Charlton Athletic Football Club

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Charlton Athletic F.C.
Calcio Football pictogram.svg
Charlton Athletic crest second.png
The Addicks
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali 600px concentric Black White Red HEX-FF0000.svg Rosso, bianco
Dati societari
Città Charlton, Londra
Nazione Regno Unito Regno Unito
Confederazione UEFA
Federazione Flag of England.svg FA
Campionato Football League One
Fondazione 1905
Proprietario Danimarca Thomas Sandgaard
Allenatore Inghilterra Nigel Adkins
Stadio The Valley
(27 111 posti)
Sito web www.cafc.co.uk
Palmarès
FA Cup
Coppe d'Inghilterra 1
Si invita a seguire il modello di voce

Il Charlton Athletic Football Club, noto semplicemente come Charlton, è una società calcistica inglese con sede nell'omonimo quartiere di Londra, nel borgo di Greenwich. Milita in Football League One, la terza divisione del campionato inglese di calcio.

Disputa le partite casalinghe nello stadio The Valley.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Fondato nel 1905, il Charlton spese diversi anni nelle serie minori del calcio inglese, prima di raggiungere lo status di club professionale nel 1920.

Fra il 1934 ed il 1936 la squadra, guidata in panchina da Jimmy Seed, storico manager del club, ottenne due promozioni consecutive, ottenendo l'accesso alla massima divisione del calcio inglese per la prima volta. Nella stagione d'esordio 1936-1937, gli Addicks ottennero un sorprendente secondo posto finale, finendo solamente a tre punti di distanza dal Manchester City vincitore del titolo[1]. Negli anni successivi la squadra continuò a stupire, ottenendo un terzo ed un quarto posto.

L'interruzione bellica non impedì al periodo d'oro del club di proseguire: nel 1944 il Charlton vinse la Football League War Cup, manifestazione organizzata dalla FA per rimpiazzare la Coppa d'Inghilterra, temporaneamente sospesa. Alla sua ripresa, la squadra riuscì prima ad arrivare per la prima volta a disputare la finale (venendo sconfitta per 4-1 dal Derby County) nel 1946 e poi, l'anno successivo, ad imporsi per la prima volta nella competizione calcistica più antica del mondo, sconfiggendo il Burnley ed ottenendo così il primo alloro nazionale[2].

Dopo il successo in Coppa il Charlton si stabilizzò nella massima divisione per un decennio, senza più raggiungere le vette toccate nel periodo immediatamente precedente e successivo al conflitto mondiale. L'esonero di Seed nel 1956 aprì un periodo di crisi per la squadra, che l'anno dopo fu retrocessa in Second Division dopo 21 anni. Nelle stagioni in seconda divisione tra i principali protagonisti vi sono Johnny Summers, autore di 100 reti in 171 presenze tra il 1956 ed il 1961, scomparso prematuramente all'età di 35 anni per un tumore un anno dopo il ritiro, e Willie Duff, portiere scozzese autore di 213 presenze tra il 1956 ed il 1963.

Nel 1972 il club finì addirittura in Third Division, e continuò un periodo poco felice in termini di risultati, oscillando fra la seconda e la terza serie per tutti gli anni '70. Nel 1981 una nuova promozione in Second Division aprì un rinnpvato periodo di stabilità per la squadra, che l'anno successivo riuscì perfino a permettersi l'ingaggio di un ex Pallone d'Oro come Allan Simonsen[3].

Le spese fuori controllo portarono tuttavia il club ad un passo dal fallimento. Nel 1985 il Charlton, per via della situazione economica precaria in cui si trovava all'epoca, fu costretto a lasciare lo stadio The Valley e ad andare a giocare le partite casalinghe al Selhurst Park, casa del Crystal Palace. La promozione in First Division (l'attuale Premier League) del 1986 evitò il crack del club, ma il The Valley rimase comunque abbandonato.

Nel 1990 la squadra venne retrocessa in Second Division (l'attuale Football League Championship); in quello stesso anno i tifosi del Charlton formarono un loro movimento politico, che, con 15.000 voti a favore, poté fare pressioni al consiglio del London Borough of Greenwich per dare il via ai lavori di ristrutturazione necessari per ripristinare il The Valley[4].

L'anno seguente il Charlton lasciò il Selhurst Park per trasferirsi, provvisoriamente, al Boleyn Ground, stadio del West Ham.

Nel 1992 la squadra ritornò nel nuovo The Valley e nel 1998, sotto la guida del tecnico Alan Curbishley, ottenne la promozione in Premier League. Nella stagione successiva venne nuovamente retrocesso in Second Division, ma ritornò in prima divisione nel 2000, dove rimase stabilmente fino alla stagione 2006-2007.

