mediano, ha speso tutta la carriera nei Paesi Bassi. Con il Twente ha vinto la Coppa d'Olanda 2001. Arrivato alla soglia delle 300 presenze in Eredivisie, ha terminato l'attività agonistica a 32 anni.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver fatto il vice di Steve McClaren al Twente e il vice di Fred Rutten al Twente e al PSV, nella stagione 2012-2013 è richiesto dall'azionista del club Marc Overmars per allenare la prima squadra del Go Ahead Eagles,[1] nella seconda divisione olandese. La formazione termina il campionato in sesta posizione e accede ai play-off per la promozione in Eredivisie: ten Hag sconfigge Dordrecht, VVV-Venlo e Volendam e ottiene la promozione. A fine stagione è chiamato alla guida del Bayern Monaco II, in quarta serie. Al primo anno vince il girone bavarese e accede al play-off per la promozione al terzo livello contro il Fortuna Colonia: dopo aver perso 1-0 all'andata, le riserve del Bayern passano 2-0 in casa e al 94' arriva la rete del 2-1 che qualifica gli avversari per la regola dei gol in trasferta. Nella stagione 2014-2015 ten Hag è secondo nel girone bavarese dietro al Kickers Würzburg e non accede al play-off.

Accetta l'incarico dell'Utrecht, riportando la squadra nelle zone alte della classifica.[2] Alla prima stagione, elimina il PSV ai quarti e raggiunge la finale di Coppa d'Olanda contro il Feyenoord, perdendo l'incontro 2-1. Nella stagione 2016-2017 partecipa alla sua prima competizione UEFA per club disputando l'UEFA Europa League, torneo nel quale l'Utrecht non riesce a passare i turni preliminari, escluso dallo Zenit S. Pietroburgo 2-0 dopo aver vinto l'andata di misura.[3]

A fine dicembre si dimette per trasferirsi sulla panchina dell'Ajax, arrivando secondo in campionato. Partecipa alla UEFA Champions League 2018-2019, superando facilmente i turni preliminari[4][5][6] ed entrando nella fase a gironi della competizione. Il tecnico dei Lancieri finisce nel girone con AEK Atene, Benfica e Bayern Monaco, fermando i tedeschi due volte sul pari (1-1 e 3-3)[7][8] e accedendo agli ottavi di finale con la seconda posizione. L'Ajax affronta i campioni in carica del Real Madrid e cede 2-1 in casa,[9] per poi vincere a sorpresa 4-1 al ritorno a Madrid:[10] il successo dell'Ajax ottiene grande risonanza mediatica internazionale per la portata del risultato,[11][12][13][14] la più grande débâcle interna nella storia europea del Real Madrid.[12] Riesce in un’altra impresa il 16 aprile, ribaltando i pronostici[15] ed eliminando la Juventus con la vittoria a Torino per 1-2 dopo l'1-1 interno.[16] Con questo risultato, ten Hag porta l'Ajax alle semifinali di Champions League a distanza di 22 anni dall'ultima volta.[17]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche da allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 16 aprile 2019. In grassetto le competizioni vinte.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale % Vittorie Piazzamento
Comp G V N P Comp G V N P Comp G V N P Comp G V N P G V N P %
2012-2013 Paesi Bassi Go Ahead Eagles ED 30+6[18] 13+4[18] 9+1[18] 8+1[18] CO 3 1 1 1 - - - - - - - - - - 39 18 11 10 46,15 (promozione)
2013-2014 Germania Bayern Monaco II RLB 36+2[18] 25+1[18] 4+0[18] 7+1[18] - - - - - - - - - - - - - - - 38 26 4 8 68,42
2014-2015 RLB 34 22 6 6 - - - - - - - - - - - - - - - 30 22 6 6 73,33
Totale Bayern Monaco II 72 48 10 14 - - - - - - - - - - - - 72 48 10 14 66,67
2015-2016 Paesi Bassi Utrecht E 34+4[19] 15+1[19] 8+2[19] 11+1[19] CO 6 5 0 1 - - - - - - - - - - 44 21 10 13 47,73
2016-2017 E 34+4[19] 18+3[19] 8+0[19] 8+1[19] CO 4 3 1 0 - - - - - - - - - - 42 24 9 9 57,14
lug.-dic. 2017 E 17 8 4 5 CO 2 1 0 1 UEL 6[20] 2 3 1 - - - - - 25 11 7 7 44,00
Totale Utrecht 93 45 21 27 12 9 1 2 6 2 3 1 - - - - 111 56 26 29 50,45
dic. 2017-2018 Paesi Bassi Ajax E 16 12 2 2 - - - - - - - - - - - - - - - 16 12 2 2 75,00
2018-2019 E 30 24 2 4 CO 5 4 1 0 UCL 16[21] 9 6 1 - - - - - 51 37 9 5 72,55 in corso
Totale Ajax 46 36 4 6 5 4 1 0 16 9 6 1 - - - - 67 49 11 7 73,13
Totale carriera 247 146 46 55 20 14 3 3 22 11 9 2 - - - - 289 171 58 60 59,17

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Twente: 2000-2001

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Bayern Monaco II: 2013-2014 (Girone Baviera)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (NL) Overmars commissaris bij Go Ahead Eagles [Overmars Commissioner at Go Ahead Eagles], in Voetbal International (Amsterdam), 11 aprile 2005. URL consultato il 7 marzo 2014.
  2. ^ (DE) Bayern München II, su kicker.de, kicker. URL consultato l'11 giugno 2015.
  3. ^ Europa League playoff: Mancini ok col brivido. Ajax e Fenerbahçe fuori, gazzetta.it.
  4. ^ Champions, l'Ajax vola con Ziyech. Celtic, Edouard scatenato, gazzetta.it.
  5. ^ Champions League, terzo turno preliminare: fuori lo Spartak di Carrera, ok Ajax e Benfica, gazzetta.it.
  6. ^ Champions League: tris Ajax, colpo Aek. Pari in Young Boys-D. Zagabria, gazzetta.it.
  7. ^ Champions League: United e Bayern bloccati sul pari, colpaccio Benfica, gazzetta.it.
  8. ^ Champions League: Sané stellare, City primo. Ajax e Bayern danno spettacolo: il pari premia i bavaresi, gazzetta.it.
  9. ^ Ajax-Real Madrid 1-2: VAR e gol di Benzema e Asensio per Solari, gazzetta.it.
  10. ^ Champions League, Real Madrid-Ajax 1-4: impresa degli olandesi, spagnoli fuori, gazzetta.it.
  11. ^ Real Madrid-Ajax 1-4, gol e highlights. Show olandese al Bernabeu, sport.sky.it.
  12. ^ a b (EN) Real Madrid 1-4 Ajax: Champions League at a glance, uefa.com.
  13. ^ (ES) El Ajax golea al Madrid y lo deja fuera de la Champions League, elpais.com.
  14. ^ (FR) Cristiano Ronaldo parti, générations, cadres... Comment le Real Madrid, étrillé par l'Ajax (1-4), en est arrivé là, francefootball.fr.
  15. ^ Champions, Juve: la lezione Ajax e quella di Agnelli, gazzetta.it.
  16. ^ Juve-Ajax 1-2: gol di CR7, ma Van de Beek e De Ligt ribaltano. Juve eliminata, gazzetta.it.
  17. ^ (EN) Juventus 1-2 Ajax, uefa.com.
  18. ^ a b c d e f g h Play-off promozione.
  19. ^ a b c d e f g h Play-off per l'accesso in UEFA Europa League.
  20. ^ 4 partite nei turni preliminari e 2 partite nello spareggio.
  21. ^ 4 partite nei turni di qualificazione e 2 partite nello spareggio.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • (DEENIT) Erik ten Hag (calciatore), su transfermarkt.it, Transfermarkt GmbH & Co. KG. Modifica su Wikidata
  • (DEENIT) Erik ten Hag (allenatore), su transfermarkt.it, Transfermarkt GmbH & Co. KG. Modifica su Wikidata