Nel settembre del 2005 il Charlton si ritrovò senza sponsor ufficiale: la società all:sports, il cui marchio campeggiava sulle divise della squadra, entrò infatti in amministrazione controllata e disdisse la collaborazione con il club londinese; per questo motivo i dirigenti degli Addicks si accordarono con la società spagnola Llanera. Fu la prima volta che una squadra di massima divisione fu costretta a sostituire il suo sponsor ufficiale durante la stagione.

Il 7 maggio 2007, in seguito alla sconfitta per 0-2 contro il Tottenham al The Valley, il Charlton retrocesse in Championship. Al termine della stagione 2008-2009 la squadra cadde in League One.

Nella stagione 2011-2012 il Charlton vinse il campionato di League One, facendo così ritorno in Championship dopo quattro anni di assenza. La squadra chiuse l'annata con il punteggio record di 101 punti conquistati in 46 partite.

Il 3 gennaio 2014 il club è stato acquistato dall'imprenditore belga Roland Duchâtelet, già proprietario dello Standard Liegi. Nella stagione 2015-2016 i londinesi si sono classificati al 22º posto con 40 punti e sono quindi retrocessi in League One.

Dopo un'annata a metà classifica nel 2017, nella stagione 2017-18 gli Addicks riescono a classificarsi al sesto posto, ultimo piazzamento utile per accedere ai play off promozione. Vengono però eliminati in semifinale, uscendo sconfitti contro lo Shrewsbury Town. La promozione in Championship, comunque, arriva nella stagione 2018-2019: piazzatosi terzo in campionato, gli Addicks vincono i play-off eliminando prima il Doncaster e poi, in finale, il Sunderland[5].

La permanenza in Championship dura una sola stagione, in quanto gli Addicks, concludendo al 22º posto in campionato, retrocedono immediatamente in League One.

Cronistoria[modifica | modifica wikitesto]

Cronistoria del Charlton Athletic Football Club
  • - Il Charlton Athletic nasce il 9 giugno 1905.
  • - Dal 1905 al 1920 gioca tornei giovanili nei dintorni di Londra
  • - Nel 1920 approda al professionismo giocando la Southern League prima e accedendo alla Football League l’anno dopo.








Rosa 2020-2021[modifica | modifica wikitesto]

Aggiornata al 22 gennaio 2021.

N. Ruolo Giocatore
1 Inghilterra P Dillon Phillips
2 Galles D Chris Gunter
3 Inghilterra D Ben Purrington
4 Inghilterra D Adedeji Oshilaja
5 Galles D Tom Lockyer
6 Inghilterra D Jason Pearce
7 Galles C Jonathan Williams
8 Inghilterra C Jake Forster-Caskey
9 Montserrat A Lyle Taylor
10 Inghilterra A Chuks Aneke
12 Scozia C Andrew Shinnie
13 Inghilterra P Ben Amos
14 Irlanda C Aiden McGeady
15 Inghilterra C Darren Pratley
16 Galles D Adam Matthews
17 Zimbabwe A Macauley Bonne
19 Inghilterra C Albie Morgan
20 Inghilterra D Chris Solly
N. Ruolo Giocatore
21 Galles C Matt Smith
23 Francia D Naby Sarr
24 Irlanda C Josh Cullen
26 Israele A Tomer Hemed
27 Inghilterra C David Davis
28 Inghilterra C Sam Field
29 Inghilterra C Erhun Oztumer
30 Australia P Ashley Maynard-Brewer
32 Inghilterra C George Lapslie
35 Inghilterra A Wilberforce Ocran
38 Guinea-Bissau C Junior Quitirna
40 Inghilterra D Brendan Sarpong-Wiredu
42 Inghilterra C Abraham Odoh
43 Inghilterra D Toby Stevenson
44 Inghilterra A Josh Davison
45 Inghilterra C Alfie Doughty
46 Inghilterra D James Vennings
48 Inghilterra C Aaron Henry
Inghilterra A Jayden Stockley

Staff tecnico[modifica | modifica wikitesto]

Ruolo Name
Allenatore Inghilterra Lee Bowyer[6]

Giocatori[modifica | modifica wikitesto]

Arrows-folder-categorize.svg Le singole voci sono elencate nella Categoria:Calciatori del Charlton Athletic F.C.

Player of the Year[modifica | modifica wikitesto]

Allenatori[modifica | modifica wikitesto]

Alan Curbishley, allenatore del Charlton dal 1991 al 2006.
Nome Date Successi
Inghilterra Walter Rayner giugno 1920 – maggio 1925
Scozia Alex MacFarlane maggio 1925 – gennaio 1928
Inghilterra Albert Lindon gennaio 1928 – giugno 1928
Scozia Alex MacFarlane giugno 1928 – dicembre 1932 Division Three Champions (1929)
Inghilterra Albert Lindon dicembre 1932 – maggio 1933
Inghilterra Jimmy Seed maggio 1933 – settembre 1956 Division Three Champions (1935);
Division Two Runners-up (1936);
Football League Runners-up (1937);
Football League War Cup Co-Winners (1944);
FA Cup Runners-up 1946;
FA Cup Winners 1947
Inghilterra David Clark (provvisorio) settembre 1956
Inghilterra Jimmy Trotter settembre 1956 – ottobre 1961
Inghilterra David Clark (provvisorio) ottobre 1961 – novembre 1961
Scozia Frank Hill novembre 1961 – agosto 1965
Inghilterra Bob Stokoe agosto 1965 – settembre 1967
Italia Eddie Firmani settembre 1967 – marzo 1970
Irlanda Theo Foley marzo 1970 – aprile 1974
Inghilterra Les Gore (provvisorio) aprile 1974 – maggio 1974
Inghilterra Andy Nelson maggio 1974 – marzo 1980 Division Three 3rd place (Promoted – 1975)
Inghilterra Mike Bailey marzo 1980 – giugno 1981 Division Three 3rd place (Promoted – 1981)
Inghilterra Alan Mullery giugno 1981 – giugno 1982
Inghilterra Ken Craggs giugno 1982 – novembre 1982
Inghilterra Lennie Lawrence novembre 1982 – luglio 1991 Division Two Runners-up (1986);
Full Members Cup Runners-up (1987)
Inghilterra Alan Curbishley &
InghilterraSteve Gritt
luglio 1991 – giugno 1995
Inghilterra Alan Curbishley giugno 1995 – maggio 2006 Division One Play-off Winners (1998);
Football League Champions (2000)
Irlanda del Nord Iain Dowie maggio 2006 – novembre 2006
Inghilterra Les Reed novembre 2006 – dicembre 2006
Inghilterra Alan Pardew dicembre 2006 – novembre 2008
Inghilterra Phil Parkinson novembre 2008 – gennaio 2011
Inghilterra Keith Peacock (provvisorio) gennaio 2011
Inghilterra Chris Powell gennaio 2011 – marzo 2014 League One Champions (2012)
Peoples Cup 2011
Kent Senior Cup 2013
Belgio José Riga marzo 2014 – maggio 2014
Belgio Bob Peeters maggio 2014 – gennaio 2015
Israele Guy Luzon gennaio 2015 – ottobre 2015
Belgio Karel Fraye ottobre 2015 – gennaio 2016
Belgio José Riga gennaio 2016 – maggio 2016
Inghilterra Russell Slade giugno 2016 – novembre 2016
Inghilterra Kevin Nugent novembre 2016
Inghilterra Karl Robinson novembre 2016 – marzo 2018
Inghilterra Lee Bowyer marzo 2018 – in carica Football League One Play-off (2019)

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

1946-1947
1999-2000
2011-2012
1985-1986
1934-1935
1943-1944

Altri piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

Secondo posto: 1936-1937
Terzo posto: 1938-1939
Finalista: 1945-1946
Secondo posto: 1935-1936, 1985-1986
Terzo posto: 1957-1958, 1968-1969
Vittoria play-off: 1997-1998
Terzo posto: 1974-1975, 1980-1981
Terzo posto: 2018-2019
Finalista: 1986-1987

Rivalità[modifica | modifica wikitesto]

La rivalità più sentita dai tifosi del Charlton è quella con i "vicini di casa" del Crystal Palace. Le due squadre disputano infatti il South London derby. Ulteriore rivalità è presente anche con l'altra compagine londinese del Millwall[7], come confermato da un sondaggio condotto fra i tifosi nel 2019[8].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ P. Felton, England 1936-37, su rsssf.com, 8 ottobre 2000. URL consultato il 24 aprile 2020.
  2. ^ (EN) HISTORY, su cafc.co.uk, 26 aprile 2017. URL consultato il 24 aprile 2020.
  3. ^ (EN) C. Hefferman, WHEN ALLAN SIMONSEN WENT TO CHARLTON, su thesefootballtimes.co, 27 febbraio 2015. URL consultato il 24 aprile 2020.
  4. ^ (EN) W. Magee, Remembering When Charlton Fans Took On The Labour Party and Won, su vice.com, 6 giugno 2017. URL consultato il 24 aprile 2020.
  5. ^ (EN) J. Law, Charlton Athletic 2 - 1 Sunderland, in BBC.com, 26 maggio 2019. URL consultato il 24 aprile 2020.
  6. ^ (EN) Bowyer and Jackson to lead Charlton forward as Robinson leaves by mutual consent, su cafc.co.uk, 22 marzo 2018. URL consultato il 24 aprile 2020.
  7. ^ (EN) J. Sanders, The one-sided south London derby that means more to Charlton but is dominated by Millwall, su football.london, 7 novembre 2019. URL consultato il 24 aprile 2020.
  8. ^ (EN) R. Swan, The top five rivals of English football's top 92 clubs revealed, su givemesport.com, 27 agosto 2019. URL consultato il 16 aprile 2020.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN137410808 · ISNI (EN0000 0004 0381 0666 · LCCN (ENn2004088826 · WorldCat Identities (ENlccn-n2004088826
Calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio